Principale / Parto

Gonfiore durante la gravidanza. Perché sorgono e cosa fare

Il verificarsi di edema durante la gravidanza è molto comune. Nella maggior parte dei casi, si tratta di un difetto estetico temporaneo e non può essere considerato una minaccia per la salute della madre o del nascituro. Tuttavia, alcune forme di edema indicano cambiamenti pericolosi nel corpo materno, quindi, ad ogni appuntamento nella clinica prenatale, le donne in gravidanza vengono controllate le caviglie, misurato il peso corporeo.
Cerchiamo di capire perché l'edema si manifesta durante la gravidanza, cosa sono, cosa sono, come identificarli e come eliminare il gonfiore.

Cause di edema durante la gravidanza
L'edema è una maggiore quantità di liquido nei tessuti. Quando una donna trasporta un bambino, il volume del fluido nel suo corpo aumenta in modo significativo: normalmente di 6-8 litri. Di questi, 4-6 litri vengono spesi per il feto, il liquido amniotico e la placenta, mentre i restanti 2-3 litri vengono distribuiti nel corpo della madre: nelle ghiandole mammarie ingrossate e nei depositi di grasso aggiuntivi.
Tuttavia, a volte viene trattenuto più fluido nel corpo della futura mamma di quanto dovrebbe essere, cioè si forma l'edema. Il gonfiore durante la gravidanza è:
• Fisiologico.
• Patologico.
L'edema fisiologico durante la gravidanza è chiamato edema temporaneo, che può essere facilmente rimosso. Non sono pericolosi, sono normali per le donne nella seconda metà del periodo di gestazione e non richiedono alcun trattamento. Le cause dell'edema fisiologico durante la gravidanza sono:
• piccola crescita;
• peso in eccesso;
• caldo;
• superlavoro;
• lunga camminata o lunga permanenza in una posizione;
• indossare scarpe con i tacchi;
• l'uso di sottaceti, carni affumicate, altri alimenti nocivi;
• pressione dell'utero e del feto sulla vena cava inferiore.
Di norma, per sbarazzarsi di tale edema, una donna deve solo eliminare la causa..
Le cause dell'edema patologico durante la gravidanza sono dettate da gravi problemi di salute. Può essere:
• Aumento della permeabilità delle membrane vascolari. Per questo motivo, il fluido dai capillari e dalle vene inizia a penetrare nei tessuti vicini..
• Ispessimento del sangue.
• Scarso flusso sanguigno e linfatico agli arti inferiori, vene varicose.
• Violazione del metabolismo del sale marino. Può essere causato dall'accumulo di sodio.
• Gestosi.
• Squilibrio ormonale (problemi alle ghiandole surrenali, al pancreas, alla tiroide).
• Malattie del cuore, del fegato, del sistema genito-urinario.
La futura mamma non è in grado di eliminare da sola le cause dell'edema patologico durante la gravidanza. Di regola, insieme alla ritenzione di liquidi, in questo caso si notano picchi di pressione e le proteine ​​si trovano nelle urine. La situazione richiede un intervento medico immediato: trattamento complesso urgente, ricovero in ospedale o anche parto urgente.

Qual è il pericolo di edema durante la gravidanza? Come viene determinato il gruppo di rischio?
Se l'edema fisiologico durante la gravidanza è innocuo e facilmente eliminato, l'edema patologico può minacciare la salute e persino la vita della madre e del bambino. Se l'accumulo di liquidi in eccesso nel corpo è causato dalla gestosi, possono svilupparsi le seguenti condizioni:
1. Preeclampsia. Vi è una violazione della circolazione cerebrale, che si manifesta in emicrania, vertigini, scarsa coordinazione, acufene e visione offuscata. Si nota anche dolore all'addome. Può svilupparsi una condizione febbrile.
2. Eclampsia. Questa è la fase più grave della gestosi, caratterizzata da pressione sanguigna molto alta. Il paziente inizia convulsioni, finendo in coma o addirittura con la morte.
La comparsa di edema patologico durante la gravidanza è più spesso osservata nelle donne che:
• di fronte a gestosi in una precedente gravidanza;
• attesa di gemelli o terzine;
• vivere in cattive condizioni di vita;
• lavorare in produzioni pericolose;
• sono inclini a edema latente;
• sono in sovrappeso;
• ha una storia di problemi ormonali, cardiaci, epatici o renali.
A rischio anche le bambine (sotto i 18 anni) e le donne che decidono di avere la prima gravidanza a 30 anni.

Come scoprire se hai gonfiore?
È difficile perdere la comparsa di edema durante la gravidanza. In caso di edema fisiologico, questo si verifica dopo 30 settimane e l'edema patologico può verificarsi già a 20 settimane. Secondo la gravità del gonfiore, sono divisi in 4 fasi:
1. Mani, caviglie e polpacci leggermente gonfi.
2. Il gonfiore si estende ai piedi e al basso ventre.
3. Gonfiore del viso.
4. Si sviluppa "idropisia" o edema generale. Il fluido si accumula in diversi volumi in quasi tutti i tessuti.
A volte l'edema durante la gravidanza rimane quasi invisibile, ma possono essere rilevati da alcuni segni. Eccoli:
• Difficoltà a mettere gli anelli alle dita.
• Le scarpe familiari diventano improvvisamente anguste e irritano i piedi. Gli stivali stretti smettono di abbottonarsi.
• Togliendoti i calzini, noti che ci sono segni sui tuoi piedi che non scompaiono per molto tempo.
• La pelle in alcuni punti diventa plastica: dopo aver premuto con un dito, una fossa rimane a lungo su di essa.
Edema latente, che non può essere determinato da segni esterni, i medici determinano con due metodi:
1. Calcolando l'aumento di peso giornaliero di una donna incinta. Se il peso corporeo aumenta di oltre 300 g al giorno per diversi giorni consecutivi, significa che si forma un edema nascosto.
2. Calcolo della produzione di urina. Una donna dovrebbe contare il volume giornaliero di liquidi bevuti (insieme alle zuppe) e di urina escreti durante lo stesso periodo. Se la differenza risultante è superiore al 20-25%, ciò indica un edema interno.

Prevenzione e trattamento dell'edema durante la gravidanza

Se una donna è incline all'accumulo di liquido in eccesso, sarà difficile prevenire lo sviluppo di edema durante la gravidanza. Tuttavia, è possibile ridurre al minimo il rischio di complicanze e alleviare in modo significativo le condizioni del paziente. Le misure per la prevenzione e il trattamento dell'edema durante la gravidanza includono i seguenti punti:
• Nutrizione appropriata. Tutti i pasti dovrebbero essere bilanciati in proteine, grassi e carboidrati. Vale la pena abbandonare completamente prodotti semilavorati, soda, caffè, sottaceti, formaggi salati, cibi affumicati e piccanti. Inoltre, non esagerare con i dolci..
• Bere abbastanza liquido: 1,5 litri al giorno.
• Indossare scarpe comode, evitando i tacchi.
• Massaggio periodico ai piedi.
• Sonno adeguato.
• Stile di vita attivo: passeggiate regolari ma non faticose, ginnastica speciale, nuoto.
• Indossare una benda speciale. A volte si consigliano calze a compressione.
• Riposo periodico in posizione ginocchio-gomito.
Dovresti anche seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico. Se si nota edema durante la gravidanza, i ginecologi di solito prescrivono farmaci speciali, diuretici a base di erbe e vitamine per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.
In un caso avanzato, può essere richiesto il ricovero in ospedale in modo che il trattamento venga effettuato in condizioni di ricovero sotto la supervisione di specialisti. Non rifiutare, perché tali misure proteggono te e tuo figlio..

Conclusione

Quindi, il gonfiore durante la gravidanza è abbastanza comune, ma quando sono di natura patologica, può minacciare la vita della madre e del nascituro. Pertanto, già dalle prime settimane di gravidanza, dovresti condurre uno stile di vita corretto e frequentare regolarmente una clinica prenatale. Ciò consentirà un'identificazione tempestiva del problema e l'avvio del trattamento..

Perché si verifica l'edema durante la gravidanza e cosa fare?

Molte donne incinte appena nate sanno che durante il periodo di gravidanza, gambe, braccia, viso possono gonfiarsi. E sembra essere considerato normale, perché questo accade spesso. Ma perché, allora, i medici seguono i test così diligentemente e prestano certamente attenzione al fatto che il loro reparto sia gonfio? L'edema "gravido" è pericoloso??

Il gonfiore è una condizione in cui il fluido in eccesso si accumula nei tessuti. Lo notiamo sotto forma di gonfiore, che si manifesta principalmente sul viso e sulle gambe, ma anche durante la gravidanza, le mani, l'addome, la parte bassa della schiena possono gonfiarsi..

In effetti, il gonfiore durante la gravidanza è un fenomeno comune e ha le sue spiegazioni. In primo luogo, il fabbisogno di liquidi del corpo è in costante aumento, quindi più lontano, più una donna vuole bere. Gran parte del peso acquisito durante la gravidanza è fluido. In secondo luogo, il sodio si accumula nel corpo di una donna - nei vasi e in tutti i tessuti, ad eccezione dell'osso. E il sodio, come sai, attrae e quindi trattiene l'acqua nel corpo. Ecco come appare il gonfiore.

Il naso si gonfia durante la gravidanza

Innanzitutto, la ritenzione di liquidi nei tessuti si manifesta sul viso della donna: si arrotonda, le palpebre si gonfiano e visivamente gli occhi diventano sempre più stretti. Spesso, l'edema renale inizia con gonfiore sul viso, che richiede un trattamento, come descritto di seguito..

Tra l'altro, si gonfia anche il naso. Ma non è affatto escluso che un tale sintomo abbia una natura diversa. I problemi con la respirazione nasale sono abbastanza comuni tra le donne nella posizione. Spesso si tratta di un "naso che cola durante la gravidanza", causato da cambiamenti ormonali. Allo stesso tempo, la mucosa nasale si gonfia, la respirazione attraverso il naso diventa difficile, appare prurito e secchezza nel naso - la donna avverte un forte disagio.

La rinite delle donne in gravidanza può manifestarsi in diversi momenti della giornata (ad esempio, solo la sera e di notte o durante il giorno), in periodi diversi, e in alcuni casi accompagnare l'intera gravidanza. Ma dopo il parto, questo spiacevole compagno scomparirà. La cosa principale ora è trovare un rimedio sicuro efficace per il naso che cola e la congestione nasale. Di per sé, un naso che cola di donne incinte non è pericoloso, ma può portare a un insufficiente apporto di ossigeno al feto, il che è molto indesiderabile.

Il gonfiore del naso durante la gravidanza potrebbe essere una manifestazione allergica. Analizza tutte le tue azioni recenti e valuta la probabilità: potrebbe essere necessario trovare la fonte dell'allergene (nuovo detersivo, piante da fiore, ecc.)

A volte il gonfiore del naso e delle labbra appare dalle prime settimane di gravidanza come il primo segno, sebbene molto più spesso tale gonfiore nasale si manifesti già nelle ultime settimane di gravidanza. In generale, tutto è abbastanza individuale: molte donne incinte non sperimentano nulla di simile..

Le mani e le dita si gonfiano durante la gravidanza

Le mani e le dita si gonfiano molto più spesso durante la gravidanza. La donna avverte formicolio alle dita, bruciore ai polsi, intorpidimento alle mani. Un chiaro segno di gonfiore può essere considerato gonfiore delle dita al punto che diventa impossibile rimuovere l'anello. Un altro modo per controllare l'edema è premere il dito sulla pelle della mano: se c'è un'ammaccatura, allora possiamo parlare di gonfiore.

La formazione di gonfiore alle mani durante la gravidanza è più suscettibile alle donne che lavorano molto con il mouse e la tastiera del computer o fanno altre cose che richiedono più ripetizioni delle stesse azioni, ad esempio lavorare a maglia o modellare. In questo caso si sviluppa la cosiddetta sindrome del tunnel: il liquido che si accumula nel polso esercita una pressione sul nervo che passa qui, provocando dolore..

La ginnastica a mano e più riposo non ti faranno affatto male.

Se il gonfiore delle mani e delle dita durante la gravidanza è combinato con altri edemi - la schiena, l'osso sacro, il basso addome - allora dovresti informare il tuo medico di questo..

Le gambe si gonfiano durante la gravidanza

Tuttavia, molto spesso le gambe si gonfiano durante la gravidanza. Si gonfiano notevolmente, diventa incredibilmente difficile indossare le vecchie scarpe, soprattutto se hai camminato e tolto molto prima. Il primo segno di gonfiore alle gambe può essere un segno alla caviglia di un elastico di calzini..

Nella maggior parte dei casi, il gonfiore delle gambe durante la gravidanza appare nel terzo trimestre e non è pericoloso. Quasi ogni donna incinta avverte gonfiore delle gambe di vari gradi, quindi non dovresti preoccuparti troppo di questo. Ma possono anche essere uno dei segni della tossicosi tardiva, una condizione decisamente pericolosa sia per il bambino che per la donna. Pertanto, questo fatto non può essere ignorato e in nessun caso. Parla con il tuo medico di come prevenire e trattare il gonfiore delle gambe: è davvero facile da fare a casa.

Se al mattino il gonfiore delle gambe non scompare e insieme alle gambe si gonfiano le braccia, il viso, l'addome e la parte bassa della schiena, allora dovresti visitare immediatamente il medico.

Gonfiore durante la gravidanza: rimedi popolari

Di solito, se la causa della comparsa dell'edema in una donna incinta viene eliminata, scompaiono da sole entro pochi giorni. Per fare ciò, è necessario ridurre significativamente il consumo di sale da cucina, non lavorare troppo, garantire un riposo normale ed escludere l'esposizione al sole..

È un errore pensare di aver bisogno di bere il meno possibile. Oggi i medici non consigliano più alle donne in gravidanza di ridurre l'assunzione di liquidi in caso di gonfiore. Dopotutto, ora è impossibile fare a meno del liquido, è semplicemente necessario per il normale sviluppo della gravidanza, inoltre, una forte riduzione della sua quantità porterà all'effetto opposto: il corpo inizierà ad accumulare acqua per la conservazione. Quindi dovresti comunque bere abbastanza - almeno 1,5 litri, escluse zuppe e frutta. È meglio bere acqua pura, puoi aggiungere limone, mirtillo rosso e anche le bevande alla frutta di mirtillo rosso sono molto utili (hanno un effetto diuretico). Ma rinuncia al caffè adesso.

Elimina tutti i fattori provocatori. Mangiare cibi meno salati (prima di tutto escludere crauti, sottaceti, aringhe, pane nero, noci sott'aceto, olive), spezie, bevande gassate, cibi contenenti molto sodio (pomodori, semi, noci), rinunciare al fritto, affumicato. Aumenta invece la quantità di proteine ​​nella tua dieta. Una volta alla settimana, puoi trascorrere una giornata di digiuno con mele e succo.

Non camminare con il caldo, non lavorare troppo, non sederti a lungo in una posizione, fare esercizio (se non ci sono controindicazioni, ovviamente). Un buon riposo e passeggiate all'aria aperta sono di grande importanza. Metti i piedi su un'altura mentre dormi. Per alleviare la condizione aiuterà l'adozione della posizione ginocchio-gomito per 5-10 minuti.

Edema durante la gravidanza: 7 importanti raccomandazioni del medico

L'edema durante la gravidanza è una condizione che si verifica nella maggior parte delle donne. Secondo le statistiche, solo il 20% delle donne incinte non li affronta. Spesso l'edema non influisce in alcun modo sul corpo della futura mamma e del suo bambino, ma a volte possono accompagnare condizioni abbastanza pericolose che richiedono esame e trattamento. Cosa sono gli edemi durante la gravidanza ed è necessario trattare una qualsiasi delle loro manifestazioni?

Isabella Charchyan
Ostetrico-ginecologo, Mosca

L'edema è un accumulo in eccesso di liquido nello spazio interstiziale di qualsiasi parte del corpo. Durante la gravidanza, la quantità di liquido circolante nel corpo di una donna quasi raddoppia, poiché è contenuta nel liquido amniotico, la placenta, ed è necessaria anche al bambino in crescita e al suo sistema circolatorio. Allo stesso tempo, il metabolismo del sale marino cambia (il sodio si accumula nei vasi, il che ritarda l'escrezione del fluido) e l'utero in crescita preme sui vasi e sugli organi, rallentando la circolazione sanguigna e favorendo la ritenzione di liquidi. Oltre a tutto ciò, il cambiamento dei livelli ormonali durante questo periodo provoca una sensazione di sete, che porta anche all'edema..

L'edema come sindrome accompagna molte malattie di vari organi e sistemi del corpo: endocrino, cardiovascolare, renale e altri processi infiammatori.

Il gonfiore (soprattutto grande) non è solo un sintomo che sembra antiestetico e ti dà disagio. Possono essere piuttosto pericolosi. A causa del grave gonfiore della madre, il bambino può soffrire di ipossia (mancanza di ossigeno) e la futura mamma stessa può soffrire di edema degli organi interni e, di conseguenza, interruzione del lavoro. L'edema può anche essere uno dei sintomi della preeclampsia, una condizione, con un grado grave di cui può sorgere anche la questione della nascita prematura. Pertanto, l'aspetto (e anche il loro possibile aspetto) è importante da monitorare nella fase iniziale..

Tuttavia, a volte anche l'edema grave non disturba una donna incinta e la sua salute rimane soddisfacente. Anche in una situazione del genere, è meglio consultare un medico, poiché in oltre il 90% di questi casi la condizione peggiora (la proteina appare nelle urine, la pressione sanguigna aumenta) e si trasforma in gestosi.

Di norma, l'edema inizia a disturbare la futura mamma dalla 30a settimana (e con la gestosi - dalla 20a settimana) di gravidanza.

Un edema grave può accompagnare le donne in gravidanza in attesa di gemelli o semplicemente che trasportano un feto di grandi dimensioni.

Edema nascosto durante la gravidanza: che cos'è?

Sembra che il gonfiore sia sempre un problema ovvio. Tuttavia, questo non è del tutto vero. Oltre all'evidente edema, ci sono i cosiddetti nascosti (edema degli organi interni e dei tessuti). Un ostetrico-ginecologo che ti osserva può aiutare a rilevarli conducendo diversi esami:

  1. Pesare regolarmente. Molto spesso l'edema latente è indicato da un aumento di peso eccessivo - più di 300 g a settimana.
  2. Misurazione regolare della circonferenza della gamba. L'edema latente complicato è indicato da un aumento della circonferenza della parte inferiore della gamba di 1 cm o più (le misurazioni vengono effettuate una volta alla settimana).
  3. Studio degli indicatori della produzione giornaliera di urina. La diuresi è il volume di urina prodotta in un determinato periodo di tempo. Confronta la quantità di liquido che è stata bevuta con il volume di urina escreta. Normalmente, 3⁄4 di tutti i liquidi bevuti vengono rilasciati al giorno (questo include acqua e altre bevande, frutta e zuppe).

Di norma, il medico può scoprire se una donna è incline all'edema nelle prime settimane di gravidanza. Riceve informazioni in merito dall'esame della paziente, dallo studio della sua costituzione, ereditarietà, storia medica, nonché da un esame del sangue per la biochimica. Prima si sa se si può avere edema, prima si possono adottare misure per prevenirli..

Fisiologia e patologia dell'edema durante la gravidanza

L'edema può essere fisiologico e patologico. L'edema fisiologico di solito non causa complicazioni e dà solo alla donna incinta una sensazione di insoddisfazione per il suo aspetto. La loro origine è dovuta al fatto che l'utero in crescita comprime i vasi - questo impedisce il normale deflusso di sangue. L'utero preme anche sugli ureteri, il che causa ritenzione di liquidi durante la gravidanza e, di conseguenza, gonfiore. L'edema di tipo fisiologico può anche essere associato alla costituzione della stessa donna incinta: nelle donne di bassa statura e con aumento del peso corporeo, si verificano più spesso.

L'edema patologico, di regola, accompagna la preeclampsia (tossicosi tardiva), una complicanza della gravidanza che può verificarsi nel terzo trimestre. I suoi sintomi sono ipertensione, escrezione urinaria di proteine ​​(normalmente assente), nausea, vomito, mal di testa, convulsioni (eclampsia), febbre, sonnolenza o, al contrario, grave agitazione, più grave edema. Tuttavia, la gestosi può non essere accompagnata da edema e tale gestosi "secca" è considerata un caso più grave. Inoltre, la gestosi non è necessariamente accompagnata da tutti i sintomi di cui sopra. La cosa più pericolosa è la presenza di convulsioni. In ogni caso, la gestosi richiede quasi sempre l'aiuto di un medico e la presenza di una donna incinta in un ospedale. Prima inizi a trattarlo, minori sono le possibilità che diventi grave..

Gonfiore delle gambe durante la gravidanza

Il gonfiore delle gambe durante la gravidanza è il tipo più comune di edema. Sono particolarmente preoccupanti per coloro che trascorrono molto tempo in piedi o subito dopo una lunga passeggiata. Il gonfiore è solitamente visibile sui piedi e sulle gambe. Allo stesso tempo, le scarpe preferite diventano piccole o pressano con forza. È importante sceglierne uno che non provochi disagio, realizzato con materiali ben elasticizzati, in modo che sia comodo da indossare nel pomeriggio. Vale anche la pena rinunciare ai tacchi alti, preferendo quelli corti e stabili. Se sei preoccupato per il gonfiore delle gambe durante la gravidanza, cerca di evitare lunghe passeggiate, non stare in piedi per molto tempo, a casa, prendi una posizione sdraiata e solleva le gambe, e massaggia anche i piedi regolarmente.

Gonfiore delle mani durante la gravidanza

Il gonfiore delle mani durante la gravidanza, di regola, si verifica in quelle donne che lavorano al computer, fanno lavori manuali e qualsiasi altro lavoro monotono: si forma un ristagno di liquidi a causa di movimenti monotoni. In questo caso, è necessario fare regolarmente ginnastica per le dita. Inoltre, a partire dalla seconda metà della gravidanza, i medici consigliano di non indossare anelli sulle mani. Se non li rimuovi in ​​tempo, puoi aspettare un tale grado di gonfiore che sarà molto difficile o impossibile rimuoverli..

Gonfiore del viso durante la gravidanza

Il gonfiore del viso durante la gravidanza è facile da notare: il viso diventa rotondo e gonfio. Il gonfiore delle palpebre provoca particolare fastidio, compaiono borse sotto gli occhi. Ciò è dovuto alle caratteristiche anatomiche specifiche delle palpebre: in quest'area c'è tessuto sciolto, che assorbe fortemente il liquido. È possibile ridurre il gonfiore del viso osservando le regole generali per la prevenzione del gonfiore corporeo.

Gonfiore del naso durante la gravidanza

Il naso può gonfiarsi a causa del gonfiore generale del viso, nonché a causa di possibili reazioni allergiche, che sono notevolmente aggravate durante il periodo di attesa del bambino. Si consiglia di evitare la congestione nasale e il gonfiore, perché i problemi respiratori rendono difficile per l'ossigeno raggiungere il bambino. Puoi eliminare l'edema con l'aiuto di gocce, ma non dimenticare che alle donne in gravidanza è vietato usare un numero dei soliti farmaci, quindi è meglio se il medicinale ti viene prescritto da un medico che sa esattamente quali farmaci sono consentiti.

Prevenzione e trattamento dell'edema durante la gravidanza

Le donne incinte con edema ricevono maggiore attenzione nella fase di gestione nella clinica prenatale. La futura mamma viene pesata regolarmente, la pressione sanguigna viene misurata e la funzionalità renale viene monitorata mediante test delle urine. Tutto è finalizzato alla prevenzione delle complicazioni (prevenzione). Suggerimenti dei medici:

  1. Prepara il cibo. Eliminare fritti e affumicati (il cibo preparato in questo modo ha un effetto negativo sui vasi), cuocere carne e verdure, cuocere a vapore, infornare. Il cibo dovrebbe contenere una quantità sufficiente di proteine ​​(per evitare la sua carenza, che può verificarsi con la gestosi). È anche meglio non mangiare cibi grassi, piccanti, in salamoia, dolci, prodotti da forno. Ma brodi magri, cereali, frutta e verdura dovrebbero essere consumati regolarmente. Per la prevenzione dei gonfiori, è utile effettuare giorni di digiuno, ma, senza lasciarsi trasportare, non più di una volta alla settimana e sempre previo accordo con un medico.
  2. Limita l'assunzione di sale (idealmente 1–1,5 g al giorno). Contiene sodio, grazie al quale trattiene i liquidi nel corpo. È importante non solo sotto sale (o non salare affatto) il cibo durante la cottura, ma anche rimuovere sottaceti, crauti, aringhe, patatine, cracker, salsicce e salsicce, cibo in scatola dalla dieta.
  3. Bevi di più. Una quantità adeguata di liquido accelererà il metabolismo del sale marino nel corpo. Se bevi un po ', puoi portare il corpo alla disidratazione, il che non è meno pericoloso. Vale la pena bere fino a 1,5 litri di acqua al giorno (senza contare zuppe, composte) e bere la maggior parte del liquido prima di pranzo, lasciandone meno per la sera. È meglio bere non in bicchieri grandi, ma a piccoli sorsi, spesso, ma a poco a poco. Tuttavia, non dovresti nemmeno abusare del liquido: questo è irto della comparsa di un gonfiore ancora maggiore. Puoi bere non solo acqua, ma anche succhi (preferibilmente non zuccherati e appena spremuti), bevande alla frutta, tè con latte. Allo stesso tempo, è meglio non lasciarsi trasportare dal tè nero e dal caffè, possono influenzare i vasi sanguigni e la pressione. Anche il tè verde non è salutare come molti credono: contiene una grande quantità di caffeina e può anche influire sulla salute dei vasi sanguigni. Non puoi bere più di due tazze al giorno. Dimentica la soda, tanto più dolce. Oltre alla ritenzione di liquidi, provoca anche bruciore di stomaco. Se hai intenzione di iniziare a bere i cosiddetti tè diuretici, assicurati di consultare il tuo medico: non tutte queste bevande possono essere utili e devi prenderle con molta attenzione..
  4. Muoviti e fai ginnastica come puoi. Con i movimenti attivi, il rischio di edema si riduce della metà. Fai esercizi speciali per donne incinte, yoga, visita la piscina. L'importante è non esagerare e fare il più possibile. Il carico dovrebbe essere uniforme e dosato.
  5. Riposiamo le gambe. Cerca di non stare fermo o camminare troppo a lungo. Se sei seduto, metti i piedi su un supporto o uno sgabello. Allo stesso tempo, è categoricamente impossibile sedersi con una gamba sopra l'altra. Quando si è seduti a lungo, fare ginnastica dei piedi circa una volta all'ora, ruotandoli in direzioni diverse. Stai in piedi alternativamente sui talloni e sulle metà dei piedi. Non sedersi in una posizione per molto tempo. Sdraiati, posiziona un rullo sotto i piedi. Fai dei pediluvi freddi e massaggia.
  6. Cerca di non rimanere a lungo al caldo o in stanze soffocanti.
  7. Indossare indumenti compressivi speciali come consigliato dal medico. Il gonfiore delle gambe può essere accompagnato da vene varicose. Il flebologo dovrebbe occuparsi del trattamento di questo problema, ti nominerà anche la biancheria intima del grado di compressione richiesto. La cosa principale è sceglierlo per dimensione, non dovrebbe premere.

L'edema è un sintomo che accompagna quasi ogni gravidanza. Un piccolo gonfiore è quasi inevitabile, ma non c'è nulla di pericoloso al riguardo. Pertanto, non è necessario preoccuparsi. La cosa principale è mostrare responsabilità nel tempo e non dimenticare le regole della loro prevenzione, in modo da non portarlo a un livello grave. Allo stesso tempo, dopo il parto, l'edema scompare rapidamente, perché il corpo della donna lascia circa 8 litri di liquido in eccesso. E ti dimenticherai rapidamente di questo problema.

Segni di edema: quando vedere un medico

Il modo più semplice per capire se hai gonfiore o meno è premere il dito sulla pelle. Se non c'è edema, non rimarrà traccia sulla pelle, se c'è, vedrai una fossa che si livellerà piuttosto lentamente, e la pelle stessa diventa pallida e tesa con l'edema.

Un leggero gonfiore non danneggerà una donna incinta, tuttavia, ci sono segni che, avendo notato, è meglio non esitare a consultare un medico:

  • Forte aumento di peso. Se guadagni più di 300 g a settimana, questo indica un edema grave e una grande quantità di liquido in eccesso nel corpo..
  • La manifestazione dell'edema al mattino. Di regola, il gonfiore è temporaneo e peggiora la sera, e al mattino non c'è traccia di esso. Se ti dà fastidio al mattino, allora può andare a un livello pericoloso..
  • Bruciore, formicolio e intorpidimento delle dita dei piedi e delle mani. Ciò è dovuto alla compressione dei nervi. Con un edema grave, possono comparire anche difficoltà a piegare le dita e diventa doloroso calpestare le gambe.
  • Le scarpe si sentono strette e anguste, gli anelli sono difficili da rimuovere dalle dita o per niente rimossi.
  • Viso gravemente arrotondato, gonfiore del naso e delle labbra.
  • Palpitazioni cardiache, mancanza di respiro, aumento della pressione sanguigna.

Gonfiore durante la gravidanza: perché compare e come trattarlo

Se sospetti un edema durante la gravidanza, si consiglia a una donna di sedersi tranquillamente sul divano con le gambe abbassate. Se sembra che le gambe o le braccia siano diventate spesse, significa che il liquido ristagna nel corpo. Il sintomo indica sia il normale corso della gravidanza che lo sviluppo di malattie interne.

Come e dove compare il sintomo

I tumori dei piedi, delle mani, del viso o delle caviglie sono causati dalla ritenzione di liquidi nei tessuti del corpo. Ciò si verifica intorno al quinto mese di gravidanza. Il sintomo diventa pronunciato entro il terzo trimestre.

La gravidanza comporta vari cambiamenti nel corpo di una donna, che le fanno gonfiare le gambe e altre parti. Il tumore cresce gradualmente: in primo luogo, il gonfiore si verifica sulle gambe durante la gravidanza, poi sulle mani, sul viso. Premendo sulla zona gonfia lascia una piccola ammaccatura per 1 minuto.

A volte la mucosa nasale si gonfia durante la gravidanza. Diventa difficile per una donna respirare. In questo caso, è controindicato l'uso di gocce di vasocostrittore. Altrimenti, i vasi si restringono nel cordone ombelicale, il che interferisce con il flusso di nutrienti e ossigeno al feto..

L'unico rimedio che le donne incinte usano per l'edema nasale è l'Aquamaris. Il prodotto viene venduto in farmacia sotto forma di spray in flaconi di varie dimensioni..

Se una donna non riesce a rimuovere l'anello dal dito, le sue mani sono gonfie durante la gravidanza. È normale che il gonfiore sia piccolo e in un punto senza diffondersi ad altre parti del corpo..

È meglio superare un test delle urine generale per escludere la comparsa di proteine ​​nelle urine. Le proteine ​​nelle urine, l'edema e l'aumento delle arterie sono i principali segni di gestosi.

La tossicosi tardiva è pericolosa per la salute del bambino e della madre. Ai primi segni di malattia e deterioramento della salute, vai immediatamente dal medico.

Cause di edema nelle donne in gravidanza

La ragione per la formazione di edema e tumori nelle donne in gravidanza è l'accumulo di liquido nei tessuti esterni e interni degli organismi, un aumento del flusso sanguigno alla piccola pelvi. Ci sono altre spiegazioni per il verificarsi di un sintomo spiacevole:

  1. L'utero in crescita esercita una pressione sulla vena cava, che si trova sul lato destro del corpo. Trasporta il sangue dalle gambe e dai piedi al cuore. Il feto preme sulle vene pelviche, limitando il flusso sanguigno dalla schiena, dalla parte superiore delle gambe e dal cuore. Questo spinge il fluido dalla vena nel tessuto degli arti inferiori, provocando gonfiore..
  2. I cambiamenti ormonali, come l'aumento dei livelli di progesterone, estrogeni, hCG e prolattina, portano a cambiamenti nella permeabilità vascolare, con conseguente gonfiore durante la gravidanza.
  3. La presenza di malattie di polmoni, fegato, reni, ghiandola tiroidea in una donna incinta, insufficienza cardiaca congestizia provoca l'insorgenza di edema.
  4. I farmaci per la depressione o l'ipertensione causano gonfiore con gonfiore.

L'edema è espresso nel secondo e terzo trimestre. Fattori che influenzano l'insorgenza di un sintomo durante la gravidanza:

  • caldo estivo;
  • lunga permanenza in posizione eretta;
  • una dieta povera di potassio;
  • eccessiva assunzione di sodio;
  • grandi dosi di caffeina.

Quando il tumore è pericoloso per il bambino e la madre

A volte, il gonfiore durante la gravidanza richiede cure mediche immediate. I sintomi segnalano una condizione pericolosa:

  1. Gonfiore insolito sul viso, intorno agli occhi. Il gonfiore sembra più grande del solito.
  2. Quando i tumori sono accompagnati da un aumento di peso eccessivo, proteinuria e ipertensione, ciò indica la preeclampsia, una complicazione della gestosi.
  3. Se una delle gambe della donna incinta è più gonfia dell'altra, con rossore caratteristico, ciò indica lo sviluppo di trombosi venosa profonda.
  4. Se una donna incinta nota un gonfiore anormale ai polsi, alle mani, si sviluppa la sindrome del tunnel carpale. La malattia è associata all'edema che comprime i nervi e si diffonde attraverso le braccia..

Con un grande gonfiore o un rapido aumento del peso corporeo, indipendentemente dalla dieta, viene iniziato il trattamento immediato dell'edema durante la gravidanza. Nei casi difficili, si rivolgono a un ginecologo e seguono il suo consiglio.

Guarda un video sull'edema durante la gravidanza:

Metodi di trattamento

Molte donne incinte non possono evitare l'edema. Esistono diversi rimedi comuni per l'edema durante la gravidanza. Metodi di trattamento per la natura fisiologica dell'aspetto di un sintomo:

  1. Non stare fermo per molto tempo. Si consiglia alla donna incinta di cercare di non stare in piedi o seduta per molto tempo. È meglio fare delle pause: stando in piedi a lungo - sedersi, quando si è seduti a lungo - alzarsi per una passeggiata. Non posso sedermi a gambe incrociate.
  2. Dormire sul lato sinistro esercita una minore pressione sulle vene che trasportano il sangue dalle gambe al cuore. Questo utilizza cuscini durante il sonno per mantenere le gambe sollevate. Riduce gonfiore, dolore.
  3. Camminare con scarpe comode. Le caviglie gonfie con gonfiore alle gambe durante la gravidanza rendono difficile indossare le scarpe. Man mano che la dimensione del piede aumenta a causa del gonfiore, le vecchie scarpe diventano strette e irritano. È preferibile scegliere scarpe senza tacco. Le scarpe da ginnastica riducono il gonfiore doloroso.
  4. Mangiare sano. Durante la gravidanza, una donna segue una dieta sana. La dieta è dominata da frutta e verdura. Zuccheri, sale e grassi ridotti. È meglio evitare cibi lavorati e preconfezionati. Si consiglia a una donna incinta di mangiare cibi con vitamine C ed E, cibi ricchi di antiossidanti - mirtilli rossi, mirtilli, lamponi, carciofi e prugne.
  5. Ridurre l'assunzione di sodio. Durante la gravidanza, ridurre il sale nella dieta. Le spezie fanno trattenere l'acqua al corpo.
  6. Bere equilibrio. Si consiglia di bere 8-10 bicchieri d'acqua al giorno. Il fluido elimina le tossine, gli accumuli di sodio e i prodotti di scarto dal corpo. Ciò ridurrà al minimo il grado di gonfiore.
  7. Non indossare calze ispessenti. I calzini spessi limitano il libero flusso di sangue e liquidi nel corpo. È meglio camminare con collant stretti che sono comodi da indossare senza stringere l'addome.
  8. Esercizi rilassanti. Una donna incinta con edema ha dimostrato di impegnarsi in un esercizio moderato. Ad esempio, camminare consente al sangue di circolare nel corpo. Prima dell'allenamento, una donna si consulta con un ginecologo.
  9. Indossare calze a compressione. I calzini a compressione alleviano il dolore, prevengono la ritenzione di liquidi a gambe, piedi e caviglie. La cosa è abbinata alla taglia.
  10. I trattamenti comuni per l'edema che sono consentiti durante la gravidanza sono massaggi, immergere i piedi in olio di lavanda, cipresso o camomilla e bere tisane.
  11. Rilassati in piscina. Il nuoto esercita pressione sui tessuti delle gambe e allevia temporaneamente il dolore.
  12. Riflessologia. Trattamento rilassante per gambe, piedi, caviglie se molto doloranti e gonfie. Si consiglia di selezionare un riflessologo registrato ed esperto che abbia esperienza nel trattamento di donne in gravidanza.
  13. Tenere i piedi alti. La donna incinta tiene le gambe sollevate sopra la testa o giace sul pavimento. Allo stesso tempo, le gambe vengono sollevate, premute contro il muro.

Il gonfiore è un sintomo comune della gravidanza. Questo è temporaneo e scomparirà pochi giorni dopo il parto. Ma una donna incinta può fare esercizio, tenere le gambe sollevate ed evitare a lungo la posizione seduta o in piedi..

Hai avuto edema durante la gravidanza? Condividi suggerimenti per eliminare il sintomo nei commenti. Condividi l'articolo con i tuoi amici sui social network.

Gonfiore durante la gravidanza

Il gonfiore durante la gravidanza non è raro. Quasi ogni donna nelle ultime settimane di gestazione si trova ad affrontare questo problema, ma la violazione può essere espressa a vari livelli. Devi anche capire che la causa dell'edema può essere diversa, a volte questo sintomo è un segno di grave patologia, pericoloso per la vita della madre e del bambino..

  1. Cause di edema durante la gravidanza
  2. Fattori di rischio
  3. Classificazione
  4. Segni di edema durante la gravidanza
  5. Trattamento dell'edema nelle donne in gravidanza
  6. Prevenzione dell'edema durante la gravidanza

Cause di edema durante la gravidanza

L'edema è una condizione in cui il fluido si accumula nel corpo. Questo fenomeno può essere osservato localmente, ad esempio, con una ferita o una puntura d'insetto, o in tutto il corpo. Di norma, l'edema generale è sempre associato a una condizione patologica che colpisce l'intero corpo di una donna..

Il gonfiore si verifica quando nel corpo e nei tessuti sono presenti liquidi che trattengono l'acqua.

Se una donna beve molto, ad esempio, con il caldo, aumenta la probabilità di edema. Soprattutto se il paziente consuma bevande che trattengono i liquidi nel corpo, ad esempio acqua minerale salata, bibite analcoliche, bevande alla frutta dolce e succhi, nonché bevande alcoliche.

L'edema può essere una conseguenza della patologia degli organi interni. Quindi, l'edema cardiaco e renale è isolato e una violazione si manifesta anche nel diabete mellito e nell'insufficienza ormonale in una donna. La gravidanza è una condizione che di per sé aumenta la probabilità di sviluppare edema e questo non è sempre associato a una malattia grave.

Il fatto è che per il corretto sviluppo del feto, è necessario aumentare l'apporto di liquidi nel corpo della donna. Parte dell'acqua viene utilizzata per la produzione di sangue per fornire nutrimento al feto. Sono necessari diversi litri per riempire la vescica fetale con liquido amniotico. Inoltre, l'acqua è necessaria per preparare le ghiandole mammarie per l'alimentazione del bambino..

Pertanto, la quantità di liquido totale nel corpo di una donna incinta aumenta di circa 8 litri entro la fine del terzo trimestre. E il corpo non rimuove sempre con successo l'eccesso, quindi l'acqua può accumularsi nei tessuti del corpo e la formazione di edema di vari gradi.

L'edema patologico può verificarsi per diversi motivi, il meccanismo di sviluppo della patologia è piuttosto complesso. Le seguenti malattie diventano la causa dell'edema generale durante la gravidanza:

  • Patologia cardiaca. In questo caso, la velocità del flusso sanguigno è disturbata, il che porta al rilascio di fluido dai vasi nei tessuti circostanti. L'edema si forma a lungo, sono piuttosto densi e si osservano anche sintomi cardiaci concomitanti. Ad esempio, mancanza di respiro a riposo, battito cardiaco accelerato, pelle pallida, dolore al petto, ecc..
  • Nefropatia. In questo caso, i reni non possono far fronte al flusso di fluido, che porta al suo accumulo nel corpo. Segni di edema renale: pelle pallida, gonfiore delle palpebre, scarso appetito, proteine ​​nelle urine, il gonfiore stesso è lieve e colpisce tutto il corpo.
  • Ipertensione. Con una maggiore pressione, la permeabilità dei vasi aumenta e il liquido entra nei tessuti circostanti, si verificano danni ai reni e al sistema urinario. Di conseguenza, la formazione di edema. Di solito, in questo caso, le gambe e il viso si gonfiano per primi..

Tutti questi disturbi nelle donne in gravidanza possono essere combinati in una condizione chiamata gestosi o tossicosi tardiva, che si forma nel terzo trimestre. La gestosi è caratterizzata da ridotta funzionalità cardiaca, renale, aumento della pressione sanguigna e formazione di edema in tutto il corpo.

Fattori di rischio

I medici identificano un gruppo a rischio le cui donne hanno maggiori probabilità di soffrire di edema e altre manifestazioni di preeclampsia durante la gravidanza:

  • Consegna troppo presto. Se una ragazza rimane incinta all'età di 15-17 anni, la probabilità di sviluppare la gestosi aumenta notevolmente. Nonostante le mestruazioni stabilite, a questa età, la pubertà non è ancora finita. Lo sfondo ormonale instabile porta spesso allo sviluppo di complicazioni durante il portamento del feto.
  • Parto tardivo. Se una donna rimane incinta dopo 35 anni, aumenta anche la probabilità di edema. Con l'età, il corpo si consuma, gli organi funzionano peggio che all'età di 20-25 anni e la presenza di varie malattie nell'anamnesi non ha l'effetto migliore.
  • Preeclampsia in una precedente gravidanza. Se una donna ha la tendenza a sviluppare edema, molto probabilmente la situazione si ripeterà nelle gravidanze successive. Queste donne dovrebbero essere sotto stretto controllo medico..
  • Grave tossicosi con vomito persistente nella prima metà della gravidanza. Può essere una conseguenza della patologia nel corpo, nonché la causa di una funzione renale compromessa.
  • Donne che hanno lavorato o continuano a lavorare in lavori pericolosi.
  • Condizioni di vita sfavorevoli, cattiva alimentazione, fumo, consumo di alcol, tendenza a malattie infiammatorie e infettive.
  • Gravidanza multipla. Quando si trasporta due o più bambini, il carico sul corpo aumenta ancora di più, i reni e il cuore potrebbero non farcela.

La probabilità di una grave gestosi aumenta notevolmente se una donna ha un edema interno che non è stato rilevato in modo tempestivo.

Classificazione

Prima di tutto, va notato che l'edema è esterno e interno. Quelle esterne sono visibili ad occhio nudo: le gambe e le braccia di una donna si gonfiano, il suo viso si gonfia e anche il suo stomaco può aumentare. L'edema interno non è visibile esternamente, il che è molto pericoloso. Una tale violazione può essere rilevata solo da un aumento di peso irregolare..

In totale, ci sono 4 gradi di edema esterno nelle donne in gravidanza:

  1. All'inizio, il gonfiore appare solo sulle gambe..
  2. Le gambe e la parte inferiore dell'addome sono colpite.
  3. Gonfiore del viso e delle mani.
  4. L'intero corpo si gonfia, può apparire idropisia.

Molto spesso, le donne incinte sperimentano edema di grado 1-2, che non danneggia il feto con un trattamento tempestivo. L'edema del 3-4 ° grado è indicato come una condizione grave che richiede il ricovero in ospedale, a volte è necessario eseguire un parto di emergenza - tutto dipende dalla causa di questa complicanza.

La gestosi nelle donne in gravidanza può anche essere suddivisa in 4 gradi:

  • La formazione di idropisia - un accumulo locale di liquido nei tessuti.
  • Nefropatia - danno renale.
  • Preeclampsia - accompagnata da edema grave, ipertensione, aumento delle proteine ​​nelle urine.
  • L'eclampsia è la forma più grave di preeclampsia, che causa complicazioni estremamente gravi, tra cui edema polmonare, distacco di placenta, morte fetale, insufficienza renale nella madre.

In alcuni casi, la patologia può svilupparsi molto rapidamente, quindi le donne con anche il più piccolo edema dovrebbero essere regolarmente osservate nella clinica prenatale e trattate. Se la condizione peggiora, è necessario il ricovero immediato.

Segni di edema durante la gravidanza

Non è sempre facile rilevare l'edema durante la gravidanza, pertanto, una donna dovrebbe essere regolarmente osservata in una clinica prenatale a partire da 12 settimane. Questo è molto importante, poiché solo con l'aiuto del controllo del peso, dell'analisi delle urine, della diagnostica ecografica è possibile monitorare con precisione il processo del periodo di gestazione.

Ma anche a casa, si consiglia a una donna di monitorare il suo benessere ogni giorno. I seguenti segni possono indicare la formazione di edema:

  • le gambe cominciavano a gonfiarsi la sera;
  • le dita sulle mani si gonfiano, gli anelli si stringono;
  • se si preme sulla pelle con il dito, si forma una macchia bianca e un'ammaccatura;
  • un forte aumento di peso. Normalmente, una donna guadagna 300 grammi a settimana. Con l'edema, il peso può aumentare di 1-1,5 kg o più, sebbene la donna non abbia cambiato la dieta.

L'edema sullo sfondo della preeclampsia può essere accompagnato da mal di testa, aumento della sonnolenza, nausea e vomito, scarso appetito, aumento del tono uterino.

La diagnosi dell'edema è appannaggio del ginecologo. Il medico prescrive una serie di test per una donna, in particolare, analisi delle urine e del sangue, misurando il volume di urina escreta al giorno, misurando la pressione sanguigna. Tutte queste procedure aiutano a confermare la patologia e identificarne le cause..

Trattamento dell'edema nelle donne in gravidanza

La terapia per l'edema durante la gravidanza viene eseguita rigorosamente sotto la supervisione di un medico. Non si può parlare di alcuna automedicazione, questa è infatti una condizione molto pericolosa che può portare alla morte di un bambino e della donna stessa.

Il trattamento è di solito un farmaco. Prescrivere farmaci per abbassare la pressione sanguigna, diuretici e una dieta per l'edema. Se la causa dell'edema è, ad esempio, una malattia renale infiammatoria (pielonefrite), può essere prescritto un ciclo di antibiotici e farmaci antinfiammatori.

La dieta per l'edema sarà diversa, a seconda della causa del loro sviluppo.

Con la gestosi, viene prescritta una dieta equilibrata con una maggiore quantità di proteine. In caso di funzionalità renale compromessa, ad esempio, su uno sfondo di infiammazione, le proteine ​​dalla dieta vengono rimosse nei primi giorni di trattamento per facilitare il funzionamento dei reni. Quindi il cibo proteico viene introdotto gradualmente in una piccola quantità..

È anche necessario osservare il regime di consumo. È molto importante bere abbastanza liquidi, almeno 1,5 litri, ma non esagerare. La mancanza di acqua, così come l'eccesso, porta alla rottura del sistema vascolare e alla formazione di edema.

La stessa cosa accade con il sale. La completa esclusione del sale rischia di interrompere la funzione dell'endotelio (uno strato nei vasi sanguigni), responsabile del tono vascolare. La violazione della contrattilità porta ad un aumento della permeabilità capillare e dell'edema.

Anche l'assunzione eccessiva di sale è negativa, perché il cloruro di sodio tende a trattenere i liquidi nel corpo. Pertanto, il sale non è completamente escluso, ma la sua quantità è ridotta a 3-3,5 grammi al giorno..

Come puoi vedere, la dieta per l'edema può essere diversa, quindi non devi limitarti troppo. È sufficiente escludere dalla dieta molto salato, piccante, dolce, grasso. È meglio bere solo acqua purificata senza gas e cuocere a vapore, cuocere e far bollire il cibo. È molto importante che i pasti siano frazionari, 5-6 volte al giorno in piccole porzioni, in modo che sia più facile per il corpo far fronte.

Inoltre, i medici raccomandano di mangiare cibi con un lieve effetto diuretico:

  • mirtilli rossi freschi, succo di mirtillo rosso e succo di frutta;
  • succo di mirtillo rosso, decotto di foglie di mirtillo rosso;
  • angurie;
  • cetrioli;
  • succo di zucca fresco;
  • pompelmo, ecc.

Puoi anche alleviare la tua condizione con l'aiuto dell'attività fisica. L'esercizio fisico per le donne incinte dall'edema aiuta a migliorare la circolazione sanguigna e il flusso di liquidi. Il nuoto è una delle attività fisiche più benefiche. Anche le passeggiate quotidiane sono utili, ma non troppo lunghe, circa 30-60 minuti al giorno, in modo ottimale - 30 minuti al mattino e alla sera.

A casa, puoi fare un esercizio semplice ed efficace. Devi metterti a quattro zampe e tirare alternativamente dolcemente una gamba verso lo stomaco, quindi raddrizzarla indietro, ripetere 5 volte. Ritorna alla posizione di partenza ed esercitati sull'altra gamba.

Prevenzione dell'edema durante la gravidanza

Per prevenire l'edema durante la gravidanza, devi:

  • adottare un approccio responsabile alla pianificazione della gravidanza, sottoporsi a un ciclo di trattamento per le malattie se necessario;
  • è auspicabile rimanere incinta di età compresa tra 20 e 30 anni;
  • essere in condizioni confortevoli, vivere in una stanza asciutta e calda, vestirsi con abiti puliti;
  • regolare la nutrizione: dovrebbe essere sano, equilibrato;
  • evitare uno stile di vita passivo, ma non abusare dell'attività fisica;
  • essere regolarmente visitati nella clinica prenatale, assumere le vitamine secondo necessità e seguire le raccomandazioni del medico.

Molto spesso, l'edema con gestosi nelle donne in gravidanza nel terzo trimestre è associato a una predisposizione ereditaria, che è difficile da affrontare. Una donna può ridurre il rischio di complicanze se segue misure preventive e viene esaminata. Il rilevamento tempestivo dell'edema aiuterà a prendere misure tempestive per eliminarli e prevenire la nascita prematura e altre complicazioni.

Gonfiore durante la gravidanza. Cosa fare?

Durante la gravidanza, la quantità di liquido nel corpo di una donna raddoppia. Il cuore, i reni ei vasi sanguigni non sono preparati per tali carichi. A questo proposito, dalla 30a settimana, molte donne in gravidanza sviluppano edema. Con lo sviluppo della tossicosi tardiva (gestosi), le donne notano lo sviluppo dell'edema dalla 18a settimana. Le donne basse soffrono maggiormente di edema a causa delle peculiarità della struttura del corpo.

Segni di edema possono essere la comparsa di borse sotto gli occhi, gonfiore del viso, tracce di elastici lasciati dai calzini, aumento del volume delle dita. Inoltre, una donna potrebbe notare che è diventato difficile rimuovere gli anelli e le sue solite scarpe sono diventate strette. Tutti questi sono segni di ritenzione di liquidi, che si accumula tra le cellule nei tessuti e negli organi. Sotto l'influenza della gravità, l'acqua scende, quindi le parti inferiori del corpo - i piedi e le caviglie - sono le prime a soffrire. Nel tempo, il gonfiore può diffondersi ad altri organi: viso, mani, pelle dell'addome e parte bassa della schiena, mucose del naso e genitali.

Cause di edema durante la gravidanza

Perché l'edema si verifica nelle donne in gravidanza? La comparsa di edema può essere associata a cambiamenti fisiologici (normali) nel corpo o indicare un problema di salute. A questo proposito, i medici distinguono tra edema fisiologico e patologico..

Cause di edema fisiologico durante la gravidanza

Anche nelle donne sane, con una gravidanza normale, la probabilità di sviluppare edema è notevolmente aumentata. Ciò è facilitato dai cambiamenti naturali che si verificano durante il periodo di gravidanza:

  • Stress aggiuntivo sul cuore. Durante la gravidanza, il volume del sangue aumenta del 50%, il che crea ulteriore stress. Spesso il cuore non è in grado di pompare il sangue in parti distanti del corpo, come i piedi o le mani. Ciò porta al ristagno del sangue nelle vene e alla violazione del suo deflusso dai tessuti, che causa gonfiore.
  • Disfunzione vascolare. Le pareti dei vasi diventano più permeabili e attraverso di esse entra più fluido nello spazio intercellulare. I cambiamenti nell'elasticità e nel tono dei vasi sanguigni influiscono negativamente sul loro lavoro, compromettono la circolazione sanguigna e il drenaggio di sangue e linfa dai tessuti.
  • Aumento del carico sui reni. Durante la gravidanza, i reni lavorano di più per disintossicare il sangue della madre e del feto. Succede che il lavoro dei reni sia compromesso e parte del fluido che avrebbe dovuto essere escreto nelle urine ritorna nel sangue.
  • Modifica dell'equilibrio del sale. Una maggiore concentrazione di sodio (un componente del sale da cucina) nel corpo provoca ritenzione di liquidi nei tessuti, che porta a gonfiore. Un aumento della concentrazione di sodio si verifica con la tossicosi o quando si consumano cibi salati.
  • Cambiamenti ormonali. Livelli elevati di progesterone possono essere accompagnati da una tendenza all'edema. Nelle ultime settimane di gravidanza, l'edema fisiologico è considerato come preparazione del corpo al parto, quando il volume del sangue aumenta a causa della ritenzione di liquidi..
  • Maggiore assunzione di liquidi. Le donne incinte consumano più acqua del necessario, soprattutto nelle giornate calde. E l'acqua in eccesso alla sera si accumula tra le cellule nei tessuti.
  • Un feto grande o una gravidanza multipla è quasi sempre accompagnato da un esteso edema fisiologico.

L'edema fisiologico non rappresenta un pericolo per la madre e il feto, sebbene causi qualche inconveniente. Compaiono nell'80% delle donne in gravidanza e vanno via senza trattamento. Caratteristiche distintive dell'edema fisiologico:

  • Non diffondere a più di 1-2 aree del corpo;
  • Sono espressi leggermente;
  • Passano da soli la mattina.

Una normale analisi delle urine è il segno principale che non c'è motivo di preoccuparsi..

Cause di edema patologico durante la gravidanza:

  • Nefropatia. L'edema renale inizia con le borse sotto gli occhi, quindi si sposta sull'ovale del viso, dopodiché si diffonde alle braccia e alle gambe.
  • Malattie cardiache: l'edema è accompagnato da mancanza di respiro, palpitazioni cardiache, azzurro delle labbra, aumento della fatica.
  • Il polidramnios è un aumento della quantità di liquido amniotico. Manifestato da gonfiore della parete addominale, grave tossicosi (nausea, vomito), dolore all'inguine e all'addome, aumento del volume addominale, aumento della quantità di liquido amniotico in base ai risultati ecografici.
  • Patologia vascolare. Lo spasmo arterioso e le vene varicose determinano una ridotta fuoriuscita di sangue dalle zone del corpo lontane dal cuore e una malnutrizione dei tessuti, che può influire negativamente sulla salute della madre e sullo sviluppo del feto.
  • La gestosi è una tossicosi tardiva delle donne in gravidanza, che porta a gravi danni ai reni, al cuore e ai vasi sanguigni. Viene rilevato nel 15-20% delle donne in gravidanza dopo la 20a settimana. L'edema esteso si diffonde a tutto il corpo, compresi gli organi interni, sono accompagnati da un aumento della pressione (superiore di 30 mm Hg e inferiore di 15 mm Hg) e dalla comparsa di proteine ​​nelle urine. La ritenzione di liquidi nei tessuti porta ad una diminuzione del volume del sangue circolante e ad un deterioramento della nutrizione di tutti gli organi della madre e del feto.

L'edema patologico è sempre associato a problemi di salute. Le loro caratteristiche distintive sono:

  • Aumento del gonfiore al mattino dopo una notte di sonno;
  • Un forte aumento di peso nel terzo trimestre;
  • Diminuzione della quantità di urina separata al giorno;
  • Mancanza di respiro e palpitazioni cardiache;
  • La comparsa di borse sotto gli occhi.

Gonfiore alle gambe durante la gravidanza

Il gonfiore dei piedi e delle caviglie è il disturbo più comune che un ginecologo deve sentire dalle donne in gravidanza. Nella maggior parte dei casi, non si tratta di edemi fisiologici pericolosi che compaiono dopo la 30a settimana. I loro segni:

  • I segni dei calzini e le cuciture dei vestiti si notano a lungo sulle caviglie;
  • Dopo aver premuto con un dito sulla parte inferiore della gamba, rimane una fossa;
  • Le gambe si gonfiano nel pomeriggio;
  • Il gonfiore non sale sopra le ginocchia;
  • Il gonfiore scompare dopo una notte di sonno.

Motivo per consultare un medico:

  • Gonfiore alle gambe dopo una notte di sonno. Durante il sonno in posizione orizzontale, il tono vascolare migliora e il lavoro del cuore è facilitato. Se, in tali condizioni, il gonfiore non è passato, è necessario trovare la ragione.
  • Il gonfiore asimmetrico delle gambe nelle donne in gravidanza indica problemi alle vene. L'edema, più evidente su una gamba, è un motivo per consultare un flebologo. L'utero in crescita può comprimere le vene su un lato del corpo.
  • Il gonfiore denso alle gambe alla fine della giornata, accompagnato da debolezza, affaticamento, vertigini e mancanza di respiro, è un segno che il cuore ha difficoltà a fornire una normale circolazione.

Gonfiore delle mani durante la gravidanza

Il gonfiore delle mani si verifica abbastanza spesso nelle donne in diverse fasi della gravidanza, specialmente nel 3 ° trimestre. Per lo più il gonfiore si sviluppa entro la fine della giornata se le mani erano nella stessa posizione, cosa che accade quando si lavora al computer o quando si fa il ricamo.

Segni di gonfiore sulle mani:

  • Un aumento visibile del volume delle dita e delle mani, che può essere visto nei segni di anelli o elastici di vestiti;
  • Difficoltà a togliersi e indossare gli anelli;
  • Difficoltà a fare un pugno
  • Formicolio e intorpidimento alle dita a causa della compressione del nervo da parte dei tessuti edematosi.

L'edema patologico della mano ha manifestazioni caratteristiche:

  • Il gonfiore delle mani combinato con il gonfiore del viso può indicare una malattia renale.
  • Gonfiore delle mani dopo la 20a settimana. In alcuni casi, la gestosi causa edema latente che potrebbe non essere visibile visivamente. Il loro sviluppo può essere giudicato solo dall'aumento di peso patologico e dal gonfiore delle dita..

Gonfiore sul viso durante la gravidanza

Il gonfiore fisiologico del viso è un evento comune prima del parto. Il viso appare gonfio, il mento, il naso e le labbra aumentano leggermente di volume, ma non ci sono borse sotto gli occhi. Questa condizione può essere sconvolgente per una donna, ma non causa disagio. Piccoli cambiamenti nella forma del viso associati all'aumento di peso generale compaiono in tutte le donne in gravidanza in un secondo momento.

Segni di edema patologico:

  • Gonfiore delle palpebre: la pelle è sottile e c'è poco muscolo, quindi l'aspetto dell'acqua tra le cellule porta a cambiamenti evidenti e alla formazione di borse sotto gli occhi. Il gonfiore delle palpebre mattutine è un segno precoce di malattia renale.
  • La diffusione dell'edema dal viso ad altri organi. Se non trattato, l'edema renale si diffonde al collo, alle mani e ad altre parti del corpo dopo pochi giorni. La salute generale peggiora, compaiono mal di testa, debolezza e nausea. L'edema renale è più pronunciato al mattino che alla sera..

Il gonfiore mattutino che inizia in faccia può essere un segno di problemi ai reni. I disturbi nei glomeruli vascolari dei reni portano ad un aumento della permeabilità della loro membrana vascolare. A questo proposito, parte del fluido che avrebbe dovuto essere escreto nelle urine viene rimandato nel flusso sanguigno. E le molecole proteiche e gli eritrociti entrano nell'urina dal sangue.

La nefrosi e la nefrite, che si manifestano con edema sul viso delle donne in gravidanza, sono pericolose non solo per la ritenzione di liquidi nel corpo. Con la malattia renale, le tossine formate a seguito della vita della madre e del feto non vengono rimosse dal corpo. Queste sostanze hanno un effetto tossico, influenzano negativamente lo sviluppo del bambino e la salute della donna..

Gonfiore della pelle e delle mucose durante la gravidanza

Il gonfiore della pelle e delle mucose nelle donne in gravidanza è associato a uno squilibrio di progesterone ed estrogeni. A causa di disturbi ormonali, il liquido si accumula tra le cellule della pelle e delle mucose. Tale edema può comparire in qualsiasi periodo, ma più spesso disturba una donna nel primo e nel terzo trimestre. Le loro manifestazioni:

  • La pelle diventa sciolta e ruvida, i pori sono più profondi;
  • Quando si preme il dito sulla pelle, rimane una fossa, che può essere evidente o percepita solo al tatto;
  • C'è una congestione nasale non associata a raffreddori o allergie;
  • Lo scarico trasparente dal naso aumenta;
  • L'edema delle mucose degli organi genitali si manifesta con un'abbondante secrezione mucosa dal tratto genitale.

Il gonfiore delle mucose del naso e dei genitali non è pericoloso. Si spegnerà da solo quando gli ormoni torneranno alla normalità. Tuttavia, le mucose edematose sono più suscettibili allo sviluppo di infezioni, poiché l'immunità locale diminuisce in queste aree. Pertanto, è necessario prestare particolare attenzione all'igiene e alla prevenzione dello sviluppo di infezioni..

Per facilitare la respirazione, si consiglia di utilizzare gocce con oli essenziali naturali. Si consiglia di risciacquare il naso con soluzione salina. Puoi acquistarlo in farmacia o prepararlo da solo (1 cucchiaino di sale per litro di acqua bollita). Anche massaggiare le ali del naso aiuta. Migliora la circolazione sanguigna e aiuta ad eliminare il gonfiore. Puoi usare gocce di vasocostrittore solo con il permesso di un medico e, preferibilmente, nel dosaggio di un bambino..

Edema patologico della pelle nelle donne in gravidanza:

  • Il gonfiore della pelle in ampie aree, specialmente sopra le ginocchia e i gomiti, può indicare una gestosi. Un'ammaccatura che si forma sulla pelle dopo aver premuto con un dito, che non scompare per 15-20 secondi, è un motivo per consultare un ginecologo. La gestosi è complicazioni pericolose per la madre e il feto. Questa condizione viene trattata in un ospedale, quindi non si deve rifiutare il ricovero in ospedale se si sospetta lo sviluppo di tossicosi tardiva.

Gonfiore generale durante la gravidanza

L'edema generale (generalizzato) è chiamato idropisia della gravidanza. Questa condizione si verifica quando il plasma sanguigno viene rilasciato nello spazio intercellulare. Di conseguenza, le proprietà del sangue cambiano, che nel tempo può portare all'ipossia fetale..

L'edema generale può essere palese o nascosto. I primi sono visivamente evidenti, mentre i secondi possono essere identificati da un aumento di peso patologico. Se durante la gravidanza una donna ha guadagnato 18 o più chilogrammi, i medici ritengono che abbia un edema.

L'edema generale nelle gravidanze multiple dopo 27 settimane si sviluppa nella maggior parte delle donne. Questa condizione non richiede un trattamento speciale..

Un edema diffuso su uno sfondo di ipertensione e proteinuria (la presenza di proteine ​​nelle urine) indicano lo sviluppo della gestosi. Le sue caratteristiche sono:

  • Gonfiore di tutto il corpo, peggiora la sera;
  • Gonfiore della parte bassa della schiena e della parete addominale, che rendono difficile piegarsi in avanti, indipendentemente dalle dimensioni dell'addome;
  • Quando si preme sulla pelle dell'addome o della parte bassa della schiena, rimangono ammaccature evidenti;
  • La quantità di urina escreta è significativamente inferiore al volume di liquido che bevi;
  • Debolezza, nausea.

Con lo sviluppo della gestosi, la donna incinta viene indirizzata al trattamento in un ospedale.

Diagnosi di edema nelle donne in gravidanza

In alcuni casi, può essere difficile distinguere l'edema fisiologico, che non richiede trattamento, da quello patologico. In questo caso, vengono utilizzati metodi diagnostici aggiuntivi:

  • Analisi delle urine - generale e quotidiana. Nell'edema patologico associato a malattie renali, le proteine ​​si trovano nelle urine.
  • Misurazione del rapporto tra assunzione di liquidi e produzione di urina. La quantità di urina dovrebbe essere almeno l'80% della quantità consumata. Una diminuzione della quantità di urina e una minzione rara indicano che il liquido si sta accumulando nei tessuti.
  • Chimica del sangue. La determinazione del livello di elettroliti, proteine, urea, creatinina consente di scoprire quanto bene i reni e altri organi interni svolgono le loro funzioni.
  • Pesatura settimanale. La comparsa di edema latente e l'accumulo di liquidi nei tessuti è indicata da un aumento di oltre 300 grammi a settimana.
  • Esame del fondo. Lo stato delle vene del fondo riflette lo stato dei vasi del cervello e dell'intero organismo. L'espansione delle vene indica il ristagno di sangue in esse e una ridotta circolazione..
  • Misurazione della pressione sanguigna su entrambe le mani. Una differenza significativa negli indicatori indica uno spasmo vascolare. Un aumento significativo della pressione indica lo sviluppo della gestosi.
  • Test delle bolle. 0,2 ml di soluzione salina vengono iniettati nella pelle dell'avambraccio. Una vescica che non si risolve per più di 60 minuti indica una tendenza all'edema.
  • Misura della circonferenza del polpaccio. La circonferenza dell'articolazione della caviglia viene misurata settimanalmente per una donna incinta. Un aumento di 1 cm o più indica lo sviluppo di edema.
  • Ispezione visuale. Con l'idropisia delle donne in gravidanza, causata da una violazione dell'equilibrio del sale marino, la pelle della donna diventa lucida. Con problemi ai reni, c'è un pallore caratteristico e con malattie cardiache la pelle diventa bluastra..

Come sbarazzarsi dell'edema durante la gravidanza

Una donna incinta è in grado di sbarazzarsi dell'edema fisiologico e prevenirne lo sviluppo. Ma l'edema patologico, che è accompagnato dalla comparsa di proteine ​​nelle urine e da un aumento della pressione sanguigna, richiede un trattamento speciale, che può essere prescritto solo da un medico..

  1. Dieta per l'edema delle donne in gravidanza

Per trattare l'edema, le donne incinte hanno bisogno di:

  • aderire a una dieta a base di latte e verdura - consumare ricotta, bevande a base di latte acido, verdura e frutta, oltre a pollo, carne magra e pesce;
  • consumare cibi con un lieve effetto diuretico: anguria, melone, mele, fragole, mirtilli rossi, mirtilli rossi, more, melograni, agrumi, albicocche, albicocche secche, carote, barbabietole, cetrioli;
  • ridurre l'assunzione di sale a 1,5 g / giorno;
  • escludere completamente sottaceti, cibo in scatola, cibi affumicati e in salamoia, patatine e fast food, che contengono molto sale. La riduzione della concentrazione di sodio eviterà la ritenzione di liquidi nei tessuti e l'acqua in eccesso sarà escreta dai reni.
  1. Regime di bere

Una donna incinta dovrebbe bere almeno 1-1,5 litri di acqua al giorno, a meno che il medico non abbia stabilito un tasso diverso. Allo stesso tempo, sono escluse le acque minerali salate e le bevande gassate dolci. L'opzione migliore sarebbe l'acqua pulita.

Non dovresti cercare di sbarazzarti del gonfiore consumando meno liquidi. L'acqua è necessaria per reintegrare il liquido amniotico, rimuovere i prodotti metabolici e preparare il corpo al parto.

  1. Erbe medicinali per l'edema

Molte donne sono interessate alla domanda: "cosa bere dall'edema durante la gravidanza?" I medici raccomandano alle donne incinte di edema di uva ursina, mirtillo rosso, mirtillo rosso, tè con cicoria o camomilla.

Con l'edema renale, alle donne in gravidanza vengono prescritti Fitolysin e Kanefron. Questi rimedi erboristici migliorano la funzione renale promuovendo la rimozione dei liquidi. Tuttavia, hanno controindicazioni e non dovrebbero essere usati per l'automedicazione..

  1. Regime quotidiano

Per migliorare il tono vascolare di una donna incinta, si consiglia di trascorrere più tempo in posizione supina. Questo facilita il cuore e aiuta a migliorare la circolazione sanguigna. In caso di gonfiore alle gambe, vale la pena posizionare un cuscino sotto di loro in modo che siano sopra il corpo, ad un'altezza di circa 30 cm sopra il livello del letto. Anche riposare sul lato sinistro aiuta a ridurre il gonfiore..

Camminare per le donne incinte è importante tanto quanto dormire e mangiare. Durante la deambulazione migliora la circolazione sanguigna, si svuotano le vene dilatate e si migliora il drenaggio linfatico. La durata della passeggiata dovrebbe essere superiore a mezz'ora.

  1. Maglia di compressione

La maglieria a compressione è una biancheria intima speciale che consente di ridurre l'edema associato alla rottura dei vasi sanguigni.

È necessario indossare calze o collant compressivi dopo una notte di sonno sdraiati a letto fino a quando le vene delle gambe non sono piene di sangue. La maglieria a compressione aiuta a evitare il ristagno di sangue nelle vene delle gambe, previene le vene varicose, riduce il gonfiore e una sensazione di pesantezza alle gambe. Prima di acquistare calze a compressione, è necessario consultare un flebologo, poiché questo metodo di trattamento delle vene varicose ha i suoi svantaggi.

  1. Attività fisica

L'esercizio moderato riduce il gonfiore del 50%. Camminare e fare ginnastica possono aiutare a migliorare la circolazione poiché i muscoli che si contraggono spingono il sangue fuori dalle vene, prevenendo il trabocco, facilitando così il cuore.

Con uno stile di vita sedentario, è consigliabile che le donne incinte facciano esercizio per 5-10 minuti ogni 2 ore. Le migliori attività sono la ginnastica per le donne incinte, gli esercizi di fitball, lo yoga, il nuoto.

Le controindicazioni alla ginnastica sono un aumento del tono uterino e una grave preeclampsia.

  1. Assunzione di vitamine

Le vitamine migliorano il metabolismo, le proprietà del sangue e lo stato dei vasi sanguigni e prevengono anche lo sviluppo della gestosi. Pertanto, l'assunzione di complessi vitaminici prescritti da un medico aiuterà a ridurre il gonfiore..

  1. Visita tempestiva a un medico

Se non è stato possibile evitare la comparsa di edema e le misure di cui sopra non aiutano ad alleviare il gonfiore, allora vale la pena segnalare il problema al proprio ginecologo. Con edema non pronunciato, il trattamento viene effettuato su base ambulatoriale, tenendo conto della malattia sottostante. Prescrivere farmaci che supportano la funzione renale e cardiaca.

Per il trattamento dell'edema patologico, il medico può raccomandare di andare in ospedale. Vengono iniettati farmaci per via endovenosa che migliorano la circolazione sanguigna intracerebrale, la circolazione sanguigna ed eliminano l'ipossia fetale. Il trattamento mira anche a purificare il sangue dalle tossine e rendere più facile il funzionamento dei reni..

Il gonfiore durante la gravidanza è molto comune e non sempre indica una malattia. Tuttavia, una donna incinta dovrebbe trattare con cura e responsabilità la sua salute in modo da non perdere la comparsa di edema patologico che richiede un trattamento..

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

È possibile rimanere incinta se mat. i tubi sono fasciati.

Neonato

Il mio bambino ha 2 mesi, durante il COP, i tubi erano legati, perché questo è il terzo figlio e non ho intenzione di avere più figli, e un'ovaia (cisti) è stata rimossa.

Posizioni del sonno durante la gravidanza. Qual è la posizione migliore per mamma e bambino

Concezione

Un sonno completo della futura mamma è una garanzia di buona salute per il futuro bambino. Tuttavia, oltre alla qualità e alla durata del sonno, è importante la posizione del corpo della donna a letto.

Test a getto d'inchiostro. Chi ha usato.

Infertilità

Commenti degli utentiper una settimana, un ritardo mi ha già mostrato una striscia debole su un test economico e un 1-2 elettronico+Regolare, economico, mostrato 4 giorni prima del ritardo...

Digitazione HLA

Neonato

Istocompatibilità: intercambiabilità di tessuti dello stesso tipo di persone diverse.Major Histocompatibility Complex (MHC) è un sistema di somiglianza genetica sviluppato per migliorare l'accettazione degli elementi trapiantati da parte del corpo umano.