Principale / Infertilità

Posso bere Ceftriaxone durante l'allattamento

Combinare farmaci e allattamento al seno è una domanda che preoccupa le madri che allattano. La ricerca medica internazionale mostra che molti medicinali, soprattutto antibiotici, non possono essere combinati con l'allattamento al seno.

Ceftriaxone è un antibiotico ad ampio spettro di terza generazione usato per trattare le infezioni batteriche e del tratto respiratorio. Il farmaco è una polvere per la preparazione di una soluzione, che viene somministrata per via intramuscolare o endovenosa.

Azione farmacologica

Ceftriaxone è progettato per bloccare la mureina, che è prodotta dalla cellula batterica. A causa di ciò, i microrganismi dei batteri muoiono. Tuttavia, molti batteri sono resistenti agli antibiotici. Per evitare che la terapia abbia successo, è necessario condurre un determinato test di sensibilità..

Ceftriaxone aiuta con le seguenti condizioni:

  • Infiammazione gastrointestinale e peritonite;
  • Polmonite e ascesso polmonare;
  • Infezioni della pelle e dei tessuti molli, delle ossa e delle articolazioni;
  • Meningite;
  • Pielonefrite (malattia della pelvi renale);
  • Gonorrea;
  • Sepsi (infezione generale del corpo con microbi);
  • Febbre tifoide da sifilide;
  • Ustioni e ferite infette.

Il farmaco viene utilizzato anche per la prevenzione delle malattie batteriche..

Inoltre, nella maggior parte dei casi, il farmaco viene prescritto da bere solo in ospedale. Il trattamento a lungo termine richiede il monitoraggio dello stato del fegato, dei reni e del sangue. Le persone anziane e immunocompromesse necessitano inoltre di vitamina K..

Controindicazioni ed effetti collaterali

Ceftriaxone può causare una serie di effetti collaterali:

  • Reazione allergica (eruzione cutanea, febbre, orticaria, prurito, gonfiore);
  • Mal di testa e vertigini;
  • Nausea e vomito;
  • Crampi addominali, diarrea;
  • Stomatite (infiammazione del rivestimento della bocca);
  • Gusto disturbato;
  • Tachicardia e mancanza di respiro;
  • Calo della pressione sanguigna;
  • Anemia;
  • Leucopenia.

Il farmaco non deve essere utilizzato da persone con alta sensibilità, con insufficienza renale o epatica, colite. Gli antibiotici non sono raccomandati per le donne in gravidanza e durante l'allattamento.

Ceftriaxone per l'allattamento

L'emivita di un antibiotico nel latte materno dura circa 17 ore, quindi è meglio interrompere l'allattamento al seno durante l'utilizzo di questo farmaco. Tuttavia, dopo la fine del ricevimento, l'alimentazione viene restituita. Come migliorare la produzione di latte materno, leggi l'articolo sul ripristino dell'allattamento.

Tuttavia, nei neonati, l'allattamento al seno e l'uso di questo farmaco non hanno avuto effetti negativi. Molti esperti sono fiduciosi che Ceftriaxone possa essere combinato con l'allattamento al seno se prendi precauzioni e sostituisci solo alcuni allattamenti con latte artificiale.

La concentrazione massima nel sangue per la somministrazione intramuscolare è di 2,5 ore e per la somministrazione endovenosa - un'ora dopo l'iniezione. Ciò significa che durante questo periodo è impossibile nutrire il bambino dopo la somministrazione del farmaco. L'opzione migliore è nutrirsi prima di prendere l'antibiotico..

La dose del farmaco che passa nel latte materno è del 4,2% della composizione totale del latte materno. Questa piccola proporzione non influirà negativamente sul bambino, se si osserva il dosaggio.

Una dose sicura per l'allattamento al seno è di 1-2 grammi due volte al giorno.

È importante monitorare le feci del bambino. La diarrea in un bambino durante l'allattamento al seno può essere causata da questo particolare farmaco. Leggi le norme sulle feci in un neonato nell'articolo "Quale dovrebbe essere lo sgabello in un bambino".

Dosaggio

Il dosaggio usuale per gli adulti non supera il tasso consentito per l'allattamento al seno. La ricezione è di 1-2 grammi una volta al giorno o 0,5 - 1 grammo ogni 12 ore.

Durante l'allattamento, la prima opzione funzionerà. Poiché l'assunzione del farmaco una volta al giorno ti consentirà di saltare più di 17 ore tra le somministrazioni. Come affermato in precedenza, questo è il tempo necessario affinché il ceftriaxone raggiunga l'emivita. Per la somministrazione, utilizzare solo una soluzione appena preparata.

Ceftriaxone per le madri che allattano

CEFTRIAXONE è un antibiotico appartenente alla terza generazione di cefalosporine. Ha un ampio spettro d'azione ed è spesso utilizzato nel trattamento dei neonati. Disponibile in compresse, fiale (per preparazioni iniettabili).

Ceftriaxone è compatibile con l'allattamento al seno, sebbene il bambino dovrebbe essere tenuto sotto controllo per feci molli.

Nelle istruzioni standard per il farmaco, si raccomanda di interrompere HB quando si prescrive questo antibiotico. Tuttavia, come nella maggior parte dei casi con gli antibiotici, questo è confutato nella directory internazionale di compatibilità dei farmaci e dell'epatite B..

Quanto ceftriaxone viene escreto dal latte materno?

  • L'emivita del ceftriaxone nel latte materno è di 12-17 ore (più lunga del plasma materno), tuttavia non sono stati riscontrati effetti avversi nei bambini.
  • Massima concentrazione nel sangue - dopo 60 minuti.
  • Solo il 4,2% della dose materna passa nel latte materno.
  • Una dose sicura di ceftriaxone per una madre che allatta è di 1000-2000 mg 2 volte al giorno.

Come ogni antibiotico, il ceftriaxone ha effetti collaterali e precauzioni. Non utilizzare antibiotici durante il trattamento senza consultare il medico! Tuttavia, se il medico insiste per interrompere l'allattamento a causa del trattamento, prova a cercare un altro specialista. Vedi anche: Come sapere se il tuo medico è contrario all'allattamento al seno.

Sinonimi:
una madre che allatta può bere ceftriaxone
il medico ha prescritto l'antibiotico ceftriaxone durante l'allattamento
compatibilità di ceftriaxone e allattamento
Ceftriaxone - istruzioni per HB

Ceftriaxone durante l'allattamento

4 minuti Autore: Anastasia Egorova 2046

  • Azione farmacologica
  • Controindicazioni da usare ed effetto collaterale
  • Caratteristiche dell'uso del farmaco durante il periodo dell'epatite B.
  • Dosaggio e somministrazione del farmaco

Durante l'allattamento, qualsiasi farmaco deve essere trattato con maggiore attenzione. Molto spesso, durante questo periodo, non è consigliabile utilizzare antibiotici per trattare varie malattie. L'adeguatezza del loro utilizzo è valutata dal medico curante.

Ceftriaxone viene utilizzato durante l'allattamento al seno per eliminare le infezioni batteriche che possono colpire il tratto respiratorio superiore. Per facilità d'uso, il farmaco è disponibile in polvere, che viene utilizzato per preparare una soluzione. Successivamente, deve essere somministrato per iniezione..

Azione farmacologica

La Mureina è utilizzata come principale ingrediente attivo di Ceftriaxone. È prodotto da una cellula batterica. Dopo Ceftriaxone, è possibile uccidere un gran numero di batteri dannosi per il corpo della madre. Tuttavia, alcune cellule dannose hanno già sviluppato un'immunità contro di essa. In questo caso, la terapia non sarà coronata dall'effetto tanto atteso. Le madri che allattano devono sottoporsi a uno speciale test di sensibilità prima di utilizzare il farmaco..

Ceftriaxone è un antibiotico usato per uccidere cellule batteriche e microrganismi dannosi. È importante utilizzare il rimedio solo se questo tipo di infezione non ha sviluppato l'immunità.

Si consiglia di utilizzare il farmaco nei seguenti casi:

  • Un forte processo infiammatorio nel tratto gastrointestinale, che si è già trasformato in peritonite.
  • Precedentemente diagnosticato con polmonite o ascesso polmonare.
  • Infezioni di tessuti molli, singole ossa o articolazioni.
  • Meningite.
  • Processo infiammatorio nella pelvi renale (pielonefrite).
  • Gonorrea.
  • Nel corpo c'è un'infezione di singoli organi da microbi (sepsi).
  • Ustioni e ferite infettive.

Inoltre, va notato che il farmaco può essere utilizzato per la profilassi durante l'alimentazione. Una donna dovrebbe capire che il suo uso è consigliabile solo se prescritto da un medico. L'automedicazione in questa materia non è consentita.

Il farmaco può essere utilizzato solo in ambiente ospedaliero. Durante il corso, dovresti inoltre monitorare lo stato del fegato, dei reni e del sangue. Se il farmaco viene somministrato a persone in età avanzata, il corso deve essere integrato con una quantità sufficiente di vitamina K..

Controindicazioni da usare ed effetto collaterale

Il farmaco e l'allattamento al seno sono compatibili. Tuttavia, esiste il rischio di manifestazioni negative.

Consiste dei seguenti sintomi:

  • Una reazione allergica che si manifesta come una grave eruzione cutanea, orticaria, prurito o gonfiore.
  • Forte mal di testa e vertigini.
  • Nausea che si trasforma in vomito.
  • Grave dolore addominale che accompagna la diarrea.
  • Processo infiammatorio nella cavità orale (stomatite).
  • Cambiamento di gusto.
  • Mancanza di respiro o tachicardia ricorrente.
  • Picchi di pressione sanguigna.
  • Anemia e sintomi caratteristici di questa malattia.

Le persone con ipersensibilità ai singoli componenti non dovrebbero assumere il farmaco. La controindicazione è l'insufficienza renale, la colite e altre malattie. Gli antibiotici non dovrebbero essere usati durante la gestazione e durante l'allattamento.

Caratteristiche dell'uso del farmaco durante il periodo dell'epatite B.

Gli antibiotici si dissolvono completamente nel corpo umano entro diciassette ore. È fortemente sconsigliato nutrire il bambino con il latte materno durante questo periodo. Una volta terminato questo periodo, l'allattamento può essere completamente ripristinato. Se necessario, una donna può contattare uno specialista in questa materia, che aiuterà a stabilire il processo in breve tempo..

Va notato che in questo settore sono stati effettuati numerosi test. Di conseguenza, non è stato rivelato alcun effetto negativo e impatto sul bambino. Ecco perché, secondo molti esperti, è consentito combinare la ricezione di Ceftriaxone e l'allattamento al seno. Il latte materno può essere sostituito con la formula solo se la donna vuole andare sul sicuro..

È importante sapere che la quantità massima di sostanza nel sangue cade entro 2,5 ore dall'iniezione. È durante questo periodo che i medici raccomandano di astenersi dall'allattamento al seno. Successivamente, la quantità di antibiotico inizia a diminuire drasticamente..

Il farmaco, dopo la penetrazione nel latte, non supera il 4,2% della sua quantità totale. Questo rapporto non può influire negativamente sul bambino e sulla formazione del suo corpo. Si raccomanda alla mamma di aderire esattamente al dosaggio determinato dal medico.

È stato scientificamente determinato che la quantità sicura del farmaco è di uno o due grammi al giorno..

Se è stata presa la decisione di combinare l'allattamento e il trattamento antibiotico, la donna dovrebbe monitorare attentamente le condizioni generali e il benessere del bambino. Gli effetti collaterali includono coliche, allergie e diatesi. Sfortunatamente, ci sono stati casi di grave intossicazione alimentare. Se una tale reazione si manifesta, si consiglia di rifiutarsi immediatamente di prendere.

I genitori dovrebbero prima di tutto prestare attenzione alle feci del bambino. La diarrea è una delle frequenti conseguenze che si registrano durante l'assunzione di Ceftriaxone.

Dosaggio e somministrazione del farmaco

Molto spesso, i medici prescrivono un volume che può essere somministrato durante l'allattamento. Durante il giorno non dovrebbe superare i due grammi. Per ottenere il massimo effetto, si consiglia di iniettare 0,5-1 grammi ogni dodici ore..

Gli esperti consigliano di utilizzare la prima opzione. Altrimenti, non sarà consentito nutrire il bambino per diciassette ore di seguito durante il giorno. È durante questo periodo che gli antibiotici possono dissolversi completamente. Inoltre, va notato che è consentito iniettare solo la soluzione che è stata appena preparata.

Le sfumature dell'uso di Ceftriaxone durante l'allattamento

L'uso di Ceftriaxone durante l'allattamento è possibile nelle seguenti condizioni: infezione grave, il rischio per la salute della donna è superiore al pericolo per il bambino, l'agente patogeno è sensibile a questo antibiotico, è sufficiente una dose di 1 g al giorno. In tutti gli altri casi, è necessario sostituire il latte materno con latte artificiale.

Le principali conseguenze per la madre sono diarrea, eruzioni cutanee, alterazioni del sangue, il bambino ha un rischio di disbiosi, mughetto, allergie e intolleranza a Ceftriaxone e ai suoi analoghi in futuro. Il coordinamento con il pediatra del trattamento della donna, l'intervallo tra la somministrazione di antibiotici e l'alimentazione, il monitoraggio delle condizioni del bambino e il contatto con un medico se compaiono sintomi insoliti possono ridurre la probabilità di reazioni avverse.

Chi è prescritto Ceftriaxone per l'allattamento al seno?

Ceftriaxone è prescritto per l'allattamento al seno solo quando il beneficio per la donna è maggiore del rischio per il bambino. Queste sono generalmente infezioni gravi:

  • polmoni - polmonite (nosocomiale e acquisita in comunità);
  • orecchio medio, corso particolarmente complicato;
  • le membrane del cervello - meningite batterica;
  • tonsille - tonsillite (tonsillite);
  • organi addominali - peritonite, colecistite, pancreatite;
  • organi genitali - annessite, endometrite, prostatite;
  • tratto urinario, rene (pielite, pielonefrite);
  • articolazioni e ossa (artrite purulenta, osteomielite);
  • gonorrea, febbre tifoide, sifilide;
  • pelle - erisipela, carbonchio, foruncolo, ascesso, flemmone;
  • con avvelenamento del sangue (sepsi);
  • valvole cardiache - endocardite;
  • borreliosi (l'infezione è trasmessa dalle zecche, manifestata da eruzioni cutanee, accompagnata da complicazioni neurologiche, articolari e cardiache).

Il ceftriaxone durante l'allattamento può essere somministrato dopo esame batteriologico, è stata eseguita la diagnostica PCR ed è stato stabilito che il patogeno è sensibile a questo antibiotico.

L'effetto del farmaco sul corpo

L'azione principale di Ceftriaxone è la distruzione dei batteri interrompendo la formazione del loro guscio, durante la sua assimilazione ed eliminazione, è possibile un effetto tossico sul corpo:

  • reazioni allergiche;
  • deterioramento dei reni e del fegato;
  • cambiamenti nella composizione della microflora intestinale;
  • una diminuzione del numero di cellule nel sangue (leucociti, piastrine, eritrociti);
  • sanguinamento.

Se usato correttamente, la maggior parte delle donne non manifesta reazioni avverse, il corso del trattamento non dà complicazioni.

E qui c'è di più su come usare Ceftriaxone per l'angina.

Reazione del bambino agli antibiotici

Ceftriaxone viene escreto nel latte materno, quindi, il rischio di una reazione negativa di un bambino al farmaco sotto forma di:

  • violazioni della microflora intestinale - coliche, gonfiore, che si manifesta con ansia, pianto, scarso appetito (suzione debole), diarrea, scolorimento delle feci, rigurgito frequente, vomito;
  • infezione fungina del cavo orale - arrossamento, tenerezza durante l'alimentazione, rifiuto del seno;
  • sensibilizzazione: l'acquisizione di ipersensibilità a un antibiotico, che in futuro potrebbe manifestarsi sotto forma di reazione allergica e intolleranza non solo a Ceftriaxone, ma anche a farmaci del gruppo di cefalosporine, penicilline, agenti antibatterici beta-lattamici (ad esempio, Meronem, Tienam).
Candidosi orale

È stato riscontrato che non più del 4% della quantità somministrata penetra nel latte, che molto spesso non è accompagnato da un effetto negativo sul bambino. Se c'è una seria necessità di somministrare il farmaco, l'indesiderabilità di sostituire il latte materno con il latte artificiale, l'allattamento al seno è consentito, ma con cautela, è importante contattare il pediatra se compare qualche sintomo insolito.

Controindicazioni al ceftriaxone per l'epatite B

È vietato l'uso di Ceftriaxone con HB (allattamento al seno) in caso di intolleranza, nonché una nota reazione allergica ai farmaci:

  • Amoxicillina,
  • Ampicillina,
  • Amoxiclav,
  • Augmentin,
  • Benzilpenicillina,
  • Oxacillina,
  • Cefazolin,
  • Tienam,
  • Meronem,
  • Cefalexina,
  • Cefotaxime,
  • Cefixime.

La cautela nell'appuntamento è necessaria in presenza di malattie dei reni, del fegato e dell'intestino (enterite, enterocolite, ulcerosa aspecifica). Ciò significa che prima dell'inizio del trattamento, dell'esame e della supervisione medica, sono necessari test durante il processo di utilizzo di Ceftriaxone..

Guarda questo video su quali farmaci puoi assumere durante l'allattamento:

Effetti collaterali del farmaco dopo il parto

Ceftriaxone può essere prescritto subito dopo il parto; le reazioni avverse più comuni alla sua somministrazione sono:

  • eruzioni cutanee, orticaria, prurito alla pelle;
  • brividi, diarrea, nausea, vomito;
  • gonfiore, dolore, flatulenza;
  • sapore sgradevole in bocca, diminuzione dell'appetito;
  • moltiplicazione di funghi (mughetto del cavo orale, mucose vaginali);
  • mal di testa, vertigini;
  • aumento della fatica, sanguinamento dal naso;
  • aumento dell'attività degli enzimi epatici;
  • infiammazione in bocca (stomatite), lingua (glossite);
  • ispessimento della bile, precipitazione di sali nelle vie biliari e urinarie;
  • indurimento nel sito di iniezione.
Colelitiasi

Con una maggiore sensibilità a un antibiotico o la necessità di utilizzare dosi elevate, un ciclo di oltre 10 giorni, possono comparire gravi complicazioni:

  • broncospasmo e altre gravi reazioni allergiche;
  • colite, a volte fatale;
  • la formazione di vesciche, seguita da esfoliazione dello strato superficiale della pelle;
  • soppressione dell'immunità con l'aggiunta di un'altra infezione (superinfezione);
  • ittero, insufficienza epatica;
  • funzione renale compromessa (aumento dell'urea, azoto residuo, creatinina);
  • aumento del glucosio, cilindri, eritrociti nelle urine.

Dosaggio di Ceftriaxone per l'alimentazione, l'allattamento al seno

Durante l'allattamento, il dosaggio è esattamente lo stesso del trattamento di pazienti adulti: 1-2 g 1 volta al giorno, ma durante l'allattamento è importante non utilizzare una dose superiore a 1 g. Se sono necessarie quantità maggiori di antibiotico, è necessario sostituire il latte materno con formule a base di latte..

Quando viene prescritta la dose massima del farmaco - 4 g, il pericolo per il bambino è considerato molto alto, quindi, in questo caso, i medici raccomandano molto spesso di interrompere l'allattamento.

Guarda questo video per vedere se Ceftriaxone è compatibile con l'allattamento al seno:

Per quanto tempo puoi allattare dopo un antibiotico

Per ridurre il rischio di effetti collaterali, l'allattamento al seno dopo un'iniezione di Ceftriaxone può essere effettuato non prima di 6 ore dopo. Poiché nelle prime settimane si nutrono ogni 2 ore, questa raccomandazione non può essere soddisfatta, quindi si consiglia più spesso di trasferire il neonato al latte artificiale. Questo deve essere fatto se il bambino è prematuro o ha l'ittero, poiché l'antibiotico è particolarmente pericoloso per questi bambini..

Dopo sei mesi, gli intervalli aumentano a 3,5 ore (in media), vengono introdotti alimenti complementari, quindi può essere consigliabile il seguente regime giornaliero:

  • 6-00 - allattamento al seno e completa espressione, alla fine dell'introduzione di Ceftriaxone;
  • 9-30 - alimenti complementari;
  • 13-00 - latte misto e / o espresso;
  • 16-30, 20-00, 23-30 - allattamento al seno.

Il trattamento antibiotico per una madre che allatta non può essere considerato completamente sicuro per il bambino, pertanto, in ogni caso, è necessaria una valutazione individuale della scelta del metodo di alimentazione.

Gli argomenti per il latte materno includono:

  • l'importanza del latte materno;
  • intolleranza al latte artificiale;
  • una piccola quantità di antibiotico somministrato al bambino.

In caso di malattie concomitanti dell'intestino, dei reni, del fegato, disbiosi già esistenti, diarrea, rigurgito frequente, coliche intestinali, il pediatra consiglia solitamente il passaggio all'alimentazione artificiale con latte artificiale.

Il corso del trattamento con iniezioni, compresse

Durante il trattamento con Ceftriaxone, il corso del trattamento è in media di 7 giorni. Si consiglia di concentrarsi sul tempo di normalizzazione della temperatura corporea, dopodiché il farmaco viene somministrato per altri 3 giorni. Non è possibile iniettare un antibiotico per meno di 5 giorni, perché un ciclo troppo breve diventa la causa della resistenza microbica.

Poiché Ceftriaxone non viene utilizzato in compresse, se necessario può essere prescritta un'altra cefalosporina per passare alla somministrazione interna dopo le iniezioni. Per l'allattamento, viene scelta la cefalexina, altri medicinali in questo gruppo sono considerati più pericolosi.

Al fine di prevenire

A scopo profilattico, Ceftriaxone viene utilizzato per prevenire le infezioni postoperatorie. L'allattamento in questi casi è spesso controindicato, poiché con l'introduzione di farmaci per l'anestesia, l'allattamento al seno dei bambini è severamente vietato.

Nel caso in cui sia stata utilizzata l'anestesia locale (interventi chirurgici e diagnostici minori), viene utilizzato il dosaggio standard: 1 g un'ora prima dell'operazione e la stessa quantità nei 4 giorni successivi, una volta al giorno. Queste dosi sono minime per Ceftriaxone.

Analoghi di ceftriaxone durante l'allattamento

Per il trattamento delle donne durante l'allattamento, vengono utilizzati Ceftriaxone di produzione domestica e suoi analoghi stranieri: Rocefin, Azaran, Lendacin, Cefatrin, Medaxon. Rocefin è uno dei più sicuri in termini di rischio di effetti collaterali, poiché è il farmaco originale. Significa che:

  • sono stati effettuati tutti gli studi clinici necessari;
  • le materie prime medicinali hanno un alto grado di purificazione;
  • la tecnologia di produzione è pienamente conforme agli standard internazionali di qualità.

Lo svantaggio è il suo prezzo: una bottiglia costa circa 515 rubli, mentre il Ceftriaxone russo non costerà più di 40 rubli per 1 g.

Norme di sicurezza

Per ridurre al minimo i rischi di complicanze derivanti dall'uso del farmaco durante l'allattamento e il neonato, è necessario:

  • utilizzare un antibiotico solo dopo un esame;
  • seguire rigorosamente le raccomandazioni mediche per le dosi e il corso;
  • chiedere consiglio a un pediatra sulla possibilità di continuare l'allattamento al seno e sulla fattibilità del passaggio al latte artificiale;
  • monitorare attentamente il lavoro dell'intestino del bambino, tenere conto del fatto che un cambiamento nel colore delle feci, lo scarico schiumoso è un segno di una violazione della microflora;
  • Esaminare quotidianamente la pelle per rilevare eventuali eruzioni cutanee e la bocca per arrossamenti e macchie bianche
  • per tutti i sintomi dubbi è necessaria una visita medica immediata, è vietato auto-medicare le complicanze.

Una donna dovrebbe bere più acqua potabile regolare possibile e consumare cibi meno salati e piccanti..

E qui c'è di più sulle regole per l'uso di Ciprofloxacina e Ceftriaxone.

Ceftriaxone viene utilizzato per l'allattamento al seno rigorosamente secondo la prescrizione del medico e dopo aver consultato il pediatra. Durante il periodo di trattamento, è necessario monitorare le condizioni generali del bambino, la pelle, le mucose della bocca e la funzione intestinale. Se compaiono sintomi insoliti, consultare immediatamente uno specialista, è vietata l'automedicazione delle complicanze.

Come scegliere Cefotaxime o Ceftriaxone, che è meglio per la terapia per bronchite, polmonite, sinusite. Sono la stessa cosa o c'è una differenza. Quali sono i farmaci simili e in che modo differiscono. Cosa ti aiuterà più forte e più veloce.

Come usare correttamente Ceftriaxone per l'angina, se prescritto ad adulti o bambini con tonsillite purulenta, tonsillite. Aiuta davvero, perché non aiuta. Come diluire con lidocaina, è possibile fare i gargarismi.

Ceftriaxone può essere utilizzato durante la gravidanza? Quando è più sicuro - nelle prime fasi del 1 ° trimestre, 2 o 3. Cosa è indicato nelle istruzioni per l'uso, da cui viene prescritto un antibiotico. Come iniettare correttamente le iniezioni, quale dosaggio dovrebbe essere. Se non sapevi di essere incinta, ma ti è stato iniettato Cefriaxone, cosa fare.

Quando sono necessari i farmaci Ceprofloxacina e Ceftriaxone? Questa è la stessa cosa, qual è la differenza tra loro in termini di indicazioni, controindicazioni, effetto. Cosa è meglio prendere e quando.

Forse qualcuno ha preso l'antibiotico Ceftriaxone durante l'epatite B.?

Commenti degli utenti

Il medico mi ha detto che puoi nutrirti prima di fare un'iniezione, ma ha funzionato solo 2 volte al giorno (mi sono state prescritte iniezioni 2 volte al giorno) Il bambino era solo isterico e si rifiutava di bere la miscela di latte..

E poi ho letto qui http://mamovediya.com.ua/ che ci sono antibiotici accettabili per l'allattamento al seno, e il ceftriaxone è uno di quelli. Maggiori dettagli qui http://am-am.info/f

Mi è stato prescritto, bambini (ho due gemelli) 1 anno 1 mese, il medico ha detto che questo farmaco non avrà un effetto collaterale sui bambini, ma dovrebbero essere loro stessi bififormi

Antibiotico Ceftriaxone per HB: come influisce sull'allattamento e sul bambino?

Se combinare o meno l'allattamento al seno con i farmaci, questa domanda preoccupa le madri che allattano. Secondo la ricerca medica internazionale, la maggior parte dei farmaci, in particolare gli antibiotici, sono incompatibili con l'allattamento..

Questo articolo si concentrerà su Ceftriaxone, un farmaco ad ampio spettro. Scoprirai quali sono le indicazioni per l'uso, chi non dovrebbe prenderlo e quali sono i possibili effetti collaterali.

Indicazioni per l'uso

Ceftriaxone è un antibiotico di terza generazione usato per trattare:

  • infezioni batteriche;
  • organi respiratori;
  • ossa e articolazioni;
  • sistema genito-urinario;
  • con immunità indebolita;
  • tifo;
  • endocardite;
  • ferite infette e ustioni.

Inoltre, il farmaco è prescritto per la prevenzione delle infezioni nel periodo postoperatorio..

Come funziona il farmaco?

Il principale ingrediente attivo combatte la mureina, è prodotta da una cellula batterica. Tuttavia, alcuni batteri sono resistenti all'antibiotico, quindi è necessario eseguire un test di suscettibilità affinché il trattamento abbia successo..

Molto spesso, Ceftriaxone viene prescritto solo per il ricovero ospedaliero. Il trattamento a lungo termine richiede il monitoraggio delle condizioni dei reni, del fegato e del sangue.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Quando si prende un antibiotico, sono possibili i seguenti effetti collaterali:

  1. stomatite;
  2. anemia;
  3. vomito e nausea;
  4. mal di testa, vertigini;
  5. una reazione allergica sotto forma di febbre, eruzione cutanea, edema, prurito, orticaria);
  6. crampi addominali;
  7. diarrea;
  8. leucopenia;
  9. violazione del gusto;
  10. mancanza di respiro e tachicardia.

Se si verificano effetti collaterali, è necessario consultare un medico in modo che aggiusti la dose o annulli completamente il farmaco, poiché la cattiva salute della madre influirà sicuramente sulla salute del bambino.

Le controindicazioni includono una maggiore sensibilità al farmaco, insufficienza renale o epatica, colite, mancanza di vitamina K o problemi con la sua sintesi..

Come influisce sull'allattamento e sul bambino durante l'allattamento??

Le istruzioni per l'uso del farmaco scrivono che l'allattamento al seno dovrebbe essere interrotto. L'emivita di un antibiotico nel latte materno è di circa 17 ore, quindi quando si assume questo farmaco, l'allattamento deve essere sospeso, che può essere ripristinato dopo l'interruzione del trattamento.

Alcuni esperti sono sicuri che il medicinale possa essere combinato con l'HS, ma è necessario prendere precauzioni. In ogni caso, il medico consiglierà la donna sull'uso dell'antibiotico durante questo periodo cruciale..

La concentrazione massima nel sangue (se somministrata per via intramuscolare) viene raggiunta dopo 2,5 ore. Se il farmaco viene somministrato per via endovenosa, il farmaco agisce più velocemente - in un'ora. Ciò significa che non puoi nutrire il bambino durante il tempo specificato. Nella composizione del latte materno, la percentuale di antibiotico è del 4,2%.

Raccomandazioni

Se il medico ha consentito di assumere il farmaco durante l'allattamento, è necessario monitorare attentamente le condizioni del bambino, poiché potrebbe manifestarsi:

  • allergia;
  • mal di stomaco, feci.

Se si riscontrano questi sintomi, il farmaco deve essere sospeso..

Dosaggio

Il dosaggio per gli adulti non differisce da quello consentito per HV: 1-2 g 1 volta al giorno o 0,5-1 g ogni 12 ore. Va ricordato che non è possibile auto-medicare, annullare il farmaco da soli e aumentare la durata del trattamento.

Per una donna che allatta, il primo regime di Ceftriaxone è adatto, poiché con una singola dose è possibile attendere 17 ore. Come accennato in precedenza, questo è esattamente il tempo necessario affinché l'antibiotico venga eliminato dal corpo..

Il farmaco viene prodotto sotto forma di polvere che, una volta preparata, viene somministrata per via endovenosa o intramuscolare. Per la somministrazione, deve essere utilizzata solo una soluzione appena preparata, non può essere conservata.

A volte con la somministrazione endovenosa, si verificano flebite, dolore lungo la vena e con la somministrazione intramuscolare, dolore al sito di iniezione.

Conclusione

Quindi, alcune malattie richiedono un trattamento urgente. Per una donna durante l'allattamento, l'uso di antibiotici è controindicato, ma ci sono delle eccezioni. Se a una madre che allatta è stato prescritto Ceftriaxone, deve osservare il dosaggio, monitorare le condizioni del bambino dopo l'alimentazione e il suo benessere.

Antibiotico OJSC "Sintez" Ceftriaxone - recensione

Ceftriaxone durante l'allattamento. Trattamento della pleuropolmonite

Ho sentito parlare per la prima volta di questo farmaco alcuni mesi fa. Tutto è iniziato con il fatto che una sera ho sentito un dolore al corpo, il giorno dopo la temperatura è salita a 37,8. Non c'erano più sintomi, il che mi ha allertato. Di solito il mio raffreddore inizia con mal di gola, naso che cola, ecc. Dopo un paio di giorni la temperatura si è abbassata e mi sono sentito meglio, ma il giorno dopo la temperatura è salita di nuovo a 39.

Sono andato dal dottore, è tutto chiaro nei miei polmoni, hanno dato indicazioni per i test generali. E tutto si è rivelato normale, tranne ESR-42. Il medico ha fatto un rinvio per la fluorografia, anche se ha detto che non era auspicabile che le madri che allattavano lo facessero. Mio figlio aveva 1 anno in quel momento. Tuttavia, ho fatto una fluorografia, secondo la quale mi è stata diagnosticata una "pleuropolmonite del lobo superiore destro".

Il medico ha prescritto un trattamento, basato su iniezioni intramuscolari di Ceftriaxone 2 volte al giorno, 1 g per 7 giorni. Ho rifiutato il ricovero in ospedale, perché Ho due bambini piccoli. Il mio medico mi ha detto di smettere di allattare. Ma non potevo farlo così bruscamente, mio ​​figlio era molto dipendente dal seno, non percepiva né il biberon né i capezzoli. Dopo aver studiato le istruzioni (e si dice che viene utilizzato anche dai neonati) e le informazioni su Internet (questo farmaco è nella lista dei permessi durante l'allattamento), ho deciso di non smettere di nutrirmi.

Per me le iniezioni sono state indolori, l'antibiotico è stato diluito con acqua per preparazioni iniettabili e lidocaina. La temperatura si è abbassata 3 giorni dopo le iniezioni. Dopo 10 giorni, ho fatto un'altra radiografia, ha mostrato che tutto era normale e secondo l'esame del sangue ESR -15.

Non ho identificato alcun effetto collaterale del medicinale per me e il bambino, sebbene mio figlio soffra di dermatite atopica, non c'è stata alcuna reazione. Abbiamo preso un probiotico insieme all'antibiotico.

A proposito, il costo di 1 pacchetto è di 30 rubli, per l'intero corso ho speso circa 400 rubli.

È così che Ceftriaxone mi ha aiutato a curare la polmonite a casa, senza ricovero in ospedale, ea continuare ad allattare. Consiglio a tutti di consultare un medico in modo tempestivo e se sono necessari antibiotici in casi estremi, non hanno paura di usarli.

Antibiotici per l'allattamento al seno: efficacia e caratteristiche applicative

Nessuna madre che allatta è al sicuro dai batteri patogeni che entrano nel suo corpo. Se una donna ha contratto un'infezione batterica durante l'allattamento, è necessario un trattamento antibiotico per evitare lo sviluppo di complicanze. Tuttavia, molte donne considerano l'assunzione di tali farmaci incompatibile con l'allattamento al seno. Ma in alcuni casi, la terapia antibiotica è necessaria durante l'allattamento, quindi le donne devono sapere come proteggere se stesse e il bambino dalle conseguenze negative..

Caratteristiche e proprietà degli antibiotici

La differenza fondamentale tra antibiotici e altri farmaci è che la loro azione è diretta direttamente sui batteri, interrompendo la loro vitalità e prevenendo la riproduzione.

Non esiste un rimedio valido per tutti i batteri. Alcuni farmaci influenzano diverse dozzine di agenti patogeni, altri - due o tre tipi.

I batteri possono essere suddivisi approssimativamente in due gruppi:

  • trasmessa da goccioline trasportate dall'aria e che colpisce le vie respiratorie. Molto spesso questi sono streptococchi, stafilococchi, meningococchi, ecc. La penicillina e l'eritromicina possono agire su tali batteri;
  • entrare in bocca attraverso mani sporche, acqua e cibo. Molto spesso si tratta di E. coli e bacilli di dissenteria, salmonella, ecc. La polimixina sarà efficace qui..

Ma, ad esempio, ceftriaxone e ampicillina saranno efficaci contro i batteri di entrambi i gruppi condizionali.

Il compito principale di un antibiotico è quello di entrare nel centro dell'infezione a una certa concentrazione. Allo stesso tempo, ogni farmaco ha una sfera di attività inerente solo ad esso. È importante che l'agente risulti dannoso per il microrganismo che ha causato la malattia. Pertanto, la scelta di un antibiotico è solo un privilegio medico. L'autosomministrazione è inaccettabile, specialmente durante l'allattamento.

Farmaci per l'allattamento al seno

Esistono diversi antibiotici comuni usati durante l'allattamento. A volte il medico può prescrivere farmaci che richiedono di interrompere temporaneamente l'allattamento al seno. Non averne paura.

La maggior parte dei medici concorda sul fatto che alcuni patogeni sviluppano resistenza ai farmaci antibatterici topici. In futuro, ciò potrebbe causare un trattamento inefficace con questo antibiotico in una qualsiasi delle sue forme..

Flemoxin Solutab

Flemoxin Solutab è un agente antimicrobico appartenente al gruppo delle penicilline. Antibiotico ad ampio spettro. Il principio attivo di Flemoxin è l'amoxicillina. Il principio attivo del preparato Flemoxin Solutab è l'amoxicillina

Il farmaco è indicato per malattie infettive e infiammatorie:

  • organi respiratori;
  • sistemi riproduttivo e urinario;
  • organi del tratto gastrointestinale;
  • pelle.

Una controindicazione assoluta è solo l'intolleranza individuale ai componenti del farmaco. Le istruzioni indicano che durante l'allattamento il farmaco deve essere usato con cautela..

Il farmaco può provocare la manifestazione di tali effetti collaterali come:

  • nausea, vomito, diarrea, ottusità del gusto;
  • una reazione allergica sotto forma di eruzione cutanea.

L'interazione dell'amoxicillina con alcuni farmaci può indebolirne l'effetto o portare ad altre reazioni negative. Pertanto, assicurati di informare il medico sui farmaci già presi, compresi i contraccettivi orali..

Il corso del trattamento è determinato dal medico e varia da 5 a 10 giorni. Anche la frequenza di ammissione e il dosaggio sono stabiliti da uno specialista in base al quadro clinico..

Tempo di eliminazione dal corpo - 8 ore.

Va notato che il costo di Flemoxin Solutab è di circa 300 rubli. Mentre il suo analogo assoluto Amoxicillina costa fino a 100 rubli.

Ceftriaxone

Il ceftriaxone è un antibiotico ad ampio spettro appartenente al gruppo delle cefalosporine, che sono più spesso prescritte dai medici nel nostro paese per il trattamento delle infezioni batteriche. Ceftriaxone è incompatibile con l'allattamento al seno

Il farmaco viene prodotto sotto forma di polvere per la produzione di una soluzione, successivamente somministrata per via intramuscolare o endovenosa.

Ceftriaxone è prescritto per le infezioni batteriche:

  • organi della cavità addominale e del tratto gastrointestinale, tra cui: febbre tifoide, salmonellosi;
  • vie respiratorie;
  • sistema scheletrico, articolazioni, pelle;
  • sistema genito-urinario;
  • sistema nervoso centrale: meningite, ecc..

La controindicazione per l'uso del farmaco è l'intolleranza individuale, così come il periodo di allattamento. Le istruzioni indicano che al momento dell'assunzione del farmaco, l'allattamento al seno dovrebbe essere abbandonato..

Dovrebbe essere usato con cautela nelle malattie croniche del fegato e dei reni, organi del tratto gastrointestinale.

Il periodo di sospensione di Ceftriaxone è di 48 ore. Di solito prescritto come un corso di 7-10 giorni.

L'assunzione del farmaco può essere accompagnata dalle seguenti reazioni avverse:

  • vertigini, mal di testa;
  • cardiopalmus;
  • flusso di sangue dal naso;
  • dolore addominale, nausea, vomito;
  • avventato, giudizio;
  • dolore al sito di iniezione.

L'assunzione di Ceftriaxone è incompatibile con altri farmaci antimicrobici e agenti contenenti alcol.

Nonostante l'efficacia del farmaco e una vasta gamma di utilizzo, il suo prezzo non può che sorprendere: inferiore a 50 rubli.

Cefotaxime

Cefotaxime è un antibiotico, come Ceftriaxone, una cefalosporina. La forma del preparato è una polvere per la preparazione di iniezioni per somministrazione endovenosa o intramuscolare.

Il metodo di somministrazione e le dosi sono scelti dal medico individualmente per ciascun paziente..

Cefotaxime è indicato per malattie come:

  • infezioni dei polmoni e del tratto respiratorio superiore;
  • meningite;
  • rinite, faringite, sinusite, laringite;
  • infezioni alle ossa e alle articolazioni;
  • gonorrea.

Nella sezione delle controindicazioni nelle istruzioni per il farmaco, è indicata l'ipersensibilità individuale del corpo ai componenti del farmaco, la gravidanza e il periodo di allattamento.

L'uso del farmaco può essere accompagnato dalla manifestazione di effetti collaterali come allergie, mal di testa, disturbi gastrointestinali.

Incompatibile con altri medicinali, come gli antibiotici, nella stessa siringa o contagocce. Se assunto contemporaneamente a farmaci che bloccano la secrezione tubulare, aumenta il periodo di eliminazione del farmaco. Se usato insieme a farmaci antinfiammatori non steroidei, aumenta il rischio di sanguinamento.

Il prezzo di questo antibiotico è inferiore a 100 rubli.

Wilprafen

Wilprafen è un antibiotico del gruppo dei macrolidi con azione antibatterica (che uccide i batteri o sopprime la loro attività vitale) e battericida (che causa la morte dei batteri). Wilprafen è un antibiotico del gruppo dei macrolidi ad ampio spettro d'azione e utilizzato nel trattamento di molte malattie infettive

Vilprafen è prescritto per malattie infettive come:

  • angina;
  • faringite;
  • processi infiammatori nell'orecchio;
  • sinusite, laringite, tonsillite;
  • difterite, scarlattina;
  • bronchite, polmonite, pertosse;
  • infezioni della pelle;
  • prostatite, sifilide, gonorrea;
  • pielonefrite.

Una controindicazione all'uso di questo farmaco è la sensibilità agli antibiotici del gruppo dei macrolidi e ai disturbi del funzionamento del fegato.

Tra gli effetti collaterali ci sono:

  • nausea, vomito, diarrea, diminuzione dell'appetito;
  • prurito, orticaria.

La terapia con Vilprafen non deve essere combinata con l'assunzione di alcuni antibiotici, antistaminici e altri farmaci. Pertanto, quando si prescrive questo farmaco, è imperativo informare il medico sugli altri farmaci assunti..

La durata della terapia e il dosaggio sono stabiliti dal medico. Di regola, il corso di assunzione di Wilprafen dura almeno 10 giorni..

Viene escreto dal corpo dopo 12 ore.

Il farmaco non è raccomandato per l'uso durante l'allattamento, poiché l'effetto del principio attivo (josamicina) sulla composizione e sulla qualità del latte materno non è stato dimostrato. Tuttavia, in pratica, questo rimedio viene prescritto alle madri che allattano abbastanza spesso..

Wilprafen può essere prescritto solo da un medico su base individuale. Il costo di questo farmaco è di circa 500 rubli..

Eritromicina

Un altro antibiotico del gruppo dei macrolidi è l'eritromicina. Il suo utilizzo durante il periodo dell'allattamento è considerato più sicuro. L'eritromicina è usata con cautela durante il periodo dell'allattamento

È prescritto per le stesse indicazioni di Wilprafen, per un ciclo di 7-10 giorni.

Le reazioni avverse includono:

  • nausea, vomito, diarrea;
  • effetto negativo sul fegato;
  • reazioni cutanee (eruzione cutanea, prurito).

Le controindicazioni includono: ipersensibilità ai componenti del farmaco e insufficienza epatica..

Il prezzo dell'eritromicina varia da 10 a 25 rubli.

Fattori che influenzano i tempi di eliminazione del farmaco dal corpo

La tempistica della sospensione dell'antibiotico è influenzata da:

  • un insieme di componenti che compongono il farmaco. Ciò è dovuto alla struttura chimica delle sostanze;
  • modo di entrare nel corpo. Ad esempio, le iniezioni vengono eliminate più velocemente delle pillole;
  • l'età del paziente (più è anziana la persona, più lento è questo processo);
  • la condizione degli organi interni (ad esempio, le malattie dei reni e del fegato rallentano la rimozione dei farmaci dal corpo);
  • tempo di assunzione di antibiotici associati all'assunzione di cibo (prima, dopo o durante i pasti). Spesso i pazienti semplicemente non prestano attenzione a queste raccomandazioni nelle istruzioni, ma se non vengono seguite, è possibile rallentare il processo di rimozione del farmaco dal corpo;
  • bere molti liquidi, il che accelera il processo.

Raccomandazioni per l'assunzione di antibiotici durante l'allattamento

Raccomandazioni generali che una madre che allatta dovrebbe seguire durante il trattamento con antibiotici:

  • non auto-medicare;
  • assicurati di avvertire il medico curante che tuo figlio è allattato al seno;
  • se stai assumendo altri farmaci, assicurati di menzionarlo all'appuntamento del tuo medico;
  • fai attenzione quando prendi i farmaci, osserva la reazione del tuo corpo e le condizioni del bambino;
  • non aggiustare il dosaggio, la frequenza di somministrazione e la durata del ciclo di trattamento suggerito dal medico;
  • consultare un medico per cambiare la tattica della terapia se compaiono effetti collaterali durante l'assunzione di un antibiotico o dopo 48 ore l'effetto del trattamento non viene osservato.

Anche gli antibiotici approvati dal medico possono causare una reazione negativa nel bambino, ad esempio problemi con le feci. Pertanto, se il programma di assunzione del medicinale lo consente, è più consigliabile prenderlo immediatamente prima dell'alimentazione. Durante il tempo in cui il bambino sta mangiando, le medicine non avranno il tempo di penetrare nel latte, ma trascorrerà il tempo massimo fino alla successiva poppata.

Se diventa necessario interrompere l'allattamento al seno per un po ', darlo per scontato. Riprendi l'allattamento al termine del trattamento.

Video: Dr. E.O. Komarovsky sull'assunzione di antibiotici durante l'allattamento

Recensioni di madri che allattano

Entrambi i miei figli hanno reagito con forza all'antibiotico durante le Guardie. L'anziano è ora allergico a tutta la cefazolinica-pinicillina. Il più giovane, mmm, non è stato ancora "testato". Non mi nutrirei. Un tempo l'ho fatto e non me ne pento. Se hai mangiato pompando regolarmente, le guardie non andranno da nessuna parte. Il più grande, fino a tre anni, ha avuto problemi con l'intestino e il più giovane sta molto meglio, io, a differenza del più vecchio, non gli ho dato da mangiare durante i corsi di antibiotici.

Ulia

http://www.komarovskiy.net/forum/viewtopic.php?f=15&t=6916&sid=e002f12f4afd96687b35d7096a60205f&start=15

Avevo mal di gola, Aminka aveva 4 mesi, bevevo Amoxiclav, non è successo niente di terribile. Anche niente di particolarmente piccolo non ha dato (nel senso di linex e dell'azienda). Si nutriva come al solito. Sono d'accordo con le ragazze sul fatto che il passaggio a una miscela influirà sulla salute in modo più significativo rispetto all'assunzione di un antibiotico. La cosa principale è la calma della madre e la fiducia nella correttezza della decisione. In bocca al lupo!

ERIKA

http://www.komarovskiy.net/forum/viewtopic.php?f=15&t=6916&sid=e002f12f4afd96687b35d7096a60205f&start=15

Mi è stato prescritto un antibiotico approvato per HB. Si chiama Wilprafen. L'ho fatto: ho allattato, poi ho espresso tutto il resto da entrambi i seni e li ho messi in frigorifero. Ho preso subito la pillola. L'alimentazione successiva è il latte estratto dal frigorifero. Allo stesso tempo è stato travasato di nuovo completamente e versato nel lavandino. La volta successiva stavo già allattando e così via. È necessario guardare nelle istruzioni per il tempo della massima concentrazione del farmaco nel sangue e quindi nel latte. Per questo farmaco, questa volta era di 1-2 ore, non mi sembra di ricordare esattamente. Pertanto, questo schema di alimentazione era adatto a noi. Il bambino non ha avuto problemi.

Yulia Lokhmytko

https://deti.mail.ru/forum/nashi_deti/kormim_grudju/antibiotik_mame_pri_gv/

All'inizio c'era la lattostasi due volte, poi è iniziata la mastite, ho visto l'amoxiclav e nutrito. Andava tutto bene. Per me le guardie sono sacre. Ma il bambino con la sorella)) il medico mi ha detto che amoxiclav e guardie sono compatibili. Ho visto una dose ridotta per 5 giorni.

Bastardo

https://deti.mail.ru/forum/nashi_deti/kormim_grudju/antibiotik_mame_pri_gv/

A un mio conoscente è stato prescritto un antibiotico e alcuni farmaci pesanti (contagocce), categoricamente incompatibili con HS (mio figlio aveva circa 3 mesi) passati a una miscela (circa 1,5 settimane), poi qualche giorno in più (mentre il medicinale viene ritirato), poi è passata un'altra settimana e hanno restituito completamente GV - la miscela è stata completamente esclusa in una settimana.

La cosa principale qui è l'umore della madre, e la madre non dubitava nemmeno che tutto sarebbe tornato

Tatiana Gorina

https://www.babyblog.ru/community/post/breastfeed/1721257

Quando il dente è stato estratto, mi è stato prescritto Amoxiclav. Ho detto al dottore che stavo allattando, dammi ciò che è possibile con GV... E io stesso mi siedo e penso, beh, in questo momento inizierà "Cosa sei. Buttarlo! Niente antibiotici, e blah blah blah... "Ed era così calma:" Non preoccuparti! Sono ammessi durante l'allattamento! "... ma il mio aveva un anno e 2 mesi.

Valentinka

https://www.babyblog.ru/community/post/breastfeed/1721257

Ho visto l'amoxiclav a causa di problemi con le suture postpartum. Mi è stato prescritto 1 te 2 volte al giorno. Si è consultata con un pediatra prima dell'appuntamento, ha detto che è possibile non girare il gv, ma al bambino dovrebbe essere somministrato il bifidumbacterin 2 volte al giorno in modo che non ci siano problemi con la pancia. 1 giorno di ammissione e tutto andava bene con il mio bambino, il secondo giorno il bambino era tutto finito con un'eruzione cutanea. Come hanno poi scoperto, l'eruzione cutanea è allergica. Di conseguenza, ho dovuto cancellare questo antibiotico

Alice

https://www.babyblog.ru/community/post/breastfeed/1721257

Quindi, se una donna che allatta si ammala e dopo aver visitato un medico si scopre che è necessario un antibiotico per un trattamento produttivo, è necessario iniziare immediatamente la terapia, osservando le precauzioni e seguendo rigorosamente le raccomandazioni del medico.

Ceftriaxone durante l'allattamento (allattamento al seno)

L'uso di Ceftriaxone durante l'allattamento è possibile nelle seguenti condizioni: infezione grave, il rischio per la salute della donna è superiore al pericolo per il bambino, l'agente patogeno è sensibile a questo antibiotico, è sufficiente una dose di 1 g al giorno. In tutti gli altri casi, è necessario sostituire il latte materno con latte artificiale.

Le principali conseguenze per la madre sono diarrea, eruzioni cutanee, alterazioni del sangue, il bambino ha un rischio di disbiosi, mughetto, allergie e intolleranza a Ceftriaxone e ai suoi analoghi in futuro.

Il coordinamento con il pediatra del trattamento della donna, l'intervallo tra la somministrazione di antibiotici e l'alimentazione, il monitoraggio delle condizioni del bambino e il contatto con un medico se compaiono sintomi insoliti possono ridurre la probabilità di reazioni avverse.

Chi è prescritto Ceftriaxone per l'allattamento al seno?

Ceftriaxone è prescritto per l'allattamento al seno solo quando il beneficio per la donna è maggiore del rischio per il bambino. Queste sono generalmente infezioni gravi:

  • polmoni - polmonite (nosocomiale e acquisita in comunità);
  • orecchio medio, corso particolarmente complicato;
  • le membrane del cervello - meningite batterica;
  • tonsille - tonsillite (tonsillite);
  • organi addominali - peritonite, colecistite, pancreatite;
  • organi genitali - annessite, endometrite, prostatite;
  • tratto urinario, rene (pielite, pielonefrite);
  • articolazioni e ossa (artrite purulenta, osteomielite);
  • gonorrea, febbre tifoide, sifilide;
  • pelle - erisipela, carbonchio, foruncolo, ascesso, flemmone;
  • con avvelenamento del sangue (sepsi);
  • valvole cardiache - endocardite;
  • borreliosi (l'infezione è trasmessa dalle zecche, manifestata da eruzioni cutanee, accompagnata da complicazioni neurologiche, articolari e cardiache).

Il ceftriaxone durante l'allattamento può essere somministrato dopo esame batteriologico, è stata eseguita la diagnostica PCR ed è stato stabilito che il patogeno è sensibile a questo antibiotico.

L'effetto del farmaco sul corpo

L'azione principale di Ceftriaxone è la distruzione dei batteri interrompendo la formazione del loro guscio, durante la sua assimilazione ed eliminazione, è possibile un effetto tossico sul corpo:

  • reazioni allergiche;
  • deterioramento dei reni e del fegato;
  • cambiamenti nella composizione della microflora intestinale;
  • una diminuzione del numero di cellule nel sangue (leucociti, piastrine, eritrociti);
  • sanguinamento.

Se usato correttamente, la maggior parte delle donne non manifesta reazioni avverse, il corso del trattamento non dà complicazioni.

Ti consigliamo di leggere se è accettabile assumere Ceftriaxone durante la gravidanza. Dall'articolo scoprirai quando Ceftriaxone viene prescritto durante la gravidanza, come il farmaco influisce sul feto, quando è impossibile pungere.

E qui c'è di più su come usare Ceftriaxone per l'angina.

Reazione del bambino agli antibiotici

Ceftriaxone viene escreto nel latte materno, quindi, il rischio di una reazione negativa di un bambino al farmaco sotto forma di:

  • violazioni della microflora intestinale - coliche, gonfiore, che si manifesta con ansia, pianto, scarso appetito (suzione debole), diarrea, scolorimento delle feci, rigurgito frequente, vomito;
  • infezione fungina del cavo orale - arrossamento, tenerezza durante l'alimentazione, rifiuto del seno;
  • sensibilizzazione: l'acquisizione di ipersensibilità a un antibiotico, che in futuro potrebbe manifestarsi sotto forma di reazione allergica e intolleranza non solo a Ceftriaxone, ma anche a farmaci del gruppo di cefalosporine, penicilline, agenti antibatterici beta-lattamici (ad esempio, Meronem, Tienam).

Candidosi orale

È stato riscontrato che non più del 4% della quantità somministrata penetra nel latte, che molto spesso non è accompagnato da un effetto negativo sul bambino. Se c'è una seria necessità di somministrare il farmaco, l'indesiderabilità di sostituire il latte materno con il latte artificiale, l'allattamento al seno è consentito, ma con cautela, è importante contattare il pediatra se compare qualche sintomo insolito.

Controindicazioni al ceftriaxone per l'epatite B

È vietato l'uso di Ceftriaxone con HB (allattamento al seno) in caso di intolleranza, nonché una nota reazione allergica ai farmaci:

  • Amoxicillina,
  • Ampicillina,
  • Amoxiclav,
  • Augmentin,
  • Benzilpenicillina,
  • Oxacillina,
  • Cefazolin,
  • Tienam,
  • Meronem,
  • Cefalexina,
  • Cefotaxime,
  • Cefixime.

La cautela nell'appuntamento è necessaria in presenza di malattie dei reni, del fegato e dell'intestino (enterite, enterocolite, ulcerosa aspecifica). Ciò significa che prima dell'inizio del trattamento, dell'esame e della supervisione medica, sono necessari test durante il processo di utilizzo di Ceftriaxone..

Guarda questo video su quali farmaci puoi assumere durante l'allattamento:

Effetti collaterali del farmaco dopo il parto

Ceftriaxone può essere prescritto subito dopo il parto; le reazioni avverse più comuni alla sua somministrazione sono:

  • eruzioni cutanee, orticaria, prurito alla pelle;
  • brividi, diarrea, nausea, vomito;
  • gonfiore, dolore, flatulenza;
  • sapore sgradevole in bocca, diminuzione dell'appetito;
  • moltiplicazione di funghi (mughetto del cavo orale, mucose vaginali);
  • mal di testa, vertigini;
  • aumento della fatica, sanguinamento dal naso;
  • aumento dell'attività degli enzimi epatici;
  • infiammazione in bocca (stomatite), lingua (glossite);
  • ispessimento della bile, precipitazione di sali nelle vie biliari e urinarie;
  • indurimento nel sito di iniezione.

Con una maggiore sensibilità a un antibiotico o la necessità di utilizzare dosi elevate, un ciclo di oltre 10 giorni, possono comparire gravi complicazioni:

  • broncospasmo e altre gravi reazioni allergiche;
  • colite, a volte fatale;
  • la formazione di vesciche, seguita da esfoliazione dello strato superficiale della pelle;
  • soppressione dell'immunità con l'aggiunta di un'altra infezione (superinfezione);
  • ittero, insufficienza epatica;
  • funzione renale compromessa (aumento dell'urea, azoto residuo, creatinina);
  • aumento del glucosio, cilindri, eritrociti nelle urine.

Dosaggio di Ceftriaxone per l'alimentazione, l'allattamento al seno

Durante l'allattamento, il dosaggio è esattamente lo stesso del trattamento di pazienti adulti: 1-2 g 1 volta al giorno, ma durante l'allattamento è importante non utilizzare una dose superiore a 1 g. Se sono necessarie quantità maggiori di antibiotico, è necessario sostituire il latte materno con formule a base di latte..

Quando viene prescritta la dose massima del farmaco - 4 g, il pericolo per il bambino è considerato molto alto, quindi, in questo caso, i medici raccomandano molto spesso di interrompere l'allattamento.

Guarda questo video per vedere se Ceftriaxone è compatibile con l'allattamento al seno:

Per quanto tempo puoi allattare dopo un antibiotico

Per ridurre il rischio di effetti collaterali, l'allattamento al seno dopo un'iniezione di Ceftriaxone può essere effettuato non prima di 6 ore dopo.

Poiché nelle prime settimane si nutrono ogni 2 ore, tale raccomandazione non può essere soddisfatta, quindi si consiglia più spesso di trasferire il neonato alla formula del latte.

Questo deve essere fatto se il bambino è prematuro o ha l'ittero, poiché l'antibiotico è particolarmente pericoloso per questi bambini..

Dopo sei mesi, gli intervalli aumentano a 3,5 ore (in media), vengono introdotti alimenti complementari, quindi può essere consigliabile il seguente regime giornaliero:

  • 6-00 - allattamento al seno e completa espressione, alla fine dell'introduzione di Ceftriaxone;
  • 9-30 - alimenti complementari;
  • 13-00 - latte misto e / o espresso;
  • 16-30, 20-00, 23-30 - allattamento al seno.

È importante considerare che, tra tutte le cefalosporine, ceftriaxone ha il periodo di azione più lungo, poiché è sufficiente iniettarlo una volta al giorno. Dopo 12-17 ore, solo la metà del farmaco viene rimossa dal sangue e il latte materno è completamente sicuro solo un giorno dopo l'ultima iniezione.

Il trattamento antibiotico per una madre che allatta non può essere considerato completamente sicuro per il bambino, pertanto, in ogni caso, è necessaria una valutazione individuale della scelta del metodo di alimentazione.

Gli argomenti per il latte materno includono:

  • l'importanza del latte materno;
  • intolleranza al latte artificiale;
  • una piccola quantità di antibiotico somministrato al bambino.

In caso di malattie concomitanti dell'intestino, dei reni, del fegato, disbiosi già esistenti, diarrea, rigurgito frequente, coliche intestinali, il pediatra consiglia solitamente il passaggio all'alimentazione artificiale con latte artificiale.

Il corso del trattamento con iniezioni, compresse

Durante il trattamento con Ceftriaxone, il corso del trattamento è in media di 7 giorni. Si consiglia di concentrarsi sul tempo di normalizzazione della temperatura corporea, dopodiché il farmaco viene somministrato per altri 3 giorni. Non è possibile iniettare un antibiotico per meno di 5 giorni, perché un ciclo troppo breve diventa la causa della resistenza microbica.

Poiché Ceftriaxone non viene utilizzato in compresse, se necessario può essere prescritta un'altra cefalosporina per passare alla somministrazione interna dopo le iniezioni. Per l'allattamento, viene scelta la cefalexina, altri medicinali in questo gruppo sono considerati più pericolosi.

Al fine di prevenire

A scopo profilattico, Ceftriaxone viene utilizzato per prevenire le infezioni postoperatorie. L'allattamento in questi casi è spesso controindicato, poiché con l'introduzione di farmaci per l'anestesia, l'allattamento al seno dei bambini è severamente vietato.

Nel caso in cui sia stata utilizzata l'anestesia locale (interventi chirurgici e diagnostici minori), viene utilizzato il dosaggio standard: 1 g un'ora prima dell'operazione e la stessa quantità nei 4 giorni successivi, una volta al giorno. Queste dosi sono minime per Ceftriaxone.

Analoghi di ceftriaxone durante l'allattamento

Per il trattamento delle donne durante l'allattamento, vengono utilizzati Ceftriaxone di produzione domestica e suoi analoghi stranieri: Rocefin, Azaran, Lendacin, Cefatrin, Medaxon. Rocefin è uno dei più sicuri in termini di rischio di effetti collaterali, poiché è il farmaco originale. Significa che:

  • sono stati effettuati tutti gli studi clinici necessari;
  • le materie prime medicinali hanno un alto grado di purificazione;
  • la tecnologia di produzione è pienamente conforme agli standard internazionali di qualità.

Rocefin Azaran Medaxone

Lo svantaggio è il suo prezzo: una bottiglia costa circa 515 rubli, mentre il Ceftriaxone russo non costerà più di 40 rubli per 1 g.

Norme di sicurezza

Per ridurre al minimo i rischi di complicanze derivanti dall'uso del farmaco durante l'allattamento e il neonato, è necessario:

  • utilizzare un antibiotico solo dopo un esame;
  • seguire rigorosamente le raccomandazioni mediche per le dosi e il corso;
  • chiedere consiglio a un pediatra sulla possibilità di continuare l'allattamento al seno e sulla fattibilità del passaggio al latte artificiale;
  • monitorare attentamente il lavoro dell'intestino del bambino, tenere conto del fatto che un cambiamento nel colore delle feci, lo scarico schiumoso è un segno di una violazione della microflora;
  • Esaminare quotidianamente la pelle per rilevare eventuali eruzioni cutanee e la bocca per arrossamenti e macchie bianche
  • per tutti i sintomi dubbi è necessaria una visita medica immediata, è vietato auto-medicare le complicanze.

Una donna dovrebbe bere più acqua potabile regolare possibile e consumare cibi meno salati e piccanti..

Ti consigliamo di leggere quale è meglio: Cefotaxime o Ceftriaxone. Dall'articolo imparerai quale degli antibiotici funziona meglio per polmonite, bronchite e sinusite, quali sono le loro differenze, indicazioni per la prescrizione.

E qui c'è di più sulle regole per l'uso di Ciprofloxacina e Ceftriaxone.

Ceftriaxone viene utilizzato per l'allattamento al seno rigorosamente secondo la prescrizione del medico e dopo aver consultato il pediatra. Durante il periodo di trattamento, è necessario monitorare le condizioni generali del bambino, la pelle, le mucose della bocca e la funzione intestinale. Se compaiono sintomi insoliti, consultare immediatamente uno specialista, è vietata l'automedicazione delle complicanze.

Può ceftriaxone durante l'allattamento?

Prima di considerare se una madre che allatta può essere trattata con Ceftriaxone, è necessario familiarizzare con il modo in cui il farmaco viene escreto nel latte materno:

  • La concentrazione massima di ceftriaxone nel latte materno si osserva un'ora dopo l'iniezione endovenosa o 2,5 ore dopo l'iniezione intramuscolare;
  • L'emivita del componente attivo del farmaco nel latte umano è di 12-17 ore.

Gli studi hanno dimostrato che Ceftriaxone viene escreto con il latte in piccola quantità (4,2% della dose ricevuta dalla madre). A un dosaggio non superiore a 1 g, è consentito l'allattamento al seno di un bambino sano. Ma dovresti stare attento e osservare attentamente il bambino per notare la comparsa di una reazione a un antibiotico nel tempo..

Possibili effetti collaterali

Ceftriaxone provoca raramente reazioni collaterali ed è usato per trattare le infezioni nei neonati, ma a volte durante l'assunzione del medicinale si osserva:

  • orticaria;
  • aumento della respirazione;
  • tachicardia;
  • diminuzione della pressione;
  • mal di testa;
  • nausea o vomito;
  • dolore addominale;
  • diarrea.

Nel sangue del paziente si nota un aumento dei leucociti, mentre il numero di eritrociti può diminuire. Nei casi più gravi, è possibile sviluppare l'edema di Quincke, una complicanza pericolosa per la vita, quando i tessuti edematosi comprimono la laringe, interrompendo la respirazione.

Se Ceftriaxone viene iniettato in una madre che allatta, il bambino non ha disturbi respiratori e cardiovascolari.

Quando si cura una donna che allatta con un farmaco antibatterico, il suo bambino può avere:

  • diminuzione dell'appetito;
  • vomito o rigurgito frequente;
  • colica intestinale;
  • diarrea;
  • irrequietezza e disturbi del sonno.

Quando Ceftriaxone è prescritto per HB, è necessario monitorare attentamente le condizioni del bambino.

Interrompere l'allattamento al seno se il bambino diventa irrequieto, è spesso cattivo, non mangia bene o ha feci molli.

Nella maggior parte dei casi, il deterioramento delle condizioni del bambino è associato all'assunzione di Ceftriaxone da parte della madre ei sintomi che si sono manifestati scompaiono dopo il passaggio all'alimentazione artificiale..

Se nutrirsi o meno durante il trattamento con Ceftriaxone

I libri di consultazione farmacologica indicano che Ceftriaxone è un farmaco incompatibile con l'allattamento al seno, ma i medici hanno un'opinione diversa:

  • il latte materno è considerato l'alimento più adatto per un neonato;
  • una piccola quantità del farmaco viene rilasciata durante l'allattamento.

Durante l'allattamento, l'iniezione di Ceftriaxone è vietata nei seguenti casi:

  • per il trattamento della madre è necessaria una dose superiore a 1 g al giorno;
  • il bambino ha problemi di digestione (rigurgito frequente, coliche, costipazione o diarrea).

In questi casi, quando si prescrive Ceftriaxone per l'epatite B, si raccomanda alla madre di trasferire temporaneamente il bambino all'alimentazione artificiale o di selezionare un altro farmaco sicuro per il bambino.

Il componente attivo di ceftriaxone supera un'emivita di 12-17 ore, diventando sicuro per il bambino. Dopo aver completato un ciclo di terapia antibiotica, l'allattamento al seno è consentito un giorno dopo l'ultima iniezione.

Regole di trattamento sicuro

Esistono 2 regimi di trattamento con Ceftriaxone:

  • prescrivere di iniettare il farmaco 0,5 g al mattino e alla sera;
  • metta una dose quotidiana una volta al giorno.

Durante l'allattamento, si consiglia di iniettare Ceftriaxone una volta. Fatte salve le regole suggerite di seguito, una singola iniezione aiuterà una madre che allatta a ridurre il rischio di effetti collaterali nel suo bambino:

  • Non nutrire il bambino 3-4 ore dopo l'iniezione di Ceftriaxone. Durante questo periodo, si nota la concentrazione massima del componente attivo del farmaco nel latte. Un'alimentazione dovrebbe essere eseguita con una miscela e il latte risultante dovrebbe essere espresso. Inoltre, è consentito nutrire il bambino nel solito modo;
  • Osserva attentamente le feci e l'appetito del bambino. Nonostante il fatto che il principio attivo di Ceftriaxone si disintegri dopo poche ore e diventi inattivo, i bambini sensibili al farmaco possono sviluppare disturbi gastrici. Se sei ipersensibile al farmaco, dovresti consultare il tuo pediatra sulla scelta della formula per l'alimentazione artificiale durante il trattamento della madre.

Il trattamento con Ceftriaxone viene effettuato sotto la supervisione di un medico e il corso dell'antibiotico non deve superare i 7-10 giorni. Durante l'allattamento al seno o il passaggio temporaneo all'alimentazione artificiale, decidono i pediatri.

Va ricordato che il ceftriaxone, come altri agenti antibatterici, interrompe la microflora intestinale e influisce negativamente sulla digestione del bambino, pertanto a una madre che allatta è vietato il trattamento con un antibiotico senza prescrizione medica..

Trovato un bug? Selezionalo e premi Ctrl + Invio

Ceftriaxone durante l'allattamento. Ceftriaxone durante l'allattamento al seno reazione del bambino

La Mureina è utilizzata come principale ingrediente attivo di Ceftriaxone. È prodotto da una cellula batterica. Dopo Ceftriaxone, è possibile uccidere un gran numero di batteri dannosi per il corpo della madre.

Tuttavia, alcune cellule dannose hanno già sviluppato un'immunità contro di essa. In questo caso, la terapia non sarà coronata dall'effetto tanto atteso..

Le madri che allattano devono sottoporsi a uno speciale test di sensibilità prima di utilizzare il farmaco..

Ceftriaxone è un antibiotico usato per uccidere cellule batteriche e microrganismi dannosi. È importante utilizzare il rimedio solo se questo tipo di infezione non ha sviluppato l'immunità.

Dopo l'iniezione, puoi nutrire il bambino solo dopo sette ore.

Si consiglia di utilizzare il farmaco nei seguenti casi:

  • Un forte processo infiammatorio nel tratto gastrointestinale, che si è già trasformato in peritonite.
  • Precedentemente diagnosticato con polmonite o ascesso polmonare.
  • Infezioni di tessuti molli, singole ossa o articolazioni.
  • Meningite.
  • Processo infiammatorio nella pelvi renale (pielonefrite).
  • Gonorrea.
  • Nel corpo c'è un'infezione di singoli organi da microbi (sepsi).
  • Ustioni e ferite infettive.

Inoltre, va notato che il farmaco può essere utilizzato per la profilassi durante l'alimentazione. Una donna dovrebbe capire che il suo uso è consigliabile solo se prescritto da un medico. L'automedicazione in questa materia non è consentita.

Il farmaco può essere utilizzato solo in ambiente ospedaliero. Durante il corso, dovresti inoltre monitorare lo stato del fegato, dei reni e del sangue. Se il farmaco viene somministrato a persone in età avanzata, il corso deve essere integrato con una quantità sufficiente di vitamina K..

Caratteristiche dell'uso del farmaco durante il periodo dell'epatite B.

Gli antibiotici si dissolvono completamente nel corpo umano entro diciassette ore. È fortemente sconsigliato nutrire il bambino con il latte materno durante questo periodo. Una volta terminato questo periodo, l'allattamento può essere completamente ripristinato. Se necessario, una donna può contattare uno specialista in questa materia, che aiuterà a stabilire il processo in breve tempo..

Va notato che in questo settore sono stati effettuati numerosi test. Di conseguenza, non è stato rivelato alcun effetto negativo e impatto sul bambino. Ecco perché, secondo molti esperti, è consentito combinare la ricezione di Ceftriaxone e l'allattamento al seno. Il latte materno può essere sostituito con la formula solo se la donna vuole andare sul sicuro..

È importante sapere che la quantità massima di sostanza nel sangue cade entro 2,5 ore dall'iniezione. È durante questo periodo che i medici raccomandano di astenersi dall'allattamento al seno. Successivamente, la quantità di antibiotico inizia a diminuire drasticamente..

Il farmaco, dopo la penetrazione nel latte, non supera il 4,2% della sua quantità totale. Questo rapporto non può influire negativamente sul bambino e sulla formazione del suo corpo. Si raccomanda alla mamma di aderire esattamente al dosaggio determinato dal medico.

La dose e la frequenza delle iniezioni sono determinate dal medico.

È stato scientificamente determinato che la quantità sicura del farmaco è di uno o due grammi al giorno..

Se è stata presa la decisione di combinare l'allattamento e il trattamento antibiotico, la donna dovrebbe monitorare attentamente le condizioni generali e il benessere del bambino. Gli effetti collaterali includono coliche, allergie e diatesi. Sfortunatamente, ci sono stati casi di grave intossicazione alimentare. Se una tale reazione si manifesta, si consiglia di rifiutarsi immediatamente di prendere.

I genitori dovrebbero prima di tutto prestare attenzione alle feci del bambino. La diarrea è una delle frequenti conseguenze che si registrano durante l'assunzione di Ceftriaxone.

Uso nella prevenzione delle infezioni in pazienti con cirrosi epatica

I pazienti che soffrono di cirrosi epatica spesso sviluppano varie infezioni. A questo proposito, è molto importante scegliere il farmaco giusto per il trattamento. Studi su una serie di farmaci, tra cui Ceftriaxone, sono stati condotti da medici spagnoli.

A tale scopo, in quattro cliniche sono stati osservati centoundici pazienti con cirrosi, ulteriormente complicata da emorragie gastriche e infezioni microbiche. Di queste persone, due terzi erano rappresentanti del sesso più forte all'età di cinquantotto anni..

Nella maggior parte di loro, la patologia era causata dall'abuso cronico di alcol..

Il quarantotto per cento dei soggetti ha sofferto della malattia nel secondo grado e il resto nel terzo. Inoltre, c'erano molti tutti i tipi di complicazioni come esaurimento, ascite, insufficienza renale e epatica..

Durante la terapia, la presenza di contaminazione microbica è stata rilevata nell'11% dei pazienti, che è tre volte inferiore a quella senza l'uso di Ceftriaxone. La peritonite, insieme alla batteriemia spontanea, si è sviluppata nel due per cento delle persone, contro dodici che non hanno assunto questo farmaco.

I batteri Gram-negativi sono stati trovati in una sola persona che ha usato Ceftriaxone e in altri sette pazienti che hanno usato altri farmaci.

Pertanto, l'uso di "Ceftriaxone" è molto più efficace nel prevenire alcune infezioni batteriche durante operazioni associate a cirrosi epatica..

Inoltre, i medici spagnoli raccomandano l'uso endovenoso di questo farmaco in caso di scarsa funzionalità epatica, sanguinamento gastrico o encefalopatia..

Nonostante il risultato positivo, gli scienziati raccomandano di condurre tali studi in diversi paesi, poiché ci sono alcune differenze nei tipi di microbi patogeni.

Le istruzioni per l'uso dell'antibiotico "Ceftriaxone" iniezioni non finiscono qui.

Dosaggio e somministrazione del farmaco

Molto spesso, i medici prescrivono un volume che può essere somministrato durante l'allattamento. Durante il giorno non dovrebbe superare i due grammi. Per ottenere il massimo effetto, si consiglia di iniettare 0,5-1 grammi ogni dodici ore..

Gli esperti consigliano di utilizzare la prima opzione. Altrimenti, non sarà consentito nutrire il bambino per diciassette ore di seguito durante il giorno. È durante questo periodo che gli antibiotici possono dissolversi completamente. Inoltre, va notato che è consentito iniettare solo la soluzione che è stata appena preparata.

Nell'articolo scopriremo se il "Ceftriaxone" è consentito per l'allattamento al seno.

La combinazione di farmaci e allattamento al seno è un problema che preoccupa molte donne dopo il parto. La ricerca medica internazionale mostra che alcuni farmaci, in particolare gli antibiotici, sono vietati per l'uso simultaneo con l'allattamento al seno.

Ceftriaxone è un antibiotico di terza generazione con un ampio spettro di azione. Viene utilizzato nel trattamento di malattie respiratorie e infezioni batteriche. Disponibile in polvere per preparare una soluzione da somministrare per via endovenosa o intramuscolare.

Molte persone si chiedono se Ceftriaxone possa essere usato con l'allattamento al seno.

Controindicazioni

Prima di diluire Ceftriaxone e utilizzarlo per la somministrazione intramuscolare, è necessario studiare attentamente le controindicazioni esistenti. Divieto assoluto - allergia ai farmaci.

Inoltre, il medicinale non è prescritto nei primi mesi di gravidanza e per le madri che allattano..

Il farmaco può essere prescritto per la disfunzione epatica o renale, ma non può essere utilizzato per l'insufficienza combinata di entrambi gli organi.

Il rimedio può essere prescritto per la disfunzione epatica o renale, ma non insieme per l'insufficienza di entrambi gli organi

L'antibiotico non è approvato per i bambini prematuri di età inferiore a quarantuno settimane.

Per quanto riguarda i neonati, il ceftriaxone è consentito dai primi giorni, ma nelle prime due settimane può essere prescritto solo per motivi di salute, poiché il farmaco può provocare lo sviluppo di ittero nucleare.

Sullo sfondo della terapia antibiotica, è vietato iniettare per via endovenosa soluzioni contenenti calcio. Tra le relative controindicazioni si possono notare malattie del sangue che influenzano la sua coagulabilità, gravidanza dopo il primo trimestre, allattamento.

Ceftriaxone per le madri che allattano

Ceftriaxone per le madri che allattano

(8,33 su 10) Caricamento in corso...

CEFTRIAXONE è un antibiotico appartenente alla terza generazione di cefalosporine. Ha un ampio spettro d'azione ed è spesso utilizzato nel trattamento dei neonati. Disponibile in compresse, fiale (per preparazioni iniettabili).

Ceftriaxone è compatibile con l'allattamento al seno, sebbene il bambino dovrebbe essere tenuto sotto controllo per feci molli.

Nelle istruzioni standard per il farmaco, si raccomanda di interrompere HB quando si prescrive questo antibiotico. Tuttavia, come nella maggior parte dei casi con gli antibiotici, questo è confutato nella directory internazionale di compatibilità dei farmaci e dell'epatite B..

Quanto ceftriaxone viene escreto dal latte materno?

  • L'emivita del ceftriaxone nel latte materno è di 12-17 ore (più lunga del plasma materno), tuttavia non sono stati riscontrati effetti avversi nei bambini.
  • Massima concentrazione nel sangue - dopo 60 minuti.
  • Solo il 4,2% della dose materna passa nel latte materno.
  • Una dose sicura di ceftriaxone per una madre che allatta è di 1000-2000 mg 2 volte al giorno.

Come ogni antibiotico, il ceftriaxone ha effetti collaterali e precauzioni. Non utilizzare antibiotici durante il trattamento senza consultare il medico! Tuttavia, se il medico insiste per interrompere l'allattamento a causa del trattamento, prova a cercare un altro specialista..

come capire se il medico è contrario all'allattamento al seno.

Vedi anche: altri medicinali per l'epatite B..

Fonti:
1. Hale T. Medications and Mother's Milk, 2010

  • Sinonimi:
    una madre che allatta può bere ceftriaxone
    il medico ha prescritto l'antibiotico ceftriaxone durante l'allattamento
    compatibilità di ceftriaxone e allattamento
  • Ceftriaxone - istruzioni per HB
  • Gruppo di farmaci:
    antibiotici.

Care donne! Non prendere antibiotici da solo se hai dolori al petto o qualsiasi altro problema. Oggi, le visite di mammologo sono disponibili non solo nella tua città, ma anche online (ad esempio, consulta il portale DocDoc.ru per la ricerca di medici). Il trattamento antibiotico incontrollato può portare a nuovi problemi...

Ceftriaxone durante l'allattamento. Ceftriaxone per l'allattamento al seno

Assunzione di farmaci durante l'allattamento. Allattamento al seno durante la malattia

Tali sostanze sono chiamate lipofile (amante dei grassi). Quelle molecole che trasportano una carica elettrica totale o parziale non si dissolvono nei grassi; sono chiamati lipofobici o idrofili (odiano il grasso o amano l'acqua).

Medicinali per l'allattamento al seno Gli anestetici (etere, fluorotano, ciclopropano), alcoli, compreso l'alcol etilico e gli oli di fusoliera hanno proprietà lipofile. Ci sono molte sostanze non cariche e, quindi, altamente liposolubili tra le vitamine. Le vitamine F, A, D, E, K penetrano facilmente nel latte e questo crea una difficoltà speciale.

Da un lato, le vitamine A e D sono richieste da una madre che allatta, ma dall'altro rappresentano un pericolo per il bambino, poiché ne ha bisogno in quantità minori e al minimo sovradosaggio...

La nutrizione per una madre che allatta dovrebbe essere completa e varia.

L'articolo è molto utile, personalmente, essendo arrivato dall'ospedale, non sapevo cosa per cosa. E ora ho un'idea di come mangiare.

Per Tanki: capisco molto. Con il mio bambino, questo ha già superato il palco. Puoi mangiare carne di manzo, maiale, tacchino in umido o cotto al forno, coniglio (le gambe sono particolarmente gustose) con verdure: cavoli, patate, zucchine. Non eravamo allergici al fegato.

Puoi mangiare gnocchi fatti in casa (se hai tempo di cucinarli), gnocchi con patate e ricotta, pasta o riso con purea di carne di bambino (tempo di cottura - 5 minuti!), Succhi di frutta, purea di frutta per bambini, mele e pere al forno (tutto.

proprietà), uova di quaglia, tutti i tipi di prodotti a base di latte fermentato 0,1% di grassi. Altro pane nero, formaggio, burro. Biscotti "Maria", cracker, essiccazione del tè. Tè - senza additivi aromatici Fruttosio invece di zucchero. Bacche: mirtilli, uva spina, prugne, ciliegie. Non c'era nemmeno allergia ai pancake al kefir..

Ci siamo seduti su questa dieta per sei mesi, con l'introduzione di alimenti complementari è diventato subito molto più facile. Adesso mangio quasi tutto. Buon appetito e una pronta guarigione!

12/15/2008 02:23:38 AM, la mamma è allergica

Il latte materno da un lato favorisce la colonizzazione del tratto gastrointestinale del bambino con microrganismi benefici e, dall'altro, impedisce la crescita di batteri patogeni..

Pertanto, i bambini che allattano hanno meno probabilità di ammalarsi non solo intestinali, ma anche infezioni respiratorie acute..

L'allattamento al seno ha un effetto benefico sullo stato psicologico e sulla salute della madre, previene la mastite e riduce il rischio di sviluppare il cancro al seno e alle ovaie. Ricordiamoci che stiamo parlando del latte normale di una donna sana..

Ma nei casi in cui si trovano microbi nel latte materno, il medico deve decidere se è possibile continuare l'allattamento al seno. Tra i batteri che possono essere presenti nel latte materno ci sono anche quelli innocui (enterococchi, stafilococco epidermico in piccole quantità...

Stavo allattando il mio primo figlio, alla fine ha preso da me Staffylococcus aureus e per diversi anni ci sono stati problemi di digestione e allergie.

Durante l'allattamento al seno il secondo figlio, ho passato il latte per la sterilità, ho identificato lo stesso Staffylococcus aureus, ho cercato di trattare il bambino e se stessa allo stesso tempo, pur continuando a nutrirsi, di conseguenza, il bambino aveva feci verdi e un pianto dopo l'allattamento...

Ho rinunciato a questa alimentazione, sono passato alla nutrizione artificiale, ora siamo trattati separatamente, il bambino non è irrequieto dopo il pasto, le feci sono gialle, mollicce e vengo trattato al meglio, perché. questa infezione è molto difficile da trattare. Conclusione: due bambini ed entrambi con disbiosi decente.

13/08/2008 10:21:25, Olga

Lo staffylococcus aureus non è pericoloso per un bambino sano che ha già 1,5 mesi. E non puoi bere nulla, se, ovviamente, non ci sono malattie acute..

Ceftriaxone per l'epatite B: indicazioni ed effetti collaterali da utilizzo durante l'allattamento

Se combinare o meno l'allattamento al seno con i farmaci, questa domanda preoccupa le madri che allattano. Secondo la ricerca medica internazionale, la maggior parte dei farmaci, in particolare gli antibiotici, sono incompatibili con l'allattamento..

Questo articolo si concentrerà su Ceftriaxone, un farmaco ad ampio spettro. Scoprirai quali sono le indicazioni per l'uso, chi non dovrebbe prenderlo e quali sono i possibili effetti collaterali.

Indicazioni per l'uso

Ceftriaxone è un antibiotico di terza generazione usato per trattare:

  • infezioni batteriche;
  • organi respiratori;
  • ossa e articolazioni;
  • sistema genito-urinario;
  • con immunità indebolita;
  • tifo;
  • endocardite;
  • ferite infette e ustioni.

Inoltre, il farmaco è prescritto per la prevenzione delle infezioni nel periodo postoperatorio..

Importante! Durante il trattamento con Ceftriaxone, è necessario assumere prebiotici per normalizzare la microflora nell'intestino. In questo modo sarà possibile evitare alcune spiacevoli conseguenze, perché l'antibiotico uccide non solo i batteri "cattivi", ma anche necessari affinché una persona digerisca il cibo.

Il principale ingrediente attivo combatte la mureina, è prodotta da una cellula batterica. Tuttavia, alcuni batteri sono resistenti all'antibiotico, quindi è necessario eseguire un test di suscettibilità affinché il trattamento abbia successo..

Molto spesso, Ceftriaxone viene prescritto solo per il ricovero ospedaliero. Il trattamento a lungo termine richiede il monitoraggio delle condizioni dei reni, del fegato e del sangue.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Quando si prende un antibiotico, sono possibili i seguenti effetti collaterali:

  1. stomatite;
  2. anemia;
  3. vomito e nausea;
  4. mal di testa, vertigini;
  5. una reazione allergica sotto forma di febbre, eruzione cutanea, edema, prurito, orticaria);
  6. crampi addominali;
  7. diarrea;
  8. leucopenia;
  9. violazione del gusto;
  10. mancanza di respiro e tachicardia.

Nota! Ceftriaxone non deve essere assunto da una madre che allatta se il bambino ha iperbilirubinemia, poiché il farmaco si lega all'albumina e sposta la bilirubina, necessaria per combattere la malattia.

Se si verificano effetti collaterali, è necessario consultare un medico in modo che aggiusti la dose o annulli completamente il farmaco, poiché la cattiva salute della madre influirà sicuramente sulla salute del bambino.

Le controindicazioni includono una maggiore sensibilità al farmaco, insufficienza renale o epatica, colite, mancanza di vitamina K o problemi con la sua sintesi..

Le istruzioni per l'uso del farmaco scrivono che l'allattamento al seno dovrebbe essere interrotto. L'emivita di un antibiotico nel latte materno è di circa 17 ore, quindi quando si assume questo farmaco, l'allattamento deve essere sospeso, che può essere ripristinato dopo l'interruzione del trattamento.

La concentrazione massima nel sangue (se somministrata per via intramuscolare) viene raggiunta dopo 2,5 ore. Se il farmaco viene somministrato per via endovenosa, il farmaco agisce più velocemente - in un'ora. Ciò significa che non puoi nutrire il bambino durante il tempo specificato. Nella composizione del latte materno, la percentuale di antibiotico è del 4,2%.

Raccomandazioni

Se il medico ha consentito di assumere il farmaco durante l'allattamento, è necessario monitorare attentamente le condizioni del bambino, poiché potrebbe manifestarsi:

  • allergia;
  • mal di stomaco, feci.

Se si riscontrano questi sintomi, il farmaco deve essere sospeso..

Raccomandazione. L'opzione migliore è nutrire il bambino prima di prendere l'antibiotico. Sarà anche consigliabile in questo caso decantare prima di assumere il farmaco..

Il dosaggio per gli adulti non differisce da quello consentito per HV: 1-2 g 1 volta al giorno o 0,5-1 g ogni 12 ore. Va ricordato che non è possibile auto-medicare, annullare il farmaco da soli e aumentare la durata del trattamento.

Per una donna che allatta, il primo regime di Ceftriaxone è adatto, poiché con una singola dose è possibile attendere 17 ore. Come accennato in precedenza, questo è esattamente il tempo necessario affinché l'antibiotico venga eliminato dal corpo..

Il farmaco viene prodotto sotto forma di polvere che, una volta preparata, viene somministrata per via endovenosa o intramuscolare. Per la somministrazione, deve essere utilizzata solo una soluzione appena preparata, non può essere conservata.

A volte con la somministrazione endovenosa, si verificano flebite, dolore lungo la vena e con la somministrazione intramuscolare, dolore al sito di iniezione.

Conclusione

Quindi, alcune malattie richiedono un trattamento urgente. Per una donna durante l'allattamento, l'uso di antibiotici è controindicato, ma ci sono delle eccezioni. Se a una madre che allatta è stato prescritto Ceftriaxone, deve osservare il dosaggio, monitorare le condizioni del bambino dopo l'alimentazione e il suo benessere.

Ceftriaxone durante l'allattamento: indicazioni, controindicazioni, reazione del bambino, recensioni

Nell'articolo scopriremo se il "Ceftriaxone" è consentito per l'allattamento al seno.

La combinazione di farmaci e allattamento al seno è un problema che preoccupa molte donne dopo il parto. La ricerca medica internazionale mostra che alcuni farmaci, in particolare gli antibiotici, sono vietati per l'uso simultaneo con l'allattamento al seno.

"Ceftriaxone" è un antibiotico di terza generazione con un ampio spettro di azione. Viene utilizzato nel trattamento di malattie respiratorie e infezioni batteriche. Disponibile in polvere per preparare una soluzione da somministrare per via endovenosa o intramuscolare.

Molte persone si chiedono se Ceftriaxone possa essere usato con l'allattamento al seno.

Azione farmacologica

Il principale ingrediente attivo del farmaco è la mureina, che è prodotta dalla cellula batterica. Grazie a "Ceftriaxone" puoi uccidere molti batteri nocivi che sono distruttivi per il corpo di una donna.

Ma alcune cellule patogene hanno già sviluppato l'immunità contro di essa. In questo caso, la terapia non sarà coronata dal successo tanto atteso..

Le madri che allattano devono sottoporsi a un test speciale per determinare la sensibilità prima di usare il farmaco.

Il farmaco è un antibiotico utilizzato per distruggere microrganismi patogeni e cellule batteriche. È importante utilizzare il rimedio solo in una situazione in cui questo agente patogeno infettivo non ha sviluppato l'immunità contro di esso.

Quindi, è possibile prescrivere "Ceftriaxone" durante l'allattamento?

Indicazioni per l'uso

Si consiglia di utilizzare il farmaco nelle seguenti situazioni:

  • Un forte processo di infiammazione nel tratto gastrointestinale, che si è sviluppato in peritonite.
  • Ascesso polmonare o polmonite diagnosticati in precedenza.
  • Infiammazione infettiva delle articolazioni, delle singole ossa o dei tessuti molli.
  • Meningite.
  • Il processo di infiammazione nella pelvi renale (pielonefrite).
  • Osservazione dell'infezione microbica di alcuni organi del corpo (sepsi).
  • Gonorrea.
  • Ferite infettive e ustioni.

Al fine di prevenire

Inoltre, va detto che il farmaco durante l'allattamento è consentito a scopo profilattico. Una donna dovrebbe essere consapevole che il suo utilizzo è consigliabile solo per un appuntamento medico. In questa materia, l'automedicazione è severamente vietata..

Il farmaco può essere utilizzato solo in condizioni stazionarie. Durante il trattamento, è inoltre necessario monitorare lo stato del sangue, dei reni e del fegato. Se il medicinale viene somministrato agli anziani, il corso deve essere integrato con un contenuto sufficiente di vitamina K..

Effetti collaterali e controindicazioni

Il farmaco "Ceftriaxone" può causare una serie di effetti collaterali: reazione allergica (gonfiore, prurito, orticaria, febbre, eruzione cutanea); vertigini e mal di testa; nausea; crampi addominali; vomito; diarrea; infiammazione della mucosa orale (stomatite); disturbi del gusto; mancanza di respiro e tachicardia; abbassamento della pressione sanguigna; leucopenia; anemia.

Il farmaco è vietato per l'uso in pazienti con alta sensibilità, con insufficienza epatica o renale, colite. Gli antibiotici non sono raccomandati per le donne incinte.

"Ceftriaxone" per l'allattamento al seno

Nel latte materno, l'emivita dei farmaci antibiotici dura circa 17 ore, pertanto si consiglia di interrompere l'allattamento quando si utilizzano questi tipi di farmaci. Ma dopo la fine del trattamento, l'allattamento viene restituito.

Tuttavia, durante l'allattamento, le iniezioni di Ceftriaxone non causano conseguenze negative. La maggior parte degli esperti ritiene che il farmaco possa essere combinato con l'allattamento, salvo precauzioni, oltre a sostituire alcune poppate con formule artificiali.

Nel sangue, la concentrazione massima con iniezione intramuscolare è di 2,5 ore, con iniezione endovenosa - circa un'ora dopo la procedura. Ciò significa che durante questo periodo, il bambino non deve essere nutrito con latte materno. Il modo migliore è nutrire il bambino prima di usare l'antibiotico..

Il dosaggio di "Ceftriaxone" che entra nel latte durante l'allattamento è solo il 4,2% della composizione totale del latte materno. Una dose così piccola non può influire negativamente sul bambino, soggetto a tutte le norme.

Una quantità sicura è di 1-2 grammi del farmaco due volte al giorno. Con il permesso del medico per allattare al seno ed essere trattato con un antibiotico, è necessario analizzare attentamente il benessere del bambino.

Il bambino può avere disturbi allo stomaco e coliche, una reazione allergica e, peggio ancora, avvelenamento. Tali conseguenze richiedono l'interruzione del trattamento. È importante controllare le feci del tuo bambino.

In un bambino, la diarrea durante l'allattamento può essere scatenata da questo particolare medicinale..

Nei libri di consultazione farmacologica scrivono che "Ceftriaxone" è un farmaco che non è compatibile con l'allattamento, ma i medici la pensano diversamente:

  • il latte materno è l'alimento più adatto al bambino;
  • durante l'alimentazione, è vietato iniettare Ceftriaxone nelle seguenti situazioni: se una donna ha bisogno di più di un grammo di farmaco al giorno per curare una donna; quando si osservano i problemi digestivi di un bambino (diarrea, coliche, costipazione o rigurgito frequente).

Qual è la reazione del bambino a Ceftriaxone durante l'allattamento?

Il farmaco molto raramente provoca reazioni collaterali e viene utilizzato nel trattamento delle infezioni nei neonati, tuttavia, in alcuni casi, quando viene assunto, si notano: orticaria, diarrea, respiro accelerato, dolore addominale, tachicardia, vomito o nausea, mal di testa.

Nel sangue del paziente, leucociti e gli eritrociti non rientrano nel range normale. Nei casi più gravi, si può sviluppare edema di Quincke, una complicanza pericolosa per la vita quando i tessuti edematosi interferiscono con la respirazione pizzicando la laringe.

Se l'iniezione di "Ceftriaxone" viene somministrata a una madre che allatta, il bambino non presenta violazioni dei sistemi cardiovascolare e respiratorio.

Quando le donne sono trattate con un antibiotico, un bambino può manifestare: scarso appetito, rigurgito o vomito frequenti, diarrea, coliche intestinali, disturbi del sonno e ansia.

Quando Ceftriaxone viene prescritto per l'HB, è necessario monitorare attentamente le condizioni del bambino. L'allattamento al seno dovrebbe essere interrotto con ansia, capricci frequenti, scarso appetito e feci molli in un bambino. Nella maggior parte dei casi, le condizioni del bambino peggiorano a causa dell'assunzione del farmaco da parte della donna e i sintomi indesiderati scompaiono dopo il passaggio all'alimentazione artificiale, con miscele.

Dosaggio

Per i pazienti adulti, il dosaggio usuale non supera il limite per l'allattamento al seno. Ricezione in una quantità da uno a due grammi al giorno o 0,5-1 grammi del farmaco ogni dodici ore.

Se una donna allatta al seno, la prima opzione è l'ideale. Poiché l'assunzione del medicinale una volta al giorno consentirà di saltare più di diciassette ore tra le procedure. In precedenza era stato indicato il tempo necessario per l'emivita dell'antibiotico. Per la somministrazione, viene utilizzata esclusivamente una soluzione appena preparata.

Recensioni

Dalle recensioni su "Ceftriaxone" durante l'allattamento, si può capire che non tutti gli antibiotici sono proibiti durante questo periodo. Questi farmaci includono Ceftriaxone. La cosa più difficile è con i bambini fino a sei mesi, poiché le poppate frequenti sono molto più facili in età avanzata.

Il bambino viene solitamente prescritto parallelamente al trattamento della madre "Evitalia" e "Linex" (batteri) per evitare disturbi intestinali.

Quindi "Ceftriaxone" può essere utilizzato con l'allattamento al seno, l'importante è seguire tutte le raccomandazioni.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Segni, diagnosi e trattamento della micoplasmosi

Nutrizione

Fatti del micoplasmaI micoplasmi sono i microrganismi più semplici che non hanno un nucleo e sono in grado di auto-riprodursi. Appartengono al regno Procariotae, classe Mollicutes, famiglia Mycoplasmataceal.

Gravidanza per settimana: dal concepimento al parto

Parto

Vi parleremo in dettaglio di cosa vi aspetterà dall'inizio della nascita di una nuova vita fino alla nascita stessa..La gravidanza è un momento speciale che cambia la prospettiva della futura mamma, i suoi valori e le sue priorità.

Cause e trattamento dell'incontinenza urinaria nelle donne dopo il parto

Concezione

Circa il 40% delle donne che hanno partorito ha familiarità con un problema come l'incontinenza urinaria dopo il parto. La minzione involontaria è una sorta di complicazione dopo il parto e con ogni nascita successiva aumenta il rischio di questa patologia.

Posso bere il caffè durante l'allattamento?

Parto

Yulia Vern 114120 0Quanto è dannoso bere caffè durante l'allattamento, puoi permetterti diverse tazze al giorno e in che modo la bevanda tonica ubriaca influirà sul bambino e sull'allattamento in generale?