Principale / Concezione

Cosa succede al corpo femminile dopo il parto?


Il primo parto è sempre tutta una serie di sentimenti, sensazioni, fenomeni finora non testati. E non importa quanto la futura mamma si prepari per questo evento, qualcosa le viene sempre come una sorpresa..
Parliamo di quali processi avvengono nel corpo di una donna che ha partorito e come capire cosa c'è nell'ordine delle cose e qual è un motivo per consultare un medico.

Il periodo postpartum inizia immediatamente dopo la nascita della placenta (placenta) e dura 6-8 settimane. Questo è quanto tempo, in media, il corpo avrà bisogno di tornare, principalmente a uno stato pre-gravidanza. Anche se il tuo lavoro è stato facile e veloce, ci vorrà del tempo prima che tu possa sentire di nuovo lo stesso. Sii paziente: ricorda che ci sono voluti nove mesi per trasportare il bambino ed è impossibile tornare indietro, emotivamente e fisicamente, dall'oggi al domani.


Come diminuisce la pancia dopo il parto

Immediatamente dopo il parto, il fondo dell'utero si trova a circa 15 cm sopra il seno e la sua massa è di circa 1 kg. Diminuendo rapidamente, entro 10-12 giorni dopo il parto, scompare dietro il seno. Entro la fine dell'ottava settimana, l'utero pesa solo 50-60 g.

"Quindi, assolutamente in tutte le donne durante il normale corso del periodo postpartum, l'addome diminuisce gradualmente di dimensioni, assumendo in media una dimensione quasi pre-gravida dopo due mesi.

Indossare una benda dopo il parto può essere di grande beneficio, puoi iniziare a indossarla già in ospedale. Il tutore sosterrà l'addome nella posizione corretta mentre i muscoli addominali si riprendono.

Naturalmente, due mesi sono un periodo approssimativo. Ad esempio, le atlete tendono a riprendersi più velocemente dal parto, grazie a muscoli addominali ben allenati. E se hai avuto un taglio cesareo o hai avuto più bambini contemporaneamente, il processo di recupero sarà più lento..

Attenzione!

Va tenuto presente che un effetto troppo forte subito dopo il parto sull'utero e su altri organi addominali non è sicuro: non hanno ancora preso la loro posizione originale, il che significa che è possibile interrompere inavvertitamente la posizione degli organi o provocare un processo infiammatorio.

"Pertanto, non è necessario indossare corsetti e biancheria intima stretti nel periodo postpartum, nonché impegnarsi attivamente in esercizi fisici volti a stringere la pressa addominale..


Come cambia il peso dopo il parto

Entro la fine della gravidanza, la futura mamma guadagna in media 13 kg di peso (le donne in sovrappeso normalmente guadagnano meno, circa 9 kg, e le donne magre 15-17 kg). E dal momento della nascita, il peso inizia a diminuire rapidamente.

Ecco quanti chilogrammi "perderai peso" mentre sei ancora in sala parto (valori medi):

  • peso del bambino - 3,5 kg,
  • liquido amniotico - 0,8 l,
  • placenta - 0,6 kg,
  • perdita di sangue - 0,3 l (per taglio cesareo 0,5 - 1 l).

"Pertanto, subito dopo il parto, il peso si riduce di 5-6 kg..

Ma l'utero nei primi giorni si contrae in modo particolarmente intenso e nei primi due o tre giorni il suo peso diminuirà di circa 200 g. Altri 300-400 g saranno sufficienti alla prima dimissione postpartum - lochia. E entro la fine della prima settimana, il peso diminuirà di circa altri due chilogrammi a causa della perdita di liquidi non necessari..

I chilogrammi rimanenti, in media 5-6, sono i depositi di grasso accumulati su addome, fianchi e cosce; questo spiega la differenza di aumento di peso tra donne con costituzione diversa. Scompaiono gradualmente, con una normale attività fisica, un'alimentazione equilibrata - circa 1-1,5 kg al mese. Tuttavia, di solito durante l'intero periodo dell'allattamento al seno, rimangono un paio di chilogrammi "extra", necessari per il seno ingrossato e l'apporto di liquidi nel corpo.

Attenzione!

"Naturalmente, queste cifre sono approssimative e la perdita di peso di ogni donna si verifica a un ritmo diverso..

Tuttavia, se l'immagine è molto diversa da quella descritta - il peso non diminuisce e persino aumenta, o si perdono troppi chilogrammi - questo è un motivo per regolare la dieta e forse consultare un medico.


Scarico postpartum (lochia)

Lochia è una scarica sanguinolenta dal tratto genitale che si verifica quando l'utero si contrae. Con il loro aiuto, il corpo viene purificato da tutto ciò che è diventato inutile dopo il parto. La contrazione dell'utero è molto più intensa se la donna allatta.

"L'utero si contrae gradualmente e acquisisce dimensioni e massa prima della gravidanza 6 settimane dopo il parto - quindi, fino a questo momento, la dimissione postpartum può continuare in media.

Durante i primi giorni dopo la nascita, le lochia contengono molto sangue, quindi sono di colore rosso vivo e sembrano flusso mestruale. Possono uscire periodicamente o in modo più uniforme. Se hai mentito per un po ', il sangue si è raccolto nella vagina e potrebbero formarsi piccoli coaguli.

Se il periodo postpartum procede senza complicazioni, dopo 3-4 giorni il lochia diventa più pallido, rosato e dopo 10 giorni - incolore o giallastro. Anche la loro intensità diminuisce.

Attenzione!

Non utilizzare gli assorbenti interni per sei settimane per prevenire l'infezione nella vagina e nell'utero.

Svuotare regolarmente la vescica aiuterà a prevenire la congestione uterina. Tieni presente che nei primi giorni dopo il parto, la tua vescica potrebbe essere meno sensibile del solito, quindi potresti non sentire il bisogno di urinare anche quando la vescica è abbastanza piena.

"Riposare il più possibile. Uno sforzo eccessivo della scarica può intensificarsi o ricominciare..

Se lo scarico rosso vivo è tornato dopo che era andato, questo potrebbe essere un segno che devi riposare e conservare le forze. Ma se non scompaiono entro pochi giorni, questo è un motivo per vedere un medico..

Rivolgiti al medico se:

  • lochia ancora rosso vivo quattro giorni dopo il parto;
  • i polloni hanno un odore sgradevole;
  • hai dolori di stomaco, febbre o brividi;
  • ha un sanguinamento eccessivamente abbondante (saturazione dell'assorbente igienico per un'ora o coaguli di sangue superiori a 4 cm). Questo è un segno di emorragia postpartum tardiva che richiede un'attenzione immediata..


Stato emotivo dopo il parto


Dopo un così grande shock emotivo e nervoso come il parto, con la ristrutturazione in corso di tutto il corpo, compreso il sistema ormonale, non sorprende che l'umore di una giovane madre sia spesso instabile. Allo stesso tempo avvengono importanti cambiamenti psicologici: una donna ha bisogno di comprendere il suo nuovo ruolo, grandi cambiamenti nella sua vita.

"Durante le prime settimane dopo il parto, la maggior parte delle madri sperimenta quello che i medici americani chiamano" baby blues ", e le nostre compatriote - un blues postpartum.

Questa è una diminuzione temporanea (non più di tre settimane) del background emotivo, fluttuazioni dell'appetito e del sonno, umore instabile. Una donna è agitata o esausta, a volte può essere inutilmente preoccupata o triste. Questa condizione può essere considerata normale se non dura più di tre settimane e non causa gravi problemi..

Per il più rapido recupero emotivo, una madre dopo il parto ha assolutamente bisogno di riposo e sonno sufficienti..

Attenzione!

  • l'insonnia persiste per diverse settimane;
  • sei costantemente di umore depresso, non traendo piacere da nulla;
  • gli esaurimenti nervosi sono sistematici;
  • provi costantemente ansia, disperazione.

Dopo il parto

Anche prima che il bambino nasca, la futura mamma deve essere preparata al fatto che con la nascita di un bambino dovrà affrontare cambiamenti cardinali. Sono associati alla cura di un bambino, che nel primo anno di vita richiederà molta attenzione da parte della madre. Dovresti anche tenere conto del fatto che dopo il parto sarà necessario ripristinare la forza e la salute spese per portare un feto e il travaglio..

Soddisfare

  • introduzione
  • Le condizioni fisiche della mamma dopo il parto
  • Lo stato psicologico della mamma dopo il parto
  • Complicazioni postpartum
  • Stabilire l'allattamento
  • La dieta della mamma dopo il parto
  • Regole importanti per la cura del bambino
  • Conclusione

introduzione

Sicuramente ogni futura mamma ha sentito da amici esperti con bambini che dopo il parto, una donna si aspetta un deterioramento del suo stato psicologico ed emotivo, e se il processo di dare alla luce un bambino è stato difficile e ha avuto complicazioni, allora potrebbe svilupparsi anche una profonda depressione postpartum.

Per evitare tutti i punti negativi sopra descritti per il parto e il periodo postpartum, è necessario prepararsi attentamente in anticipo, quindi i problemi possono essere ridotti al minimo.

Le condizioni fisiche della mamma dopo il parto

Indipendentemente da come è nato il bambino, il periodo di recupero della donna sarà lo stesso, ad eccezione di alcuni momenti. Cosa succede al corpo dopo il parto, quali sintomi sono normali e quali sono considerati patologici?

La mamma deve essere preparata per i seguenti fenomeni presentati:

  • Lochia: sono una scarica sanguinolenta dall'utero, che lo aiuta a schiarirsi dopo il parto. Nei primi due giorni dopo la nascita del bambino, differiscono in abbondanza e una tinta rossa brillante. Dopo novantasei ore, iniziano a svanire e dopo dieci giorni la lochia diventa bianca o giallastra e diminuisce anche di volume. La dimissione si interrompe completamente solo dopo un mese e mezzo dal parto.
  • Spasmi nella regione addominale - i dolori spastici sono causati dalla contrazione dell'utero, che dovrebbe tornare alla sua dimensione originale. Smetteranno di disturbare una donna due settimane dopo il parto..
  • Stanchezza e debolezza: il parto è un enorme stress per il corpo, per il cui trasferimento ha speso grandi riserve di forza ed energia, e ora dovranno essere ripristinate per un po 'di tempo.
  • Sensazioni dolorose nell'area perineale: saranno più gravi il primo giorno dopo il parto. Il disagio è peggiore quando si è seduti, si sforzano o si cammina. Passa dopo una settimana.
  • Difficoltà con la defecazione - stitichezza, una donna può affrontare nei primi giorni dopo il parto. Se il problema non viene risolto, dovrebbe consultare uno specialista, poiché ciò potrebbe portare allo sviluppo di un grave processo infettivo e infiammatorio.
  • Disagio muscolare: i muscoli fanno male a causa della forte spinta che la donna ha subito durante il parto.
  • Forte sudorazione - l'iperidrosi è associata a disturbi ormonali e dura per tre giorni dopo la nascita del bambino.

Inoltre, la mamma dovrebbe prestare particolare attenzione al seno per evitare la comparsa di mastite. Se sui capezzoli compaiono crepe, infiammazioni o secrezioni sanguinolente, sarà semplicemente impossibile nutrire il bambino e inoltre ci vorrà molto tempo e intensamente per essere trattato.

Lo stato psicologico della mamma dopo il parto

La moltitudine di nuovi obblighi e la responsabilità che ora dovrà essere sopportata per il bambino cambia notevolmente non solo la routine quotidiana, ma anche lo stile di vita della donna. Nei primi giorni dopo la nascita del bambino, c'è un brusco cambiamento nel background ormonale. Inizia ad aumentare la produzione di prolattina e ossitocina, necessarie per la produzione di latte, la contrazione e la pulizia dell'utero. Tutti questi cambiamenti influenzano notevolmente lo stato emotivo di una donna..

Nei primi giorni della sua permanenza in ospedale, la mamma dovrà sentire:

  • Acuti cambiamenti psicoemotivi: all'inizio una donna sentirà euforia, e dopo arriverà la depressione o addirittura la disperazione. Dopo alcuni giorni, la condizione dovrebbe stabilizzarsi..
  • Mancanza di fiducia nei propri punti di forza e attrattiva;
  • Grande irritazione dovuta all'impotenza;
  • Mancanza di interesse per il padre del bambino.

Inoltre, una donna può sperimentare depressione postpartum e aumento del pianto..

Depressione postparto

Molte donne, il terzo giorno dopo la nascita del bambino, avvertono cambiamenti negativi nel loro stato emotivo. Tali cambiamenti nella medicina sono chiamati depressione postpartum. Malinconia, apatia e in alcuni casi anche pensieri suicidi possono tormentare una donna da diversi giorni a diversi mesi.

Per far fronte a questo problema, una donna ha bisogno dell'aiuto e del sostegno delle persone a lei vicine. Gli psicologi dicono che la causa di questa patologia è la stanchezza, le paure non si verificheranno come madre, l'insonnia, i problemi con l'allattamento e, naturalmente, lo squilibrio ormonale gioca un ruolo importante..

Aumento del pianto

Alcune madri sviluppano un pianto eccessivo dopo il parto. Ciò è dovuto a condizioni fisiche non ottimali, paure di non far fronte al loro nuovo ruolo e squilibrio ormonale. In questo caso, la soluzione al problema sarà il consiglio di un amico che ha già un bambino e un consulto con un pediatra, che ti dirà come prenderti adeguatamente cura del bambino e aiutarti a liberarti dall'ansia.

E, naturalmente, tua madre e tua suocera, che hanno una ricca esperienza nella crescita dei bambini e la condivideranno sicuramente, fornendo tutto l'aiuto possibile nei piacevoli problemi con il bambino, possono diventare il miglior consigliere in materia di cura dei bambini..

Sbarazzarsi di sensazioni oppressive e lacrime, leggere tisane lenitive e la consapevolezza che questo è uno stato assolutamente normale che presto passerà e la donna potrà godere appieno della maternità può aiutare, dedicando tutto il suo tempo al bambino.

Complicazioni postpartum

Nelle prime ore dopo il parto, una donna può sviluppare sanguinamento. Inoltre, può comparire un ematoma esteso nella regione perineale se le lacrime non sono state completamente suturate. Per evitare tali complicazioni, una donna viene posta a pancia in giù con un impacco di ghiaccio e viene prescritto il riposo a letto per diverse ore..

Inoltre, una permanenza di due ore nel reparto maternità consente ai medici di seguire la donna e interrompere le complicazioni nel tempo in cui compaiono. Se non ci sono problemi e la donna in travaglio si sente bene, lei e il bambino vengono trasferiti in reparto, dove rimarrà fino alla dimissione.

Il corpo impiega circa due mesi per riprendersi dal parto. Durante questo periodo, una donna dovrebbe monitorare attentamente la sua salute e visitare un ginecologo in tempo..

Quali complicazioni possono sorgere nei primi giorni dopo la nascita del bambino??

Lochiometro

La patologia si verifica a causa del ritardo della lochia nell'utero. Nei primi due giorni lo scarico è molto abbondante e può arrivare fino a 300 millilitri. Se diminuiscono di volume o si interrompono improvvisamente, è necessario informarne immediatamente il medico. È possibile sospettare lo sviluppo di lochiometri in caso di forte mal di testa, febbre alta e un odore sgradevole e pungente di scarico.

Molto spesso, questa complicazione si sviluppa sullo sfondo del blocco della cervice con un coagulo sanguinante o parte del sacco fetale. Può anche verificarsi a causa della bassa contrattilità dell'utero..

Se una donna nota una diminuzione del volume o la cessazione della lochia, dopo di che si apre un forte sanguinamento, deve parlarne al medico, poiché la causa di questa complicanza è un pezzo di placenta che rimane nell'utero. Per eliminare la complicazione, è necessario eseguire il curettage dell'utero, seguito dalla terapia.

Febbre

Dopo il parto, le donne sperimentano quasi sempre un aumento degli indicatori di temperatura. Nella maggior parte dei casi, questo è assolutamente normale, poiché questo fenomeno è dovuto alla disidratazione del corpo, che può essere facilmente interrotta..

Nei primi giorni dopo la nascita del bambino, la donna si dimentica di tutto ciò che lo circonda, dedicando il suo tempo al bambino, per questo motivo il regime del bere viene interrotto e il corpo inizia a sentire acutamente una mancanza di liquidi. Inoltre, durante l'allattamento, è necessario anche il liquido in grandi volumi. Per far fronte alla temperatura, è necessario bere almeno tre litri di acqua al giorno. Ciò non solo ridurrà le letture della temperatura, ma fornirà anche alle briciole la quantità necessaria di latte..

Tuttavia, la febbre non ha sempre cause innocue. Alcuni di loro richiedono cure mediche. Un aumento della temperatura può provocare un processo infiammatorio nell'organismo, rappresentato da pielonefrite, infiammazione delle vie urinarie, dei polmoni, dell'utero, nonché lochiometro, mastite e lattostasi.

Atonia intestinale

Questa complicazione è causata dal restringimento dell'utero dopo la nascita del bambino. Inoltre, la causa dell'atonia può essere l'ipodynamia, la disidratazione e l'assunzione di cibo insufficiente per la normale funzione intestinale nella prima volta dopo il parto..

Se, dopo aver normalizzato la dieta e l'assunzione di liquidi, oltre ad aumentare l'attività fisica, la mamma non vede alcun miglioramento, deve contattare uno specialista.

Stabilire l'allattamento

Prima di tutto, dopo la nascita di un bambino, una donna deve imparare ad allattare. I suggerimenti seguenti permetteranno alla mamma di padroneggiare tutta la saggezza dell'alimentazione e fornire al bambino una dieta completa:

  • Il latte dovrebbe essere spremuto solo quando assolutamente necessario. Ad esempio, se il bambino ha bisogno di essere lasciato per un po ', o la donna ha un ristagno di latte, che il neonato, a causa della sua età, non può ancora assorbire.
  • È importante imparare come attaccare correttamente il bambino al seno. Se il bambino non afferra correttamente il capezzolo, allora avrà fame e la donna avrà crepe e inizierà la lattostasi.
  • Durante l'alimentazione, è necessario cambiare i seni uno per uno. Se la madre produce una quantità sufficiente di latte, durante una procedura di alimentazione dovrebbe dare al bambino un seno e, per la seconda poppata, l'altro.

Una donna dovrebbe imparare a prendersi cura adeguatamente del proprio seno, a partire dalla scelta di biancheria intima specializzata per le madri che allattano. Un reggiseno dovrebbe essere scelto tra tessuti naturali, non dovrebbe essere stretto, ma allo stesso tempo devi assicurarti che supporti bene il tuo seno. Se la mamma sceglie correttamente il reggiseno, il suo seno alla fine della poppata manterrà la stessa forma di prima del parto..

La dieta della mamma dopo il parto

Dopo la nascita del bambino, una donna non dovrebbe balzare immediatamente sui suoi dolci preferiti e sui sostanziosi piatti fatti in casa. Non solo perché durante la gravidanza lo stomaco si è disabituato a tale nutrizione e appoggiarsi al cibo porterà alla stitichezza, ma anche perché un neonato dipende completamente dal latte materno, oltre che dalla sua qualità e quantità..

Se la mamma non mangia correttamente, il bambino inizierà a sperimentare gravi malfunzionamenti nel corpo, che comporteranno problemi di salute, rappresentati da allergie, diatesi, coliche intestinali e altri disturbi.

Cosa dovrebbe essere presente nella dieta

Mentre una donna allatta il suo bambino, deve abbandonare completamente i cibi piccanti, affumicati, salati e grassi. Inoltre, se vuole che il latte sia nutriente e salutare per il bambino, deve attenersi alle seguenti regole:

Il menu dovrebbe contenere prodotti con il necessario complesso di vitamine e minerali. Tali alimenti includono frutta fresca, verdura, riso, farina d'avena e porridge di grano saraceno. Gli agrumi e le fragole, che sono potenziali allergeni per il bambino, dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta. Se una donna decide di introdurre nuovi prodotti nella sua dieta, questo dovrebbe essere fatto gradualmente, monitorando la reazione del bambino al latte. La mamma non dovrebbe mangiare cavoli e legumi, poiché causeranno gonfiore e coliche nel bambino..

Una donna non dovrebbe ridurre il contenuto calorico della sua dieta. Molte donne si sforzano di perdere peso subito dopo il parto attraverso diete rigorose. Tuttavia, mentre stanno allattando, non devi pensare a te stesso e alla tua forma, ma al bambino. Per non aumentare di peso durante l'alimentazione e allo stesso tempo rendere il latte ipercalorico e salutare, è necessario aumentare l'apporto calorico di 500, rispetto alla dieta prenatale..

Gli alimenti dovrebbero essere ricchi di calcio

Il calcio veniva consumato intensamente dal corpo durante la gravidanza, poiché era la base dello scheletro del bambino, e ora viene escreto da esso insieme al latte per fornire al bambino la giusta quantità di questo elemento. Per questo motivo, la dieta della futura mamma dovrebbe contenere molti cibi fortificati con calcio. Devono essere consumati ad ogni pasto. C'è molto di questo elemento nel formaggio a pasta dura, nel latte, nello yogurt e nel latte acido.

L'assunzione di proteine ​​dovrebbe essere limitata. Non puoi consumare più di 400 grammi di alimenti proteici al giorno. Molte proteine ​​si trovano nelle uova, nel pollo bollito, nel pesce di mare o di fiume, nel coniglio e nel tacchino. È anche nei funghi, ma è meglio rifiutarli per il periodo dell'allattamento al seno..

È molto importante seguire il regime del bere. Oltre al liquido contenuto negli alimenti, una donna dovrebbe bere almeno otto bicchieri di liquido al giorno. Può essere succo, acqua, latte o brodo. Se la mamma ha l'iperidrosi, l'assunzione di liquidi dovrebbe essere aumentata a dodici bicchieri al giorno. Non dovresti bere di più, altrimenti i reni saranno sottoposti a un carico pesante, il che porterà allo sviluppo di edema. Tè o caffè forti possono essere bevuti solo una volta al giorno, non di più.

Nel menu postpartum, dovresti disattivare frutta secca, pane integrale, uvetta e altri cibi ricchi di vitamina B, che è molto importante per lo sviluppo del cervello del bambino e delle sue capacità intellettuali in futuro..

Regole importanti per la cura del bambino

Inoltre, tutte le madri senza eccezioni, dopo il parto, sono interessate alla questione delle regole di cura di un neonato. Fin dai primi minuti di vita, ha bisogno di cure e attenzioni, che non consistono solo nell'allattamento al seno.

Nei primi giorni dopo la nascita, il bambino dorme molto, svegliarsi per mangiare. Se il bambino è irrequieto, spesso piange e urla, questo dovrebbe essere segnalato a uno specialista. Potrebbe essere malato di qualcosa o potrebbe essere nella fase di adattamento alla vita al di fuori del corpo della madre..

Inoltre, una giovane madre deve conoscere alcune delle seguenti regole per prendersi cura di un bambino, riguardanti:

Alimentazione - i pediatri consigliano di nutrire il neonato non in senso orario, come era consuetudine in passato, ma di allattarlo solo quando lo desidera. Ciò non solo migliorerà l'allattamento e garantirà il flusso del latte, ma eviterà anche il ristagno che può provocare la mastite. Una donna dovrebbe essere preparata al fatto che il bambino dovrà essere nutrito molto spesso, finché non impara ad allattare correttamente al seno per riempirsi. Dovresti avere pazienza e stabilire la procedura di alimentazione;

Fare il bagno - questa è una procedura importante che i genitori devono incontrare per la prima volta dopo la dimissione dall'ospedale. Devi fare il bagno al tuo bambino ogni giorno e questo dovrebbe essere fatto fino a sei mesi solo in un bagno speciale. Gli indicatori di temperatura ottimali per l'acqua sono considerati 37 gradi e la temperatura dell'aria dovrebbe essere di almeno 20 gradi;

Passeggiate all'aria aperta

L'aria fresca è necessaria per il bambino per il normale sviluppo del corpo e il corretto funzionamento del sistema immunitario. Per la prima settimana dopo la dimissione del bambino dall'ospedale, non è necessario portarlo in strada, basta solo per arieggiare la sua stanza. Inoltre, dopo aver cambiato il pannolino, il bambino dovrebbe essere lasciato nudo per un po 'di tempo in modo che la sua pelle possa respirare;

Pulizia: è molto importante monitorare non solo la pulizia della pelle del bambino, ma anche la pulizia degli oggetti che lo circondano. Tutto dovrebbe essere pulito: dai giocattoli e dai piatti alla biancheria da letto e ai vestiti. Nei primi mesi dopo la nascita, il bambino è molto suscettibile agli effetti dei microrganismi patogeni. Ogni giorno la mamma dovrebbe fare la pulizia con acqua, prendendosi cura della salute del bambino. Inoltre, non dovrebbe dimenticare la sua igiene, poiché è costantemente in contatto con il neonato..

Vestiti: nelle prime settimane del bambino si consiglia di fasciare, questo consiglio non è privo di logica. I neonati non possono controllare il proprio corpo, quindi il movimento caotico delle braccia e delle gambe può causare lesioni o paura. Non è necessario avvolgere troppo strettamente il bambino. Quando il bambino è sveglio, può essere vestito con una tutina e una canottiera. Un berretto è necessario quando fa freddo e dopo le procedure dell'acqua.

Conclusione

Senza dubbio, i primi giorni a casa saranno uno dei test più seri per una giovane madre. Ma questo non dovrebbe spaventarla, poiché è in questi momenti che una donna conosce il suo bambino, e lui lei.

Dopo il parto. Molti buoni consigli

Elenchiamo i cambiamenti fisiologici che si verificano necessariamente nel corpo di una donna dopo il parto e sono associati alla fine della gravidanza e all'inizio dell'allattamento:

- L'utero si contrae e ritorna alla sua dimensione originale, la sua mucosa viene ripristinata. La dimensione trasversale dell'utero immediatamente dopo il parto è di 12-13 cm, il peso è di 1000 g. Alla fine della 6-8a settimana dopo il parto, la dimensione dell'utero corrisponde alla sua dimensione all'inizio della gravidanza e il peso è di 50-60 g.

- Le lesioni dei tessuti molli guariscono: crepe e rotture. Le crepe guariscono senza lasciare traccia e le cicatrici si formano nei siti delle rotture.

- L'edema degli organi genitali esterni, formatosi nelle ultime settimane di gravidanza e durante il parto, si attenua.

- I legamenti, che hanno portato carichi pesanti durante la gravidanza e il parto, perdono la loro elasticità. Perdita di mobilità delle articolazioni e di altre articolazioni ossee, che trasportavano anche carichi durante la gravidanza e il parto.

- Gli organi interni che sono stati spostati a causa delle grandi dimensioni dell'utero (stomaco, polmoni, intestino, vescica, ecc.) Assumono la posizione precedente.

- Tornano gradualmente a lavorare nella modalità precedente, tutti gli organi che hanno portato un doppio carico durante la gravidanza (reni, fegato, cuore, polmoni, ecc.)

- Ci sono cambiamenti nel sistema endocrino. Le ghiandole endocrine, che sono state ingrandite durante la gravidanza, diminuiscono gradualmente fino al loro stato normale. Tuttavia, gli organi del sistema endocrino continuano a lavorare attivamente, che forniscono l'allattamento..

- Le ghiandole mammarie aumentano di dimensioni. Ora devono fornire l'alimentazione al neonato e imparare a produrre il latte in base alle esigenze di età del corpo in crescita del bambino..

Ora parliamo del corso del periodo postpartum e delle caratteristiche dell'assistenza postpartum sulla base della conoscenza dei cambiamenti in atto nel corpo di una donna..

Per una contrazione uterina di successo, è molto importante attaccare il neonato al seno durante la prima ora dopo il parto e, successivamente, poppate frequenti (ogni 2 ore durante il giorno) e prolungate. La suzione al seno da parte del bambino stimola la produzione dell'ormone ossitocina ed è quindi molto efficace nella contrazione dell'utero. Durante le poppate, l'utero si contrae attivamente, motivo per cui una donna può provare dolori simili a crampi nell'addome inferiore. Nei primi giorni dopo il parto, per contrarre l'utero, dovresti mettere una piastra elettrica con ghiaccio per 30 minuti e più spesso sdraiarti sullo stomaco. Vale anche la pena utilizzare la terapia erboristica preventiva mirata alla riduzione dell'utero, a partire da 4 giorni dopo il parto. Puoi usare l'erba della borsa del pastore, l'ortica, l'achillea e le foglie di betulla per questo..

1 cucchiaio di erbe viene versato con un bicchiere di acqua bollente e insistito per 30 minuti, quindi filtrato. Il brodo pronto va bevuto ¼ di tazza 4 volte al giorno.

Le erbe possono essere alternate (ad esempio: 3 giorni borsa da pastore, poi durante una settimana ortiche e achillea a giorni alterni, poi foglie di betulla; o cambiare tutte le erbe a turno a giorni alterni) o mescolare in proporzioni uguali.


Un impatto troppo forte sull'utero e altri organi addominali, che non hanno ancora preso la loro posizione originale, può portare a un cambiamento nella posizione di questi organi o diventare un processo infiammatorio causale. Pertanto, non è consigliabile indossare bende strette e impegnarsi in esercizi fisici attivi volti a stringere la pressa addominale.

In connessione con la contrazione dell'utero nella prima settimana dopo il parto, viene rilasciata un'abbondante scarica postpartum - lochia. Quando ci si alza in piedi o si cambia la posizione del corpo, la scarica può intensificarsi. Questa scarica si schiarirà gradualmente da uno stato sanguinante, quindi un rosa pallido e infine si fermerà 6 settimane dopo il parto. Per mantenere la pulizia, nonché per accelerare la guarigione di lacrime o lesioni dei tessuti molli, è necessario pulire accuratamente i genitali esterni. Nella prima settimana dopo il parto, tre volte al giorno, si conclude il lavaggio con acqua tiepida lavando i genitali esterni con un decotto di corteccia di quercia

4 cucchiai di corteccia di quercia in una ciotola di smalto, versare 500 ml di acqua bollente. Far bollire per 15 minuti, aggiungendo acqua bollente. Togliere dal fuoco e lasciare per altri 15 minuti, filtrare.

Dalla seconda settimana fino allo schiarimento della scarica, puoi usare un decotto di camomilla due volte al giorno per questi scopi.

Versare 2 cucchiai di camomilla con 1 litro di acqua bollente, lasciare agire per 20 minuti, filtrare.

Per la fusione dei tessuti, è molto importante asciugare le cuciture dopo il lavaggio e trattarle con agenti curativi aggiuntivi. Si consiglia di utilizzare la biancheria intima solo con tessuti naturali e, se possibile, gli stessi assorbenti per tutto il periodo postpartum..

È importante stabilire l'allattamento al seno completo fin dai primi giorni. I processi di normale allattamento contribuiscono alla normalizzazione dei livelli ormonali nel corpo femminile, grazie al quale anche il periodo di recupero postpartum avrà più successo. Indossare un reggiseno non è raccomandato nei primi giorni dopo il parto. Durante questo periodo, solo una piccola quantità di colostro viene escreta dal seno, il che è estremamente benefico per il bambino. Nei giorni 2-7, a seconda della natura del corso del parto, c'è un afflusso di latte. D'ora in poi, è conveniente utilizzare top o magliette per l'allattamento al seno per sostenere il seno. In alcuni casi, il flusso del latte può essere accompagnato da febbre alta, dolore e noduli nelle ghiandole mammarie. In questo caso, è necessario ridurre l'assunzione di liquidi. Dovresti ricorrere all'espressione solo quando si manifestano sensazioni dolorose nel seno pieno, 1-2 volte al giorno, e dovresti solo esprimere il seno fino a quando non appare una sensazione di sollievo. La febbre da latte dura 1-3 giorni.

Dal momento in cui appare il latte, è importante applicare il bambino al seno abbastanza spesso, questo migliora l'attività contrattile dell'utero e contribuisce allo sviluppo dell'allattamento. Se il bambino è con la madre, dovresti provare ad applicarlo sul seno almeno una volta ogni 2 ore. In caso di alloggio separato, è necessario stabilire un pompaggio regolare ogni 3 ore, ad eccezione dell'intervallo notturno dalle 24.00 alle 6.00 del mattino. In questo momento, una donna ha bisogno di riposo. Prima che il bambino abbia i ritmi di suzione, potrebbe esserci suzione irrequieta, dove non ci sono praticamente pause, o, al contrario, suzione lenta quando il bambino dorme e salta l'alimentazione. Pertanto, a partire dalla terza settimana dopo il parto, la madre ha bisogno di monitorare il numero di attaccamenti in modo che la perdita di peso e la disidratazione del corpo non si sviluppino e consentire al bambino di rimanere al seno quanto basta per compensare lo stress durante il travaglio..

È importante fin dai primi giorni assicurarsi che il bambino non solo succhia il capezzolo, ma cattura anche l'areola il più possibile per evitare il verificarsi di abrasioni o crepe nel capezzolo. Devi nutrire il tuo bambino in una posizione comoda per non stancarsi. All'inizio, soprattutto se una donna ha le lacrime, sarà una posa "sdraiata sul braccio". Quindi la madre può padroneggiare le pose "seduta", "in piedi", "da sotto il braccio" e inizia ad alternarle. Entro la settima settimana, le ghiandole mammarie si adattano al processo di allattamento e alimentazione.

Il termine "depressione postpartum" è familiare a tutti nel nostro tempo, anche a coloro che non hanno mai partorito. Ci sono molte ragioni per questo ed è necessario un articolo separato per elencarle. Pertanto, è imperativo effettuare la prevenzione della depressione postpartum, a partire da 6 giorni dopo il parto per almeno due settimane. Per fare questo, prendi un infuso di motherwort, valeriana o peonia, 1 cucchiaino 3 volte al giorno. Anche il sostegno e la comprensione di parenti e amici, in particolare del marito, sono di grande importanza. Vale la pena limitare l'accoglienza degli ospiti nel primo mese, anche con le migliori intenzioni, poiché ciò richiede ulteriori sforzi da parte della donna. È importante non sovraccaricare la donna che ha partorito con le faccende domestiche, per permetterle di recuperare le forze, di adattarsi al suo nuovo ruolo di madre. È utile dormire a sufficienza, anche andare a letto 1-2 volte durante il giorno. Per dormire bene, una madre deve imparare a dormire con il suo bambino. Quando dormono insieme, una donna ha l'opportunità di rilassarsi e non saltare su ogni cigolio di un neonato, ei bambini stessi dormono molto più tranquilli accanto alla madre. È molto importante trovare una persona che aiuti una giovane madre ad abituarsi a nuove responsabilità per lei, la solleciti e le insegni come gestire il bambino, ascolterà con calma le conversazioni su eventi ed esperienze relative al bambino.

Tradizionalmente, per i primi nove giorni dopo il parto, una donna era considerata malata e aveva diritto a cure postpartum particolarmente attente. Fino a 42 giorni, si credeva che la donna e il bambino avessero ancora bisogno di cure speciali. Pertanto, non le è stato permesso di entrare in casa, permettendole di stabilire relazioni in una coppia di "madre-bambino" e abituarsi ai cambiamenti nella vita. E quelli intorno a loro si sono presi cura della donna stessa, si sono assicurati che non avesse bisogno di nulla e che potesse riprendersi completamente dopo il parto. Pertanto, non è necessario fare passeggiate per 6 settimane dopo il parto. In questo momento, la madre e il bambino devono riprendersi dal parto, stabilire l'allattamento al seno e riposare, e non camminare. Soprattutto se il bambino è nato durante la stagione fredda. A causa di una diminuzione delle forze immunitarie, anche un piccolo raffreddamento può portare allo sviluppo di un processo infiammatorio. Per gli stessi motivi, si sconsiglia a una donna di camminare a piedi nudi e con abiti leggeri, ed è meglio sostituire il bagno con la doccia. Mezzi piacevoli sotto forma di bevande aiuteranno a prendersi cura della salute della donna che ha partorito. La bevanda a base di chaga ripristina bene

2 cucchiai di chaga tritato versare 900 ml di acqua calda bollita. Fate bollire un limone intero in 100 ml di acqua separatamente per 10 minuti. Quindi schiacciare l'interno del limone e mescolare con la chaga, aggiungere 2 cucchiai di miele. Insistere 6-8 ore.

Per un migliore recupero e mantenimento dell'immunità, una donna può assumere i cinorrodi, sotto forma di sciroppo (2 cucchiaini 3 volte al giorno) o sotto forma di composta, infuso, è possibile con l'erba di timo

2 cucchiai di rosa canina e 1 cucchiaio di timo versare 300-400 ml di acqua bollente. Insistere in un thermos per 30 minuti, bere durante il giorno.

Il periodo postpartum non è meno importante per una donna della gravidanza e del parto stesso. In questo momento, non solo viene ripristinato il funzionamento del corpo, ma si verifica anche la transizione della donna a un nuovo stato. Impara come prendersi cura dei neonati, l'allattamento al seno, getta le basi per la salute futura del bambino, comprende il suo ruolo materno e comprende la scienza materna. Il successo del periodo postpartum e, in futuro, la salute fisica e mentale della madre e del bambino, dipende dall'osservanza delle regole per la conduzione dell'assistenza postpartum e dall'applicazione delle raccomandazioni tradizionali per la cura di una donna in travaglio..

7 cambiamenti inaspettati che attendono il corpo di una donna dopo il parto

Ragazzi, mettiamo il nostro cuore e la nostra anima in Bright Side. Grazie per questo,
che scopri questa bellezza. Grazie per l'ispirazione e la pelle d'oca.
Unisciti a noi su Facebook e VKontakte

Dopo la nascita di un bambino, la vita di una donna cambia completamente: ora deve essere responsabile non solo di se stessa, ma anche di suo figlio o sua figlia. Gravi cambiamenti stanno avvenendo nel corpo di una giovane madre - gli scienziati dicono che diventa una chimera, perché le cellule del neonato rimangono con lei per sempre.

Bright Side ha studiato per te come cambia il corpo di una donna dopo aver portato alla luce una nuova persona..

1. Cambiamenti di voce

Una donna che ha dato alla luce un bambino cambia la sua voce: diventa più bassa e più monotona. Questa è la conclusione raggiunta dagli scienziati dell'Università del Sussex. Un anno dopo il parto, la voce ritorna alla sua frequenza precedente..

I ricercatori ipotizzano che i cambiamenti siano causati da cambiamenti ormonali. Il fatto è che dopo il parto, il livello dei principali ormoni sessuali diminuisce drasticamente e questo può influenzare le corde vocali. Secondo gli scienziati, il tono massimo di una donna che partorisce scende di 44 Hz, o 2,2 semitoni, che equivale a circa due note di pianoforte..

Tuttavia, c'è un'altra spiegazione per questo cambiamento. Gli esperti ritengono che le persone con voce bassa siano generalmente considerate più competenti e mature. Le donne, quindi, possono inconsciamente cambiare il timbro per adattarsi al nuovo ruolo della madre..

2. L'ansia aumenta

Alle neo mamme viene detto che devono essere calme e pacifiche, ma la verità è che questo non è possibile. Di solito, una donna che ha da poco partorito un bambino è spaventata da tutto: il bambino piange, il bambino non piange, il bambino dorme troppo, il bambino dorme troppo poco, ecc. E questo è normale. Non è così pazza, è l'ormone ossitocina che aumenta costantemente i suoi livelli di ansia..

L'ossitocina inizia a essere rilasciata in modo intensivo subito dopo il parto. Aiuta a contrarre l'utero teso durante la gravidanza e attiva l'istinto materno. Il progesterone, che aiuta a rilassare il sistema nervoso, potrebbe aiutare, ma subito dopo il parto è al minimo storico, quindi le giovani madri dovranno accettare che impazziranno per l'ansia per un po '.

Ma c'è anche un lato positivo: l'ossitocina è anche chiamata l'ormone dell'amore, è lui che permette a una donna di provare una tenerezza folle nei confronti di un neonato, e questa sensazione vale tutte le esperienze.

3. Il cervello funziona meglio

Dopo il parto, le donne diventano più intelligenti, lo hanno scoperto gli scienziati. Il cervello si espande di volume per soddisfare i bisogni non solo della sua amante, ma anche di suo figlio. Ecco perché le giovani madri sono lavoratrici ancora migliori delle loro controparti nullipare. “Sii più efficace nel prendere decisioni, sii emotivamente stabile, pensa a diverse strategie per risolvere il problema. Sembra un grande leader! ", Afferma la ricercatrice Kelly Lambert, che studia il cervello di una donna durante e dopo la gravidanza..

Il neuroscienziato Craig Kinsley osserva che la nascita di un bambino non è solo un evento nella vita di una donna, ma un'intera fase del suo sviluppo mentale, come, ad esempio, un'età di transizione..

4. Il corpo è in allerta per una nuova gravidanza

Durante la gravidanza, l'immunità di una donna diminuisce in modo significativo: questo è necessario affinché il corpo non rigetti le cellule estranee del feto e non si verifichi un aborto spontaneo. Le cellule T regolatorie, che impediscono il rigetto dell'embrione, sono responsabili di garantire che il bambino sopravviva nel grembo materno e non diventi una vittima del sistema immunitario della madre. Gli scienziati hanno scoperto che queste cellule dopo il parto rimangono nel corpo della madre per altri 4-5 anni - durante questo periodo sono pronte a mobilitare il corpo il più rapidamente possibile in caso di una nuova gravidanza.

Ecco perché molto spesso le donne ammettono che è stato più facile per loro dare alla luce un secondo figlio - ovviamente, perché la loro immunità è completamente pronta per questo, mentre la prima volta ha dovuto fare un ottimo lavoro.

5. Forma una connessione con il bambino a livello fisico

Dopo la nascita di un bambino, il suo legame fisico con la madre non viene interrotto. Nel corpo di una donna, le cellule di un figlio o di una figlia possono rimanere e funzionare, hanno scoperto scienziati dell'Università di Albert in Canada. Hanno analizzato il cervello delle donne che hanno dato alla luce maschi e nel 63% dei casi hanno trovato cellule maschili al suo interno..

I ricercatori hanno concluso che le cellule del bambino possono penetrare la barriera placentare nel corpo della madre e continuare a funzionare lì. A proposito, le cellule maschili nel cervello di una donna riducono la probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer..

6. Il corpo si rinnova

Riguarda il sangue del bambino che nasce: avvia i processi di rigenerazione nel corpo della madre. Le cellule embrionali aiutano una donna incinta a guarire le ferite e possono anche curare malattie gravi. Ad esempio, una biopsia epatica di una donna incinta con epatite C che ha interrotto il trattamento ha mostrato un miglioramento. Gli scienziati hanno scoperto che la fonte delle sue cellule epatiche erano cellule fetali.

Inoltre, la gravidanza può anche prolungare la vita, soprattutto se è in ritardo. Gli scienziati hanno scoperto che le donne Sami che hanno avuto figli in età avanzata vivevano più a lungo delle altre. Allo stesso tempo, l'età della prima gravidanza e la fertilità non erano associate all'aspettativa di vita delle donne. Risultati simili sono stati trovati in uno studio della comunità Amish in Pennsylvania.

7. Riduce il rischio di cancro

Dopo il parto, il corpo di una donna attiva i meccanismi di difesa contro alcuni tipi di cancro. Ad esempio, le madri che danno alla luce un bambino in tempo hanno un rischio ridotto di cancro ovarico ed endometriale. Inoltre, con ogni nuova gravidanza a termine, questo rischio è inferiore. Le ragazze che diventano madri prima dei 25 anni e i bambini che allattano sono meno suscettibili al cancro al seno.

Cosa non fare dopo il parto: 10 divieti importanti

Dopo la nascita di un bambino, molte madri vogliono tornare rapidamente al loro modo di vivere precedente, ritrovare la loro forma e immergersi nella crescita di un bambino. Tuttavia, il periodo postpartum è molto importante, perché in questo momento il corpo della madre viene ripristinato e la salute futura della madre dipende da come si riprende. Pertanto, molti medici raccomandano alle madri di seguire alcune raccomandazioni che ridurranno significativamente il rischio di complicanze ed effetti avversi. In questo articolo, esamineremo i 10 divieti principali che non dovrebbero essere violati per evitare problemi di salute..

Non utilizzare assorbenti interni dopo il parto

Alla domanda: "È possibile usare tamponi dopo il parto?", I dottori rispondono con un "No" categorico. Poiché gli intensi cambiamenti ormonali che si verificano nelle prime sei settimane dopo il parto sono accompagnati dal rifiuto della lochia, gli esperti raccomandano vivamente di utilizzare solo assorbenti speciali, ma non tamponi. All'inizio, la lochia è abbastanza abbondante e contiene molto sangue e particelle delle membrane. Alla fine, la selezione diventa trasparente e scarsa. Ma anche dopo, è troppo presto per usare gli assorbenti interni. Separatamente, va detto che se la nascita di una donna è avvenuta con lacrime e crepe nel perineo, è severamente vietato usare i tamponi! I medici consigliano di utilizzare gli assorbenti interni solo dopo che il ciclo mestruale è ripreso, quando la scarica si è normalizzata e avrà uno stato uniforme..

Nel periodo successivo, è molto importante osservare l'igiene, lavare i genitali dopo aver usato il bagno. Questo va fatto utilizzando acqua bollita con l'aggiunta di un decotto di erbe officinali. È anche importante cambiare regolarmente le guarnizioni, ogni due ore, anche se non si riempiono.

Trascurare le norme igieniche può portare alla crescita di batteri e allo sviluppo di infiammazioni..

Non auto-medicare dopo il parto

Anche se la mamma non è stata in grado di stabilire l'allattamento al seno, l'automedicazione e l'assunzione di farmaci senza prescrizione medica non sono desiderabili. Per le donne che allattano, il divieto dei farmaci è ancora più importante. Dopotutto, la maggior parte dei farmaci passa nel latte materno e influisce negativamente sulla salute del bambino. Una volta nel latte, portano alla rottura degli organi e dei sistemi del bambino. Gli effetti collaterali possono comparire nel bambino sotto forma di maggiore irritabilità, pianto, gonfiore, diminuzione dell'appetito e comparsa di disbiosi. Tutto ciò può influire negativamente sul funzionamento del fegato, del cuore del bambino e di altre funzioni della sua salute. Una giovane madre dovrebbe ricordare che prima di assumere farmaci, anche per il mal di testa, deve assolutamente consultare un medico, che, forse, consiglierà di interrompere l'allattamento per un po 'e di estrarre il latte per mantenere l'allattamento. In genere, i farmaci vengono rimossi entro 24-48 ore dall'assunzione dei farmaci. Una categoria speciale di farmaci comprende: anticonvulsivanti, contenenti ormoni, vasocostrittori, antibiotici, sedativi, contraccettivi ormonali e persino alcune erbe.

Non dovresti auto-medicare se stiamo parlando di temperatura corporea elevata dopo il parto. Non "trattare" con paracetamolo o ibuprofene, i motivi possono essere molto gravi. Ricorda che è importante consultare un medico, anche se sei sicuro che la temperatura sia salita a causa di un latte freddo o stagnante.

Non puoi indossare una benda se ci sono controindicazioni

Molte mamme considerano la benda una cosa sicura e solo utile, con la quale puoi accelerare il recupero del corpo e tornare alle forme precedenti. Tuttavia, la benda non ha solo proprietà cosmetiche, ma anche proprietà medicinali, quindi non vale la pena usare la benda da soli, senza consultare un medico, poiché ha alcune controindicazioni e indicazioni rigorose. Un medico in un ospedale di maternità può anche raccomandare di indossare una benda se ci sono indicazioni dirette per questo. Se non ci sono controindicazioni evidenti, in ogni caso, chiedi nuovamente al medico.

Quindi, per quali indicazioni il medico può prescrivere di indossare una benda:

  • sensazioni dolorose dopo un taglio cesareo;
  • problemi con il sistema muscolo-scheletrico: curvatura della colonna vertebrale, scoliosi, osteocondrosi, radicolite, ecc..
  • pancia cadente e smagliature;
  • diminuzione del tono del corsetto muscolare.

Per quanto riguarda le controindicazioni per indossare una benda, è possibile elencare quanto segue:

  • suture nel perineo;
  • malattie renali e gonfiore indotto dal nome;
  • problemi con il tratto gastrointestinale;
  • malattie della pelle o allergiche ed eruzioni cutanee.

Una benda dopo il parto è ovviamente una cosa conveniente, ma va ricordato che nel periodo postpartum per la perdita di peso è necessario dedicare tempo all'attività fisica, che affronterà il compito in modo molto più efficace.

Non puoi metterti a dieta

Il desiderio naturale di una madre dopo il parto è perdere rapidamente il peso in eccesso accumulato. Pertanto, molte persone scelgono una dieta che spesso include evitare determinati cibi e limitare le calorie. I medici esperti non consigliano di farlo, inoltre, se la madre sta allattando. Osservare una certa nutrizione durante l'allattamento, ovviamente, è necessario, quindi è necessario limitare i cibi grassi, piccanti, salati, fritti, mentre è importante osservare il contenuto calorico del cibo, che dovrebbe essere in media 2200-2500 kcal al giorno. Allo stesso tempo, non dovresti limitare la quantità di cibo per "perdere l'eccesso". Il corpo stesso tornerà alla normalità quando esce il liquido in eccesso e il volume del sangue circolante diminuisce. In circa due mesi, tutti i principali organi e apparati di una donna ricostruiscono il loro lavoro dopo una gravidanza completata.

Non puoi fare il bagno nel periodo postpartum

Non essere in ritardo con lo svuotamento della vescica

Ogni donna dopo il parto dovrebbe monitorare lo svuotamento tempestivo della vescica. È meglio andare in bagno ogni 2-3 ore, anche se non c'è bisogno di urinare. Il fatto è che la sensibilità della vescica può diminuire dopo il parto, ciò è dovuto al fatto che l'utero, che viene allungato dopo il parto, non preme sulla vescica. Il tono della vescica diminuisce, le sue pareti si gonfiano e si allungano fortemente, cambiando la posizione degli organi addominali e pelvici a causa della grande quantità di urina. Questa condizione è irta dello sviluppo di cambiamenti infettivi e infiammatori negli organi del sistema urinario stesso, nonché dell'infiammazione e della complicazione della condizione dall'utero, dalle appendici e dall'intestino.

Con la minzione regolare, l'utero si contrae e viene ripristinata la corretta posizione degli organi situati nella piccola pelvi. Inoltre, aderendo a questo regime, la donna smetterà rapidamente di sanguinare dal tratto genitale e si verificherà un completo ripristino del loro lavoro. Di solito, dopo un po 'di tempo dal parto, il processo urinario torna alla normalità..

Non puoi fare sesso nel periodo postpartum

Dopo il parto, i ginecologi sconsigliano di fare sesso per 6-8 settimane. Durante questo periodo, il sistema riproduttivo della madre viene ripristinato, la dimensione dell'utero diminuisce alla dimensione normale. Inoltre, durante questo periodo, la maggior parte delle donne mantiene la dimissione postpartum (lochia), e questo rende anche l'astinenza dal sesso dopo il parto una necessità. Il sesso precoce dopo il parto può essere spiacevole per una donna e persino doloroso a causa della secchezza vaginale. Una libido sottovalutata di una donna che ha partorito è un fenomeno normale, se dopo il parto non si vuole fare sesso, questa è solo una difesa naturale contro complicazioni e gravidanze indesiderate. Nel tempo, tutto tornerà alla normalità.

Dopo che il bambino è nato con taglio cesareo, il ginecologo può raccomandare il riposo sessuale fino a 1-2 mesi. Anche la sutura sull'utero e la sutura sulla pelle dell'addome devono guarire prima che la coppia possa tornare al sesso..

Soprattutto spesso, il prolungamento del periodo di astinenza sessuale è associato alla sutura dopo la rottura dei tessuti molli del canale del parto o dell'episiotomia. Se una donna ha un travaglio complicato con lacrime perineali, dovrà aspettare che i punti guariscano. Non puoi disturbarli, altrimenti potrebbero disperdersi. Inoltre, a causa dei punti sul perineo, il sesso dopo il parto può essere doloroso e la donna stessa avrà paura di riprendere il sesso. Vale anche la pena notare che se i punti sono stati posizionati sul perineo (a causa di episiotomia o rottura dei tessuti interni), la donna non dovrebbe sedersi per 3 settimane dopo il parto. Ciò è necessario affinché i tessuti siano completamente ripristinati e non vi siano divergenze delle cuciture..

In caso di complicazioni postpartum (ad esempio, raschiamento dell'utero dopo il parto), a una donna può essere vietato fare sesso per un massimo di 1-2 mesi. Successivamente, il periodo può essere esteso fino a quando il canale del parto non è completamente guarito. Se si sono verificate complicazioni, il medico dirà alla coppia quando sarà possibile fare sesso.

Non perdere o rimandare le visite dal ginecologo

Di norma, la visita dovrebbe essere immediatamente, dopo la riduzione della scarica sanguinolenta postpartum - lochia. Durante il parto con l'aiuto di un cesareo, una visita dal medico può essere effettuata a 6-8 settimane, quando le suture sul perineo hanno il tempo di guarire un po ', il che consente un esame di alta qualità. In questo caso, è necessario assicurarsi che il muco separato sia leggero e privo di impurità sanguinolente, altrimenti la visita dal medico non può essere posticipata. Non si può ritardare con una visita, anche quando la temperatura corporea aumenta, questo può indicare un'infiammazione dell'utero o delle cuciture interne. Anche la comparsa di un odore sgradevole, sanguinamento abbondante o forte dolore dovrebbe allertare la mamma. Qualsiasi arrossamento e infiammazione delle cuciture esterne indica un'infezione associata. Pertanto, il primo esame postpartum da parte di un ginecologo dovrebbe essere eseguito diverse settimane dopo la dimissione. Se si verificano i sintomi allarmanti sopra descritti, consultare immediatamente un medico, questo è l'unico modo per evitare complicazioni pericolose.

Non puoi fare sport, scarica la stampa

Per 2-3 mesi dopo il parto, una donna non dovrebbe praticare sport attivi, durante i quali è possibile un'attività fisica intensa. Inoltre, non puoi saltare, correre, eseguire esercizi relativi al sollevamento di pesi superiori a 3,5 kg. Nel periodo postpartum vanno evitati anche esercizi legati al carico sui muscoli addominali, come: alzare entrambe le gambe da posizione prona, portare le ginocchia piegate al petto da posizione prona, sollevare la parte superiore del corpo da posizione prona, alternare oscillazioni delle gambe. Questi esercizi possono provocare sanguinamento uterino o interrompere il ritorno dell'utero al suo stato originale..

Prima di iniziare l'attività sportiva dopo il parto, è consigliabile farsi visitare da un ginecologo, soprattutto se ci sono state complicazioni dal periodo postpartum o da un taglio cesareo. In assenza di controindicazioni, puoi tornare allo stress prenatale, tenendo conto della forma fisica. È meglio iniziare a caricare i muscoli addominali con esercizi di respirazione, curve e giri del busto, grazie a loro vengono allenati i muscoli addominali obliqui.

Un esercizio popolare tra i tanti - l'aspirazione dell'addome, è sicuramente un buon modo per mantenere il tono dei muscoli addominali, tuttavia, per una madre appena nata, è controindicato. Per iniziare l'esercizio, tutte le dimissioni postpartum dovrebbero terminare, dopodiché dovresti aspettare anche meno di 2 mesi. Altrimenti, è possibile sanguinamento ripetuto, avvelenamento del corpo con tossine..

Abbiamo parlato di più su come perdere peso dopo il parto in questo articolo..

Non dovresti rifiutare l'aiuto e fare tutto da solo

Nel periodo postpartum, molte donne sviluppano un blues associato a difficoltà nel prendersi cura di un bambino e alle faccende domestiche. All'inizio, è particolarmente difficile per la mamma stabilire una vita e prendere un ritmo. Una donna fa del suo meglio per essere una buona madre, per far fronte ai suoi doveri, ma qualsiasi difficoltà porta alla disperazione e sforzi ancora maggiori da parte sua. Vedendo lo stato della donna, le persone intorno a lei cercano di aiutarla in casa. Tuttavia, a causa della ristrutturazione del corpo, dei cambiamenti ormonali e di uno stato depressivo postpartum, tale aiuto può offendere una nuova madre. Le può sembrare che i parenti la considerino una cattiva casalinga e madre..

Psicologi esperti raccomandano vivamente di non provare a rifare da soli tutte le faccende domestiche, anche se sembra che nessuno le farà meglio di te. Puoi e dovresti chiederlo a tuo marito oa qualcuno dei tuoi parenti. Se non devi contare sull'aiuto, puoi rimandare le preoccupazioni che non riguardano direttamente la madre e il bambino e senza la cui soluzione non accadrà nulla di catastrofico. Cerca di distribuire le responsabilità in casa in modo da avere tempo per riposarti. Quando il bambino si è addormentato, non correre a correre a stirare la biancheria, sdraiati e rilassati con lui. Una madre calma e riposata è molto più importante per un bambino di un pannolino perfettamente stirato. Se ti sembra che sarai condannato per la biancheria non stirata o per una casa non pulita, chiedi aiuto ai tuoi cari, lasciali sedere con il bambino e andrai tranquillamente a fare affari.

Ricorda che con lo stress prolungato, le difese immunitarie del corpo diminuiscono. La mancanza di sonno e riposo provoca l'insorgenza o l'esacerbazione di varie malattie, una diminuzione dell'umore e lo sviluppo di gravi conseguenze. Nel tempo, tutto si risolverà e tornerà al suo solito ritmo..

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Trattamento dell'ombelico in un neonato dopo la dimissione dall'ospedale

Parto

Dopo la nascita di un bambino, iniziano le faccende quotidiane per i genitori. Mamme e papà inesperti non riescono ancora ad abituarsi al loro ruolo, molti problemi sembrano per loro completamente insolubili.

Collant durante la gravidanza: puoi indossare

Concezione

Articoli di esperti mediciPrima che venissero inventati i collant, le donne, comprese le donne incinte, ne facevano a meno. L'industria della moda moderna, prendendosi cura della bellezza e del comfort delle donne, offre stili speciali di lingerie, compresi i collant durante la gravidanza.

Lettini per neonati IKEA

Concezione

Tutti i genitori, nessuno escluso, aspettano con impazienza la nascita del loro bambino. Cercano di prepararsi per questo evento in modo che il nuovo membro della famiglia sia comodo e accogliente.

Trattamento della tracheite durante la gravidanza

Nutrizione

Ragioni per lo sviluppo di tracheite acuta e cronica durante la gravidanzaLa principale causa di tracheite, o infiammazione della trachea, sono agenti infettivi di origine batterica o virale.