Principale / Neonato

N46 Infertilità maschile

L'infertilità maschile è l'incapacità del corpo di un uomo di produrre o fornire una quantità sufficiente di sperma sano al corpo di una donna per concepire. In rari casi, la causa della malattia è una patologia cromosomica. I fattori di rischio includono il fumo e l'abuso di alcol. L'età non ha importanza.

In circa una coppia su tre che ha difficoltà a concepire un bambino, un uomo soffre di infertilità. La capacità di un uomo di riprodursi dipende in parte dalla produzione di spermatozoi sani così tanti che è molto probabile che uno di loro fertilizzi un uovo; e in parte dalla capacità di fornire lo sperma alla vagina durante il rapporto. Se sorgono problemi in una di queste fasi, l'uomo può diventare sterile..

A differenza dell'infertilità femminile, le cui cause possono essere trovate relativamente facilmente, le cause dell'infertilità maschile sono meno identificabili. Durante la visita medica, la causa dell'infertilità può essere rilevata solo in 1 paziente su 3 che ha presentato domanda..

Problemi con la produzione di sperma. La produzione di spermatozoi non vitali, inattivi o un numero insufficiente di spermatozoi sani può avere varie cause. La normale temperatura testicolare è di circa 1 ° C inferiore alla temperatura corporea. Qualsiasi fattore che alzi la temperatura dei testicoli può portare a una diminuzione del numero di spermatozoi prodotti.

Alcune abitudini di vita come fumare, bere alcolici, usare determinati farmaci o droghe leggere e persino indossare indumenti stretti possono ridurre la qualità e la quantità di sperma prodotto. La funzione della produzione di sperma può essere compromessa a causa di alcune malattie croniche. Anche le malattie che colpiscono l'uretra, come l'ipospadia o lo scroto, come il varicocele, possono influenzare la fertilità di un uomo. Inoltre, l'infertilità maschile può svilupparsi a seguito di procedure mediche come la chirurgia, la chemioterapia o la radioterapia per condizioni mediche gravi come il cancro ai testicoli.

Una diminuzione della produzione di sperma può verificarsi anche con disturbi ormonali o difetti cromosomici. Una produzione insufficiente dell'ormone sessuale maschile testosterone da parte dei testicoli può portare a una diminuzione del numero di spermatozoi sani nel liquido seminale. Poiché la secrezione di testosterone è sotto il controllo della ghiandola pituitaria, le malattie di questo organo, ad esempio il suo tumore, possono anche ridurre le funzioni riproduttive di un uomo. In rari casi, bassi livelli di testosterone possono essere dovuti ad anomalie cromosomiche come la sindrome di Klinefelter. La causa più comune di un basso numero di spermatozoi è l'oligospermia idiopatica, in cui il numero di spermatozoi nel liquido seminale diminuisce per ragioni sconosciute..

Problemi con la consegna dello sperma. Gli spermatozoi potrebbero non entrare nella vagina a causa di molti fattori. La ragione più ovvia di ciò è la disfunzione erettile, l'incapacità di raggiungere e mantenere un'erezione. Altre cause includono danni all'epididimo o ai dotti deferenti (i dotti attraverso i quali viaggia lo sperma). Tali lesioni sono spesso il risultato di malattie a trasmissione sessuale come la gonorrea. L'infertilità può verificarsi negli uomini con eiaculazione retrograda, in cui il flusso del liquido seminale viene reindirizzato alla vescica se la valvola vescicale non si chiude completamente, il che può verificarsi dopo un intervento chirurgico alla prostata.

Il medico chiederà al paziente informazioni sulla sua salute generale, sulla sua vita sessuale e condurrà un esame approfondito, incluso l'esame dell'area genitale. Inoltre, l'uomo potrebbe aver bisogno di fornire un campione di sperma. Se il numero di spermatozoi è basso o se sono inattivi o non vitali, verranno eseguiti ulteriori test, come un esame del sangue per controllare i livelli ormonali.

La scelta del metodo di trattamento dipende dalla diagnosi. Se i livelli di testosterone sono bassi, possono essere somministrate iniezioni di testosterone. In caso di impotenza o eiaculazione retrograda si può ricorrere all'inseminazione artificiale, in quest'ultimo caso si può isolare lo sperma dall'urina. La sconfitta dell'epididimo o del dotto deferente può essere corretta mediante microchirurgia. Se il corpo produce solo una piccola quantità di spermatozoi sani, possono essere raccolti direttamente dall'epididimo. Successivamente, la fecondazione dell'uovo verrà eseguita in un processo chiamato iniezione intracitoplasmatica..

Riferimento medico completo / Per. dall'inglese E. Makhiyanova e I. Dreval.- M.: AST, Astrel, 2006.- 1104 p.

Sterilità maschile: descrizione, cause, diagnosi.

  • Descrizione
  • Le ragioni
  • Diagnostica

Breve descrizione

L'infertilità maschile è l'incapacità di un uomo di fertilizzare a causa di disturbi della spermatogenesi, dell'erezione o dell'eiaculazione. 1 ml di eiaculato contiene normalmente circa 60 milioni di spermatozoi. Nel tratto genitale femminile, mantengono la capacità di fertilizzare fino a 6 giorni. Circa 200 di loro raggiungono l'imbuto della tuba di Falloppio, dove lo sperma incontra l'uovo. Gli spermatozoi non coinvolti nella fecondazione vengono rimossi dal tratto riproduttivo femminile o digeriti dai fagociti. Quando si considera il problema dell'infertilità in generale, vari disturbi negli uomini sono classificati come correlati a fattori maschili e coitali..

Codice per la classificazione internazionale delle malattie ICD-10:

  • N46 Infertilità maschile

Incidenza: 19,8 per 100.000 abitanti maschili nel 2001.

Terminologia • Oligozoospermia - il numero di spermatozoi in 1 ml di eiaculato è pari o inferiore a 20 milioni • L'azoospermia implica la completa assenza di spermatozoi nello sperma • L'infertilità testicolare primaria (infertilità) è caratterizzata da spermatogenesi insufficiente (ipospermatogenesi), sua assenza (aspermatogenesi) o difetto nella spermatogenesi fasi diverse) • L'infertilità maschile secondaria si sviluppa in varie situazioni (ad esempio, ostruzione dei vasi deferenti, deficit di ormone ipotalamico e / o ipofisario).

Le ragioni

Eziologia • Sperma immobile: •• Nelle sindromi di Kartagener e "ciglia immobili", lo sperma non si muove, sebbene questi uomini siano potenzialmente fertili. In questi casi, viene eseguita la fecondazione in vitro, seguita dall'introduzione del concetto nell'utero •• Acrosoma difettoso (102530, UN, anche UN o poligenico) - mancanza di capacità di fertilizzare a causa della ridotta formazione di acrosomi di spermatidi e spermatozoi. Secondo varie stime, questa patologia rappresenta fino al 15% dell'infertilità maschile. Gli spermatozoi hanno la testa arrotondata, sono mobili, ma la reazione acrosomiale è impossibile •• Azoospermia. Cause: difetti nella spermatogenesi con mutazioni nel gene di uno dei fattori di azoospermia (* 415000, fattore di azoospermia 1, Yq11, gene AZF, * 400000, Yq, fattore di azoospermia 2, gene AZF2, ereditarietà legata a Y), danno da radiazioni, ostruzione del tratto riproduttivo maschile sistemi •• Oligospermia. Volume eiaculato ridotto (

Infertilità maschile e femminile ICD-10

La classificazione internazionale delle malattie secondo la revisione 10 della malattia è una struttura generalmente accettata che codifica per malattie specifiche e per i loro tipi. ICD-10 è costituito da tre volumi: 1 - classificazione principale, 2 - istruzioni per l'uso per gli utenti, 3 - indice alfabetico della classificazione.

Questa classificazione è destinata ai medici piuttosto che ai pazienti. In caso di infertilità, il codice ICD 10 aiuta il medico a scoprire la diagnosi del paziente che è venuto in visita, senza diagnosticare e raccogliere anamnesi.

Tra le donne

L'infertilità è una condizione che colpisce circa 1 coppia su 10. Ai coniugi viene diagnosticata questa condizione se i tentativi di concepire entro 1 anno non hanno avuto successo. Circa il 50% dell'assenza di un figlio è dovuto a fattori femminili.

Le cause più comuni di infertilità femminile sono:

  • problemi con l'ovulazione;
  • danno alle tube di Falloppio;
  • età (con il suo aumento, la fertilità di una donna tende a diminuire);
  • problemi con l'introduzione dell'uovo nel rivestimento dell'utero.

L'infertilità secondo ICD-10, associata alla mancanza di ovulazione, ha il codice N97.0. Questo tipo di incapacità di concepire può essere associato a squilibri ormonali, bulimia, anoressia, escrescenze benigne e cisti sulle ovaie, sovrappeso, problemi alla tiroide, stress costante, abuso di alcol e droghe. Inoltre, l'assenza di ovulazione può essere causata da cicli mestruali estremamente brevi..

L'infertilità femminile secondo ICD-10 di origine tubarica o uterina ha i codici N97.1 e N97.2. Questi tipi di incapacità di concepire per una donna possono essere causati da uno dei seguenti fattori:

  • malattie infiammatorie degli organi genitali femminili;
  • endometriosi o formazione di fibromi;
  • processo adesivo nella piccola pelvi;
  • patologie croniche;
  • precedente gravidanza ectopica (ectopica);
  • difetto di nascita.

Il DES somministrato alle donne per prevenire l'aborto spontaneo o il parto prematuro può portare a problemi di fertilità nel feto.

L'infertilità femminile con codice ICD-10 N97.3 significa problemi con il muco dal canale cervicale. Il muco cervicale anormale può anche causare un'assenza prolungata di gravidanza. Impedisce allo sperma di raggiungere l'uovo o rende difficile la penetrazione.

Inoltre, si distinguono infertilità associata a fattori maschili (N97.4), altre forme (N 97.8) e una forma non specificata (N97.9). Se l'infertilità è primaria, secondo ICD-10, il paziente avrà il codice N97. Significa che una donna sessualmente attiva non ha mai avuto una gravidanza. Se l'infertilità è secondaria, secondo l'ICD-10 viene inserito un codice che indica la causa della malattia (da N97.1 a N97.9).

Diagnostica

Nel primo volume della Classificazione Internazionale delle Malattie, indico i metodi di indagine necessari per determinare la causa dell'infertilità. Per valutare il sistema riproduttivo di una donna, i medici utilizzano i seguenti test:

  • analisi del sangue;
  • esame del seno e della regione pelvica mediante ultrasuoni;
  • un campione di muco cervicale per determinare la presenza o l'assenza di ovulazione;
  • laparoscopia per rilevare aderenze o tessuto cicatriziale, visualizzare lo stato degli organi pelvici.

Viene eseguita anche una radiografia, utilizzata in combinazione con un colorante. Ciò rende più facile per i medici determinare se c'è un'ostruzione nelle tube di Falloppio per l'ingresso dello sperma..

Negli uomini

L'infertilità maschile nell'ICD-10 è una sottoclasse del dipartimento "Malattie degli organi genitali maschili", a questo problema viene assegnato il codice N46. L'infertilità maschile di solito si verifica a causa di sperma cattivo, numero di spermatozoi insufficiente o problemi di eiaculazione. Lo sperma è considerato cattivo se la vita delle cellule germinali maschili è troppo breve. Le deviazioni dalla norma sono causate da uno dei seguenti fattori:

  • processi infiammatori nei genitali;
  • vene varicose nello scroto;
  • testicoli sviluppati in modo anomalo.

Esiste un numero enorme di sindromi diverse che possono portare all'incapacità di concepire un bambino naturalmente. L'infertilità maschile nell'ICD-10 è divisa in tre parti: 1 - infertilità maschile, 2 - matrimonio sterile, 3 - sindromi diverse.

Nell'ultima sezione si notano i problemi di infertilità, solo i codici ICD-10 non sono inclusi in articoli separati o sono considerati nell'ambito della corrispondente malattia. Questi includono problemi con il concepimento negli uomini..

Diagnostica

La diagnosi di infertilità maschile viene effettuata attraverso un'accurata raccolta dell'anamnesi e l'esame obiettivo del paziente. Un uomo ha bisogno di un'analisi dello sperma per determinarne la quantità e la qualità, un esame del sangue per rilevare infezioni o problemi ormonali e macchie dall'uretra. Sarà inoltre necessario sottoporsi a un esame fisico del pene, dello scroto e della prostata.

L'infertilità secondo ICD-10 ha anche regimi di trattamento. La terapia del problema si verifica utilizzando metodi tradizionali, che includono:

  • assumere farmaci per aumentare la produzione di sperma;
  • l'uso di farmaci antibatterici per il trattamento di patologie infettive;
  • prendendo ormoni per migliorare gli squilibri ormonali.

Sfortunatamente, l'infertilità non può essere prevenuta, specialmente quando il problema è geneticamente o correlato alla malattia. Tuttavia, la riduzione dell'abuso di alcol, il fumo e il mantenimento di stili di vita sani riducono la probabilità di infertilità maschile..

Infertilità maschile

Articoli di esperti medici

  • Codice ICD-10
  • Epidemiologia
  • Le ragioni
  • Patogenesi
  • Forme
  • Diagnostica
  • Cosa deve essere esaminato?
  • Quali test sono necessari?
  • Trattamento
  • Chi contattare?
  • Previsione

Sterilità maschile: assenza di gravidanza con rapporti sessuali regolari non protetti per 1 anno; una malattia causata da malattie del sistema riproduttivo maschile, che porta a funzioni generative e copulatorie compromesse ed è classificata come una condizione sterile (infertile).

Codice ICD-10

Epidemiologia

Circa il 25% delle coppie sposate non raggiunge una gravidanza entro 1 anno, tra loro - il 15% delle coppie sposate viene curata per l'infertilità, ma ancora meno del 5% delle coppie sposate rimane senza figli. Circa il 40% dei casi è causato da infertilità maschile, il 40% - da femmine, un altro 20% - da misto.

Cause di infertilità maschile

  • ipogonadismo;
  • malattie infiammatorie del sistema riproduttivo;
  • malattie sistemiche croniche;
  • effetti tossici (farmaci, radiazioni, tossine, ecc.);
  • ostruzione dei dotti dell'epididimo o dei vasi deferenti;
  • eiaculazione anterograda;
  • agenesia delle gonadi, sindrome sertolcellulare
  • varicocele
  • malattie genetiche.

Patogenesi

La patogenesi è causata da una diminuzione del numero, della mobilità e da un cambiamento nella morfologia degli spermatozoi, che porta a una violazione del processo di penetrazione nell'uovo.

Forme

Distinguere tra infertilità maschile primaria e secondaria. In caso di infertilità primaria da un uomo, non si è mai verificata una gravidanza, con infertilità secondaria, almeno una gravidanza da questo uomo è già avvenuta. Gli uomini con infertilità secondaria hanno generalmente migliori prospettive di ripristino della fertilità. Classificazione attualmente riconosciuta sviluppata dall'OMS (1992).

Per la natura del cambiamento nel livello delle gonadotropine nel sangue, ci sono:

  • ipogonadotropo;
  • ipergonadotropo;
  • normoginadotropico.

Inoltre ci sono:

  • escretore (in violazione del passaggio dell'eiaculato attraverso il tratto genitale):
  • ostruttivo;
  • causato dall'eiaculazione retrograda
  • immunologico (con aumento del livello di anticorpi antisperma),
  • idiopatico (con una diminuzione dei parametri dell'eiaculato di origine sconosciuta).

Categorie diagnostiche secondo l'Organizzazione mondiale della sanità

Non sono state identificate ragioni per l'infertilità

Cambiamenti patologici isolati nel plasma seminale

Anomalie congenite del sistema riproduttivo

Disturbi testicolari acquisiti

Diagnosi di infertilità maschile

La malattia viene diagnosticata in base alla valutazione della spermatogenesi esaminando l'eiaculato ottenuto dopo 3-5 giorni di astinenza sessuale. Per fare una diagnosi, uno studio una tantum non è sufficiente. Nell'analisi dell'eiaculato, si valuta il numero di spermatozoi, si valuta la loro mobilità, è obbligatorio valutare anche la morfologia degli spermatozoi.

In tutti i casi, deve essere eseguito un esame ormonale per determinare il livello di LH, FSH, prolattina, testosterone, estradiolo nel sangue.

I pazienti con un aumento dei livelli di FSH non sono promettenti per il trattamento farmacologico.

Cosa deve essere esaminato?

Quali test sono necessari?

Chi contattare?

Trattamento dell'infertilità maschile

L'infertilità maschile deve essere trattata con metodi strettamente patogenetici.

Infertilità maschile dovuta a ipogonadismo ipogonadotropo

Gonadotrapina corionica per via intramuscolare 1000-3000 UI 1 volta in 5 giorni, 2 anni

(dopo 3 mesi dall'inizio della terapia)

Menotropine per via intramuscolare 75-150 UI 3 volte a settimana.

La dose di HCG viene selezionata rigorosamente individualmente, sotto il controllo del livello di testosterone nel sangue, che, sullo sfondo della terapia, dovrebbe sempre rientrare nell'intervallo normale (13-33 nmol / l). Per stimolare la spermatogenesi, non prima di 3 mesi dalla nomina di hCG, vengono aggiunte le menotropine (gonadotropina della menopausa). La terapia combinata con gonadotropine viene eseguita per almeno due anni.

La valutazione dell'efficacia in relazione alla spermatogenesi viene effettuata non nella colza dopo 6 mesi dall'inizio della terapia combinata con gonadotropine.

Sterilità maschile dovuta ad altre cause

Nei casi in cui l'ipogonadismo è dovuto al prolattinoma, vengono prescritti agonisti della dopamina.

Per le lesioni infettive dei genitali, è indicata la terapia antibiotica, che viene prescritta tenendo conto della sensibilità della microflora.

Con una forma immunologica di patologia, è possibile eseguire una terapia immunosoppressiva con GCS

Con varicocele e malattia ostruttiva, è necessario un intervento chirurgico.

Valutazione dell'efficacia del trattamento

La valutazione dell'efficacia del trattamento viene effettuata non prima di 3 mesi dall'inizio del trattamento sulla base dell'analisi dello sperma. La durata massima del trattamento non deve essere superiore a tre anni; pur mantenendo l'infertilità per tre anni, è necessario ricorrere all'inseminazione artificiale.

Complicazioni ed effetti collaterali del trattamento

In rari casi possono comparire ingrossamento del seno, ritenzione di liquidi ed elettroliti, acne vulgaris, che scompaiono dopo il trattamento

Errori e incarichi irragionevoli

Molto spesso, nel trattamento di questa condizione, si verificano errori dovuti alla scelta sbagliata del farmaco..

Nel trattamento, soprattutto idiopatico, vengono ancora utilizzati molti metodi di trattamento farmacologico che non hanno prerequisiti fisiopatologici razionali (spesso per un tempo piuttosto lungo, simultaneamente o sequenzialmente) - la cosiddetta "terapia empirica".

Quando si valutano approcci terapeutici appropriati, è necessario seguire i principi della medicina basata sull'evidenza, che richiedono studi controllati.

Gli appuntamenti irragionevoli includono:

  • terapia della gonadotropina nella forma di patologia normogonadotropica;
  • terapia androgenica in assenza di carenza di androgeni. Il testosterone ei suoi derivati ​​sopprimono la secrezione ipofisaria delle gonadotropine, portando così all'inibizione della spermatogenesi. Un'ampia percentuale di pazienti che ricevono androgeni presenta azoospermia;
  • l'uso di modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (clomifene, tamoxifene), che sono farmaci con un potenziale effetto cancerogeno nelle forme di patologia idiopatica;
  • uso di inibitori dell'aromatasi. (testolattone), callicreina, pentaxifillina, che sono inefficaci per questa patologia;
  • l'uso di agonisti del recettore della dopamina (bromocriptina) nelle forme di patologia idiopatica (efficace solo nell'infertilità dovuta a iperprolattinemia);
  • l'uso dell'ormone della crescita, che porta ad un aumento del volume dell'eiaculato, provoca l'ipertrofia della ghiandola prostatica, ma non influisce sul numero e sulla motilità degli spermatozoi;
  • l'uso di medicinali a base di erbe, la cui efficacia in questa patologia non è stata dimostrata.

Malattie degli organi genitali maschili (N40-N51)

Incluso:

  • Ipertrofia prostatica adenofibromatosa
  • Ingrossamento della prostata (benigna)
  • Ipertrofia (benigna) della prostata
  • Adenoma del lobo mediano (prostata) (barra mediana della prostata)
  • Blocco del dotto prostatico NAS

Esclude: tumori prostatici benigni (D29.1)

Se necessario, identificare l'agente infettivo utilizzando un codice aggiuntivo (B95-B98).

Include: idropisia del funicolo spermatico, testicolo o guaina testicolare

Esclude1: idrocele congenito (P83.5)

Torsione:

  • epididimo
  • funicolo spermatico
  • testicoli

Se necessario, identificare l'agente infettivo utilizzando un codice aggiuntivo (B95-B98).

Prepuzio aderente

Prepuzio stretto

Se necessario, identificare l'agente infettivo utilizzando un codice aggiuntivo (B95-B98).

Escluso:

  • infiammazione del pene (N48.1-N48.2)
  • orchite ed epididimite (N45.-)

Esclude: torsione testicolare (N44)

Cerca in MKB-10

Indici ICD-10

Cause esterne di lesione - I termini in questa sezione non sono diagnosi mediche, ma descrizioni delle circostanze in cui si è verificato l'evento (Classe XX. Cause esterne di morbilità e mortalità. Codici colonna V01-Y98).

Medicinali e sostanze chimiche - Tabella dei medicinali e delle sostanze chimiche che hanno causato avvelenamento o altre reazioni avverse.

In Russia, la Classificazione internazionale delle malattie della 10a revisione (ICD-10) è stata adottata come un unico documento normativo per tenere conto dell'incidenza, delle ragioni per cui la popolazione fa appello alle istituzioni mediche di tutti i dipartimenti e delle cause di morte..

L'ICD-10 è stato introdotto nella pratica sanitaria in tutta la Federazione Russa nel 1999 con ordinanza del Ministero della Salute della Russia del 27 maggio 1997, n. 170

Una nuova revisione (ICD-11) è prevista dall'OMS nel 2022.

Abbreviazioni e simboli nella classificazione internazionale delle malattie, revisione 10

NOS - nessun chiarimento aggiuntivo.

NCDR - non classificato / i altrove.

† - il codice della malattia sottostante. Il codice principale in un sistema a doppia codifica, contiene informazioni sulla principale malattia generalizzata.

* - codice opzionale. Un codice aggiuntivo nel sistema di doppia codifica, contiene informazioni sulla manifestazione della principale malattia generalizzata in un organo o un'area separata del corpo.

Infertilità maschile. Azoospermia

RCHD (Republican Center for Healthcare Development of the Ministry of Health of the Republic of Kazakhstan)
Versione: Protocolli clinici MH RK - 2013

Informazione Generale

Breve descrizione

Un matrimonio in cui non c'è gravidanza durante 12 mesi di attività sessuale non protetta è chiamato sterile. L'infertilità maschile è una malattia del sistema riproduttivo, caratterizzata da una ridotta funzione generativa dei testicoli. (Definizione dell'OMS).

I. PARTE INTRODUTTIVA

Nome completo: infertilità maschile. Azoospermia
Codice protocollo:

Codice ICD-10:
N 46 - infertilità maschile

Abbreviazioni utilizzate nel protocollo:
MB - infertilità maschile
Ultrasuoni - esame ecografico

Data di sviluppo del protocollo: aprile 2013.
Categoria di pazienti: uomini dai 18 ai 45 anni che lamentano l'assenza di figli nel matrimonio
Utenti del protocollo: urologi ospedalieri, andrologi ospedalieri, specialisti della riproduzione del policlinico.

- Libri di consultazione medica professionale. Standard di trattamento

- Comunicazione con i pazienti: domande, recensioni, fissare un appuntamento

Scarica l'app per ANDROID / iOS

- Guide mediche professionali

- Comunicazione con i pazienti: domande, recensioni, fissare un appuntamento

Scarica l'app per ANDROID / iOS

Classificazione

Diagnostica

II. METODI, APPROCCI E PROCEDURE DI DIAGNOSTICA E TRATTAMENTO

Elenco delle misure diagnostiche di base e aggiuntive

No.Test diagnostici di base
1- Analisi del sangue generale
2- Analisi generale delle urine
3- Coagulogramma di sangue
4- Esame istologico del tessuto testicolare
cinque- Ecografia del sistema urinario
6- Testosterone
7- FSH, LH, prolattina
8- Spermogramma (oltre 18 anni)
No.Ulteriori test diagnostici
1- Determinazione dell'urea e dell'azoto residuo
2- Determinazione del glucosio
3- Determinazione della bilirubina
4- Test del timolo
cinque- ECG
6- Determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh

Criteri diagnostici: (Lopatkin N.A. 1998) [1,3]

Reclami e anamnesi: matrimonio sterile, sottosviluppo di caratteristiche sessuali secondarie.

Risultati fisici: diminuzione delle dimensioni dei testicoli, perdita di elasticità.

Ricerca di laboratorio:
1. Test ormonali: aumento della prolattina, FSH, LH, diminuzione del testosterone. (Norma: Testosterone 2,8-11 mcg / l, LH-1,5-8,4 mIU / l, prolattina 86-390 mIU / l, FSH - 1,5-12,4 mIU / l).
2. Presenza di alterazioni dello spermogramma: azoospermia (assenza di spermatozoi nell'eiaculato). Nello standard dell'OMS 2010: concentrazione di spermatozoi pari o superiore a 20 milioni / ml, conta spermatica totale pari o superiore a 40 milioni. Motilità degli spermatozoi 50% o più mobili (categoria A + B) o 25% o più con movimento in avanti (categoria A) entro 60 minuti dall'eiaculazione. Vitalità dello sperma 50% o più dal vivo

Ricerca strumentale:
- Ultrasuoni: potrebbe esserci espansione delle vescicole seminali, la loro assenza. Cambiamenti strutturali nei testicoli e nell'epididimo

Indicazioni per la consultazione con specialisti: se necessario, consultazione con un endocrinologo.

Diagnosi differenziale

SegniInfertilità maschile. AzoospermiaVaricocele
Dati oggettiviDiminuzione dei testicoli, perdita di elasticità.
La presenza di vene varicose del funicolo spermatico. Test di Valsalva.
UltrasuoniCambiamenti strutturali nei testicoli e nell'epididimo.La presenza di vene varicose del plesso aciniforme.
SpermogrammaAzoospermiaAsthenozoospermia

Trattamento

Scopo del trattamento: ripristino microchirurgico della pervietà del dotto deferente nell'infertilità ostruttiva, esecuzione di una biopsia testicolare nell'infertilità non ostruttiva

Tattiche di trattamento: [2]

Trattamento non farmacologico:
1. Modalità stazionaria
2. Tabella numero 15

Trattamento farmacologico:
1. In caso di ipogonadismo ipogonadotropo (ipogonadismo secondario), le preparazioni di gonadotropina corionica (pregnyl, prophasi, coragone, hCG, ecc.) Vengono somministrate alla dose di 2000 UI 3 volte a settimana, le menotropine da 1/2 a 1 fiala per via intramuscolare 3 volte a settimana [ 2].
2. Preparazioni antibiotici della serie delle cefalosporine: cefotaxime (cefazolina) 1.0x 2 r / d
3. Urosettici della serie dei fluorochinoloni: ciprofloxacina 250 mg x 2 r / d
4. Farmaci antinfiammatori per uso locale: supposte "Vitaprost" 1 supposta per la notte per via rettale
5. Farmaci analgesici (chetonal 2.0 i / m, analgin 1.0, nospazin 2.0 i / m)
6. Miglioramento della microcircolazione: flebo di pentossifillina 5,0 EV
7. Antifungini: itraconazolo soluzione orale 150 ml-10 mg / ml 100 mg 2 volte al giorno, fluconazolo 150 mg 1 volta
8. Vitamine C (acido ascorbico)

No.Il principaleQuantità al giornoDurata
applicazione
1HCG 2000 UI3 volte a settimana12 giorni
2Horagon 2000 IU3 volte a settimana13 giorni,
3Menotropin 2.03 volte a settimana14 giorni
4Cefazolin 1.02 volte al giorno7 giorni
cinqueCiprofloxacina 100,0Una volta al giorno5 giorni
6Candele VitaprostUna volta al giorno10 giorni
7Ketonal 2.02 volte al giorno5 giorni
8fluconazolo 150 mgUna volta al giorno1 giorno
No.AggiuntivoQuantità al giornoDurata
applicazione
1Nospazin 2.02 volte al giorno5 giorni
2Acido ascorbico 2.0Una volta al giorno4 giorni
3Pentossifillina 5.0Una volta al giorno5 giorni

Fisioterapia nel periodo postoperatorio (UHF - entro 5 giorni)

Chirurgia:
Intervento: revisione degli organi scrotali con biopsia del testicolo ed eliminazione microchirurgica dell'ostruzione con creazione di vasoepididimoanastomosi [2,4].

Misure preventive: evitare ipotermia, se necessario terapia antinfiammatoria, al fine di sanificare focolai cronici di infezione del tratto urinario

Ulteriore gestione:
- osservazione da parte di urologo, andrologo
- limitare l'attività fisica per 2 mesi
- controllo degli ormoni, spermogramma dopo 1 mese

Indicatori dell'efficacia del trattamento e della sicurezza dei metodi diagnostici e di trattamento: nessuna sindrome del dolore, presenza di un singolo spermatozoo nello spermogramma, nessuna infiammazione del testicolo e dell'epididimo dopo aver eseguito una biopsia. Monitoraggio dello stato del livello degli ormoni e dello spermogramma una volta al mese.

Infertilità maschile

Intestazione ICD-10: N46

Soddisfare

  • 1 Definizione e informazioni generali
  • 2 Eziologia e patogenesi
  • 3 manifestazioni cliniche
  • 4 Infertilità maschile: diagnosi
  • 5 Diagnosi differenziale
  • 6 Infertilità maschile: trattamento
  • 7 Prevenzione
  • 8 Altro
  • 9 Fonti (collegamenti)
  • 10 Ulteriore lettura (consigliata)
  • 11 ingredienti attivi

Definizione e contesto [modifica]

L'OMS definisce l'infertilità maschile come l'incapacità di un uomo di concepire un bambino entro 1 anno di vita sessuale regolare senza contraccezione. C'è un'altra definizione: l'infertilità maschile è l'incapacità di fertilizzare, indipendentemente dalla possibilità di rapporti sessuali. Negli Stati Uniti, circa il 15% delle coppie sposate in cerca di figli è sterile..

Eziologia e patogenesi [modifica]

Nel 30-40% dei casi, la causa dell'infertilità è una violazione della funzione sessuale negli uomini. Ciò significa che circa il 6% degli uomini sposati soffre di infertilità. La causa più comune di infertilità maschile sono i disturbi della spermatogenesi (isolati o causati da ipogonadismo). Altre cause comuni di infertilità maschile: impotenza, disturbi dell'eiaculazione, azoospermia ostruttiva, varicocele

Manifestazioni cliniche [modifica]

Infertilità maschile: diagnosi [modifica]

Il sondaggio (vedi Fig. 23.4) inizia con un interrogatorio dettagliato di entrambi i partner e con un'anamnesi. Se sono escluse l'impotenza e l'infertilità femminile, procedere agli esami di laboratorio.

1. Analisi dello sperma. Il metodo standard per l'analisi del seme è stato approvato dall'OMS nel 1992. Lo sperma si ottiene con la masturbazione dopo tre o più giorni di astinenza sessuale. Lo sperma viene raccolto in un contenitore pulito e asciutto e conservato a temperatura corporea durante il trasporto al laboratorio. Si consiglia di effettuare l'analisi entro un'ora dal momento dell'eiaculazione. Poiché la composizione dello sperma è variabile nello stesso uomo, si raccomanda di testare 3-6 campioni a intervalli di 10 giorni. Vengono valutati i seguenti indicatori:

e. Coagulazione e liquefazione. Normalmente, subito dopo l'eiaculazione, lo sperma si coagula e dopo 3-5 minuti si liquefa.

b. Viscosità. Gli enzimi della ghiandola prostatica e delle vescicole seminali influenzano la viscosità dello sperma. Normalmente, lo sperma dovrebbe fluire liberamente dal contenitore..

nel. Il volume dell'eiaculato dipende dalla durata dell'astinenza sessuale ed è solitamente di 2-5 ml.

d. il pH dello sperma dovrebbe essere compreso tra 7 e 8. Una diminuzione del pH indica l'ostruzione dei vasi deferenti o dell'urina nel campione. Uno spostamento del pH verso il lato alcalino si osserva nelle malattie della prostata e delle ghiandole bulbouretrali.

e. Conteggio degli spermatozoi. Una goccia di sperma (dopo che è stato liquefatto) viene posta in una camera di conteggio delle cellule del sangue. Il numero di spermatozoi viene contato utilizzando un microscopio a contrasto di fase. Il numero di spermatozoi normale è di almeno 20 milioni / ml. Una diminuzione del numero di spermatozoi è chiamata oligozoospermia. Con un'oligozoospermia moderata (10-20 milioni / ml), il concepimento è possibile se la motilità e la morfologia degli spermatozoi non sono compromesse. La completa assenza di sperma è chiamata azoospermia..

e. motilità degli spermatozoi. Una goccia di sperma viene esaminata al microscopio 2 ore dopo l'eiaculazione e viene valutata la motilità degli spermatozoi. Usano una scala da 0 a 4, dove 0 significa nessuno sperma mobile, 1 significa motilità minima, 2 significa debole a moderata, 3 significa buona e 4 significa mobilità elevata (movimento in avanti). La valutazione su tale scala è soggettiva e poco affidabile, pertanto, in laboratori specializzati, vengono utilizzati sistemi informatici per l'analisi dello sperma. Secondo la maggior parte dei laboratori, almeno il 50% dello sperma è mobile negli uomini sani. Negli uomini con oligozoospermia, l'infertilità è più spesso osservata con ridotta motilità degli spermatozoi.

g. Morfologia dello sperma. Fino a poco tempo si riteneva che lo sperma di un uomo sano dovesse contenere almeno il 60% di spermatozoi normali con testa ovale e non più del 6% di fusiformi, 8% di spermatozoi amorfi e 0,5% di spermatozoi immaturi. Oggi vengono utilizzati criteri dell'OMS più rigorosi, che consentono di calcolare con maggiore precisione il rischio di infertilità in base alla morfologia dello sperma. A volte lo sperma immaturo e i loro precursori non possono essere distinti dai leucociti senza una colorazione speciale. La proporzione di spermatozoi a forma di fuso e spermatidi aumenta con il varicocele.

2. Test di sopravvivenza dello sperma

e. Test postcoitale: 2-18 ore dopo il rapporto, viene prelevato il muco cervicale e vengono valutati il ​​numero e la motilità degli spermatozoi.

b. Test di sopravvivenza dello sperma in vitro: lo sperma viene miscelato con il muco cervicale. Sono stati sviluppati kit diagnostici che utilizzano muco cervicale di vacca.

nel. Test di sopravvivenza spermatica trasversale: lo sperma del soggetto viene miscelato con il muco cervicale di una donna fertile, oppure il muco cervicale del soggetto viene mescolato con lo sperma di un donatore fertile.

3. Test per la penetrazione degli ovociti. Gli spermatozoi del soggetto vengono mescolati in vitro con uova di criceto senza membrana trasparente e il numero di spermatozoi che sono penetrati nelle uova viene contato al microscopio. Subito dopo l'introduzione di questo test nella pratica, è stato dimostrato che con il suo aiuto è possibile distinguere gli spermatozoi che non sono in grado di fecondare da quelli normali. Recentemente, il test per la penetrazione delle uova è diventato una fase obbligatoria in preparazione all'inseminazione artificiale. Il confronto dei risultati del test con i risultati dell'inseminazione artificiale ha rivelato diverse importanti regolarità:

e. Quando si valuta la fertilità maschile, un test di penetrazione dell'uovo è molto più informativo di una valutazione del numero, della motilità e della morfologia degli spermatozoi.

b. La capacità degli spermatozoi di fertilizzare è correlata al meglio con la loro motilità (piuttosto che con la quantità o la morfologia).

nel. Migliori sono i risultati del test, più favorevole è la prognosi per la fecondazione in vitro con il trasferimento dell'embrione nella cavità uterina e con il trasferimento dei gameti nelle tube di Falloppio.

4. Anticorpi antisperma. Negli uomini, con una reazione autoimmune contro l'epitelio spermatogeno, si formano autoanticorpi antisperma. La reazione autoimmune è spontanea, ma più spesso è causata da lesioni ai testicoli, infezioni batteriche e virali (ad esempio, orchite virale). Gli autoanticorpi antisperma compaiono in tutti gli uomini dopo la vasectomia. Gli anticorpi antisperma possono anche comparire nelle donne con ridotta tolleranza immunologica agli antigeni spermatici. Negli uomini sono stati trovati diversi tipi di autoanticorpi antisperma. I valori diagnostici sono:

e. Anticorpi agglutinanti. Passando dal sangue allo sperma, causano l'agglutinazione dello sperma. Di conseguenza, la mobilità degli spermatozoi e la loro capacità di fertilizzare sono compromesse..

b. Anticorpi non agglutinanti. La presenza di questi anticorpi nel siero è un indicatore di danno autoimmune all'epitelio spermatogeno..

Nelle donne sono stati identificati anche diversi tipi di anticorpi antisperma, in particolare anticorpi citotossici e agglutinanti. Tali anticorpi si trovano non solo nel siero, ma anche nel muco cervicale. Possono danneggiare o agglutinare lo sperma.

Sono stati sviluppati numerosi metodi per la rilevazione degli anticorpi antisperma nel siero, nello sperma e nel muco cervicale. In precedenza, per rilevare gli anticorpi antisperma nel siero, veniva utilizzato il metodo di immunofluorescenza indiretta utilizzando spermatozoi fissi e test di Kibrik e Franklin-Duke basati sull'agglutinazione degli spermatozoi in presenza di siero contenente anticorpi antisperma. Recentemente, ELISA è più spesso utilizzato per questo scopo. Gli anticorpi nello sperma e nel muco cervicale vengono rilevati mediante metodi di microagglutinazione utilizzando microparticelle di lattice o poliacrilammide rivestite con anticorpi alle immunoglobuline umane. Gli spermatozoi vengono incubati con microparticelle, lavati e viene contato il numero di spermatozoi rivestiti di microparticelle.

5. Ricerca biochimica. Nei pazienti con modifiche nell'analisi dello sperma, vengono determinati i livelli sierici di LH e FSH e di testosterone sierico. Se necessario, vengono determinate la concentrazione di fruttosio nello sperma e gli anticorpi antisperma nel siero o nello sperma. Altri test vengono eseguiti come indicato: ad esempio, nell'ipogonadismo secondario, vengono misurati i livelli sierici di prolattina per escludere l'iperprolattinemia.

Diagnosi differenziale [modifica]

Infertilità maschile: trattamento [modifica]

1. Ipogonadismo o resistenza agli androgeni. Esame e trattamento - vedi cap. 23, p. III.

2. I livelli di azoospermia, LH, FSH e testosterone sono normali (vedi fig. 23.5). Tipicamente, l'azoospermia è dovuta a eiaculazione retrograda o anomalie anatomiche o ostruzione dei dotti eiaculatori, dotti deferenti o dotti epididimali.

e. L'eiaculazione retrograda è tipica dei pazienti con neuropatia autonomica ed è molto spesso osservata nel diabete mellito (nei pazienti giovani - con diabete mellito insulino-dipendente). Diagnosi di laboratorio: numerosi spermatozoi si trovano nelle urine dopo l'eiaculazione.

b. Azoospermia ostruttiva. Per scegliere un metodo di trattamento chirurgico, è necessario determinare correttamente il livello di ostruzione. Per questo, viene misurata la concentrazione di fruttosio nella parte liquida dello sperma. Normalmente, il fruttosio si forma nelle vescicole seminali e attraverso i loro dotti escretori entra nelle sezioni finali dei dotti deferenti e quindi nei dotti eiaculatori. Con l'assenza congenita dei vasi deferenti o delle vescicole seminali, il fruttosio non viene rilevato nello sperma. L'assenza del dotto deferente è quasi sempre confermata dalla palpazione dello scroto. Se l'ostacolo si trova nel dotto deferente prossimale al punto della sua confluenza con il dotto escretore della vescicola seminale, la concentrazione di fruttosio nello sperma è normale. Nello scroto sono palpabili un testicolo di dimensioni normali e una testa allargata (non sempre) dell'epididimo.

Durante l'intervento chirurgico (aprendo lo scroto) viene rilevata un'ostruzione dell'epididimo. In questi casi viene eseguita la correzione microchirurgica dei dotti dell'epididimo e del dotto deferente. Se ciò non è possibile, il contenuto dei dotti dell'epididimo viene aspirato. Lo sperma risultante viene congelato e utilizzato per l'inseminazione artificiale. Se non viene rilevata alcuna ostruzione, viene eseguita una biopsia testicolare intraoperatoria.

3. I livelli di azoospermia, LH e testosterone sono normali, i livelli di FSH sono elevati. Tali parametri di laboratorio si osservano nella sindrome del Castillo. Questa sindrome è anche chiamata aplasia isolata dell'epitelio spermatogeno e sindrome delle cellule di Sertoli. In una biopsia testicolare, non ci sono cellule germinali nelle pareti dei tubuli seminiferi convoluti, ma solo cellule di Sertoli. Si ritiene che le forme congenite della sindrome siano causate da anomalie del cromosoma Y. Sono stati descritti diversi pazienti con una delezione Yq11. L'aplasia reversibile e irreversibile dell'epitelio spermatogeno può anche essere causata da alcolismo, radiazioni e farmaci antitumorali. Non sono stati sviluppati trattamenti per la sindrome del Castillo.

4. I livelli di oligozoospermia, LH, FSH e testosterone sono normali (vedi fig. 23.6). I livelli normali di ormoni gonadotropici e androgeni sono tipici per la maggior parte dei pazienti con oligozoospermia..

e. Il varicocele è una causa comune di oligozoospermia. Non è stato ancora chiarito il motivo per cui la spermatogenesi è disturbata dal varicocele, pertanto non è stata sviluppata la terapia patogenetica. Il trattamento chirurgico convenzionale è la legatura della vena testicolare, ma i dati sull'efficacia di questa operazione sono contrastanti.

b. Terapia antineoplastica. Nell'epitelio spermatogeno si verificano continuamente mitosi della spermatogonia e divisione meiotica degli spermatociti. I citostatici e le radiazioni agiscono sull'epitelio spermatogeno allo stesso modo di altre popolazioni cellulari in rapido rinnovamento, cioè bloccano la divisione cellulare, danneggiano il DNA e causano la morte cellulare.

1) Farmaci antineoplastici. Gli agenti alchilanti (ciclofosfamide, tioTEP, clorambucile, clormetina e melfalan), a seconda della dose, causano danni reversibili o irreversibili all'epitelio spermatogeno. La procarbazina, anche a piccole dosi, provoca azoospermia. Doxorubicina, vincristina e metotrexato non influenzano la spermatogenesi.

2) L'irradiazione a dosi di 0,5-4 Gy porta a oligozoospermia reversibile. Dosi> 5 Gy causano azoospermia irreversibile.

nel. Oligozoospermia idiopatica. Questo è il nome dell'oligozoospermia nei pazienti senza varicocele con livelli normali di testosterone, LH e FSH. Il trattamento dell'oligozoospermia idiopatica con testosterone, clomifene, HCG umano o HCG umano in combinazione con menotropina è spesso infruttuoso. Se la terapia farmacologica viene ancora eseguita, dovrebbe essere limitata a un lasso di tempo ragionevole. L'inseminazione artificiale è molto più efficace in tali situazioni. Vengono utilizzati i seguenti metodi:

1) Inseminazione artificiale con introduzione di sperma nella cavità uterina o nelle tube di Falloppio.

2) Fecondazione in vitro con trasferimento dell'embrione nella cavità uterina.

3) Fecondazione in vitro con trasferimento di uno zigote o di un embrione nelle tube di Falloppio.

4) Inseminazione artificiale con seme di donatore.

Questi trattamenti (soprattutto la fecondazione in vitro) sono complessi e costosi. Prima di consigliarli a una coppia infertile, è necessario esaminare attentamente la donna (ad esempio, per escludere l'anovulazione). Ci sono casi in cui l'induzione di cicli ovulatori nella moglie di una paziente con oligozoospermia si è conclusa con una gravidanza normale. Se il trattamento non ha successo e la prognosi è infausta, si consiglia di adottare il figlio di qualcun altro.

5) Il numero di spermatozoi è normale, ma la morfologia o la motilità è compromessa

e. Necrospermia. Questo è un aumento della proporzione di spermatozoi non vitali nell'eiaculato. Gli spermatozoi non vitali vengono identificati in una goccia o uno striscio di sperma utilizzando il blu di trypan o altri coloranti. Viene utilizzato anche lo shock osmotico: lo sperma viene diluito in un ambiente ipotonico e vengono contate le cellule gonfie e non gonfie (negli spermatozoi normali la permeabilità della membrana non è disturbata, quindi si gonfiano). È stato dimostrato che la necrospermia è causata da disturbi del metabolismo degli spermatozoi, il che dà speranza per l'emergere di metodi di trattamento patogenetici.

b. I difetti morfologici degli spermatozoi indicano una spermatogenesi alterata e sono più caratteristici dell'oligozoospermia.

nel. La motilità degli spermatozoi diminuisce con i difetti strutturali e metabolici degli spermatozoi stessi, sotto l'influenza di sostanze medicinali e tossiche e con le infezioni del tratto urinario.

1) La discinesia ciliare primaria è una malattia ereditaria autosomica recessiva caratterizzata da ridotta mobilità dei flagelli dello sperma e delle ciglia dell'epitelio delle vie aeree e causata da difetti nei microtubuli. Questi difetti vengono rilevati mediante microscopia elettronica. Una variante comune della discinesia ciliare primaria è la sindrome di Kartagener (situs inversus, bronchiectasie, poliposi nasale). Si osserva discinesia ciliare secondaria dopo irradiazione e trattamento con colchicina, un inibitore della polimerizzazione dei microtubuli.

2) Infezioni del tratto urinario. Una causa molto comune di infertilità è l'infezione da clamidia. Le clamidie danneggiano la membrana spermatica e possono distruggere i microtubuli flagellari e l'acrosoma. In quest'ultimo caso, lo sperma perde la sua capacità di fertilizzare. Per escludere l'infezione da clamidia, viene eseguito uno studio di immunofluorescenza dello sperma o della secrezione dall'uretra. Per determinare il tipo di patogeno, viene eseguito uno studio biologico molecolare (PCR seguita da ibridazione con oligonucleotidi specifici). Con l'infezione da Trichomonas, la concentrazione di fruttosio nello sperma diminuisce. Di conseguenza, la motilità e la vitalità degli spermatozoi sono ridotte. Nelle infezioni batteriche, i leucociti e altre cellule caratteristiche dell'infiammazione si trovano nello sperma. In questi casi, la semina è fatta. Se l'infezione del tratto urinario è confermata, vengono somministrati antibiotici.

3) La motilità e la vitalità degli spermatozoi possono essere normali in vitro (nell'analisi del seme), ma compromesse in vivo (nei genitali femminili). Pertanto, uno dei test per la sopravvivenza dello sperma è incluso nel piano di esame per una coppia infertile (vedi Cap.23, p. IV.B.2).

d. L'agglutinazione dello sperma può essere dovuta ad autoanticorpi antisperma. Per rilevare questi anticorpi nello sperma, utilizzare il metodo di microagglutinazione (vedere Cap. 23, p. IV.B.4). Se meno del 20% degli spermatozoi è ricoperto di microparticelle, si può escludere un danno autoimmune all'epitelio spermatogenico. La presenza del 20-40% di spermatozoi ricoperti di microparticelle rende possibile sospettare e la presenza del 50% o più di microparticelle di spermatozoi conferma una patologia autoimmune. In quest'ultimo caso, si raccomanda un trattamento a lungo termine con glucocorticoidi..

Prevenzione [modifica]

Altro [modifica]

La sindrome di Jung

Sinonimi: sindrome da infezione azoospermia-sinusopolmonare

Definizione e informazioni generali

La sindrome di Young è caratterizzata da una combinazione di azoospermia ostruttiva con infezioni ricorrenti seno-bronchiale.

La prevalenza è sconosciuta, ma la sindrome è molto rara.

Eziologia e patogenesi

La sindrome sembra trasmettersi come un tratto autosomico recessivo, ma la sua eziologia è sconosciuta. Nonostante la somiglianza nei sintomi tra la sindrome di Young e la fibrosi cistica, alcuni studi hanno dimostrato che la sindrome di Young non è associata a una mutazione nel regolatore transmembrana del gene CFTR.

Manifestazioni cliniche

La spermatogenesi è normale, ma l'azoospermia si verifica a causa dell'ostruzione delle appendici dovuta a secrezioni dense. La funzione respiratoria è solitamente solo lievemente compromessa, con segnalazioni di bronchiectasie.

Diagnosi differenziale

Le principali diagnosi differenziali comprendono la fibrosi cistica e l'assenza congenita bilaterale dei vasi deferenti, in contrasto con le quali le ghiandole sudoripare e la funzione pancreatica sono normali nella sindrome di Young.

Il trattamento comprende il trattamento della sinusite e delle infezioni polmonari. I trattamenti per la fertilità comprendono la formazione di vasoepididimostomia e l'iniezione intracitoplasmatica di sperma.

Infertilità femminile e maschile: codice ICD-10

L'infertilità secondo l'ICD è codificata da uno speciale codice alfanumerico, che i pazienti vedono ripetutamente nelle cartelle cliniche e non hanno idea del suo significato. Sembra molto più facile scrivere il nome della malattia che cercare il codice necessario nell'enorme elenco di patologie. Dopotutto, il registro include fino a 3 volumi! Una classificazione unificata consente infatti di ridistribuire le risorse finanziarie a livello statale, ottimizzare il lavoro dei centri medico-scientifici, a seconda delle informazioni ricevute..

Cos'è l'ICD

La classificazione internazionale delle malattie è un documento standardizzato a livello mondiale - un elenco di patologie che semplifica la raccolta di dati sulle cause di morbilità e mortalità. Grazie al metodo comune di codifica delle informazioni per la maggior parte degli stati, statistici ed epidemiologi possono navigare più facilmente nella modifica dei principali indicatori di salute.

Importante. Il registro consente di organizzare il lavoro delle istituzioni mediche nelle città, gestire il sistema sanitario nel paese nel suo complesso e stabilire le priorità per la ricerca più importante al mondo.

Classificazione delle malattie secondo ICD-10

Dal 1994, la versione della decima revisione o ICD-10 abbreviato è in vigore ovunque. Oggi è in fase di sviluppo una nuova versione 11 del codice, che dovrebbe essere rilasciata tra un paio d'anni.

Nella struttura del documento, 22 gruppi di malattie sono crittografati con lettere latine. L'infertilità femminile secondo l'ICD è elencata sotto il codice generale N97. Questa patologia è caratterizzata dall'incapacità del paziente di concepire un bambino con una vita sessuale regolare senza contraccezione..

Sterilità femminile secondo ICD

Nella classificazione internazionale, l'assenza di concepimento è suddivisa in sottogruppi che hanno causato la patologia.

La malattia è crittografata come segue:

  • Disturbi dell'ovulazione N97.0 (squilibrio ormonale, anovulazione, alterazioni endocrine, effetti tossici),
  • Fattori tubarici N97.1 (alterazioni infiammatorie, aderenze, precedente gravidanza ectopica),
  • Patologia uterina N97.2 (anomalie strutturali, difetti di impianto),
  • N97.3 cause cervicali,
  • Disturbi N97.4 associati a fattori maschili (incompatibilità immunologica),
  • N97.8 altri tipi (endometriosi, fibromi),
  • N97.9 Causa sconosciuta.

L'infertilità primaria secondo ICD-10 consente di esprimere numericamente il numero di coppie sposate che non hanno mai concepito durante una regolare attività sessuale. Nelle donne c'è un sottosviluppo della struttura degli organi genitali, una posizione anormale dell'utero, gravi disturbi ormonali che portano a una persistente mancanza di ovulazione.

Il codice dell'infertilità secondaria secondo ICD-10 mostra quantitativamente le pazienti che hanno una storia di gravidanza, indipendentemente dall'esito: parto, aborto spontaneo, aborto, localizzazione ectopica dell'embrione. Di solito, il verificarsi di infertilità è associato a frequenti interventi nella cavità uterina, malattie infiammatorie, comparsa di tumori, cattive abitudini, disturbi metabolici.

Infertilità maschile secondo ICD

I rappresentanti del sesso più forte hanno il codice di infertilità ICD-N46. Il codice implica una violazione della qualità dello sperma di un uomo, patologie associate all'eiaculazione. Il meccanismo di innesco dell'incapacità di concepire un bambino è: infiammazione, vene varicose dell'apparato genitale, anomalie nella struttura degli organi riproduttivi.

La necessità dell'applicazione

L'utilizzo di un'unica codifica consente di individuare i principali problemi di salute, di unire gli sforzi nella lotta alle più comuni cause di mortalità, morbilità.

Determinando il tipo principale di codice di infertilità secondo ICD-10 negli adulti, viene calcolato il reindirizzamento dei mezzi di determinazione, trattamento delle cause più comuni che influenzano la salute riproduttiva. La revisione del documento riflette costantemente i risultati scientifici della medicina nel campo della demografia, della pratica medica in generale.

Conclusione

La codifica ICD per l'infertilità non ha importanza per la maggior parte dei pazienti. Inoltre, quando si fornisce la documentazione sul luogo di lavoro o per altri motivi, nella colonna viene indicato un codice per la malattia sottostante. Non tutti sono pronti a comunicare agli altri la vera causa della patologia, quindi l'ICD 10 è un modo legale abbastanza conveniente per aggirare questo momento..

Nella vita, un'unica crittografia delle unità nosologiche consente alla comunità mondiale di giudicare il livello di infertilità di un particolare paese o città, le cause di questa patologia, che contribuisce alla formazione di un programma per prevenire e prevenire l'assenza di concepimento tra la popolazione.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

L'olio di ricino può essere usato durante la gravidanza?

Infertilità

Popolarmente noto come olio di ricino, l'olio di ricino è uno dei rimedi naturali più popolari utilizzati per scopi cosmetici. A causa del contenuto significativo di vitamina E e acidi grassi, l'olio di ricino si adatta perfettamente a molti difetti della pelle, dei capelli, delle unghie, risolve i problemi dermatologici e aiuta a perdere peso.

Perché la miscela è pericolosa nei primi giorni di vita. Ed è necessario integrare con la formula durante l'allattamento.

Neonato

Irina Ryukhova, consulente di AKEV, IBCLC, coordinatrice del progetto "New Level": Per molti bambini nati in maternità, l'integrazione con il latte artificiale è quasi inevitabile.

I benefici e i rischi del vino durante l'allattamento

Neonato

Proprietà dell'alcol che danneggiano una mamma che allattaVini fortificati, vodka, chiaro di luna, cognac e tutte le altre bevande alcoliche con un alto contenuto di etanolo sono controindicati per l'allattamento al seno.

Cosa fare se il fibrinogeno aumenta o diminuisce durante la gravidanza?

Analisi

Cos'è il fibrinogeno?Il fibrinogeno è una proteina presente nel sangue che influenza la coagulazione del sangue. Insieme alle piastrine, questo componente favorisce la formazione di un coagulo sanguigno in caso di danneggiamento dell'integrità della pelle, previene lo sviluppo di forti emorragie.