Principale / Infertilità

La risonanza magnetica è consentita durante la gravidanza

La risonanza magnetica durante la gravidanza viene eseguita secondo le indicazioni

È possibile eseguire la risonanza magnetica per le donne in gravidanza

Per le donne in posizione, i medici prescrivono questo tipo di ricerca se si presume una malattia che minaccia la vita della madre e del bambino. Allo stesso tempo, non è possibile confermare o smentire la diagnosi utilizzando gli ultrasuoni. In generale, la procedura non ha un impatto negativo. Ma il processo non è ancora sufficientemente compreso per parlare di sicurezza assoluta..

Nelle prime fasi, si consiglia di astenersi dal sottoporsi alla tomografia. Se possibile, aspetta almeno le prime tre settimane dopo il concepimento. In questo momento, l'embrione è ancora molto debole e anche influenze esterne non invasive possono portare a un aborto spontaneo. Inoltre, sebbene la procedura sia indolore, l'immersione nella capsula del tomografo può causare ansia. Nelle prime fasi, lo stress è inaccettabile.

Non dovresti preoccuparti degli effetti negativi delle scansioni MRI nel secondo e terzo trimestre. La procedura è sicura entro questi termini.

Tuttavia, tutto ciò riguarda solo la semplice diagnostica. La risposta alla domanda: è possibile eseguire la procedura utilizzando un mezzo di contrasto - negativo. Usato per la massima chiarezza, il gadolinio può attraversare la placenta e può influenzare lo sviluppo del bambino.

Come viene eseguita la procedura

La risonanza magnetica del cervello, dei vasi sanguigni, delle strutture ossee o delle articolazioni non richiede preparazione. È necessario solo per la diagnosi della cavità addominale e dell'utero. Prima della procedura per una settimana, non mangiare dolci, bevande contenenti caffeina, cibo che provoca fermentazione nel tratto gastrointestinale e formazione eccessiva di gas. Alla vigilia della manipolazione stessa, devi sopportare quattro ore senza cibo. Si consiglia di assumere un assorbente due ore prima della risonanza magnetica e un antispasmodico mezz'ora prima della risonanza magnetica, previo accordo con il medico sul tipo di farmaci.

Ulteriori azioni sono le seguenti:

  1. La donna si toglie tutti i gioielli, gli orologi, altri oggetti di metallo.
  2. Il paziente è sdraiato su un tavolo speciale, indossando le cuffie in modo da non essere infastidito dal suono di un dispositivo funzionante.
  3. Il tavolo è diretto alla capsula della macchina tomografica.
  4. I medici eseguono letture tomografiche.

La procedura può durare da mezz'ora a un'ora. Non c'è niente di pericoloso nell'essere in una capsula. Se c'è panico o altre sensazioni spiacevoli, è necessario premere un pulsante speciale. Il dispositivo segnalerà i medici che interromperanno la procedura. Puoi eseguire la diagnostica in una capsula aperta, per questo è necessario ottenere un rinvio per la ricerca su un tomografo aperto. Ma non è disponibile per tutte le manipolazioni. Ad esempio, con una risonanza magnetica del cervello, solo la testa è immersa nella macchina..

MRI del cervello

Con chi viene diagnosticato

Un esame ecografico fornisce anche indicatori abbastanza precisi. Ma a volte è necessario vedere l'area problematica in modo più chiaro e accurato, per analizzare ogni piccola area del tessuto interessato. In questo caso, la risonanza magnetica viene in soccorso. È impossibile sottoporsi alla procedura di tomografia da soli. La diagnostica viene eseguita solo secondo le indicazioni di un medico. Sarà richiesto se ci sono segni di grave patologia in una donna incinta o in un feto, o se è necessario analizzare lo stato dell'organo dopo l'intervento chirurgico.

Molto spesso, durante la gravidanza viene prescritta una tomografia degli organi pelvici. I temi di ricerca:

  • utero e tube di Falloppio;
  • tessuto vaginale;
  • ovaie.

Parallelamente, viene eseguito un esame della vescica, delle strutture ossee pelviche, dell'intestino, dei linfonodi in quest'area. Secondo le indicazioni, lo studio può interessare la parte inferiore della colonna vertebrale e la regione peritoneale.

Lo studio della piccola pelvi è prescritto se si sospettano le seguenti patologie:

  • infiammazione e neoplasie in quest'area;
  • endometriosi;
  • poliposi e escrescenze cistiche.

La procedura è consigliata per sensazioni dolorose di natura sconosciuta, gravidanza dopo terapia di infertilità endocrina o se il parto precedente era artificiale.

Viene mostrato uno studio per le donne oltre i 30 anni che partoriscono per la prima volta e per quelle che hanno avuto la poliomielite, il rachitismo e sono alte meno di 155 cm. Tali donne in travaglio hanno il rischio di alterazioni delle ossa pelviche. Per le donne molto snelle con fianchi stretti, si consiglia anche un controllo per chiarire la corrispondenza delle strutture pelviche alla testa del feto. La diagnostica MRI è necessaria se un'ecografia è impossibile, ad esempio, se una donna incinta è in sovrappeso o il bambino non ha avuto successo in un secondo momento.

Lo studio dei tessuti molli con un tomografo è solitamente rivolto all'area delle ghiandole mammarie, del collo, della laringe, della lingua, degli arti. Viene eseguito se si sospetta la comparsa di tumori, dopo lesioni e con un forte aumento dei linfonodi.

Inoltre, le patologie vengono diagnosticate con l'aiuto di un apparato tomografico nell'area della colonna vertebrale con sospetto di malattie croniche, neoplasie con dolore di natura non chiara. Indicato durante la risonanza magnetica in gravidanza, se vengono identificati problemi ai vasi sanguigni e alle articolazioni, se altri metodi diagnostici non danno il risultato desiderato.

La risonanza magnetica del cervello è prescritta per sinusite grave, sospetta vasculite, encefalomielite, ictus. Inoltre, il medico può inviare una diagnosi se una donna incinta ha improvvisamente un forte calo dell'intelligenza, vuoti di memoria e altri problemi neurologici..

Viene eseguita la risonanza magnetica del feto??

Per monitorare lo sviluppo del bambino, di solito usano gli ultrasuoni e la CTG - cardiotocografia. L'ultimo studio consente di ottenere il risultato del lavoro del sistema cardiovascolare del feto, in particolare la frequenza dei battiti cardiaci. Controlla anche l'attività fisiologica del feto e il tono uterino..

Questi studi sono generalmente accurati. Per correggerli, la donna incinta esegue esami del sangue e delle urine. Ma a volte il medico ritiene che questo non sia sufficiente per identificare le condizioni del nascituro..

Quando è necessaria una risonanza magnetica del feto?

  1. Quando si rileva sullo studio dei cambiamenti rigenerativi nel cordone ombelicale, nella placenta, nei tessuti embrionali.
  2. Con una presentazione errata del bambino.
  3. Con battito cardiaco debole e scarsa attività fisica, dissolvenza.
  4. Se sospetti danni meccanici.

Inoltre, viene eseguita una risonanza magnetica del feto se l'immagine ecografica è sfocata e sfocata. Ciò è possibile se la futura mamma è in sovrappeso, si aspetta gemelli o terzine, oltre che con acqua bassa.

La preparazione per la procedura è la stessa di prima di esaminare la piccola pelvi. Tuttavia, qui non è necessario assumere farmaci..

La RM fetale è prescritta se altri metodi non sono informativi

A chi è controindicata la procedura

I divieti generali della risonanza magnetica per immagini includono la presenza di pacemaker, stecche ossee e impianti. Inoltre, la risonanza magnetica non può essere eseguita se il paziente pesa più di 200 kg..

La claustrofobia è un'altra controindicazione. Ma se la paura di uno spazio chiuso non è patologica, i sedativi medicati possono aiutare..

Un possibile divieto della procedura sarà la presenza di parentesi graffe, dentiere e tatuaggi nella futura mamma. Gli inchiostri per tatuaggi contengono elementi metallici che possono causare ustioni. Non eseguire la risonanza magnetica per disturbi mentali e insufficienza cardiaca scompensata.

I moderni tomografi magnetici sono macchine silenziose e spaziose. Lo studio su di loro è sicuro e non porterà disagio. I risultati elimineranno rapidamente possibili problemi nel corpo, in modo che l'ulteriore gravidanza proceda senza ansia..

È possibile per una donna eseguire una risonanza magnetica della testa, della colonna vertebrale, del bacino e delle articolazioni delle gambe e delle braccia nelle fasi iniziali o finali: indicazioni, controindicazioni, conseguenze

Grazie allo sviluppo della medicina come scienza e alla sua corrispondente attrezzatura tecnologica, esistono vari metodi estremamente efficaci per diagnosticare la salute di una donna incinta. Una di queste tecniche non invasive è la risonanza magnetica. Ma, nonostante la sua indolore e il contenuto informativo, ci sono alcuni rischi quando viene eseguito mentre una donna sta trasportando un bambino, e un medico deve decidere rigorosamente sulla necessità di una risonanza magnetica.

  1. È consigliabile e sicuro condurre una risonanza magnetica durante il trasporto di un bambino
  2. Cos'è la risonanza magnetica
  3. È possibile farlo durante la gravidanza all'inizio e alla fine della gravidanza
  4. Quali sono le caratteristiche per le donne incinte
  5. Vale la pena fare una risonanza magnetica parzialmente durante la gravidanza: è dannoso per il feto?
  6. Testa
  7. Colonna vertebrale
  8. Cicatrice MRI sull'utero
  9. Bacino e articolazioni degli arti
  10. Quando la risonanza magnetica è completamente controindicata durante il periodo di gestazione
  11. Video utile

È consigliabile e sicuro condurre una risonanza magnetica durante il trasporto di un bambino

Il periodo della vita di una donna, che dedica alla gravidanza, non sempre procede con calma e senza malattie che si manifestano durante la gravidanza o si aggravano. Quando il medico vede i prerequisiti per una grave patologia che minaccia la vita della futura mamma e del suo bambino, può prescrivere la risonanza magnetica (MRI). Ma prendere una tale decisione dovrebbe essere equilibrata e attenta, poiché ci sono controindicazioni a tale diagnosi per quanto riguarda le donne in gravidanza..

Cos'è la risonanza magnetica

La risonanza magnetica è l'abbreviazione del nome del metodo diagnostico: risonanza magnetica per immagini. Questo metodo consente agli specialisti di ottenere immagini con sezioni dell'area investigata del corpo umano, che sono di alta qualità e contenuto informativo. La base per il funzionamento della macchina per la risonanza magnetica era la comprensione di come il campo elettromagnetico interagisce con gli atomi di idrogeno presenti in tutto il corpo umano..

È possibile farlo durante la gravidanza all'inizio e alla fine della gravidanza

L'esecuzione di una risonanza magnetica nelle prime fasi della gestazione può influire negativamente sul bambino a modo suo. Il funzionamento del tomografo è accompagnato dalla radiazione di una certa quantità di energia termica e rumore.

I primi tre mesi di posa di tutte le strutture del futuro neonato sono estremamente importanti e tale influenza esterna può portare a uno squilibrio nella formazione di organi e sistemi, alla futura comparsa di gravi malformazioni o anomalie.

Il secondo e il terzo trimestre sono meno suscettibili alla tomografia e quindi sono considerati più favorevoli per le misure diagnostiche. In questo momento, l'aspetto principale di un esame sicuro e di successo è l'assenza di controindicazioni da parte della futura mamma..

Poiché le fasi di sviluppo più importanti sono associate al primo trimestre di gestazione, il secondo e il terzo sono considerati più favorevoli per la tomografia, sebbene siano associati ad alcuni rischi.

Quali sono le caratteristiche per le donne incinte

La risonanza magnetica è associata a una serie di funzioni. Svolgono un ruolo importante per le future mamme che trasportano un bambino:

  • Può svilupparsi la paura di uno spazio ristretto, a causa di una specifica ristrutturazione dello stato mentale.
  • Il rumore emesso dal dispositivo provoca disagio anche nei pazienti normali e nella futura mamma può causare panico.
  • La procedura viene spesso eseguita con l'uso di un mezzo di contrasto, che è associato a rischi aggiuntivi e alla possibile presenza di allergie.
  • La procedura diagnostica deve essere concordata con uno specialista, tenendo conto del programma dell'attività del bambino, in modo che il momento sia il più appropriato e non causi stress per lui.
  • È preferibile eseguire la diagnostica in un apparato di tipo aperto, che è associato a cambiamenti nel corpo della donna, in particolare, con una pancia ingrossata..

Vale la pena fare una risonanza magnetica parzialmente durante la gravidanza: è dannoso per il feto?

Avendo un quadro completo delle condizioni della futura mamma e conoscendo i tempi della gestazione, lo specialista fa una conclusione sulla necessità della tomografia.

Testa

Un esame del capo della futura mamma può essere finalizzato a diagnosticare:

  • Forte dolore, senza una chiara comprensione della loro eziologia.
  • Trauma passato.
  • Cause di frequenti svenimenti e vertigini.
  • Comparsa di disturbi della memoria e del pensiero, un'improvvisa diminuzione delle capacità intellettuali.
  • Convulsioni sviluppate.
  • Il sospetto emergente dello sviluppo di encefalomielite, vasculite o ictus.
  • Lo stato del sistema vascolare per il quale sono disponibili informazioni su patologie croniche o di recente sviluppo nella storia della donna.
  • Deviazioni nella capacità funzionale degli organi visivi.
  • Sinusite preesistente, anomalie dei seni o un improvviso cambiamento del senso dell'olfatto.
  • Presenza di tiroidite o altre anomalie della tiroide.

Inoltre, questo metodo è rilevante nei casi in cui non è possibile eseguire l'esame ecografico della testa o i suoi risultati devono essere confermati. L'intera procedura è abbastanza semplice e richiede dai 15 ai 30 minuti..

Colonna vertebrale

È possibile eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale di una donna che trasporta un bambino per determinare:

  • Cause di disturbi circolatori del midollo spinale.
  • La presenza di malformazioni o qualche tipo di lesione alle vertebre e ai dischi intervertebrali.
  • Cause di dolore o intorpidimento agli arti.
  • Infiammazione sviluppata della colonna vertebrale, mielinopatia o mielinoclastica.
  • La presenza di restringimento del canale spinale.
  • Condizioni di protrusioni o ernie, osteosrondrosi o artrosi acuta.

Lo studio viene svolto senza alcuna preparazione specifica e dura circa 20 minuti.

Cicatrice MRI sull'utero

Una cicatrice sull'utero può essere nelle donne che hanno sperimentato:

  • taglio cesareo.
  • Alcuni interventi ginecologici, come la miomectomia o la plastica ricostruttiva.
  • Rottura dell'utero durante il travaglio precedente.
  • Lesioni dopo procedure invasive.
  • Trauma addominale.

La risonanza magnetica ha lo scopo di determinare la condizione della cicatrice lasciata sull'utero ed è un modo per identificare il grado del suo assottigliamento e il rischio esistente di rottura. Lo studio aiuterà gli specialisti a determinare il metodo di consegna più appropriato.

Bacino e articolazioni degli arti

Il bacino e le articolazioni degli arti vengono esaminati in una serie di situazioni:

  • La comparsa della sindrome del dolore.
  • Anomalie esistenti nello sviluppo delle articolazioni.
  • Danno osseo, processi infettivi o degenerativi esistenti che interessano ossa e articolazioni.
  • Determinazione dello stato delle neoplasie.
  • Patologie esistenti del tessuto connettivo.
  • Ingresso di corpi estranei.
  • Sospetto accumulo di liquido nella pelvi.

Non è necessaria alcuna preparazione speciale prima dell'esame e la tomografia non richiede più di 30 minuti.

Quando la risonanza magnetica è completamente controindicata durante il periodo di gestazione

Per prescrivere una risonanza magnetica, uno specialista ha bisogno non solo di indicazioni per esso, ma anche dell'assenza di controindicazioni. Durante la gravidanza, è severamente vietato eseguire tale diagnostica in un numero di casi:

  • Meno di 12 settimane. Ciò è dovuto al fatto che questo periodo di gestazione è associato all'inizio della formazione di tutti gli organi. In questo momento, qualsiasi influenza esercitata sul feto, che si tratti di calore o rumore (che è caratteristico della risonanza magnetica), può influire negativamente sui processi di impostazione dei sistemi..
  • Un pacemaker installato in una donna incinta, qualsiasi metallo o protesi.
  • Peso corporeo di una donna superiore a 200 kg.
  • Tendenza alle convulsioni con una storia di claustrofobia o disturbo convulsivo.

Per la risonanza magnetica che utilizza un mezzo di contrasto, le controindicazioni saranno:

  • Malattia renale cronica.
  • Malattia emolitica nella madre.

L'imaging RM è meritatamente considerato una procedura altamente informativa e più sicura che non richiede una formazione specifica. Una diagnosi tempestiva può aiutare non solo ad avviare misure mediche per aiutare una donna incinta, ma anche a prevenire alcune complicazioni, come la rottura della cicatrice uterina. Può essere eseguito in ogni caso, ma l'effetto del tomografo su una donna incinta e sul suo bambino è una questione più seria. Richiede la decisione più equilibrata di uno specialista.

Risonanza magnetica durante la gravidanza: controindicazioni, conseguenze

Articoli di esperti medici

  • Indicazioni
  • Formazione
  • Tecnica
  • Controindicazioni per la conduzione
  • Complicazioni dopo la procedura

Per un motivo o per l'altro, a volte tutti dobbiamo sottoporci ad alcuni test diagnostici. Le donne durante la gravidanza non fanno eccezione, perché devono monitorare non solo la loro salute, ma anche lo sviluppo del nascituro. Oltre all'ecografia pianificata, il medico può prescrivere una risonanza magnetica durante la gravidanza. Cos'è questo metodo diagnostico e a cosa serve?

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza?

La risonanza magnetica (sta per risonanza magnetica) è un metodo diagnostico che utilizza le proprietà dei campi magnetici. Durante la gravidanza, la risonanza magnetica può essere prescritta, se necessario, per esaminare le malattie della donna e del feto..

La risonanza magnetica durante la gravidanza viene utilizzata come studio isolato indipendente o come aggiunta alla diagnostica già eseguita:

  • valutare le patologie esistenti nel feto;
  • per la diagnosi dei processi tumorali;
  • per chiarire le diagnosi preliminari.

Il metodo della risonanza magnetica consente di rilevare problemi alla colonna vertebrale, alle articolazioni e al sistema nervoso centrale.

Impatto della risonanza magnetica sulla gravidanza

Il metodo MRI viene talvolta confuso con la TC, una tomografia computerizzata che utilizza fasci ionizzanti non sicuri. L'effetto negativo delle radiazioni sul corpo è stato dimostrato da molto tempo e non richiede ulteriori conferme. È particolarmente indesiderabile eseguire la TAC durante la gravidanza: ciò può causare notevoli danni al corpo sia della madre che del bambino..

La risonanza magnetica, tuttavia, implica l'applicazione di un principio completamente diverso per ottenere informazioni. Un potente campo magnetico con una forza di 0,5-3 T appare all'interno della macchina per la risonanza magnetica. Un tale campo inizialmente non può causare alcun danno al corpo umano..

Numerosi studi confermano che la risonanza magnetica è completamente sicura, sia per le donne in gravidanza che per qualsiasi altro paziente..

La risonanza magnetica è dannosa durante la gravidanza? Assolutamente no. L'unica condizione è che la risonanza magnetica è indesiderabile nel primo trimestre. E qui il punto non è affatto che sia riconosciuto dannoso. È solo che il periodo del primo trimestre è il momento della deposizione degli organi principali del futuro bambino. Inoltre, fino a quando non si forma la placenta, il feto non ha ancora una protezione sufficiente. Pertanto, è meglio giocare sul sicuro e prescrivere una risonanza magnetica per un successivo periodo di gravidanza..

Vantaggi e svantaggi della risonanza magnetica durante la gravidanza

La procedura è sicura, poiché il metodo non prevede l'uso di radiazioni e raggi X..

L'immagine potrebbe non essere ottenuta immediatamente.

È possibile ottenere un'immagine tridimensionale dell'area rilevata.

A volte l'immagine è distorta dai movimenti respiratori, dalla frequenza cardiaca.

L'immagine risultante ha un contrasto naturale con la circolazione sanguigna.

La risonanza magnetica è generalmente relativamente costosa.

I contorni del tessuto osseo nell'immagine non sono distorti.

Impossibile diagnosticare persone con impianti metallici.

I tessuti molli hanno una mappatura strettamente differenziata.

Una donna incinta deve rimanere per qualche tempo in uno spazio chiuso in uno stato stazionario.

Indicazioni

La risonanza magnetica in gravidanza non può essere prescritta “così”: per questa procedura devono essere formulate indicazioni chiare, determinate dal medico. Tali indicazioni includono:

  • sospetto di patologia nel nascituro;
  • patologia della colonna vertebrale, delle articolazioni o degli organi interni in una donna incinta;
  • valutazione delle indicazioni per l'aborto;
  • chiarimento della diagnosi in caso di sospetto di un processo tumorale.

Inoltre, la risonanza magnetica durante la gravidanza può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni tradizionali, nei casi in cui quest'ultima è impossibile. Ad esempio, l'ecografia potrebbe non essere indicativa se una donna è obesa o se il bambino è a disagio nelle fasi successive della gravidanza..

Formazione

Nella maggior parte dei casi, la risonanza magnetica non richiede alcuna preparazione speciale. Solo in alcuni casi, durante l'esame di determinate aree, il medico consiglierà una fase preparatoria prima della procedura..

  • Prima della risonanza magnetica degli organi interni della cavità addominale, si consiglia di non bere o mangiare circa 5 ore prima della procedura.
  • Prima di avere una risonanza magnetica del bacino, è necessario bere abbastanza liquidi per riempire la vescica.
  • Prima di eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale, devi essere preparato al fatto che dovrai rimanere in uno stato stazionario per un po '- questa procedura non va così rapidamente.

Immediatamente prima della procedura, dovresti toglierti gioielli, orologi, occhiali e piercing in metallo.

Tecnica di risonanza magnetica durante la gravidanza

Prima della procedura di risonanza magnetica, una donna viene avvertita di possibili controindicazioni e delle complessità della diagnosi. Successivamente, il paziente, se necessario, cambia i vestiti e, con l'aiuto del personale medico, si sdraia su una superficie speciale, che viene quindi spostata delicatamente nella macchina MRI.

Quindi la donna deve rilassarsi, calmarsi e attendere la fine della procedura. Non devi muoverti mentre scatti le foto, altrimenti potresti "sfocare" l'immagine.

Se sei infastidito da rumori estranei, chiedi al personale medico appositi "tappi per le orecchie" durante la procedura, il dispositivo emette un piccolo rumore monotono, che può aumentare il grado di fastidio.

È necessario prepararsi al fatto che la sessione può durare 20-40 minuti.

Risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza

La risonanza magnetica con contrasto viene spesso utilizzata per identificare i processi tumorali e metastatici: la tomografia consente di valutare le dimensioni e la struttura del focus patologico.

Il contrasto è un sale di gadolinio, che è solubile in acqua e ha la minima tossicità. Per la risonanza magnetica possono essere utilizzati anche altri mezzi di contrasto: Endorem, Lumirem, Abdoscan, Gastromark.

Il contrasto viene introdotto nel sistema circolatorio e si accumula nei tessuti: ciò rende più chiara l'area esaminata e consente anche di valutare la qualità del riempimento del sangue dei tessuti.

La risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza può essere eseguita nel secondo o terzo trimestre, esclusi i primi periodi in cui il feto non è ancora circondato da protezione: lo strato placentare. In altri casi, non è vietato l'uso di un mezzo di contrasto: se necessario, viene somministrato anche a pazienti pediatrici.

MRI del cervello durante la gravidanza

La risonanza magnetica del cervello per le donne in gravidanza può essere prescritta se sono presenti le seguenti indicazioni:

  • processi tumorali nel cervello;
  • patologie vascolari nel cervello;
  • disturbi ipofisari;
  • violazione acuta della circolazione cerebrale;
  • trauma alla testa;
  • patologia del sistema nervoso centrale;
  • forti mal di testa di origine sconosciuta.

Con tali indicazioni, la diagnosi MRI è più informativa. Altre procedure non possono sempre determinare la causa della patologia. La risonanza magnetica durante la gravidanza non solo fornisce informazioni complete sullo stato del cervello, ma è anche un metodo di ricerca sicuro..

Risonanza magnetica fetale durante la gravidanza

Prescrivere una risonanza magnetica del feto durante la gravidanza se vi è il sospetto di gravi difetti dello sviluppo, che possono essere un'indicazione per l'interruzione artificiale della gravidanza - aborto.

Molti potrebbero notare che la maggior parte dei pazienti si sottopone a ultrasuoni per valutare le condizioni del feto. Tuttavia, non è sempre possibile eseguire un'ecografia o potrebbe essere poco informativo. Ad esempio, la risonanza magnetica è più preferibile se la donna incinta ha uno strato di grasso significativo (obesità). Le indicazioni per la risonanza magnetica sono anche oligoidramnios (oligoidramnios) e una posizione scomoda del feto nella tarda gravidanza.

Risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza

La diagnosi dei seni mediante risonanza magnetica è consentita da circa 18 settimane, ma solo dopo aver consultato un ginecologo. Il medico può prescrivere una risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza solo se ci sono indicazioni rigorose:

  • sospetti tumori nell'area;
  • infiammazione nei seni;
  • infezioni fungine dei seni;
  • cisti e altre neoplasie benigne;
  • sanguinamento nelle cavità nasali, sinusite purulenta.

La risonanza magnetica sinusale non ha un effetto negativo, anche se utilizzata ripetutamente. Questa procedura è considerata indolore e sicura..

Risonanza magnetica dei polmoni durante la gravidanza

La risonanza magnetica per immagini del sistema respiratorio, vale a dire dei polmoni e dei bronchi, viene utilizzata se una donna incinta è sospettata di:

  • pleurite;
  • cambiamenti vascolari nei polmoni;
  • processi tumorali;
  • disturbo della circolazione sanguigna nei polmoni;
  • fibrosi cistica;
  • polmonite;
  • atelettasia;
  • tubercolosi.

Durante la gravidanza, la risonanza magnetica è di gran lunga preferibile all'esame a raggi X, che è altamente sconsigliato durante questo periodo, poiché può causare danni innegabili al feto.

RM durante l'inizio della gravidanza

La risonanza magnetica non è raccomandata all'inizio della gravidanza. Tuttavia, in presenza di indicazioni rigorose, il medico può prescrivere questa procedura diagnostica, ad esempio se si sospettano gravi patologie nel feto (la risonanza magnetica fornisce molte più informazioni rispetto agli ultrasuoni).

Se nel primo trimestre è necessario esaminare il cervello o il midollo spinale, il medico darà sempre la preferenza alla risonanza magnetica. A volte la risonanza magnetica può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni al primo screening (a 12 settimane). La tomografia consente di visualizzare meglio i tessuti, determinare i probabili difetti del feto e fornire cure mediche tempestive.

Il campo magnetico in MRI non è dannoso per il corpo umano. Il fatto che in alcuni casi i medici sconsiglino l'uso della risonanza magnetica nelle prime fasi non è altro che una "riassicurazione". Il primo trimestre è il periodo in cui il feto si sta attivamente formando, quindi i medici specialisti in questo momento cercano di evitare del tutto procedure e interventi..

Risonanza magnetica della colonna vertebrale all'inizio della gravidanza

Se, con l'inizio della gravidanza, le malattie spinali sono esacerbate, il medico può prescrivere una procedura di risonanza magnetica per chiarire la diagnosi. È possibile eseguire la procedura nelle prime fasi?

Se la patologia della colonna vertebrale è tale da poter aspettare alcune settimane prima dell'inizio del secondo trimestre, allora è meglio non affrettarsi alla diagnosi. La risonanza magnetica precoce della colonna vertebrale viene eseguita solo sotto rigorose indicazioni:

  • con sospetto di processi tumorali nella colonna vertebrale;
  • con dolore acuto di natura poco chiara.

In linea di principio, la procedura MRI non è pericolosa, ma è generalmente accettato che nelle prime fasi venga eseguita solo in presenza di indicazioni di emergenza.

Risonanza magnetica per la fine della gravidanza

La risonanza magnetica per immagini non implica l'uso di radiazioni ionizzanti. Il principale meccanismo d'azione nella risonanza magnetica è l'influenza del campo elettromagnetico. Un'istantanea dell'area richiesta del corpo si ottiene come segue: l'apparato inietta un campo magnetico con una potenza di 0,5-2 T, e le onde vengono inviate nell'area esaminata, trasmettendo un impulso rotatorio ai protoni. Dopo la cessazione dell'azione delle onde, le particelle "si calmano", generando contemporaneamente una certa dose di energia, che viene registrata da uno speciale sensore hardware. La reazione degli atomi all'influenza delle onde elettromagnetiche è descritta dal termine "risonanza", che determina il nome della procedura MRI.

Se studi attentamente il meccanismo d'azione di questo tipo di diagnosi, puoi assicurarti che la procedura non abbia conseguenze distruttive per il corpo. Almeno, il campo magnetico utilizzato nelle macchine per la risonanza magnetica può essere utilizzato senza alcun rischio in medicina, anche nella tarda gravidanza.

Controindicazioni per la conduzione

Non è desiderabile eseguire una risonanza magnetica durante la gravidanza nel primo trimestre - durante la formazione degli organi principali del nascituro. Sebbene la presenza e il grado di danno della risonanza magnetica per un bambino anche in questo periodo non sia stato dimostrato.

Altre controindicazioni per la risonanza magnetica durante la gravidanza includono:

  • presenza di ostacoli metallici nel corpo che possono influenzare la funzione del campo magnetico (pacemaker, impianti metallici, telai e fili);
  • peso corporeo della donna superiore a 200 kg.

Poiché la risonanza magnetica è accompagnata dal posizionamento del paziente in uno spazio chiuso dell'apparato, le persone che soffrono di claustrofobia o alcuni disturbi mentali di solito non sono autorizzate alla procedura..

Complicazioni dopo la procedura

Spesso le donne preoccupate per il normale corso della gravidanza e le condizioni del nascituro diffidano di un metodo diagnostico come la risonanza magnetica. Tuttavia, per tutti gli anni di pratica, non ci sono state conseguenze negative dopo questa procedura..

Se una donna incinta, in assenza di controindicazioni, si è sottoposta a una risonanza magnetica, non danneggerà affatto la salute del suo bambino.

Tuttavia, nonostante tutto, una risonanza magnetica durante la gravidanza è necessaria solo se ci sono indicazioni mediche rigide, e non per "interesse". La risonanza magnetica è un metodo molto serio ed è prescritta solo da un medico per determinati scopi diagnostici.

MRI del cervello durante la gravidanza

La gravidanza desiderata è un eccellente stato di aspettativa della nascita di un bambino per qualsiasi donna. Sfortunatamente, oltre a momenti e problemi piacevoli, questo processo può essere accompagnato da un deterioramento del benessere della futura mamma. A causa di cambiamenti nel corpo, alcune malattie si presentano o si ripresentano, i cui sintomi danno alla donna disagio e ansia per la sua condizione.

Un mal di testa angosciante è una di queste manifestazioni che non consente a una donna incinta di godersi appieno la sua posizione. E il fatto che tali sintomi possano essere segnali di gravi problemi di salute aggrava più volte la situazione attuale. Quando si visita un medico, vengono prescritti molti test ed esami, ma la maggior parte degli specialisti considera la risonanza magnetica del cervello durante la gravidanza il metodo diagnostico più informativo e indolore..

Perché la risonanza magnetica della testa è il metodo di scelta?

La risonanza magnetica (MRI), per la sua specificità, è l'esame più indicato, soprattutto per le donne in attesa di un bambino. La procedura non trasporta alcun carico di radiazioni, non richiede intervento chirurgico e nella maggior parte dei casi fa a meno dell'introduzione di vari farmaci o preparati chimici.

Il metodo basato sulle oscillazioni elettromagnetiche e la reazione ad esse degli atomi di idrogeno nel corpo umano combina qualità che forniscono una diagnosi rapida e affidabile e spesso non richiedono esami ausiliari. La risonanza magnetica è non invasiva, altamente accurata, informativa e veloce.

Le donne che hanno a cuore la salute del loro nascituro, quando prescrivono questa procedura, hanno immediatamente dubbi e domande al medico, è possibile eseguire la risonanza magnetica per le donne incinte e non influenzerà lo sviluppo del bambino? Gli specialisti in tali situazioni trovano sempre argomenti sufficienti per convincere e l'esame viene eseguito con successo.

Esiste un pericolo per le donne incinte sottoposte a una risonanza magnetica cerebrale?

Alcuni decenni fa, i medici cercavano di non raccomandare molti esami, inclusa la risonanza magnetica durante la gravidanza, e il trattamento doveva essere prescritto in base ai sintomi diagnosticati. Ciò è stato spiegato da possibili effetti dannosi sul corpo della madre e del feto. Ma gradualmente, con il miglioramento delle apparecchiature utilizzate a fini diagnostici, la necessità di utilizzare potenze elevate è diminuita e sono stati condotti numerosi studi scientifici per identificare disturbi patologici dopo le procedure prescritte..

Nel corso degli anni di osservazione dei pazienti sottoposti a risonanza magnetica per immagini, non si sono verificate reazioni associate ad un peggioramento della salute dei pazienti, pertanto, se necessario, a volte i medici consigliano questa diagnosi anche alle donne in gravidanza. Anche nel primo trimestre, quando vengono deposti i principali organi e sistemi del feto, non c'è pericolo di diagnosticare la testa, soprattutto se una donna è tormentata da mal di testa e altri sintomi che riducono la qualità della vita caratteristica delle malattie cerebrali.

Quando è programmata una risonanza magnetica per la gravidanza?

In attesa del bambino, numerosi cambiamenti nel corpo della donna possono causare malattie in cui, così, la difficile situazione della futura mamma si trasformerà in pura sofferenza. E oltre ai sintomi, la donna incinta si preoccuperà della sua salute e delle condizioni del bambino..

Se una donna è stata portata dal medico a causa di sensazioni spiacevoli alla testa o dolore per una causa inspiegabile, manifestazioni di accidente cerebrovascolare, vertigini, tinnito, perdita dell'udito, traumi, contusioni alla testa, disturbi visivi, perdita di coscienza, lo specialista raccomanda una risonanza magnetica, quindi la procedura non deve essere rimandata, ma è meglio conoscere la diagnosi il prima possibile e farsi consigliare per la terapia.

Anche se il medico non è in grado di prescrivere un ciclo completo di terapia a causa della gravidanza, consiglierà comunque un trattamento delicato e possibilmente adeguando lo stile di vita. I sintomi non sono sempre segni pericolosi di malattie gravi: nella maggior parte dei casi, il solito pizzicamento dei nervi che si verifica con l'osteocondrosi può portare a dolore alla testa.

Un corso di massaggio convenzionale alla testa e al collo o rimedi popolari che non rappresentano un pericolo per il corpo aiuterà una donna incinta da sensazioni così dolorose. Pertanto, la risonanza magnetica a volte non è solo un metodo diagnostico, ma anche una sorta di sedazione per una donna incinta..

Quali patologie vengono diagnosticate?

Ci sono molte malattie che iniziano con i suddetti sintomi e la maggior parte di esse può essere rapidamente curata se rilevata nelle prime fasi dello sviluppo.

La risonanza magnetica della testa rivelerà le seguenti patologie:

  • focolai oncologici;
  • disturbi vascolari;
  • anomalie della ghiandola pituitaria;
  • malattie nervose;
  • emorragie, ictus;
  • disturbi strutturali del cervello;
  • cause di mal di testa e altri sintomi.

Grazie alle capacità della risonanza magnetica, puoi scattare foto di qualsiasi proiezione del cervello, che fornirà un esame dettagliato dei suoi organi da tutte le angolazioni e vedere anche le più piccole violazioni che possono oscurare la vita di una donna incinta.

Quindi non devi condannarti a diversi mesi di sofferenza in attesa della nascita di un bambino, ma segui il consiglio di uno specialista che vuole aiutarti a sbarazzarti di manifestazioni spiacevoli della malattia.

Raccomandazioni per sottoporsi alla procedura con rischi minimi

Non importa quanti parlano dell'innocuità della risonanza magnetica, molto probabilmente, le donne incinte avranno paura di sottoporsi a questo esame. Anche la consapevolezza che il medico non prescriverà uno studio in modo irragionevole non sempre solleva il desiderio di eludere la diagnosi. Quindi è possibile utilizzare alcune raccomandazioni per evitare i rischi dagli effetti del campo elettromagnetico..

In primo luogo, se i sintomi non sono molto pronunciati e c'è la possibilità di aspettare, allora è meglio sottoporsi a una risonanza magnetica alla fine del primo trimestre, quando tutti gli organi fetali si sono formati e nulla può influenzare il loro sviluppo. In secondo luogo, vale la pena scegliere una clinica con attrezzature moderne, che non ha bisogno di applicare potenti onde elettromagnetiche per ottenere risultati di ricerca. Perché le macchine MRI più vecchie utilizzavano un campo magnetico molto più forte.

In terzo luogo, per essere assolutamente sicuri della completa sicurezza per il bambino, è meglio trovare una clinica in anticipo o discutere i dettagli della procedura, che consentirebbe di non immergere completamente tutto il corpo nel tubo del tomografo, ma solo di inserire la testa lì. In ogni caso, anche se segui tutte le regole e i suggerimenti, dovresti ricordare che la risonanza magnetica è un metodo assolutamente innocuo che può aiutare a sbarazzarsi delle manifestazioni dolorose di molte malattie.

Risonanza magnetica e gravidanza

16/11/2019 7679 ≈ 34 minuti per la lettura

Candidato di scienze mediche

Sommario

  • La risonanza magnetica è sicura per le donne in gravidanza, quali sono le controindicazioni?
  • A quale scopo viene prescritta la risonanza magnetica per le donne in gravidanza??
  • Cosa mostrerà una risonanza magnetica durante la gravidanza?
  • Risonanza magnetica all'inizio della gravidanza
  • Risonanza magnetica nel secondo e terzo trimestre di gravidanza
  • Possono esserci conseguenze negative dopo la risonanza magnetica durante la gravidanza??
  • RM fetale: quando possibile, per quale scopo
  • MRI del cervello durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica durante la pianificazione della gravidanza
  • Contrasto durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica dell'utero durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica del bacino durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica della colonna vertebrale durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica di una cicatrice sull'utero durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica degli organi addominali durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica per gravidanza ectopica

La risonanza magnetica è sicura per le donne in gravidanza, quali sono le controindicazioni?

La prima domanda per una donna incinta, quando un medico prescrive uno studio su una tomografia magnetica, è se danneggerà il suo bambino, se influenzerà negativamente il corso della gravidanza.

La risonanza magnetica durante la gravidanza è sicura e, in assenza di controindicazioni, è innocua sia per la donna che per il feto.

A quale scopo viene prescritta la risonanza magnetica per le donne in gravidanza??

La risonanza magnetica durante la gravidanza non è uno studio di prima linea, ma è una componente importante dello screening per la salute della madre e del bambino. Inizialmente vengono eseguiti test di laboratorio di routine e esami ecografici e solo quando compaiono anche i minimi sospetti di patologia nella madre o nel feto, sorge la domanda sulla necessità di una diagnosi più accurata. Con l'aiuto della risonanza magnetica, puoi vedere chiaramente la struttura di qualsiasi organo, perché il dispositivo scansiona accuratamente l'organo esaminato strato per strato.

Inoltre, la risonanza magnetica viene eseguita al posto degli ultrasuoni, quando, a causa di donne in sovrappeso, è difficile considerare se tutto è in ordine con il bambino..

Le indicazioni per la nomina di una risonanza magnetica da parte del feto sono casi in cui:

  • non è possibile con l'aiuto degli ultrasuoni esaminare in dettaglio tutte le parti del feto se si trova nell'utero senza successo,
  • è necessario escludere malattie genetiche che sono comparse durante la gravidanza,
  • è necessario identificare i motivi per cui i battiti cardiaci fetali sono scarsamente ascoltati, perché il feto è in ritardo nello sviluppo, o per identificare il grado di danno cerebrale in caso di carenza di ossigeno in caso di violazione dell'afflusso di sangue attraverso la placenta della madre,
  • ci sono sospetti della comparsa di anomalie (disturbi dello sviluppo) di un organo o sistema, questo è necessario affinché il bambino possa essere adeguatamente trattato durante la gravidanza (intrauterina) o immediatamente dopo il parto.

Ci sono rischi di risonanza magnetica durante la gravidanza?

La risonanza magnetica è un metodo non invasivo per esaminare il corpo. È considerata una delle tecnologie più avanzate per la diagnosi precoce di malattie gravi. Pertanto, sempre più spesso è necessario eseguire una risonanza magnetica durante la gravidanza, il che solleva molte domande per i pazienti in posizione. Nonostante la sicurezza delle radiazioni magnetiche, ci sono una serie di controindicazioni alla procedura..

A cosa serve la tomografia?

Quando si trasporta un bambino, si verificano spesso cambiamenti ormonali nel corpo femminile, compaiono processi infiammatori latenti e le malattie croniche sono esacerbate. Molte donne sperimentano un calo dell'immunità, affrontano patologie virali o fungine.

Il problema principale per i medici è la scelta del metodo diagnostico più sicuro in cui non vi è alcun rischio per lo sviluppo dell'embrione. Tutte le procedure basate sui raggi X sono vietate. Pertanto, la risonanza magnetica rimane praticamente l'unico modo per rilevare pericolose anomalie e neoplasie in una futura madre..

Indicazioni

I medici raccomandano di eseguire la risonanza magnetica per le donne incinte nel 2-3 trimestre, quando il feto ha formato i principali organi e sistemi. Spesso, durante lo screening, il ginecologo ostetrico nota momenti negativi nello sviluppo del bambino, anomalie del cuore, del cervello, dei reni o del fegato.

La risonanza magnetica aiuta a condurre un esame accurato e informativo dell'embrione, per confutare o confermare una diagnosi difficile. La procedura viene utilizzata se l'ecografia standard viene messa in discussione e c'è bisogno di un "secondo parere" di specialisti.

La risonanza magnetica durante la gravidanza viene utilizzata anche per uno studio completo di malattie o patologie identificate in una donna:

  • tumori ipofisari che interrompono il sistema ormonale;
  • malattie dell'apparato digerente, urinario e nervoso;
  • difetti cardiaci, presenza di un accordo;
  • neoplasie nel cervello o nel midollo spinale;
  • ricerca di metastasi.

Tra le indicazioni specifiche per la risonanza magnetica che si presentano durante la gestazione:

  • infezioni respiratorie o digestive rare;
  • lesioni gravi o fratture dopo un incidente, cadute;
  • tumori degli organi riproduttivi (ovaie, utero);
  • forte dolore e spasmi nella colonna vertebrale, esacerbazione della nevralgia;
  • anomalie ossee congenite che possono interferire con il parto naturale;
  • sospetto di emorragia interna;
  • per diversi anni prima della gravidanza, la donna è stata sottoposta a impianto articolare, intervento chirurgico all'utero;
  • la necessità di valutare le condizioni della cicatrice o del polipo uterino;
  • basso attaccamento della placenta dopo un precedente taglio cesareo;
  • presentazione errata del bambino.

La RM è consigliata se un esame ecografico ha rivelato le anomalie più gravi nel feto che sono incompatibili con la vita. Di norma, in questo caso, devi ricorrere all'aborto, quindi la tomografia aiuta a escludere un errore fatale..

Deve essere eseguita quando si individua una briciola di difetti cardiaci, che deve essere operata entro poche ore dal parto: le immagini diventano la base per programmare futuri interventi chirurgici, consentendo di valutare correttamente le possibilità di sopravvivenza e recupero..

L'esecuzione di una risonanza magnetica durante la gravidanza è una procedura obbligatoria per le donne che hanno subito un cancro o sono in remissione a lungo termine. Con l'aiuto della radiazione elettromagnetica, gli oncologi identificano i più piccoli focolai patologici nei tessuti molli e negli organi, decidono se interrompere o la possibilità di trattamento dopo il parto.

Influenza della risonanza magnetica sulla pianificazione della gravidanza

La risonanza magnetica è stata utilizzata attivamente per oltre 20 anni. Numerosi studi condotti da medici diagnostici di centri medici europei hanno dimostrato che il campo magnetico non produce radiazioni pericolose, non si accumula nei tessuti molli e negli organi riproduttivi di una donna. Infatti, l'effetto tossico della risonanza magnetica sulla gravidanza non è stato dimostrato e la risonanza magnetica è spesso raccomandata per la diagnosi di infertilità, durante la pianificazione del concepimento.

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza

Con tutta la comprovata sicurezza della tecnica, la risonanza magnetica durante la gravidanza può essere utilizzata solo con l'approvazione dell'ostetrico che osserva la donna. Esamina gli ultimi test, controlla gli indicatori dell'attività fetale, fornisce raccomandazioni sulla preparazione per la procedura.

Con maggiore nervosismo, il ginecologo determina su base naturale i sedativi oi farmaci consentiti che possono ridurre l'eccitabilità del paziente.

Se sia possibile eseguire una procedura di risonanza magnetica in una fase iniziale della gravidanza dipende in gran parte dalle indicazioni e dalle condizioni della paziente. Con una serie di patologie, è difficile condurre uno studio in un altro modo:

  • tumori nella parte posteriore del seno;
  • neoplasie nel cervello;
  • cambiamenti nei vasi sanguigni, aneurismi.

La risonanza magnetica è consigliata per una serie di vantaggi:

  • mostra i risultati con una precisione del 98%;
  • non ci sono tagli o forature;
  • non provoca dolore;
  • la capacità di rilevare neoplasie di dimensioni comprese tra 0,1-0,5 mm.


Le donne incinte possono avere una risonanza magnetica cerebrale? Oggi, la tomografia basata sulla radiazione elettromagnetica rimane l'unico modo per diagnosticare in modo sicuro e qualitativo le ragazze in una "posizione interessante" Aiuta a identificare la fonte di mal di testa dolorosi, ipertensione e previene lo sviluppo di un ictus.

Risonanza magnetica precoce

Nonostante la comprovata sicurezza, l'uso della risonanza magnetica all'inizio della gravidanza non è raccomandato. Questo è il periodo più delicato della formazione delle terminazioni nervose, del cervello e di tutti gli organi interni..

Pertanto, i medici cercano di evitare qualsiasi intervento, l'uso di farmaci e procedure. Ma le osservazioni hanno dimostrato che non è stata registrata una singola deviazione dallo sviluppo in un bambino la cui madre ha subito radiazioni magnetiche durante la gestazione..

Controindicazioni per la diagnosi

Oltre alla gravidanza a 1-3 mesi, ci sono una serie di controindicazioni per le quali le tecniche di risonanza magnetica non vengono utilizzate:

  1. Pacemaker installato (il campo elettromagnetico distrugge i microcircuiti, quindi la situazione è pericolosa per la vita del paziente).
  2. Impianti in lega metallica.
  3. Clip speciali sull'aorta o sulle vene.
  4. Peso corporeo da 120 kg.
  5. Insufficienza cardiaca acuta.
  6. Disturbi nervosi, sovraeccitazione.

Per la claustrofobia o il peso corporeo superiore a 120-140 kg, i medici raccomandano una scansione a scansione aperta. Una paziente incinta può chiedere a un partner di partecipare a tale diagnosi per ridurre l'ansia e lo stress..

Caratteristiche dell'uso della tomografia per le future mamme

Nel 3 ° trimestre, i ginecologi consigliano di eseguire la scansione stando sdraiati su un fianco. Questo allevierà la pressione dell'utero allargato sui vasi sanguigni. Lo scanner inizia a funzionare 5-10 minuti dopo aver preso una posa: è necessario che il bambino smetta di mostrare una maggiore attività. La risonanza magnetica per le donne in gravidanza non deve essere eseguita con l'introduzione del contrasto: una sostanza con sali di gadolinio a volte provoca una grave reazione allergica.

Diagnostica cerebrale

La risonanza magnetica del cervello e dei vasi sanguigni durante la gravidanza viene eseguita al meglio in uno speciale apparato di tipo aperto. Ciò consente di scansionare solo la testa e il cingolo scapolare, il che è virtualmente sicuro per l'embrione. Indicazioni principali:

  • ictus;
  • un forte calo della vista;
  • svenimenti frequenti;
  • convulsioni;
  • oncologia.

La risonanza magnetica della testa durante la gravidanza aiuta a stabilire tempestivamente la patologia della ghiandola tiroidea, che influisce negativamente sullo sviluppo dell'embrione.

Diagnostica della colonna vertebrale

Una risonanza magnetica della colonna vertebrale può essere eseguita durante la gravidanza se ci sono crampi e grave debolezza agli arti inferiori. Sono provocati da un cambiamento nel centro di gravità nel 2-3 trimestre, che è irto di forti dolori. È altrettanto importante determinare una diagnosi accurata per le seguenti patologie:

  • osteocondrosi;
  • violazione della circolazione sanguigna nella piccola pelvi;
  • tumore maligno;
  • dolore acuto nella zona pubica con sinfisite.

La procedura viene eseguita senza contrasto e non richiede più di 20 minuti.

Studia con il contrasto

L'agente di contrasto contiene particelle di gadolinio metallico, che penetra facilmente nella placenta nel sangue del bambino. Recenti studi di ginecologi hanno dimostrato che la sostanza si accumula negli organi, provocando una reazione allergica. Pertanto, la risonanza magnetica con contrasto non è raccomandata durante la gravidanza in qualsiasi momento.

RM fetale

Un esame MRI completo del feto durante la gravidanza viene eseguito solo come indicato dall'ostetrico. Viene utilizzato solo per le patologie più complesse che non possono essere diagnosticate con altri metodi. La tomografia consente di valutare la completezza dello sviluppo degli organi e del cervello di un bambino, per vedere le violazioni nella fase iniziale.

Quanto tempo dopo una risonanza magnetica puoi rimanere incinta

La sicurezza della risonanza magnetica è stata praticamente dimostrata all'inizio della gravidanza. I ginecologi monitorano costantemente le condizioni dei pazienti dopo la procedura e affermano con sicurezza che il campo elettromagnetico non influisce sul concepimento. Pertanto, puoi rimanere incinta in qualsiasi momento senza il rischio di aborto spontaneo o sviluppo anormale dell'embrione..

MRI del cervello durante la gravidanza

La gravidanza desiderata è un eccellente stato di aspettativa della nascita di un bambino per qualsiasi donna. Sfortunatamente, oltre a momenti e problemi piacevoli, questo processo può essere accompagnato da un deterioramento del benessere della futura mamma. A causa di cambiamenti nel corpo, alcune malattie si presentano o si ripresentano, i cui sintomi danno alla donna disagio e ansia per la sua condizione.

Un mal di testa angosciante è una di queste manifestazioni che non consente a una donna incinta di godersi appieno la sua posizione. E il fatto che tali sintomi possano essere segnali di gravi problemi di salute aggrava più volte la situazione attuale. Quando si visita un medico, vengono prescritti molti test ed esami, ma la maggior parte degli specialisti considera la risonanza magnetica del cervello durante la gravidanza il metodo diagnostico più informativo e indolore..

Perché la risonanza magnetica della testa è il metodo di scelta?

La risonanza magnetica (MRI), per la sua specificità, è l'esame più indicato, soprattutto per le donne in attesa di un bambino. La procedura non trasporta alcun carico di radiazioni, non richiede intervento chirurgico e nella maggior parte dei casi fa a meno dell'introduzione di vari farmaci o preparati chimici.

Il metodo basato sulle oscillazioni elettromagnetiche e la reazione ad esse degli atomi di idrogeno nel corpo umano combina qualità che forniscono una diagnosi rapida e affidabile e spesso non richiedono esami ausiliari. La risonanza magnetica è non invasiva, altamente accurata, informativa e veloce.

Le donne che hanno a cuore la salute del loro nascituro, quando prescrivono questa procedura, hanno immediatamente dubbi e domande al medico, è possibile eseguire la risonanza magnetica per le donne incinte e non influenzerà lo sviluppo del bambino? Gli specialisti in tali situazioni trovano sempre argomenti sufficienti per convincere e l'esame viene eseguito con successo.

Esiste un pericolo per le donne incinte sottoposte a una risonanza magnetica cerebrale?

Alcuni decenni fa, i medici cercavano di non raccomandare molti esami, inclusa la risonanza magnetica durante la gravidanza, e il trattamento doveva essere prescritto in base ai sintomi diagnosticati. Ciò è stato spiegato da possibili effetti dannosi sul corpo della madre e del feto. Ma gradualmente, con il miglioramento delle apparecchiature utilizzate a fini diagnostici, la necessità di utilizzare potenze elevate è diminuita e sono stati condotti numerosi studi scientifici per identificare disturbi patologici dopo le procedure prescritte..

Nel corso degli anni di osservazione dei pazienti sottoposti a risonanza magnetica per immagini, non si sono verificate reazioni associate ad un peggioramento della salute dei pazienti, pertanto, se necessario, a volte i medici consigliano questa diagnosi anche alle donne in gravidanza. Anche nel primo trimestre, quando vengono deposti i principali organi e sistemi del feto, non c'è pericolo di diagnosticare la testa, soprattutto se una donna è tormentata da mal di testa e altri sintomi che riducono la qualità della vita caratteristica delle malattie cerebrali.

Quando è programmata una risonanza magnetica per la gravidanza?

In attesa del bambino, numerosi cambiamenti nel corpo della donna possono causare malattie in cui, così, la difficile situazione della futura mamma si trasformerà in pura sofferenza. E oltre ai sintomi, la donna incinta si preoccuperà della sua salute e delle condizioni del bambino..

Se una donna è stata portata dal medico a causa di sensazioni spiacevoli alla testa o dolore per una causa inspiegabile, manifestazioni di accidente cerebrovascolare, vertigini, tinnito, perdita dell'udito, traumi, contusioni alla testa, disturbi visivi, perdita di coscienza, lo specialista raccomanda una risonanza magnetica, quindi la procedura non deve essere rimandata, ma è meglio conoscere la diagnosi il prima possibile e farsi consigliare per la terapia.

Anche se il medico non è in grado di prescrivere un ciclo completo di terapia a causa della gravidanza, consiglierà comunque un trattamento delicato e possibilmente adeguando lo stile di vita. I sintomi non sono sempre segni pericolosi di malattie gravi: nella maggior parte dei casi, il solito pizzicamento dei nervi che si verifica con l'osteocondrosi può portare a dolore alla testa.

Un corso di massaggio convenzionale alla testa e al collo o rimedi popolari che non rappresentano un pericolo per il corpo aiuterà una donna incinta da sensazioni così dolorose. Pertanto, la risonanza magnetica a volte non è solo un metodo diagnostico, ma anche una sorta di sedazione per una donna incinta..

Quali patologie vengono diagnosticate?

Ci sono molte malattie che iniziano con i suddetti sintomi e la maggior parte di esse può essere rapidamente curata se rilevata nelle prime fasi dello sviluppo.

La risonanza magnetica della testa rivelerà le seguenti patologie:

  • focolai oncologici;
  • disturbi vascolari;
  • anomalie della ghiandola pituitaria;
  • malattie nervose;
  • emorragie, ictus;
  • disturbi strutturali del cervello;
  • cause di mal di testa e altri sintomi.

Grazie alle capacità della risonanza magnetica, puoi scattare foto di qualsiasi proiezione del cervello, che fornirà un esame dettagliato dei suoi organi da tutte le angolazioni e vedere anche le più piccole violazioni che possono oscurare la vita di una donna incinta.

Quindi non devi condannarti a diversi mesi di sofferenza in attesa della nascita di un bambino, ma segui il consiglio di uno specialista che vuole aiutarti a sbarazzarti di manifestazioni spiacevoli della malattia.

Raccomandazioni per sottoporsi alla procedura con rischi minimi

Non importa quanti parlano dell'innocuità della risonanza magnetica, molto probabilmente, le donne incinte avranno paura di sottoporsi a questo esame. Anche la consapevolezza che il medico non prescriverà uno studio in modo irragionevole non sempre solleva il desiderio di eludere la diagnosi. Quindi è possibile utilizzare alcune raccomandazioni per evitare i rischi dagli effetti del campo elettromagnetico..

In primo luogo, se i sintomi non sono molto pronunciati e c'è la possibilità di aspettare, allora è meglio sottoporsi a una risonanza magnetica alla fine del primo trimestre, quando tutti gli organi fetali si sono formati e nulla può influenzare il loro sviluppo. In secondo luogo, vale la pena scegliere una clinica con attrezzature moderne, che non ha bisogno di applicare potenti onde elettromagnetiche per ottenere risultati di ricerca. Perché le macchine MRI più vecchie utilizzavano un campo magnetico molto più forte.

In terzo luogo, per essere assolutamente sicuri della completa sicurezza per il bambino, è meglio trovare una clinica in anticipo o discutere i dettagli della procedura, che consentirebbe di non immergere completamente tutto il corpo nel tubo del tomografo, ma solo di inserire la testa lì. In ogni caso, anche se segui tutte le regole e i suggerimenti, dovresti ricordare che la risonanza magnetica è un metodo assolutamente innocuo che può aiutare a sbarazzarsi delle manifestazioni dolorose di molte malattie.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Gravidanza 4 mesi dopo il taglio cesareo

Infertilità

Taglio cesareo. Forum per genitori con molti bambini Argomenti senza risposta Argomenti attivi Versione SearchMobileTaglio cesareo ⇒ Gravidanza 4 mesi dopo il taglio cesareoModeratore: mamma katya

È possibile che una madre che allatta prenda Nurofen: istruzioni per il farmaco per l'allattamento al seno

Neonato

L'allattamento al seno richiede un'attenzione particolare da parte delle giovani madri alla loro salute e alimentazione.

Quando puoi rimanere incinta dopo aver rimosso un polipo nell'utero - pianificando una gravidanza

Parto

La gravidanza dopo la rimozione dei polipi è possibile immediatamente dopo la fine del periodo di recupero.

Gonfiore alla fine della gravidanza

Analisi

Conseguenze e prevenzione dell'edema alle gambe nelle ultime settimane di gravidanzaGonfiore nelle fasi avanzate (36, 37, 38, 39 settimane) della gravidanza, e se compaiono?