Principale / Parto

L'anestesia epidurale influisce sul decorso del travaglio??

L'anestesia epidurale è ampiamente utilizzata nella pratica ostetrica. A Mosca, fino all'80% delle nascite avviene con l'anestesia epidurale. Il primario di uno degli ospedali di maternità di Mosca ha detto che il primo parto dovrebbe sempre essere anestetizzato. Gli ostetrici affermano con sicurezza che l'epidurale non influisce in alcun modo sul corso del travaglio e da esso ci sono alcuni vantaggi. Cosa dice la medicina basata sull'evidenza al riguardo??

L'analgesia epidurale è un modo efficace e popolare per alleviare il dolore del travaglio, ma può interferire con il normale meccanismo di consegna. Sulla base di questa tesi, gli ostetrici stanno conducendo nuove ricerche per determinare quanto sia grande questa influenza e quali fattori contano..

Anestesia epidurale durante il travaglio

Influenza del tipo di anestesia sul corso del travaglio

Nel 2016 è stato condotto uno studio in Malesia per determinare la durata della prima e della seconda fase del travaglio con e senza anestesia epidurale. Centodieci donne primipare con una gravidanza singola a termine sono state divise in due gruppi uguali. Altri metodi per alleviare il dolore sono stati offerti alle donne che rifiutano l'anestesia epidurale. Come risultato dello studio, si è riscontrato che la durata della prima e della seconda fase del travaglio, la frequenza degli interventi strumentali nel travaglio vaginale e nel taglio cesareo di emergenza, nonché i punteggi di Apgar non differivano in modo significativo. Tuttavia, è importante capire che in questo studio il gruppo di controllo ha ricevuto anche l'anestesia, solo di tipo diverso, non epidurale..

L'effetto di un analgesico sul corso del travaglio

Tuttavia, nel 2015, un altro studio simile è stato condotto in Pakistan, in cui sono stati ottenuti risultati molto diversi. L'esperimento ha coinvolto 100 donne, anch'esse divise in due gruppi uguali. Tutte le donne in travaglio presumevano di ricevere l'anestesia epidurale, quando in realtà al gruppo di controllo veniva iniettata acqua distillata invece di un analgesico. Cioè, è stato proprio l'effetto del farmaco anestetico sul corso del travaglio che è stato studiato, escludendo fattori psicologici e di altro tipo..

Si è scoperto che 23 donne in travaglio su cento avevano una seconda fase del travaglio protratta (cioè un periodo forzato). Questo problema è stato riscontrato dal 36% delle donne nel gruppo epidurale (18 persone) e solo dal 10% delle donne nel gruppo di controllo (5 persone). Quattro pazienti (8% del gruppo epidurale) hanno sviluppato complicanze postpartum.

65 donne in travaglio avevano un parto naturale normale, in 35 il parto vaginale ha richiesto un intervento strumentale. Inoltre, il 58% di tutte le donne che ricevevano epidurale (29 persone) necessitava di aiuto e solo il 12% (6 pazienti) del gruppo di controllo.

Gli autori dello studio pakistano hanno concluso che l'anestesia epidurale in realtà prolunga la seconda fase del travaglio (spinta) e aumenta il numero di interventi strumentali. La condizione neonatale era soddisfacente, ma con l'analgesia epidurale sono state riscontrate diverse complicanze materne post-partum.

Inizio precoce o tardivo dell'anestesia epidurale

Analizzando più di 15mila nascite, i cui dati sono presentati nei materiali Cochrane, gli scienziati di Singapore nel 2014 hanno scoperto che l'inizio precoce o tardivo dell'anestesia epidurale non influisce sull'esito del travaglio. Gli autori hanno concluso che per le madri primipare che cercano l'anestesia epidurale per alleviare il dolore, il momento di insorgenza può essere guidato dalla richiesta della donna..

Parto con anestesia epidurale! Condividi la tua esperienza!

Commenti degli utenti

  • 1
  • 2

Oh, sono lo stesso, mi pizzico il dito e comincio a svenire. La depilazione è come una tortura per me! Ero sicuro che avrei realizzato un'epidurale con minacce! Ma sono stato magnificamente ingannato! Quando è stato necessario farlo, hanno detto presto! E poi naturalmente è tardi! Così ha partorito lei stessa. E ad essere onesti: partorire è 100.500 volte più facile del travaglio! Partorire è come andare in bagno per lo più con la stitichezza (scusate). E le contrazioni non possono essere paragonate a nulla nel dolore :(

Con lei sta bene, ho partorito con lei... solo allora la schiena inizia subito a far male, il minimo carico, tutto... non avrei potuto sopportare 14 ore senza di lei..

È troppo presto per pensarci. Riuscite a immaginare come si sente un bambino durante il parto? Con ea stai riposando quando hai bisogno di respirare spesso e molto, e il bambino soffre di ipossia. Sono contro. E così ha partorito. Sì, fa male, ma è lo stesso il parto. C'è un altro dolore diverso da tutti i dolori.

Tutto dipende dall'anestesista. Sono stato molto cattivo, perché trafitto. Mi allontanai da lei per un giorno, non riuscivo a muovermi. E invece di alleviare il dolore, a quanto pare, è stato aggiunto un dolore infernale a tutta la schiena. Il secondo ha partorito senza, per me è meglio così. Ha partorito e un'ora dopo camminava con calma

Ha dato alla luce senza anestesia, dove il cervello si spegne, diventa tollerante.
Contrazioni a intervalli, non fa sempre male.
I più dolorosi sono i tentativi, sono alla fine e l'epidurale non li copre.

Ho partorito con lei) Sono ovviamente un eroe, ma non al punto da sopportare un dolore infernale e spendere tutte le mie forze in lotte! Ha partorito e subito è saltata, potrebbe avere un figlio! Dio darà più figli - partorirò solo con l'epidura)

Com'è andata? Non ho sentito niente?

L'epidura mi è stata messa a un'apertura di 5 cm (per quanto ne so, non l'hanno messa prima di 5 cm). Ha funzionato per me per circa un'ora, ad es. alla piena divulgazione 10 cm. Durante i tentativi (la stessa nascita del bambino), l'epidura non viene posizionata, lì la donna dovrebbe già sentire il bambino e spingerlo fuori correttamente. È andato tutto alla grande! Ho sentito il primo periodo di apertura fino a 5 cm fino a quando c'è stata un'epidura - e questo mi è bastato))) hanno anestetizzato il periodo più doloroso per me, le sensazioni erano le seguenti - ho sentito una contrazione della tensione corporea - ma senza dolore pronunciato. Certo, ho sentito i tentativi, ma questo periodo di travaglio è molto veloce! Consiglio di partorire con epidura, il bambino ha bisogno di una madre forte e riposata (a proposito, mio ​​figlio praticamente non ha dormito la prima notte della sua vita)!

Un'amica ha partorito con lei perché non sopporta affatto il dolore, da un dolore minore o anche solo alla vista del sangue che sviene, dice super con lei, molto felice. Io stesso ho partorito senza di lei, quindi ho sperimentato tutta la bellezza del parto da e per

Ho partorito, okay. Certo che fa male, ma non molto, quando partoriscono, non lo aggiungono, in modo da farti sentire il processo del parto e delle contrazioni. Ma tutto è già tollerante e veloce lì.

Avevo un poliziotto con lei. Allora e adesso ho problemi alla schiena e dolori violenti alla scapola e alla testa (

Ha dato alla luce due volte senza. E nifiga non capisco cosa sia così terribile che sia necessaria l'anestesia. Questo è abbastanza tollerabile, abbastanza naturale. E generalmente presto a 6 settimane per pensarci

Se il medico lo mette bene, non ci saranno effetti collaterali o dolore parziale. Tutto dipende dal dottore.

Fallo con coraggio. Non capisco; e perché sopportare se c'è sollievo dal dolore

Ha dato alla luce senza.
Ho molta paura del dolore. Cosa posso dire sul parto: preferisco partorire che curare un dente ?? C'è un altro dolore))) Puoi sopportarlo se pensi al bambino ?

A 6 settimane, pensa già a un'epidurale?

+Volevo scrivere la stessa cosa. Ancora bisogno di informare

Non andrò nemmeno più a partorire senza di lei ?

Non andrò nemmeno più a partorire senza di lei ?

Ho dimenticato di chiederti cosa ne penso.

Mi sono dimenticato di chiederti cosa pensare. Non preoccuparti.

Anestesia epidurale durante il travaglio

L'anestesia epidurale nei circoli "mamma" è chiamata epidurale. Il fenomeno, seppur nuovo, è molto diffuso e, a giudicare dalle recensioni, è “salutare”. Chi ha partorito con un'epidurale - in totale gioia, che non ha partorito affatto e ha paura del parto, come il fuoco, - anche per lei, che ha partorito con successo senza dolore e anestesia - come al solito: né "per" né "contro". Tuttavia, ogni donna ha ancora bisogno di sapere cos'è l'anestesia epidurale, con cosa e come viene mangiata..

L'anestesia epidurale viene eseguita solo prima dell'inizio dei tentativi, durante il periodo delle contrazioni dolorose, perché il suo scopo principale è bloccare il dolore, mentre la donna avverte le contrazioni e, cosa molto importante, rimane cosciente.

Il sito di puntura (iniezione) è lo spazio epidurale della colonna vertebrale (dove termina il midollo spinale). Con l'ausilio di un ago si attacca alla schiena un catetere, attraverso il quale vengono somministrate tante iniezioni quante sono sicure e necessarie per la donna "sofferente" in travaglio. L'anestetico locale blocca gli impulsi nervosi che trasmettono segnali di dolore al cervello. E dopo 20 minuti non sentirai alcun dolore, e talvolta l'intera parte inferiore del tuo corpo..

L'epidurale è una necessità...

Sicuramente, la donna in travaglio decide lei stessa se iniettare o meno l'iniezione "magica". Di solito, una donna decide cosa fare, molto prima del parto. Dopo tutto, non ci sono indicazioni mediche rigorose per l'anestesia epidurale. Di solito viene utilizzato solo per contrazioni dolorose gravi durante il parto vaginale. Può anche essere usato al posto dell'anestesia generale per un taglio cesareo. Si ritiene che sia meglio che l'operazione avvenga con la piena consapevolezza della madre, naturalmente senza dolore. Inoltre, l'epidurale viene utilizzato per le manipolazioni postpartum..

Oltre al fatto che questa anestesia allevia i dolori "da presa", accorcia anche il periodo di dilatazione cervicale e non interessa assolutamente il neonato, perché il farmaco entra nel sangue del bambino in dosi molto piccole.

Molto spesso, viene offerta un'epidurale per gestosi grave, insufficienza placentare, ipertensione arteriosa, malattie dell'apparato respiratorio, gravi difetti cardiaci e altre condizioni.

... o un capriccio?

Molte donne, senza nemmeno sentire il dolore del travaglio, pianificano deliberatamente di anestetizzare il processo delle contrazioni. È facile dire che questo è il capriccio di una donna, ma i medici assicurano che se una donna ha una paura catastrofica del parto, anche lievi sensazioni dolorose possono causare stress non solo per lei, ma anche per il nascituro. E il corso stressante del parto non può portare nulla di buono. Ecco perché gli ostetrici-ginecologi non dissuadono le madri "paurose" dall'epidurale.

Le donne che hanno partorito utilizzando l'anestesia epidurale non sono assolutamente diverse da quelle che hanno partorito, come si suol dire, in modo "naturale". Sentivano contrazioni e il fatto che il dolore fosse minimo era solo un vantaggio, perché dal processo di nascita rimanevano solo emozioni positive. Gli psicologi dicono: dopo il "parto epidurale" le donne accettano più facilmente di ripetere il parto.

Anestesia epidurale durante il parto: controindicazioni

Tuttavia, non tutte le donne possono usare un metodo per alleviare il dolore così seducente. L'anestesia epidurale ha molteplici controindicazioni che devono essere prese in considerazione durante il parto, altrimenti c'è un alto rischio di ottenere l'effetto opposto: invece di sollievo, causare complicazioni.

Le controindicazioni all'anestesia epidurale sono:

  • sanguinamento dalla nascita;
  • problemi con la coagulazione del sangue;

Anestesia epidurale durante il travaglio

Il parto è un processo difficile e doloroso che può portare a molte complicazioni. Una donna che ha deciso di diventare madre, fino a poco tempo fa, ha dovuto sopportare eroicamente sia il travaglio che il travaglio senza la capacità di alleviare il proprio tormento. Ora questo è il passato: l'anestesia epidurale può semplificare notevolmente la vita di una donna in travaglio (soprattutto una primipara).

Perché hai bisogno di alleviare il dolore

Per molto tempo l'umanità ha cercato di trovare un modo per ridurre il dolore nelle donne durante il travaglio. Nei tempi antichi per questo venivano usati decotti di erbe e fumo, successivamente apparvero antidolorifici sintetici. Il parto è uno dei processi più dolorosi, e il concetto medievale del bisogno di sofferenza femminile, fortunatamente, appartiene al passato. Studi di scienziati moderni indicano direttamente che il dolore eccessivo durante il parto aumenta notevolmente il livello di adrenalina e norepinefrina nel sangue e questo può portare all'interruzione del trasporto di ossigeno ai tessuti del corpo. Di conseguenza, la frequenza delle contrazioni diminuisce, il normale ritmo della circolazione sanguigna si perde e su questo sfondo si sviluppa l'ipossia fetale. *

Cos'altro è associato a dolore eccessivo durante il parto

  • L'iperventilazione e l'alcalosi respiratoria possono portare ad acidosi metabolica
  • La diminuzione della perfusione placentare minaccia le patologie fetali
  • Il rilascio di ormoni può portare alla rottura del corpo del bambino

Chi di solito parla della necessità che una madre faccia necessariamente esperienza del "sacramento del parto" molto spesso non è consapevole di tutte le possibili conseguenze e non ne sarà mai ritenuto responsabile. Ciò è particolarmente vero per le doule casalinghe e le persone che promuovono il "parto naturale".

Cos'è l'anestesia epidurale

Nella zona della colonna lombare, tra la parete esterna e il guscio duro del midollo spinale, c'è uno spazio in cui escono le radici spinali, attraverso il quale vengono trasmessi gli impulsi nervosi. Con l'introduzione di farmaci anestetici, la sensibilità viene disattivata per un po ', il che consente alla donna in travaglio di smettere di provare dolore. Allo stesso tempo, una dose calcolata correttamente non blocca la possibilità di un movimento indipendente, in modo che una donna possa camminare. Allo stesso tempo, a differenza dell'anestesia generale, l'anestesia epidurale consente alla donna in travaglio di rimanere cosciente in tutte le fasi. Inoltre, molto spesso, tale anestesia, se non ci sono indicazioni speciali, viene utilizzata solo per il periodo di contrazioni, che può durare per diverse ore, e una donna partorisce già senza anestesia.

Spinale o epidurale?

Questi due tipi di sollievo dal dolore sono molto spesso confusi perché sembrano davvero simili, soprattutto per coloro che sono lontani dalla medicina. Tuttavia, ci sono differenze tra loro..

Spinale. Questa anestesia utilizza un ago sottile attraverso il quale l'anestetico viene iniettato nel liquido cerebrospinale. Ora questo metodo viene utilizzato sempre meno, perché se eseguito in modo errato o non identificate controindicazioni possono portare a gravi conseguenze..

Epidurale. Per questo tipo di anestesia, viene prima eseguita l'anestesia locale, dopo di che viene eseguita una puntura nel sito di puntura con un ago speciale che penetra nella dura madre. Quando si esegue questa manipolazione, è molto importante non muoversi in modo che la mano del medico non tremi. Un catetere viene inserito attraverso l'ago nella puntura, attraverso la quale gli anestetici vengono erogati nello spazio epidurale. Il suo tubo rimarrà nella parte posteriore per tutto il tempo necessario a mantenere l'effetto antidolorifico del farmaco. Dopo aver rimosso il catetere, rimarrà solo una piccola puntura, che verrà trattata e coperta con un cerotto..

Effetto dell'anestesia su un bambino

I sostenitori del "parto naturale" affermano che i farmaci possono influire negativamente sul feto. Tuttavia, studi moderni confutano questo fatto: a seguito dei test effettuati, è stato riscontrato che l'anestesia epidurale non influisce in alcun modo sul bambino, ma facilita notevolmente il processo del parto. ** Inoltre, per questo tipo di anestesia, vengono utilizzati farmaci che non penetrano nella membrana placentare del feto.... Il vantaggio principale dell'anestesia epidurale durante il parto è che una donna può rilassarsi, calmarsi e passare con sicurezza al processo di espulsione del feto senza nevrosi e stress.

Indicazioni per alleviare il dolore

Sfortunatamente, non ancora in tutte le istituzioni mediche una donna può prendere una decisione indipendente sull'uso degli anestetici. Le seguenti situazioni sono indicazioni indiscutibili per la necessità di anestesia epidurale..

Gravidanza prematura. Il rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico consente al bambino di camminare più facilmente attraverso il canale del parto senza incontrare resistenza. Per i bambini nati prematuramente, lo stress non necessario è controindicato, quindi se non ci sono indicazioni per un taglio cesareo, sarà necessario partorire con l'anestesia

Discordinazione del lavoro. Questo è il nome di una condizione in cui le contrazioni possono tormentare una donna per diverse ore, ma la cervice non si aprirà. In questo caso, l'anestesia epidurale allevia lo spasmo e provoca il travaglio.

Ipertensione. Con l'ipertensione, il parto può portare a ictus o altre conseguenze pericolose, quindi i medici possono prescrivere un taglio cesareo o utilizzare un'epidurale per normalizzare la pressione sanguigna.

La necessità di un intervento chirurgico. Nei casi in cui non è possibile applicare l'anestesia generale, ma è necessaria un'assistenza tempestiva (ad esempio, con un feto troppo grande o gravidanze multiple), l'anestesia epidurale viene utilizzata come opzione alternativa

Anestesia opzionale

Nelle cliniche occidentali, qualsiasi donna che partorisce può scegliere autonomamente il sollievo dal dolore. Questo è razionale: in primo luogo, nessuna persona vuole sopportare dolorosamente il dolore per diverse ore e, in secondo luogo, studi di specialisti americani hanno dimostrato che l'anestesia epidurale non ha conseguenze. Quindi, se stai pianificando di partorire in una clinica privata, molto probabilmente, ti verrà data l'opportunità di decidere autonomamente sulla necessità di alleviare il dolore..

Quando non usare

Qualsiasi intervento medico ha le sue controindicazioni e l'anestesia epidurale non è stata risparmiata. Tuttavia, anche la presenza di controindicazioni non è un motivo per partorire senza anestesia. Ci sono momenti in cui una donna sperimenta un dolore insopportabile (di regola, sullo sfondo di una gravidanza anormale o di caratteristiche corporee). In questo caso, i medici dovrebbero trovare modi alternativi per abbassare la soglia del dolore..

Bassa pressione sanguigna. Con una pressione sanguigna bassa, l'introduzione di farmaci anestetici può provocare un forte calo, che porterà a conseguenze spiacevoli

Deformità spinale. Se una donna ha disturbi degenerativi alla colonna vertebrale, è estremamente curva o presenta anomalie, l'accesso per la barca sarà difficile. Ciò significa che quando il farmaco viene iniettato, potrebbe andare nel posto sbagliato o non bloccare il dolore.

Infiammazione nella zona della puntura. In caso di processi infiammatori, le iniezioni sono vietate, poiché possono provocare suppurazione o altre spiacevoli conseguenze dell'infezione che entra nel sangue

Disturbo della coagulazione. Alcuni antidolorifici possono fluidificare il sangue, il che è particolarmente pericoloso se il sanguinamento uterino si apre durante il parto

Intolleranza a un certo gruppo di farmaci. Di solito, gli analoghi vengono semplicemente utilizzati, ma in rari casi l'anestesia epidurale diventa impossibile.

Incoscienza. In primo luogo, una donna incosciente, in linea di principio, non sente dolore e, in secondo luogo, non può dare il suo consenso all'uso dell'anestesia, che è richiesta quando prescrive un determinato gruppo di farmaci

Conseguenze e complicazioni

È già stato menzionato sopra che la ricerca medica non ha portato prove che l'anestesia epidurale influenzi negativamente le condizioni del feto. Tuttavia, ci sono situazioni in cui si verificano complicazioni spiacevoli, di regola, in una donna in travaglio..

L'ingresso di farmaci nel letto venoso. Se il medico ha eseguito una puntura in modo errato e l'anestetico era nel flusso sanguigno, la donna sentirà debolezza, vertigini, intorpidimento degli arti. Fortunatamente, tutto questo è risolvibile: di solito tali reazioni si verificano istantaneamente, anche quando il catetere è installato, e con una tempestiva notifica all'anestesista si possono evitare spiacevoli conseguenze. Pertanto, se durante l'anestesia epidurale si avverte uno dei suddetti sintomi, è necessario informarne il medico.

Allergia. Purtroppo nessuno è protetto dalle possibili reazioni negative del corpo all'anestetico. Pertanto, si consiglia di sottoporsi a test speciali per identificare gli allergeni. Ciò aiuterà notevolmente il medico che selezionerà il farmaco corretto e il suo dosaggio e ti salverà da reazioni allergiche e shock anafilattico.

Mal di schiena. Alcune donne, nelle loro recensioni sull'uso dell'anestesia durante il parto, si lamentano del fatto che dopo l'epidurale, la colonna lombare fa male. Questa è una conseguenza di una puntura imprecisa, a seguito della quale il liquido cerebrospinale entra nello spazio epidurale. Una tale complicanza viene trattata con un farmaco e devi assolutamente informarne il medico.

Abbassamento della pressione sanguigna. La maggior parte degli antidolorifici riduce effettivamente la pressione sanguigna in modo significativo. Per evitare vertigini, i medici di solito raccomandano ai loro pazienti di sdraiarsi e i farmaci vengono iniettati attraverso un catetere a piccole dosi.

Altri svantaggi dell'anestesia

La maggior parte delle conseguenze dipende dal fatto che l'anestesista esegua correttamente le sue manipolazioni e se la donna in travaglio seguirà tutte le raccomandazioni dei medici. Il fatto è che con la somministrazione sbagliata del farmaco, l'anestesia può verificarsi parzialmente (nel 15% dei casi) o per niente (5%). Inoltre, questo potrebbe non essere solo un errore medico. Spesso, una somministrazione errata è dovuta al sovrappeso o ad anomalie nello sviluppo della colonna vertebrale di una donna. Un altro evento raro è l'anestesia a mosaico. Si verifica a causa del fatto che ci sono setti nello spazio epidurale che non consentono al farmaco di essere distribuito uniformemente in tutto il fluido. La perdita di sensibilità su un lato del corpo deve essere immediatamente segnalata all'anestesista - che aggiusterà la dose dei farmaci.

Contro della procedura

La maggior parte degli oppositori dell'anestesia epidurale insiste sul fatto che durante il parto una donna produce grandi quantità di ormone ossitocina, che induce l'attaccamento al bambino. E se "blocchi" le sensazioni dolorose con antidolorifici, la sua produzione si interromperà e l '"istinto materno" non funzionerà. Le donne che hanno partorito con l'epidurale e stanno crescendo i bambini romperanno facilmente il mito della mancanza di attaccamento. Le possibili conseguenze negative sono complicazioni dovute a farmaci inappropriati. Pertanto, le domande sulle allergie devono essere affrontate in anticipo. Quindi non ci sono praticamente inconvenienti nell'anestesia epidurale e le conclusioni sul "danno irreparabile" non supportate dai fatti non dovrebbero essere prese in considerazione.

Pro della procedura

Viviamo in un mondo moderno in cui tutto è fatto per il massimo comfort. Le nozioni obsolete secondo cui una donna in travaglio deve necessariamente soffrire per poter essere chiamata madre sono oggi considerate estremamente disumane. I vantaggi dell'anestesia epidurale sono:

  • sollievo dal dolore del travaglio, che può essere davvero insopportabile per la madre
  • l'opportunità di fare una pausa quando le contrazioni sono in corso da diverse ore e persino di dormire un po '
  • abbassando la pressione sanguigna nei pazienti ipertesi
  • prevenire le conseguenze negative di un dolore eccessivo che può provocare ipossia fetale
  • normalizzazione della contrazione uterina, rilassamento della sua cervice e assistenza al bambino nel passaggio attraverso il canale del parto
  • sollievo da nausea e vomito
  • mancanza di oppressione dei centri respiratori in una donna in travaglio e in un neonato

Inoltre, se è necessario un taglio cesareo d'urgenza, l'anestesista aumenterà semplicemente la dose di farmaci e l'operazione potrà essere avviata immediatamente..

In quale altro modo rendere più facile il lavoro

Non tutte le donne vogliono partorire con l'anestesia. Tuttavia, anche in questo caso, puoi semplificarti il ​​processo di nascita..

  • La gravidanza dovrebbe essere pianificata fortemente in anticipo, abbandonando tutte le cattive abitudini, costruendo una dieta e un regime quotidiano, vedendo un medico e cercando di evitare lo stress il più possibile
  • Prima del parto è necessario frequentare dei corsi di formazione, dove ti diranno in dettaglio come respirare correttamente e cosa fare quando iniziano le contrazioni. Tali lezioni sono necessarie per prepararsi non solo fisicamente, ma anche emotivamente.
  • Alcune tecniche di massaggio possono essere utilizzate durante le contrazioni: di solito vengono insegnate nei corsi. Inoltre, è molto importante respirare correttamente e cercare di non urlare, poiché questo prende ossigeno dal bambino.

Conclusioni e Raccomandazioni

Se, durante il travaglio o il parto, ti accorgi di non poter tollerare il dolore, devi informarne il medico. L'anestesista selezionerà il farmaco appropriato che allevierà il dolore e ti aiuterà a partorire con calma e rapidamente. Se il medico stesso ha prescritto l'anestesia epidurale, non c'è bisogno di rinunciarvi: il medico probabilmente sa meglio cosa sta facendo e perché..

Anestesia epidurale durante il parto: recensioni di madri, conseguenze

Non è consigliabile che una donna incinta si chiuda ascoltando queste storie; dovresti evitarlo se possibile. Più calma è la madre, più veloce è il parto. Le sensazioni fisiche che una donna prova durante il parto non sono piacevoli. Aiutano a realizzare la nascita di una nuova vita. L'anestesia epidurale durante il parto consente di alleviare la sofferenza della donna in travaglio. Con l'aiuto di esso, una donna sarà in grado di sopportare più facilmente contrazioni e dolori del travaglio.

Cos'è l'anestesia epidurale?

Nella colonna lombare, cioè nello spazio epidurale, ci sono le radici spinali, lungo le quali vengono trasmessi tutti gli impulsi nervosi dagli organi pelvici. L'introduzione di composti anestetici blocca la fornitura di impulsi dolorosi al cervello, grazie ai quali la donna in travaglio smette di sentire le contrazioni. L'anestesia epidurale durante il parto consente alla futura mamma di essere pienamente cosciente.

Va notato che l'anestesia epidurale durante il parto naturale agisce solo per la durata delle contrazioni per aprire la cervice, i tentativi passano senza anestesia. Tale anestesia ha lo scopo di dare una pausa alla donna in travaglio prima dei tentativi. I professionisti devono calcolare con precisione la dose da somministrare. La madre trascorre gli sforzi e le ore prenatali senza ricorrere all'anestesia al fine di ridurre l'impatto negativo sulla salute della madre e del bambino.

L'introduzione dell'anestesia è un must?

La donna in travaglio decide da sola se somministrare un'epidurale durante il parto o meno. Non ci sono indicazioni speciali per la sua introduzione, quindi la futura mamma deve decidere in anticipo se vale la pena usare questo tipo di anestesia o meno. Tipicamente, questa anestesia viene somministrata con forti contrazioni dolorose durante il parto naturale. Inoltre, l'anestesia epidurale viene utilizzata con successo per il taglio cesareo, invece dell'anestesia generale. È meglio che l'operazione avvenga nella piena coscienza della madre, senza alcun forte dolore.

Oltre ad alleviare il dolore da presa, un'epidurale durante il parto accorcia il periodo di dilatazione uterina. La composizione non ha alcun effetto sul neonato, poiché penetra nel sangue in dosi trascurabili.

Molte donne, che hanno paura del dolore di panico, cercano di alleviare il dolore durante il parto in una fase precoce. Possiamo dire che questo è il loro capriccio, ma gli esperti dicono che se una madre ha paura del parto imminente, allora lievi sensazioni dolorose possono causare un forte stress non solo per lei, ma anche per un nascituro. Il corso stressante del parto non porta nulla di buono, quindi gli esperti non scoraggiano tali madri.

Le donne che hanno dato alla luce un bambino con anestesia epidurale non sono diverse dalle altre. Hanno sentito un dolore minimo durante il travaglio, il che è un vantaggio enorme, poiché hanno solo ricordi piacevoli del processo di nascita. Secondo molti psicologi, le donne sono più disposte a fare un secondo parto dopo l'anestesia epidurale..

Le principali differenze tra anestesia epidurale e spinale

Le forme di anestesia a spirale ed epidurale sono molto simili in termini di spettro di effetti sul corpo, solo l'anestesia spinale viene iniettata in profondità nel midollo spinale. Agisce in modo un po 'diverso, anche la reazione del paziente nei suoi confronti è diversa. Questi tipi di anestesia differiscono nel grado di esposizione e nella durata dell'effetto. L'anestesia epidurale durante il travaglio è stata riconosciuta come uno dei metodi più sicuri e delicati per ridurre il dolore durante il travaglio. Il costo dei farmaci somministrati è lo stesso. Se una donna partorisce in un semplice ospedale per la maternità, l'anestesia epidurale le viene somministrata gratuitamente.

Quanto costa un'epidurale per parto in cliniche private? Se, privatamente o su richiesta della donna in travaglio, l'anestesia epidurale viene somministrata durante il parto, il prezzo di questo servizio varia da 3 a 5 mila rubli..

Procedura di introduzione

Per somministrare l'anestesia epidurale, la donna in travaglio viene posta su un fianco, la schiena è piegata, come nella posizione della palla, quindi l'anestetico viene iniettato delicatamente. Il punto di puntura può essere ulteriormente anestetizzato o pulito con alcool. Per rendere più facile per la donna in travaglio sopportare le contrazioni durante il travaglio, un catetere viene inserito nella sua schiena per fornire gradualmente l'anestetico..

Se, durante l'introduzione del catetere, la futura mamma inizia a sperimentare forti contrazioni, è meglio non interferire con il processo naturale, lascia che faccia tutto da sola. Durante la somministrazione iniziale del farmaco, il paziente può manifestare vari effetti collaterali, ad esempio nausea, intorpidimento della parte inferiore del corpo, vertigini. Se si osservano tali effetti, informare immediatamente il medico osservante.

Non preoccuparti delle conseguenze dell'anestesia per il bambino, poiché praticamente non entra nel flusso sanguigno. L'unica sensazione spiacevole per una donna sono pochi secondi di inserimento di un catetere nella schiena, poi, dopo 20 minuti, il rimedio inizia ad agire. Le piccole conseguenze dell'anestesia epidurale dopo il parto attendono solo una donna. Il fatto è che una donna dopo l'anestesia non è in grado di controllare il suo dolore e le sensazioni naturali durante il parto. È importante ricordare che questa forma di anestesia non è adatta a tutte le donne..

Le principali controindicazioni per l'anestesia epidurale

Questo tipo di antidolorifico ha molte controindicazioni che devono essere prese in considerazione quando lo si prescrive, altrimenti c'è il rischio di peggiorare le condizioni della donna in travaglio..

L'introduzione dell'anestesia è controindicata in presenza delle seguenti diagnosi in una donna incinta:

  • Avere problemi con la coagulazione del sangue;
  • Varie emorragie alla nascita;
  • La presenza di lesioni cutanee nel punto di iniezione;
  • Aritmia cardiaca;
  • Tatuaggio o infezione al punto di ingresso;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Allergia all'anestetico;
  • Difetti cardiaci;
  • Occlusione intestinale;
  • Disturbi del midollo spinale.

Anche la giovane età della donna in travaglio, l'obesità, la pressione bassa sono controindicazioni alla somministrazione di questo farmaco. Anche l'anestesia epidurale durante il parto è vietata se ci sono alcuni tipi di curvatura della colonna vertebrale.

Anestesia epidurale durante il parto: indicazioni

L'anestesia epidurale durante il parto viene utilizzata nei seguenti casi:

  1. Viene introdotto durante una gravidanza prematura, l'introduzione di una certa dose di questo farmaco aiuta ad accelerare il rilassamento dei muscoli pelvici, a seguito del quale la donna in travaglio non avverte un dolore eccessivo a causa del fatto che il suo corpo non ha ancora avuto il tempo di prepararsi al parto;
  2. Durante il corso anormale del travaglio, quando i tentativi profondi iniziano con piccole contrazioni dell'utero, il farmaco aiuterà ad attivare i muscoli;
  3. Se la donna in travaglio ha un livello di pressione sanguigna molto alto, l'anestetico aiuta a normalizzarlo e mantenerlo durante tutto il travaglio;
  4. Viene utilizzato attivamente se si sono verificate complicazioni impreviste, ad esempio con un feto di grandi dimensioni o durante una gravidanza multipla;
  5. Il travaglio difficile o prolungato non è completo senza questo anestetico. Questo farmaco aiuterà ad accelerare la naturale dilatazione dell'utero..

Tutte queste situazioni sono indicazioni per la nomina dell'anestesia epidurale..

Probabili conseguenze

Qual è il risultato dell'anestesia epidurale durante il parto? Le conseguenze della sua introduzione possono essere diverse per una donna in travaglio:

  • L'anestetico può penetrare in qualsiasi letto venoso, provocando nausea, intorpidimento della lingua;
  • Con la somministrazione iniziale possono verificarsi varie reazioni allergiche. Per ridurre la probabilità di reazioni avverse, viene prima somministrata una piccola dose del farmaco;
  • Possono verificarsi alcune difficoltà respiratorie a causa dell'effetto dell'anestetico sui nervi;
  • Mal di testa e schiena. Sensazioni dolorose si verificano nel sito di puntura, a seguito delle quali una piccola quantità di liquido cerebrospinale entra nello spazio epidurale. In alcune situazioni, il dolore viene alleviato da una puntura secondaria del punto di inserimento del catetere;
  • Il livello di pressione sanguigna può anche scendere bruscamente, per evitare ciò, gli anestesisti iniettano il farmaco con un contagocce, dopo una puntura e l'installazione del catetere, si consiglia di sdraiarsi un po '.

Iniezione di anestetico non riuscita

Secondo le statistiche ufficiali, nel 5% dei casi di somministrazione, l'anestetico non funziona affatto, cioè il sollievo dal dolore non si verifica e nel 15% ciò accade solo parzialmente. Ciò è dovuto al fatto che è abbastanza difficile entrare nello spazio epidurale, le ragioni dell'anestesia non riuscita possono essere l'inesperienza dell'anestesista, l'obesità della donna in travaglio e varie anomalie della colonna vertebrale. Se il dolore della donna in travaglio si fa sentire parzialmente, in un certo punto, allora è meglio fare un'altra puntura. Questo fatto di mancanza di anestesia deve essere segnalato all'anestesista, aumenterà la dose di farmaci e farà un'ulteriore puntura.

Anestesia epidurale durante il parto: PRO e CONTRO

Cosa dà l'anestesia epidurale durante il parto, una donna dovrebbe studiare i pro ei contro di questo anestetico prima di testare un nuovo farmaco su se stessa. Durante l'identificazione dei vantaggi di questa forma di anestesia, non è necessario confrontarla con altri tipi di anestesia, è necessario identificarne i vantaggi rispetto al parto naturale senza farmaci. L'anestesia epidurale durante il parto presenta i seguenti vantaggi rispetto al processo naturale:

  1. Possibilità di alleviare il dolore dell'attività lavorativa, trasformazione del processo lavorativo in un tempo più confortevole, senza forti dolori;
  2. L'opportunità di riposare durante un travaglio prolungato;
  3. Eliminando il rischio di aumento della pressione sanguigna in una donna in travaglio che è a rischio di ipertensione.

Gli svantaggi di questa procedura sono i seguenti:

  • Possibili complicazioni postpartum;
  • Conseguenze inaspettate dopo l'introduzione dell'anestesia epidurale;
  • Varie complicazioni alla nascita;
  • Violazione del contatto psico-emotivo con il bambino, questa connessione invisibile, che si avverte maggiormente durante il parto senza farmaci;
  • Potrebbe esserci una leggera sensazione di formicolio alla schiena;
  • Tremando in tutto il corpo;
  • Difficoltà a urinare a causa di ipotonia muscolare;
  • Può verificarsi un mal di testa prolungato, che in alcuni casi dura fino a 3 mesi dopo il parto;
  • Possibili sensazioni dolorose nella regione lombare.

Questa forma di anestesia ha i suoi veri pro e contro. Aiuta davvero a facilitare il processo del parto se il corpo non affronta queste sensazioni da solo. Alcune complicazioni a breve termine dopo l'anestesia possono essere facilmente trattate con i farmaci..

La teoria della connessione emotiva tra madre e figlio durante il parto

Alcuni esperti ritengono che la somministrazione di anestetici aggiuntivi durante il parto vaginale sia inaccettabile. Ma alcune madri che hanno dato alla luce con successo un bambino con l'introduzione dell'anestesia non attribuiscono importanza a questa teoria, che ha molte recensioni positive..

Il fatto è che durante il parto, la madre e il bambino sono esposti a un forte stress. Se la mamma si trova in un ambiente confortevole in questo momento, il bambino impara il mondo. Durante il processo del parto, queste due persone sono inestricabilmente legate a un dolore comune che collega mamma e bambino..

Gli esperti consigliano alle madri di sintonizzarsi per un parto facile in altri modi, ad esempio, frequentare esercizi di respirazione per donne incinte, fare esercizi, imparare a respirare correttamente e ripristinare una delicata connessione con il bambino. Molte madri concordano in anticipo con il loro bambino che tutto andrà bene e senza conseguenze. La formazione di un tale stato d'animo aiuta una donna in travaglio a sopportare più facilmente tutti i dolori di dare alla luce il suo bambino..

Qualsiasi dolore, compreso il travaglio, provoca il rilascio di endorfine nel flusso sanguigno, che sono responsabili di una sensazione di felicità e sollievo. Dopo aver attraversato il dolore da sola, la donna prova una felicità senza precedenti e un sollevamento emotivo. E se praticamente non c'è dolore, la donna non sentirà la piena gioia alla fine del parto..

Recensioni di pazienti reali

Quali sono le conseguenze dell'anestesia epidurale durante il parto? Il feedback dei pazienti che hanno provato questa anestesia ti darà un quadro completo di come si sente una donna quando usa l'anestesia epidurale. Ecco i più brillanti:

  1. Elena G., 25 anni: “Il primo parto è avvenuto in anestesia epidurale, perché ho una paura tremenda del dolore. Quando è stato offerto l'anestetico, ho subito accettato, il parto è stato facile, senza complicazioni. Quasi non sentivo dolore, era tollerabile. Quindi, le madri che hanno paura del dolore e del primo parto, lo attraversano con un'epidurale ";
  2. Anastasia, 32 anni: “Ho fatto un taglio cesareo secondo le indicazioni, hanno fatto l'anestesia epidurale, non ho sentito dolore durante l'operazione, l'unico inconveniente era che la nausea si è arrotolata quando la sutura è stata suturata. Ci sono ancora dolori fastidiosi e fastidiosi nella parte bassa della schiena ”;
  3. Alena, 23 anni: “Mi è stata data un'anestesia epidurale quando mia figlia stava partorendo, il dolore era impossibile, il dottore ha avuto pietà di me e mi ha fatto l'anestesia. Prima di scegliere un anestetico, ho letto molta letteratura su questo argomento, ho apprezzato tutti gli argomenti a favore della procedura e contro di essa. Ho deciso di alleviare il dolore. Tutto si è fermato immediatamente ed è andato bene. Sopporterò anche la seconda nascita con l'anestesia epidurale. Durante i tentativi, il sollievo dal dolore non si applica, questo deve essere ricordato, e questo è un ottimo modo per facilitare il processo del parto.

Riassumendo

Certo, l'anestesia epidurale durante il parto ha alcune recensioni e conseguenze, è grazie ad essa che una donna smette di provare dolore lancinante. Questo tipo di sollievo dal dolore è un importante passo avanti nel campo dell'anestesiologia. Ma c'è una certa categoria di persone che non sono pronte ad accettare tutte le innovazioni, inclusa la medicina..

Come ogni procedura, l'epidurale ha i suoi pro e contro. L'anestetico aiuta ad alleviare il dolore durante il travaglio? Certo, allevia le condizioni della donna in travaglio. L'effetto si verifica 20 minuti dopo l'iniezione diretta dell'anestetico.

Allo stesso tempo, il paziente rimane completamente cosciente, solo la parte inferiore del corpo diventa insensibile.

Questa procedura ha anche le sue controindicazioni, in presenza delle quali è vietato l'uso di questo anestetico. Quando viene introdotto, è necessario valutare il probabile rischio per la madre, poiché non arriva al bambino attraverso la placenta, non ci sono rischi per il bambino, non dovresti aver paura per questo. Prima di decidere su questa procedura seria durante il parto, dovresti consultare un ginecologo che monitora il corso della gravidanza.

Si consiglia di sintonizzarsi il più possibile sulle emozioni positive durante il parto. È meglio usare l'anestesia epidurale sulla base delle indicazioni, dopo aver consultato uno specialista. Se ritieni di poter affrontare tutto da solo, allora è meglio fare a meno di questo farmaco..

Il sacramento della nascita è un test che una madre prova insieme al suo bambino, l'anestesia di alta qualità aiuterà ad alleviare il destino di una donna in travaglio, creando una sensazione di conforto durante il parto, permettendoti di riposarti un po 'e acquisire forza per un salto responsabile nella tua vita. Tutte queste sono le possibilità che l'anestesia moderna offre ad una donna in travaglio, e spetta a ciascuna donna decidere se utilizzare l'anestesia epidurale durante il parto. La cosa principale è valutare tutti i rischi del parto naturale senza farmaci e del parto con anestesia. Un atteggiamento positivo prima del parto può fare un vero miracolo, ricordalo.

Anestesia epidurale durante il parto: recensioni delle madri

Abbiamo parlato dei pro e dei contro dell'anestesia epidurale con quattro eroine che hanno condiviso con noi la loro esperienza del parto..

"Il dottore ha detto che quando c'è una contrazione e devi spingere - cioè, ha controllato completamente il processo"

Galina, 23 anni

"Mi vergogno di ammetterlo, ma ho imparato a conoscere l'anestesia epidurale solo durante la gravidanza. Inoltre, non ho nemmeno scoperto i dettagli, ho pensato che questa fosse la norma, non avevo idea che avrei potuto scegliere di anestetizzare o meno. Più precisamente, non avevo idea che il sollievo dal dolore avesse degli svantaggi.

Pertanto, il processo del parto non mi ha spaventato, sapevo che i medici avrebbero somministrato l'anestesia e non avrei sentito contrazioni. E quando è successo, è stato allora che ho capito la differenza tra il processo naturale del parto e l'intervento medico..

Il processo di nascita mi ha trovato nel centro commerciale, era come in un film. Io e il mio amico stavamo attraversando il reparto dei bambini, quando improvvisamente mi si è rotta l'acqua. Ho sentito le contrazioni molto debolmente e non ho capito subito cosa stesse succedendo: per diversi minuti io e il mio amico siamo rimasti a pensare a cosa fare. Di conseguenza, hanno chiamato un taxi e sono andati in ospedale.

Le contrazioni si sono intensificate e sono diventate dolorose. Il medico ha guardato l'apertura e ha suggerito un sollievo dal dolore. Ovviamente ho subito accettato. Sono stato iniettato nella colonna vertebrale, il che è stato piuttosto doloroso, dopodiché ho praticamente smesso di provare dolore e tutte le mie sensazioni sono diventate strane. Il dottore ha detto che quando c'era una contrazione ed era necessario spingere, cioè lei controllava completamente il processo. Ero molto a disagio, avevo la sensazione che non stessi partorendo.

Ho partorito abbastanza velocemente, in circa tre ore. Ma questo è tutto merito del dottore. Non riesco nemmeno a immaginare come avrei partorito con l'anestesia epidurale, se non fosse stato per il medico che mi diceva ogni secondo cosa fare.

Voglio avvicinarmi al prossimo parto più preparato: non aver paura del processo del parto, essere preparato a ciò che sarà doloroso, imparare tecniche di respirazione e, soprattutto, provare a partorire da solo, senza anestesia ".

"Verso sera, quando era in corso il parto per il terzo giorno, ho cominciato a gridare che non ce la facevo più e volevo un'operazione"

Alena, 24 anni

“Anche prima della gravidanza, sapevo di voler partorire nel modo più naturale possibile. Ho detto a tutti quanto fosse terribile l'anestesia epidurale: avevo letto da qualche parte storie dell'orrore che i bambini dopo che sono cresciuti diventano tossicodipendenti e alcolizzati. Il mio sogno era partorire a Bali nella più famosa clinica per il parto naturale, ma purtroppo non c'erano opportunità finanziarie, alla fine ho trovato un medico a Mosca.

Il dottore era lo stesso di me, opinioni sul processo di nascita. Era irremovibile riguardo all'anestesia e al taglio cesareo. La gravidanza è proceduta con calma, non avevo paure, fino al parto ho condotto una vita attiva.

Sentendo le prime contrazioni, ho detto a mio marito che abbiamo ancora molto tempo. Ma non mi aspettavo che ce ne fossero così tanti.

Poche ore dopo siamo arrivati ​​in ospedale. Le acque non si erano ancora ritirate, ma le contrazioni si intensificarono. Il dottore mi ha detto che tutto è come dovrebbe essere, che è tutto in ordine. La notte è passata, non ho chiuso gli occhi, è stato molto doloroso, non vedevo l'ora che nascesse il bambino. Il giorno dopo stavo già piangendo e dissi a mio marito che stavo morendo: faceva male e mi sentivo così male. Ma c'era un'altra notte insonne davanti a noi.

Il giorno dopo ero esausto, ho avuto i capricci e, anche se il mio medico ha detto che succede ed è tutto a posto, ho iniziato a chiedere a mio marito di chiamare un altro medico e avere un taglio cesareo.

La sera, quando il parto era già il terzo giorno, ho iniziato a gridare che non potevo più tollerarlo e volevo un'operazione. Poi il mio medico ha chiamato l'anestesista e mi hanno fatto un'epidurale. Il dottore credeva che potessi partorire da solo, cosa che accadde un paio d'ore dopo. Dopo l'anestesia epidurale, la mia acqua si è rotta e la mia testa si è schiarita un po 'quando il dolore ha smesso di essere così selvaggio.

Mi dispiace molto di essere stato categorico su qualsiasi intervento medico. La medicina è in continua evoluzione, capisco che essere avversario di tutto ciò che è nuovo non è molto intelligente. Tutto ha i suoi pro e contro, e non so cosa mi sarebbe successo se non un'epidurale. Certo, voglio più figli, ma non creerò aspettative per le mie prossime gravidanze "..

"Poi mi ha fatto male la testa per quasi un anno, si è scoperto che questa è una conseguenza molto frequente dell'anestesia epidurale".

Anna, 27 anni

“Era la mia prima gravidanza, ma nonostante la responsabilità, l'ho presa molto alla leggera. Mi è sembrato che la cosa principale fosse rilassarsi e non preoccuparsi. A proposito, la gravidanza è stata calma, quindi ho pensato che tutto sarebbe andato bene con il parto. Non ho letto tonnellate di letteratura sulla gravidanza, mi sembrava che fosse tutto superfluo, ho promosso un approccio spensierato.

Sono arrivata in ospedale con contrazioni dolorose e subito ho ricevuto l'anestesia. Dopo di ciò, ho avuto mal di testa e il travaglio si è fermato. La testa mi faceva così male che ricordo anche vagamente l'intero processo..

Il dottore aspettava le contrazioni, ma non lo erano, e poiché le acque erano già uscite, non c'era tempo da perdere. Mi ha spaventato che potessi perdere il bambino e ho accettato un taglio cesareo.

Non mi sarei mai aspettato una svolta del genere. Non ho mai subito operazioni, ne ho molta paura. Sapevo anche che ci vuole molto tempo per riprendersi dopo l'operazione e che non fa bene al bambino. Mi dispiace di non aver visto il bambino nei primi secondi della sua vita e di non aver affrontato questo processo insieme. Quando l'ho visto per la prima volta, non ho sentito subito qualcosa, ho anche pensato, e se questo non fosse mio figlio?.

Poi mi ha fatto male la testa per quasi un anno, si è scoperto che questa è una conseguenza molto frequente dell'anestesia epidurale. E un urto è rimasto nel sito di iniezione.

Penso che se dovessi avere un'altra gravidanza, proverò a partorire senza anestesia. Voglio seguire il processo del parto dall'inizio alla fine, e non addormentarmi a metà. ".

"Ho sentito che il processo era sotto il mio controllo e non ho pensato all'anestesia epidurale".

Christina, 31 anni

“Quando mi stavo preparando per il parto, il medico mi ha detto che consiglia di fare l'anestesia il più tardi possibile per non interrompere il processo del travaglio. Mi ha preparato al fatto che sarebbe stato doloroso e questo deve essere tollerato. Pertanto, psicologicamente mi sono preparato per il dolore e non ne avevo paura. Ho incontrato più volte l'ostetrica prima del parto, mi ha detto come respirare, come comportarmi durante il travaglio, quali posture mi avrebbero aiutato ad affrontarle più facilmente.

Pertanto, quando è iniziato il travaglio, sapevo che se fosse stato insopportabilmente doloroso, avrei chiesto di anestetizzare il processo. Il dolore era intenso ma sopportabile.

Ho partorito in un centro di ostetricia tradizionale. Non è necessario sdraiarsi sul divano durante le contrazioni. Potrei cambiare posizione, usare un fitball o semplicemente sdraiarmi sul letto. Le lezioni preparatorie con l'ostetrica non sono state vane: oltre a provare diverse posizioni, mi ha ricordato diversi modelli di respirazione durante le contrazioni e mi ha aiutato molto. Sentivo che il processo era sotto il mio controllo e non pensavo all'anestesia epidurale.

Quando mi sentivo molto dolorante e sembrava che fosse già impossibile sopportare - improvvisamente mi sono ricordato che potevo chiedere sollievo dal dolore, ma poi il dottore ha iniziato a gioire di aver visto il bambino e, ovviamente, ho deciso di sopportare per qualche minuto ".

Anestesia epidurale: i pro ei contro del lavoro senza dolore

Moderno sollievo dal dolore del travaglio: come si fa

L'anestesia epidurale è oggi il metodo più comune per alleviare il dolore durante il travaglio. Qualcuno ne è completamente soddisfatto, perché quando lo si utilizza, il parto è quasi indolore. E alcuni considerano tale sollievo dal dolore un'interferenza con il processo naturale del parto. Parleremo di come viene eseguita l'anestesia epidurale, dei suoi pro e contro..

Consapevole ma senza dolore

Con un'epidurale, un medico inietta un farmaco anestetico nello spazio tra il rivestimento del midollo spinale a livello lombare. Allo stesso tempo, le radici nervose responsabili della sensibilità al dolore sono bloccate e la donna non avverte dolore durante le contrazioni, sebbene senta le contrazioni stesse. Durante l'anestesia epidurale, la donna in travaglio è cosciente e può comunicare con il medico e i parenti; si scopre che il processo del parto va quasi come se una donna partorisse senza anestesia, solo il dolore non si sente.

L'anestesia epidurale viene eseguita con l'inizio di contrazioni dolorose, ma solo prima dell'inizio dei tentativi. Di solito, il tempo di anestesia viene calcolato in modo tale che nel momento in cui iniziano i tentativi, l'effetto del farmaco si sia fermato. Ma in alcune situazioni è necessario "spegnere" e tentare, ad esempio, con qualche tipo di difetti cardiaci o miopia alta con cambiamenti nel fondo. Quindi l'anestesia epidurale viene continuata nel secondo periodo di lavoro forzato..

Come avviene questo

L'anestesia epidurale viene eseguita da un anestesista, ma non da chiunque, ma solo da uno esperto nella tecnica di questa anestesia.

Tecnica per eseguire l'anestesia epidurale:

  • La donna si siede o si sdraia su un fianco. La pelle della schiena viene trattata con un antisettico, quindi l'anestesista esegue l'anestesia locale della pelle nel sito di puntura. Successivamente, il medico inserisce un ago speciale nello spazio epidurale della colonna vertebrale, un po 'meno dello spazio spinale. Un catetere epidurale (tubo sottile e flessibile) viene inserito attraverso l'ago. A volte il catetere può toccare il nervo: in una situazione del genere, c'è una sensazione di tiro alla gamba. L'anestesista quindi rimuove l'ago e attacca il catetere alla schiena della donna. Una sostanza anestetica entra nel corpo della donna attraverso il catetere. Il catetere consente di aggiungerlo all'aumentare del dolore.
  • Il sollievo dal dolore di solito inizia 10-20 minuti (a volte anche prima) dopo la somministrazione del farmaco e può essere continuato fino alla fine del travaglio, idealmente prima dell'inizio del periodo persistente.
  • Di solito, durante l'analgesia, non puoi alzarti dal letto e sdraiarti sulla schiena. Tuttavia, esiste una forma di analgesia epidurale che consente di sedersi e camminare. Questo tipo di analgesia è chiamata "anestesia epidurale mobile".
  • Durante un taglio cesareo, l'anestesia epidurale viene eseguita allo stesso modo del parto vaginale. Viene iniettata solo una certa quantità di farmaco per indurre una sensazione di intorpidimento nell'addome, sufficiente per un intervento chirurgico.
  • Dopo il parto, il catetere viene rimosso, il sito di iniezione viene sigillato e alla donna viene offerto di rimanere in posizione supina per diverse ore per evitare possibili complicazioni.

Cosa prova una donna con un'epidurale

Pochi minuti dopo la somministrazione del farmaco, appare una sensazione di debolezza alle gambe, quindi - intorpidimento alle gambe e alla parte inferiore del corpo, una sensazione di calore. Le contrazioni diventano indolori e vengono avvertite dalla madre solo come una pressione inferiore, sul retto. Nella seconda fase del travaglio, la somministrazione del farmaco anestetico viene interrotta e la donna in travaglio si spinge. Se durante il travaglio si verificano lacrime o incisioni, viene iniettata una dose aggiuntiva di anestetico e vengono applicate suture sotto l'azione dell'anestesia epidurale.

Il farmaco agisce per circa due ore dopo la fine dell'anestesia. In questo momento, è probabile che alcuni movimenti abbiano difficoltà, le mani potrebbero tremare. Ma dopo poche ore tutto è tornato alla normalità. La mamma a volte sente i brividi dopo il parto e la rimozione del catetere, ma questo non è necessariamente il risultato dell'anestesia. I brividi possono svilupparsi da soli a causa del colossale rilascio di adrenalina nel flusso sanguigno durante il parto. In ogni caso, se trema, il solito riscaldamento aiuta..

Pro e contro dell'anestesia epidurale

Pro di EA:

  • L'anestesia epidurale abbrevia il periodo di dilatazione cervicale e facilita il movimento regolare del bambino attraverso il canale del parto.
  • Completa assenza di dolore con una chiara consapevolezza di una donna.
  • L'anestesia epidurale consente di riposare e mantenere la forza durante la parte più lunga del travaglio, quando la cervice viene aperta.
  • Penetrazione insignificante dell'anestetico nel sangue del bambino a una concentrazione che non ha un effetto negativo significativo sulle sue condizioni.
  • L'anestesia epidurale può essere somministrata a quelle donne che sono controindicate nell'anestesia per inalazione.
  • Quando un anestetico viene iniettato nello spazio epidurale, la pressione sanguigna diminuisce, il che è positivo per le donne in travaglio con ipertensione.

Contro di EA:

  • Sebbene l'analgesia epidurale accorci il periodo di dilatazione cervicale, il periodo di espulsione fetale si allunga. Durante il periodo del travaglio, a causa della ridotta attività dell'utero, la durata del travaglio spesso aumenta, il che a sua volta aumenta il numero di rotture e benefici ostetrici..
  • Se una donna è ipotonica, cioè la sua pressione sanguigna è inferiore a 100 mm Hg. Art., L'anestesia epidurale può essere controindicata per lei.
  • Non sarà possibile utilizzare questo tipo di anestesia per alcune deformità spinali, sepsi, disturbi emorragici, emorragie o processi infiammatori nell'area della puntura prevista.
  • Come con qualsiasi manipolazione medica in cui vengono somministrati farmaci, l'anestesia epidurale può causare una serie di effetti collaterali e complicazioni..

Come fare una scelta

Se parliamo di parto operatorio (taglio cesareo), allora è tutto chiaro qui: non puoi fare a meno dell'anestesia. Se è necessario ricorrere all'anestesia medica per il parto naturale, questa donna deve decidere da sola. E la scelta non è facile. Da un lato, c'è il rischio (anche se piccolo) di effetti collaterali. Inoltre, il corso naturale del travaglio può essere interrotto (la somministrazione di farmaci a volte inibisce o indebolisce il travaglio). D'altra parte, la soglia del dolore è diversa per tutti. E a causa del dolore grave e prolungato, alcune donne in travaglio possono avere aumento della pressione sanguigna, aumento della frequenza cardiaca e debolezza durante il travaglio. Questo è dannoso sia per la madre che per il bambino. E in una situazione del genere, è meglio anestetizzare il parto..

È impossibile scoprire in anticipo quali saranno le contrazioni e come la donna le sopporterà. Per rendere più facile formarsi la sua opinione sull'anestesia epidurale, la donna in travaglio dovrebbe ascoltare solo se stessa e non prestare attenzione a tutti i tipi di storie dell'orrore sul parto doloroso o sull'anestesia epidurale non riuscita. Dopotutto, ogni nascita è individuale e ciò che hanno avuto le altre donne potrebbe non succedere a te..

Per questioni mediche, assicurati di consultare un medico in anticipo

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Proprietà utili di un bagno di camomilla. Come fare un bagno alla camomilla?

Concezione

Le donne conoscono da molti anni le proprietà curative della camomilla. Questa pianta è ampiamente utilizzata in cosmetologia, è inclusa in molti cosmetici..

Screening obbligatorio nel primo trimestre, caratteristiche e norme

Nutrizione

Il primo screening durante la gravidanza è un insieme di metodi di ricerca funzionale e di laboratorio necessari, con l'aiuto del quale vengono valutati lo stato morfologico e funzionale del feto e le variazioni nel corpo femminile.

Brividi durante la gravidanza: cosa significa questo sintomo??

Concezione

Quando una nuova vita sorge all'interno di una donna, il suo corpo inizia a ricostruirsi. Compaiono altre sensazioni, che possono essere sia emozioni piacevoli che cattive condizioni di salute a causa di cambiamenti ormonali o altri problemi.