Principale / Neonato

Allattamento al seno e salute dentale del bambino

La nascita di un bambino è un evento importante nella vita di ogni donna e ogni madre vuole che il suo bambino cresca sano. L'allattamento al seno aiuta il corpo del bambino a crescere e svilupparsi armoniosamente nel suo insieme e ha anche una grande influenza sulla formazione dello scheletro maxillo-facciale, della parola e dell'udito. Durante l'allattamento al seno e l'alimentazione artificiale, il morso del bambino si formerà in modo diverso.

È noto da tempo che il latte materno è l'alimento più sano e salutare per un bambino, contiene tutti i minerali e gli oligoelementi necessari per la formazione dei denti. I bambini allattati al seno per almeno 12 mesi avevano il 56% di probabilità in meno di sviluppare malocclusione rispetto ai bambini allattati al seno per meno di questo periodo [1]. La deposizione dei denti del bambino avviene anche durante la gravidanza: nelle prime fasi si formano le corone dei denti da latte e dal settimo all'ottavo mese - i primi molari (permanenti). La forma e il colore dei denti sono geneticamente basati, ma è del tutto in facoltà della madre renderli sani, e questa preoccupazione per la salute dei denti del bambino inizia dal periodo dell'allattamento al seno [2].

Influenza dell'allattamento al seno sullo sviluppo del morso.

I primi denti da latte iniziano a scoppiare a 6-7 mesi: questi sono gli incisivi inferiori e, infine, i denti da masticare superiori e inferiori eruttano, questo accade entro 20-30 mesi. Questo è il periodo di formazione di un morso temporaneo e corrisponde approssimativamente al momento fisiologico dell'allattamento al seno, quindi i denti sono stati chiamati denti da latte..

Alla nascita di un bambino, la sua mascella inferiore è in ritardo rispetto alla mascella superiore, sembra essere spostata indietro rispetto a quella superiore - questo è necessario per proteggerlo durante il parto, poiché è l'unico osso mobile sulla testa di una persona e può essere ferito. Ma un tale rapporto tra le mascelle è temporaneo, il bambino cresce, matura e la mascella inferiore deve "raggiungere" quella superiore, perché negli adulti le mascelle sono sviluppate in modo uniforme.

Quando un bambino allatta, lavora attivamente solo con la mascella inferiore e la lingua, questi movimenti sono unici. La mascella inferiore si abbassa e si muove in avanti e la lingua fa movimenti ondulatori durante la suzione, in questo momento sono coinvolti anche i muscoli della lingua, il fondo della bocca e i muscoli facciali. Il punto più importante per il sano sviluppo della cavità orale è che mentre succhia al seno, il bambino impara il movimento fisiologicamente corretto della lingua. [3]

Le dimensioni e la forma dei denti sono geneticamente basate, ma il luogo in cui si troveranno e le dimensioni della mascella dipendono dall'attività muscolare del bambino durante la sua crescita. Cioè, le mascelle si sviluppano ogni giorno e l'alimentazione è di grande aiuto.Se le mascelle non sono sviluppate, ci sarà poco spazio per i denti. In futuro, questo garantisce il loro affollamento..

Qual è la differenza tra succhiare i capezzoli e succhiare il seno??

Se durante il periodo neonatale e i primi 6 mesi di vita, il bambino succhia il capezzolo e non il seno, lo sviluppo dell'apparato dentoalveolare avviene in modo diverso. Quando si succhia il capezzolo, non è necessario fare sforzi significativi per ottenere una porzione di latte; i muscoli facciali non sono completamente coinvolti nel processo di suzione.

Inoltre, a differenza dell'allattamento al seno su richiesta, il bambino riceve il cibo dal capezzolo a ore e questo non può soddisfare il suo riflesso di suzione. Vengono utilizzati sostituti del seno: dita, ciucci, angoli del pannolino e persino lingua... Il meccanismo di succhiare vari oggetti porta a un debole sviluppo dei muscoli circolari del viso, nonché all'abitudine di spingere la lingua fuori dalla bocca, esercitando una pressione dannosa sui denti. Questo, a sua volta, determina lo sviluppo di vari tipi di malocclusione. [4]

È importante capire che qualsiasi biberon o ciuccio, anche il più moderno e fisiologico, è solo un'imitazione del seno e il corpo del bambino ha bisogno di una suzione "reale" per un corretto sviluppo.

Il latte materno causa la carie??

Il dentista canadese Dr. Brian Palmer dice: "Se il latte materno portasse alla carie, sarebbe un suicidio evolutivo" [2]. Dopo tutto, la natura nel nostro mondo non crea mai qualcosa di superfluo o non necessario. Tutto ciò che è concepito ha un suo significato. Sarebbe estremamente strano creare un fattore, senza il quale, da un lato, sarebbe impossibile per il bambino sopravvivere, e dall'altro, che minerebbe la sua salute. [5, 6]

La ricerca moderna ha dimostrato che il latte materno praticamente non riduce il livello di acidità in bocca, mentre la carie si manifesta proprio in ambiente acido; le immunoglobuline IgA e IgG contenute nel latte possono inibire la crescita dei batteri streptococchi e la lattoferrina, una delle più importanti proteine ​​protettive del latte materno, contribuisce alla loro morte. Inoltre, il latte materno rimineralizza lo smalto dei denti, cioè "fornisce" ai denti calcio e fosforo..

Anche la saliva è importante. Mantiene un normale livello di acidità in bocca e contiene calcio e fosforo, essenziali per la remineralizzazione dei denti. La salivazione diminuisce durante la notte. Se il tuo bambino succhia spesso di notte, continua a produrre abbastanza saliva per prevenire la secchezza delle fauci e mantenere i suoi denti sani. Pertanto, l'allattamento al seno riduce il rischio di carie. [7]

Un altro punto importante è l'accumulo di liquido nella bocca del bambino. Il latte materno che viene succhiato dal seno non si accumula in bocca perché il capezzolo è in profondità nella bocca del bambino e il latte scorre dietro i denti, quasi direttamente nella gola. Quando un bambino, durante l'allattamento maturo, non succhia al seno, ma tiene semplicemente il capezzolo in bocca, il latte non gli entra affatto in bocca. [8]

La bottiglia viene aspirata in modo diverso, il liquido è più a contatto con i denti. Inoltre, anche se il bambino non sta succhiando attivamente, può continuare a trasudare in bocca attraverso il foro nel capezzolo, i denti "bagnano" in questo fluido, il che porta ad un aumento dell'attività dei batteri che distruggono i denti. La situazione è aggravata dal fatto che la miscela, i succhi, le composte non hanno le proprietà protettive del latte materno. Pertanto, succhiare un biberon può avere un effetto estremamente negativo sulla salute dei denti di un bambino, esiste persino un concetto di "carie da biberon".

Vale la pena notare che nessuno degli studi che sono stati condotti ha mostrato un legame permanente o forte tra l'allattamento al seno e lo sviluppo della carie. [9, 10] Indipendentemente dall'età del bambino, dallo stato di salute dentale, l'allattamento al seno aiuta a far crescere i denti sani, mantiene l'immunità del bambino, la composizione costante della saliva, che lava i denti e impedisce ai batteri di moltiplicarsi. Indipendentemente dal tipo di alimentazione, la prevenzione e il trattamento tempestivo della carie sono importanti: attenzione all'igiene del cavo orale del bambino, spazzolatura regolare dei denti, visita dal dentista.

Riassumendo, va sottolineato che l'allattamento al seno consente di prendersi cura della salute del bambino, fornendogli la migliore nutrizione e sviluppo, compresa la formazione di un morso corretto e denti sani..

Anna Kozhevina, dentista, consulente per l'allattamento

HB e dentizione!

Ragazze! chissà come GV aiuta i bambini a far fronte al dolore della dentizione? Ora il dente è andato uno per uno! 7 e 8 di fila, in ritardo il nostro! ci sono capricci durante il giorno, vedo che si gratta con giocattoli e un massaggiagengive, a volte metto un vibrocol di notte! quando i denti vengono tagliati, dorme molto irrequieto - senza isterismo, ma si agita continuamente alla ricerca di un posto comodo e si calma sul petto. anche di pomeriggio se ti da fastidio dopo titi sorridi in faccia! Ho letto brevemente da qualche parte che il latte materno allevia il dolore, ma non riesco a trovare ulteriori informazioni! chissà cosa? I denti più malati sono ancora avanti) ugh ugh ugh!

Primi denti e allattamento

I primi denti del bambino: come nutrirsi e prendersi cura

Nonostante il fatto che i rudimenti non solo del latte, ma anche dei molari vengano deposti anche durante la gravidanza, i primi denti nelle briciole appaiono più vicini ai sei mesi. Esiste uno schema approssimativo per l'eruzione dei riuniti dentali, ma è importante capire che è solo approssimativo: una deviazione di 1-3 mesi è considerata una variante della norma, poiché in molti modi il momento in cui compaiono i primi denti dipende dalle caratteristiche genetiche del bambino, dalle sue abitudini alimentari e persino dal clima, dove vive la famiglia.

Schema di eruzione dei primi denti

Secondo le osservazioni dei pediatri, il primo dente in un bambino appare all'età di circa sei mesi. Questo è l'incisivo centrale inferiore. Molto spesso, due incisivi inferiori "vanno" contemporaneamente. Quindi il processo si sviluppa nella seguente sequenza:

  • 8-9 mesi - incisivi centrali superiori;
  • 9-11 mesi - incisivi laterali superiori;
  • 11-13 mesi - incisivi laterali inferiori;
  • 1 anno-1 anno e 3 mesi - molari superiori e inferiori (primi);
  • dopo un anno e mezzo - canini;
  • più vicino a due anni - molari superiori e inferiori (secondi).

Ci sono casi in cui i primi denti in un bambino sono comparsi a 9 e persino a 11 mesi. Se non ci sono altri segni di ritardo dello sviluppo, non dovresti preoccuparti, ma allo stesso tempo devi capire che il ritardo degli incisivi centrali inferiori porta a uno spostamento dei tempi e in relazione al resto dei denti. Si consiglia una visita a un dentista pediatrico competente per genitori particolarmente sospettosi.

Primi denti e allattamento: è possibile combinare?

Non è solo possibile, ma anche necessario. Come accennato in precedenza, il primo dente in un bambino appare all'età di circa sei mesi. Se la madre sta allattando a quest'ora, c'è abbastanza latte, tutti sono sani e il bambino non si rifiuta di allattare, non ha senso limitare l'alimentazione naturale..

C'è un altro punto importante qui. Per la maggior parte dei bambini, il processo di dentizione dei primi denti da latte provoca un notevole disagio: le gengive pruriginose e feriscono, il sonno è disturbato, il bambino diventa lunatico e irrequieto e la temperatura corporea può persino aumentare. E in tali situazioni, il seno della madre è il miglior rimedio per tutto: calma e calma, rilassa e allevia.

Il primo dente del bambino e l'introduzione di alimenti complementari: c'è una connessione?

Sì e no. Poiché gli incisivi inferiori compaiono a circa 6 mesi, e i primi alimenti complementari, secondo le raccomandazioni di alcuni pediatri, vengono introdotti alla stessa età, il concetto si è diffuso: "è uscito il primo dente - è ora di dare alimenti complementari". Tuttavia, la relazione causale in questo concetto è illogica, inverosimile e inverosimile, ed ecco perché.

Alcuni bambini deliziano i loro genitori con il primo dente più vicino all'anno. Secondo la logica degli aderenti alla suddetta teoria, non vale la pena offrire prodotti non caseari a un bambino prima di questa età.

D'altra parte, ci sono casi di dentizione precoce, all'età di 3,5-4 mesi. Ciò non significa che sia necessario, nonostante l'indisponibilità del tratto gastrointestinale, introdurre con urgenza alimenti complementari, perché il primo dente è già in fase di taglio.

Infatti, fattori completamente diversi sono indicatori di prontezza per cibi complementari: l'incapacità di rimpinzarsi di latte materno, la capacità di bere da un cucchiaio, tenere oggetti (cibo) nelle mani e inviarli alla bocca, interesse per ciò che mangiano gli adulti, nonché peso che è aumentato. due volte l'iniziale. Il fatto che la disponibilità a cibi complementari spesso si verifichi contemporaneamente all'uscita del primo dente non è altro che una coincidenza..

Il bambino morde il seno: come mantenere comodo l'allattamento al seno

Il problema che preoccupa quasi tutte le madri con l'aspetto dei primi denti nei bambini sono i morsi. I denti che hanno appena tagliato le gengive sono molto affilati e quando il bambino inizia a spremere il capezzolo con loro, la madre prova sensazioni dolorose indescrivibili.

Il bambino può essere capito: le gengive pruriginose, doloranti e la pressione aiuta ad attutire almeno leggermente i sintomi spiacevoli della dentizione. Ma anche la mamma in un momento del genere non sarà invidiata..

Come essere e cosa fare se il bambino morde il seno, ma vuoi mantenere l'alimentazione naturale? Innanzitutto, comprendi le ragioni. Oltre a quella principale, cioè le sensazioni spiacevoli, ce ne sono di aggiuntive, ad esempio:

  • attirare l'attenzione: ai bambini non piace quando, durante la poppata, la madre si distrae parlando al telefono o guardando la tv;
  • distrazione: a volte, se il bambino non ha troppa fame, può essere distratto da solo, esaminando l'ambiente e mordendo accidentalmente il capezzolo;
  • addormentarsi: spesso il bambino si morde il seno, addormentandosi con un capezzolo in bocca, quando l'attenzione è spenta e la coscienza è mezza addormentata.

Dopo aver identificato la causa, puoi sviluppare le tattiche di comportamento più efficaci che ti permetteranno di svezzare il tuo bambino dal mordere il seno e allo stesso tempo mantenere le guardie. Ecco alcuni modelli:

  • non lasciarti distrarre e non lasciare che tuo figlio sia distratto;
  • non appena noti che il bambino ha iniziato ad addormentarsi, rimuovi con cura il seno dalla bocca;
  • offri a tuo figlio dei denti speciali;
  • non perdere di vista il massaggio con le dita delle gengive;
  • consultare il proprio pediatra sull'uso di unguenti e gel per alleviare il dolore per bambini.

E, cosa più importante, non appena senti che il bambino sta mordendo il seno, inserisci immediatamente il dito nell'angolo della bocca e rimuovi delicatamente il capezzolo. Le briciole devono avere un'associazione univoca: a causa del morso, vengono private del cibo.

Igiene per i più piccoli: quando e come lavarsi correttamente i denti dei bambini?

La cura della cavità orale di un bambino inizia dal momento in cui compaiono i primi segni di dentizione, cioè all'età di 3-6 mesi. In questa fase consiste nel massaggiare le gengive e nel trattare il cavo orale con una garza morbida imbevuta di acqua calda bollita. Con la comparsa dei primi incisivi, l'acqua può essere sostituita con una speciale schiuma antibatterica, che rimuove efficacemente i residui di cibo dallo smalto e allo stesso tempo ha un sapore neutro.

E quando iniziare a spazzolare completamente i denti di tuo figlio? È importante capire qui che non puoi semplicemente dare al tuo bambino uno spazzolino da denti e mostrare come gestirlo. L'insegnamento delle cure odontoiatriche consiste in diverse fasi. Ecco gli articoli per l'igiene di cui hai bisogno per informare costantemente tuo figlio:

  • spazzola per capezzoli: una varietà di spazzolini da denti per i più piccoli, dotati di peli di gomma morbida e vicini a un ciuccio in forma. Il suo scopo non è tanto quello di pulire i denti quanto quello di insegnare al bambino a non spingere fuori di riflesso un oggetto estraneo che si trova nella bocca;
  • secondo spazzolino da denti: è già quasi simile nel design a un adulto, pur essendo dotato di setole morbide e ha dimensioni ridotte. Con un tale pennello, puoi offrirti di spazzolare i denti di tuo figlio tra un anno, quando sa già come imitare accuratamente i movimenti degli adulti. Allo stesso tempo, dovrebbe essere chiaro che la mobilità fine e la coordinazione dei movimenti a questa età non sono ancora completamente affinate, quindi il bambino non sarà in grado di pulirsi adeguatamente i denti da solo. Dagli un sacco di lavoro da fare da solo e poi, quando noti che la procedura inizia a diventare noiosa, lavati rapidamente i denti da solo;
  • incolla: dopo che il bambino ha imparato lo spazzolino da denti, puoi iniziare a insegnargli a incollare. Dovrebbe essere un dentifricio speciale per bambini - senza fluoro, senza sostanze abrasive, con un gusto neutro o leggermente lattiginoso. Le varietà di frutta o mentolo di mamma o papà non funzioneranno sicuramente.

Se si osservano tutte le sfumature, all'età di due anni, il bambino è già in grado di lavarsi i denti con alta qualità senza aiuto esterno..

Come puoi vedere, i primi denti in un bambino richiedono una revisione del sistema di alimentazione, nuove abilità e determinati sforzi da parte della madre. Tuttavia, tutto non è così spaventoso e completamente risolvibile: dopo aver provato, lo vedrai di persona..

Allattamento al seno trattamento dentale

Un forte deterioramento delle condizioni dei denti nelle donne dopo il parto è molto comune. La ragione di ciò è il livello criticamente basso di riserve di calcio nel corpo, una parte significativa delle quali viene prima spesa per portare il bambino e poi per nutrirlo. Quando si manifesta un mal di denti, le giovani madri cercano spesso di sopportarlo, perché considerano il trattamento dentale con l'allattamento al seno, soprattutto con l'anestesia, dannoso per il bambino.

È possibile eseguire l'anestesia locale durante il trattamento dentale durante l'allattamento??

Non vale infatti la pena trascurare i problemi "dentali", lasciandoli risolvibili fino al momento del completamento della lattazione. Perché anche innocui, a prima vista, i sintomi possono indicare un processo infiammatorio o carie, il cui trattamento prematuro è irto di gravi complicazioni fino all'estrazione del dente.

Per evitare ciò, una donna dovrebbe consultare un dentista il prima possibile già al primo disagio nella cavità orale..

IMPORTANTE. All'inizio del ricevimento, assicurati di avvertire il medico che la donna sta allattando.

Una delle maggiori paure tra le madri che allattano è l'uso dell'anestesia durante il trattamento dentale. In effetti, la necessità del suo utilizzo è ampiamente esagerata ed è oggetto di discussione con un medico caso per caso. Esaminando la cavità orale, il dentista identificherà i problemi e esprimerà la probabilità della loro soluzione senza anestesia. In effetti, a volte per un trattamento dentale di successo è sufficiente sopportare sensazioni dolorose solo per pochi secondi..

Tuttavia, alcune procedure richiedono l'uso dell'anestesia locale:

  • apertura di canali;
  • Estrazione di un dente;
  • pulizia delle cisti;
  • installazione di perni.

In questo caso, è importante chiedere al proprio dentista quanto velocemente deve essere eseguito il trattamento e se può essere posticipato fino al termine dell'allattamento al seno. Se il problema richiede una soluzione immediata e il medico insiste sull'uso dell'anestesia locale, non dovresti rifiutare.

A volte dopo il trattamento o la rimozione, il dentista prescriverà un ciclo di antibiotici. In questo caso, sarà utile ricordare ancora una volta al medico che una donna sta allattando in modo che il medico possa scegliere un farmaco più compatibile con l'allattamento. Se questo non è possibile, durante l'assunzione di antibiotici, dovresti nutrire il bambino con latte pre-espresso (congelato) e la madre stessa dovrebbe sostenere continuamente la sua produzione con l'aiuto dell'espressione regolare.

IMPORTANTE. Ritardare il trattamento aggrava solo i problemi dentali e il mal di denti cronico può provocare stress psicoemotivo, influenzando negativamente la produzione di latte materno.

Anestetici per l'allattamento al seno sicuri utilizzati in odontoiatria

In odontoiatria esistono due tipi di anestesia:

  • generale (anestesia), che viene utilizzata negli interventi chirurgici e può essere inalata o endovenosa;
  • locale, che può essere sotto forma di spray (gel), la cui azione non supera i venti minuti, e iniezioni.

Gli spray (gel) vengono solitamente utilizzati per intorpidire localmente l'area della gengiva in cui verrà iniettato l'anestetico.

Novocaina

Questo farmaco viene utilizzato durante l'allattamento con estrema cautela e solo nei casi in cui il beneficio previsto per una madre che allatta supera in modo significativo il possibile rischio di conseguenze spiacevoli per il bambino.

Lidocaina

Nonostante l'avvertimento nelle istruzioni per il farmaco sull'indesiderabilità dell'uso durante l'allattamento, i dentisti lo usano abbastanza spesso nella loro pratica. Ciò è spiegato dalla sua azione locale e di breve durata, nonché dalla concentrazione minima del principio attivo, sia nel sangue che nel latte materno. Questo è il motivo per cui la lidocaina è considerata relativamente sicura per un bambino durante il trattamento di sua madre..

Articaine

Il farmaco è ammissibile per l'uso durante l'allattamento. Allo stesso tempo, i medici notano che non è necessario interrompere le poppate per un lungo periodo, poiché non si trovano indicatori critici della sua concentrazione nel latte.

IMPORTANTE. Durante l'allattamento, l'uso di anestesia con un alto contenuto di adrenalina nella composizione è controindicato.

Un bambino può essere nutrito dopo l'anestesia dentale?

Fortunatamente per le madri che allattano, molti anestetici moderni non penetrano affatto nel latte materno, o anche quando vi entrano, la loro concentrazione è così scarsa che non hanno alcun effetto dannoso sul corpo e vengono rapidamente escreti.

Il compito principale di una donna che allatta è di informarlo della sua situazione durante una visita dal dentista e scoprire dopo che ora l'agente anestetico scelto “lascerà” il corpo.

Di norma, puoi nutrire il bambino già da tre a cinque ore dopo l'applicazione dell'anestetico. Durante una pausa forzata, è sufficiente estrarre il latte, schiarire il seno e stimolare la produzione di una nuova porzione. E affinché il bambino non soffra la fame, la quantità necessaria di latte dovrebbe essere estratta prima di visitare il dentista. Inoltre, gli esperti di allattamento al seno consigliano di nutrire il bambino con un cucchiaio o una siringa (senza ago), ma non attraverso il capezzolo. Ciò è necessario affinché il bambino non rinunci al seno, che è molto più difficile da "ottenere" il cibo che da un biberon. Questa raccomandazione è particolarmente tipica per il trattamento a lungo termine delle madri con antibiotici..

Come curare il mal di denti durante l'allattamento?

Spesso, il mal di denti si verifica quando una donna non è in grado di ottenere un aiuto qualificato il più rapidamente possibile. In questo caso, puoi provare ad alleviare la condizione con:

  • rimuovere i residui di cibo con uno spazzolino da denti e un filo interdentale (è del tutto possibile che il dolore sia stato provocato da un nervo irritato dopo il contatto con il cibo);
  • applicare un batuffolo di cotone imbevuto di gocce di "Dent" sulla zona dolente (questo aiuterà a ridurre il dolore e prevenire la diffusione dell'infezione);
  • risciacquo accurato della bocca con furacilina, clorexidina, perossido di idrogeno o una soluzione debole di permanganato di potassio;
  • sciacquando un cucchiaino di soda e un pizzico di sale sciolto in un bicchiere d'acqua (almeno sei volte al giorno dopo i pasti);
  • risciacquo con un decotto di corteccia di quercia (un cucchiaio per bicchiere di acqua bollente) riscaldato a bagnomaria per circa 15 minuti (risciacquare al mattino e prima di coricarsi);
  • prendendo antidolorifici accettabili per l'allattamento (paracetamolo, ibuprofene).

IMPORTANTE. È consentito utilizzare antidolorifici non più di tre volte al giorno e non più di tre giorni. Anche se il dolore si è attenuato, il prima possibile, dovresti consultare un dentista per un esame preventivo.

Per prevenire problemi dentali, specialmente durante l'allattamento, una donna dovrebbe dedicare abbastanza tempo alla prevenzione:

  • osservare l'igiene orale (lavarsi i denti con pasta di alta qualità due volte al giorno e, dopo aver mangiato, utilizzare filo interdentale e risciacqui speciali);
  • mangiare bene e correttamente, arricchendo la dieta di tutte le vitamine e i microelementi necessari;
  • limitare l'uso di dolci;
  • non mangiare cibi troppo caldi e ghiacciati.

Non solo è possibile, ma anche necessario eseguire un trattamento dentale durante l'allattamento. Inoltre, è l'ideale se sono previste visite dal dentista, non emergenza. Ma anche se il trattamento viene eseguito forzatamente con l'uso dell'anestesia, questo non è un motivo per essere turbato. L'importante è avvertire il medico della tua "condizione" e attendere il periodo di tempo necessario per rimuovere il farmaco dal corpo, dopodiché, senza paura, riprendere l'allattamento al seno.

Denti e allattamento.

per favore. Non mi dispiace. voliamo quasi alla stessa età.

il dente è apparso oggi, è uscito senza problemi. beh, solo sbavare in un ruscello e penne in bocca. non succhiamo il capezzolo

in particolare come svezzare? Cosa fare?

Hanno scritto sopra - per schiaffeggiare il papa o premere sul petto. e nel tuo caso, quale azione?

i bambini di qualsiasi età capiscono tutto perfettamente. Grazie per aver condiviso la tua esperienza.

nei miei figli più grandi, i denti sono comparsi a 7 mesi e hanno smesso di nutrirsi a 8, solo per questo motivo: era doloroso sopportare il loro morso. Ma con mia figlia, tutto è completamente diverso. quindi ho paura dei suoi denti. dopo tutto, solo 4 mesi sono passati di recente. ma ha deciso di allattare il più a lungo possibile.

ailey

Ailey ©

Blog della mamma (non) giusta e solo una brava ragazza :)

Come prevenire la carie

Di Joylyn Fowler
Garden Grove CA USA
Da NUOVI INIZI, Vol. 19 No. 5, settembre-ottobre 2002, p. 164 - 169

Traduzione di Anna Novikova

Vanja aveva quasi 2 anni quando sua madre Elizaveta notò una macchia marrone su uno dei molari che sembrava cibo bloccato. Quando Elizabeth non è riuscita a pulire la macchia con un pennello, ha portato suo figlio dal dentista.

Dopo un tentativo fallito di esaminare la bocca di Vanin, il ragazzo ha dovuto sottoporsi ad anestesia. Durante l'esame, il dentista ha scoperto che tutti i denti tranne uno erano affetti da carie. Quattro dei denti anteriori dovevano essere rimossi, due dovevano essere incoronati e il resto, oltre a quello che era sano, doveva essere riempito. Il dentista ha detto a Elizabeth che l'allattamento al seno notturno è lo stesso del biberon. Per preservare i denti, l'alimentazione notturna dovrà essere interrotta. Elizabeth dubitava della raccomandazione del dentista. "Non può essere così! Per migliaia di anni, le persone hanno dato da mangiare ai bambini e i loro denti stavano bene ", ha pensato..

Elizvata decise di continuare a nutrire Vanya di notte, poiché la loro famiglia si stava preparando a trasferirsi, il che, anche senza svezzamento di notte, era piuttosto stressante per il ragazzo. La mamma ha cercato di pulire i denti di Vanya con un panno morbido dopo ogni poppata notturna, ma Vanya si è svegliata durante questa procedura. Nel corso di diversi mesi, Elizabeth smise gradualmente di nutrire suo figlio di notte..

Perché il dentista ha deciso che l'allattamento al seno, soprattutto di notte, può causare la carie? Il latte umano contiene uno zucchero chiamato lattosio. È risaputo che gli alimenti e le bevande che contengono zucchero sono una causa comune di carie. Alcuni studi hanno tracciato un legame tra alimentazione e carie, e alcuni sostengono che non vi sia alcun collegamento. L'American Academy of Pediatric Dentistry raccomanda di non nutrire il bambino di notte dopo la comparsa dei primi denti (Journal of Pediatric Dentistry 2001-2002). Molti dentisti concordano con questa raccomandazione, sia negli Stati Uniti che a livello internazionale. Diamo un'occhiata alle contraddizioni esistenti nei dati sulla carie infantile..

Analisi dei risultati della ricerca

La dott.ssa Joyce Synton ei suoi colleghi hanno condotto uno studio comparativo sulle pratiche di alimentazione e sulla carie, cercando di determinare il motivo per cui i ricercatori non sono d'accordo sugli effetti dell'allattamento al seno sui denti. Hanno concluso che in molti studi che hanno trovato un legame tra l'allattamento al seno e la carie, la metodologia di ricerca era scadente e i ricercatori hanno ottenuto risultati contrastanti. La maggior parte degli articoli trovati dai ricercatori non sono stati inclusi nella revisione finale. erano semplicemente descrizioni di casi particolari: si trattava di uno o più bambini in cui al momento dello studio era già stata rilevata la carie. Questi studi hanno suggerito che la carie è stata causata dall'allattamento al seno, ma non è stata presentata alcuna prova per questo. I ricercatori hanno affermato che in realtà hanno dovuto escludere la maggior parte degli articoli "classici" non l'argomento del rapporto tra carie e allattamento al seno.

Gli studi rimanenti hanno confrontato molto attentamente e hanno concluso che spesso i risultati erano contrastanti a causa dell'ignoranza di altri fattori che influenzano l'insorgenza della carie, come la fluorizzazione dell'acqua o di componenti della dieta del bambino diversi dal latte materno. Inoltre, i ricercatori non hanno fornito una definizione chiara dei concetti di "allattamento al seno" e "cure odontoiatriche efficaci" nei genitori. Pertanto, i bambini allattati in modo misto sono considerati allattamento al seno in uno studio e artificiali in un altro. La confusione sulle definizioni porta a risultati fuorvianti, poiché l'allattamento al seno esclusivo e l'alimentazione mista hanno effetti diversi sul corpo. L'uso di questo tipo di definizioni imprecise indica un approccio non scientifico allo studio del problema.

Informazioni affidabili sulla carie e sull'allattamento al seno sono molto importanti, poiché la prima infanzia è molto diffusa di recente. L'alto costo del trattamento attira ancora di più l'attenzione sul problema. I ricercatori sostengono che in alcuni paesi la prevalenza della carie in tenera età ha raggiunto proporzioni epidemiche (Tinanoff, O'Sullivan 1997). Il costo del trattamento della carie nei bambini negli Stati Uniti costa $ 700–1200 per il trattamento e $ 200–1500 per i medicinali (Erickson, 1999). Si può solo intuire il costo del danno morale sia per il bambino che per i genitori, soprattutto quando si tratta di svezzamento brusco.

Prove per l'allattamento al seno

Non tutti i dentisti e gli scienziati sono convinti che l'allattamento al seno, anche di notte, porti alla carie. Uno studio del Dr. Harold Slavkin ha scoperto che "gli studi sulla popolazione non hanno trovato un'associazione tra l'allattamento al seno a lungo termine e la carie". Il dottor Konstantin Oulis e colleghi hanno concluso che l'allattamento al seno può "avere un effetto preventivo e frenare lo sviluppo della carie dentale nei bambini". Il dottor Harry Thorney ha esaminato 107 bambini allattati al seno da almeno due anni (circa la metà di loro non era ancora stata svezzata al momento dello studio). Non ha trovato prove per l'affermazione che l'allattamento al seno prolungato su richiesta porta alla carie (Torney, 1992).

Il Dr. Brian Palmer è uno dei più attivi sostenitori e ardenti sostenitori dell'allattamento al seno in relazione alla carie. È sicuro che la carie nei bambini piccoli sia un fenomeno relativamente nuovo. Palmer ha studiato teschi fossili di neonati provenienti da vari musei. Meno dell'1,4% dei denti mostrava segni di carie. In totale, Palmer ha esaminato 1.344 denti da latte, di cui 19 erano leggermente colpiti dalla carie e solo 4 (0,3%) avevano gravi danni. Gli antropologi ritengono che gli esseri umani anatomicamente moderni esistano da circa 100.000 anni, mentre gli esseri umani moderni sono apparsi circa 30.000 anni fa. Allo stesso tempo, studi sui crani indicano il verificarsi di carie in tenera età solo 8-10 mila anni fa, il che significa che nei precedenti 92 mila anni nei bambini piccoli non c'era carie (Palmer, 2000).

Cosa è successo 8-10 mila anni fa? L'umanità ha iniziato a elaborare il cibo e mangiare in modo diverso. Presumibilmente, i bambini in epoca preistorica allattavano tutta la notte e per 2-3 anni o più. Sulla base di ciò, l'idea che il latte materno porti alla carie sembra improbabile. Se così fosse, si troverebbero tracce di carie su denti di oltre 10mila anni. Inoltre, come dice il dottor Palmer, "Se il latte materno provoca la carie, sarebbe un suicidio evolutivo"..

Ci sono dati da altri due studi che hanno confrontato l'effetto dei moderni sostituti del latte materno artificiale (formule) e del latte stesso su fattori che sono considerati la causa della carie. Questi studi hanno rilevato differenze significative tra il latte umano e la maggior parte delle formule. In primo luogo, è stato scoperto che il latte materno ha poco o nessun effetto sull'acidità in bocca, mentre quasi tutte le marche di latte artificiale lo fanno. Il batterio streptococco, che è stato accusato di danneggiare i denti, prospera meglio in ambienti a bassa acidità. In secondo luogo, la maggior parte delle formule promuoveva la crescita attiva dei batteri e questa crescita era molto più lenta nel latte materno. In terzo luogo, si è scoperto che le miscele sciolgono lo smalto dei denti, mentre il latte materno, al contrario, lo rimineralizza (cioè “rifornisce” i denti di calcio e fosforo). I ricercatori hanno anche concluso che il latte umano non porta alla carie se non c'è altra fonte di carboidrati sui denti, in cui i batteri si moltiplicano. La maggior parte delle miscele artificiali testate causa la carie. (Erickson, 1999)

Questi studi mostrano perché le definizioni precise sono così importanti. Un bambino alimentato in modo misto dovrebbe essere considerato separatamente dai neonati negli studi sulla carie infantile, poiché la formula scioglie lo smalto dei denti, mentre il latte materno, al contrario, lo rimineralizza..

Streptococcus mutans

Molto spesso, i bambini vengono infettati da Streptococcus mutans (un tipo di batterio streptococcico) dai genitori o da altri operatori sanitari. L'infezione si verifica attraverso i baci, giocando con lo spazzolino dei genitori o usando cucchiai condivisi. Una volta nella bocca del bambino, lo Streptococcus mutans (S. mutans) inizia a moltiplicarsi rapidamente. Questo batterio ha proprietà che impediscono la crescita di batteri simili e molti altri microrganismi e quindi può diventare il batterio predominante nella bocca di un bambino (Slavkin, 1999)

S. mutans può essere trattato preventivamente. Uno studio ha rilevato che "Se le donne incinte si sciacquano la bocca con fluoruro di sodio e clorexidina ogni giorno durante il settimo mese di gravidanza, i batteri nella bocca dei loro figli subivano un ritardo in media di 4 mesi" (Slavkin, 1999). Come tutti i medicinali, il fluoruro di sodio e la clorexidina devono essere prescritti da un medico. Tuttavia, l'uso di questi farmaci è associato a determinati effetti collaterali, quindi la necessità di questi farmaci è discutibile. Prima di assumere farmaci, dovresti consultare il tuo medico e valutare l'equilibrio tra benefici e rischi..

Più tardi il bambino incontra S. mutans, meno è probabile che sviluppi la carie in tenera età. Evita di usare posate e spazzolini da denti condivisi. Non leccare mai capezzoli o ciucci artificiali. Sapendo che S. mutans prospera meglio quando i livelli di acido sono bassi, mantieni la bocca acida. Ciò contribuirà a mantenere un sano ecosistema batterico in bocca (Slavkin, 1999). Come detto sopra, la formula abbassa il livello di acidità in bocca, a differenza del latte materno, quindi è meglio non nutrire i bambini con il latte artificiale. Se l'integrazione è inevitabile, assicurati di spazzolare i denti del tuo bambino subito dopo l'allattamento artificiale..

Durante la digestione, il livello di acidità in bocca di solito diminuisce, aumentando gradualmente dopo che il cibo è stato ingerito. Quando mangiamo o beviamo, la saliva inizia a scomporre il cibo in zuccheri più semplici, che si trovano in tutti gli alimenti. Gli zuccheri, a loro volta, finiscono sui denti, nutrendo i batteri, favorendone la riproduzione e riducendo il livello di acidità in bocca. Quando il livello di acidità diminuisce, i minerali vengono lavati via dallo smalto dei denti. La saliva ripristina il normale equilibrio chilo tra i pasti. Come accennato, il latte materno rimineralizza lo smalto dei denti, rafforza i denti da latte e aiuta a prevenire la carie..

Il dottor Palmer osserva che “alcuni componenti del latte materno possono anche proteggere i denti dalla carie. Quindi le immunoglobuline Ig A e IgG sono in grado di inibire la crescita di S. mutans. S. mutans è anche molto sensibile all'effetto battericida della lattoferrina, il componente principale del latte materno ".

Processo di suzione

Il latte materno non è in bocca per molto tempo durante l'allattamento. Quando il bambino allatta, il capezzolo è in profondità nella bocca del bambino e il latte viene quasi iniettato nella gola. Inoltre, il processo di suzione prevede la deglutizione: prima di continuare a succhiare, il bambino deve prima ingoiare il latte. Se il bambino beve latte, succo di frutta o una miscela da un biberon, il liquido continua a colare in bocca, anche se il bambino non sta succhiando attivamente il biberon. Se il bambino non deglutisce, il liquido si accumulerà in bocca, lavando i denti anteriori. Anche il fluido del capezzolo corto risciacqua i denti prima di entrare in gola.

La secchezza delle fauci è un'altra causa di carie nei bambini piccoli. La saliva mantiene un normale livello di acidità in bocca. Di notte, la salivazione diminuisce, soprattutto se una persona respira attraverso la bocca. Questo è uno dei motivi per cui lavarsi i denti prima di andare a letto riduce il rischio di carie. Se il bambino allatta spesso di notte, continua a produrre abbastanza saliva per evitare che la bocca si secchi..

Questioni di famiglia

L'ereditarietà non gioca l'ultimo ruolo nel verificarsi della carie. Non possiamo cambiare i geni del bambino, ma è importante che i genitori prestino attenzione alla prevalenza della carie dentale e di altri problemi dentali in famiglia. Armati delle informazioni di cui hanno bisogno, i genitori possono affrontare la prevenzione della carie infantile durante la gravidanza.

L'igiene orale gioca un ruolo importante nella prevenzione della carie. I genitori che si lavano i denti regolarmente non solo danno il buon esempio ai loro figli, ma riducono anche il numero di batteri nella loro bocca, riducendo così la probabilità di S. mutans. Le visite congiunte dal dentista consentono di abituarsi all'ambiente dello studio dentistico sin dalla prima infanzia e di conoscere ciò che accade durante le visite preventive. Nelle famiglie con predisposizione genetica alla carie dentale, i bambini dovrebbero essere mostrati al dentista ogni sei mesi dal momento in cui compaiono i primi denti. Una prima visita dal dentista aiuterà a rilevare eventuali difetti dello smalto.

Il bambino dovrebbe iniziare a lavarsi i denti non appena compaiono. Questo può essere fatto prima con un pezzo di garza o un panno morbido. I bambini dovrebbero imparare a lavarsi i denti da soli il prima possibile, ma allo stesso tempo, i genitori dovrebbero continuare a lavarsi i denti del loro bambino almeno 2 volte al giorno fino a quando il bambino non può lavarsi i denti abbastanza a fondo.

Una dieta buona e varia è una componente importante della prevenzione della carie. Una dieta sana aumenta la resistenza del corpo a germi e batteri. Dai da bere a tuo figlio acqua, non succhi o altri liquidi. L'acqua non riduce i livelli di acidità e non c'è zucchero nell'acqua, che ha un effetto dannoso sui denti.

Evita i cibi che rimangono a lungo in bocca o che si attaccano ai denti. Ad esempio, quando un bambino succhia a lungo un lecca-lecca, il livello di acidità in bocca diminuisce durante quel periodo. Lo zucchero sale sui denti, i batteri iniziano a moltiplicarsi attivamente e inizia la demineralizzazione dello smalto. Fino a quando un bambino si lava i denti o la saliva risciacqua via tutto lo zucchero dai suoi denti e riacquista l'acidità, i denti sono a rischio di carie. Ma se un bambino mangia una mela, masticare e deglutire aiuta a lavarsi i denti con la saliva. Tuttavia, alcuni cibi sani come la frutta secca si attaccano ai denti e possono iniziare a demineralizzarsi..

Il dottor Palmer ritiene che l'ereditarietà non sia l'unico fattore nello sviluppo della carie. I genitori possono prendersi cura della salute dentale molto prima della nascita del bambino. Secondo Palmer, sono quattro i fattori che aumentano il rischio di carie infantile: lo stress durante la gravidanza, soprattutto associato alla perdita di una persona cara; mancanza di latticini nella dieta della madre; una grave malattia della madre o l'assunzione di antibiotici durante la gravidanza.

Naturalmente, non tutte le circostanze di cui sopra sono suscettibili di controllo di una donna. Le persone si ammalano e muoiono al di fuori della nostra conoscenza. E ridurre il livello generale di stress è soggetto a molti e ha un effetto positivo sia sulla madre che sul bambino. Il monitoraggio regolare di una donna durante la gravidanza migliora la nutrizione materna e riduce la probabilità di malattia. Se ti capita di ammalarti, a volte devi ricorrere agli antibiotici. In questo caso, ogni donna deve valutare la sua situazione specifica e discutere con il proprio medico quanto i benefici dell'assunzione di antibiotici superino i rischi. È impossibile prevedere ed evitare tutti i fattori di rischio per la carie, ma avendo tutte le informazioni necessarie, una donna può compiere ogni sforzo possibile per prevenire la malattia.

Trattamento

Il regime di trattamento dipende dai genitori, che trovano più facile decidere quali metodi sono appropriati per il loro bambino. Questo articolo descrive diverse possibili opzioni di trattamento. Versioni aggiuntive sono state pubblicate nella sezione Toddler Tips di New Beginnings Magazine (numero di luglio-agosto 2000).

Nelle prime fasi del danno, i denti possono essere remineralizzati con integratori alimentari e fluoro. Ecco perché la prevenzione, la diagnosi e il trattamento precoci sono particolarmente raccomandati per i bambini a rischio. Lo spazzolamento regolare dei denti riduce i batteri in bocca. Recentemente, la rivista Mothering ha pubblicato un articolo sullo studio, in cui si afferma quanto segue: “I primi tentativi degli scienziati di distruggere S. mutans hanno avuto successo con i collutori antibatterici "(Raegan, 2000).

Se i denti sono già affetti da carie, la scelta può essere limitata al riempimento o all'estrazione del dente. Se è necessaria l'anestesia generale, i genitori dovrebbero saperne di più sul digiuno preoperatorio per il latte umano. Lavorare con l'anestesista può aiutarti a sviluppare il regime di digiuno preoperatorio più delicato per tuo figlio..

I genitori spesso devono cercare un buon dentista pediatrico. Se il tuo dentista non ha familiarità con l'allattamento al seno, prova a fornire al tuo medico informazioni di ricerca sull'allattamento al seno e sulla carie..

Conclusione sui punti chiave della ricerca sul legame tra allattamento al seno e carie

Era davvero necessario svezzare Vanja? Secondo il dottor Palmer, no, e non è l'unico medico che ha questa opinione..

- Studi basati sulla popolazione non hanno trovato un'associazione tra l'allattamento al seno a lungo termine e la carie (Slavkin, 1999)

- L'allattamento al seno prolungato su richiesta non porta alla diffusione della carie (Weerheijm, 1998)

- L'allattamento al seno può prevenire e controllare la carie nei bambini (Oulis, 1999)

- Il lattosio è meno nutritivo del saccarosio per i batteri che causano la carie (Rugg-Gunn, 1985)

Conclusione

La mamma di Vanya non è l'unica a cui è stato detto di svezzare il bambino. Ekaterina nutre la figlia di 18 mesi Julia. Il dentista pediatrico ha insistito per l'interruzione immediata dell'alimentazione prima del trattamento della carie. Ekaterina ha trovato un dentista più informato sull'allattamento al seno e continua a nutrire Yulia con la certezza che l'alimentazione non solo non ha causato la carie, ma forse ha anche ridotto il tasso di diffusione della carie. E, naturalmente, l'alimentazione aiuta a calmare Yulia dopo spiacevoli procedure dentistiche.!

Riferimenti

AAP. Dichiarazione politica sull'allattamento al seno e l'uso del latte umano. Pediatrics 1997; 100 (6): 1035-39.

Linee guida cliniche su carie da biberon / carie della prima infanzia / allattamento / carie della prima infanzia: sfide uniche e trattamento nell'odontoiatria pediatrica. Pediatr Dent 2001-2002: 29-30.

Erickson, P., McClintock, K. L., Green, N. et al. Stima del rischio correlato alla carie associato agli alimenti per lattanti. Pediatr Dent 1998; 20 (7): 385-403.

Oulis, C. et al. Pratiche di alimentazione dei bambini greci con e senza carie infermieristica. Pediatr Dent 1999; 21 (7): 409-16.

Palmer, B. Allattamento al seno e carie infantile. Notizie e opinioni ABM 2000 dicembre; 6 (4): 27-31.

Palmer, B. "Carie dentale infantile: è correlata all'allattamento al seno". Una presentazione, 2000.

Reagan, L. Grandi cattive cavità, l'allattamento al seno non è la causa. Mothering 2002 luglio-agosto; 113.

Rugg-Gunn. A. et al. Effetto del latte umano sul pH della placca in situ e sulla dissoluzione dello smalto in vitro rispetto al latte bovino, lattosio e saccarosio. Caries Res 1985; 19 (4): 327-34.

Sinton, J. et al. Una panoramica sistematica della relazione tra la carie dell'alimentazione infantile e l'allattamento al seno. Ont Dent 1998; 75 (9): 23-27.

Slavkin, H. Streptococcus mutans: carie della prima infanzia e nuove opportunità. JADA 1999; 130: 1787-92.

Torney, H. "Allattamento al seno prolungato su richiesta e ricerca sulla carie dentale" [tesi di MDS non pubblicata]. Dublino, Irlanda, 1992.

Weerheijm, K. L. Prolungata domanda di allattamento al seno e carie infermieristica. Carie 1998, 32 (1): 46-50.

Sito web informativo

Prevenzione della carie dentale durante la gravidanza:


  • Mangia cibi ricchi di calcio
  • Cerca di essere il più nervoso possibile.
  • Prenditi cura di te stesso, consulta un medico, tratta tutte le malattie in modo tempestivo
  • Cerca di evitare di assumere antibiotici quando possibile

Prevenzione della carie nei bambini


  • Non introdurre cibi complementari fino a quando non compaiono segni di prontezza (dai 6 mesi in su).
  • Non mangiare con il bambino con lo stesso cucchiaio e non dargli nulla dalla bocca; il bambino dovrebbe avere il suo spazzolino da denti.
  • Se stai usando capezzoli o ciucci, non leccarli.
  • Dai il buon esempio a tuo figlio: lavati i denti spesso e accuratamente.
  • Spazzola i denti del tuo bambino quando compaiono i primi denti, specialmente dopo aver mangiato o bevuto qualcosa di diverso da latte materno o acqua.
  • Cerca di preparare cibi nutrienti e vari con molti cibi integrali e zuccheri naturali.
  • Quando dai i dolci a tuo figlio, scegli quelli che sono meno in bocca..
  • Allattare o offrire acqua durante la notte per prevenire la secchezza delle fauci.

Cause di carie:


  • I batteri streptococcici sono passati da genitore a figlio.
  • Malattie passate e stress durante la gravidanza, assunzione di antibiotici.
  • Malnutrizione.
  • Scarsa igiene orale.
  • Bocca asciutta.
  • Consumo frequente ea lungo termine di dolci.

Metodi di trattamento: cosa fare quando un dente fa male durante l'allattamento?

Durante l'allattamento, il trattamento dentale non è controindicato, ma il dentista deve essere informato dell'allattamento al seno in modo che scelga i farmaci appropriati, soprattutto se sono necessari antibiotici.

Inoltre, è importante nutrire il bambino prima di visitare il dentista. E se hai bisogno di un'assunzione a lungo termine di farmaci, la giovane madre dovrà trasferire il bambino in una miscela o esprimere il latte materno in anticipo e congelare.

Cause di mal di denti in una madre che allatta

Un mal di denti in una madre che allatta può comparire in qualsiasi momento, vari fattori possono provocare l'insorgenza del dolore: questa è una dieta squilibrata, affaticamento e mancanza di tempo per un adeguato trattamento di denti e gengive.

Importante! Il mal di denti non può essere tollerato, può portare a conseguenze più gravi.

Alto grado di carenza di calcio

L'allattamento al seno è uno dei motivi della carenza di calcio nel corpo di una giovane madre. La mancanza di questa sostanza nel corpo può provocare spiacevoli conseguenze. Oltre alla carie, possono verificarsi perdita di capelli e fragilità delle unghie..

Pulpite

La ragione principale per lo sviluppo della pulpite è la carenza di calcio nel corpo e nei denti. La malattia inizia con la comparsa di un piccolo foro cariato, che si trasforma molto rapidamente in una cavità.

Quindi, la carie si sviluppa in pulpite. Non è un segreto che le giovani madri non abbiano abbastanza tempo per se stesse, e ancor più per monitorare i danni allo smalto dei denti..

Di solito una madre che allatta nota problemi dentali solo quando un forte dolore inizia a disturbare, il che significa che è iniziata l'infiammazione della polpa, cioè la pulpite.

Parodontite

La gravidanza e l'allattamento sono spesso associati a una diminuzione dell'immunità della madre, il che significa che i batteri che causano l'infiammazione si moltiplicano molto più velocemente..

Interruzione del sistema endocrino

Molto spesso, la causa della malattia dentale è l'interruzione del sistema endocrino..

Pertanto, in caso di dolore ai denti, è consigliabile visitare un endocrinologo al fine di escludere la presenza di malattie.

Cosa fare quando un dente fa male durante l'allattamento

Quando si scelgono farmaci per il mal di denti, è necessario essere guidati da semplici regole:

  • Eventuali farmaci devono essere concordati con il medico.
  • Quando decide di prendere questo o quel medicinale, una giovane madre dovrebbe studiarne attentamente le istruzioni e prenderlo solo quando dice che il farmaco è consentito per l'allattamento al seno.
  • Le medicine sotto forma di compresse e iniezioni, consentite per un bambino piccolo, possono essere assunte anche da una giovane madre..

La medicina moderna non si ferma. Ci sono alcuni farmaci in forma di pillola che non sono dannosi per la salute del bambino. Puoi anche prendere speciali unguenti antidolorifici per il mal di denti..

Antidolorifici e gocce dentali

Il trattamento dentale durante l'allattamento viene solitamente effettuato con l'uso di analgesici come l'ultracaina o la lidocaina, che sono sicuri per l'allattamento al seno.

La lidocaina si trova anche in un analgesico chiamato Kalgel, prescritto per i bambini durante la dentizione..

Pertanto, puoi essere sicuro della sicurezza di assumere un tale farmaco per il mal di denti. Inoltre, con un forte mal di denti, puoi usare gocce dentali, che alleviano efficacemente il mal di denti in presenza di:

  • carie;
  • parodontite;
  • gengivite;
  • parodontite.

Le gocce dentali sono assolutamente sicure per l'allattamento al seno, perché la loro composizione è dominata da componenti a base di erbe: canfora, menta piperita e valeriana.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Le donne incinte possono lubrificare la pelle con iodio?

Analisi

E 'possibile o no? Potrebbe avere un effetto negativo sul feto o causare un sovradosaggio di iodio nel corpo (a causa del fatto che bevo ancora vitamine).

Segni precoci di gravidanza

Parto

Meccanismo di fecondazioneIl processo di concepimento è la fecondazione di un uovo con uno sperma. È impossibile senza l'ovulazione, che consiste nella formazione e nel rilascio di un uovo dal follicolo ovarico.

Tossicosi durante la gravidanza: nausea e vomito sono problemi temporanei

Concezione

La tossicosi è una condizione patologica che complica il corso della gravidanza. Lo sviluppo della tossicosi nelle donne in gravidanza è direttamente correlato allo sviluppo dell'ovulo e ai cambiamenti ormonali, vascolari e immunologici di accompagnamento nel corpo della futura mamma.

L'assunzione di duphaston influisce sulla positività di un test di gravidanza?

Neonato

Commenti degli utenti 1 2Ho letto molto su queste informazioni ed è chiaro che il duff non influisce. Io stesso ero così felice quando ho visto una striscia debole il primo giorno di ritardo.