Principale / Infertilità

È possibile per una donna eseguire una risonanza magnetica della testa, della colonna vertebrale, del bacino e delle articolazioni delle gambe e delle braccia nelle fasi iniziali o finali: indicazioni, controindicazioni, conseguenze

Grazie allo sviluppo della medicina come scienza e alla sua corrispondente attrezzatura tecnologica, esistono vari metodi estremamente efficaci per diagnosticare la salute di una donna incinta. Una di queste tecniche non invasive è la risonanza magnetica. Ma, nonostante la sua indolore e il contenuto informativo, ci sono alcuni rischi quando viene eseguito mentre una donna sta trasportando un bambino, e un medico deve decidere rigorosamente sulla necessità di una risonanza magnetica.

  1. È consigliabile e sicuro condurre una risonanza magnetica durante il trasporto di un bambino
  2. Cos'è la risonanza magnetica
  3. È possibile farlo durante la gravidanza all'inizio e alla fine della gravidanza
  4. Quali sono le caratteristiche per le donne incinte
  5. Vale la pena fare una risonanza magnetica parzialmente durante la gravidanza: è dannoso per il feto?
  6. Testa
  7. Colonna vertebrale
  8. Cicatrice MRI sull'utero
  9. Bacino e articolazioni degli arti
  10. Quando la risonanza magnetica è completamente controindicata durante il periodo di gravidanza
  11. Video utile

È consigliabile e sicuro condurre una risonanza magnetica durante il trasporto di un bambino

Il periodo della vita di una donna, che dedica alla gravidanza, non sempre procede con calma e senza malattie che si manifestano durante la gravidanza o si aggravano. Quando il medico vede i prerequisiti per una grave patologia che minaccia la vita della futura mamma e del suo bambino, può prescrivere la risonanza magnetica (MRI). Ma prendere una tale decisione dovrebbe essere equilibrata e attenta, poiché ci sono controindicazioni a tale diagnosi per quanto riguarda le donne in gravidanza..

Cos'è la risonanza magnetica

La risonanza magnetica è l'abbreviazione del nome del metodo diagnostico: risonanza magnetica per immagini. Questo metodo consente agli specialisti di ottenere immagini con sezioni dell'area investigata del corpo umano, che sono di alta qualità e contenuto informativo. La base per il funzionamento della macchina per la risonanza magnetica era la comprensione di come il campo elettromagnetico interagisce con gli atomi di idrogeno presenti in tutto il corpo umano..

È possibile fare durante la gravidanza all'inizio e alla fine della gravidanza

L'esecuzione di una risonanza magnetica nelle prime fasi della gestazione può influire negativamente sul bambino a modo suo. Il funzionamento del tomografo è accompagnato dalla radiazione di una certa quantità di energia termica e rumore.

I primi tre mesi di posa di tutte le strutture del futuro neonato sono estremamente importanti e tale influenza esterna può portare a uno squilibrio nella formazione di organi e sistemi, alla futura comparsa di gravi malformazioni o anomalie.

Il secondo e il terzo trimestre sono meno suscettibili alla tomografia e quindi sono considerati più favorevoli per le misure diagnostiche. In questo momento, l'aspetto principale di un esame sicuro e di successo è l'assenza di controindicazioni da parte della futura mamma..

Poiché le fasi di sviluppo più importanti sono associate al primo trimestre di gestazione, il secondo e il terzo sono considerati più favorevoli per la tomografia, sebbene siano associati ad alcuni rischi.

Quali sono le caratteristiche per le donne incinte

La risonanza magnetica è associata a una serie di funzioni. Svolgono un ruolo importante per le future mamme che trasportano un bambino:

  • Può svilupparsi la paura di uno spazio ristretto, a causa di una specifica ristrutturazione dello stato mentale.
  • Il rumore emesso dal dispositivo provoca disagio anche nei pazienti normali e nella futura mamma può causare panico.
  • La procedura viene spesso eseguita con l'uso di un mezzo di contrasto, che è associato a rischi aggiuntivi e alla possibile presenza di allergie.
  • La procedura diagnostica deve essere concordata con uno specialista, tenendo conto del programma dell'attività del bambino, in modo che il momento sia il più appropriato e non causi stress per lui.
  • È preferibile eseguire la diagnostica in un apparato di tipo aperto, che è associato a cambiamenti nel corpo della donna, in particolare, con una pancia ingrossata..

Vale la pena fare una risonanza magnetica parzialmente durante la gravidanza: è dannoso per il feto?

Avendo un quadro completo delle condizioni della futura mamma e conoscendo i tempi della gestazione, lo specialista fa una conclusione sulla necessità della tomografia.

Testa

Un esame del capo della futura mamma può essere finalizzato a diagnosticare:

  • Forte dolore, senza una chiara comprensione della loro eziologia.
  • Trauma passato.
  • Cause di frequenti svenimenti e vertigini.
  • Comparsa di disturbi della memoria e del pensiero, un'improvvisa diminuzione delle capacità intellettuali.
  • Convulsioni sviluppate.
  • Il sospetto emergente dello sviluppo di encefalomielite, vasculite o ictus.
  • Lo stato del sistema vascolare per il quale sono disponibili informazioni su patologie croniche o di recente sviluppo nella storia della donna.
  • Deviazioni nella capacità funzionale degli organi visivi.
  • Sinusite preesistente, anomalie dei seni o un improvviso cambiamento del senso dell'olfatto.
  • Presenza di tiroidite o altre anomalie della tiroide.

Inoltre, questo metodo è rilevante nei casi in cui non è possibile eseguire l'esame ecografico della testa o i suoi risultati devono essere confermati. L'intera procedura è abbastanza semplice e richiede dai 15 ai 30 minuti..

Colonna vertebrale

È possibile eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale di una donna che trasporta un bambino per determinare:

  • Cause di disturbi circolatori del midollo spinale.
  • La presenza di malformazioni o qualche tipo di lesione alle vertebre e ai dischi intervertebrali.
  • Cause di dolore o intorpidimento agli arti.
  • Infiammazione sviluppata della colonna vertebrale, mielinopatia o mielinoclastica.
  • La presenza di restringimento del canale spinale.
  • Condizioni di protrusioni o ernie, osteosrondrosi o artrosi acuta.

Lo studio viene svolto senza alcuna preparazione specifica e dura circa 20 minuti.

Cicatrice MRI sull'utero

Una cicatrice sull'utero può essere nelle donne che hanno sperimentato:

  • taglio cesareo.
  • Alcuni interventi ginecologici, come la miomectomia o la plastica ricostruttiva.
  • Rottura dell'utero durante il travaglio precedente.
  • Lesioni dopo procedure invasive.
  • Trauma addominale.

La risonanza magnetica ha lo scopo di determinare la condizione della cicatrice lasciata sull'utero ed è un modo per identificare il grado del suo assottigliamento e il rischio esistente di rottura. Lo studio aiuterà gli specialisti a determinare il metodo di consegna più appropriato.

Bacino e articolazioni degli arti

Il bacino e le articolazioni degli arti vengono esaminati in una serie di situazioni:

  • La comparsa della sindrome del dolore.
  • Anomalie esistenti nello sviluppo delle articolazioni.
  • Danno osseo, processi infettivi o degenerativi esistenti che interessano ossa e articolazioni.
  • Determinazione dello stato delle neoplasie.
  • Patologie esistenti del tessuto connettivo.
  • Ingresso di corpi estranei.
  • Sospetto accumulo di liquido nella pelvi.

Non è necessaria alcuna preparazione speciale prima dell'esame e la tomografia non richiede più di 30 minuti.

Quando la risonanza magnetica è completamente controindicata durante il periodo di gestazione

Per prescrivere una risonanza magnetica, uno specialista ha bisogno non solo di indicazioni per esso, ma anche dell'assenza di controindicazioni. Durante la gravidanza, è severamente vietato eseguire tale diagnostica in un numero di casi:

  • Meno di 12 settimane. Ciò è dovuto al fatto che questo periodo di gestazione è associato all'inizio della formazione di tutti gli organi. In questo momento, qualsiasi influenza esercitata sul feto, che si tratti di calore o rumore (che è caratteristico della risonanza magnetica), può influire negativamente sui processi di impostazione dei sistemi..
  • Un pacemaker installato in una donna incinta, qualsiasi metallo o protesi.
  • Peso corporeo di una donna superiore a 200 kg.
  • Tendenza alle convulsioni con una storia di claustrofobia o disturbo convulsivo.

Per la risonanza magnetica che utilizza un mezzo di contrasto, le controindicazioni saranno:

  • Malattia renale cronica.
  • Malattia emolitica nella madre.

L'imaging RM è meritatamente considerato una procedura altamente informativa e più sicura che non richiede una formazione specifica. Una diagnosi tempestiva può aiutare non solo ad avviare misure mediche per aiutare una donna incinta, ma anche a prevenire alcune complicazioni, come la rottura della cicatrice uterina. Può essere eseguito in ogni caso, ma l'effetto del tomografo su una donna incinta e sul suo bambino è una questione più seria. Richiede la decisione più equilibrata di uno specialista.

MRI del cervello durante la gravidanza

La gravidanza desiderata è un eccellente stato di aspettativa della nascita di un bambino per qualsiasi donna. Sfortunatamente, oltre a momenti e problemi piacevoli, questo processo può essere accompagnato da un deterioramento del benessere della futura mamma. A causa di cambiamenti nel corpo, alcune malattie si presentano o si ripresentano, i cui sintomi danno alla donna disagio e ansia per la sua condizione.

Un mal di testa angosciante è una di queste manifestazioni che non consente a una donna incinta di godersi appieno la sua posizione. E il fatto che tali sintomi possano essere segnali di gravi problemi di salute aggrava più volte la situazione attuale. Quando si visita un medico, vengono prescritti molti test ed esami, ma la maggior parte degli specialisti considera la risonanza magnetica del cervello durante la gravidanza il metodo diagnostico più informativo e indolore..

Perché la risonanza magnetica della testa è il metodo di scelta?

La risonanza magnetica (MRI), per la sua specificità, è l'esame più indicato, soprattutto per le donne in attesa di un bambino. La procedura non trasporta alcun carico di radiazioni, non richiede intervento chirurgico e nella maggior parte dei casi fa a meno dell'introduzione di vari farmaci o preparati chimici.

Il metodo basato sulle oscillazioni elettromagnetiche e la reazione ad esse degli atomi di idrogeno nel corpo umano combina qualità che forniscono una diagnosi rapida e affidabile e spesso non richiedono esami ausiliari. La risonanza magnetica è non invasiva, altamente accurata, informativa e veloce.

Le donne che hanno a cuore la salute del loro nascituro, quando prescrivono questa procedura, hanno immediatamente dubbi e domande al medico, è possibile eseguire la risonanza magnetica per le donne incinte e non influenzerà lo sviluppo del bambino? Gli specialisti in tali situazioni trovano sempre argomenti sufficienti per convincere e l'esame viene eseguito con successo.

Esiste un pericolo per le donne incinte sottoposte a una risonanza magnetica cerebrale?

Alcuni decenni fa, i medici cercavano di non raccomandare molti esami, inclusa la risonanza magnetica durante la gravidanza, e il trattamento doveva essere prescritto in base ai sintomi diagnosticati. Ciò è stato spiegato da possibili effetti dannosi sul corpo della madre e del feto. Ma gradualmente, con il miglioramento delle apparecchiature utilizzate a fini diagnostici, la necessità di utilizzare potenze elevate è diminuita e sono stati condotti numerosi studi scientifici per identificare disturbi patologici dopo le procedure prescritte..

Nel corso degli anni di osservazione dei pazienti sottoposti a risonanza magnetica per immagini, non si sono verificate reazioni associate ad un peggioramento della salute dei pazienti, pertanto, se necessario, a volte i medici consigliano questa diagnosi anche alle donne in gravidanza. Anche nel primo trimestre, quando vengono deposti i principali organi e sistemi del feto, non c'è pericolo di diagnosticare la testa, soprattutto se una donna è tormentata da mal di testa e altri sintomi che riducono la qualità della vita caratteristica delle malattie cerebrali.

Quando è programmata una risonanza magnetica per la gravidanza?

In attesa del bambino, numerosi cambiamenti nel corpo della donna possono causare malattie in cui, così, la difficile situazione della futura mamma si trasformerà in pura sofferenza. E oltre ai sintomi, la donna incinta si preoccuperà della sua salute e delle condizioni del bambino..

Se una donna è stata portata dal medico a causa di sensazioni spiacevoli alla testa o dolore per una causa inspiegabile, manifestazioni di accidente cerebrovascolare, vertigini, tinnito, perdita dell'udito, traumi, contusioni alla testa, disturbi visivi, perdita di coscienza, lo specialista raccomanda una risonanza magnetica, quindi la procedura non deve essere rimandata, ma è meglio conoscere la diagnosi il prima possibile e farsi consigliare per la terapia.

Anche se il medico non è in grado di prescrivere un ciclo completo di terapia a causa della gravidanza, consiglierà comunque un trattamento delicato e possibilmente adeguando lo stile di vita. I sintomi non sono sempre segni pericolosi di malattie gravi: nella maggior parte dei casi, il solito pizzicamento dei nervi che si verifica con l'osteocondrosi può portare a dolore alla testa.

Un corso di massaggio convenzionale alla testa e al collo o rimedi popolari che non rappresentano un pericolo per il corpo aiuterà una donna incinta da sensazioni così dolorose. Pertanto, la risonanza magnetica a volte non è solo un metodo diagnostico, ma anche una sorta di sedazione per una donna incinta..

Quali patologie vengono diagnosticate?

Ci sono molte malattie che iniziano con i suddetti sintomi e la maggior parte di esse può essere rapidamente curata se rilevata nelle prime fasi dello sviluppo.

La risonanza magnetica della testa rivelerà le seguenti patologie:

  • focolai oncologici;
  • disturbi vascolari;
  • anomalie della ghiandola pituitaria;
  • malattie nervose;
  • emorragie, ictus;
  • disturbi strutturali del cervello;
  • cause di mal di testa e altri sintomi.

Grazie alle capacità della risonanza magnetica, puoi scattare foto di qualsiasi proiezione del cervello, che fornirà un esame dettagliato dei suoi organi da tutte le angolazioni e vedere anche le più piccole violazioni che possono oscurare la vita di una donna incinta.

Quindi non devi condannarti a diversi mesi di sofferenza in attesa della nascita di un bambino, ma segui il consiglio di uno specialista che vuole aiutarti a sbarazzarti di manifestazioni spiacevoli della malattia.

Raccomandazioni per sottoporsi alla procedura con rischi minimi

Non importa quanti parlano dell'innocuità della risonanza magnetica, molto probabilmente, le donne incinte avranno paura di sottoporsi a questo esame. Anche la consapevolezza che il medico non prescriverà uno studio in modo irragionevole non sempre solleva il desiderio di eludere la diagnosi. Quindi è possibile utilizzare alcune raccomandazioni per evitare i rischi dagli effetti del campo elettromagnetico..

In primo luogo, se i sintomi non sono molto pronunciati e c'è la possibilità di aspettare, allora è meglio sottoporsi a una risonanza magnetica alla fine del primo trimestre, quando tutti gli organi fetali si sono formati e nulla può influenzare il loro sviluppo. In secondo luogo, vale la pena scegliere una clinica con attrezzature moderne, che non ha bisogno di applicare potenti onde elettromagnetiche per ottenere risultati di ricerca. Perché le macchine MRI più vecchie utilizzavano un campo magnetico molto più forte.

In terzo luogo, per essere assolutamente sicuri della completa sicurezza per il bambino, è meglio trovare una clinica in anticipo o discutere i dettagli della procedura, che consentirebbe di non immergere completamente tutto il corpo nel tubo del tomografo, ma solo di inserire la testa lì. In ogni caso, anche se segui tutte le regole e i suggerimenti, dovresti ricordare che la risonanza magnetica è un metodo assolutamente innocuo che può aiutare a sbarazzarsi delle manifestazioni dolorose di molte malattie.

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza?

La risonanza magnetica è considerata uno dei metodi più informativi e affidabili per lo studio dello stato del corpo, in particolare della colonna vertebrale, del letto vascolare, degli organi e dei tessuti viscerali. Questo metodo di diagnosi non è associato a dolore e disagio e, inoltre, ha un effetto estremamente insignificante sul corpo, quindi la risonanza magnetica viene spesso prescritta alle future mamme se sospettano lo sviluppo di patologia nella donna incinta stessa o nel feto nell'utero. È sicuro eseguire la risonanza magnetica durante la gravidanza, la procedura ha caratteristiche che dovrebbero essere prese in considerazione dai pazienti "in posizione" e vale la pena preoccuparsi dei possibili rischi? Il nostro materiale contiene tutte le sottigliezze significative della risonanza magnetica per le donne incinte.

La risonanza magnetica è dannosa per le donne in gravidanza?

Il modo più accurato e sicuro per diagnosticare i cambiamenti nei tessuti molli e cartilaginei oggi è la risonanza magnetica. Questa procedura consente di "illuminare" un organo malsano, di rivelare tutte le anomalie esistenti e di fare la diagnosi corretta nel modo più accurato possibile. Pertanto, in alcuni casi, la risonanza magnetica durante la gravidanza semplicemente non ha opzioni alternative: è prescritta se altri metodi diagnostici (ultrasuoni, test, ecc.) Sono impossibili o poco informativi.

Nonostante il fatto che un ulteriore impatto sul corpo della futura mamma in un periodo così delicato sia estremamente indesiderabile, a volte la risonanza magnetica è la soluzione più ottimale, poiché questo studio consente di monitorare più da vicino le condizioni del feto o diagnosticare lo sviluppo della malattia nella paziente stessa. Inoltre, la procedura praticamente non ha un effetto negativo sul corpo, quindi è considerata sicura, anche durante la gravidanza..

In quali casi viene prescritta una risonanza magnetica

La risonanza magnetica del bacino durante la gravidanza è spesso consigliata al posto dell'ecografia nei casi in cui la seconda non garantisce un risultato informativo e accurato. Il medico può raccomandare che la futura mamma si sottoponga a tale studio nei seguenti casi:

  1. Se ci sono rischi di sviluppo patologico del bambino nell'utero.
  2. In caso di deviazioni nel lavoro degli organi interni della donna incinta e del feto.
  3. Per una diagnosi più accurata delle condizioni del paziente in presenza di risultati di test dubbi o controversi.
  4. Se è impossibile o non informativo utilizzare altri metodi di ricerca.

Inoltre, a volte una donna incinta può richiedere una risonanza magnetica del cervello. Le indicazioni per tale procedura sono:

  • gravi ferite alla testa;
  • sospetti di uno stato patologico dei vasi sanguigni;
  • avere sintomi di un tumore al cervello.

La ragione della risonanza magnetica può essere non solo la condizione della futura mamma, ma anche deviazioni nella formazione del feto. Quindi, la risonanza magnetica viene prescritta in caso di dati ecografici deludenti, che indicano la presenza di patologia in un bambino, con risultati dubbi di altri studi sul feto, o per identificare difetti che non possono essere diagnosticati in altro modo. Inoltre, la tomografia è spesso raccomandata prima di prendere la decisione di interrompere una gravidanza per motivi medici: tale procedura fornisce un quadro più dettagliato e reale, quindi è più facile per il paziente fare un passo cosciente o elaborare un piano di trattamento e riabilitazione per il bambino dopo la sua nascita..

Precauzioni

Nonostante gli innegabili vantaggi della risonanza magnetica, non è sempre possibile eseguirla durante la gravidanza. Le controindicazioni per questo tipo di ricerca includono:

  • La presenza di corpi estranei in metallo. Se una donna incinta ha spilli, ferri da maglia, endoprotesi che fissano viti o placche sulle ossa, un campo magnetico è controindicato per lei.
  • Dispositivi elettronici impiantati. Lo scanner per risonanza magnetica può danneggiare il pacemaker, il microinfusore e altri dispositivi elettrici impiantati, quindi se li hai, non puoi sottoporsi a tomografia.
  • Claustrofobia. La paura degli spazi ristretti può provocare in una donna uno stress grave indesiderabile durante la gravidanza, che, a sua volta, non influisce nel migliore dei modi sulla formazione del feto.

Inoltre, non è desiderabile condurre una risonanza magnetica nel primo trimestre di gravidanza, quando anche un effetto minore sul feto in via di sviluppo potrebbe teoricamente avere conseguenze spiacevoli. Pertanto, se esiste una tale opportunità, è meglio posticipare la procedura diagnostica a una data successiva..

Inoltre, quando si esegue la risonanza magnetica, la futura mamma non può utilizzare agenti di contrasto, tra cui il gadolinio: questa sostanza è controindicata per le donne in gravidanza e in allattamento.

Caratteristiche della risonanza magnetica

Affinché la procedura diagnostica sia il più efficiente e confortevole possibile, che è particolarmente importante durante la gravidanza, è necessario seguire una serie di regole:

  1. Si consiglia di fissare un appuntamento per una tomografia al mattino - secondo lo studio, queste ore sono le più favorevoli per le donne incinte, poiché sia ​​la donna che il feto sono più rilassati e calmi.
  2. Dovresti smettere di mangiare almeno 4 ore prima della risonanza magnetica. Inoltre, la vescica deve essere svuotata immediatamente prima del test..
  3. La posizione ottimale del corpo è considerata una posizione in cui le gambe sono davanti. In questo caso, la probabilità di claustrofobia è significativamente ridotta..
  1. Se una donna incinta ha difficoltà a respirare mentre è sdraiata sulla schiena, vale la pena discutere in anticipo la possibilità di sedersi sul lato sinistro - nella maggior parte dei casi questa posizione è consentita.
  2. In caso di malessere, nausea o vertigini, la risonanza magnetica può essere interrotta in qualsiasi momento. Puoi anche portare con te in ufficio una persona cara - marito, madre o fidanzata - come supporto, cosa particolarmente importante durante la gravidanza..
  3. Prima della scansione, dovresti sdraiarti nel tunnel MRI per almeno un paio di minuti: questo tempo è necessario per sintonizzarti sulla procedura, rilassarti e calmarti il ​​più possibile.

Qualsiasi ricerca che la futura mamma deve sottoporsi durante la gravidanza dovrebbe essere prescritta dal suo medico curante. Naturalmente, in un periodo così delicato, una donna non ha bisogno di ulteriore stress, ma se la tomografia è necessaria, non dovresti rinunciarci: una tale procedura non è solo altamente informativa, ma anche sicura.!

Risonanza magnetica e gravidanza

16/11/2019 7679 ≈ 34 minuti per la lettura

Candidato di scienze mediche

Sommario

  • La risonanza magnetica è sicura per le donne in gravidanza, quali sono le controindicazioni?
  • A quale scopo viene prescritta la risonanza magnetica per le donne in gravidanza??
  • Cosa mostrerà una risonanza magnetica durante la gravidanza?
  • Risonanza magnetica all'inizio della gravidanza
  • Risonanza magnetica nel secondo e terzo trimestre di gravidanza
  • Possono esserci conseguenze negative dopo la risonanza magnetica durante la gravidanza??
  • RM fetale: quando possibile, per quale scopo
  • MRI del cervello durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica durante la pianificazione della gravidanza
  • Contrasto durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica dell'utero durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica del bacino durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica della colonna vertebrale durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica di una cicatrice sull'utero durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica degli organi addominali durante la gravidanza
  • Risonanza magnetica per gravidanza ectopica

La risonanza magnetica è sicura per le donne in gravidanza, quali sono le controindicazioni?

La prima domanda per una donna incinta, quando un medico prescrive uno studio su una tomografia magnetica, è se danneggerà il suo bambino, se influenzerà negativamente il corso della gravidanza.

La risonanza magnetica durante la gravidanza è sicura e, in assenza di controindicazioni, è innocua sia per la donna che per il feto.

A quale scopo viene prescritta la risonanza magnetica per le donne in gravidanza??

La risonanza magnetica durante la gravidanza non è uno studio di prima linea, ma è una componente importante dello screening per la salute della madre e del bambino. Inizialmente vengono eseguiti test di laboratorio di routine e esami ecografici e solo quando compaiono anche i minimi sospetti di patologia nella madre o nel feto, sorge la domanda sulla necessità di una diagnosi più accurata. Con l'aiuto della risonanza magnetica, puoi vedere chiaramente la struttura di qualsiasi organo, perché il dispositivo scansiona accuratamente l'organo esaminato strato per strato.

Inoltre, la risonanza magnetica viene eseguita al posto degli ultrasuoni, quando, a causa di donne in sovrappeso, è difficile considerare se tutto è in ordine con il bambino..

Le indicazioni per la nomina di una risonanza magnetica da parte del feto sono casi in cui:

  • non è possibile con l'aiuto degli ultrasuoni esaminare in dettaglio tutte le parti del feto se si trova nell'utero senza successo,
  • è necessario escludere malattie genetiche che sono comparse durante la gravidanza,
  • è necessario identificare i motivi per cui i battiti cardiaci fetali sono scarsamente ascoltati, perché il feto è in ritardo nello sviluppo, o per identificare il grado di danno cerebrale in caso di carenza di ossigeno in caso di violazione dell'afflusso di sangue attraverso la placenta della madre,
  • ci sono sospetti della comparsa di anomalie (disturbi dello sviluppo) di un organo o sistema, questo è necessario affinché il bambino possa essere adeguatamente trattato durante la gravidanza (intrauterina) o immediatamente dopo il parto.

È possibile eseguire una risonanza magnetica durante la gravidanza?

Durante il periodo di trasporto di un bambino, una donna deve sostenere molti test, sottoporsi a una serie di esami da parte di specialisti e ricerche su attrezzature speciali. Tutti conoscono gli ultrasuoni, ma pochi sono a conoscenza della risonanza magnetica. Che tipo di ricerca è questa e perché viene prescritta durante la gravidanza? Proviamo a capirlo.

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza?

La risonanza magnetica è uno studio degli organi umani, che consiste nell'impatto su di lui di un forte campo magnetico. La risonanza magnetica non ha quasi alcun effetto sul corso della gravidanza. Può essere fatto per diagnosticare malattie materne ed esaminare a fondo il feto..

La risonanza magnetica può essere prescritta come studio separato dello stato del feto o come studio che chiarisce i risultati degli ultrasuoni. La risonanza magnetica consente di determinare la patologia del futuro bambino, le neoplasie, scoprire i loro parametri e la localizzazione esatta. Grazie alla risonanza magnetica è possibile diagnosticare disturbi del sistema nervoso centrale, ernie, difetti intestinali e così via..

Le future mamme vengono sottoposte a una risonanza magnetica del cervello o della colonna vertebrale. E se una donna ha paura di un grande apparato durante la gravidanza, allora l'esame del cervello può essere eseguito su un apparato aperto. In questo caso, solo la testa sarà immersa nel tomografo..

Come va una risonanza magnetica? Oggetti metallici, gioielli e dispositivi elettronici devono essere rimossi prima di iniziare la TAC. Dopodiché, la donna si sdraia sul tavolo delle ricerche. Entra nel tunnel dello scanner. All'interno di questo dispositivo c'è una campana speciale, progettata per essere premuta in caso di disagio o altri sentimenti negativi. La durata della procedura di ricerca è di circa 40 minuti. A questo punto, il tomografo emette un battito ritmico. È rumoroso. Ecco perché i pazienti indossano cuffie speciali. I risultati della risonanza magnetica vengono inviati al paziente il giorno successivo.

Risonanza magnetica durante la gravidanza: controindicazioni, conseguenze

Articoli di esperti medici

  • Indicazioni
  • Formazione
  • Tecnica
  • Controindicazioni per la conduzione
  • Complicazioni dopo la procedura

Per un motivo o per l'altro, a volte tutti dobbiamo sottoporci ad alcuni test diagnostici. Le donne durante la gravidanza non fanno eccezione, perché devono monitorare non solo la loro salute, ma anche lo sviluppo del nascituro. Oltre all'ecografia pianificata, il medico può prescrivere una risonanza magnetica durante la gravidanza. Cos'è questo metodo diagnostico e a cosa serve?

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza?

La risonanza magnetica (sta per risonanza magnetica) è un metodo diagnostico che utilizza le proprietà dei campi magnetici. Durante la gravidanza, la risonanza magnetica può essere prescritta, se necessario, per esaminare le malattie della donna e del feto..

La risonanza magnetica durante la gravidanza viene utilizzata come studio isolato indipendente o come aggiunta alla diagnostica già eseguita:

  • valutare le patologie esistenti nel feto;
  • per la diagnosi dei processi tumorali;
  • per chiarire le diagnosi preliminari.

Il metodo della risonanza magnetica consente di rilevare problemi alla colonna vertebrale, alle articolazioni e al sistema nervoso centrale.

Impatto della risonanza magnetica sulla gravidanza

Il metodo MRI viene talvolta confuso con la TC, una tomografia computerizzata che utilizza fasci ionizzanti non sicuri. L'effetto negativo delle radiazioni sul corpo è stato dimostrato da molto tempo e non richiede ulteriori conferme. È particolarmente indesiderabile eseguire la TAC durante la gravidanza: ciò può causare notevoli danni al corpo sia della madre che del bambino..

La risonanza magnetica, tuttavia, implica l'applicazione di un principio completamente diverso per ottenere informazioni. Un potente campo magnetico con una forza di 0,5-3 T appare all'interno della macchina per la risonanza magnetica. Un tale campo inizialmente non può causare alcun danno al corpo umano..

Numerosi studi confermano che la risonanza magnetica è completamente sicura, sia per le donne in gravidanza che per qualsiasi altro paziente..

La risonanza magnetica è dannosa durante la gravidanza? Assolutamente no. L'unica condizione è che la risonanza magnetica è indesiderabile nel primo trimestre. E qui il punto non è affatto che sia riconosciuto dannoso. È solo che il periodo del primo trimestre è il momento della deposizione degli organi principali del futuro bambino. Inoltre, fino a quando non si forma la placenta, il feto non ha ancora una protezione sufficiente. Pertanto, è meglio giocare sul sicuro e prescrivere una risonanza magnetica per un successivo periodo di gravidanza..

Vantaggi e svantaggi della risonanza magnetica durante la gravidanza

La procedura è sicura, poiché il metodo non prevede l'uso di radiazioni e raggi X..

L'immagine potrebbe non essere ottenuta immediatamente.

È possibile ottenere un'immagine tridimensionale dell'area rilevata.

A volte l'immagine è distorta dai movimenti respiratori, dalla frequenza cardiaca.

L'immagine risultante ha un contrasto naturale con la circolazione sanguigna.

La risonanza magnetica è generalmente relativamente costosa.

I contorni del tessuto osseo nell'immagine non sono distorti.

Impossibile diagnosticare persone con impianti metallici.

I tessuti molli hanno una mappatura strettamente differenziata.

Una donna incinta deve rimanere per qualche tempo in uno spazio chiuso in uno stato stazionario.

Indicazioni

La risonanza magnetica in gravidanza non può essere prescritta “così”: per questa procedura devono essere formulate indicazioni chiare, determinate dal medico. Tali indicazioni includono:

  • sospetto di patologia nel nascituro;
  • patologia della colonna vertebrale, delle articolazioni o degli organi interni in una donna incinta;
  • valutazione delle indicazioni per l'aborto;
  • chiarimento della diagnosi in caso di sospetto di un processo tumorale.

Inoltre, la risonanza magnetica durante la gravidanza può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni tradizionali, nei casi in cui quest'ultima è impossibile. Ad esempio, l'ecografia potrebbe non essere indicativa se una donna è obesa o se il bambino è a disagio nelle fasi successive della gravidanza..

Formazione

Nella maggior parte dei casi, la risonanza magnetica non richiede alcuna preparazione speciale. Solo in alcuni casi, durante l'esame di determinate aree, il medico consiglierà una fase preparatoria prima della procedura..

  • Prima della risonanza magnetica degli organi interni della cavità addominale, si consiglia di non bere o mangiare circa 5 ore prima della procedura.
  • Prima di avere una risonanza magnetica del bacino, è necessario bere abbastanza liquidi per riempire la vescica.
  • Prima di eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale, devi essere preparato al fatto che dovrai rimanere in uno stato stazionario per un po '- questa procedura non va così rapidamente.

Immediatamente prima della procedura, dovresti toglierti gioielli, orologi, occhiali e piercing in metallo.

Tecnica di risonanza magnetica durante la gravidanza

Prima della procedura di risonanza magnetica, una donna viene avvertita di possibili controindicazioni e delle complessità della diagnosi. Successivamente, il paziente, se necessario, cambia i vestiti e, con l'aiuto del personale medico, si sdraia su una superficie speciale, che viene quindi spostata delicatamente nella macchina MRI.

Quindi la donna deve rilassarsi, calmarsi e attendere la fine della procedura. Non devi muoverti mentre scatti le foto, altrimenti potresti "sfocare" l'immagine.

Se sei infastidito da rumori estranei, chiedi al personale medico appositi "tappi per le orecchie" durante la procedura, il dispositivo emette un piccolo rumore monotono, che può aumentare il grado di fastidio.

È necessario prepararsi al fatto che la sessione può durare 20-40 minuti.

Risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza

La risonanza magnetica con contrasto viene spesso utilizzata per identificare i processi tumorali e metastatici: la tomografia consente di valutare le dimensioni e la struttura del focus patologico.

Il contrasto è un sale di gadolinio, che è solubile in acqua e ha la minima tossicità. Per la risonanza magnetica possono essere utilizzati anche altri mezzi di contrasto: Endorem, Lumirem, Abdoscan, Gastromark.

Il contrasto viene introdotto nel sistema circolatorio e si accumula nei tessuti: ciò rende più chiara l'area esaminata e consente anche di valutare la qualità del riempimento del sangue dei tessuti.

La risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza può essere eseguita nel secondo o terzo trimestre, esclusi i primi periodi in cui il feto non è ancora circondato da protezione: lo strato placentare. In altri casi, non è vietato l'uso di un mezzo di contrasto: se necessario, viene somministrato anche a pazienti pediatrici.

MRI del cervello durante la gravidanza

La risonanza magnetica del cervello per le donne in gravidanza può essere prescritta se sono presenti le seguenti indicazioni:

  • processi tumorali nel cervello;
  • patologie vascolari nel cervello;
  • disturbi ipofisari;
  • violazione acuta della circolazione cerebrale;
  • trauma alla testa;
  • patologia del sistema nervoso centrale;
  • forti mal di testa di origine sconosciuta.

Con tali indicazioni, la diagnosi MRI è più informativa. Altre procedure non possono sempre determinare la causa della patologia. La risonanza magnetica durante la gravidanza non solo fornisce informazioni complete sullo stato del cervello, ma è anche un metodo di ricerca sicuro..

Risonanza magnetica fetale durante la gravidanza

Prescrivere una risonanza magnetica del feto durante la gravidanza se vi è il sospetto di gravi difetti dello sviluppo, che possono essere un'indicazione per l'interruzione artificiale della gravidanza - aborto.

Molti potrebbero notare che la maggior parte dei pazienti si sottopone a ultrasuoni per valutare le condizioni del feto. Tuttavia, non è sempre possibile eseguire un'ecografia o potrebbe essere poco informativo. Ad esempio, la risonanza magnetica è più preferibile se la donna incinta ha uno strato di grasso significativo (obesità). Le indicazioni per la risonanza magnetica sono anche oligoidramnios (oligoidramnios) e una posizione scomoda del feto nella tarda gravidanza.

Risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza

La diagnosi dei seni mediante risonanza magnetica è consentita da circa 18 settimane, ma solo dopo aver consultato un ginecologo. Il medico può prescrivere una risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza solo se ci sono indicazioni rigorose:

  • sospetti tumori nell'area;
  • infiammazione nei seni;
  • infezioni fungine dei seni;
  • cisti e altre neoplasie benigne;
  • sanguinamento nelle cavità nasali, sinusite purulenta.

La risonanza magnetica sinusale non ha un effetto negativo, anche se utilizzata ripetutamente. Questa procedura è considerata indolore e sicura..

Risonanza magnetica dei polmoni durante la gravidanza

La risonanza magnetica per immagini del sistema respiratorio, vale a dire dei polmoni e dei bronchi, viene utilizzata se una donna incinta è sospettata di:

  • pleurite;
  • cambiamenti vascolari nei polmoni;
  • processi tumorali;
  • disturbo della circolazione sanguigna nei polmoni;
  • fibrosi cistica;
  • polmonite;
  • atelettasia;
  • tubercolosi.

Durante la gravidanza, la risonanza magnetica è di gran lunga preferibile all'esame a raggi X, che è altamente sconsigliato durante questo periodo, poiché può causare danni innegabili al feto.

RM durante l'inizio della gravidanza

La risonanza magnetica non è raccomandata all'inizio della gravidanza. Tuttavia, in presenza di indicazioni rigorose, il medico può prescrivere questa procedura diagnostica, ad esempio se si sospettano gravi patologie nel feto (la risonanza magnetica fornisce molte più informazioni rispetto agli ultrasuoni).

Se nel primo trimestre è necessario esaminare il cervello o il midollo spinale, il medico darà sempre la preferenza alla risonanza magnetica. A volte la risonanza magnetica può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni al primo screening (a 12 settimane). La tomografia consente di visualizzare meglio i tessuti, determinare i probabili difetti del feto e fornire cure mediche tempestive.

Il campo magnetico in MRI non è dannoso per il corpo umano. Il fatto che in alcuni casi i medici sconsiglino l'uso della risonanza magnetica nelle prime fasi non è altro che una "riassicurazione". Il primo trimestre è il periodo in cui il feto si sta attivamente formando, quindi i medici specialisti in questo momento cercano di evitare del tutto procedure e interventi..

Risonanza magnetica della colonna vertebrale all'inizio della gravidanza

Se, con l'inizio della gravidanza, le malattie spinali sono esacerbate, il medico può prescrivere una procedura di risonanza magnetica per chiarire la diagnosi. È possibile eseguire la procedura nelle prime fasi?

Se la patologia della colonna vertebrale è tale da poter aspettare alcune settimane prima dell'inizio del secondo trimestre, allora è meglio non affrettarsi alla diagnosi. La risonanza magnetica precoce della colonna vertebrale viene eseguita solo sotto rigorose indicazioni:

  • con sospetto di processi tumorali nella colonna vertebrale;
  • con dolore acuto di natura poco chiara.

In linea di principio, la procedura MRI non è pericolosa, ma è generalmente accettato che nelle prime fasi venga eseguita solo in presenza di indicazioni di emergenza.

Risonanza magnetica per la fine della gravidanza

La risonanza magnetica per immagini non implica l'uso di radiazioni ionizzanti. Il principale meccanismo d'azione nella risonanza magnetica è l'influenza del campo elettromagnetico. Un'istantanea dell'area richiesta del corpo si ottiene come segue: l'apparato inietta un campo magnetico con una potenza di 0,5-2 T, e le onde vengono inviate nell'area esaminata, trasmettendo un impulso rotatorio ai protoni. Dopo la cessazione dell'azione delle onde, le particelle "si calmano", generando contemporaneamente una certa dose di energia, che viene registrata da uno speciale sensore hardware. La reazione degli atomi all'influenza delle onde elettromagnetiche è descritta dal termine "risonanza", che determina il nome della procedura MRI.

Se studi attentamente il meccanismo d'azione di questo tipo di diagnosi, puoi assicurarti che la procedura non abbia conseguenze distruttive per il corpo. Almeno, il campo magnetico utilizzato nelle macchine per la risonanza magnetica può essere utilizzato senza alcun rischio in medicina, anche nella tarda gravidanza.

Controindicazioni per la conduzione

Non è desiderabile eseguire una risonanza magnetica durante la gravidanza nel primo trimestre - durante la formazione degli organi principali del nascituro. Sebbene la presenza e il grado di danno della risonanza magnetica per un bambino anche in questo periodo non sia stato dimostrato.

Altre controindicazioni per la risonanza magnetica durante la gravidanza includono:

  • presenza di ostacoli metallici nel corpo che possono influenzare la funzione del campo magnetico (pacemaker, impianti metallici, telai e fili);
  • peso corporeo della donna superiore a 200 kg.

Poiché la risonanza magnetica è accompagnata dal posizionamento del paziente in uno spazio chiuso dell'apparato, le persone che soffrono di claustrofobia o alcuni disturbi mentali di solito non sono autorizzate alla procedura..

Complicazioni dopo la procedura

Spesso le donne preoccupate per il normale corso della gravidanza e le condizioni del nascituro diffidano di un metodo diagnostico come la risonanza magnetica. Tuttavia, per tutti gli anni di pratica, non ci sono state conseguenze negative dopo questa procedura..

Se una donna incinta, in assenza di controindicazioni, si è sottoposta a una risonanza magnetica, non danneggerà affatto la salute del suo bambino.

Tuttavia, nonostante tutto, una risonanza magnetica durante la gravidanza è necessaria solo se ci sono indicazioni mediche rigide, e non per "interesse". La risonanza magnetica è un metodo molto serio ed è prescritta solo da un medico per determinati scopi diagnostici.

Risonanza magnetica durante la gravidanza

La gravidanza è un periodo di attitudine particolarmente attenta al proprio benessere e alla propria salute. Nella maggior parte dei casi, le precauzioni che le future mamme sono prescritte di osservare sono abbastanza ragionevoli. Le condizioni di vita di una persona moderna difficilmente possono essere definite un ambiente idealmente sano. Ci sono molti fattori che possono influenzare negativamente la formazione di un nascituro. In particolare, le donne in gravidanza sono scoraggiate dall'assumere la maggior parte dei farmaci, i raggi X e la tomografia computerizzata a causa del rischio di effetti negativi dei raggi X sul feto. Se necessario, i farmaci per una donna incinta vengono selezionati dal medico con molta attenzione. Di solito si tratta di medicinali a base di erbe che sono noti in modo affidabile per non penetrare nella barriera placentare e non danneggiare il bambino. Per quanto riguarda i metodi diagnostici accettabili, sono necessarie ottime ragioni perché il medico trascuri la controindicazione e prescriva una TAC o una radiografia alla donna incinta, poiché i raggi X possono influire negativamente sulla corretta formazione del corpo del bambino. Ma cosa succede se la situazione si sviluppa in modo tale da richiedere un esame? In questo caso, i medici verranno in aiuto della risonanza magnetica (MRI), un metodo diagnostico collaudato, senza alcuna esposizione alle radiazioni e basato sull'interazione delle onde elettromagnetiche con le cellule viventi dei tessuti molli umani..

La risonanza magnetica può essere eseguita durante la gravidanza?

La risonanza magnetica e la gravidanza sembrano essere concetti che si escludono a vicenda per molte donne. In realtà, questo è un pregiudizio e una risonanza magnetica durante la gravidanza può essere eseguita quasi durante l'intero periodo. Inoltre, in molti casi, la risonanza magnetica per immagini (MRI) è l'unico metodo di indagine possibile durante la gravidanza. Tuttavia, va detto che per la riassicurazione, i medici dei centri di risonanza magnetica di San Pietroburgo e Len. aree raccomandano ancora di non sottoporsi a una procedura di risonanza magnetica nel primo trimestre senza necessità particolari.

La risonanza magnetica è dannosa durante la gravidanza?

Molte donne, temendo per la salute del nascituro, pongono la domanda: "In che modo la risonanza magnetica influisce sulla gravidanza?" Queste paure sono completamente infondate. Come indicato da un medico, una scansione MRI può essere eseguita nelle prime settimane di gravidanza o in un secondo momento. La risonanza magnetica è una tecnica diagnostica ampiamente utilizzata dal 1973, quindi l'effetto della risonanza magnetica sulla gravidanza è molto ben compreso. Durante tutto questo tempo, non è stato identificato un solo caso dell'impatto negativo delle onde elettromagnetiche sulla formazione del feto e sul decorso della gravidanza. Pertanto, si può sostenere senza ombra di dubbio che la risonanza magnetica durante la gravidanza può essere eseguita.


Vale la pena fare una risonanza magnetica durante l'inizio della gravidanza?

In determinate situazioni, il medico può prescrivere una tomografia all'inizio della gravidanza, poiché una risonanza magnetica precoce (prima delle 12 settimane) aiuta a identificare le malformazioni congenite del feto. La risonanza magnetica è molto più informativa dell'ecografia e, se indicato, può essere inclusa nel programma di screening per il primo trimestre di gravidanza. Di solito, la risonanza magnetica viene prescritta come procedura di chiarimento dopo aver subito un esame ecografico nei seguenti casi:

  • chiarimento della diagnosi preliminare;
  • in presenza di casi di malattie ereditarie in famiglia;
  • una malattia infettiva trasmessa da una donna incinta.

Il vantaggio della risonanza magnetica fetale durante la gravidanza è la capacità di esaminare attentamente i tessuti molli e gli organi interni del bambino. In caso di rilevamento di patologia, può essere indicata un'operazione. Il livello della medicina moderna consente di operare il feto per un periodo di 17-30 settimane. Nella maggior parte dei casi, questi bambini nascono in tempo e non avranno problemi di salute in futuro..

ServizioPrezzo per prezzoPrezzo scontato nottePrezzo scontato giornaliero
dalle 23.00 alle 8.00dalle 8.00 alle 23.00
MRI del cervello3300 rbl.2400 rbl.2900 rbl.
Risonanza magnetica della ghiandola pituitaria (contrasto escluso)3300 rbl.2400 rbl.2900 rbl.
Risonanza magnetica dei vasi cerebrali (arterie)3300 rbl.2400 rbl.2900 rbl.
Risonanza magnetica dei seni paranasali2900 rbl.2400 rbl.
2100 al sole
2900 rbl.
2100 al sole
Risonanza magnetica di una delle parti della colonna vertebrale (cervicale, toracica, lombosacrale, coccige, giunzione craniovertebrale, articolazioni sacroiliache)3300 rbl.
2400 rbl.
2900 rbl.
Risonanza magnetica di una delle articolazioni (spalla, gomito, ginocchio, caviglia)4000 sfregamenti.2900 rbl.
3400 rbl.
Risonanza magnetica delle articolazioni dell'anca5000 sfregamenti.2900 rbl.
3400 rbl.
MRI del cervello e dei vasi cerebrali6600 rbl.4800 rbl.5800 rbl.
Risonanza magnetica di tre parti della colonna vertebrale9900 rbl.6500 rbl.
8700 rbl.
MRI del sistema nervoso centrale (MRI del cervello, MRI della regione cervicale, toracica e lombosacrale)13200 rbl.8900 rbl.11.600 rbl.
Appuntamento neurologo1100 rbl.gratuito
dopo la risonanza magnetica
gratuito
dopo la risonanza magnetica
Appuntamento dal medico ortopedico1800 rbl.gratuito
dopo la risonanza magnetica
gratuito
dopo la risonanza magnetica
Iniezione di mezzo di contrasto (in base al peso del paziente)da 3000 a 5000 rubli.solo
durante il giorno
da 3000 a 5000 rubli.

MRI del cervello fetale durante la gravidanza

L'esame ecografico è incluso nell'elenco delle misure diagnostiche obbligatorie durante la gravidanza. Tuttavia, ci sono casi in cui gli ultrasuoni non consentono di fare un quadro completo. La risonanza magnetica del cervello fetale durante la gravidanza consente di identificare o escludere patologie dello sviluppo congenite e prendere una decisione sull'opportunità di mantenere la gravidanza.

Perché le donne incinte eseguono la risonanza magnetica e gli ultrasuoni?

L'opinione dei medici sulla sicurezza della risonanza magnetica in gravidanza è estremamente unanime. Se una donna chiede se è possibile eseguire una risonanza magnetica durante la gravidanza, la risposta nella maggior parte dei casi sarà positiva. Lo stesso si può dire per gli ultrasuoni. La diagnostica ecografica e la risonanza magnetica sono prescritte per le donne incinte ovunque. Questi metodi diagnostici si basano sull'uso delle proprietà delle onde sonore (ultrasuoni) ed elettromagnetiche (MRI). Né gli ultrasuoni né le radiazioni elettromagnetiche hanno alcun effetto negativo su un organismo vivente e sono assolutamente innocui sia per la futura mamma che per il bambino. La frequenza di questi studi non è regolamentata. Vengono eseguiti quando necessario, ma solo come indicato da un medico..

Se ti stai chiedendo dove puoi ottenere una risonanza magnetica o un'ecografia durante la gravidanza, il centro e la clinica RIORIT MRI saranno felici di offrire i nostri servizi. Nel nostro centro, gli esami MRI vengono eseguiti su un tomografo di classe esperto di tipo aperto Siemens Magentom C.Il contorno aperto del tomografo consente alle future mamme di sottoporsi a un esame MRI della testa, della colonna vertebrale o delle articolazioni in una posizione comoda con il massimo comfort per se stesse e il loro bambino. Saremo lieti di consigliarti e registrarti per la ricerca in un momento conveniente per te per telefono. +7812241-10-10.

Perché eseguire una risonanza magnetica per le donne incinte?

La risonanza magnetica durante la gravidanza può essere dimostrata non solo per diagnosticare il feto, ma anche quando vengono rilevati problemi di salute nella donna stessa. In questo caso, si dovrebbe tenere conto del fatto che rifiutando un esame MRI, puoi danneggiare non solo te stesso, ma anche tuo figlio. Dopotutto, il benessere del bambino dipende direttamente dalla salute della madre e questo dovrebbe sempre essere ricordato.
È possibile eseguire una risonanza magnetica quando si pianifica una gravidanza?

La gravidanza è lo stress più forte sul corpo di una donna. Pertanto, i medici dei centri medici di San Pietroburgo e Len. la regione raccomanda di sottoporsi a un esame completo per tutte le donne che intendono avere un bambino. La risonanza magnetica del cervello e della colonna vertebrale, trasmessa anche nella fase di pianificazione della gravidanza, aiuta ad evitare molti problemi in futuro, quando varie malattie croniche sono esacerbate in una donna incinta.


Caratteristiche della risonanza magnetica all'inizio della gravidanza

La maggior parte delle controversie è causata dai tempi accettabili della risonanza magnetica nelle donne in gravidanza. Molte donne hanno paura di sottoporsi a una risonanza magnetica nelle prime fasi a causa della particolare vulnerabilità del feto a fattori teratogeni, quando nelle prime 12 settimane vengono deposti e formati tutti gli organi del nascituro. I fattori che influenzano il feto sono considerati teratogeni, il che può portare alla comparsa di patologie congenite. Questi includono, ad esempio, le radiazioni e alcuni farmaci. Secondo i dati di un gran numero di studi, la radiazione elettromagnetica con una potenza di 0,2-3 Tesla, che il tomografo produce, non ha alcun effetto dannoso sul feto e le raccomandazioni dei medici di evitare la risonanza magnetica nel primo trimestre se possibile sono esclusivamente di natura riassicurativa. Se una risonanza magnetica è prescritta dal medico curante, una gravidanza di 4 settimane o più non è una controindicazione significativa alla sua condotta.

Tuttavia, è necessario prestare attenzione al fatto che la risonanza magnetica con aumento del contrasto non viene eseguita per le future mamme durante l'intero periodo della gravidanza. Ciò è dovuto al fatto che nonostante il fatto che l'agente di contrasto, che viene iniettato per via endovenosa durante la procedura di risonanza magnetica con contrasto, sia assolutamente sicuro, il suo effetto sul feto non è stato ancora ben studiato. Pertanto, i medici fanno del loro meglio per evitare questo rischio aggiuntivo..

Risonanza magnetica del bacino per la gravidanza ectopica

Se si sospetta una gravidanza extrauterina, una diagnosi tempestiva può salvare non solo la salute, ma anche la vita della donna. Una gravidanza non rilevata nella tuba di Falloppio porta alla sua rottura, shock doloroso e conseguenze estremamente gravi. La risonanza magnetica per la gravidanza ectopica è uno strumento diagnostico affidabile. Il rilevamento di una neoplasia simile a una ciste nella tuba di Falloppio alla risonanza magnetica del bacino indica che la donna ha una gravidanza extrauterina. La risonanza magnetica in questo caso consente di rilevare l'accumulo di sangue nella tuba di Falloppio, che è anche un segno affidabile di gravidanza ectopica.

Studio della cicatrice uterina mediante risonanza magnetica

La presenza di una cicatrice sull'utero non è una controindicazione alla gravidanza, ma richiede un monitoraggio particolarmente attento. La causa della cicatrice può essere un precedente taglio cesareo, rimozione di fibromi o danni alle pareti dell'utero durante un aborto. La condizione della cicatrice sull'utero influisce sul decorso e sull'esito della successiva gravidanza. Una cicatrice può essere:

  • Ricco: il tessuto muscolare predomina. La cicatrice ha una buona elasticità ed è facile da allungare. In questo caso, non c'è pericolo per la madre e il bambino..
  • Fallimento: incapace di contrarsi e allungarsi.

La risonanza magnetica di una cicatrice sull'utero durante la gravidanza è l'unico metodo affidabile che ti consentirà di avere un'idea delle condizioni della cicatrice e di pianificare misure per eliminare la minaccia per la madre e il bambino. Questo tipo di ricerca è meglio fare durante la pianificazione della gravidanza. I dubbi sulla possibilità di eseguire una risonanza magnetica durante la pianificazione sono assolutamente privi di fondamento. La risonanza magnetica per immagini non ha alcun effetto dannoso sulla fertilità.

Risonanza magnetica della testa durante la gravidanza

Il mal di testa e l'emicrania durante la gravidanza sono abbastanza comuni. Ciò può essere dovuto a cambiamenti ormonali nel corpo, ipertensione e molti altri motivi. Per non perdere i sintomi di malattie gravi, viene prescritta una risonanza magnetica del cervello. Se è stata prescritta una risonanza magnetica della testa durante la gravidanza o un esame della colonna vertebrale, il medico aveva buone ragioni per questo e dovresti ascoltare attentamente queste raccomandazioni. Di norma, la risonanza magnetica del cervello è prescritta per lesioni alla testa, malattie infettive, problemi ai vasi sanguigni, sospetto cancro al cervello, sospetto aneurisma, distonia vascolare vegetativa, problemi di vista, sospetta sclerosi multipla, sintomi di ictus ischemico.

L'identificazione tempestiva del problema aiuterà a prescrivere un trattamento adeguato e talvolta persino a salvare la vita di mamma e bambino. Pertanto, avendo ricevuto un rinvio per una risonanza magnetica della testa durante la gravidanza, non ci si deve preoccupare della compatibilità della risonanza magnetica e della gravidanza e se sia possibile eseguire una risonanza magnetica della testa in posizione, ma semplicemente affidarsi all'esperienza di uno specialista e sottoporsi prontamente ad un esame..


Risonanza magnetica della colonna vertebrale e gravidanza

La colonna vertebrale di una donna che aspetta un figlio subisce un doppio carico. Soprattutto nei casi in cui è stabilito o c'è il sospetto di ernie intervertebrali, scoliosi e osteocondrosi. Se sviluppi dolore alla schiena durante la gravidanza, dovresti consultare un neurologo. Può prescrivere una risonanza magnetica per chiarire la diagnosi. Nella maggior parte dei casi, questo studio viene effettuato in presenza di ernia intervertebrale, scoliosi, osteocondrosi e sospetti tumori maligni della colonna vertebrale..
Non dovresti aver paura di questo studio: la risonanza magnetica della colonna vertebrale e la gravidanza sono abbastanza compatibili.


Caratteristiche della risonanza magnetica durante la gravidanza

Il momento migliore per avere una risonanza magnetica fetale è durante le prime ore. Di norma, al mattino, sia la donna stessa che il bambino si sentono calmi. Il feto nell'utero è in movimento e cambia costantemente la sua posizione. Pertanto, per una ricerca efficace e di alta qualità, è importante scegliere il momento in cui il bambino si comporta con la massima calma..

Se la gravidanza dura più di 20 settimane, è probabile che sarà estremamente difficile per la donna sdraiarsi sulla schiena. In questa posizione, l'utero allargato preme sulla vena cava. Di conseguenza, il flusso sanguigno al cuore è compromesso. Possono comparire vertigini e persino svenimenti. Pertanto, nella maggior parte dei centri di risonanza magnetica a San Pietroburgo, la tomografia viene eseguita su donne in gravidanza in posizione laterale. Nella stessa posizione, vengono eseguite la risonanza magnetica dell'articolazione dell'anca durante la gravidanza e la risonanza magnetica del rachide cervicale e della colonna vertebrale.

Non esiste una preparazione aggiuntiva speciale per la risonanza magnetica durante la gravidanza. I medici delle cliniche mediche consigliano di indossare abiti comodi e larghi che non contengono elementi metallici per la procedura di risonanza magnetica. Prima di iniziare la risonanza magnetica, ti verrà chiesto di rimuovere tutti gli oggetti metallici e di lasciarli nel tuo spogliatoio. La presenza di metallo nella macchina per la risonanza magnetica porta al malfunzionamento delle apparecchiature e alla distorsione delle immagini della risonanza magnetica. Le donne incinte non sono tenute a seguire una dieta prima della procedura di risonanza magnetica, ma in alcuni casi potrebbe essere necessario saltare il cibo per 3-4 ore prima dell'esame..

Informazioni più dettagliate sul costo di uno studio MRI e sulla procedura per la sua condotta possono essere ottenute dagli specialisti del centro RIORIT MRI chiamando il +7812241-10-10.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Stai pianificando una gravidanza? Sai quali test per gli ormoni devi prendere?

Nutrizione

Gli ormoni prodotti dalle ghiandole endocrine sono responsabili della regolazione della crescita, del metabolismo e della formazione delle caratteristiche sessuali femminili o maschili.

Duphaston durante la gravidanza

Concezione

Spesso, oggi, molte donne che vogliono diventare madri devono affrontare problemi di concepimento e di gravidanza, tali problemi possono essere individuati tra il 16-20% delle donne che cercano aiuto da un medico..

Polysorb è possibile per una madre che allatta

Concezione

4 minuti Autore: Anastasia Egorova 2041 Descrizione del farmaco Le principali controindicazioni per l'uso Caratteristiche di ammissione durante l'allattamentoNessuno può essere assicurato contro l'avvelenamento da cibo o droghe.

Psoriasi durante la gravidanza: caratteristiche, trattamento

Nutrizione

La psoriasi e la gravidanza sono un argomento particolarmente eccitante. La psoriasi non è pericolosa né per la madre né per il bambino, poiché la malattia non è contagiosa e non si trasmette attraverso il latte materno.