Principale / Concezione

Tachicardia fetale

Le donne incinte sono viste da ostetriche e ginecologi. Hanno una doppia responsabilità: monitorare lo stato della futura mamma e la salute del bambino. Man mano che si formano i suoi organi e sistemi, il bambino richiede sempre più attenzione. Ascoltare il battito del cuore di una piccola persona al posto della proiezione del suo cuore attraverso il muro dell'utero e lo stomaco di una donna incinta è una procedura obbligatoria su appuntamento dal medico.

Quando statisticamente contabilizzati, secondo la Classificazione Internazionale (ICD-10), tipi simili di tachiaritmie sono codificati I49 e appartengono al gruppo "Altre aritmie cardiache".

Perché si verifica la tachicardia??

Durante la gravidanza, una donna è estremamente vulnerabile in termini di impatto non solo sulla sua salute, ma anche sul feto. Qualsiasi fattore sfavorevole è importante. Le cause della tachicardia nel feto possono essere approssimativamente suddivise in quelle che dipendono dall'organismo materno e dai propri problemi..

L'effetto di una donna incinta sul feto:

  • superlavoro, stress nervoso, situazioni stressanti fanno battere più spesso il cuore della futura mamma, insieme ad esso, rafforza il suo lavoro e il cuore del feto;
  • composizione ormonale alterata nel sangue, aumento dei livelli di ormoni tiroidei;
  • il verificarsi di anemia associata a una carenza di vitamine o ferro negli alimenti;
  • la perdita di liquidi durante il vomito durante la tossicosi modifica la composizione elettrolitica del sangue;
  • prendendo medicine, caffè, tè forte;
  • il fumo contribuisce all'intossicazione da nicotina.

Inoltre, la futura mamma potrebbe avere malattie croniche latenti. Cominciano ad apparire durante la gravidanza. Le malattie che influenzano il ritmo del cuore includono:

  • patologia endocrina (diabete mellito, malattie della tiroide, ghiandola pituitaria);
  • malattie del sangue e degli organi ematopoietici (anemia, leucemia);
  • patologia cardiovascolare (miocardite, cardiopatia, ipertensione, difetti cardiaci);
  • reumatismi con danni al cuore e alle articolazioni;
  • attivazione di infezioni croniche (tubercolosi, epatite virale, brucellosi);
  • frequenti malattie infiammatorie dell'apparato respiratorio;
  • trauma con perdita di sangue.

Le cause direttamente embrionali sono:

  • anomalie cromosomiche;
  • infezione intrauterina;
  • anemia dell'embrione dovuta alla formazione impropria della placenta;
  • conflitto rhesus con sangue materno;
  • gravidanza multipla.

Diagnostica

Un metodo semplice per diagnosticare la tachicardia nella madre è uno studio del polso. Sull'ECG è possibile distinguere le forme di tachicardia (sinusale, parossistica, tachisistole atriale), determinare la presenza di extrasistoli e la loro localizzazione.

Per una donna, un lieve grado di tachicardia sopraventricolare (fino a 90-100 battiti al minuto) non è considerato una minaccia. In questo caso, i complessi dei ventricoli sull'ECG registrato non cambiano.

Il tipo ventricolare è pericoloso per qualsiasi persona con la sua capacità di entrare in fibrillazione. Pertanto, la comparsa sull'ECG di extrasistoli dai ventricoli destro o sinistro viene valutata come un avvertimento di una possibile interruzione del ritmo normale.

L'ecografia e l'ecografia Doppler vengono utilizzate per esaminare il feto. Queste tecniche non solo registrano il tipo di ritmo disturbato, ma consentono anche di identificare le cause precoci, come le malformazioni congenite.

Forme di tachiaritmie nel feto

La tachiaritmia nel feto deve essere differenziata in base alla forma.
Il flutter atriale viene registrato fino a 400 battiti al minuto, le contrazioni sono regolari, associate al blocco della conduzione atrioventricolare.

Le contrazioni irregolari con una frequenza inferiore (180-250 al minuto) possono essere una manifestazione di un'altra patologia cardiaca nel feto:

  • la tachicardia reciproca sopraventricolare è associata a extrasistoli dagli atri, è più spesso determinata in un periodo di 24-33 settimane, può entrare in un ritmo sinusale normale o essere accompagnata da blocco e bradicardia (questa opzione è più tipica per la presenza di focolai di infiammazione nella parete cardiaca);
  • tachicardia ectopica - l'eccitazione proviene dall'area sopra il nodo del seno (parete laterale degli atri, regione dell'orecchio), vengono registrate extrasistoli caotiche da diversi reparti, forse una combinazione con tachicardia ventricolare.

Sintomi clinici

La tachicardia è avvertita da una donna come un forte battito cardiaco (fino a 120 e oltre).

Quando gli impulsi arrivano dagli atri (focolai di eccitazione ectopica sono negli atri o nelle vene polmonari), la donna incinta avverte attacchi di nausea, vertigini.

  • dolore nella regione del cuore;
  • debolezza generale;
  • disturbi del sonno;
  • intorpidimento in diverse parti del corpo;
  • irritabilità aumentata.

Trattamento della tachicardia nella madre e nel feto

Quando viene rilevata una tachicardia persistente, si raccomanda a una donna incinta:

  • riconsiderare la propria routine (organizzare passeggiate, sedersi meno al computer e alla TV);
  • includere alimenti ricchi di potassio e magnesio (frutta, verdura, albicocche, albicocche secche, mele, fichi, pomodori, noci, cereali integrali, legumi, carote);
  • prendere una tisana lenitiva con menta e melissa.

Per alleviare un attacco di tachicardia da sola, una donna deve rilassarsi in posizione seduta o sdraiata e respirare profondamente.
La prescrizione di farmaci antiaritmici ha un effetto dannoso sul nascituro. Pertanto, vengono utilizzati solo in caso di minaccia per la vita della madre..

Il trattamento fetale di solito non richiede farmaci continui. La normalizzazione della dieta e del regime della madre ha un effetto calmante sul battito cardiaco del bambino.

Quando viene identificata una connessione con la formazione della valvola congenita o della patologia miocardica, vengono prescritti farmaci antiaritmici a seconda della forma specifica di tachicardia (Sotalol, Amiodarone, Flecainide). Se viene rilevata una patologia infiammatoria concomitante (miocardite), viene eseguito un ciclo di trattamento con ormoni steroidei per 7-10 giorni. La donna assume i farmaci per via orale o vengono iniettati per via endovenosa.

La corretta combinazione del regime e dei farmaci porta a un risultato positivo nel 90% dei casi e alla nascita di un bambino sano.
Nei casi persistenti di grave tachicardia fetale, viene utilizzata la somministrazione transplacentare di farmaci antiaritmici. Nel primo anno di vita, la frequenza cardiaca del bambino è normalizzata.

Misure di prevenzione

I medici promuovono una gravidanza programmata dopo aver controllato i genitori, trattando tutte le malattie croniche in essi contenute. Tale preparazione dà fiducia che la madre abbia abbastanza salute per trasportare e dare alla luce un bambino, viene delineato un piano di gestione individuale, tenendo conto dei dati preliminari.

Se la gravidanza non è prevista, la responsabilità per la salute del bambino ricade sui genitori. Una donna ha bisogno di sostegno, buona alimentazione e regime. Visite regolari dal tuo ostetrico-ginecologo con un esame sono necessarie per la diagnosi tempestiva delle anomalie.

Il trattamento ospedaliero delle aritmie materne e fetali secondo schemi selezionati in modo ottimale offre un'alta probabilità di prevenire l'ipossia degli organi e dei sistemi del bambino.

Il rispetto delle condizioni di lavoro e di riposo, l'assenza di stanchezza e intossicazione ci permettono di sperare in un buon corso di gravidanza e in una prole sana.

Disturbi del ritmo cardiaco (tachicardia) nel feto: rischi, diagnosi, trattamento

La tachicardia è intesa come varie patologie cardiache caratterizzate da un aumento della frequenza cardiaca. Condizioni simili possono verificarsi in rappresentanti di un'ampia varietà di gruppi di età. Ci sono frequenti casi di rilevamento di questa patologia nel feto di un bambino (per la prima volta un caso del genere è stato descritto negli anni '30 del secolo scorso). La normale frequenza cardiaca nell'embrione è di 160-180 battiti / minuto, la tachicardia nel feto viene diagnosticata con contrazioni miocardiche a un ritmo di 175-220 battiti / minuto. Indipendentemente dalla causa della malattia, rappresenta una seria minaccia per la salute / vita del feto.

Le cause della tachicardia embrionale

La classificazione della tachicardia è piuttosto ampia, la maggior parte dei tipi di malattia può essere registrata nel feto. Le ragioni della formazione della tachicardia fetale durante la gravidanza sono esterne, causate da patologie cardiache nella madre, e interne, associate ad anomalie del sistema cardiovascolare nel feto stesso.

Un aumento della frequenza cardiaca dell'embrione può svilupparsi nei seguenti casi:

  • quando la madre assume diversi farmaci durante la gravidanza;
  • con lo sviluppo dell'ipossia nel feto (carenza di ossigeno);
  • l'infezione con un'infezione intrauterina porta anche ad un aumento della frequenza cardiaca;
  • anomalie genetiche associate ad anomalie cromosomiche;
  • lo sviluppo dell'anemia;
  • malattie endocrine (di solito ipertiroidismo);
  • patologia dell'apparato respiratorio / cardiovascolare;
  • squilibrio idrico-elettrolitico dovuto a tossicosi prolungato nel tempo;
  • disturbi nutrizionali che portano a una carenza di vitamine e minerali.

Cercano di identificare le cause della tachicardia di natura genetica nelle prime fasi della gravidanza, poiché tali patologie non sono attualmente soggette a trattamento. È importante diagnosticare altre malattie sistemiche nel feto il prima possibile: anemia, ipossia, infezioni intrauterine. Il loro trattamento chirurgico eviterà molte complicazioni, comprese quelle cardiache.

La tachicardia embrionale sinusale può verificarsi in presenza dei seguenti fattori provocatori:

  • aumento prolungato del carico sul sistema cardiovascolare;
  • accelerazione dei processi metabolici intrauterini;
  • la presenza di anomalie congenite del sistema cardiovascolare.

È importante tenere conto del fatto che la tachicardia osservata nel feto nella tarda gravidanza (dopo la 36a - 38a settimana) è percepita come una variante della norma, poiché questo è il momento di intensificazione delle misure prenatali, spesso accompagnata da un aumento dello scambio di gas.

Classificazione delle tachiaritmie nel feto

Un aumento della frequenza cardiaca fetale fino a 180-250 battiti al minuto, secondo la classificazione esistente, è caratterizzato da due principali forme di patologia:

  1. La caratteristica principale della tachicardia reciproca è la formazione di contrazioni in eccesso, principalmente negli atri (forma sopraventricolare di tachicardia). Di solito una tale anomalia viene diagnosticata per un periodo di circa 30 settimane (intervallo di occorrenza - 24-33 settimane), la prognosi può essere positiva (diminuzione della frequenza cardiaca a valori normali) o negativa (diagnosi di blocco atrioventricolare).
  2. La tachicardia ectopica è caratterizzata dalla comparsa nell'utero del bambino di contrazioni non necessarie sopra il nodo del seno, accompagnate dall'aspetto disordinato di extrasistoli.

Diagnosi della tachicardia embrionale

Il motivo per eseguire misure diagnostiche volte a esaminare il sistema cardiovascolare del feto sono i reclami della madre, che possono spingere il medico nella giusta direzione.

Per chiarire la diagnosi, vengono effettuati i seguenti studi:

  • Ultrasuoni del cuore;
  • ecocardiografia;
  • Studio Doppler;
  • auscultazione;
  • cardiotocografia alla TC fetale.

Gli ultrasuoni possono rilevare molte anomalie miocardiche.

L'esame doppler è considerato il tipo più informativo di diagnosi dei disturbi del ritmo cardiaco stessi. Può essere utilizzato per valutare come gli atri si contraggono nell'embrione e anche per osservare il flusso sanguigno nel miocardio..

La cardiotocografia consente il monitoraggio delle contrazioni uterine e della frequenza cardiaca fetale dalla 30a settimana.

Cardiotocografia su TC fetale

L'ecocardiografia fetale è uno studio che viene prescritto solo se ci sono indicazioni appropriate e consente di studiare la struttura del cuore di un nascituro insieme allo stato dei grandi vasi.

L'auscultazione è un metodo per studiare il lavoro del cuore, che consiste nell'ascoltare il lavoro di questo organo con l'aiuto di uno stetoscopio ostetrico. La tachicardia nel feto viene rilevata a partire dalla 18a - 20a settimana - è in questo momento che i ritmi cardiaci possono già essere ascoltati in modo così semplice.

Sintomi di aritmia nell'embrione

Il cuore dell'embrione inizia a contrarsi da solo nella terza settimana di gravidanza, ed è possibile esaminarne il lavoro utilizzando gli ultrasuoni solo 6 settimane dopo il concepimento.

La tachicardia in un feto a 12 settimane viene diagnosticata quando la frequenza cardiaca supera i 175 battiti al minuto. A partire dalla settimana 12, e quasi prima del parto, la normale frequenza di contrazione miocardica è di 140-160 battiti al minuto, i valori che superano significativamente questo indicatore sono considerati un'anomalia (per la tachicardia - 200 battiti al minuto).

La tachicardia fetale nella tarda gravidanza è un fenomeno abbastanza comune associato ad un aumento del numero di fattori che destabilizzano il cuore della madre (che interessano indirettamente il miocardio fetale). Il battito cardiaco accelerato nella madre (ritmo superiore a 120 battiti al minuto) è il sintomo principale dello sviluppo della tachicardia embrionale. Questa condizione può anche indicare che il feto ha iniziato a sviluppare ipossia..

La sintomatologia della patologia dipende anche dal tipo di tachicardia:

  1. La forma ectopica atriale è caratterizzata dalla presenza di focolai per la formazione di impulsi aggiuntivi sulle pareti dell'atrio (meno spesso nelle vene polmonari). Il sintomo caratterizzante di questa forma di tachicardia è la nausea di una donna incinta, nonché varie manifestazioni di disturbi cardiovascolari. Se tali attacchi sono regolari e durano a lungo, una donna che trasporta un bambino dovrebbe ridurre al minimo qualsiasi attività fisica, escludere lo stress nervoso e consultare un medico.
  2. La tachicardia sinusale è considerata un sintomo clinico che indica la possibile presenza di problemi cardiaci nel feto. Questa sintomatologia richiede un attento monitoraggio, altrimenti le possibilità di sviluppare un difetto cardiaco sono notevolmente aumentate..
  3. Il flutter atriale si manifesta solitamente con un aumento della frequenza cardiaca fetale fino a 400 o più battiti al minuto e può indicare la presenza di blocco AV (in presenza di attacchi regolari ea lungo termine).
  4. La causa della forma reciproca sopraventricolare di tachicardia è solitamente l'extrasistole atriale embrionale. Questa condizione ritorna alla normalità nel tempo o si sviluppa in un ritmo sinusale. Molto spesso, la tachicardia reciproca viene diagnosticata a 24-36 settimane di gestazione.

I segni comuni che indicano la presenza di tachicardia possono essere dolore toracico in una donna incinta, intorpidimento delle estremità, presenza di ansia, debolezza generale e affaticamento.

Trattamento della tachicardia nel feto e nella madre

Se la madre ha un episodio irregolare di palpitazioni cardiache, è possibile che tali condizioni non richiedano farmaci. In ogni caso, sono necessarie ulteriori ricerche per aiutare a determinare se questi casi sono semplicemente una deviazione dalla norma o indicano lo sviluppo di tachicardia e altre anomalie nello sviluppo del sistema cardiovascolare fetale.

È auspicabile che ogni donna incinta abbia nel suo arsenale un monitor Doppler domestico che le consenta di misurare da sola la frequenza cardiaca. Si consiglia di ripetere questa procedura almeno due volte al giorno..

Se gli attacchi di aumento della frequenza cardiaca sono regolari, si consiglia di adottare le seguenti misure per alleviare tali condizioni:

  • escludere l'ipodynamia (seduta prolungata al computer / TV), camminare di più all'aria aperta;
  • adattare la propria dieta (includere nel menu cibi contenenti "vitamine per il cuore" - magnesio e potassio - si tratta di frutta secca, verdura fresca / frutta, fagioli, contorni di cereali integrali);
  • includere una tisana con effetto calmante nel menu (melissa, menta hanno questo effetto).

Se è iniziato un attacco di tachicardia, dovresti assumere una posizione sdraiata / seduta e cercare di rilassarti, astenendoti dai problemi quotidiani, il che è facilitato dagli esercizi di respirazione. È importante consultare un medico in modo tempestivo quando una donna incinta inizia a preoccuparsi di un battito cardiaco accelerato..

Se gli attacchi di aumento della frequenza cardiaca assumono carattere regolare, il trattamento della tachicardia viene effettuato in ambito ospedaliero, altrimenti il ​​trattamento farmacologico (se indicato) viene effettuato su base ambulatoriale.

I farmaci antiaritmici non sono raccomandati fino alla 32a settimana di gravidanza (a meno che la madre o il feto non siano a rischio), poiché molti di questi farmaci possono fare più male che bene al cuore fetale.

A partire dalla 36a settimana, la terapia farmacologica diventa il metodo principale per il trattamento della tachicardia, poiché si ritiene che nelle ultime fasi della gravidanza, il rapporto tra rischio e salute fetale e danni causati dai farmaci cambi bruscamente verso il primo fattore.

La scelta di un regime di trattamento specifico dipende dai risultati dei test diagnostici:

  • il regime di trattamento per la tachicardia gastrica polimorfa prevede l'assunzione di preparati di magnesio in combinazione con "Propranolol" e "Lidocaine";
  • con una frequenza cardiaca superiore a 220 battiti al minuto, vengono prescritti "Amiodarone" o "Sotalolo" - farmaci antiaritmici che possono fermare un attacco di tachicardia;
  • se vi è il sospetto di miocardite intrauterina, viene prescritto "Desametasone", che viene assunto per 1 - 2 settimane.

La nomina di beta-bloccanti (un rimedio standard per la malattia coronarica) in caso di tachicardia nel feto è considerata inefficace, poiché il principale ingrediente attivo dei farmaci in questo gruppo non è in grado di attraversare la barriera placentare.

Importante: l'automedicazione per la tachicardia è severamente vietata, poiché un sovradosaggio di farmaci antiaritmici può provocare la morte del feto.

Prognosi della tachicardia fetale

Con la diagnosi tempestiva della patologia associata alle anomalie del ritmo cardiaco, è possibile sbarazzarsi della tachicardia in nove casi su dieci, che è considerato un buon indicatore.

La prognosi relativa ai risultati del trattamento della tachicardia embrionale nel feto dipende da una combinazione di fattori: la forma della patologia, il momento in cui si manifesta (diagnosi), le caratteristiche del corpo del feto e, ovviamente, la madre.

La tachicardia embrionale sinusale nella maggior parte dei casi si normalizza durante il primo anno di vita di un bambino.

In presenza di indicazioni di trattamento farmacologico delle tachiaritmie fetali, i farmaci antiaritmici vengono somministrati con il metodo transplacentare. La terapia del corso in un ospedale è accompagnata da un monitoraggio costante della concentrazione di farmaci nel cordone ombelicale.

Esistono farmaci a maggior rischio, che, se il dosaggio non è corretto, possono portare all'arresto cardiaco dell'embrione, pertanto la prognosi dipende dai farmaci utilizzati, dalla stretta aderenza al dosaggio e dalla frequenza della loro assunzione.

Prevenzione della tachicardia embrionale

È necessario iniziare a prendersi cura della salute del nascituro nella fase di pianificazione del concepimento. Per fare ciò, la futura mamma deve rinunciare a tutte le cattive abitudini e condurre un esame preventivo per identificare patologie croniche del corpo.

La specificità della gravidanza sta nel fatto che durante questo periodo, la futura mamma può sviluppare malattie che prima non le davano fastidio (poiché procedevano in forma lieve o asintomatica). Tali malattie includono la tachicardia..

L'assunzione di farmaci anti-ansia a base di erbe durante la gravidanza può ridurre al minimo le palpitazioni cardiache. È di grande importanza proteggere la futura mamma da qualsiasi conflitto, stress, tensione nervosa e fisica. Anche l'organizzazione della dieta corretta è importante:

  • il consumo di cibi dolci e grassi dovrebbe essere limitato: l'aumento di peso in eccesso può avere un effetto negativo sul lavoro del sistema cardiovascolare;
  • latticini a basso contenuto di grassi, frutta fresca e verdura dovrebbero costituire la base del menu giornaliero di una donna incinta;
  • caffè, bevande alcoliche durante il periodo di gestazione - fattori negativi che influenzeranno la salute del feto.

L'assunzione di complessi vitaminici e microelementi è una misura obbligatoria per prevenire il verificarsi di molte complicazioni durante la gravidanza, quando la futura mamma ha bisogno di prendersi cura sia della sua salute che delle condizioni del bambino che sta trasportando. Ma l'autoassunzione di vitamine è inaccettabile: la quantità e la composizione di minerali e vitamine sono determinate dal medico. In assenza di controindicazioni, si consiglia un'attività fisica moderata (esercizio leggero, procedure idriche in piscina).

Cause di un battito cardiaco accelerato nel feto

La tachicardia fetale può portare a gravi interruzioni nello sviluppo dell'embrione. Il numero di contrazioni cardiache in questo caso sale a duecento o più battiti. Si osserva una deviazione se la futura mamma si espone a uno stress emotivo eccessivo o se si sono verificati gravi disturbi ormonali nel corpo. Una donna dovrebbe monitorare la sua salute e, alla minima deviazione, informarne il medico.

  1. Classificazione
  2. Perché si sviluppa la patologia
  3. I principali sintomi del problema
  4. Metodi diagnostici applicati
  5. Come viene effettuato il trattamento
  6. Possibili conseguenze
  7. Come evitare il problema

Classificazione

La tachicardia nel feto durante la gravidanza è di diversi tipi. Esistono molte forme, ma tra queste sono state individuate le principali, in cui il cuore batte più spesso di duecento volte al minuto. La patologia può essere:

  1. Tipo sopraventricolare reciproco. In questo caso, lo sviluppo di contrazioni non necessarie si verifica negli atri. Tale diagnosi può essere fatta alla trentesima settimana di gravidanza e talvolta viene considerata come un normale battito cardiaco..
  2. Ectopico. Lo sviluppo dell'eccitazione è osservato sul nodo del seno. La formazione di extrasistoli avviene in un ordine caotico in diverse parti del cuore.
  3. Il flutter atriale è considerato una specie separata. In questo stato, la frequenza cardiaca aumenta fino a quattrocento battiti. Il flutter è caratterizzato da contrazioni regolari e si verifica in connessione con un blocco della conduzione del nodo atrioventricolare.

Perché si sviluppa la patologia

Di solito, un aumento del battito cardiaco nel feto si verifica a causa di:

  1. Assunzione di alcuni farmaci.
  2. Infezione dell'embrione con infezione.
  3. Insufficiente apporto di ossigeno al feto.
  4. Aumento della produzione di ormoni.
  5. Patologie del sistema cardiovascolare e respiratorio.
  6. Squilibrio elettrolitico nel corpo con grave tossicosi.
  7. Assunzione insufficiente di vitamine e minerali nel corpo del bambino.

Lo sviluppo della tachicardia durante la gestazione si verifica a causa di:

  1. Aumento dello stress sul muscolo cardiaco a causa di un flusso sanguigno insufficiente all'embrione.
  2. Processi patologici nel sistema cardiovascolare e spremitura dell'organo.
  3. Miglioramento del metabolismo e rapido sviluppo fetale.

I medici dicono che una lieve tachicardia nelle donne in gravidanza è normale. Le convulsioni si sviluppano improvvisamente e durano poco.

Una donna dovrebbe essere in uno stato calmo e non preoccuparsi per l'alta attività del cuore, poiché è associata alla necessità di fornire sangue non solo alla donna, ma anche al feto.

Il cuore si contrae anche più velocemente a causa dell'aumento dello scambio di gas nel bambino. Pertanto, la maggior parte delle donne in gravidanza soffre di disturbi del ritmo..

I principali sintomi del problema

La tachicardia fetale durante la gravidanza si manifesta come un aumento del ritmo in una donna. In questo caso, il cuore batte a una frequenza di oltre 120 battiti al minuto: questo accade alla madre. Per quanto riguarda il feto, la sua frequenza cardiaca raggiunge i 200 battiti.

La tachicardia può indicare che il bambino soffre di ipossia. Nelle fasi iniziali, il problema si manifesta con tachicardia ectopica. Lo sviluppo di focolai patologici è osservato negli atri o nelle vene polmonari.

Questo di solito è accompagnato da nausea grave e disfunzione cardiaca. Il problema può essere manifestato da attacchi prolungati che si verificano regolarmente.

Pertanto, si consiglia alle future mamme di evitare lo stress e di monitorare la moderazione dell'attività fisica. Se improvvisamente senti un forte battito cardiaco, devi visitare un medico.

Lo sviluppo della tachicardia sinusale è considerato una patologia separata, che indica anomalie nel lavoro del cuore. Se non presti attenzione a questo problema, può causare un difetto congenito..

Un aumento della frequenza cardiaca fetale a volte si manifesta con dolore toracico e ansia nella donna, nonché intorpidimento in alcune aree del corpo.

A volte una donna incinta nota una debolezza generale e una perdita di forza.

Metodi diagnostici applicati

Se ci sono segni di aumento della frequenza cardiaca nel feto, vengono prescritte una serie di attività di ricerca, tra cui:

  1. Ecocardiografia dell'embrione. Con il suo aiuto, vengono rilevate anomalie nello sviluppo del feto..
  2. Esame radiografico.
  3. Ecografia Doppler. Questa procedura è considerata il metodo più informativo per rilevare tali anomalie nel feto. Durante l'esame vengono valutati la contrattilità dei ventricoli e degli atri e il movimento del sangue nel cuore.

Per determinare il tipo di tachicardia, viene eseguita la diagnosi differenziale.

Come viene effettuato il trattamento

Come eliminare la malattia viene deciso in base alle caratteristiche individuali del corpo della donna e del bambino, alla forma e alla gravità della tachicardia. Di solito, la condizione tornerà alla normalità da sola. Il medico monitora il feto e la futura mamma misurando regolarmente la frequenza cardiaca utilizzando un monitor Doppler. Devi controllare il tuo polso almeno due volte al giorno..

In presenza di complicazioni sotto forma di disfunzione valvolare o miocardica, una donna dovrebbe usare farmaci per stabilizzare la frequenza cardiaca del bambino. Il medico dovrebbe selezionare il rimedio, poiché i farmaci antiaritmici sono piuttosto pericolosi.

Se usati in modo improprio, stressano il cuore e possono portare alla morte del feto..

A seconda del tipo di condizione patologica, vengono utilizzate le seguenti opzioni terapeutiche:

  1. Per curare la tachicardia polimorfica, vengono prescritti lidocaina, preparati di magnesio, propranololo. Vengono iniettati in vena o assunti per via orale.
  2. Se c'è una tachicardia ventricolare con un intervallo QT prolungato, la donna incinta viene ricoverata in ospedale. Il trattamento deve essere eseguito con estrema cautela, poiché alcuni farmaci allungano l'intervallo e aggravano il decorso dell'aritmia.
  3. Se il cuore batte a una frequenza di oltre duecento battiti, la condizione viene stabilizzata con Sotalol o Amiodarone. A volte viene utilizzata la flecainide. Ma questo farmaco in caso di disfunzione dei ventricoli può provocare arresto cardiaco e morte dell'embrione.
  4. Se ci sono segni di miocardite, a una donna viene prescritto un ciclo di desametasone della durata di una o due settimane.

Buoni risultati possono essere ottenuti con l'aiuto del trattamento farmacologico nella formazione di un fuoco ectopico sopra i ventricoli. Uno schema redatto correttamente nella maggior parte dei casi garantisce il recupero completo..

I beta-bloccanti sono anche usati per normalizzare il battito cardiaco. Ma la loro efficacia nel trattamento dell'embrione è bassa, poiché i componenti attivi difficilmente superano la barriera placentare.

La tachicardia del feto nelle fasi successive si verifica abbastanza spesso, il che è associato ad un aumento delle sue dimensioni e ad un aumento del carico sul corpo.

Gli attacchi possono disturbare qualsiasi donna durante la gravidanza. Pertanto, è necessario sapere come affrontare la patologia..

I metodi principali sono selezionati dal medico, ma alcune regole aiutano ad alleviare lo stato di salute:

  1. Se è iniziato un attacco, devi sederti o assumere una posizione orizzontale. Allo stesso tempo, il carico sul cuore diminuirà e inizierà a contrarsi più lentamente..
  2. Aiuta a stabilizzare l'inalazione profonda e l'espirazione lenta. Questi passaggi devono essere ripetuti più volte. Gli esercizi di respirazione alleviano bene un attacco.
  3. Evita lo stress emotivo e le preoccupazioni. Con attacchi prolungati della malattia, è necessario fare un cardiogramma.

Possibili conseguenze

Quali saranno le complicazioni del problema dipenderanno da molti fattori, tra cui la forma della tachicardia, la durata della gravidanza, la natura del processo di sviluppo dell'embrione, le caratteristiche individuali del feto e della madre.

Di solito l'esito della malattia è positivo. Se un bambino ha la tachicardia sinusale, il ritmo ritorna normale durante il primo anno dopo la nascita.

Se è necessario un trattamento, la somministrazione transplacentare di farmaci antiaritmici correggerà il disturbo.

La prognosi per la tachicardia è favorevole se il trattamento viene iniziato in tempo e l'uso di farmaci viene attentamente monitorato.

Come evitare il problema

La prevenzione della tachicardia dovrebbe essere iniziata anche durante la pianificazione della gravidanza. Molto prima del concepimento, non puoi bere alcolici, fumare, devi essere esaminato e sbarazzarti di tutte le malattie se possibile.

In modo che il problema non si disturbi durante la gravidanza, a una donna vengono prescritti sedativi a base di piante medicinali. Aiutano a normalizzare la frequenza cardiaca. La futura mamma dovrebbe evitare lo stress, camminare regolarmente e fare ginnastica.

È importante aderire ai principi di una buona alimentazione per sopportare e dare alla luce un bambino sano. Per evitare che il battito cardiaco aumenti, devi:

  1. Rinuncia a cibi dolci e grassi. Il mancato rispetto della dieta minaccia un rapido aumento di peso e un aumento dello stress sul cuore.
  2. Mangia abbastanza frutta, verdura e verdure ogni giorno. Prodotti lattiero-caseari sani con una bassa percentuale di grassi.
  3. Escludere caffeina, nicotina, alcol dalla dieta. Queste sostanze possono influire negativamente sulla gravidanza e causare anomalie dello sviluppo o addirittura la morte del feto..
  4. Garantire un adeguato apporto di vitamine e minerali. Durante la gravidanza, il corpo ha bisogno di più nutrizione, quindi è possibile prescrivere complessi multivitaminici.
  5. Se non ci sono controindicazioni, è consentita un'attività fisica leggera sotto forma di visite in piscina, passeggiate.

Portare in grembo un bambino è un periodo cruciale. Una donna deve seguire tutte le prescrizioni del medico in modo che il bambino sia formato in sicurezza e nasca senza complicazioni..

Battito cardiaco fetale. Norma, patologia, controllo

Il battito cardiaco fetale è come i segnali provenienti dal suo spazio personale: l'unico mezzo di comunicazione con cui i medici erano soliti giudicare le condizioni del bambino, il suo sviluppo, il benessere e il benessere. I moderni metodi diagnostici consentono di esaminare un nascituro su e giù e anche, se necessario, di operare un bambino senza interrompere la gravidanza. Ma la frequenza cardiaca del bambino è ancora l'indicatore più importante per gli ostetrici..

Quali sono gli indicatori del battito cardiaco fetale: la norma e cosa può indicare patologia?

Dispositivo per il cuore del bambino

Il cuore è uno dei primi organi che inizia a formarsi in un bambino. Ciò accade quasi immediatamente dopo il concepimento, già a 2-3 settimane di gravidanza. Non tutte le future mamme in questo momento immaginano che una nuova vita sia già sorta dentro e il cuore del bambino, che in questo momento sembra un semplice tubo cavo, si sta già preparando a fare i primi colpi.

Entro la quarta settimana di gravidanza, il tubo cardiaco inizia a piegarsi, nella quinta settimana appare il primo setto e allo stesso tempo le prime contrazioni. Più lontano, più il cuore del bambino diventa simile al cuore di un adulto: alla sesta settimana, il setto interventricolare inizia a crescere, seguito dal setto interatriale. Entro l'ottava settimana di gravidanza, il cuore fetale assume un aspetto quasi adulto. Quasi - perché il bambino non respira, il sangue saturo di ossigeno non gli arriva dai polmoni, ma dalla madre.

"Fino al momento della nascita, la circolazione sanguigna del bambino non è divisa in due cerchi: uno piccolo che passa attraverso i polmoni e uno grande che nutre il resto degli organi e dei tessuti.

Tutti gli atri ei ventricoli agiscono come un unico organo cavo e il sangue dall'atrio nell'atrio scorre attraverso la finestra ovale aperta, un'apertura speciale nel setto atriale, che si chiude immediatamente dopo la nascita quando il bambino fa il primo respiro spontaneo.

Frequenza cardiaca fetale nelle diverse fasi della gravidanza

Sebbene l'afflusso di sangue del bambino dipenda interamente dalla madre, il sangue che scorre dalla placenta attraverso il corpo "accelera" il suo cuore. Pertanto, la frequenza cardiaca del feto è diversa da quella di mia madre, "due cuori battono all'unisono" è una metafora poetica, niente di più.

Man mano che il feto cresce, la sua frequenza cardiaca si sente sempre più chiaramente - a partire dalla sesta settimana può essere registrata su un ecografo, e dalla 20a settimana il medico lo sente letteralmente - per questo è sufficiente attaccare uno stetoscopio, e più spesso - uno speciale tubo uditivo alla pancia della futura mamma.

"Questa procedura (" ascolto "del paziente da parte del medico) è chiamata auscultazione ed è uno dei metodi diagnostici più antichi..

A partire dal terzo trimestre, se il medico è preoccupato per le condizioni del feto, il battito cardiaco del bambino può essere monitorato mediante cardiotocografia, CTG. È questo metodo che viene utilizzato per monitorare le condizioni del bambino durante le contrazioni prenatali, quindi possiamo tranquillamente affermare che la maggior parte delle madri ha familiarità con questi tre metodi di misurazione del battito cardiaco del bambino: ecografia, auscultazione, CTG.

Cosa misurano i medici? Prima di tutto, la frequenza cardiaca del bambino. È molto più alto di quello della madre e dipende dall'età gestazionale..

Età gestazionale

Frequenza cardiaca fetale

110-130 battiti al minuto

170-190 battiti al minuto

140-170 battiti al minuto

13 settimane e fino alla consegna

Da 130 a 160 battiti al minuto

Molte madri sono preoccupate quando scoprono che il battito cardiaco del loro bambino è fuori range. Ma in un feto, come in un adulto, il battito cardiaco dipende da molti fattori: se è attivo oa riposo, quali farmaci sta assumendo sua madre, se è calma o agitata, e infine, con quale metodo viene calcolato il polso, dove si trova la placenta (sulla parete anteriore dell'utero " protegge "il bambino dal dottore).

“L'ostetrica determina non solo la frequenza cardiaca, ma (cosa molto importante) il suo ritmo e la sua monotonia, la frequenza cardiaca aumenta o diventa improvvisamente meno frequente. Pertanto, non preoccuparti se vedi una figura nella cartella clinica che va oltre la norma: se questo non ha infastidito il medico, allora non dovrebbe disturbare neanche te..

Disturbo della frequenza cardiaca del bambino

Qual è considerata una patologia del battito cardiaco? Prima di tutto - gravi deviazioni dalla norma, ad esempio, una forte diminuzione della frequenza cardiaca - inferiore a 100 (soprattutto 80) battiti al minuto.

Bradicardia fetale

Una diminuzione del polso del bambino può essere causata da una serie di motivi, dalla rarissima bradicardia ereditaria, quando una bassa frequenza cardiaca è una variante della norma per tutta la vita, all'entanglement del cordone, oligoidramnios o polidramnios. Ecco un elenco generale:

  • stile di vita improprio: fumo, consumo di alcol, carenza di vitamine, mancanza di passeggiate all'aria aperta, stile di vita sedentario;
  • malattie croniche del cuore e dei polmoni della madre;
  • anemia, comprese quelle che sono comparse per la prima volta durante la gravidanza;
  • malattie infettive;
  • prendendo alcuni farmaci;
  • fatica;
  • conflitto rhesus;
  • disidratazione dovuta a tossicosi prolungata;
  • gravidanza multipla.
  • distacco prematuro della placenta;
  • impigliamento con il cordone ombelicale;
  • basso e polidramnios.

Di solito, la bradicardia, fornita da un polso ritmico e non monotono, non minaccia la vita del bambino e può essere corretta con i farmaci.

Tachicardia fetale

Si dice che la tachicardia fetale sia quando la frequenza cardiaca fetale è stabile nell'intervallo di 170-200 battiti al minuto. Stranamente, le ragioni del suo verificarsi sono per la maggior parte le stesse della bradicardia, è solo che il corpo del bambino sta cercando di far fronte all'emergenza in un modo diverso. Tra i motivi:

  • anemia;
  • disidratazione dovuta a tossicosi prolungata;
  • prendendo alcuni farmaci;
  • avitaminosi;
  • malattie vascolari e cardiache della madre;
  • malattie endocrine;
  • infezione intrauterina;
  • la perdita di sangue della madre.

La tachicardia, come la bradicardia, non rappresenta una minaccia immediata per la vita del feto: molti bambini continuano a svilupparsi normalmente durante una tale gravidanza. Tuttavia, in questa situazione, è importante l'attenzione del medico, che noterà il deterioramento della situazione nel tempo e lo correggerà, oppure offrirà alla madre un parto anticipato.

Battito cardiaco monotono

Un altro segnale diagnostico allarmante che spesso è una spiacevole sorpresa per molte madri. Il fatto è che il polso del bambino è incoerente - quindi si è mosso e il battito cardiaco è diventato più frequente, si è calmato - ha rallentato di nuovo. Se il battito cardiaco viene misurato utilizzando dispositivi CTG, il record apparirà come una serie di "colline" e "pozzi" o un insieme casuale di numeri - 140, 145, 155, 139...

I numeri di solito non cambiano quando il bambino dorme profondamente - dopotutto, i bambini nel grembo materno dormono, come tutte le persone. Di solito il dottore cerca di "svegliare" il bambino - suggerisce alla madre di cambiare postura, camminare, a volte cerca anche di solleticare la sua pancia...

"Se, più e più volte, non è possibile svegliare il bambino, si presume una grave ipossia: fame di ossigeno del bambino.

Di solito questo è un motivo serio per la nomina di un esame aggiuntivo - ecografia con Doppler, può essere prescritto già a partire dalla 20a settimana.

Patologia congenita del cuore del bambino

Separatamente, vale la pena soffermarsi su un punto così importante come le patologie cardiache congenite in un bambino. Il medico può sospettarli se il disturbo del ritmo cardiaco di un bambino è accompagnato da ritardi nello sviluppo. In questo caso, alla futura mamma viene offerto di fare l'ecocardiografia, o ecografia del cuore, solo per esaminare in questo caso il cuore del bambino, non quello della madre. Di solito questo studio viene eseguito a 18-28 settimane di gravidanza, in seguito potrebbe essere inefficace a causa di una diminuzione della quantità di liquido amniotico. Echo-KG viene offerto anche alle donne del "gruppo a rischio" - quelle future mamme che, per vari motivi, hanno una maggiore probabilità di sviluppare malattie cardiache nel feto. Esso:

  • donne incinte oltre i 40 anni;
  • donne in gravidanza con diabete mellito;
  • ha avuto gravi malattie infettive durante la gravidanza;
  • donne in gravidanza con difetti cardiaci congeniti;
  • donne in gravidanza che hanno già avuto figli con difetti cardiaci congeniti;
  • se si sospettava un difetto cardiaco durante un'ecografia del feto;
  • identificato altri difetti congeniti o malattie genetiche, solitamente associati a difetti cardiaci.

È importante identificare tempestivamente possibili patologie, poiché questo aiuterà a scegliere il metodo di consegna appropriato, oltre a fornire al bambino un'assistenza specializzata subito dopo la sua nascita, senza sprecare minuti preziosi.

In ogni caso, ti consigliamo di non trascurare la supervisione medica durante la gravidanza. A volte le patologie dello sviluppo fetale possono essere completamente invisibili per la futura mamma: le sembra che tutto sia in ordine, si sente benissimo e il bambino in questo momento soffre di carenza di ossigeno. Il monitoraggio del battito cardiaco del bambino ti consentirà di diagnosticare i problemi che sono sorti in modo tempestivo e correggerli con il minimo danno per il bambino.

Tachicardia fetale durante la gravidanza

Articoli di esperti medici

La tachicardia fetale durante la gravidanza è una condizione patologica pericolosa sia per la donna che per il feto. Considera le cause, i sintomi, i metodi di trattamento e la prognosi di questa condizione patologica.

La tachicardia è un ritmo cardiaco anormale caratterizzato da un battito cardiaco anormale. Questa condizione si verifica in persone di età diverse e in alcuni casi anche nel feto nell'utero. Questa patologia è caratterizzata da una contrazione del cuore dell'embrione nell'intervallo di 170-220 battiti al minuto. La malattia può manifestarsi a causa di un aumento del carico sul sistema nervoso della donna, a causa della compressione degli organi causata dallo sviluppo dell'embrione, oa causa di cambiamenti nei livelli ormonali.

Ecco perché durante la gravidanza è molto importante monitorare gli indicatori del ritmo sinusale del cuore. Se a riposo c'è un aumento del battito cardiaco, questo indica un disturbo della sezione del seno, che forma impulsi conduttivi. La donna incinta avverte un battito cardiaco accelerato, ma la temperatura corporea rimane nel range normale. La tachicardia nel feto durante la gravidanza può essere sia sinusale che causata da varie tachiaritmie.

Codice ICD-10

Cause di tachicardia nel feto durante la gravidanza

Le ragioni dipendono da stimoli e patologie sia esterne che interne, si consideri le principali:

  • Assunzione di determinati farmaci.
  • Infezione intrauterina nell'embrione.
  • Ipossia intrauterina.
  • Anemia fetale.
  • Anomalie cromosomiche (sindrome di Patau, trisomia 13).
  • Ipertiroidismo e altri disturbi endocrini.
  • Malattie del sistema cardiovascolare.
  • Patologia respiratoria.
  • Violazioni dell'equilibrio idrico ed elettrolitico dovute a tossicosi.
  • Nutrizione squilibrata di una donna incinta, mancanza di vitamine e sostanze nutritive.

La tachicardia fetale può essere causata da perdita di sangue materno o farmaci. Le ragioni che riguardano direttamente l'embrione che si sviluppa nell'utero includono:

  • Infezione intrauterina o ipossia.
  • Anemia.
  • Anomalie cromosomiche.

Le principali cause di tachicardia sinusale nel feto durante la gravidanza:

  • Aumento dello stress sul cuore a causa della fornitura di flusso sanguigno all'embrione.
  • Patologia del sistema cardiovascolare e compressione cardiaca.
  • Metabolismo e sviluppo fetale migliorati.

Secondo l'opinione medica, una lieve tachiaritmia sopraventricolare durante la gravidanza è normale. Le palpitazioni cardiache possono verificarsi inaspettatamente e anche scomparire improvvisamente. Il compito della donna è mantenere la calma e non preoccuparsi della maggiore attività del sistema cardiovascolare. Non dimenticare che il cuore di una donna lavora per due, quindi la frequenza cardiaca è più intensa. Una grave tachicardia sinusale si osserva nell'ultimo trimestre di gravidanza, quando l'embrione è praticamente formato. Il battito cardiaco accelerato è dovuto all'intenso scambio di gas del bambino.

Per diagnosticare la tachiaritmia fetale, è necessario condurre l'ecocardiografia, l'ecografia e l'esame radiografico. In genere, la frequenza cardiaca del bambino torna alla normalità nel primo anno di vita. Se le palpitazioni cardiache persistono, al bambino viene somministrata la somministrazione transplacentare di farmaci antiaritmici.

Segni di tachicardia nel feto durante la gravidanza

I segni di questa patologia sembrano un aumento della frequenza cardiaca in una donna. Un aumento della frequenza cardiaca significa un ritmo di oltre 120 battiti al minuto in una donna, in un embrione, la frequenza cardiaca raggiunge 170-220 battiti. La tachiaritmia può indicare le fasi iniziali dell'ipossia, cioè la mancanza di ossigeno nel corpo.

  • Una delle forme primarie è la tachicardia ectopica atriale. Fuochi patologici compaiono nell'atrio o nelle vene polmonari. Di regola, il sintomo principale sono gli attacchi di nausea e disturbi cardiovascolari..
  • La patologia può essere accompagnata da attacchi prolungati e avere un carattere regolare. Pertanto, il compito della donna incinta è ridurre al minimo l'attività fisica e lo stress. Rilassati al primo segno, ma cerca comunque assistenza medica..
  • La tachicardia sinusale nel feto durante la gravidanza è considerata una patologia separata. Cioè, un sintomo clinico che indica un problema nel corpo, principalmente il cuore. Ignorare un aumento della frequenza cardiaca può causare difetti cardiaci in un bambino.

In caso di patologia causata da disturbi nel lavoro del cuore, alla donna incinta vengono prescritti sedativi e agenti per saturare il corpo con ioni catalitici di fosforo, potassio o calcio. Se non adeguatamente trattata, la malattia può portare ad ansia, disturbi del sonno e un indebolimento delle difese del sistema immunitario e dell'organismo. Un altro dei segni della tachicardia durante la gravidanza è l'intorpidimento in diverse parti del corpo della donna, i dolori al petto e l'ansia. In alcuni casi, anche un forte calo della forza e una debolezza generale sono un sintomo di tachiaritmia..

Diagnosi di tachicardia nel feto durante la gravidanza

La diagnosi di tachicardia nel feto durante la gravidanza viene eseguita se ci sono segni della malattia. Per rilevare i disturbi del ritmo cardiaco in un bambino, vengono utilizzati l'esame ecografico, l'ecocardiografia dell'embrione e la diagnosi radiografica. L'ecografia è necessaria per identificare i difetti e le complicazioni nello sviluppo del feto, ad esempio l'idropisia.

Per rilevare la tachicardia, i medici eseguono uno studio Doppler, poiché questo è il metodo migliore per analizzare lo stato dell'embrione. Lo studio consente di valutare la contrazione degli atri e dei ventricoli e di identificare il movimento del sangue nel cuore. La diagnosi differenziale è obbligatoria, che si basa su diversi tipi di tachiaritmie che si verificano nel feto..

  • Flutter atriale

Con questa forma di patologia, si verificano circa 400 battiti al minuto. Questo battito cardiaco è regolare ed è associato al blocco atrioventricolare. In altri tipi di malattia, il ritmo atriale dell'embrione è irregolare e la frequenza cardiaca può variare da 180 a 250 battiti al minuto.

  • Tachicardia reciproca sopraventricolare

Si verifica a causa di extrasistole atriale nel feto. Molto spesso, questa condizione viene diagnosticata a 24-33 settimane di gravidanza. Se la tachicardia reciproca sopraventricolare non va al ritmo sinusale, la frequenza cardiaca fetale ritorna normale. Se questa forma procede contemporaneamente alla bradicardia, l'embrione ha una sindrome del QT lungo e, in alcuni casi, si trovano focolai infiammatori.

  • Tachicardia ectopica

Si forma in diverse parti degli atri, più spesso appare nella parete laterale dell'atrio, a destra o nel suo orecchio. La patologia è accompagnata da un focus dell'attività della tachicardia trigger, che si trova all'esterno del nodo. Il nodo atrioventricolare è passivo. Una condizione simile si verifica con tachiaritmie caotiche atriali o tachicardia ventricolare.

Chi contattare?

Trattamento della tachicardia nel feto durante la gravidanza

Il trattamento della tachicardia in un feto durante la gravidanza dipende dalla forma della condizione patologica, dall'età gestazionale e da altre caratteristiche del corpo della madre e del nascituro. La maggior parte dei casi di patologia non sono permanenti, quindi non richiedono un trattamento speciale. Con la natura instabile della patologia, il medico prescrive l'osservazione delle condizioni della donna e dell'embrione. Per fare ciò, misurare la frequenza cardiaca in ospedale oa casa utilizzando un monitor Doppler portatile. Le misurazioni devono essere effettuate due volte al giorno..

Se la tachiaritmia è complicata da una disfunzione della valvola o del muscolo cardiaco, alla donna vengono prescritti numerosi farmaci per allineare la frequenza cardiaca fetale. Si noti che è vietato assumere tali farmaci da soli, poiché possono caricare eccessivamente il cuore del bambino e causarne la morte. Il trattamento dipende completamente dalla forma della patologia, considereremo i principali tipi di tachicardia e metodi di trattamento.

  • Per il trattamento della tachicardia ventricolare polimorfa vengono utilizzati preparati di magnesio, propranololo, lidocaina. I medicinali vengono somministrati per via endovenosa o assunti per via orale.
  • Con la tachicardia ventricolare dovuta alla sindrome dell'intervallo QT lungo, il trattamento viene eseguito solo in ambiente ospedaliero e con estrema cautela. Questo perché alcuni farmaci allungano l'intervallo, provocando aritmie..
  • Se la tachicardia fetale è accompagnata da una frequenza cardiaca di oltre 220 battiti, alla donna viene prescritto Sotalol o Amiodarone. La flecainide viene utilizzata con estrema cautela, poiché con la disfunzione ventricolare può causare arresto cardiaco e morte dell'embrione.
  • Se sospetti miocardite, per il trattamento del battito cardiaco accelerato, il medico prescrive un ciclo di desametasone. Il trattamento dura da 7 a 14 giorni.

Il trattamento farmacologico è efficace nella patologia sopraventricolare. Con un regime di trattamento adeguatamente progettato, si osserva un effetto terapeutico positivo nel 90% dei casi. Un altro metodo per trattare l'aumento della frequenza cardiaca è con i beta-bloccanti. Ma quando si usano questi farmaci, è necessario tenere conto del fatto che i principi attivi penetrano male nella placenta, il che influisce negativamente sull'efficacia della terapia..

Poiché durante la gravidanza, gli attacchi di tachicardia possono improvvisamente apparire e scomparire, ogni futura mamma dovrebbe sapere come affrontare questa patologia. Il trattamento principale viene eseguito a livello medico secondo la prescrizione del medico, ma un paio di semplici consigli ti aiuteranno a far fronte a un attacco di tachiaritmia da solo.

  • Al primo segno di un aumento della frequenza cardiaca, è necessario sedersi o sdraiarsi. Ciò consentirà al corpo di rilassarsi e la frequenza cardiaca diminuirà..
  • Se non puoi sdraiarti, cerca di rilassarti, inspira profondamente ed espira lentamente. Aiuterà anche ad eliminare un attacco di tachicardia..
  • Evita situazioni stressanti, panico e ansia. Stai calmo e non essere nervoso. Se gli attacchi di tachiaritmie sono protratti, si consiglia un ECG.

Prevenzione della tachicardia nel feto durante la gravidanza

La prevenzione della tachicardia nel feto durante la gravidanza dovrebbe essere effettuata nella fase di pianificazione del bambino. Il compito della futura mamma è monitorare attentamente la sua salute, abbandonare le cattive abitudini (fumo, abuso di alcol), curare le malattie esistenti e prevenire danni cronici al corpo. La salute del nascituro dipende completamente dallo stato di salute della madre. Un fatto importante è uno stile di vita attivo e uno stato emotivo positivo..

Durante la gravidanza, è necessario visitare regolarmente un medico, sottoporsi a esami di routine e seguire tutte le prescrizioni mediche. La futura mamma deve ricordare che la sua responsabilità è raddoppiata, poiché ora, oltre alla sua salute e alla sua vita, è responsabile della vita del nascituro. Il pericolo della gravidanza è che è durante questo periodo che possono comparire malattie, la cui esistenza la donna non conosceva in precedenza. Tali malattie includono tachiaritmie e difetti cardiaci. Ecco perché è molto importante effettuare la prevenzione di possibili patologie..

Per prevenire le palpitazioni cardiache durante la gravidanza, a una donna possono essere prescritti sedativi a base di erbe per normalizzare la frequenza cardiaca. Altrettanto importante è uno stile di vita calmo e misurato. È controindicato che la futura mamma sia nervosa, preoccupata e sovraffaticata. Invece, devi camminare più spesso all'aria aperta, fare esercizi speciali e mangiare bene..

La nutrizione gioca un ruolo decisivo nella prevenzione di questa condizione patologica. Per prevenire il ripetersi di un aumento della frequenza cardiaca, si raccomanda a una donna:

  • Non mangiare molti cibi grassi e zuccherini. Una nutrizione impropria porta a un rapido aumento di peso, che influisce negativamente sul funzionamento del sistema cardiovascolare.
  • La gravidanza quotidiana dovrebbe includere verdure, verdura, frutta e latticini a basso contenuto calorico nella dieta..
  • Caffè, bevande alcoliche e nicotina dovrebbero essere evitati durante la gravidanza. Poiché ciò influisce negativamente non solo sul corpo della madre e sulla salute del nascituro.
  • Non dimenticare i complessi vitaminici e minerali, che sono indispensabili durante la gravidanza. È necessario assumere vitamine solo con il permesso di un medico. Se non ci sono controindicazioni, si consiglia alla futura mamma di impegnarsi in una leggera attività fisica e di andare in piscina.

Prognosi della tachicardia fetale durante la gravidanza

La prognosi della tachicardia fetale durante la gravidanza dipende da molti fattori. L'esito di una patologia dipende dalla sua forma, dal periodo in cui si è manifestata, dal corso generale della gravidanza, dalle caratteristiche dell'organismo della madre e del bambino. Nella maggior parte dei casi, la tachiaritmia ha una prognosi positiva. Un buon risultato è previsto dalle tachiaritmie sinusali dell'embrione, in cui la frequenza cardiaca del bambino è normalizzata durante il primo anno di vita..

  • Se le palpitazioni cardiache richiedono un trattamento, per questo viene utilizzata la somministrazione transplacentare di farmaci antiaritmici, che eliminano la tachicardia nel feto.
  • Le possibilità di sopravvivenza di un bambino con una frequenza cardiaca patologica dipendono dallo stato del corpo della madre e dal monitoraggio del livello dei farmaci contenuti nel cordone ombelicale. Il trattamento medico delle palpitazioni è efficace anche per il trattamento di un embrione con idropisia causata da tachiaritmia.
  • La prognosi dipende anche dai farmaci usati per il trattamento, cioè dal loro effetto sul corpo. Se il regime di trattamento è redatto correttamente e il dosaggio dei farmaci è selezionato correttamente, non ci sono effetti collaterali. Ma alcuni farmaci possono causare la morte del feto. Questi farmaci includono: Sotalol e Flecainide.

La tachicardia fetale durante la gravidanza dipende in gran parte dalla diagnosi precoce, poiché questa è una garanzia di una prognosi positiva. Pertanto, il compito di ogni donna incinta è non trascurare gli esami programmati, monitorare la salute, evitare situazioni stressanti e condurre uno stile di vita sano..

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Ciliegie durante la gravidanza: non dovresti abusare delle bacche!

Parto

La gravidanza è imprevedibile: tutti hanno sentito parlare dei desideri insoliti delle future mamme. Sorge una domanda naturale: l'uso di determinati prodotti in una posizione interessante non danneggerà?

Informazioni su CTG - cardiotocogramma.

Analisi

Ho pubblicato 3 articoli di diversi autori. Scusa se le informazioni all'interno di ciascuna di esse vengono ripetute.Attualmente, la cardiotocografia è, insieme agli ultrasuoni, il metodo principale per valutare le condizioni del feto.

Periodi irregolari in una madre che allatta: normale o no?

Parto

Il ripristino del ciclo mestruale dopo il parto avviene gradualmente. Pertanto, i periodi irregolari durante l'allattamento al seno sono una variante della norma.

È possibile mangiare semi durante l'allattamento

Analisi

I semi durante l'allattamento al seno dovrebbero essere mangiati con cautelaProprietà nociveI semi di girasole sono un prodotto ad alto contenuto calorico, quindi, mangiando impercettibilmente qualche manciata di semi di girasole o di zucca ogni giorno, puoi guadagnare 3-5 kg ​​al mese.