Principale / Concezione

È possibile allattare al seno a una temperatura

L'alimentazione naturale è la base per lo sviluppo completo e armonioso di un neonato. Sfortunatamente, il corpo di una giovane madre non è immune dalla penetrazione di agenti patogeni infettivi che provocano gravi malattie. Una delle manifestazioni di una lesione infettiva del corpo è una reazione termica.

Quando le condizioni generali di una donna che allatta peggiorano, sorge la domanda sulla sicurezza di attaccare il bambino al seno. Per rispondere a questa domanda, è necessario comprendere le cause di questa condizione..

Le ragioni

Un aumento della temperatura corporea è spesso causato da malattie infettive di natura virale o batterica. La stagionalità è caratteristica di tali patologie. Il corpo di una donna che allatta può anche sperimentare febbre alta causata da fattori non infettivi. Le cause più comuni di malattia e febbre includono:

  • Un leggero aumento degli indicatori è innescato dalla maturazione dell'uovo (ovulazione) o dallo shock emotivo.
  • Nell'80% dei casi, questa condizione si forma sullo sfondo di una lesione infettiva del corpo. La ragione di ciò è l'influenza e la SARS. I sintomi comuni del raffreddore sono naso che cola, tosse, mal di gola, dolori muscolari e malessere generale..
  • Per una madre che allatta, la lattostasi e la mastite sono rilevanti, che si verificano sullo sfondo del ristagno nella ghiandola mammaria. Questa malattia è caratterizzata da infiammazione persistente e febbre. Complicazioni purulente della mastite si verificano sullo sfondo di un'infezione batterica o fungina che penetra attraverso abrasioni e crepe nei capezzoli.
  • Nelle prime 2-3 settimane dopo il parto, il corpo di una giovane madre è vulnerabile a qualsiasi malattia infiammatoria. Una debole immunità postpartum spesso porta a un'esacerbazione di patologie croniche.
  • Una causa comune di questa condizione è l'infezione di origine alimentare. L'intossicazione alimentare banale è accompagnata da grave intossicazione del corpo e aumento della temperatura corporea.

Se la temperatura non supera i 38 gradi, la donna che allatta può continuare ad attaccare il bambino al seno. Se questi indicatori raggiungono i 39-40 gradi, i cambiamenti si verificano non solo nella composizione quantitativa e qualitativa del latte, ma anche nella sua consistenza. Non tutti i bambini accetteranno tale cibo, quindi si raccomanda alla donna di portare la temperatura a valori normali..

Indicazioni per l'allattamento al seno

In alcuni casi, gli operatori sanitari raccomandano che la catena dell'allattamento al seno non venga interrotta, anche se la temperatura è elevata. Questa raccomandazione ha le sue ragioni:

  • L'allattamento al seno a temperature elevate assicura che gli interferoni entrino nel corpo del bambino con il latte materno. Ciò garantisce la formazione di una difesa immunitaria affidabile del corpo del bambino..
  • La reazione termica è una conseguenza della maggiore lotta del corpo della madre con agenti patogeni infettivi. L'allattamento al seno ha un effetto positivo sulla salute della madre e del bambino.
  • Attaccare il bambino al seno nel solito modo è la prevenzione della congestione e della mastite..
  • Prendendo una pausa dall'allattamento al seno, una donna non può essere sicura che il suo bambino non rifiuterà un'altra porzione di latte..

Controindicazioni

Nonostante i benefici dell'allattamento al seno, ci sono divieti su questa procedura. La temperatura corporea elevata è una controindicazione all'alimentazione di un bambino in questi casi:

  • Se le letture della temperatura hanno superato la cifra di 39 gradi. Con una febbre significativa, il gusto e la consistenza del latte materno cambiano. Per prevenire il rifiuto del bambino dall'allattamento al seno, si consiglia di ottenere una diminuzione della temperatura.
  • Nei casi in cui la temperatura elevata è il risultato di malattie acute e croniche di organi e sistemi. Questo gruppo di patologie comprende malattie dell'apparato respiratorio, reni, fegato e cuore..
  • Se una donna che allatta è costretta a sottoporsi a una terapia antibiotica, deve astenersi dall'allattamento al seno. Entrando nel corpo del bambino attraverso il latte, gli antibiotici causano disbiosi e altre complicazioni.

Come abbassare la temperatura

La stabilizzazione rapida della temperatura corporea è nell'interesse della madre e del neonato. Le seguenti raccomandazioni aiuteranno a normalizzare la condizione:

  • Quando la temperatura corporea supera i 38 gradi, è necessario assumere un agente antipiretico. A tale scopo, è necessario utilizzare farmaci a base di ibuprofene o paracetamolo. Tali fondi non hanno un effetto negativo sul corpo del bambino..
  • Gli antipiretici possono essere usati sotto forma di supposte. Ciò ridurrà la probabilità che i principi attivi entrino nel latte materno..
  • Se la temperatura corporea non raggiunge i 38 gradi, non dovresti ridurla. La reazione termica è accompagnata dalla produzione attiva di anticorpi.
  • La temperatura corporea deve essere misurata prima e dopo l'alimentazione. Questo ti permetterà di controllare lo stato. Quando gli indicatori salgono, prendono un agente antipiretico. Per ulteriori informazioni sulla selezione dei medicinali e sulle regole per l'assunzione, vedere il collegamento https://vskormi.ru/mama/temperatura-u-kormyashhej-mamy/.
  • In caso di infezione da agenti patogeni virali, si raccomanda di riposare a letto e bere molto. Con una quantità sufficiente di liquido caldo, il corpo si libera delle tossine rilasciate dai virus. Come bevanda calda è necessario utilizzare tisane con marmellata di lamponi, bevande ai frutti di bosco, composta di frutta secca e latte caldo. La restrizione dei liquidi si applica a quelle donne che devono affrontare il problema della mastite.

Se la reazione della temperatura rientra nella norma consentita, nutrire il bambino è un'attività importante e utile. Prima di decidere sulla conservazione dell'allattamento, è consigliabile che una giovane madre visiti un medico specialista per determinare la causa della temperatura elevata.

Se il malessere è causato da un'infezione virale, è necessario il contatto con il bambino con una garza usa e getta o una maschera di cellulosa, che proteggerà il bambino dalle infezioni. L'intossicazione alimentare è un motivo per contattare un medico specialista. In caso di grave disagio, l'alimentazione viene sospesa fino a quando la madre non si sente meglio..

Il rispetto di semplici regole aiuterà una donna che allatta a evitare gravi complicazioni dovute all'elevata temperatura corporea e a mantenere l'allattamento al seno al giusto livello..

Una donna può allattare al seno a una temperatura elevata?

I pediatri consigliano di dare il seno al bambino su richiesta. Tuttavia, una serie di circostanze può impedire alla madre di seguire le raccomandazioni. A volte una donna si ammala e inizia a dubitare che sia possibile allattare al seno ad alta temperatura..

Ragioni di temperatura

L'ipotermia stessa è solo un sintomo di qualche tipo di malattia. Solo un medico può determinare la causa esatta. Quando vengono eseguiti test di laboratorio per determinare se è possibile allattare al seno se la temperatura aumenta, a una donna viene spesso diagnosticato:

  1. Infiammazione dopo il parto. Se la madre avverte dolore all'addome, che è accompagnato da una temperatura bassa (fino al 38%), molto probabilmente ci sono complicazioni postpartum. La patologia più grave è l'endometrite. Può avere conseguenze negative. Pertanto, al minimo sospetto di un processo infiammatorio, dovresti consultare un medico.
  2. Virus. Nella stagione fredda, gli ARVI di varia gravità sono comuni. Possono essere riconosciuti da un forte aumento della temperatura a 38,5 - 39,5 gradi, secrezione nasale. Spesso ci sono sintomi come dolori muscolari, mal di testa, condizioni generali "rotte".
  3. Latte stagnante. La lattostasi e la mastite sono problemi gravi che richiedono un trattamento immediato. Si presentano molto spesso a causa del latte in eccesso o di un'alimentazione organizzata in modo improprio. Se si osservano crepe profonde sui capezzoli, può unirsi un'infezione fungina o batterica. I principali sintomi della lattostasi: grave gonfiore della ghiandola mammaria, dolore (all'inizio potrebbe non essere), arrossamento, un leggero aumento della temperatura.
  4. Intossicazione del corpo. Più spesso si verifica a causa di intossicazione alimentare, accompagnata da nausea, forte dolore addominale, diarrea. Si possono osservare tassi elevati (sopra i 39 gradi).
  5. Fatica. Un cambiamento radicale nello stile di vita può paralizzare una donna così tanto che noterà un frequente aumento inaspettato della temperatura..
  6. Ovulazione. I miti secondo cui il processo è impossibile mentre GW è in corso sono stati a lungo dissipati dagli specialisti. L'ovulazione avviene già nel primo mese dopo la nascita. Allo stesso tempo, c'è un cambiamento nella temperatura basale: sale leggermente sopra i 37 gradi.
  7. Malattie croniche: cistite, tonsillite, pielonefrite, ecc..

Le madri che allattano dovrebbero prestare attenzione alle condizioni delle vene. Durante il parto, le pareti venose spesso si infiammano, il che può causare tromboflebite..

È possibile nutrire un bambino durante una malattia?

I pediatri consigliano l'allattamento al seno per quasi tutte le cause di ipertermia. I vantaggi sono dovuti ai seguenti fattori:

  • senza il regolare svuotamento del seno da parte del bambino, la lattostasi può peggiorare, perché è impossibile esprimere fino all'ultima goccia;
  • durante la malattia, il corpo della madre forma anticorpi, che penetrano nel latte materno e quindi nel corpo del bambino.

Non appena la febbre della madre raggiunge i 38 gradi, deve essere abbattuta con un farmaco antipiretico. Le donne che allattano possono usare il paracetamolo e l'ibuprofene, disponibile sotto forma di compresse o supposte.

Se l'ipertermia è causata da un'infezione virale, è dimostrato che bere molti liquidi allevia la condizione e guarisce rapidamente. In caso di forte stress, la prima cosa che una madre dovrebbe fare è riposarsi, calmarsi. Quindi la sua salute tornerà gradualmente alla normalità..

Casi di cancellazione del seno

L'allattamento al seno può essere continuato solo se la donna ha escluso farmaci controindicati per l'epatite B. Si consiglia di interrompere l'allattamento per i seguenti motivi:

  • dolore al petto (soprattutto se accompagnato da febbre alta);
  • gravi malattie degli organi interni;
  • la malattia della mamma è di natura batterica (il che implica un trattamento antibiotico).

Le controindicazioni all'epatite B sono malattie materne come:

  • qualsiasi forma di tubercolosi;
  • sifilide;
  • AIDS;
  • epatite.

Trattamento

Poiché l'ipertermia è causata da una varietà di malattie, ci sono diversi modi per trattarla. La cosa principale è ricordare che lo stato del bambino dipende dalla salute della madre che allatta, quindi qualsiasi terapia è consentita solo dopo aver consultato un medico.

Rimedi popolari

Il trattamento con metodi naturali "della nonna" ha senso quando l'aumento della temperatura è causato da:

  1. Infezione virale. Per il trattamento è indicata un'abbondante bevanda di acqua pura. Le tisane e gli infusi sono utili ed efficaci. A causa dell'alto contenuto di vitamina C, vengono mostrate bevande con lamponi, limone, ribes e altri frutti di bosco. Il latte caldo è consigliato per alleviare il dolore all'interno del rinofaringe, ma non ha senso berlo da una tosse secca. Per proteggere il bambino dall'allergia ai frutti di bosco, dovresti provare un nuovo tè gradualmente, ricordando di monitorare le condizioni delle briciole. Si consiglia a una madre che allatta di indossare una benda di garza per proteggere il più possibile il bambino dall'infezione.
  2. Fatica. Il silenzio, la pace e un impacco freddo aiuteranno. Il panno per esso può essere inumidito in una soluzione di aceto e acqua.

Entrambi i casi implicano il riposo a letto. Va bene se c'è un assistente, ad esempio un parente stretto, che si prenderà cura del bambino..

I rubdown rimangono un modo comune per abbassare rapidamente la temperatura. A tale scopo, utilizzare vodka o aceto diluito con acqua (rapporto da 30 a 70), oltre a tessuto naturale morbido. Innanzitutto, è consigliabile pulire i gomiti, le ginocchia, i piedi e le ascelle. Se non si osserva alcun effetto, puoi bagnare completamente il tuo corpo. Quindi dovresti sdraiarti senza una coperta in modo che il liquido evapori liberamente..

Il clistere con un decotto di camomilla viene abbattuto con successo. Foglie secche (4 cucchiai. L.) Versare 250 ml di acqua bollente. Quindi filtrare l'infuso, diluire con acqua (100 ml di infuso per 100 ml di acqua), fare un clistere.

Farmaci

Attualmente, l'OMS nomina solo 2 sostanze antipiretiche attive che sono accettabili per l'HS: ibuprofene e paracetamolo.

L'ibuprofene allevia il dolore, neutralizza l'infiammazione, abbassa la temperatura. È prescritto per malattie infettive delle vie respiratorie, nevralgiche e altre deviazioni. Nel sangue, la concentrazione più alta si osserva un paio d'ore dopo l'assunzione del farmaco contenente ibuprofene. Pertanto, non ha senso aspettarsi un rapido abbassamento della temperatura, l'effetto massimo si verifica almeno in un'ora. Per l'allattamento, la dose massima sicura è di 800 mg al giorno..

Dopo un sovradosaggio, si osservano i seguenti effetti collaterali:

  • nausea;
  • reazioni allergiche;
  • vertigini.

Farmaci comuni contenenti ibuprofene: Ibuprom, Ibufen, Nurofen.

È meglio prendere il medicinale immediatamente dopo la successiva poppata, in modo che la volta successiva la concentrazione della sostanza sia ridotta.

I preparati contenenti paracetamolo non sono meno popolari e si trovano spesso nei kit di medicinali domestici. Hanno un lieve effetto antinfiammatorio, sono spesso prescritti dai medici insieme all'analgin (che è controindicato per le donne che allattano). L'effetto antipiretico massimo si verifica entro 40 minuti dalla somministrazione. Durante l'allattamento, è consentito assumere non più di 4 compresse al giorno, tuttavia solo un medico può prescrivere il dosaggio esatto.

Poiché il paracetamolo passa nel latte materno, è tossico per il fegato del bambino. Per ridurre i rischi, non puoi bere tali farmaci per più di 5 giorni. Per escludere una reazione allergica nei neonati, è necessario scegliere le opzioni in cui vi è un minimo di eccipienti.

Farmaci popolari a base di paracetamolo: Fervex, Panadol, Coldrex, Teraflu, Anvimax, Flucoldex.

Se il farmaco con un ingrediente attivo non funziona, è consentito prenderne un altro dopo 2 ore. Ad esempio, il paracetamolo a volte non abbassa la temperatura oltre i 39 gradi. Allora dovresti prendere l'ibuprofene.

È consigliabile che le madri che allattano prestino attenzione alle supposte rettali antipiretiche. Vantaggi dell'utilizzo:

  • il principio attivo praticamente non penetra nel latte;
  • ha un effetto più morbido e duraturo.

Adulti e bambini non devono essere trattati con supposte per più di tre giorni..

Ci sono momenti in cui a una donna è severamente vietato auto-medicare. Se hai questi sintomi, dovresti consultare immediatamente un medico:

  • l'ipertermia si verifica periodicamente per un motivo sconosciuto;
  • dopo l'antipiretico rimane intorno ai 37,5-38 gradi;
  • dura più di 3 giorni.

Queste condizioni implicano un'infezione batterica o fungina. Quindi sono necessari farmaci, che possono essere prescritti solo da un medico..

L'ipertermia non è un motivo per privare un bambino del latte materno. Tuttavia, ci sono sempre dei prerequisiti. Per capire il motivo, oltre a mantenere la salute, è quindi meglio avvalersi delle raccomandazioni di un medico esperto.

È possibile nutrire un bambino alla temperatura di una madre con il latte materno

Nessuno è immune dalla malattia. Le madri che allattano non fanno eccezione. Un organismo indebolito dal parto può facilmente prendere un'infezione. Che dire dell'allattamento al seno in questo caso? È possibile nutrire un bambino alla temperatura di una madre con il latte materno? Cosa fare in una situazione del genere se questa è l'unica fonte di nutrimento per il bambino?

Allattamento al seno e febbre alta

La temperatura della madre durante l'allattamento

Una febbre alta in una donna che allatta è motivo di grave preoccupazione. In primo luogo, la cattiva salute della madre rende molto più difficile prendersi cura del bambino. Spesso non puoi fare a meno dell'aiuto dei tuoi cari in una situazione del genere: devi eseguire procedure igieniche, camminare e giocare con tuo figlio e svolgere le faccende domestiche. Queste attività quotidiane si trasformano in un duro lavoro in presenza di alte temperature. In secondo luogo, e soprattutto, sorge la domanda sulla sicurezza del latte materno per il bambino. La situazione è particolarmente critica quando il bambino non ha ancora un anno e il latte materno per lui è l'unico o principale componente della nutrizione. Quindi è possibile nutrire un bambino con la febbre o è questo un motivo per interrompere l'allattamento?

Ragioni per l'aumento della temperatura

Prima di decidere se interrompere l'allattamento al seno, è necessario comprendere la causa della febbre. Di per sé, non è una malattia, è solo uno dei sintomi. In linea di principio, non ci si dovrebbe auto-medicare, ma in relazione a una madre che allatta, è semplicemente pericoloso. Ci sono diversi motivi per cui la temperatura può aumentare:

  • un'infezione virale, o un raffreddore, è la causa più comune, soprattutto se esiste un vero portatore di virus (un papà, una nonna in visita o un bambino più grande portato dall'asilo o dalla scuola);
  • malattie infiammatorie postpartum, se è trascorso meno di un mese dalla nascita del bambino - infiammazione o deiscenza delle cuciture;
  • esacerbazione di infezioni croniche (pielonefrite, herpes);
  • mastite - infiammazione batterica del seno;
  • malattie batteriche del rinofaringe e delle tonsille - tonsillite, tonsillite, sinusite;
  • avvelenamento del cibo;
  • patologia degli organi interni.

La decisione sulla possibilità di allattamento durante il trattamento della malattia dovrebbe essere presa dal medico dopo l'esame e l'esame..

La causa più comune di febbre sono le infezioni virali.

Perché continuare ad allattare

Un bambino viene svezzato dal seno nei casi più estremi, quando i farmaci sono incompatibili con l'allattamento o se esiste il rischio di trasferire l'infezione nel latte materno. Ci sono spesso situazioni in cui i benefici dell'allattamento al seno per il bambino superano i possibili rischi, quindi i medici raccomandano di continuare e mantenere l'allattamento durante il trattamento e persino il ricovero. Continua a nutrire o spremere il latte regolarmente per poter biberonare.

Informazioni importanti! Se il trattamento viene effettuato con antibiotici, è possibile interrompere temporaneamente l'alimentazione, trasferire il bambino al latte artificiale, ma è importante estrarre il latte fino a 6 volte al giorno (in base al numero di poppate). Ciò contribuirà a evitare il ristagno del latte e a riprendere l'alimentazione dopo il recupero..

Effetto della temperatura sulla lattazione

Per qualche ragione, si credeva che quando la temperatura corporea aumenta, il latte materno si caglia, diventa acido o amaro e cambia anche la sua consistenza e il suo colore ed è impossibile nutrire tale latte. Questo è un pregiudizio.

L'unico rischio in caso di malattia è l'ingresso di sostanze medicinali nel latte che sono vietate ai neonati, nonché l'avvelenamento del corpo del bambino con le tossine prodotte in alcune malattie. A temperature elevate causate da ARVI o ARI, nel latte vengono prodotti anticorpi protettivi. Ricevendo regolarmente latte, il bambino aumenta la sua immunità. Durante questo periodo, è importante bere più liquidi. Il corpo reintegrerà la perdita di liquidi e diminuirà il rischio di ristagno del latte nelle ghiandole.

Devo abbassare la temperatura

È necessario abbattere la temperatura se supera l'indicatore sopra i 38 gradi. Fino a questo punto, con il normale benessere della madre che allatta, si può permettere al corpo di produrre da solo gli anticorpi, permettendo di far fronte alla malattia. Dovresti anche prendere misure per ridurre la temperatura, se anche un leggero aumento causa una salute estremamente precaria. Dato che ci vuole forza per prendersi cura e nutrire un bambino, questo è giustificato.

Anche in assenza di malattia, la temperatura di una madre che allatta può essere superiore alla norma accettata di 36,6 gradi e raggiungere 37 o addirittura 37,5 gradi.

Informazioni importanti! Durante l'allattamento, la temperatura sotto l'ascella deve essere misurata 30-40 minuti dopo l'alimentazione o l'estrazione. Il sudore deve essere asciugato prima della misurazione.

Correggere la misurazione della temperatura

Quali farmaci per la febbre sono sicuri per l'allattamento

Se la temperatura è aumentata in modo acritico e le condizioni generali sono soddisfacenti, stabili, senza deterioramento, puoi osservare il corpo per 1-2 giorni. La ragione dell'aumento della temperatura può essere la stanchezza cronica dovuta alla mancanza di sonno. È necessario rivedere la routine quotidiana, per allocare abbastanza tempo per il riposo e il sonno. È possibile che siano queste misure a normalizzare lo stato.

Se si riscontrano sintomi concomitanti caratteristici dell'ARVI, come naso che cola e tosse, è necessario bere molti liquidi come terapia. Per questi scopi, le bevande alla frutta di mirtillo rosso e mirtillo rosso, il tè al limone sono l'ideale. Il miglior rimedio popolare per la febbre è la marmellata di lamponi, aiuta a sudare. Bere molti liquidi caldi prima di mangiare. Inoltre, in condizioni di allattamento al seno, non dovresti lasciarti trasportare, in modo che il bambino non abbia un'allergia..

Risciacqua regolarmente il naso con soluzioni saline, inalazione di vapore e gargarismi. È inoltre necessario osservare le condizioni di temperatura e umidità nella stanza in cui si trovano il bambino e la madre. L'aria fresca e umida eviterà che il muco nel rinofaringe si ispessisca.

Rimedi casalinghi popolari

Informazioni importanti! Con la mastite, bere molti liquidi è controindicato, causerà un forte afflusso di latte, che peggiorerà la condizione.

Se le dinamiche sono negative e non vi è alcun miglioramento il 3 ° giorno dopo l'inizio dei sintomi della malattia, è necessario assumere un agente antipiretico. A condizione che l'allattamento continui, possono essere approvati solo i farmaci basati su due principi attivi:

  • paracetamolo;
  • ibuprofene.

Nonostante il fatto che passino nel latte materno, la loro azione è sicura per il bambino. Sono questi medicinali sotto forma di sciroppi e supposte che possono essere assunti direttamente dai bambini. Il dosaggio per un adulto deve essere calcolato in base al peso. È necessario assumere farmaci immediatamente dopo l'alimentazione, in modo che entro il prossimo la concentrazione del principio attivo sia già minima. Durante il giorno, quando è urgente abbassare la temperatura, la forma raccomandata del medicinale è compresse e sciroppo, usa una candela di notte. La durata della supposta è più lunga e il medicinale in questa forma penetra minimamente nel latte materno.

Farmaci consentiti per l'allattamento

È severamente vietato assumere farmaci a base di aspirina durante l'allattamento, nonché compresse solubili effervescenti. Il rischio di conseguenze negative per il bambino dopo aver assunto tali farmaci da una madre che allatta è molto alto. Il cervello e il fegato sono a rischio. Se a casa non ci sono farmaci approvati, è meglio usare metodi casalinghi: si tratta di impacchi freddi e strofinamento, piuttosto che assumere sostanze pericolose per la vita del bambino.

Quando interrompere l'allattamento al seno

È necessario decidere la continuazione del GV o una pausa temporanea dopo la visita di un medico. È necessario valutare e soppesare i rischi che sono possibili per il bambino quando la madre si ammala e assume farmaci.

Quando è consentito l'allattamento al seno

Con le seguenti malattie, accompagnate da una temperatura elevata (aumentata entro limiti ragionevoli, fino a 38 °), l'allattamento può e deve essere mantenuto:

  • Con le infezioni respiratorie acute e le infezioni virali respiratorie acute, a volte vengono chiamate "raffreddori", la madre che allatta, a stretto contatto con il bambino, gli ha comunque trasmesso il virus. Quando la temperatura aumenta, il corpo femminile inizia già a produrre interferone per combattere il virus. Gli anticorpi penetrano anche nel latte, quindi il bambino non si ammala affatto o trasferisce facilmente la malattia, avendo sviluppato un'immunità protettiva per il futuro;
  • La lattostasi, la mastite in una fase iniziale (non purulenta) non sono motivi per interrompere l'HV, al contrario, lo svuotamento regolare del seno è necessario per il successo del trattamento; altrimenti, il seno traboccherà e causerà una temperatura ancora più alta;
  • Un'infezione intestinale in una forma lieve passa dopo che il tratto gastrointestinale è stato completamente ripulito dalle tossine. Questo accade in un giorno se segui una dieta. È necessario continuare l'alimentazione per sviluppare anticorpi nel latte contro l'infezione.

Quando interrompere l'allattamento

La maggior parte delle malattie non rappresenta un rischio per il bambino e l'allattamento può essere continuato. Tuttavia, ci sono una serie di malattie in cui l'alimentazione dovrà essere interrotta per un po '. Questi includono:

  • polmonite;
  • tonsillite purulenta;
  • mastite purulenta;
  • cistite;
  • grave infezione intestinale;
  • dissenteria.

A causa delle gravi condizioni della madre con tali malattie, la produzione di latte può diminuire, ma ha ancora bisogno di una quantità sufficiente di energia. Pertanto, prima di tutto, è necessario il trattamento. Le infezioni batteriche, trattate con antibiotici, provocano un aumento significativo della temperatura. Di per sé, sono raramente compatibili con l'allattamento, possono causare allergie e disbiosi. Inoltre, le malattie sono pericolose per il bambino a causa delle tossine che penetrano nel latte. Per un neonato, ciò influirà negativamente sulla condizione..

Come mantenere l'allattamento durante il trattamento

Se la malattia ti consente di mantenere l'allattamento, devi continuare a nutrirti come al solito, che era prima della malattia. In una situazione in cui il medico ha prescritto un'interruzione temporanea dell'allattamento per il periodo di terapia, è necessario estrarre regolarmente. In questo modo, il latte non verrà sprecato, poiché la necessità non diminuirà. Dopo il recupero, puoi continuare a nutrirti con successo.

Non molto tempo fa, c'era un tempo in cui, in caso di malattia, si consigliava alla madre di far bollire il latte spremuto e, dopo il trattamento termico, di darlo al bambino attraverso un biberon. I pediatri moderni insistono categoricamente a non farlo, poiché dopo l'ebollizione tutti gli oligoelementi benefici del latte scompaiono e non ha valore biologico..

Se la madre sta assumendo farmaci che non sono compatibili con l'allattamento al seno, o se l'infezione è grave batterica, il latte estratto deve essere scartato. Per questo periodo, il bambino deve essere trasferito alla nutrizione artificiale e nutrito con latte artificiale. Dopo il recupero e la consultazione con il medico curante sul periodo di completa eliminazione dei farmaci dal corpo, l'allattamento al seno può essere continuato.

Esprimere per mantenere l'allattamento

Un aumento della temperatura in una madre che allatta non è sempre un motivo per interrompere o addirittura interrompere l'allattamento al seno. A volte il bambino può e deve continuare a essere nutrito ad alta temperatura. Questo è ciò che gli consente di trasferire più facilmente l'infezione e sviluppare un'immunità protettiva. La diagnosi della malattia, il cui sintomo è l'ipertermia, dovrebbe essere trattata da un medico qualificato..

È possibile allattare al seno a una temperatura

Allattamento al seno a una temperatura

Il periodo di allattamento al seno è piuttosto lungo, quindi non sorprende che le madri che allattano abbiano il tempo di ammalarsi di malattie virali durante questo periodo.

Cosa deve sapere una donna per non gestire la sua salute e non danneggiare il bambino? Parliamo di questo in ordine..

Motivi per un aumento della temperatura durante l'acqua calda

La prima cosa che viene in mente è la SARS, ma cosa succede se praticamente non esci di casa e, oltre alla febbre, non ci sono altri sintomi.

Non c'è bisogno di indovinare, è necessario chiamare immediatamente un medico che stabilirà una diagnosi accurata e prescriverà un trattamento accettabile per l'allattamento al seno. Ecco alcuni dei motivi più comuni:

  1. Se si osserva un aumento della temperatura nelle prime settimane dopo il parto, il motivo è molto probabilmente dovuto all'infiammazione postpartum o all'esacerbazione dell'infezione. In questo caso, la donna è semplicemente obbligata ad andare in ospedale per fare tutte le ricerche e gli esami necessari..
  2. La mastite è una malattia delle ghiandole mammarie causata dall'esposizione a Staphylococcus aureus. Nella maggior parte dei casi, si verifica a causa di un'igiene impropria della donna. Durante l'allattamento al seno, è molto importante monitorare le condizioni della pelle del seno. È necessario fare la doccia ogni giorno, se ci sono crepe e ferite sui capezzoli, è necessario trattarli con unguenti medicinali. È attraverso di loro che i batteri penetrano nella pelle..
  3. L'ARVI è un'infezione virale respiratoria acuta. Un fenomeno molto comune nella stagione fredda, però, si può ottenere anche in estate.
  4. Avvelenamento del cibo. Nonostante il fatto che durante il periodo dell'allattamento al seno le donne siano molto attente alla loro dieta, ci sono spesso casi di avvelenamento.

Come misurare correttamente la temperatura dell'acqua calda?

Poche persone sanno che quando si misura la temperatura sotto l'ascella, quando la ghiandola mammaria è il più piena possibile, la temperatura aumenterà. Un indicatore fino a 37,3 è considerato la norma.

Ciò è dovuto al fatto che durante la produzione di latte viene generato calore, a causa del quale la temperatura corporea aumenta leggermente. Pertanto, dovrebbe essere misurato al gomito o mezz'ora dopo l'alimentazione o il pompaggio sotto l'ascella. Prima di ciò, è necessario pulire il sito di misurazione e solo allora prendere le misurazioni.

È possibile nutrirsi con la temperatura?

È anche molto comune credere che se una madre che allatta un bambino ha anche una temperatura bassa, dovrebbe interrompere urgentemente l'alimentazione. Il latte deve essere spremuto e scartato.

Questa è un'informazione obsoleta! Nel tempo, i medici sono giunti alla conclusione che non solo non è dannoso nutrirsi durante una temperatura, ma anche utile! Quasi tutte le organizzazioni più grandi e rispettate hanno raggiunto un'opinione comune.

Il primo motivo per cui non dovresti interrompere l'allattamento è che un bambino in futuro potrebbe abbandonare completamente l'allattamento al seno. Dopotutto, se la mamma versa il latte materno, dovrà integrare con la formula.

Molti bambini si rifiutano di allattare dopo il biberon. Inoltre, c'è il rischio di sviluppare la mastite, non importa quanto siano versatili i moderni tiralatte, il tuo bambino è il miglior "devastatore" del seno..

La seconda ragione è che, insieme al latte materno, il bambino riceve gli anticorpi contro la malattia.

La temperatura stessa non porta alcun danno: è una reazione protettiva del corpo. Gli stessi anticorpi vengono prodotti nell'ipotalamo, che successivamente arriva al bambino, sviluppando l'immunità a una malattia virale.

Inoltre, nei primi giorni della malattia, non ci sono praticamente sintomi e la madre, contro la sua volontà, può infettare il bambino. Quindi puoi nutrirti con una temperatura, l'importante è iniziare il trattamento in tempo, che può essere combinato con l'allattamento al seno..

Trattamento per l'allattamento al seno

La causa più comune di febbre è il raffreddore. È importante capire che non tutti i farmaci possono essere assunti durante l'allattamento..

Successivamente, elencheremo i farmaci. Che può essere usato come un'ambulanza fino a quando non puoi vedere un medico.

Quindi, puoi abbassare la temperatura con paracetamolo o nurofen.

Per fare questo, puoi usare le sospensioni per bambini, sono adattate al massimo per il corpo fragile e sensibile di un bambino o di una candela. Saranno loro in futuro che sarà possibile dare un bambino più grande..

Ci sono molti modi popolari:

  1. Tisane: lamponi, ribes nero, limone;
  2. Miele;
  3. Strofinando con una soluzione di aceto;
  4. Strofinando con la soluzione di vodka.

Per il mal di gola può essere utilizzato:

  1. Lizobakt (losanghe);
  2. Miramistin (spray);
  3. Tantum Verde (spray);

Anche questi farmaci approvati hanno controindicazioni, quindi è necessario monitorare attentamente la reazione del bambino.

Dai rimedi popolari, puoi curare la gola:

  1. Gargarismi alla camomilla;
  2. Risciacqui con bicarbonato di sodio;
  3. Latte caldo con burro;

Alta temperatura con epatite B: cosa trattare e se è possibile continuare a nutrirsi

Certo, dopo la nascita di un bambino, la madre non ha tempo per ammalarsi, ma nemmeno per dormire a sufficienza. Ma a volte le difese del corpo si arrendono e la malattia si fa sentire. In questo caso, sorge immediatamente la domanda: è possibile allattare al seno a una temperatura? Molte madri temono che germi o virus possano arrivare al bambino con il latte. Tuttavia, la maggior parte dei medici concorda sul fatto che la temperatura di una madre che allatta non è un motivo per rifiutare l'epatite B. La cosa principale è capire le ragioni e iniziare il trattamento..

Perché la temperatura può saltare con l'acqua calda

Prima di iniziare a risolvere un problema, dovresti scoprire la sua fonte..

La temperatura di una madre che allatta può aumentare per diversi motivi, che richiedono un approccio completamente diverso al trattamento:

  • un leggero aumento (fino a 37-37,5 gradi) è spesso accompagnato dall'ovulazione e dalla seconda fase del ciclo mestruale. Questo non è pericoloso e non richiede intervento;
  • Inoltre, lievi fluttuazioni di temperatura durante l'allattamento (entro 37 gradi) possono causare stress e grave superlavoro. In questo caso, devi permetterti di riposare e dormire;
  • subito dopo il parto, un aumento della temperatura può indicare un processo infiammatorio nell'utero. Se è accompagnato da dolore nell'addome inferiore, è meglio consultare subito un medico;
  • abbastanza spesso, dopo la nascita del bambino, la madre può esacerbare malattie croniche, che causano anche febbre;
  • uno dei motivi più comuni per l'aumento del "tasso" è ARVI o ARI. Sono accompagnati da mal di gola, naso che cola, tosse e malessere generale;
  • molto spesso durante l'allattamento, la temperatura provoca lattostasi o mastiti, che si verificano a causa del ristagno del latte. Con crepe e abrasioni sui capezzoli, iniziano le complicazioni purulente a causa di un'infezione batterica o fungina collegata. Inoltre, la causa della mastite può essere malattie della pelle o problemi nel lavoro del sistema endocrino;
  • l'intossicazione alimentare può anche essere accompagnata da un aumento della temperatura. In parallelo, ci sono dolore addominale, nausea, vomito, diarrea.

Ciascuna di queste cause influisce sulla salute del bambino in modi diversi e richiede un trattamento diverso. Un forte aumento delle letture del termometro è un segnale inequivocabile per una visita urgente da un medico. Se salti le fasi iniziali della mastite o delle complicanze postpartum e non le tratti in tempo, potrebbe essere necessaria una seria terapia farmacologica, in cui non si può parlare di epatite B. E anche dopo, è molto probabile che non funzionerà per continuare l'allattamento, poiché il bambino si abituerà alla bottiglia..

Febbre in una madre che allatta: cosa fare

Prima di tutto, devi ricordare che la temperatura a HW non è motivo di panico. Avendo trovato segni di malessere in te stesso, devi fare attenzione a minimizzare le sue conseguenze e sbarazzarti della malattia il più rapidamente possibile con mezzi sicuri per il bambino..

Un altro punto importante è la misurazione corretta. Durante il periodo di alimentazione, accade abbastanza spesso che, misurato sotto l'ascella, il termometro possa fornire letture leggermente aumentate. Per ottenere informazioni accurate, è meglio misurare la temperatura nel gomito o nell'inguine. Inoltre, alcuni medici consigliano di tenere un termometro in bocca: è posizionato sotto la lingua, più vicino alle briglie, dove passano i vasi sanguigni.

Se sospetti una lattostasi o una mastite, devi mettere a turno un termometro sotto entrambe le ascelle. La lattostasi può spesso formarsi senza un aumento della temperatura o con un leggero aumento della temperatura - fino a 37 gradi, e la differenza tra le due "ascelle" può essere significativa. Ma un aumento a 38 gradi e oltre, senza un'ampia diffusione tra i due lati, può indicare una mastite.

È meglio misurare la temperatura 20-30 minuti dopo l'alimentazione o il pompaggio. Il termometro a mercurio va tenuto per almeno 5 minuti e quello elettronico ti dirà quando sarà sufficiente.

Chiama un medico e scopri il motivo

Il primo passo quando la temperatura aumenta è scoprire la causa. Per fare ciò, è meglio consultare un medico: solo lui sarà in grado di determinare con certezza la fonte del disturbo e suggerire il trattamento ottimale. L'autodiagnosi e l'autotrattamento sono pieni di una selezione sbagliata di farmaci e un deterioramento delle condizioni non solo della madre, ma anche del bambino.

Se la febbre durante l'allattamento è causata da malattie infettive (influenza, raffreddore, SARS), a volte sono sufficienti i rimedi popolari. Ma se non aiutano per molto tempo, il medico prescriverà un trattamento farmacologico più forte..

Rimedi casalinghi per la febbre

All'inizio della malattia, quando una madre che allatta ha una temperatura fino a 38 gradi, non ha bisogno di essere abbassata. In questo caso, è piuttosto utile, poiché è con un aumento della temperatura corporea che inizia a essere prodotta una proteina speciale: l'interferone, che combatte i virus.

Se la causa della febbre è un virus o un raffreddore, è necessario fornire supporto al corpo. Bevi in ​​abbondanza (solo non miele o lamponi, aumentano il calore. Non devi avvolgerti, non dovresti essere caldo o freddo, ma comodo. Zenzero, mirtilli rossi, limone aiutano bene, rafforzeranno contemporaneamente il sistema immunitario, accelerando il recupero.

Il corpo ha due modi per "scaricare" la temperatura in eccesso: riscaldando l'aria inalata e il sudore. Pertanto, quando la temperatura aumenta, si consiglia spesso di bere molti liquidi - in modo che ci sia qualcosa da sudare e aria fresca nella stanza - in modo che ci sia qualcosa da riscaldare.

È meglio bere non solo acqua, ma bevande "salutari": bevande ai frutti di bosco, tè con marmellata, composte, decotti di erbe medicinali. Di questi ultimi si sono dimostrati efficaci:

  • camomilla: allevia l'infiammazione;
  • tiglio: ha un effetto diaforetico;
  • foglie e bacche di ribes - hanno un forte effetto antivirale.

Le tisane, le composte di frutti di bosco e le bevande alla frutta possono essere bevute solo se non sono allergiche. Se tali bevande non sono ancora state introdotte nella dieta di una madre che allatta, devono essere prese con attenzione e in piccole porzioni, seguendo le regole per l'introduzione di nuovi prodotti con HS.

Inoltre, pulire con acqua tiepida aiuta: è caldo, non freddo! Potete aggiungere all'acqua un po 'di aceto di mele o, in mancanza, di aceto da tavola. Pulisci la pelle delle mani, dei piedi, dei palmi e dei piedi, della schiena e del torace. Puoi mettere un impacco sulla fronte. Strofinare con l'alcol è meglio rimandare per dopo: attraverso la pelle penetra facilmente nel latte.

Se la temperatura durante l'allattamento è stata causata da lattostasi o mastite, bere molti liquidi per la madre è controindicato, in quanto provoca un afflusso di latte. Vai agli estremi e generalmente rifiuta di bere: puoi bere quando hai sete, ma non zelante.

Con la lattostasi, l'estrazione o l'allattamento aiutano ad abbassare la temperatura. Ma con alcune forme di mastite, le poppate devono essere abbandonate per un po '. Solo un medico può determinare la forma della malattia.

Cosa è possibile per una madre che allatta a una temperatura

Se non riesci ad abbassare la temperatura durante l'allattamento con l'aiuto di rimedi popolari, devi rivolgerti al trattamento farmacologico. Idealmente, dovrebbe essere prescritto dal medico curante, tenendo conto di tutte le caratteristiche del corpo di madre e bambino, nonché della diagnosi.

Di norma, ad alta temperatura, alle madri che allattano viene prescritto ibuprofene, Nurofen o paracetamolo. Sono considerati i più sicuri durante questo periodo, poiché vengono rapidamente escreti dal corpo. È necessario prendere le pillole immediatamente dopo l'allattamento, in modo che al momento della successiva applicazione, i principi attivi dei farmaci abbiano già lasciato il latte e il sangue della madre. Assicurati di seguire il dosaggio consigliato, è indicato nelle istruzioni o nella prescrizione del medico.

Inoltre, le candele contenenti paracetamolo o ibuprofene possono aiutare una madre che allatta sulla temperatura. Con questo uso, i loro principi attivi praticamente non entrano nel latte, quindi sono più sicuri per il bambino. Ma allo stesso tempo, le supposte sono meno efficaci delle compresse..

Una regola importante è che la pillola può essere presa solo se la temperatura supera i 38 gradi. Devi bere il medicinale con acqua naturale, non tè o caffè. Se non si osserva alcun effetto entro tre giorni, è necessario consultare un medico per un trattamento più adatto.

Farmaci antipiretici, proibiti nell'epatite B.

Esistono molti farmaci complessi che possono abbassare rapidamente la temperatura per il raffreddore e sbarazzarsi dei sintomi della malattia. Questi includono fondi come "Coldrex", "Teraflu" e simili. È vietato usarli durante l'epatite B, poiché contengono molte sostanze pericolose per il bambino..

Se la madre ha la febbre alta durante l'allattamento, è severamente vietato assumere aspirina e preparati che la contengono. È molto tossico per il bambino e può causare danni topici al fegato e al cervello..

Se il tuo armadietto dei medicinali di casa non contiene altro che Aspirina o Coldrex, non dovresti fare affidamento su "forse trasporterà" e prenderli. È meglio inviare urgentemente parenti in farmacia per una medicina sicura o provare rimedi popolari.

È possibile allattare al seno con una temperatura

La domanda più importante che preoccupa una madre malata è se sia possibile nutrire un bambino a una temperatura. La risposta è inequivocabilmente positiva: non dovresti interrompere l'allattamento a causa della temperatura.

Se la febbre della madre è stata causata da un'infezione virale, significa che è stata malata per diversi giorni prima dell'inizio della febbre (periodo di incubazione) e, a stretto contatto con il bambino, è riuscita a trasmettergli il virus. Quando la temperatura aumenta nel corpo della madre, inizia la produzione di anticorpi, soprattutto molti di loro sono concentrati nel latte. Pertanto, continuare a nutrirsi può prevenire la malattia del bambino o aiutarlo a superarla più velocemente e più facilmente..

Inoltre, il rifiuto improvviso di nutrirsi diventa un enorme stress per il bambino, specialmente sullo sfondo della malattia. A causa di questo "tradimento" e del latte più accessibile da una bottiglia, un bambino può abbandonare completamente il seno in futuro. E se alle madri malate precedenti veniva consigliato di trasferire il loro bambino in una miscela, oggi i medici (incluso il dott.Komarovsky) consigliano alle madri di continuare con calma l'allattamento anche durante la malattia.

Puoi allattare il bambino anche se la temperatura è stata causata da lattostasi o mastite (ad eccezione di alcune delle sue forme) - questo aiuta ad abbassare la febbre e ad alleviare le condizioni della madre.

Riassumendo, possiamo dire che la temperatura non interferisce affatto con il proseguimento dell'allattamento al seno e talvolta aiuta a far fronte alla malattia. L'importante è avvicinarsi attentamente alla scelta del trattamento, osservare attentamente i dosaggi e le regole di ammissione. Il latte materno è la fonte più importante non solo del nutrimento, ma anche degli anticorpi necessari per il bambino, che devono essere scartati solo nei casi più estremi..

Febbre in una madre che allatta: cause e tattiche di comportamento

Il latte materno è un alimento ideale per un bambino, che lo aiuta a svilupparsi completamente e rafforza il sistema immunitario. Tuttavia, per una serie di motivi, una madre che allatta può avere la febbre, forte o lieve. Molte donne non sanno cosa fare in una situazione del genere: è possibile continuare ad allattare o è meglio svezzare temporaneamente il bambino.

Cos'è la temperatura corporea e da cosa dipende

La temperatura è un importante indicatore dello stato del corpo umano, che esprime il rapporto tra la produzione del proprio calore e lo scambio termico con l'ambiente. Non è un valore assolutamente stabile e dipende da una serie di fattori:

  1. L'età della persona. Nei bambini è instabile e negli anziani può scendere fino a 35 ° C a causa di un rallentamento dei processi metabolici.
  2. Ora del giorno La temperatura massima si osserva intorno alle 17:00 e la minima alle 4:00. Inoltre, la differenza può essere di un intero grado.
  3. Stato di salute. Con molte malattie, la temperatura aumenta, questo indica la lotta del corpo contro i microbi patogeni.
  4. La fase del ciclo mestruale in una donna. Questo è il risultato dell'azione degli ormoni sessuali (il progesterone lo aumenta leggermente). Una lieve ipertermia è normale anche durante la gravidanza..
  5. La natura dell'attività umana. La temperatura aumenta di 0,1-0,2 ° nel processo di lavoro fisico attivo.
  6. Impatto ambientale. La temperatura aumenta con il surriscaldamento e diminuisce con l'ipotermia.
  7. L'area del corpo in cui viene eseguita la misurazione. Ad esempio, la temperatura nel retto sarà molto più alta che al centro del piede..

La temperatura corporea elevata è di diversi tipi:

  1. Subfebrile (entro 38 °).
  2. Febbrile (da 38 ° a 39 °).
  3. Piretico (da 39 ° a 41 °).
  4. Iperpiretico (più di 41 °).
La temperatura, elevata entro 38 °, è subfebrile

Quando la temperatura corporea raggiunge un livello critico di 42 °, una persona muore, poiché i processi metabolici vengono interrotti nel cervello, il che è inaccettabile per il corpo.

In generale, quando la temperatura aumenta, si osservano i seguenti sintomi (possono manifestarsi individualmente o in combinazione):

  1. Debolezza e stanchezza.
  2. Brividi che peggiorano con l'aumentare della temperatura.
  3. Mal di testa.
  4. Dolori muscolari, soprattutto alle gambe.
  5. Aumento della sudorazione.
  6. Diminuzione dell'appetito fino al completo rifiuto del cibo.

Video: cos'è la temperatura corporea e cos'è

Possibili cause di ipertermia in una madre che allatta: valutazione dei sintomi

L'ipertermia negli esseri umani può essere causata da una serie di motivi, che solo un medico può determinare con precisione. Tuttavia, nel caso di una donna che allatta, le seguenti sono le opzioni più probabili:

  1. Lattostasi e mastite. Queste condizioni si verificano abbastanza spesso sullo sfondo del ristagno del latte nel seno, causato da un attaccamento improprio del bambino. A volte sono uniti da un'infezione fungina o batterica (ad esempio, con capezzoli screpolati). Quando la temperatura aumenta, una donna ha bisogno, prima di tutto, di esaminare attentamente le sue ghiandole mammarie: anche se non c'è un disagio evidente, si può trovare una macchia rossastra sulla pelle.
  2. Fattore di stress. Per molte donne, l'eccitazione e lo sconvolgimento emotivo causano un aumento della temperatura (entro i valori subfebrilari). E la psiche di una madre che allatta è piuttosto instabile a causa del ritmo intenso della vita e dell'effetto degli ormoni..
  3. Ovulazione. Nonostante l'allattamento nel corpo femminile, può verificarsi l'ovulazione, soprattutto se il bambino sta già ricevendo alimenti complementari. E il rilascio dell'uovo dal follicolo è solo accompagnato da un aumento della temperatura basale (si misura nel retto): e spesso anche la temperatura corporea totale aumenta leggermente - non più di 37,3 °.
  4. Infiammazione postpartum degli organi riproduttivi (la più grave delle quali è l'endometrite). Tali patologie di solito si fanno sentire con dolore nell'addome inferiore, secrezione anormale.
  5. Infezioni virali (influenza, ARVI). Sono molto probabili durante la stagione fredda. A seconda della reazione del sistema immunitario della donna, la temperatura può essere sia subfebrilare che piuttosto alta. Non è difficile riconoscere le malattie dai sintomi caratteristici: mal di gola, naso che cola, mal di testa, ecc..
  6. Esacerbazione di malattie croniche (ad esempio, cistite o bronchite). Molto spesso ciò accade nelle prime settimane dopo il parto, quando l'immunità femminile è piuttosto indebolita..
  7. Avvelenamento del cibo. In una tale situazione, si verifica l'intossicazione del corpo, che si manifesta sotto forma di ipertermia. Se l'avvelenamento è grave, la temperatura può salire a valori elevati (accompagnati da brividi). L'avvelenamento può sempre essere riconosciuto dai suoi segni caratteristici: nausea, vomito, dolore addominale, diarrea.
  8. Tromboflebite delle estremità. Questa patologia si verifica spesso durante il parto a causa di infezione da batteri patogeni (ad esempio, se si sono verificate forti emorragie, si sono verificati ematomi, la placenta è stata separata manualmente, ecc.). Di conseguenza, le pareti venose della madre si infiammano, si formano coaguli di sangue. La tromboflebite si manifesta sotto forma di leggero edema e arrossamento dei vasi sanguigni, dolori tiranti, letargia e un leggero aumento della temperatura (non superiore a 37,3 °).

Galleria fotografica: le cause più probabili dell'ipertermia

È molto importante per una donna che allatta misurare correttamente la propria temperatura corporea. Non puoi farlo sotto l'ascella, come le persone normali: la temperatura sarà sempre elevata (è meglio mettere un termometro in bocca). Inoltre, è meglio effettuare le misurazioni dopo l'alimentazione o il pompaggio..

Quando ero in ospedale dopo la nascita di un bambino, dopo aver misurato la temperatura sotto l'ascella (come al solito), ero molto turbato, poiché l'indicatore era di 37,8 °. Tuttavia, l'infermiera l'ha immediatamente rassicurata, spiegando che questo metodo non era informativo durante l'allattamento e ha consigliato un altro modo: piegare il braccio destro al gomito e fissare il termometro in questo modo. Sorprendentemente, la temperatura era assolutamente normale..

In quali casi puoi allattare al seno a una temperatura e quando è meglio rifiutarlo

Se la temperatura corporea è leggermente aumentata (entro i valori subfebrilari), la madre dovrebbe continuare a nutrirsi. Questo è spiegato come segue:

  1. Con la lattostasi e la fase iniziale della mastite, il mancato svuotamento naturale della ghiandola mammaria non farà che aggravare la condizione: il torace traboccherà ancora di più e la temperatura salirà a un livello più alto.
  2. Se la madre ha contratto un'infezione virale di natura fredda, allora, ovviamente, è già riuscita a trasmettere microrganismi al bambino (dopotutto, il loro contatto è molto vicino). E quando la temperatura aumenta, il corpo femminile ha già iniziato a produrre corpi protettivi. Entrano nel latte in grandi quantità e il bambino potrebbe non ammalarsi affatto. Anche se si verifica un'infezione, il bambino tollererà più facilmente la malattia..
  3. Una donna può far fronte a un'intossicazione alimentare lieve da sola, tutti i sintomi di solito scompaiono entro un giorno dopo la pulizia del corpo. Pertanto, durante l'allattamento, nulla minaccia il bambino. Insieme al latte materno, riceverà nuovamente anticorpi che resistono alle infezioni intestinali.
  4. Fattori come lo stress, l'ovulazione non influiscono in alcun modo sulla qualità del latte materno e non sono di ostacolo all'alimentazione.

Per una madre, una brusca interruzione dell'allattamento al seno può essere pericolosa: la mastite può benissimo unirsi alla principale malattia che ha causato l'aumento della temperatura. L'estrazione manuale o dell'hardware non svuota il seno così come un bambino. Inoltre, se una donna si sente debole, sarà abbastanza difficile per lei esprimersi più volte al giorno, specialmente di notte..

Nonostante il fatto che nella maggior parte dei casi la febbre nella madre non rappresenti un rischio per la salute del bambino, ci sono situazioni in cui l'allattamento al seno deve essere temporaneamente interrotto. Stiamo parlando di malattie gravi. Lo stato troppo indebolito di una donna di per sé può causare la scomparsa del latte, perché l'allattamento è associato a una certa quantità di energia. In tali circostanze, il compito principale è il trattamento, perché il bambino, prima di tutto, ha bisogno di una madre sana..

L'ipertensione grave è solitamente causata da un'infezione batterica (sebbene la temperatura non sia sempre alta). In questo caso, al paziente vengono prescritti antibiotici. E non sono sempre compatibili con l'allattamento al seno (entrando nel corpo di un bambino, i farmaci possono causare disbiosi, allergie e altre complicazioni). Inoltre, a causa dell'infezione, le sostanze tossiche penetreranno nel corpo del bambino e avranno il loro effetto dannoso. Ecco un elenco di malattie specifiche di natura prevalentemente batterica:

  1. Polmonite.
  2. Angina.
  3. Sinusite.
  4. Cistite.
  5. Dissenteria.
  6. Endometrite.
  7. Tromboflebite avviata (quando è già necessario un intervento chirurgico).
  8. Grave avvelenamento intestinale. Le misure di emergenza non possono alleviare le condizioni del paziente, la temperatura aumenta, si aggiungono brividi, vomito indomabile, tachicardia. In tali situazioni, una donna ha bisogno di un ricovero urgente, il che, ovviamente, significa interrompere l'allattamento al seno..
  9. Mastite purulenta. L'allattamento al seno deve essere interrotto per un po ', poiché il pus si accumula nella cavità mammaria, che passa nel latte. Inoltre, una tale patologia comporta spesso un intervento chirurgico: il seno di una donna viene aperto per rimuovere il contenuto purulento. In ogni caso, la madre dovrà utilizzare forti antibiotici non compatibili con l'allattamento..

C'è una falsa opinione secondo cui, a causa della temperatura elevata, il latte materno cambia il suo gusto, consistenza, caglia, diventa acido o amaro, ecc. I medici lo confutano completamente. L'unico ostacolo all'alimentazione in questa situazione sono le tossine e i farmaci che entrano nel cibo del bambino..

La mamma ha bisogno di abbassare la temperatura

Naturalmente, una madre che allatta è interessata a stabilizzare rapidamente la sua temperatura corporea. Ciò migliorerà il suo benessere, perché una donna ha bisogno di molta forza per prendersi cura del suo bambino. Durante l'allattamento, è necessario attenersi alle seguenti raccomandazioni:

  1. Prima di tutto, se la temperatura non supera i 38 °, non è necessario abbassarla. Una tale reazione del corpo indica la produzione attiva di anticorpi (per i virus, una temperatura elevata è molto più pericolosa che per l'uomo).
  2. Se l'aumento supera i valori subfebrilici, puoi assumere un farmaco antipiretico. Alle madri che allattano sono ammessi prodotti a base di paracetamolo e ibuprofene. Sono usati per via orale o sotto forma di supposte (in quest'ultimo caso, il farmaco non funziona così rapidamente). Non prenda il medicinale più di tre volte al giorno.
  3. Se la madre ha un'infezione virale, bere molti liquidi aiuterà a sbarazzarsi degli agenti causali della malattia (e, di conseguenza, la temperatura diminuisce). Può essere tè con limone, lamponi, succo di frutti di bosco (il succo di mirtillo aiuta bene), composta di frutta secca, latte caldo. Certo, alcune bevande possono causare una reazione allergica nel bambino, quindi è necessario monitorare attentamente le sue condizioni. Una sfumatura importante: con la mastite, bere molta acqua danneggerà solo, poiché causerà un forte afflusso di latte. Con ARVI, semplici misure come l'inalazione con vapore regolare (o sopra il vapore di patate), i gargarismi e il risciacquo del naso con soluzione salina sono anche sicuri per l'allattamento. Tutto ciò normalizza le condizioni della donna e, di conseguenza, la temperatura si stabilizza..
  4. Un modo efficace per abbassare la temperatura è applicare un impacco freddo sulla fronte. Per fare questo si può usare del ghiaccio messo in una garza, un asciugamano imbevuto di acqua fredda o aceto, mezzo diluito con acqua..
  5. Se l'ipertermia è causata da un fattore di stress, la donna, naturalmente, dovrebbe riposare e la condizione tornerà alla normalità..
Un modo sicuro per abbassare la febbre è con un impacco freddo sulla fronte

In alcuni casi, la madre ha bisogno di vedere un medico:

  1. Il motivo dell'aumento della temperatura non è chiaro.
  2. Dura più di tre giorni.
  3. La temperatura non può essere abbassata in vari modi.

Hai bisogno di vedere un medico che capisca il pieno valore dell'allattamento al seno. Sceglierà i farmaci consentiti durante l'allattamento.

Come mantenere l'allattamento durante il trattamento

Se, a causa della terapia della malattia, una donna mostra di sospendere l'allattamento al seno, ma in seguito vuole riprenderlo, allora ha bisogno di estrarre regolarmente: ogni tre ore durante il giorno e una volta di notte. Se l'alimentazione non è possibile durante il trattamento, la madre ha bisogno di esprimersi per mantenere l'allattamento

In precedenza, durante il periodo della malattia di sua madre, le era stato consigliato di far bollire il latte estratto e già in questa forma offrirlo al bambino. La medicina moderna ha un'opinione completamente diversa: a causa del riscaldamento, il liquido perde i suoi componenti biologicamente attivi e perde il suo valore. Pertanto, il latte estratto dovrebbe essere scartato e il bambino dovrebbe essere nutrito con latte artificiale..

Video: malattia della madre durante l'allattamento (consulente per l'allattamento al seno Nina Zaichenko)

Di regola, la febbre in una donna non è un motivo per interrompere l'allattamento al seno, a meno che la febbre non sia un sintomo di una malattia grave che richiede forti antibiotici. Ricevendo preziosi anticorpi dalla madre, il bambino rafforzerà solo la sua immunità. Inoltre, i bambini raramente rinunciano al seno quando il latte diventa più caldo del solito. Se una donna, tuttavia, ha dovuto interrompere l'alimentazione a causa del trattamento, deve estrarre regolarmente per evitare il ristagno del latte nel seno..

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Punti dopo il parto

Neonato

I punti dopo il parto sono un fenomeno comune e molto spiacevole. Una donna su tre affronta questo problema e, avendo sentito da amici esperti del pericolo di divergenza della cucitura, in preda al panico cerca informazioni su come proteggersi da una situazione simile.

Sintomi di sindrome premestruale o gravidanza, come dirlo

Nutrizione

A volte, in previsione dell'inizio delle mestruazioni, provi un certo disagio, ma i giorni critici non arrivano mai. Ciò solleva dubbi sul fatto che si sia verificata una gravidanza.?

Perché un neonato sputa in un sogno

Nutrizione

I neonati possono sputare sia durante l'allattamento che subito dopo l'allattamento, questo è considerato normale per i bambini fino a sei mesi. Ci sono situazioni in cui il bambino inizia spesso a sputare in sogno o subito dopo il risveglio.

Ipossia fetale durante la gravidanza

Analisi

Sappiamo tutti che durante la gravidanza i pensieri di una donna sono diretti in una direzione. Sogna il futuro bambino, una vita felice insieme, si preoccupa già delle sue condizioni e del suo comfort e vuole che il bambino nasca forte, sano e puntuale.