Principale / Analisi

È possibile per una donna eseguire una risonanza magnetica della testa, della colonna vertebrale, del bacino e delle articolazioni delle gambe e delle braccia nelle fasi iniziali o finali: indicazioni, controindicazioni, conseguenze

Grazie allo sviluppo della medicina come scienza e alla sua corrispondente attrezzatura tecnologica, esistono vari metodi estremamente efficaci per diagnosticare la salute di una donna incinta. Una di queste tecniche non invasive è la risonanza magnetica. Ma, nonostante la sua indolore e il contenuto informativo, ci sono alcuni rischi quando viene eseguito mentre una donna sta trasportando un bambino, e un medico deve decidere rigorosamente sulla necessità di una risonanza magnetica.

  1. È consigliabile e sicuro condurre una risonanza magnetica durante il trasporto di un bambino
  2. Cos'è la risonanza magnetica
  3. È possibile farlo durante la gravidanza all'inizio e alla fine della gravidanza
  4. Quali sono le caratteristiche per le donne incinte
  5. Vale la pena fare una risonanza magnetica parzialmente durante la gravidanza: è dannoso per il feto?
  6. Testa
  7. Colonna vertebrale
  8. Cicatrice MRI sull'utero
  9. Bacino e articolazioni degli arti
  10. Quando la risonanza magnetica è completamente controindicata durante il periodo di gestazione
  11. Video utile

È consigliabile e sicuro condurre una risonanza magnetica durante il trasporto di un bambino

Il periodo della vita di una donna, che dedica alla gravidanza, non sempre procede con calma e senza malattie che si manifestano durante la gravidanza o si aggravano. Quando il medico vede i prerequisiti per una grave patologia che minaccia la vita della futura mamma e del suo bambino, può prescrivere la risonanza magnetica (MRI). Ma prendere una tale decisione dovrebbe essere equilibrata e attenta, poiché ci sono controindicazioni a tale diagnosi per quanto riguarda le donne in gravidanza..

Cos'è la risonanza magnetica

La risonanza magnetica è l'abbreviazione del nome del metodo diagnostico: risonanza magnetica per immagini. Questo metodo consente agli specialisti di ottenere immagini con sezioni dell'area investigata del corpo umano, che sono di alta qualità e contenuto informativo. La base per il funzionamento della macchina per la risonanza magnetica era la comprensione di come il campo elettromagnetico interagisce con gli atomi di idrogeno presenti in tutto il corpo umano..

È possibile farlo durante la gravidanza all'inizio e alla fine della gravidanza

L'esecuzione di una risonanza magnetica nelle prime fasi della gestazione può influire negativamente sul bambino a modo suo. Il funzionamento del tomografo è accompagnato dalla radiazione di una certa quantità di energia termica e rumore.

I primi tre mesi di posa di tutte le strutture del futuro neonato sono estremamente importanti e tale influenza esterna può portare a uno squilibrio nella formazione di organi e sistemi, alla futura comparsa di gravi malformazioni o anomalie.

Il secondo e il terzo trimestre sono meno suscettibili alla tomografia e quindi sono considerati più favorevoli per le misure diagnostiche. In questo momento, l'aspetto principale di un esame sicuro e di successo è l'assenza di controindicazioni da parte della futura mamma..

Poiché le fasi di sviluppo più importanti sono associate al primo trimestre di gestazione, il secondo e il terzo sono considerati più favorevoli per la tomografia, sebbene siano associati ad alcuni rischi.

Quali sono le caratteristiche per le donne incinte

La risonanza magnetica è associata a una serie di funzioni. Svolgono un ruolo importante per le future mamme che trasportano un bambino:

  • Può svilupparsi la paura di uno spazio ristretto, a causa di una specifica ristrutturazione dello stato mentale.
  • Il rumore emesso dal dispositivo provoca disagio anche nei pazienti normali e nella futura mamma può causare panico.
  • La procedura viene spesso eseguita con l'uso di un mezzo di contrasto, che è associato a rischi aggiuntivi e alla possibile presenza di allergie.
  • La procedura diagnostica deve essere concordata con uno specialista, tenendo conto del programma dell'attività del bambino, in modo che il momento sia il più appropriato e non causi stress per lui.
  • È preferibile eseguire la diagnostica in un apparato di tipo aperto, che è associato a cambiamenti nel corpo della donna, in particolare, con una pancia ingrossata..

Vale la pena fare una risonanza magnetica parzialmente durante la gravidanza: è dannoso per il feto?

Avendo un quadro completo delle condizioni della futura mamma e conoscendo i tempi della gestazione, lo specialista fa una conclusione sulla necessità della tomografia.

Testa

Un esame del capo della futura mamma può essere finalizzato a diagnosticare:

  • Forte dolore, senza una chiara comprensione della loro eziologia.
  • Trauma passato.
  • Cause di frequenti svenimenti e vertigini.
  • Comparsa di disturbi della memoria e del pensiero, un'improvvisa diminuzione delle capacità intellettuali.
  • Convulsioni sviluppate.
  • Il sospetto emergente dello sviluppo di encefalomielite, vasculite o ictus.
  • Lo stato del sistema vascolare per il quale sono disponibili informazioni su patologie croniche o di recente sviluppo nella storia della donna.
  • Deviazioni nella capacità funzionale degli organi visivi.
  • Sinusite preesistente, anomalie dei seni o un improvviso cambiamento del senso dell'olfatto.
  • Presenza di tiroidite o altre anomalie della tiroide.

Inoltre, questo metodo è rilevante nei casi in cui non è possibile eseguire l'esame ecografico della testa o i suoi risultati devono essere confermati. L'intera procedura è abbastanza semplice e richiede dai 15 ai 30 minuti..

Colonna vertebrale

È possibile eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale di una donna che trasporta un bambino per determinare:

  • Cause di disturbi circolatori del midollo spinale.
  • La presenza di malformazioni o qualche tipo di lesione alle vertebre e ai dischi intervertebrali.
  • Cause di dolore o intorpidimento agli arti.
  • Infiammazione sviluppata della colonna vertebrale, mielinopatia o mielinoclastica.
  • La presenza di restringimento del canale spinale.
  • Condizioni di protrusioni o ernie, osteosrondrosi o artrosi acuta.

Lo studio viene svolto senza alcuna preparazione specifica e dura circa 20 minuti.

Cicatrice MRI sull'utero

Una cicatrice sull'utero può essere nelle donne che hanno sperimentato:

  • taglio cesareo.
  • Alcuni interventi ginecologici, come la miomectomia o la plastica ricostruttiva.
  • Rottura dell'utero durante il travaglio precedente.
  • Lesioni dopo procedure invasive.
  • Trauma addominale.

La risonanza magnetica ha lo scopo di determinare la condizione della cicatrice lasciata sull'utero ed è un modo per identificare il grado del suo assottigliamento e il rischio esistente di rottura. Lo studio aiuterà gli specialisti a determinare il metodo di consegna più appropriato.

Bacino e articolazioni degli arti

Il bacino e le articolazioni degli arti vengono esaminati in una serie di situazioni:

  • La comparsa della sindrome del dolore.
  • Anomalie esistenti nello sviluppo delle articolazioni.
  • Danno osseo, processi infettivi o degenerativi esistenti che interessano ossa e articolazioni.
  • Determinazione dello stato delle neoplasie.
  • Patologie esistenti del tessuto connettivo.
  • Ingresso di corpi estranei.
  • Sospetto accumulo di liquido nella pelvi.

Non è necessaria alcuna preparazione speciale prima dell'esame e la tomografia non richiede più di 30 minuti.

Quando la risonanza magnetica è completamente controindicata durante il periodo di gestazione

Per prescrivere una risonanza magnetica, uno specialista ha bisogno non solo di indicazioni per esso, ma anche dell'assenza di controindicazioni. Durante la gravidanza, è severamente vietato eseguire tale diagnostica in un numero di casi:

  • Meno di 12 settimane. Ciò è dovuto al fatto che questo periodo di gestazione è associato all'inizio della formazione di tutti gli organi. In questo momento, qualsiasi influenza esercitata sul feto, che si tratti di calore o rumore (che è caratteristico della risonanza magnetica), può influire negativamente sui processi di impostazione dei sistemi..
  • Un pacemaker installato in una donna incinta, qualsiasi metallo o protesi.
  • Peso corporeo di una donna superiore a 200 kg.
  • Tendenza alle convulsioni con una storia di claustrofobia o disturbo convulsivo.

Per la risonanza magnetica che utilizza un mezzo di contrasto, le controindicazioni saranno:

  • Malattia renale cronica.
  • Malattia emolitica nella madre.

L'imaging RM è meritatamente considerato una procedura altamente informativa e più sicura che non richiede una formazione specifica. Una diagnosi tempestiva può aiutare non solo ad avviare misure mediche per aiutare una donna incinta, ma anche a prevenire alcune complicazioni, come la rottura della cicatrice uterina. Può essere eseguito in ogni caso, ma l'effetto del tomografo su una donna incinta e sul suo bambino è una questione più seria. Richiede la decisione più equilibrata di uno specialista.

È pericoloso eseguire una risonanza magnetica durante la gravidanza?

La risonanza magnetica è uno dei metodi più sicuri della moderna diagnostica medica. Molto spesso viene confuso con i raggi X o la tomografia computerizzata, visto che sono altrettanto dannosi. In effetti, la risonanza magnetica e la radiografia (TC) funzionano in modo diverso. Così diversi che confrontarli tra loro è sbagliato.

MRI e raggi X: chi è più spaventoso

I raggi X e la tomografia computerizzata (TC) scansionano le immagini degli organi interni utilizzando radiazioni ionizzanti o, più semplicemente, raggi X. I raggi penetrano attraverso la pelle, i tessuti muscolari, irradiando una persona. Le proprietà della radiazione sono ben studiate: si accumula nel corpo e in grandi quantità può causare lo sviluppo di deviazioni e malattie. Per controllare le radiazioni, sono stati stabiliti standard per l'esposizione umana annuale e sono state adottate misure di sicurezza nelle cliniche per proteggere i pazienti (indumenti di piombo). I raggi X e la TC non sono raccomandati durante la gravidanza a scopo profilattico (cioè senza la necessità e la prescrizione di un medico).

Non sono presenti radiazioni ionizzanti nell'imaging a risonanza magnetica. Il funzionamento della risonanza magnetica si basa sull'azione di un campo elettromagnetico. L'immagine degli organi interni si ottiene come segue: l'impianto genera un campo magnetico con una potenza da 0,5 a 2 Tesla e nell'area indagata vengono inviate onde elettromagnetiche che trasmettono un impulso di rotazione ai protoni. Dopo l'annullamento dell'impatto, le particelle "si rilassano", rilasciando una certa quantità di energia, che viene registrata dal sensore sensibile del tomografo ed elaborata da un programma per computer. La "risposta" degli atomi all'azione di un'onda elettromagnetica si chiama risonanza, da qui la seconda parola nel nome della procedura.

Durante la procedura non è necessario indossare indumenti protettivi: il campo magnetico, a differenza delle radiazioni ionizzanti, non ha un effetto distruttivo sul corpo. In ogni caso, il campo del potere che si crea nei tomografi per uso medico.

La risonanza magnetica durante l'inizio della gravidanza può essere dimostrata per diagnosticare patologie fetali (la tomografia è più informativa degli ultrasuoni). E quando si esamina il cervello, il midollo spinale, la risonanza magnetica è il metodo migliore. La risonanza magnetica è spesso inclusa nel programma di screening per il 1 ° trimestre di gravidanza (alla settimana 12), perché esamina bene i tessuti molli, meglio degli ultrasuoni, consente di identificare possibili anomalie nello sviluppo del feto e di adottare misure tempestive. La risonanza magnetica fornisce ai medici informazioni complete sullo stato dei tessuti molli e degli organi interni.

Non c'è nulla di dannoso per la salute umana nell'azione di un campo magnetico. Perché la nostra Terra è anche una calamita a due poli e ne sperimentiamo regolarmente l'effetto su noi stessi, ad esempio quando il tempo cambia o quando usiamo una bussola..

L'unico disagio che una risonanza magnetica può causare è l'immobilità prolungata. Ciò è dovuto al fatto che il programma esegue la scansione degli organi a strati e questo richiede tempo. L'attrezzatura per la tomografia può essere aperta o chiusa, il che non influisce né sulla qualità della procedura né sull'effetto sul corpo.

Perché le donne incinte non sono consigliate per la risonanza magnetica precoce?

Può accadere che sia necessario eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale o del cervello e questo coincide con l'inizio della gravidanza. Le future mamme devono anche controllare i vasi sanguigni o le condizioni della schiena quando ciò causa preoccupazione per i medici. Quando si tratta della tua salute, non rifiutare l'esame. Il fatto è che la risonanza magnetica è un fenomeno relativamente nuovo (1973), ma al 100% non studiato. La scienza dà una risposta univoca: la procedura è sicura per tutti, nessuno escluso. Ciò è confermato da numerosi esperimenti, ma la medicina è ancora riassicurata..

Si ritiene che troppi fattori negativi agiscano sul corpo di una donna incinta. La gravidanza stessa è stress, ma se aggiungi alimentazione imperfetta, nervi, ecologia, problemi di salute generali? E se prima della gravidanza la donna fumasse e bevesse regolarmente? Tutti questi fattori influenzano lo sviluppo del nascituro. Perché aggiungerne un altro? Pertanto, la risonanza magnetica nelle fasi iniziali non è prescritta senza una buona ragione: sono riassicurati.

Risonanza magnetica all'inizio della gravidanza: possibili conseguenze

Finora, non ci sono stati casi di patologia fetale o aborto spontaneo a causa di una risonanza magnetica. È molto più importante come ti prenderai cura della tua salute. La ricetta è semplice: aria fresca, cibo sano, esercizio fisico moderato, meno stress e controllo medico regolare. Osservando questi semplici consigli, puoi aumentare significativamente le possibilità di avere un bambino sano e un parto facile..

Il motivo per cui alcuni medici raccomandano di non combinare la risonanza magnetica e la gravidanza è perché i tessuti sono riscaldati dal campo elettromagnetico. Ma un tale riscaldamento non farà più male di una doccia calda. Astenersi dal test per un massimo di 12 settimane se si è sospettosi e si desidera andare sul sicuro. Sei sicuro che tornerai alla situazione tutto il tempo, pensi e rimpiangerai la procedura fatta, "finirai" da solo? Quindi è meglio posticipare la procedura. Salva i tuoi nervi aspettando fino al secondo trimestre.

Risonanza magnetica con mezzo di contrasto durante la gravidanza

Se le particelle nell'area in esame risuonano debolmente e il sensore non è in grado di registrare le loro vibrazioni, l'immagine sarà sfocata. In questo caso, viene iniettato nella vena del paziente un mezzo di contrasto a base di gadolinio. Tra le controindicazioni ci sono la gravidanza e l'allattamento. E poi queste sostanze, anche se raramente, possono provocare allergie. Si prega di consultare il proprio medico prima di dare il consenso..

Controindicazioni alla risonanza magnetica

La risonanza magnetica per immagini è un metodo diagnostico indolore e la gravidanza, inclusa la gravidanza iniziale, non è un ostacolo alla ricerca. Ma ci sono regole generali per la ricerca:

1. Non eseguire diagnosi in presenza di oggetti metallici nel corpo: impianti dentali, apparecchi ortodontici, corone, pacemaker, apparato Ilizarov, clip emostatiche, impianto dell'orecchio medio. Togli i gioielli (orecchini, catene, piercing, strass), rimuovi il cellulare, accendino.

2. Claustrofobia, insufficienza cardiaca, disturbi nervosi, peso superiore a 120 kg e altre malattie non correlate alla gravidanza possono diventare un serio ostacolo alla procedura. Sui siti web di alcune cliniche è scritto che anche 1 trimestre di gravidanza è una controindicazione, ma, come accennato in precedenza, si tratta di una riassicurazione dei medici stessi.

Quanto spesso può essere eseguita una risonanza magnetica??

Il numero di esami MRI all'anno non è limitato. Niente ti impedirà di esaminare prima la schiena, il giorno dopo, la testa, gli organi interni e tutto ciò che dovrebbe.

Hai deciso: semplici linee guida

Quindi, capisci che hai bisogno di una risonanza magnetica. Prima di iniziare la procedura, informa il tecnico radiologico della tua gravidanza e della data di scadenza. Non dimenticare di menzionare che dovresti rifiutare la somministrazione di un mezzo di contrasto in anticipo senza ulteriori esami. Porta con te una vestaglia o una maglietta lunga (se hai vestiti con fibbia in metallo, strass o bottoni, ti verrà chiesto di toglierli).

Durante la procedura, non aver paura di essere lasciato solo, perché un radiologo ti sta guardando attraverso una finestra speciale. Se hai bisogno di aiuto, non esitare a chiedere. E, cosa più importante, mantieni la calma e sii sano!

Durante la gravidanza, saranno più di 37 gradi.... Risonanza magnetica all'inizio della gravidanza: fare o no.

Pianificazione della gravidanza. Metodi tradizionali per il concepimento. Tutto sull'infertilità.... Risonanza magnetica all'inizio della gravidanza: fare o no.

Risonanza magnetica all'inizio della gravidanza: fare o no. Come e perché prendere la papaverina durante la gravidanza per.

Qual è il pericolo durante la gravidanza e dopo.... La risonanza magnetica consente di identificare con precisione tutti i difetti ossei.

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza?

La risonanza magnetica è considerata uno dei metodi più informativi e affidabili per lo studio dello stato del corpo, in particolare della colonna vertebrale, del letto vascolare, degli organi e dei tessuti viscerali. Questo metodo di diagnosi non è associato a dolore e disagio e, inoltre, ha un effetto estremamente insignificante sul corpo, quindi la risonanza magnetica viene spesso prescritta alle future mamme se sospettano lo sviluppo di patologia nella donna incinta stessa o nel feto nell'utero. È sicuro eseguire la risonanza magnetica durante la gravidanza, la procedura ha caratteristiche che dovrebbero essere prese in considerazione dai pazienti "in posizione" e vale la pena preoccuparsi dei possibili rischi? Il nostro materiale contiene tutte le sottigliezze significative della risonanza magnetica per le donne incinte.

La risonanza magnetica è dannosa per le donne in gravidanza?

Il modo più accurato e sicuro per diagnosticare i cambiamenti nei tessuti molli e cartilaginei oggi è la risonanza magnetica. Questa procedura consente di "illuminare" un organo malsano, di rivelare tutte le anomalie esistenti e di fare la diagnosi corretta nel modo più accurato possibile. Pertanto, in alcuni casi, la risonanza magnetica durante la gravidanza semplicemente non ha opzioni alternative: è prescritta se altri metodi diagnostici (ultrasuoni, test, ecc.) Sono impossibili o poco informativi.

Nonostante il fatto che un ulteriore impatto sul corpo della futura mamma in un periodo così delicato sia estremamente indesiderabile, a volte la risonanza magnetica è la soluzione più ottimale, poiché questo studio consente di monitorare più da vicino le condizioni del feto o diagnosticare lo sviluppo della malattia nella paziente stessa. Inoltre, la procedura praticamente non ha un effetto negativo sul corpo, quindi è considerata sicura, anche durante la gravidanza..

In quali casi viene prescritta una risonanza magnetica

La risonanza magnetica del bacino durante la gravidanza è spesso consigliata al posto dell'ecografia nei casi in cui la seconda non garantisce un risultato informativo e accurato. Il medico può raccomandare che la futura mamma si sottoponga a tale studio nei seguenti casi:

  1. Se ci sono rischi di sviluppo patologico del bambino nell'utero.
  2. In caso di deviazioni nel lavoro degli organi interni della donna incinta e del feto.
  3. Per una diagnosi più accurata delle condizioni del paziente in presenza di risultati di test dubbi o controversi.
  4. Se è impossibile o non informativo utilizzare altri metodi di ricerca.

Inoltre, a volte una donna incinta può richiedere una risonanza magnetica del cervello. Le indicazioni per tale procedura sono:

  • gravi ferite alla testa;
  • sospetti di uno stato patologico dei vasi sanguigni;
  • avere sintomi di un tumore al cervello.

La ragione della risonanza magnetica può essere non solo la condizione della futura mamma, ma anche deviazioni nella formazione del feto. Quindi, la risonanza magnetica viene prescritta in caso di dati ecografici deludenti, che indicano la presenza di patologia in un bambino, con risultati dubbi di altri studi sul feto, o per identificare difetti che non possono essere diagnosticati in altro modo. Inoltre, la tomografia è spesso raccomandata prima di prendere la decisione di interrompere una gravidanza per motivi medici: tale procedura fornisce un quadro più dettagliato e reale, quindi è più facile per il paziente fare un passo cosciente o elaborare un piano di trattamento e riabilitazione per il bambino dopo la sua nascita..

Precauzioni

Nonostante gli innegabili vantaggi della risonanza magnetica, non è sempre possibile eseguirla durante la gravidanza. Le controindicazioni per questo tipo di ricerca includono:

  • La presenza di corpi estranei in metallo. Se una donna incinta ha spilli, ferri da maglia, endoprotesi che fissano viti o placche sulle ossa, un campo magnetico è controindicato per lei.
  • Dispositivi elettronici impiantati. Lo scanner per risonanza magnetica può danneggiare il pacemaker, il microinfusore e altri dispositivi elettrici impiantati, quindi se li hai, non puoi sottoporsi a tomografia.
  • Claustrofobia. La paura degli spazi ristretti può provocare in una donna uno stress grave indesiderabile durante la gravidanza, che, a sua volta, non influisce nel migliore dei modi sulla formazione del feto.

Inoltre, non è desiderabile condurre una risonanza magnetica nel primo trimestre di gravidanza, quando anche un effetto minore sul feto in via di sviluppo potrebbe teoricamente avere conseguenze spiacevoli. Pertanto, se esiste una tale opportunità, è meglio posticipare la procedura diagnostica a una data successiva..

Inoltre, quando si esegue la risonanza magnetica, la futura mamma non può utilizzare agenti di contrasto, tra cui il gadolinio: questa sostanza è controindicata per le donne in gravidanza e in allattamento.

Caratteristiche della risonanza magnetica

Affinché la procedura diagnostica sia il più efficiente e confortevole possibile, che è particolarmente importante durante la gravidanza, è necessario seguire una serie di regole:

  1. Si consiglia di fissare un appuntamento per una tomografia al mattino - secondo lo studio, queste ore sono le più favorevoli per le donne incinte, poiché sia ​​la donna che il feto sono più rilassati e calmi.
  2. Dovresti smettere di mangiare almeno 4 ore prima della risonanza magnetica. Inoltre, la vescica deve essere svuotata immediatamente prima del test..
  3. La posizione ottimale del corpo è considerata una posizione in cui le gambe sono davanti. In questo caso, la probabilità di claustrofobia è significativamente ridotta..
  1. Se una donna incinta ha difficoltà a respirare mentre è sdraiata sulla schiena, vale la pena discutere in anticipo la possibilità di sedersi sul lato sinistro - nella maggior parte dei casi questa posizione è consentita.
  2. In caso di malessere, nausea o vertigini, la risonanza magnetica può essere interrotta in qualsiasi momento. Puoi anche portare con te in ufficio una persona cara - marito, madre o fidanzata - come supporto, cosa particolarmente importante durante la gravidanza..
  3. Prima della scansione, dovresti sdraiarti nel tunnel MRI per almeno un paio di minuti: questo tempo è necessario per sintonizzarti sulla procedura, rilassarti e calmarti il ​​più possibile.

Qualsiasi ricerca che la futura mamma deve sottoporsi durante la gravidanza dovrebbe essere prescritta dal suo medico curante. Naturalmente, in un periodo così delicato, una donna non ha bisogno di ulteriore stress, ma se la tomografia è necessaria, non dovresti rinunciarci: una tale procedura non è solo altamente informativa, ma anche sicura.!

Risonanza magnetica durante la gravidanza: controindicazioni, conseguenze

Articoli di esperti medici

  • Indicazioni
  • Formazione
  • Tecnica
  • Controindicazioni per la conduzione
  • Complicazioni dopo la procedura

Per un motivo o per l'altro, a volte tutti dobbiamo sottoporci ad alcuni test diagnostici. Le donne durante la gravidanza non fanno eccezione, perché devono monitorare non solo la loro salute, ma anche lo sviluppo del nascituro. Oltre all'ecografia pianificata, il medico può prescrivere una risonanza magnetica durante la gravidanza. Cos'è questo metodo diagnostico e a cosa serve?

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza?

La risonanza magnetica (sta per risonanza magnetica) è un metodo diagnostico che utilizza le proprietà dei campi magnetici. Durante la gravidanza, la risonanza magnetica può essere prescritta, se necessario, per esaminare le malattie della donna e del feto..

La risonanza magnetica durante la gravidanza viene utilizzata come studio isolato indipendente o come aggiunta alla diagnostica già eseguita:

  • valutare le patologie esistenti nel feto;
  • per la diagnosi dei processi tumorali;
  • per chiarire le diagnosi preliminari.

Il metodo della risonanza magnetica consente di rilevare problemi alla colonna vertebrale, alle articolazioni e al sistema nervoso centrale.

Impatto della risonanza magnetica sulla gravidanza

Il metodo MRI viene talvolta confuso con la TC, una tomografia computerizzata che utilizza fasci ionizzanti non sicuri. L'effetto negativo delle radiazioni sul corpo è stato dimostrato da molto tempo e non richiede ulteriori conferme. È particolarmente indesiderabile eseguire la TAC durante la gravidanza: ciò può causare notevoli danni al corpo sia della madre che del bambino..

La risonanza magnetica, tuttavia, implica l'applicazione di un principio completamente diverso per ottenere informazioni. Un potente campo magnetico con una forza di 0,5-3 T appare all'interno della macchina per la risonanza magnetica. Un tale campo inizialmente non può causare alcun danno al corpo umano..

Numerosi studi confermano che la risonanza magnetica è completamente sicura, sia per le donne in gravidanza che per qualsiasi altro paziente..

La risonanza magnetica è dannosa durante la gravidanza? Assolutamente no. L'unica condizione è che la risonanza magnetica è indesiderabile nel primo trimestre. E qui il punto non è affatto che sia riconosciuto dannoso. È solo che il periodo del primo trimestre è il momento della deposizione degli organi principali del futuro bambino. Inoltre, fino a quando non si forma la placenta, il feto non ha ancora una protezione sufficiente. Pertanto, è meglio giocare sul sicuro e prescrivere una risonanza magnetica per un successivo periodo di gravidanza..

Vantaggi e svantaggi della risonanza magnetica durante la gravidanza

La procedura è sicura, poiché il metodo non prevede l'uso di radiazioni e raggi X..

L'immagine potrebbe non essere ottenuta immediatamente.

È possibile ottenere un'immagine tridimensionale dell'area rilevata.

A volte l'immagine è distorta dai movimenti respiratori, dalla frequenza cardiaca.

L'immagine risultante ha un contrasto naturale con la circolazione sanguigna.

La risonanza magnetica è generalmente relativamente costosa.

I contorni del tessuto osseo nell'immagine non sono distorti.

Impossibile diagnosticare persone con impianti metallici.

I tessuti molli hanno una mappatura strettamente differenziata.

Una donna incinta deve rimanere per qualche tempo in uno spazio chiuso in uno stato stazionario.

Indicazioni

La risonanza magnetica in gravidanza non può essere prescritta “così”: per questa procedura devono essere formulate indicazioni chiare, determinate dal medico. Tali indicazioni includono:

  • sospetto di patologia nel nascituro;
  • patologia della colonna vertebrale, delle articolazioni o degli organi interni in una donna incinta;
  • valutazione delle indicazioni per l'aborto;
  • chiarimento della diagnosi in caso di sospetto di un processo tumorale.

Inoltre, la risonanza magnetica durante la gravidanza può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni tradizionali, nei casi in cui quest'ultima è impossibile. Ad esempio, l'ecografia potrebbe non essere indicativa se una donna è obesa o se il bambino è a disagio nelle fasi successive della gravidanza..

Formazione

Nella maggior parte dei casi, la risonanza magnetica non richiede alcuna preparazione speciale. Solo in alcuni casi, durante l'esame di determinate aree, il medico consiglierà una fase preparatoria prima della procedura..

  • Prima della risonanza magnetica degli organi interni della cavità addominale, si consiglia di non bere o mangiare circa 5 ore prima della procedura.
  • Prima di avere una risonanza magnetica del bacino, è necessario bere abbastanza liquidi per riempire la vescica.
  • Prima di eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale, devi essere preparato al fatto che dovrai rimanere in uno stato stazionario per un po '- questa procedura non va così rapidamente.

Immediatamente prima della procedura, dovresti toglierti gioielli, orologi, occhiali e piercing in metallo.

Tecnica di risonanza magnetica durante la gravidanza

Prima della procedura di risonanza magnetica, una donna viene avvertita di possibili controindicazioni e delle complessità della diagnosi. Successivamente, il paziente, se necessario, cambia i vestiti e, con l'aiuto del personale medico, si sdraia su una superficie speciale, che viene quindi spostata delicatamente nella macchina MRI.

Quindi la donna deve rilassarsi, calmarsi e attendere la fine della procedura. Non devi muoverti mentre scatti le foto, altrimenti potresti "sfocare" l'immagine.

Se sei infastidito da rumori estranei, chiedi al personale medico appositi "tappi per le orecchie" durante la procedura, il dispositivo emette un piccolo rumore monotono, che può aumentare il grado di fastidio.

È necessario prepararsi al fatto che la sessione può durare 20-40 minuti.

Risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza

La risonanza magnetica con contrasto viene spesso utilizzata per identificare i processi tumorali e metastatici: la tomografia consente di valutare le dimensioni e la struttura del focus patologico.

Il contrasto è un sale di gadolinio, che è solubile in acqua e ha la minima tossicità. Per la risonanza magnetica possono essere utilizzati anche altri mezzi di contrasto: Endorem, Lumirem, Abdoscan, Gastromark.

Il contrasto viene introdotto nel sistema circolatorio e si accumula nei tessuti: ciò rende più chiara l'area esaminata e consente anche di valutare la qualità del riempimento del sangue dei tessuti.

La risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza può essere eseguita nel secondo o terzo trimestre, esclusi i primi periodi in cui il feto non è ancora circondato da protezione: lo strato placentare. In altri casi, non è vietato l'uso di un mezzo di contrasto: se necessario, viene somministrato anche a pazienti pediatrici.

MRI del cervello durante la gravidanza

La risonanza magnetica del cervello per le donne in gravidanza può essere prescritta se sono presenti le seguenti indicazioni:

  • processi tumorali nel cervello;
  • patologie vascolari nel cervello;
  • disturbi ipofisari;
  • violazione acuta della circolazione cerebrale;
  • trauma alla testa;
  • patologia del sistema nervoso centrale;
  • forti mal di testa di origine sconosciuta.

Con tali indicazioni, la diagnosi MRI è più informativa. Altre procedure non possono sempre determinare la causa della patologia. La risonanza magnetica durante la gravidanza non solo fornisce informazioni complete sullo stato del cervello, ma è anche un metodo di ricerca sicuro..

Risonanza magnetica fetale durante la gravidanza

Prescrivere una risonanza magnetica del feto durante la gravidanza se vi è il sospetto di gravi difetti dello sviluppo, che possono essere un'indicazione per l'interruzione artificiale della gravidanza - aborto.

Molti potrebbero notare che la maggior parte dei pazienti si sottopone a ultrasuoni per valutare le condizioni del feto. Tuttavia, non è sempre possibile eseguire un'ecografia o potrebbe essere poco informativo. Ad esempio, la risonanza magnetica è più preferibile se la donna incinta ha uno strato di grasso significativo (obesità). Le indicazioni per la risonanza magnetica sono anche oligoidramnios (oligoidramnios) e una posizione scomoda del feto nella tarda gravidanza.

Risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza

La diagnosi dei seni mediante risonanza magnetica è consentita da circa 18 settimane, ma solo dopo aver consultato un ginecologo. Il medico può prescrivere una risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza solo se ci sono indicazioni rigorose:

  • sospetti tumori nell'area;
  • infiammazione nei seni;
  • infezioni fungine dei seni;
  • cisti e altre neoplasie benigne;
  • sanguinamento nelle cavità nasali, sinusite purulenta.

La risonanza magnetica sinusale non ha un effetto negativo, anche se utilizzata ripetutamente. Questa procedura è considerata indolore e sicura..

Risonanza magnetica dei polmoni durante la gravidanza

La risonanza magnetica per immagini del sistema respiratorio, vale a dire dei polmoni e dei bronchi, viene utilizzata se una donna incinta è sospettata di:

  • pleurite;
  • cambiamenti vascolari nei polmoni;
  • processi tumorali;
  • disturbo della circolazione sanguigna nei polmoni;
  • fibrosi cistica;
  • polmonite;
  • atelettasia;
  • tubercolosi.

Durante la gravidanza, la risonanza magnetica è di gran lunga preferibile all'esame a raggi X, che è altamente sconsigliato durante questo periodo, poiché può causare danni innegabili al feto.

RM durante l'inizio della gravidanza

La risonanza magnetica non è raccomandata all'inizio della gravidanza. Tuttavia, in presenza di indicazioni rigorose, il medico può prescrivere questa procedura diagnostica, ad esempio se si sospettano gravi patologie nel feto (la risonanza magnetica fornisce molte più informazioni rispetto agli ultrasuoni).

Se nel primo trimestre è necessario esaminare il cervello o il midollo spinale, il medico darà sempre la preferenza alla risonanza magnetica. A volte la risonanza magnetica può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni al primo screening (a 12 settimane). La tomografia consente di visualizzare meglio i tessuti, determinare i probabili difetti del feto e fornire cure mediche tempestive.

Il campo magnetico in MRI non è dannoso per il corpo umano. Il fatto che in alcuni casi i medici sconsiglino l'uso della risonanza magnetica nelle prime fasi non è altro che una "riassicurazione". Il primo trimestre è il periodo in cui il feto si sta attivamente formando, quindi i medici specialisti in questo momento cercano di evitare del tutto procedure e interventi..

Risonanza magnetica della colonna vertebrale all'inizio della gravidanza

Se, con l'inizio della gravidanza, le malattie spinali sono esacerbate, il medico può prescrivere una procedura di risonanza magnetica per chiarire la diagnosi. È possibile eseguire la procedura nelle prime fasi?

Se la patologia della colonna vertebrale è tale da poter aspettare alcune settimane prima dell'inizio del secondo trimestre, allora è meglio non affrettarsi alla diagnosi. La risonanza magnetica precoce della colonna vertebrale viene eseguita solo sotto rigorose indicazioni:

  • con sospetto di processi tumorali nella colonna vertebrale;
  • con dolore acuto di natura poco chiara.

In linea di principio, la procedura MRI non è pericolosa, ma è generalmente accettato che nelle prime fasi venga eseguita solo in presenza di indicazioni di emergenza.

Risonanza magnetica per la fine della gravidanza

La risonanza magnetica per immagini non implica l'uso di radiazioni ionizzanti. Il principale meccanismo d'azione nella risonanza magnetica è l'influenza del campo elettromagnetico. Un'istantanea dell'area richiesta del corpo si ottiene come segue: l'apparato inietta un campo magnetico con una potenza di 0,5-2 T, e le onde vengono inviate nell'area esaminata, trasmettendo un impulso rotatorio ai protoni. Dopo la cessazione dell'azione delle onde, le particelle "si calmano", generando contemporaneamente una certa dose di energia, che viene registrata da uno speciale sensore hardware. La reazione degli atomi all'influenza delle onde elettromagnetiche è descritta dal termine "risonanza", che determina il nome della procedura MRI.

Se studi attentamente il meccanismo d'azione di questo tipo di diagnosi, puoi assicurarti che la procedura non abbia conseguenze distruttive per il corpo. Almeno, il campo magnetico utilizzato nelle macchine per la risonanza magnetica può essere utilizzato senza alcun rischio in medicina, anche nella tarda gravidanza.

Controindicazioni per la conduzione

Non è desiderabile eseguire una risonanza magnetica durante la gravidanza nel primo trimestre - durante la formazione degli organi principali del nascituro. Sebbene la presenza e il grado di danno della risonanza magnetica per un bambino anche in questo periodo non sia stato dimostrato.

Altre controindicazioni per la risonanza magnetica durante la gravidanza includono:

  • presenza di ostacoli metallici nel corpo che possono influenzare la funzione del campo magnetico (pacemaker, impianti metallici, telai e fili);
  • peso corporeo della donna superiore a 200 kg.

Poiché la risonanza magnetica è accompagnata dal posizionamento del paziente in uno spazio chiuso dell'apparato, le persone che soffrono di claustrofobia o alcuni disturbi mentali di solito non sono autorizzate alla procedura..

Complicazioni dopo la procedura

Spesso le donne preoccupate per il normale corso della gravidanza e le condizioni del nascituro diffidano di un metodo diagnostico come la risonanza magnetica. Tuttavia, per tutti gli anni di pratica, non ci sono state conseguenze negative dopo questa procedura..

Se una donna incinta, in assenza di controindicazioni, si è sottoposta a una risonanza magnetica, non danneggerà affatto la salute del suo bambino.

Tuttavia, nonostante tutto, una risonanza magnetica durante la gravidanza è necessaria solo se ci sono indicazioni mediche rigide, e non per "interesse". La risonanza magnetica è un metodo molto serio ed è prescritta solo da un medico per determinati scopi diagnostici.

Risonanza magnetica durante la gravidanza

Le donne che aspettano presto un bambino, purtroppo, sono spesso esposte a disturbi gravi che richiedono un'immediata ricerca medica. Uno dei rappresentanti più degni della diagnostica moderna è il metodo della risonanza magnetica nucleare, che finora non ha analoghi. Ma vale la pena fare una risonanza magnetica durante la gravidanza? E se è così, quali regole dovrebbero essere seguite per prevenire conseguenze pericolose?

Se una scansione MRI può essere eseguita o meno durante la gravidanza?

Va ricordato che la nomina autonoma della risonanza magnetica nucleare non è comunque consentita: solo un medico può rilasciare un rinvio, avendo preventivamente stimato lo stato degli organismi interconnessi e tutti i possibili rischi.

Ci sono ottime ragioni per eseguire una tomografia, ad esempio:

  • posizionamento improprio nell'utero;
  • disfunzione del lavoro di qualsiasi organo della madre o del bambino;
  • sospetto della presenza di tumori maligni;
  • condizione patologica del feto;
  • la probabilità di aborto spontaneo, parto prematuro o aborto non pianificato;
  • confutazione o conferma di una diagnosi che è stata fatta in precedenza sulla base dei risultati del test.

Di norma, durante la procedura non viene utilizzato un contrasto che tinge strutture scarsamente distinte, poiché i suoi elementi possono causare gravi allergie sia nella futura mamma che nel suo bambino..

Una serie di controindicazioni per la conduzione

Nonostante tutti i vantaggi visibili della risonanza magnetica, è severamente vietato eseguirla prima della 12-13a settimana. Durante questo periodo di tempo, la formazione degli organi del bambino e la graduale formazione di un guscio protettivo (placenta) sono appena all'inizio. I bambini in questa fase sono molto suscettibili a qualsiasi forma di influenza esterna..

Un ostetrico-ginecologo non darà il "via libera" per una risonanza magnetica se nel corpo del paziente vengono introdotti dispositivi metallici di qualsiasi dimensione e forma, nonché:

  • perni che fissano le strutture ossee;
  • parentesi graffe;
  • articolazioni artificiali;
  • pacemaker;
  • clip per navi;
  • pompe per insulina;
  • impianti nell'orecchio medio;
  • piastre in titanio;
  • frammenti;
  • protesi;
  • valvole artificiali del muscolo cardiaco;
  • impianti dentali, ecc..

Cosa fare se una risonanza magnetica viene superata con una gravidanza non rilevata?

Spesso le ragazze si sottopongono a una procedura di radioterapia, completamente inconsapevoli di essere incinte, e poi iniziano a farsi prendere dal panico, preoccupandosi della sicurezza del loro bambino.

In effetti, lo stress e l'ansia inutile danneggeranno il bambino più del fatto stesso di avere una risonanza magnetica per una gravidanza precoce. Per cominciare, è necessario ritrovare la tranquillità, raccogliere con cura i documenti necessari e, con una tessera sanitaria, andare dal consulto di un medico.

Lo specialista esamina la storia della malattia, le condizioni generali del bambino e della futura mamma e richiederà ulteriori azioni. Se il medico si comporta in modo inappropriato durante la conversazione o spaventa deliberatamente il paziente con una diagnosi dubbia, si consiglia di essere visitato da un altro specialista indipendente che valuti oggettivamente la situazione.

Come proteggere il tuo bambino dalle influenze negative?

Il tomografo stesso non ha un effetto negativo sul bambino, tuttavia un approccio errato ad alcuni aspetti medici può portare a tristi conseguenze. Quindi, immediatamente prima della tomografia, è vietato l'uso di farmaci sedativi, il cui uso non è stato precedentemente concordato con uno specialista durante la consultazione.

I componenti attivi di molti farmaci, superando la sottile barriera placentare, soprattutto nelle prime fasi, possono deformare alcune aree del DNA e dell'RNA del bambino, che possono causare lo sviluppo di anomalie congenite o gravi malattie in futuro.

Se la sensazione di ansia continua a non lasciare la donna in attesa della risonanza magnetica, possono essere utilizzati farmaci che non "attaccheranno" il feto in via di sviluppo nel grembo materno. Si tratta di sedativi a base di ingredienti naturali di origine vegetale, ovvero estratto di radice di Valeriana, Persen, tintura di motherwort e Nova Passite.

Tra le sostanze naturali ci sono tè e decotti con biancospino, melissa, menta, camomilla, fragola e foglie di tiglio. Una breve passeggiata e una doccia di contrasto hanno anche un effetto benefico sul sistema nervoso centrale..

Il rumore del tomografo come "pietra d'inciampo"

I dispositivi emettono effettivamente un sottofondo acustico intermittente, insolito per l'orecchio umano, durante il funzionamento, che spesso ha un effetto travolgente sulla psiche durante la gravidanza. Se una donna è sicura di non essere in grado di superare la diagnosi con calma, dovrebbe consultare il personale medico prima dello studio sull'argomento dell'esecuzione di una sessione utilizzando un tomografo di tipo aperto.

È particolarmente adatto, a proposito, quando si prescrive una risonanza magnetica del cervello o del rachide cervicale: solo la testa si trova sotto la parte principale dell'apparato. Il processo si svolge in un ambiente più calmo e più favorevole. In caso contrario, verranno in soccorso solo cuffie o tappi per le orecchie speciali, che vengono acquistati molto prima che l'esame sia pianificato o fornito dai medici sul posto..

Dove puoi ottenere una risonanza magnetica durante la gravidanza?

Di solito, uno studio al computer viene effettuato in policlinici ordinari, con un corrispondente rinvio da parte del medico curante. Se il comportamento del medico o il suo verdetto finale destano sospetti nel paziente, è meglio giocare sul sicuro. Vale la pena contattare un'altra istituzione medica, che dispone di tomografi di alta qualità e personale qualificato.

Tra i migliori centri di risonanza magnetica ci sono SklifLab, INVINTRO, Gemotest: le loro filiali sono situate in quasi tutte le regioni della Federazione Russa. Se aderisci a tutte le raccomandazioni del medico curante e alle regole di sicurezza generale, nulla minaccerà la salute della madre e di suo figlio..

Risonanza magnetica e gravidanza

16/11/2019 7679 ≈ 34 minuti per la lettura

Candidato di scienze mediche

Sommario

  • La risonanza magnetica è sicura per le donne in gravidanza, quali sono le controindicazioni?
  • A quale scopo viene prescritta la risonanza magnetica per le donne in gravidanza??
  • Cosa mostrerà una risonanza magnetica durante la gravidanza?
  • Risonanza magnetica all'inizio della gravidanza
  • Risonanza magnetica nel secondo e terzo trimestre di gravidanza
  • Possono esserci conseguenze negative dopo la risonanza magnetica durante la gravidanza??
  • RM fetale: quando possibile, per quale scopo
  • MRI del cervello durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica durante la pianificazione della gravidanza
  • Contrasto durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica dell'utero durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica del bacino durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica della colonna vertebrale durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica di una cicatrice sull'utero durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica degli organi addominali durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica per gravidanza ectopica

La risonanza magnetica è sicura per le donne in gravidanza, quali sono le controindicazioni?

La prima domanda per una donna incinta, quando un medico prescrive uno studio su una tomografia magnetica, è se danneggerà il suo bambino, se influenzerà negativamente il corso della gravidanza.

La risonanza magnetica durante la gravidanza è sicura e, in assenza di controindicazioni, è innocua sia per la donna che per il feto.

A quale scopo viene prescritta la risonanza magnetica per le donne in gravidanza??

La risonanza magnetica durante la gravidanza non è uno studio di prima linea, ma è una componente importante dello screening per la salute della madre e del bambino. Inizialmente vengono eseguiti test di laboratorio di routine e esami ecografici e solo quando compaiono anche i minimi sospetti di patologia nella madre o nel feto, sorge la domanda sulla necessità di una diagnosi più accurata. Con l'aiuto della risonanza magnetica, puoi vedere chiaramente la struttura di qualsiasi organo, perché il dispositivo scansiona accuratamente l'organo esaminato strato per strato.

Inoltre, la risonanza magnetica viene eseguita al posto degli ultrasuoni, quando, a causa di donne in sovrappeso, è difficile considerare se tutto è in ordine con il bambino..

Le indicazioni per la nomina di una risonanza magnetica da parte del feto sono casi in cui:

  • non è possibile con l'aiuto degli ultrasuoni esaminare in dettaglio tutte le parti del feto se si trova nell'utero senza successo,
  • è necessario escludere malattie genetiche che sono comparse durante la gravidanza,
  • è necessario identificare i motivi per cui i battiti cardiaci fetali sono scarsamente ascoltati, perché il feto è in ritardo nello sviluppo, o per identificare il grado di danno cerebrale in caso di carenza di ossigeno in caso di violazione dell'afflusso di sangue attraverso la placenta della madre,
  • ci sono sospetti della comparsa di anomalie (disturbi dello sviluppo) di un organo o sistema, questo è necessario affinché il bambino possa essere adeguatamente trattato durante la gravidanza (intrauterina) o immediatamente dopo il parto.

Risonanza magnetica durante la gravidanza

Per le donne in posizione, molti metodi di diagnosi di malattie che utilizzano radiazioni ionizzanti sono controindicati: raggi X, fluorografia, tomografia computerizzata. Il metodo più sicuro per un feto in via di sviluppo è la risonanza magnetica.

Tale installazione hardware funziona con il metodo di produrre campi magnetici di diversa potenza, che causano la risonanza delle particelle interne del corpo. I sensori raccolgono i segnali di risonanza e li inviano per l'elaborazione al computer, che a sua volta visualizza l'immagine risultante sullo schermo. Le radiazioni ionizzanti dannose non vengono utilizzate in questo processo, quindi non hanno un effetto dannoso sugli organismi della madre e del bambino.

L'esecuzione di una risonanza magnetica durante la gravidanza non è controindicata a partire dal secondo trimestre. Le prime fasi hanno le loro condizioni e prescrizioni.

È possibile eseguire una risonanza magnetica nelle fasi iniziali della gravidanza?

Nelle prime dodici settimane, non è consigliabile sottoporsi a tomografia senza necessità di emergenza. Ciò è dovuto al fatto che il feto sta appena iniziando a formarsi, quasi tutti gli organi sono deposti. A causa del basso livello di conoscenza sull'influenza di campi magnetici di diversa intensità sullo sviluppo intrauterino del feto, la risonanza magnetica è prescritta per le donne in gravidanza nelle fasi iniziali solo quando esiste un pericolo immediato per la vita della madre e del bambino..

Nelle fasi successive dell'esame MRI è considerato assolutamente sicuro. Trent'anni di esperienza con questo metodo hanno dimostrato la sua innocuità, quindi se un medico indirizza la ricerca, non dovresti aver paura.

Non vengono diagnosticate solo le malattie che la futura mamma ha subito, ma anche il processo di sviluppo del bambino. La risonanza magnetica visualizza anomalie e anomalie nella formazione del feto nelle prime fasi, il che consente di prescrivere il trattamento corretto il prima possibile.

Il processo di conduzione di una risonanza magnetica della testa delle donne incinte

La gravidanza è un grande carico per il corpo, che sta subendo un potente cambiamento ormonale. Il lavoro di tutti gli organi, compreso il sistema cardiovascolare, dipende dall'equilibrio ormonale. Oltre a questo fattore, ci sono situazioni in cui la futura mamma subisce lesioni domestiche. Al fine di rilevare il problema in tempo ed eliminare i pericoli per il bambino, il medico può inviare una diagnosi.

Il metodo della risonanza magnetica indaga patologie e malattie come:

  • condizione post-traumatica;
  • sospetto di neoplasie oncologiche, cisti;
  • anomalie nel lavoro dei vasi sanguigni del cervello.

Il processo non causa disagio, non richiede una preparazione dettagliata. È sufficiente presentarsi in clinica con un pacco di documenti che diano un'idea della presenza o del sospetto della malattia oggetto di indagine (segnalazione di un medico e cartella clinica).

Alla clinica sarai registrato e invitato nella stanza in cui è installata l'apparecchiatura.

Il tomografo si presenta come un "tunnel" cilindrico con un divano retrattile - un trasportatore. Il paziente viene posto su un divano, speciali sensori sono installati attorno al cranio, il corpo è fissato in uno stato stazionario.

Poiché l'esame viene eseguito solo nella zona della testa, non è necessario posizionare l'intero corpo all'interno dell'unità. Questo elimina anche il minimo effetto sul feto e inoltre non causa un attacco di paura di uno spazio chiuso..

Motivi per prescrivere la risonanza magnetica ai pazienti in posizione

Per sua comprensione e desiderio, la futura mamma non può sottoporsi a tale procedura. Per fare ciò, è necessario avere un rinvio dal medico curante e una decisione finale sull'ammissione alla procedura da parte di uno specialista in servizio - un radiologo, che esegue la tomografia presso la clinica.

Il metodo MR è spesso prescritto a causa dell'impossibilità di esaminare con altri metodi, ad esempio, la radiazione ionica aggressiva è categoricamente controindicata per le donne in posizione. La risonanza magnetica può confermare o negare una diagnosi basata sui risultati del test. Se l'interruzione della gravidanza è indicata in anticipo, lo studio può mostrare in modo più accurato se dovrebbe essere fatto o se può essere evitato..

Un altro motivo per cui è possibile ottenere un rinvio per una risonanza magnetica sono le difficoltà nel condurre un'ecografia a causa della posizione difficilmente visibile del bambino nell'utero all'ultimo trimestre. È difficile condurre un esame ecografico e con un paziente sovrappeso e l'obesità della cavità addominale.

Indicazioni per la risonanza magnetica durante la gravidanza

Se uno specialista ti indirizza per una risonanza magnetica, allora c'è davvero un motivo. Possono essere della seguente natura:

  • sospetto di patologia nello sviluppo del feto;
  • sospetto del verificarsi di neoplasie oncologiche, determinazione dei loro contorni e localizzazione, presenza di metastasi;
  • diagnostica dei disturbi nel lavoro del sistema nervoso centrale;
  • malattia cardiovascolare;
  • trauma;
  • danno alla colonna vertebrale, ernia;
  • anomalie nel lavoro e nel funzionamento del tratto gastrointestinale, ecc..

Per il mal di testa grave o cronico, al paziente viene prescritta una risonanza magnetica del cervello. Con dolore costante alla schiena, alla parte bassa della schiena, al collo o dopo un infortunio, viene eseguita una risonanza magnetica della colonna vertebrale.

Controindicazioni

Nel primo trimestre della procedura di RM, cercano di non prescriverlo o di farlo con grande cura. Ci sono diverse ragioni per questo:

  • Nelle prime fasi, tutti gli organi vitali del bambino vengono deposti e formati. È importante che la futura mamma protegga il bambino dall'influenza di fattori ambientali aggressivi e non esponga il corpo a ulteriori stress, come l'aumento del rumore e l'aumento della temperatura. Durante una sessione di risonanza magnetica, l'unità emette un suono monotono e produce molto calore.
  • Anche se ammettiamo la possibilità di eseguire la tomografia nelle fasi iniziali, c'è un'alta probabilità che le immagini ottenute non saranno in grado di aiutare nella diagnosi. Ciò è dovuto al fatto che il feto è ancora troppo piccolo e molto mobile, non è in grado di fissare la sua posizione per molto tempo.
  • Una controindicazione incondizionata alla procedura è la presenza di corpi estranei in metallo (impianti, corone dentali, frammenti) o dispositivi elettronici (pacemaker) nel corpo umano. La procedura sarà discutibile anche in presenza di tatuaggi con inclusioni metalliche.
  • Con una forte paura di uno spazio ristretto, non dovresti passare attraverso una sessione in un'installazione di tipo chiuso. È meglio scegliere un istituto medico che utilizzi dispositivi di tipo aperto con aperture per l'aria, la claustrofobia in questo caso non sarà più una controindicazione.
  • L'epilessia e i disturbi mentali diventeranno un ostacolo alla sessione, poiché c'è un'alta probabilità che il paziente non sarà in grado di essere immobilizzato durante l'intero processo.
  • C'è anche una controindicazione per il peso fino a duecento chilogrammi. I tomografi semplicemente non sono prodotti per un peso superiore a questo indicatore. Quando si prende un appuntamento con la clinica, specificare qual è il peso massimo che l'unità RM serve in questa istituzione.

Riassumendo: la risonanza magnetica durante la gravidanza, è possibile fare?

Riassumendo tutto quanto sopra, riassumiamo: È possibile eseguire l'esame RM per le donne in posizione. Lo testimoniano medici di tutto il mondo, trent'anni di esperienza nell'utilizzo di questo metodo lo dimostrano e numerosi esperimenti condotti su animali dimostrano. L'innocuità per la madre e il bambino è confermata multilateralmente.

Se confrontiamo diversi tipi di diagnostica, il metodo RM sarà consigliato a una donna incinta, poiché non produce radiazioni ionizzanti dannose. Ad esempio, una risonanza magnetica della testa durante la gravidanza sembra essere preferibile a una TC che genera raggi X. E rispetto all'ecografia, la tomografia è più informativa e ha un potenziale maggiore.

Va notato che la risonanza magnetica con mezzo di contrasto di solito non è prescritta durante la gravidanza. I farmaci chimici sono generalmente controindicati per le future mamme e una soluzione contenente iodio o un contrasto a base di sali di gadolinio può causare resistenza allergica del corpo. L'effetto di questi farmaci sul corpo del bambino è poco conosciuto..

Per quanto riguarda l'uso di mezzi di contrasto durante l'allattamento, i produttori indicano un'astinenza di due giorni dall'allattamento al seno dopo l'uso del contrasto. Meglio giocare sul sicuro e astenersi dall'allattamento entro il periodo specificato.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Gestosi

Analisi

La gestosi ("tossicosi tardiva") è una complicanza della gravidanza, accompagnata da un aumento della pressione sanguigna, formazione di edema e mal di testa. In alcuni casi, l'edema non si verifica e la malattia è più complicata.

Uva durante la gravidanza

Parto

Articoli di esperti mediciMangiando uva durante la gravidanza, alcune donne non hanno invano qualche dubbio. Consapevoli della piena responsabilità per la propria condizione e il corretto sviluppo di un bambino che nasce, le future mamme dovrebbero sapere esattamente quali alimenti devono essere esclusi dalla loro dieta.

Crampi addominali inferiori durante la gravidanza

Infertilità

Crampi addominali durante la gravidanza: causeIn effetti, la manifestazione di crampi nell'addome inferiore durante la gravidanza non è considerata una deviazione grave.

Sintomi iniziali della gravidanza

Analisi

Nella maggior parte dei casi, le donne iniziano a sospettare una gravidanza solo con l'inizio di un ritardo nelle mestruazioni. Succede persino che la futura mamma apprenda buone notizie già nel secondo o terzo mese.