Principale / Neonato

Mal di testa con HB. Quali pillole per il dolore può una madre che allatta

È severamente vietato a una madre che allatta assumere antidolorifici a caso!

A volte non c'è altro modo per sbarazzarsi del dolore se non prendere antidolorifici. Non dovresti sopportare il dolore: le sensazioni di dolore hanno un effetto negativo sul funzionamento del corpo della madre. Ma è molto importante scegliere il farmaco giusto: dopotutto, una madre che allatta non può in alcun modo un analgesico.

Possibili cause di mal di testa nelle madri che allattano

Il mal di testa postpartum può verificarsi per una serie di motivi. I motivi principali sono i seguenti:

  • stress costante, superlavoro, mancanza di assistenza fisica nella cura di un bambino;
  • esacerbazione dell'emicrania;
  • salti della pressione sanguigna (aumento, diminuzione) a causa di malfunzionamenti del sistema cardiovascolare;
  • le malattie respiratorie acute provocano spesso mal di testa;
  • sviluppo di neoplasie;
  • malfunzionamenti delle ghiandole endocrine.

Inoltre, lo sviluppo del mal di testa può essere influenzato dall'osteocondrosi del rachide cervicale, dalla dipendenza meteorologica e dall'uso frequente di bevande al caffè. Pertanto, prima di iniziare a prendere qualsiasi rimedio, è necessario comprendere le cause del dolore..

Effetti degli analgesici sull'allattamento al seno

Non esiste uno studio dettagliato dell'effetto dei farmaci antidolorifici sul latte materno e, di conseguenza, sul bambino. Pertanto, la madre impara cosa può e non può essere bevuto dalle istruzioni per il farmaco, che, in generale, non prevede l'uso di medicinali durante l'allattamento..

Alcuni analgesici sono approvati per l'uso con cautela durante l'allattamento, poiché non sono altamente tossici e non hanno un effetto negativo pronunciato sul bambino..

Per decidere cosa bere per una madre che allatta dai farmaci approvati, devi prima consultare un medico di base, soprattutto se soffri di forti dolori persistenti. Lo specialista troverà la causa principale e prescriverà il farmaco corretto per ogni singolo caso.

Se il dolore non dura a lungo o scompare dopo l'uso di rimedi erboristici, è possibile evitare l'assunzione di analgesici.

Degli antidolorifici consentiti, sia la madre che il bambino sono adatti per due medicinali: "Panadol" e "Ibufen", nonché i loro analoghi. I principi attivi di questi farmaci fanno parte degli sciroppi antipiretici per neonati, rispettivamente, sono adatti alle madri. Il medico prescriverà l'opzione migliore sotto forma di compresse, supposte o unguenti.

I farmaci vietati sono analgin, aspirina, citramone e loro analoghi, poiché il loro uso può causare una reazione allergica nel bambino.

Linee guida generali per l'assunzione di analgesici

Quando prendi anche i farmaci più sicuri, devi seguire alcune semplici linee guida:

  • Si consiglia di assumere il farmaco immediatamente dopo l'allattamento al seno in modo che sia trascorso abbastanza tempo prima della successiva poppata e la concentrazione della sostanza nel sangue della madre e nel suo latte diminuisca.
  • Dopo aver assunto il medicinale, è necessario monitorare attentamente la reazione del bambino per la comparsa di reazioni allergiche o altre reazioni negative.
  • In nessun caso è consigliabile combinare tra loro antidolorifici per evitare danni al tratto gastrointestinale..
  • L'uso a lungo termine di analgesici non è raccomandato..

Se il medico ha comunque prescritto un farmaco che ha un rischio di effetti avversi sul corpo del bambino attraverso il latte materno, è necessario interrompere temporaneamente l'alimentazione per l'intero periodo di trattamento, ma continuare a pompare.

Prevenzione del mal di testa

Se segui le semplici regole per prevenire il mal di testa, non ci sarà bisogno di pensare a come alleviare il dolore..

Per cominciare, devi imparare come pianificare correttamente la tua routine quotidiana: cerca di dormire a sufficienza quando il bambino dorme e non provare a rifare tutte le faccende domestiche. Se necessario, sentiti libero di contattare i membri della famiglia per chiedere aiuto..

Stare all'aria aperta sarà vantaggioso sia per la mamma che per il bambino. Prova a farlo almeno due volte al giorno, a seconda delle condizioni meteorologiche. In questo caso, è necessario lasciare l'appartamento per ventilare, poiché stare in una stanza soffocante può provocare mal di testa.

La migliore cura per tutte le malattie è camminare all'aria aperta

Devi cercare di rimanere calmo e non farti prendere dal panico per il minimo motivo: lo stress è il miglior amico di un mal di testa.

Se si verifica un leggero dolore nella zona della testa, puoi chiedere alla tua famiglia di fare un leggero massaggio al collo, alla nuca e alle tempie.

In caso di frequenti recidive di mal di testa, non puoi fare a meno di consultare un medico. Dopo un esame adeguato, prescriverà antidolorifici approvati per l'allattamento al seno..

Quali antidolorifici puoi bere durante l'allattamento

Quasi ogni giovane madre farà di tutto per nutrire il suo neonato non con una formula artificiale, ma con il suo latte materno. L'allattamento al seno, o GV, come lo chiamano molte madri, è molto importante per un bambino nel primo anno di vita.

Tuttavia, c'è un altro aspetto dell'allattamento al seno: durante il periodo dell'allattamento al seno, la madre deve aderire a una certa dieta e anche fare attenzione con l'assunzione di farmaci. Quindi, non tutti i comuni analgesici e farmaci per il raffreddore sono accettabili se assunti durante l'allattamento. Pertanto, spesso, le madri sono costrette a sopportare un forte mal di testa che non può essere superato con metodi popolari e soffrono di raffreddore..

Quindi, ci sono antidolorifici che possono essere presi durante l'allattamento, quali farmaci possono essere presi con questo, come cosa non può essere preso, scopriamo tutto questo in modo più dettagliato.

Allattamento al seno e antidolorifici

La maggior parte delle giovani madri preferisce sopportare il dolore fino all'ultimo, ma potrebbe arrivare un momento in cui la pazienza finisce e il dolore diventa così insopportabile da interferire con la cura del bambino.

Quindi, quali regole tenere in considerazione per capire se è possibile assumere un analgesico e quale:

  • in nessun caso non "prescriverti" questo o quell'antidolorifico durante l'allattamento, solo se il tuo amico lo ha bevuto e il bambino non ha avuto nulla. Tutti i casi sono individuali e solo il medico curante può prescrivere farmaci antidolorifici. Inoltre, quando il farmaco entra nel corpo del bambino, le conseguenze possono essere estremamente negative;
  • anche se il medico ti ha prescritto il farmaco, non dimenticare di rileggere le sue istruzioni;
  • non ridurre la dose di un analgesico proibito, perché anche in quantità limitate può essere pericoloso per il bambino.

Non rilassarti e non assumere grandi quantità di farmaco che può essere utilizzato durante l'allattamento. A volte, infatti, ci sono casi in cui un farmaco che non rappresenta un pericolo particolare per la salute del bambino può provocare l'interruzione dell'allattamento anche in caso di assunzione di breve durata.

Non pensare che quei farmaci che possono essere assunti durante l'allattamento siano assolutamente innocui per il bambino. Avvelenano il suo corpo in un modo o nell'altro, poiché non possono ancora essere espulsi dagli organi del bambino.

In dosi limitate e in casi eccezionali si possono assumere alcuni farmaci, ma senza esagerare e monitorare la reazione del bambino e annullarne l'assunzione nel tempo.

Quali antidolorifici possono essere presi durante l'allattamento?

In dosi limitate e solo quando ce n'è urgente necessità, è possibile assumere antidolorifici non steroidei durante l'allattamento, tra cui:

  • Naprossene;
  • Ketroprofen;
  • Ibuprofene.

È altamente desiderabile che l'assunzione di tali farmaci durante l'allattamento al seno non sia stata sistematica, ma una tantum, poiché fino alla fine le loro proprietà sull'effetto sul corpo dei bambini piccoli sono molto poco studiate, quindi è meglio non rischiare.

Se hai un forte mal di testa, puoi prenderti una volta:

  • Ketorol o Ketanov;
  • Paracetamolo;
  • No-Shpu.

E in caso di mal di denti o per anestesia nel trattamento dentale, è consentito utilizzare Ultracaine o Lidocaine, durante l'allattamento, questi antidolorifici sono considerati i più sicuri sia per una madre che allatta che per un bambino.

Quali farmaci non dovrebbero essere presi?

Tuttavia, se tutti i suddetti farmaci possono essere assunti durante l'allattamento entro limiti ragionevoli e in casi estremi, ci sono un certo numero di farmaci che non dovrebbero essere assunti durante l'allattamento in nessuna circostanza. Tra loro:

  • Aspirina;
  • Analgin e suoi analoghi;
  • Citramon.

Il fatto è che Analgin ei suoi analoghi possono causare gravi allergie in un bambino e l'aspirina e il citramon hanno un effetto estremamente negativo sugli organi interni del bambino, che sono ancora così poco sviluppati, che potrebbero causare problemi di salute in futuro..

A volte un anestetico a base di determinati principi attivi può aiutare a far fronte al dolore, la cui assunzione è consentita durante l'allattamento in una forma o nell'altra. Ad esempio, l'ibuprofene può essere assunto come gel o supposta e i ketan possono essere presi come gel. Una forma o l'altra del medicinale contribuirà a far sì che influenzi l'organo doloroso e non l'intero corpo nel suo insieme. A questo proposito, le supposte rettali saranno le più sicure e creeranno un effetto antidolorifico più duraturo..

Cosa fare se hai bisogno di prendere un potente farmaco?

A volte la situazione si sviluppa in modo che una madre che allatta abbia ancora bisogno di prendere esattamente la medicina per il dolore, che è vietata durante l'allattamento. In tali casi, la decisione a favore dell'assunzione del farmaco ha il diritto di essere presa solo dal medico curante e non da consulenti esterni. Come, infatti, in altri casi, è consigliabile, durante la poppata, coordinare con il proprio medico tutti i farmaci che si prevede di assumere.

Se hai bisogno di una singola dose di un potente antidolorifico, è meglio giocare sul sicuro ed esprimere il latte, sostituendo una delle poppate con la formula.

Quando si trattano i denti, se il medico ha usato la lidocaina o l'ultracaina per l'anestesia, non vale la pena esprimere il latte, poiché questi farmaci tendono ad essere immediatamente escreti dal corpo.

Se la madre ha una malattia grave che richiede un trattamento a lungo termine con l'uso di potenti farmaci, il bambino deve essere trasferito all'alimentazione artificiale. Perché non si sa quanto durerà il trattamento e quanto velocemente i farmaci saranno eliminati completamente dal corpo.

Di norma, se la madre non ha malattie croniche o gravi problemi di salute, la necessità di bere una pillola dalla testa non si presenterà troppo spesso e non dovresti nemmeno sforzarti di soffrire di dolore. Bene, se un mal di testa o un mal di denti è diventato troppo frequente, allora non puoi riempirti di pillole e andare dal dottore.

Quali farmaci sono consentiti per alleviare il dolore con l'epatite B.

Gli analgesici durante l'allattamento possono essere necessari in qualsiasi momento. Il più delle volte, spasmi e dolore si verificano nei momenti più inopportuni. La maggior parte delle donne che allattano preferisce sopportare o usare rimedi popolari: si riscaldano, si raffreddano, si applicano. Tuttavia, in alcuni casi, il disagio non può essere tollerato. Ad esempio, non aspettare che finisca l'emicrania o il mal di denti. In alcune madri, dopo il parto, il sanguinamento mestruale è accompagnato da crampi. Meglio prendere l'antidolorifico ed espirare. Ma è importante sapere quali pillole puoi bere con HB.

Come controllare la compatibilità di un medicinale con l'epatite B.

Durante l'allattamento, non è desiderabile bere alcun farmaco, perché molti ingredienti attivi penetrano nel flusso sanguigno. Da lì, i farmaci passano nel latte materno e vengono consegnati al bambino. Alcuni medicinali vengono rilasciati in piccole dosi, mentre altri in grandi. Alcuni farmaci sono considerati sicuri, mentre altri richiedono l'interruzione dell'allattamento al seno.

Se decidi di prendere il medicinale, devi prima assicurarti che sia sicuro. Per questo, il farmaco viene testato per la compatibilità con HS. A cosa devi prestare attenzione:

  • se il principio attivo è tossico e come agisce sul corpo;
  • dopo che tempo il farmaco viene rimosso dal sangue;
  • se il principio attivo passa nel latte materno;
  • posso prendere il medicinale durante l'allattamento;
  • quali sono le controindicazioni.

Durante l'allattamento, è meglio usare antidolorifici che hanno una breve durata d'azione - fino a 4 ore. È importante che il farmaco sia approvato per l'uso con l'epatite B. Se queste condizioni sono soddisfatte, puoi assumere in modo indipendente la dose minima efficace (raccomandata) del farmaco.

I medicinali che vengono presi con cautela durante l'epatite B o che sono controindicati per l'epatite B possono essere usati solo come indicato da un medico.

Puoi verificare la compatibilità dei medicinali con l'allattamento al seno qui:

Antidolorifici approvati per HV

Di solito, il disagio, i crampi e il disagio si verificano inaspettatamente. È meglio se la mamma è armata di informazioni utili e non si confonde. Durante l'allattamento, non puoi prendere le solite pillole che hanno aiutato prima. La maggior parte dei farmaci è ora vietata. Gli analgesici possono essere utilizzati con l'allattamento al seno, ma non tutti.

Prima di tutto, dovresti ricordare quali farmaci il medico ha prescritto al bambino. Di solito, per il dolore e la febbre, ai bambini vengono consigliati farmaci basati su:

  • paracetamolo;
  • ibuprofene.

Questi medicinali sono provati e sicuri. I principi attivi sono ben tollerati e raramente causano reazioni avverse. Una madre che allatta può anche assumere farmaci con ibuprofene o paracetamolo. Anche se entrano nel bambino attraverso il latte materno, il suo corpo non reagirà negativamente.

Se il dolore è grave o i rimedi non aiutano, puoi usare il medicinale una volta in base a:

  • ketorolac;
  • ketoprofene;
  • diclofenac.

Tuttavia, l'uso sistematico di tali farmaci durante l'allattamento non è raccomandato..

Dopo il taglio cesareo

Dopo il parto con taglio cesareo, la donna è preoccupata per il dolore. Una madre che allatta non può tollerare il disagio. Durante il dolore, viene prodotta adrenalina e l'ossitocina viene soppressa. Il dolore influisce negativamente sull'allattamento, soprattutto nei primi giorni dopo il parto. Pertanto, indipendentemente dal fatto che una donna stia allattando un neonato, le vengono prescritti antidolorifici..

Dopo il parto, il dolore nell'addome inferiore appare a causa dello spasmo. Sono particolarmente evidenti durante l'allattamento. La stimolazione del capezzolo provoca la produzione di ossitocina e, di conseguenza, la contrazione dell'utero. Con gravi spasmi, a una donna vengono prescritte iniezioni di drotaverina (No-Shpu).

Gli antidolorifici dopo il taglio cesareo sono solitamente richiesti in ospedale. Dopo la dimissione, la donna non dovrebbe avere forti dolori. Se lo sono, puoi prendere Nurofen o Ketorol una volta e assicurati di consultare un medico.

Per mal di denti e cure odontoiatriche

Se un dente fa male, può essere necessaria una pillola antidolorifica per l'allattamento al seno. Di norma, ciò accade di sera e di notte, quando non è possibile andare dal dentista..

Il mal di denti durante l'allattamento si verifica frequentemente. La gravidanza e l'epatite B “pugnalano” i denti, soprattutto se la mamma segue una dieta rigorosa ed è carente di calcio. Il dolore è sordo, doloroso, acuto, lancinante. Di solito non permette di dormire ed è molto stancante. Per resistere fino al mattino, devi prendere antidolorifici. I medicinali a base di paracetamolo sono inefficaci per il mal di denti. Meglio prendere una pillola:

  • Ketorol;
  • Ketanova;
  • Ortofena.

Se il dolore non è grave, si possono provare i gel per bambini a base di lidocaina. Sono prescritti per la dentizione dei bambini. I farmaci raffreddano, alleviano l'edema e hanno un lieve effetto anestetico. Rimedi efficaci:

  • Calgel;
  • Holisal;
  • Kamistad.

Non ritardare il trattamento dei denti durante l'allattamento. Nell'odontoiatria dell'allattamento al seno vengono utilizzati anestetici a breve durata d'azione. Di solito, una piccola dose di Ultracaine viene somministrata per alleviare il dolore. Dopo il trattamento, il mal di denti scompare senza lasciare traccia.

Per mal di testa e ARVI

Una pillola anestetica per HB è necessaria se la madre che allatta ha il raffreddore. Di solito la malattia è accompagnata da febbre, mal di testa e malessere generale. I farmaci a base di paracetamolo affrontano rapidamente sintomi spiacevoli:

  • Efferalgan;
  • Panadol;
  • Paracetamolo;
  • Calpol.

Puoi prendere medicine per bambini, ma devi calcolare il dosaggio appropriato. Si consiglia a un adulto di assumere compresse da 500 mg. Se la madre che allatta ha paura, puoi prendere metà della dose. E se non ci sono effetti, bevi la seconda parte della pillola.

In alternativa a capsule e confetti, vengono utilizzate supposte analgesiche a base di paracetamolo - Cefekon. Agiscono più velocemente perché vengono assorbiti nell'intestino..

Con le mestruazioni

Durante l'allattamento, una donna ha un'amenorrea naturale, ma le mestruazioni possono riprendere in qualsiasi momento. In alcune madri che allattano, il ciclo viene ripristinato entro 3 mesi dal parto, mentre altre non ricordano le mestruazioni per l'intero periodo di epatite B.

Spesso, il primo sanguinamento mestruale è così doloroso che la madre che allatta perde la capacità di lavorare. Gli antidolorifici vengono in soccorso, che possono essere combinati con l'allattamento al seno:

  • No-Shpa o Drotaverin;
  • Nurofen o Mig;
  • Ketonal o ketoprofene;
  • Diclovit o Diclofenac.

Qualsiasi analgesico per le madri che allattano durante le mestruazioni dovrebbe essere assunto una volta. Se l'algodismenorrea (dolore durante le mestruazioni) si ripresenta regolarmente, consultare un ginecologo.

Per lesioni, dolori articolari e muscolari

Dopo il parto, circa la metà delle donne avverte dolore alla schiena, alla parte bassa della schiena, al collo. Le sensazioni spiacevoli sono associate a un aumento dello stress, una postura scorretta, lunghe passeggiate o dormire in una posizione scomoda. Se sei preoccupato per il disagio alle articolazioni e ai muscoli, allora gli unguenti per alleviare il dolore ti aiuteranno.

Praticamente non penetrano nei tessuti e non entrano nel flusso sanguigno. Ciò significa che i farmaci non danneggeranno il bambino. È importante non applicare agenti esterni sulla zona del torace e, dopo aver trattato le aree dolenti, lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone..

I seguenti analgesici possono essere utilizzati durante l'alimentazione:

  • Condroossido;
  • Nurofen;
  • Diklovit;
  • Biopin;
  • Traumeel.

Se il dolore si intensifica o non scompare dopo aver usato unguenti anestetici, dovresti consultare un neurologo.

Rimedi popolari per il dolore

Quando si allatta un bambino, le donne usano tecniche di gestione del dolore sicure. È difficile giudicare la loro efficacia, poiché la causa del malessere, la gravità della malattia e le modalità per affrontarla sono diverse.

  • Attività fisica. La ginnastica e l'esercizio leggero andranno a beneficio di tutte le donne dopo il parto. Se non puoi fare esercizi, andare in palestra o nuotare, allora dovresti camminare di più, fare riscaldamenti periodici e non rimanere nella stessa posizione per molto tempo.
  • Massaggio. Alcuni tipi di dolore possono essere facilmente alleviati con il massaggio. I movimenti del massaggio stimolano il flusso sanguigno in quest'area e sono fonte di distrazione. Il massaggio aiuta con mal di schiena, emicrania, ma non aiuta con mal di denti e malessere durante le mestruazioni.
  • Impacco di calore. Per periodi dolorosi, puoi applicare un impacco caldo, ma devi prima assicurarti che l'infiammazione non sia la causa del disagio. Se un muscolo fa male dopo un livido o una distorsione, allora un impacco freddo aiuterà..
  • Meditazione. Con l'aiuto dello yoga, molte donne sono riuscite a sbarazzarsi del dolore. La meditazione e gli esercizi di respirazione rilassa, distrae, libera dai pensieri negativi.

Quali farmaci sono proibiti

Durante l'allattamento, non è possibile assumere farmaci che in precedenza erano considerati abituali e alleviare rapidamente il dolore. Vietato:

  • Nimesulide;
  • Acido acetilsalicilico;
  • Analgin;
  • Codeina;
  • qualsiasi anestetico narcotico.

In caso di emergenza, una madre che allatta prende antidolorifici compatibili con HB. Tuttavia, è meglio consultare un medico e scoprire quali farmaci aiuteranno in un caso particolare. Quando prescrive un medicinale, il medico terrà conto dell'età del bambino e delle caratteristiche del suo corpo, del volume dell'allattamento al seno e della gravità delle condizioni della donna.

Quali antidolorifici sono possibili con l'allattamento al seno

Data di pubblicazione: 15.04.2018 | Visualizzazioni: 10117

Durante l'allattamento (HB), come durante la gravidanza, una donna ha bisogno di controllare rigorosamente la sua dieta. Tutto ciò che mangia una madre è un bambino. Il benessere del bambino dipende direttamente dall'alimentazione della madre, questo vale anche per i farmaci presi. Alcuni mezzi, oltre a influenzare il bambino, possono influenzare il latte e il processo di allattamento, quindi una donna è spesso preoccupata per la domanda: quali antidolorifici possono essere usati per l'allattamento al seno?

Puoi bere un analgesico durante l'allattamento??

Se possibile, scegli un'alternativa sotto forma di metodi naturali o aspetta del tutto: è preferibile farlo. Ma se il dolore non può essere tollerato, diciamo l'assunzione di farmaci. Ma è necessario conoscere l'elenco consentito durante l'allattamento. Vale la pena notare che i farmaci hanno diversi metodi di rilascio: come supposte, unguenti, pillole. È necessario scegliere una variazione di farmaci, tenendo conto della posizione del dolore, che porterà i massimi risultati.

Per scoprire se è possibile utilizzare un particolare rimedio durante l'allattamento o meno, è necessario rivedere le istruzioni in dettaglio, concentrandosi sui seguenti indicatori:

  1. Tossicità.
  2. In quanto tempo il farmaco può essere escreto: se esce prima di tre o quattro ore, questo antidolorifico può essere bevuto durante l'alimentazione.
  3. Il termine del risultato.
  4. Effetti collaterali, a cui è vietato assumere, le conseguenze di un sovradosaggio.
  5. È consentito un analgesico durante l'allattamento.
  6. Come usare.

Se non ci sono controindicazioni categoriche, si consiglia di consultare uno specialista. Ogni organismo è individuale, è possibile una reazione a componenti aggiuntivi del farmaco, quindi solo uno specialista selezionerà il dosaggio richiesto, il tempo di somministrazione, tenendo conto di tutti i fattori.

I migliori antidolorifici per l'allattamento al seno: secondo la Mayo Clinic

  • Acetaminofene / Acetaminofene (Tylenol / Tylenol, ecc.).
  • Ibuprofene / Ibuprofene (Advil / Advil, Motrin / Motrin IB, altri).
  • Naproxen (Naprosyn) - Solo per uso a breve termine. [1]

Droghe vietate durante l'allattamento

Sui farmaci di cui è vietato l'uso durante l'allattamento, questo è sempre indicato. Si consiglia di rifiutarli. Questi includono:

  1. Analgin o simili - Tempalgin, Sedalgin. È pericoloso per gli adulti ed è già stato vietato in alcuni paesi. Allevia il dolore, ma ha un gran numero di effetti collaterali: cambia la composizione del latte e ha un effetto negativo sul processo di lattazione, sui reni.
  2. Acido acetilsalicilico, aspirina.
  3. Citramon o simili - Citropack, Askofen. Questi farmaci interferiscono con la funzionalità epatica. La caffeina nella composizione ha un effetto sulle cellule nervose.
  4. Nimesulide: non è desiderabile assumere questo analgesico per una madre con HB, sebbene non ci siano dati specifici sull'effetto sul latte.
  5. Gli analgesici combinati non sono raccomandati per HB. Il rischio di reazioni allergiche aumenta. Questi farmaci possono contenere codeina, che influisce negativamente sullo sviluppo dell'attività mentale del bambino..

Quando vengono assunti, gli ingredienti attivi nel latte materno vengono trasferiti al bambino, il che può portare a manifestazioni allergiche nel bambino, intossicazione, interruzioni nel lavoro di digestione e influenzare gli organi interni. Sotto l'influenza della droga, il bambino può diventare capriccioso, letargico, il sonno sarà disturbato.

In caso di urgente necessità di assumere farmaci potenti, è necessario estrarre il latte dopo averlo assunto. Cambia l'assunzione di cibo dal seno del bambino in una miscela.

Farmaci consentiti per l'allattamento al seno

Quali antidolorifici possono essere utilizzati durante il periodo della poppata è facile da scoprire, perché è noto quali farmaci sono consentiti per il bambino come anestesia oa temperature elevate. Se il bambino è autorizzato, la donna può essere utilizzata anche durante l'allattamento..

Pillole per alleviare il dolore

I principi attivi dei farmaci approvati sono principalmente ibuprofene e paracetamolo. Consigliato per l'uso:

  • Paracetamolo o simile Panadol.
  • Ibuprofene o simili Nurofen, Ibuprex, Ivalgin.
  • Ketoprofene. Efficace contro i dolori muscolari.
  • Diclofenac o analoghi Voltaren, Diclac, Ortofen.
  • No-shpa.

Questi farmaci possono essere assunti di tanto in tanto. Sono efficaci per mal di testa, raffreddore e influenza, spasmi muscolari.

Non superare l'assunzione di farmaci approvati. Ci sono momenti in cui un sovradosaggio può causare la cessazione dell'allattamento. Durante il ricevimento, è necessario monitorare la reazione del bambino: se si verifica una reazione negativa, è necessario rifiutarsi di usare il farmaco.

Unguenti per alleviare il dolore

Il mal di schiena a volte si verifica dopo il parto. Quando possibile, le donne limitano l'uso di farmaci orali e usano unguenti. Pertanto, è necessario sapere quali unguenti antidolorifici possono essere utilizzati, poiché il farmaco non è sempre innocuo. Gli unguenti consentiti includono:

  • Nurofen gel;
  • Condroossido;
  • Menovazan;
  • Biopin;
  • FinAys;
  • Ibuprofene (prendilo con attenzione, in piccole quantità, controlla la reazione del bambino);
  • Artrolite, Malavit, hanno una composizione a base di erbe;
  • Traumeel-S.

Verificare la presenza di reazioni allergiche prima dell'uso. Anche se non c'era allergia prima, prima della gravidanza, non significa che non apparirà ora. Il fatto è che l'equilibrio ormonale nel corpo è cambiato..

Candele contro il dolore

Le supposte contengono analgesici che forniscono l'anestesia locale. Questi farmaci sono rettali e vaginali, ma non tutte le supposte sono approvate come antidolorifici durante l'allattamento. Questi includono: ibuprofene, Movalis, Tsefekon - sono accettabili per l'uso da parte dei bambini. È anche consentito l'uso di candele chetoniche..

Antidolorifici consigliati per l'allattamento al seno

Antidolorifici per il mal di denti

Durante la gravidanza e durante l'alimentazione del bambino, c'è un grande carico sul corpo della madre e sui denti. La causa principale delle malattie dentali è la mancanza di calcio, un cambiamento nell'equilibrio ormonale e la perdita di componenti utili. Con l'epatite B, c'è anche un elenco di farmaci approvati. Il dolore incipiente può essere sopportato e possono essere usati rimedi popolari, ma se non puoi visitare il dentista nel prossimo futuro e il dolore diventa insopportabile, la madre che allatta può usare i seguenti farmaci:

  • Lidocaina o Ultracaina simile: il suo utilizzo prevede un uso topico sotto forma di iniezioni per procedure di sanificazione e guarigione;
  • Kenatov: le pillole allevia temporaneamente il forte dolore. Non eliminerà l'origine del dolore, l'azione è volta a ridurre il dolore. Consumare non più di due volte, non più di tre giorni.

Gli unguenti sono ammessi come antidolorifici per il mal di denti. Tali metodi per alleviare il dolore sono consentiti per un bambino durante la dentizione, il che significa che possono essere usati da una madre per il mal di denti:

  • Calgel, la base è la lidocaina.
  • Traumeel.
  • Kamistat Baby sotto forma di gel: oltre alla lidocaina, contiene camomilla.
  • Dentol Baby - ha un effetto rinfrescante, analgesico, allevia l'infiammazione.

Vale la pena considerare che tutti questi farmaci possono essere assunti, ma hanno un effetto a breve termine ed eliminano temporaneamente il dolore, se possibile, dovresti visitare immediatamente il dentista.

Antidolorifici per il mal di testa

Il mal di testa è un sintomo comune. Stanchezza, mancanza di sonno, ansia per il bambino, latte, ecc. Sono le ragioni principali. Anche i cambiamenti nell'equilibrio ormonale diventano un motivo comune. Spesso passa senza assumere farmaci, è sufficiente usare rimedi popolari o massaggio alla testa.

I seguenti antidolorifici sono consentiti per una madre che allatta per alleviare il dolore:

  • farmaci con paracetamolo (Strimol, Efferalgan, Panadol);
  • Nurofen, Avil, Ibufen con Ibuprofen nella composizione.

L'alleviamento del dolore durante l'alimentazione è una misura necessaria. All'inizio, si consiglia di utilizzare metodi più delicati: rilassarsi, fare una passeggiata all'aria aperta.

Antidolorifici dopo il taglio cesareo

Le sindromi dolorose nella zona inguinale sono una compagna dei primi mesi di una donna che ha partorito con taglio cesareo. Quale analgesico può allattare in tali situazioni? Permesso:

  • No-shpa: come pillole e iniezioni, assumere dopo il parto, in modo non sistematico;
  • L'ultracaina è efficacemente utilizzata dai ginecologi, non è pericolosa per le madri che allattano;
  • Ketoprofene, ibuprofene.

Con dolore prolungato, se c'è una scarica e la cucitura non guarisce bene, si consiglia di consultare un medico.

Antidolorifici per le mestruazioni durante l'allattamento

Durante il periodo di alimentazione, il dolore durante le mestruazioni è praticamente assente. Ciò è dovuto alla produzione di un ormone che impedisce il ristagno del sangue nella cavità uterina e una diminuzione del dolore. Se sono ancora lì ed è impossibile resistere, con le mestruazioni si consiglia di rimuoverli con l'aiuto di No-shpa. Tra i farmaci che rimuovono gli spasmi, No-shpu è considerato il modo più sicuro ed efficace. L'effetto si verifica in un quarto d'ora. Un'assunzione una tantum prevede 2 compresse da 40 g ciascuna, una singola assunzione non influirà sulla qualità del latte e sulle condizioni del bambino. Non prenderlo per molto tempo.

Inoltre, le sindromi dolorose vengono rimosse efficacemente con i farmaci: Kenatov, Ketorol, Paracetamol. Si consiglia di consultare uno specialista per periodi gravemente dolorosi.

Sapendo quali antidolorifici sono possibili con HB e come si consiglia di assumere farmaci accettabili, una donna salverà se stessa e il suo bambino dagli effetti negativi dei farmaci. Il momento del pasto sarà gioioso per entrambi.

Quali antidolorifici puoi bere durante l'allattamento??

Il dolore è diverso, non sempre è possibile sopportarlo. È meglio parlare in anticipo con il medico di quali antidolorifici puoi assumere durante l'allattamento. I rimedi non avranno un effetto terapeutico, ma aiuteranno ad alleviare temporaneamente i sintomi.

Allattamento al seno e antidolorifici

Durante l'allattamento, possono essere necessari farmaci antidolorifici in qualsiasi momento. Il mal di testa dovuto a cambiamenti ormonali o superlavoro in una donna che allatta non è raro. La gravidanza potrebbe influire sulle condizioni dei denti, quindi si potrebbe avvertire dolore. Il taglio cesareo porta a dolore addominale.

Non devi sopportare il dolore, soprattutto sapendo che peggiorerà solo nel tempo. In questo caso, dovrai assumere potenti antidolorifici incompatibili con l'alimentazione naturale. Per evitare ciò, quando si verifica dolore, è necessario bere un medicinale approvato..

Solo un medico può prescrivere il farmaco e il dosaggio. L'automedicazione è pericolosa per la salute dei bambini e delle madri che allattano. Il dolore può essere un sintomo di una malattia grave, quindi non dovresti ignorare una visita da un medico e un esame. Inoltre, gli analgesici alleviano solo i sintomi, ma non eliminano la causa del disagio. Pertanto, in futuro, potrebbe essere necessario assumere costantemente farmaci di questo gruppo..

Farmaci proibiti durante l'allattamento

Le annotazioni a tali medicinali indicano che non possono essere utilizzati con l'allattamento al seno. I principali farmaci proibiti sono:

  • Analgin (analoghi - Pentalgin, Sedalgin, Tempalgin);
  • Aspirina (acido acetilsalicilico, Upsarin Oopsa);
  • Nimesulide (Nise, Aponil);
  • Citramone (Askofen, Citropak).

Solo 1 compressa di Analgin può causare una forte reazione allergica, influire negativamente sul sistema ematopoietico e sui reni. L'aspirina agisce su tutti gli organi del corpo. Le conseguenze sono particolarmente pericolose per i neonati: una diminuzione della coagulazione del sangue, provoca diatesi emorragica e può provocare emorragie interne. Inoltre, il bambino può mostrare altri effetti collaterali del farmaco..

Non prendere i fondi combinati durante l'allattamento. Un effetto negativo può essere causato dall'azione di più sostanze contemporaneamente, che peggiorerà notevolmente il benessere del bambino. Ad esempio, Citramon contiene aspirina e caffeina. Entrambe le sostanze influenzano negativamente le condizioni del bambino..

Attenzione! È inaccettabile assumere questi farmaci anche riducendo il dosaggio. Tuttavia, l'antidolorifico entrerà nel flusso sanguigno e poi nel latte. Nella migliore delle ipotesi, il danno al bambino sarà leggermente inferiore, nel peggiore dei casi, appariranno tutti i tipi di effetti collaterali..

Quali farmaci sono compatibili con HB?

Se avverti dolore, dovresti discutere con il tuo medico quali antidolorifici puoi usare durante l'allattamento. Nella maggior parte dei casi, si tratta di medicinali accettabili per l'uso nei bambini, quindi sono abbastanza sicuri. La forma di rilascio può essere variata: compresse, sciroppi, unguenti, gel, supposte, soluzioni per iniezioni. C'è molto da scegliere per te. Se possibile, si consiglia di utilizzare agenti topici in modo che il principio attivo non si concentri in grandi quantità nel plasma sanguigno.

Con l'alimentazione naturale, è consentito l'uso una tantum di antidolorifici:

  • Paracetamolo (analogo di Panadol);
  • Ibuprofene (Nurofen, Ivalgin, Ibuprofen);
  • Naprossene (Pronaxen, Apranax).

In una nota! I medicinali approvati e proibiti possono essere visualizzati nella directory elettronica E-LACTANCIA o nel libro di Thomas Hale "Mother's Medicines and Milk".

L'effetto degli antidolorifici sul bambino

Tutto ciò che entra nel sangue di una donna che allatta passa nel latte materno. Il dosaggio è parecchie volte inferiore, ma lo è anche il peso del bambino, quindi dovresti stare attento quando prendi i farmaci. L'antidolorifico durante l'allattamento penetra nel corpo del bambino durante l'allattamento e agisce come se il farmaco fosse somministrato per via orale.

Il dosaggio ridotto riduce l'effetto del farmaco. Ma fa il suo lavoro e può causare effetti collaterali. Le reazioni allergiche sono le più comuni. La manifestazione principale è un'eruzione cutanea, forse lo sviluppo dell'edema di Quincke, broncospasmo, che minaccia la vita del bambino.

I farmaci che fluidificano il sangue possono causare emorragie interne. I sistemi digestivi ed escretori immaturi non sono in grado di rimuovere completamente le sostanze nocive. Alcuni hanno la capacità di accumularsi, hanno un effetto tossico per molto tempo. Il sistema nervoso è danneggiato, il che può provocare ritardi nello sviluppo, aumento dell'agitazione o eccessiva sonnolenza. La rimozione di farmaci pericolosi danneggia i reni e il fegato.

Attenzione! Anche gli antidolorifici consentiti con l'alimentazione naturale danneggiano il bambino con un uso prolungato o eccessivo..

Come sbarazzarsi del dolore più velocemente?

Ci sono situazioni in cui non puoi fare a meno di potenti analgesici e anestesia. Con una singola assunzione di antidolorifici vietati durante l'allattamento, si consiglia di sostituire 1-2 poppate con una miscela adattata o latte precedentemente espresso. Puoi anche scegliere una forma del farmaco che agisce localmente, ad esempio unguenti e gel. Le supposte forniscono un effetto antidolorifico più duraturo. Le iniezioni funzionano più velocemente delle pillole.

Quando un potente farmaco viene prescritto da un medico per l'assunzione di un corso, dovrai interrompere temporaneamente l'allattamento. Dopo il trattamento, può essere migliorato esprimendo regolarmente il seno. Non dovresti aver paura di assumere farmaci, il latte contenente sostanze tossiche che si formano nel corpo durante la malattia può causare molti più danni.

Come scegliere una medicina?

Qualsiasi analgesico per l'allattamento al seno dovrebbe essere prescritto da un medico. In questo caso, dovrebbe essere informato dell'allattamento. La forma del farmaco può essere selezionata tenendo conto della localizzazione del dolore. Il dosaggio prescritto e la durata del ricovero non possono essere aumentati o diminuiti indipendentemente.

Una grande quantità di principio attivo può portare allo sviluppo di effetti collaterali nei bambini. Lo svantaggio non avrà l'effetto desiderato, perché spesso gli antidolorifici hanno anche un effetto antinfiammatorio. In questo caso, è possibile l'aggravamento della malattia, sarà necessario assumere farmaci vietati durante l'alimentazione naturale..

Cosa cercare quando si sceglie un analgesico:

  • se passa nel latte materno;
  • tossico o no;
  • dopo che tempo il contenuto della sostanza attiva nel sangue raggiunge il suo valore massimo;
  • periodo di completa eliminazione dal corpo.

In una nota! Non è desiderabile assumere farmaci complessi con diversi principi attivi.

Con mal di testa

È necessario stabilire la causa del dolore. Gli analgesici hanno un meccanismo d'azione diverso. Gli antispastici rilassano i vasi sanguigni, levigano i muscoli, alleviano gli spasmi. Gli analgesici bloccano un enzima che stimola le terminazioni nervose. I rimedi contro l'emicrania riducono la sensibilità e l'infiammazione dei nervi e non aiutano altre cause di mal di testa.

Con l'alimentazione naturale, è consentito assumere i seguenti farmaci e i loro analoghi una volta:

  • Paracetamolo;
  • Ibuprofene;
  • No-shpa.

In una nota! L'effetto del paracetamolo è potenziato dall'uso simultaneo di tè verde non zuccherato.

Per il mal di denti

Se avverti dolore alla cavità orale, dovresti contattare il tuo dentista il prima possibile. Il processo infiammatorio diventa la causa dell'intossicazione generale del corpo, quindi il fulcro dell'infezione deve essere eliminato. È meglio usare unguenti e gel ad azione topica come anestesia temporanea per l'HS. L'uso una tantum di anestetici è accettabile.

Farmaci approvati:

  • Lidocaina (ultracaina);
  • Paracetamolo;
  • No-shpa;
  • Calgel;
  • Kamistad Baby;
  • Dentol Baby.

Per il dolore dopo il taglio cesareo

Il dolore dopo il parto può infastidire una donna per molto tempo. Prendi degli antidolorifici durante l'allattamento dopo un taglio cesareo, preferibilmente una tantum. Il medico può prescrivere un ciclo di iniezioni intramuscolari.

Più spesso utilizzato:

  • No-shpa;
  • Ultracaine.

Se hai ancora bisogno di prendere l'anestetico, le regole

Il rispetto delle raccomandazioni di base per l'assunzione di farmaci ridurrà il rischio di effetti collaterali nei neonati. Durante l'allattamento al seno è importante:

  • Consultare uno specialista per determinare le cause del dolore, prescrivere un farmaco, un dosaggio e una durata della somministrazione accettabili.
  • Coordina i farmaci con il tuo pediatra.
  • Seguire rigorosamente le raccomandazioni per l'assunzione di anestetico, non superare la dose prescritta.
  • Non assumere analgesici sistematicamente, non eliminano la causa, ma possono danneggiare la salute della madre che allatta e del bambino.
  • È necessario tenere conto del tempo di massima concentrazione del farmaco nel sangue. Allo stesso tempo, si trova soprattutto nel latte materno. Si consiglia di bere i farmaci subito dopo aver allattato il bambino e saltare il successivo, sostituendolo con latte artificiale o espresso.
  • Controlla le condizioni del bambino. Per qualsiasi deviazione dalla norma, interrompere l'assunzione dell'anestetico. Se gli effetti collaterali sono gravi, contattare il pediatra.
  • Bevi il medicinale quando si verifica un dolore moderato, senza aspettare un attacco di dolore insopportabile.
  • Se possibile, scegli la forma del farmaco che agisce localmente.
  • Non prenda 2 o più medicinali contemporaneamente.
  • Se hai bisogno di bere un analgesico per più di 3 giorni, interrompi l'allattamento per un po '.

Ci sono momenti in cui assumere farmaci è meno dannoso che ignorare il dolore. Con l'alimentazione naturale, è consentito utilizzare antidolorifici una sola volta. Tra i farmaci disponibili, devi scegliere il più sicuro, consultare uno specialista. Solo una madre sana e allegra può prendersi completamente cura del suo bambino.

Quali antidolorifici sono possibili con l'allattamento al seno

L'antidolorifico durante l'allattamento dovrebbe essere sicuro non solo per una donna, ma anche per un bambino allattato al seno. Molti farmaci vengono secreti attraverso le ghiandole mammarie ed entrano nel corpo del bambino attraverso il latte materno. Sono in grado di provocare in lui una serie di effetti indesiderati..

  1. Antidolorifici per l'allattamento al seno
  2. Regole per l'assunzione di antidolorifici
  3. Conseguenze dell'uso di antidolorifici durante l'allattamento
  4. Come scegliere una medicina
  5. Metodi per usare antidolorifici
  6. Pillole
  7. Unguenti per alleviare il dolore
  8. Candele
  9. Fondi consentiti
  10. Paracetamolo
  11. Ibuprofene
  12. Fondi vietati
  13. Analgin
  14. Nimesulide
  15. Ketanov
  16. Diclofenac
  17. Come calmare il dolore più velocemente
  18. Mal di testa
  19. Mal di denti
  20. Dolore all'inguine
  21. Dolore muscolare
  22. Emorroidi
  23. Dolore dopo taglio cesareo
  24. Dolore durante le mestruazioni
  25. Cosa fare se hai bisogno di prendere un potente farmaco
  26. Conclusioni: sono possibili antidolorifici con l'allattamento al seno?

Antidolorifici per l'allattamento al seno

Oggi sempre più donne cercano di mantenere l'allattamento al seno per almeno sei mesi. E alcuni si nutrono anche più a lungo. Raramente qualcuno ha dolore durante questo periodo. Molte donne, avendo paura di danneggiare il bambino, cercano di sopportarlo, il che è sbagliato.

È meglio che un medico prenda un analgesico, ma quando ciò è impossibile, è necessario seguire alcune regole

Regole per l'assunzione di antidolorifici

Quando si utilizza un analgesico durante l'allattamento, è necessario seguire le seguenti regole:

  1. Assumere l'analgesico al dosaggio terapeutico efficace più basso. Non ridurre la dose nella speranza che una quantità minore di essa entri nel latte materno. L'antidolorifico potrebbe non mostrare il suo effetto terapeutico, ma avrà comunque un effetto indesiderato sul bambino;
  2. Ovviamente non si dovrebbe prendere il medicinale in una dose "shock" se non è prescritto da un medico. Quando si riceve una grande quantità di farmaci, aumenta la probabilità di effetti collaterali;
  3. È meglio prendere il medicinale subito dopo che il bambino ha mangiato. Quindi, alla successiva poppata, il corpo sarà in grado di rimuoverlo dal corpo;
  4. Non assumere analgesici con bevande alcoliche, poiché in questo caso aumentano l'effetto tossico l'uno dell'altro;
  5. Utilizzare i farmaci solo se altri metodi non aiutano a far fronte al dolore, come un sonno adeguato, massaggi, ricette di medicina tradizionale;
  6. Il farmaco viene assunto una volta, in caso di dolore cronico, si consiglia di consultare un medico per scoprire la causa del suo aspetto;
  7. Senza consultare uno specialista, gli analgesici durante l'allattamento non dovrebbero essere bevuti per più di 3 giorni consecutivi;
  8. Il farmaco deve essere sospeso se la donna o il bambino hanno reazioni avverse.

Conseguenze dell'uso di antidolorifici durante l'allattamento

La maggior parte dei medicinali è vietata alle donne che sostengono l'allattamento al seno, poiché i loro principi attivi vengono secreti attraverso le ghiandole mammarie ed entrano nel tratto digestivo del bambino.

Possono causare danni significativi alla sua salute, causare allergie, disturbi dispeptici, disfunzione del sistema nervoso centrale e del quadro ematico, provocare avvelenamento.

Ma anche se il farmaco non ha un effetto negativo sullo sviluppo del bambino, può causare una serie di altre reazioni indesiderate:

  • disordine del sonno;
  • letargia;
  • capricciosità;
  • letargia;
  • rifiuto di mangiare.

Ma questo non significa che devi sopportare il dolore, devi solo sapere cosa può essere preso dalle madri che allattano.

Come scegliere una medicina

Quando si sceglie un farmaco, è necessario osservare le seguenti raccomandazioni:

  1. Dare la preferenza alle monopreparazioni, poiché più ingredienti attivi (sostanze) sono inclusi nel farmaco, maggiori sono le controindicazioni e maggiore è la probabilità di sviluppare reazioni avverse. Questo è il motivo per cui non assumere più medicinali contemporaneamente;
  2. Non dovresti usare farmaci con azione prolungata, poiché vengono rimossi dal corpo per lungo tempo. È meglio usare prodotti con una breve emivita;
  3. Scegli forme di dosaggio da cui il principio attivo viene rilasciato più rapidamente, ad esempio supposte rettali o compresse dissolventi;
  4. Se è possibile fermare il dolore con unguenti e altri mezzi per applicazione esterna, allora dia la preferenza a loro;
  5. Presta attenzione alle controindicazioni e alle reazioni indesiderate che può provocare.

Metodi per usare antidolorifici

Gli analgesici possono essere assunti per via orale, esternamente o per via rettale.

Pillole

Le compresse antidolorifiche sono disponibili nelle versioni effervescenti e rivestite con film. Se possibile, è meglio dare la preferenza ai farmaci solubili, poiché iniziano ad agire più velocemente.

Ibuprofene, Panadol ed Efferalgan sono consentiti per le donne che allattano in compresse effervescenti..

Unguenti per alleviare il dolore

Gli unguenti e altre forme di dosaggio esterne non vengono praticamente assorbiti nel flusso sanguigno e, pertanto, non hanno reazioni avverse sistemiche. Allo stesso tempo, l'escrezione attraverso le ghiandole mammarie avviene in quantità minima.

Ma, sfortunatamente, la gamma di applicazione di questi fondi è più ristretta rispetto ai tablet. Aiutano solo con il dolore che si è manifestato sullo sfondo di patologie del sistema muscolo-scheletrico e lesioni dei tessuti molli. Devi anche sapere quali unguenti per alleviare il dolore possono essere usati, perché molti di loro sono ancora proibiti dall'allattamento.

È accettabile utilizzare Voltaren Emulgel, Nurofen Express gel.

Candele

Le supposte analgesiche hanno lo stesso spettro d'azione delle compresse di analgesici. Inoltre, possono essere utilizzati quando la somministrazione orale è controindicata o inefficace, ad esempio a causa del vomito..

Inoltre, il vantaggio delle supposte è il rapido inizio dell'azione terapeutica..

Tra gli svantaggi, vale la pena annullare che vengono assorbiti nel flusso sanguigno e provocano effetti collaterali sistemici.

Sono in vendita supposte antidolorifiche per il trattamento delle emorroidi: Relief Advance, Procto-Glivenol.

Fondi consentiti

Paracetamolo

I farmaci a base di paracetamolo sono farmaci per alleviare il dolore durante l'allattamento, che si osservano nelle seguenti patologie:

  • Nevralgia;
  • Dismenorrea;
  • Articolazioni, muscoli, mal di denti;
  • Cefalalgia.

Sono prodotti con diversi nomi commerciali:

  • Paracetamolo;
  • Panadol;
  • Efferalgan.

I preparati contenenti paracetamolo non devono essere utilizzati se la loro composizione è intollerante!

Dovrebbero essere usati con cautela se una donna ha le seguenti patologie:

  • Disfunzione dei reni e del fegato;
  • Dipendenza da alcol;
  • Carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD);
  • Sconfitta della cottura con alcol etilico;
  • Epatite virale;
  • Aumento del livello di bilirubina nel sangue a causa dell'epatosi pigmentata.

I medicinali in questo gruppo possono causare le seguenti reazioni indesiderate:

  • Nausea, vomito, dolore addominale;
  • Allergia, manifestata da eruzione cutanea, prurito, orticaria, angioedema;
  • Diminuzione del livello di tutte le cellule del sangue.

Non assumere più farmaci contenenti paracetamolo contemporaneamente, poiché ciò può causare avvelenamento da paracetamolo.

Se i preparati di paracetamolo vengono bevuti per più di 5 giorni, è necessario controllare il quadro del sangue periferico e la funzionalità epatica.

Ibuprofene

L'ibuprofene (Mig, Nurofen) appartiene al gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei. Il farmaco in vendita si presenta sotto forma di compresse, anche effervescenti, capsule e gel. Una piccola quantità del farmaco viene escreta nel latte materno, ma può essere assunta una volta durante l'allattamento.

Se assunto in una dose giornaliera superiore a 800 mg o per un lungo periodo, è necessario trasferire il bambino alla formula.

Un analgesico orale può essere assunto per alleviare il dolore moderato di varia origine:

  • Dolore dopo un infortunio o un intervento chirurgico;
  • Dismenorrea;
  • Cefalalgia ed emicrania;
  • Nevralgia;
  • Muscoli e mal di denti.

I gel a base di ibuprofene possono essere utilizzati per il dolore derivante da patologie dell'apparato locomotore:

  • Reumatismi;
  • Attacco di gotta;
  • Dolore muscolare;
  • Spondilite anchilosante;
  • Infiammazione dell'apparato tendine-legamentoso;
  • Lesioni ai tessuti molli, senza compromettere l'integrità della pelle;
  • Lombodinia;
  • Nervo sciatico pizzicato;
  • Radicolopatia;
  • Osteocondrosi;
  • Periartrite;
  • Artrosi.

Indipendentemente dalla forma di rilascio, l'agente antidolorifico non può essere utilizzato se la donna ha un'intolleranza alla composizione del farmaco e di altri FANS, tra cui l'aspirina.

All'interno, l'analgesico non può essere bevuto se sono presenti le seguenti patologie:

  • Esacerbazione di malattie erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale;
  • Colite;
  • Problemi di coagulazione del sangue;
  • Emorragia cerebrale;
  • Sanguinamento dal tratto digestivo;
  • Gravi violazioni della funzione epatica e renale;
  • Innesto di bypass coronarico posticipato.

Dovrebbe essere preso con cautela se si hanno le seguenti malattie:

  • Insufficienza cardiaca;
  • Alta pressione;
  • Cardiopatia ischemica;
  • Disturbo della circolazione cerebrale;
  • Aumento dei livelli di lipidi e bilirubina nel corpo;
  • Diabete;
  • Patologia delle arterie delle estremità;
  • Dipendenza da nicotina e alcol;
  • Cirrosi;
  • Storia dell'ulcera gastrointestinale;
  • Patologie del sangue di origine sconosciuta;
  • Malattia epatica e renale in cui la velocità di filtrazione glomerulare è inferiore a 60 ml al minuto.

Il gel non può essere utilizzato in caso di violazione dell'integrità della pelle, eczema, dermatite piangente.

Va utilizzato con cautela in presenza delle seguenti patologie:

  • Esacerbazione della porfiria epatica;
  • Ulcera gastrointestinale;
  • Gravi patologie epatiche e renali.

A causa dell'assunzione di ibuprofene per via orale, possono verificarsi i seguenti effetti collaterali:

  • Dolore addominale, nausea, vomito, bruciore di stomaco, mancanza di appetito, feci molli o trattenute, gonfiore, ulcerazione della mucosa dell'apparato digerente, che può causare la rottura dell'organo e sanguinamento;
  • Irritazione, dolore e secchezza delle fauci, stomatite, infiammazione del pancreas e del fegato;
  • Dispnea, broncospasmo;
  • Perdita dell'udito, ronzio nelle orecchie;
  • Indebolimento della vista, diplopia, scotoma, edema della mucosa degli occhi e delle palpebre;
  • Mal di testa, vertigini, disturbi del sonno e della coscienza, umore depresso, allucinazioni, infiammazione delle meningi, ansia, irritabilità;
  • Ipertensione, insufficienza cardiaca, aumento della frequenza cardiaca;
  • Disfunzione renale, aumento della produzione giornaliera di urina, infiammazione della vescica;
  • Allergia;
  • Diminuzione di emoglobina, leucociti e piastrine;
  • Aumento della sudorazione;
  • Tempo di sanguinamento aumentato;
  • Ipoglicemia;
  • Aumento dei livelli di creatinina e dell'attività degli enzimi epatici.

Il gel a base di ibuprofene può causare allergie, dispepsia, dolore addominale, asma bronchiale.

Se utilizzato per lungo tempo, può provocare reazioni avverse sistemiche..

Fondi vietati

Analgin

Analgin e i suoi analoghi, come Baralgin, Bral, Spazmalgon, Maxigan, non possono essere utilizzati per l'HS, poiché il metamizolo sodico incluso nella loro composizione viene escreto nel latte materno sotto forma di metaboliti.

Maggiori informazioni sull'assunzione di Analgin durante l'allattamento qui

Nimesulide

La nimesulide appartiene al gruppo dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei). Il farmaco allevia il dolore e l'infiammazione, abbassa la temperatura corporea, ma è controindicato per le madri che allattano. Gli analoghi completi di Nimesulide sono i seguenti farmaci:

  • Nimulide;
  • Nise;
  • Nimesil.

Ketanov

Ketanov contiene ketorolac come ingrediente attivo. È controindicato durante la gravidanza, il parto e l'allattamento, nonché in pazienti di età inferiore a 16 anni. Il farmaco viene prodotto in iniezioni e compresse.

Il farmaco passa nel latte materno. Dopo la somministrazione orale, la concentrazione massima nel sangue viene osservata dopo 2 ore. Gli analoghi completi di Ketanov sono i seguenti farmaci:

  • Ketorol;
  • Dolak;
  • Ketorolac;
  • Ketalgin.

Diclofenac

Diclofenac appartiene al gruppo dei FANS. Il farmaco ha un effetto antipiretico e analgesico, allevia il processo infiammatorio. Il medicinale è prodotto da diverse società nazionali ed estere in compresse, iniezioni, gel, unguenti, supposte rettali, colliri. Quando il farmaco viene assunto per via orale, iniettato in un muscolo o nell'ano, Diclofenac passa nel latte materno. Pertanto, è controindicato in compresse, supposte e iniezioni..

Non ci sono dati sul fatto che venga escreto attraverso le ghiandole mammarie se usato sotto forma di gel o unguento, quindi non è auspicabile che una madre che allatta li usi senza la raccomandazione di un medico.

Quando è necessario utilizzare un analgesico, il gel o l'unguento non possono essere applicati alle ghiandole mammarie, a una ferita aperta e anche per essere utilizzati a lungo..

Il gel e l'unguento Diclofenac non devono essere applicati se la loro composizione e altri FANS sono intolleranti. Dovrebbero essere usati con cautela se una donna ha le seguenti patologie:

  • Esacerbazione della porfiria epatica;
  • Ulcera gastrointestinale;
  • Asma bronchiale;
  • Grave malattia del fegato e dei reni;
  • Problemi di coagulazione del sangue;
  • Insufficienza cardiaca cronica.

Diclofenac sotto forma di gel e unguento può essere utilizzato durante il periodo di alimentazione, ma è necessaria la consultazione con il medico curante, poiché il farmaco può causare le seguenti reazioni avverse:

  • Orticaria, edema di Quincke, eruzione cutanea;
  • Asma bronchiale;
  • Eczema, dermatite, eritema, fotosensibilità;
  • Pelle secca, bruciore.

Possono essere utilizzati per il dolore che si manifesta con le seguenti patologie:

  • Nevralgia;
  • Infiammazione dei tendini;
  • Osteocondrosi;
  • Artrosi deformante;
  • Mialgia;
  • Lesioni, contusioni e distorsioni del sistema muscoloscheletrico.

Gli analoghi completi di Diclofenac sono in vendita:

  • Ortofen;
  • Voltaren;
  • Diklovit.

Come calmare il dolore più velocemente

I farmaci consentiti possono variare a seconda del tipo di dolore.

Mal di testa

Per alleviare il mal di testa, possono essere utilizzati farmaci a base di ibuprofene e paracetamolo.

Con la cefalea, non è possibile utilizzare medicinali contenenti acido acetilsalicilico e caffeina, come:

  • Citramon P;
  • Kofitsil;
  • Askofen-P.

L'acido acetilsalicilico può causare allergie, sanguinamento, disturbi digestivi e del sistema nervoso centrale in un bambino. La caffeina può causare sovraeccitazione, aumento della frequenza cardiaca in un bambino.

Pertanto, qualsiasi analgesico per una madre che allatta che contenga caffeina e acido acetilsalicilico è controindicato..

Mal di denti

Se si verifica un mal di denti, è meglio consultare immediatamente un dentista, soprattutto perché Ultracaine è consentito per l'assistenza infermieristica per l'anestesia locale.

Quando è impossibile prendere un appuntamento per far fronte al dolore, i farmaci a base di paracetamolo o ibuprofene aiuteranno.

Dolore all'inguine

Se compare dolore all'inguine, non assumere analgesici senza la raccomandazione di un medico, poiché possono imbrattare il quadro clinico e la diagnosi sarà errata.

Inoltre, il disagio può essere causato da una patologia pericolosa, inclusa una gravidanza extrauterina, una cisti ovarica rotta, appendicite, che senza assistenza di emergenza può portare alla morte..

Dolore muscolare

In caso di mialgia, è meglio dare la preferenza a farmaci esterni. Il dolore può essere alleviato con farmaci a base di diclofenac, ibuprofene, come Dolgit, Diklovit, Naklofen.

Emorroidi

Spesso durante l'allattamento, una donna sviluppa emorroidi. Se il dolore si verifica sullo sfondo di questa patologia, è possibile utilizzare candele e crema Procto-Glivenol. Sono usati per le emorroidi esterne ed interne. Il farmaco contiene lidocaina e tribenoside come ingredienti attivi..

Un agente antiemorroidario è vietato in caso di intolleranza alla sua composizione e insufficienza epatica. Può causare allergie, prurito e bruciore all'ano..

Puoi anche alleviare il dolore durante l'allattamento con le candele e la crema Relief Advance. L'effetto terapeutico di loro è spiegato dalla benzocaina..

Il farmaco viene utilizzato per eliminare il dolore nelle emorroidi, ragadi anali, dopo un intervento chirurgico al retto e durante le procedure diagnostiche.

Relief Advance non può essere utilizzato in caso di ipersensibilità alla sua composizione, tromboembolia, bassa conta dei granulociti.

Durante il trattamento con i farmaci possono verificarsi allergie, prurito e arrossamento della regione anorettale..

Dolore dopo taglio cesareo

Per l'anestesia dopo un taglio cesareo, così come dopo qualsiasi altra operazione, sono consentiti farmaci a base di paracetamolo e ibuprofene.

Dolore durante le mestruazioni

Con mestruazioni dolorose durante l'allattamento, puoi bere farmaci contenenti ibuprofene e paracetamolo: Advil Liquid-Jels, Faspik.

Cosa fare se hai bisogno di prendere un potente farmaco

Succede che una donna che allatta abbia bisogno di bere un rimedio proibito o abbia controindicazioni ai farmaci approvati, quindi per il periodo di terapia si consiglia di trasferire il bambino all'alimentazione artificiale.

Dopo quanto tempo è possibile riprendere l'allattamento al seno dipende dal farmaco specifico, poiché il tempo di eliminazione dal corpo dei farmaci è diverso.

Affinché il latte non finisca e il bambino riprenda il seno, è necessario osservare le seguenti regole:

  • Esprimere durante il trattamento;
  • Non nutrire il bambino da una bottiglia, poiché è più facile succhiare ed è possibile che dopo non succhierà;
  • Puoi nutrire il tuo bambino con una siringa senza ago.

Conclusioni: sono possibili antidolorifici con l'allattamento al seno?

Esistono molti analgesici sicuri per una madre che allatta e un bambino, ma devono essere utilizzati nel dosaggio efficace più basso e per un breve periodo..

Devi sapere non solo quali farmaci puoi bere durante l'allattamento, ma anche scegliere un rimedio tenendo conto delle sue controindicazioni e tollerabilità.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Gravidanza 20 settimane

Parto

20 settimane di gravidanza quanti mesi?La ventesima settimana di gravidanza diventa una tale "linea di demarcazione" dell'intero periodo di gravidanza. Dopo tutto, la ventesima settimana di gravidanza cade alla fine del quinto mese: se il parto avviene a 40 settimane, la ventesima settimana di gravidanza sarà esattamente "la metà della distanza percorsa".

Poncho asciugamano bambino

Analisi

Un asciugamano per neonato con cappuccio è il sogno di quasi tutti i bambini e dei suoi genitori. Un asciugamano del genere è utile non solo a casa (puoi avvolgere un bambino dopo aver fatto il bagno o la doccia), ma anche, ad esempio, in spiaggia.

Bendaggio postpartum: NECESSARIO o NON?

Neonato

Commenti degli utenti 1 2Pts mi ha aiutato. 4 giorni e niente pancia. Ma ho un modello di corsetto. Pts fantastici tiri.Qual è il nome della tua azienda? Non ho già tempo per andare a esaminarli, sono in ospedale, voglio ordinare e cosa porterebbe mio marito)

Integrare il bambino con il latte artificiale

Infertilità

Integrare il bambino con il latte artificiale nei primi sei mesi di vitaL'alimentazione supplementare è un alimento aggiuntivo che un bambino riceve nel primo anno di vita con il latte materno.