Principale / Parto

Farmaci per il trattamento dell'asma bronchiale durante la gravidanza

L'asma si verifica nel 4-8% delle donne in gravidanza. Con l'inizio della gravidanza, circa un terzo delle pazienti manifesta un miglioramento dei sintomi, un terzo peggioramento (più spesso da 24 a 36 settimane) e in un altro terzo la gravità dei sintomi rimane invariata.

Le esacerbazioni dell'asma durante la gravidanza compromettono significativamente l'ossigenazione fetale. L'asma grave e non controllata è associata alla comparsa di complicanze sia nelle donne (preeclampsia, sanguinamento vaginale, travaglio complicato) che nei neonati (aumento della mortalità perinatale, ritardo della crescita intrauterina, parto prematuro, ridotto peso alla nascita, ipossia nel periodo neonatale). Al contrario, nelle donne con asma controllata, che ricevono una terapia adeguata, il rischio di complicanze è minimo. Prima di tutto, nelle donne in gravidanza con asma, è importante valutare la gravità dei sintomi..

La gestione delle pazienti in gravidanza con asma bronchiale comprende:

  • monitoraggio della funzione polmonare;
  • limitare i fattori che causano convulsioni;
  • educazione del paziente;
  • selezione della farmacoterapia individuale.

Nei pazienti con asma bronchiale persistente, devono essere monitorati indicatori come la velocità di flusso espiratorio di picco - PSV (dovrebbe essere almeno il 70% del massimo), il volume espiratorio forzato (FEV), regolarmente spirometria.

La terapia graduale viene selezionata tenendo conto delle condizioni del paziente (viene selezionata la dose minima efficace di farmaci). Nei pazienti con asma grave, oltre alle misure di cui sopra, deve essere eseguita costantemente un'ecografia per monitorare le condizioni del bambino.

Indipendentemente dalla gravità dei sintomi, il principio più importante per la gestione delle pazienti in gravidanza con asma bronchiale è limitare l'impatto dei fattori che causano gli attacchi; con questo approccio è possibile ridurre la necessità di farmaci.

Se il decorso dell'asma non può essere controllato con metodi conservativi, è necessario prescrivere farmaci anti-asma. La tabella 2 fornisce informazioni sulla loro sicurezza (categorie di sicurezza secondo la classificazione FDA).

Beta agonisti a breve durata d'azione

Per il sollievo delle crisi, è preferibile l'uso di agonisti beta-adrenergici selettivi. Il salbutamolo, il più comunemente usato a questo scopo, è la categoria C della FDA.

In particolare, il salbutamolo può causare tachicardia, iperglicemia nella madre e nel feto; ipotensione, edema polmonare, ristagno nella circolazione sistemica nella madre. L'uso di questo farmaco durante la gravidanza può anche causare disturbi circolatori retinici e retinopatia nei neonati..

La terapia di base a lungo termine può essere prescritta alle donne in gravidanza con asma intermittente che necessitano di assumere beta-agonisti a breve durata d'azione più di 2 volte a settimana. Allo stesso modo, i farmaci di base possono essere prescritti a donne in gravidanza con asma persistente quando la necessità di beta-agonisti a breve durata d'azione si verifica da 2 a 4 volte a settimana..

Beta agonisti a lunga durata d'azione

Per l'asma grave persistente, il gruppo di lavoro sull'asma e la gravidanza raccomanda una combinazione di beta-agonisti a lunga durata d'azione e glucocorticoidi inalatori come farmaco di scelta.

L'uso della stessa terapia è possibile in caso di asma moderata persistente. In questo caso, il salmaterolo è preferibile al formoterolo a causa della più lunga esperienza con il suo utilizzo; questo farmaco è il più studiato tra gli analoghi.

La categoria di sicurezza FDA per salmeterolo e formoterolo è C.È controindicato (soprattutto nel primo trimestre) l'uso di adrenalina e farmaci contenenti agonisti alfa-adrenergici (efedrina, pseudoefedrina) per alleviare gli attacchi di asma bronchiale, sebbene appartengano tutti alla categoria C.

Ad esempio, l'uso della pseudoefedrina durante la gravidanza è associato ad un aumentato rischio di gastroschisi nel feto..

Glucocorticoidi per via inalatoria

I glucocorticoidi per via inalatoria sono il gruppo di scelta per le donne incinte con asma che richiedono una terapia di base. Questi farmaci hanno dimostrato di migliorare la funzione polmonare e ridurre il rischio di peggioramento dei sintomi. Allo stesso tempo, l'uso di glucocorticoidi inalatori non è associato alla comparsa di anomalie congenite nei neonati..

Il farmaco di scelta è il budesonide - è l'unico farmaco in questo gruppo che appartiene alla categoria di sicurezza B secondo la classificazione FDA, che è dovuto al fatto che (sotto forma di inalazione e spray nasale) è stato studiato in studi prospettici.

L'analisi dei dati di tre registri che coprivano il 99% delle gravidanze in Svezia dal 1995 al 2001 ha confermato che la budesonide inalata non era associata ad alcuna anomalia congenita. Allo stesso tempo, l'uso di budesonide è associato a parto pretermine e riduzione del peso alla nascita..

Tutti gli altri glucocorticoidi per via inalatoria usati per trattare l'asma appartengono alla categoria C.Tuttavia, non ci sono prove che possano essere pericolosi durante la gravidanza..

Se il decorso dell'asma bronchiale è controllato con successo con l'aiuto di qualsiasi glucocorticoide inalato, non è consigliabile cambiare terapia durante la gravidanza.

Glucocorticosteroidi per uso sistemico

Tutti i glucocorticoidi orali sono classificati come categoria C dalla FDA. Il gruppo di studio sull'asma in gravidanza raccomanda l'aggiunta di glucocorticoidi orali a glucocorticoidi per via inalatoria ad alte dosi in donne in gravidanza con asma grave persistente non controllata.

Se è necessario utilizzare farmaci di questo gruppo in donne in gravidanza, il triamcinolone non deve essere prescritto a causa dell'alto rischio di sviluppare miopatia nel feto. Anche i farmaci a lunga durata d'azione come il desametasone e il betametasone (entrambe le categorie C della FDA) non sono raccomandati. La preferenza dovrebbe essere data al prednisolone, la cui concentrazione diminuisce di oltre 8 volte quando passa attraverso la placenta.

In un recente studio, è stato dimostrato che l'uso di glucocorticoidi orali (soprattutto all'inizio della gravidanza), indipendentemente dal farmaco, aumenta leggermente il rischio di palatoschisi nei bambini (dello 0,2-0,3%).

Altre possibili complicazioni associate all'assunzione di glucocorticoidi durante la gravidanza includono preeclampsia, parto pretermine, basso peso alla nascita.

Preparati di teofillina

Secondo le raccomandazioni del gruppo di studio sull'asma in gravidanza, la teofillina alle dosi raccomandate (concentrazione sierica 5-12 μg / ml) è un'alternativa ai glucocorticoidi per via inalatoria in pazienti in gravidanza con asma lieve persistente. Può anche essere aggiunto ai glucocorticoidi nel trattamento dell'asma persistente da moderato a grave..

Tenendo conto della significativa diminuzione della clearance della teofillina nel terzo trimestre, è ottimale studiare la concentrazione di teofillina nel sangue. Va inoltre tenuto presente che la teofillina passa liberamente attraverso la placenta, la sua concentrazione nel sangue fetale è paragonabile a quella della madre, quando viene utilizzata ad alte dosi poco prima del parto, un neonato può avere tachicardia e, con un uso prolungato, lo sviluppo della sindrome da astinenza.

È stato suggerito (ma non dimostrato) che l'uso di teofillina durante la gravidanza sia associato a preeclampsia e ad un aumento del rischio di parto pretermine.

Cromones

La sicurezza dei preparati di sodio cromoglicato nel trattamento dell'asma bronchiale lieve è stata dimostrata in due studi prospettici di coorte, il cui numero totale di cromoni era 318 su 1917 donne incinte esaminate.

Tuttavia, esistono dati limitati sulla sicurezza di questi farmaci in gravidanza. Sia il nedocromil che il cromoglicato sono classificati come categoria di sicurezza B dalla FDA. I cromoni non sono il gruppo di scelta nelle pazienti in gravidanza a causa della loro minore efficacia rispetto ai glucocorticoidi inalatori.

Bloccanti dei recettori dei leucotrieni

Le informazioni sulla sicurezza dei farmaci in questo gruppo durante la gravidanza sono limitate. Nel caso in cui una donna sia in grado di controllare l'asma con zafirlukast o montelukast, il gruppo di studio sull'asma in gravidanza non raccomanda di interrompere la terapia con questi farmaci all'inizio della gravidanza..

Sia zafirlukast che montelukast sono classificati come categoria di sicurezza B dalla FDA. Se assunto durante la gravidanza, non è stato osservato alcun aumento del numero di anomalie congenite. Sono stati riportati solo effetti epatotossici in donne in gravidanza con l'uso di zafirlukst.

Al contrario, l'inibitore della lipossigenasi zileuton negli esperimenti su animali (conigli) ha aumentato il rischio di palatoschisi del 2,5% se usato a dosi simili alla dose terapeutica massima. Zileuton è la categoria di sicurezza C della FDA.

Il gruppo per lo studio dell'asma in gravidanza consente l'uso di inibitori dei recettori dei leucotrieni (eccetto zileuton) a dosi terapeutiche minime nelle donne in gravidanza con asma lieve persistente e, in caso di asma moderata persistente, l'uso di farmaci di questo gruppo (eccetto zileuton) in combinazione con glucocorticoidi inalatori.

Per il miglior esito della gravidanza (sia per la madre che per il bambino), è essenziale un adeguato controllo dell'asma. Il medico curante deve informare il paziente sui possibili rischi associati all'uso di farmaci e sui rischi in assenza di farmacoterapia.

Asma bronchiale e gravidanza: caratteristiche dell'approccio

I principali obiettivi del trattamento dell'asma bronchiale (BA) nelle donne in gravidanza

  • normalizzazione della funzione della respirazione esterna (FVD),
  • prevenzione delle esacerbazioni della malattia,
  • sollievo dagli attacchi di asma bronchiale,
  • minimizzando gli effetti collaterali dei farmaci per l'AD.

L'adempimento di questi compiti è la chiave per un decorso favorevole della gravidanza e del parto..

La terapia BA nelle donne in gravidanza viene eseguita secondo le stesse regole al di fuori della gravidanza..

Principi di base della terapia BA nelle donne in gravidanza:

  • tenendo conto delle peculiarità del corso della gravidanza,
  • controllo del decorso della malattia sottostante,
  • selezione di una dose adeguata di farmaci a seconda della gravità della malattia di base,
  • valutazione dell'efficacia della terapia BA.

Il trattamento è determinato dalla gravità della malattia, dalla disponibilità di farmaci anti-asma e dalle condizioni di vita individuali, tuttavia è preferibile utilizzare la via inalatoria di somministrazione del farmaco.

I medicinali prescritti per l'asma bronchiale sono divisi in due grandi gruppi, a seconda dello scopo del loro utilizzo:

  • farmaci di base: forniscono un monitoraggio continuo quotidiano a lungo termine del decorso della malattia sottostante (glucocorticoidi sistemici e locali, metilxantine ad azione prolungata, cromoni, β2-agonisti a lunga durata d'azione, farmaci antileucotrieni);
  • farmaci sintomatici: eliminare rapidamente il broncospasmo ei sintomi che lo accompagnano (inalatori? 2-agonisti ad azione rapida, anticolinergici, metilxantine, glucocorticoidi sistemici).

Farmaci di scelta per la terapia dell'asma durante la gravidanza

Se è necessario prescrivere una terapia antinfiammatoria di base durante la gravidanza, devono essere preferiti i glucocorticoidi inalatori (budesonide). I glucocorticoidi sono anche ampiamente usati in ostetricia, come terapia standard per la prevenzione della sindrome da distress fetale nella minaccia di parto pretermine.

Durante la gravidanza, l'uso di un certo numero di 2-agonisti adrenergici è approvato: salbutamolo, terbutalina, fenoterolo. Gli anticolinergici utilizzati nel trattamento dell'asma bronchiale nelle donne in gravidanza includono l'ipratropio bromuro sotto forma di inalatore o un farmaco combinato "Ipratropio bromuro + fenoterolo". I farmaci di questi gruppi (? 2-adrenomimetici e anticolinergici) sono utilizzati nella pratica ostetrica per trattare la nascita prematura minacciata.

Le metilxantine (aminofillina, aminofillina) sono utilizzate anche nella pratica ostetrica per il trattamento della gestosi.

Cromoni (acido cromoglicico), utilizzati come farmaco di base per l'asma bronchiale lieve, per la loro scarsa efficacia, da un lato, e la necessità di ottenere un rapido effetto terapeutico, dall'altro (tenendo conto della presenza di gravidanza e del rischio di sviluppare o aumentare la gravità dell'insufficienza placentare cronica (PN) in condizioni di decorso instabile della malattia sottostante), hanno un uso limitato in gravidanza. Possono essere utilizzati solo in quei pazienti che hanno utilizzato questi farmaci con un effetto sufficiente prima della gravidanza, a condizione che durante la gravidanza venga mantenuto un decorso stabile della malattia sottostante..

La tattica di scegliere la terapia in presenza di esacerbazioni della malattia sottostante intermittente dipende dalla gravità. Come terapia sintomatica, vengono utilizzati? 2 -adrenomimetici ad azione rapida per via inalatoria. In caso di esacerbazioni gravi, tali pazienti devono essere trattati come pazienti con asma bronchiale persistente di gravità moderata.

Con l'asma persistente di grado lieve, è necessario l'uso quotidiano di farmaci terapeutici di base per controllare il decorso della malattia. Glucocorticoidi per via inalatoria - farmaci di prima linea (budesonide 200-400 mcg / giorno o 800 mcg / giorno o beclometasone> 1000 mcg / giorno o equivalente) in combinazione con l'inalazione (agonisti β2-adrenergici a lunga durata d'azione due volte al giorno. Un'alternativa ai β2-adrenomimetici per via inalatoria a lunga durata d'azione l'azione è una metilxantina orale? 2 -adrenomimetica oa lunga durata d'azione..

Dopo aver ottenuto il controllo sul decorso della malattia sottostante, è necessaria una terapia di mantenimento per almeno tre mesi, con una graduale diminuzione del volume della terapia, e quindi viene determinata la concentrazione minima efficace richiesta per controllare la malattia..

La tattica di scegliere la terapia in presenza di esacerbazioni della malattia sottostante intermittente dipende dalla gravità. Come terapia sintomatica, vengono utilizzati β 2 -adrenomimetici ad azione rapida per via inalatoria. In caso di esacerbazioni gravi, tali pazienti devono essere trattati come pazienti con asma bronchiale persistente di gravità moderata.

Influenza della terapia per l'asma bronchiale sulla gravidanza

L'esacerbazione dell'asma bronchiale durante la gravidanza è una condizione urgente che minaccia non solo la vita della donna incinta, ma anche lo sviluppo dell'ipossia fetale fino alla sua morte intrauterina. Il trattamento di tali pazienti deve essere effettuato nelle condizioni del reparto di terapia / pneumologia di un ospedale multidisciplinare, dove è presente anche un reparto maternità. È obbligatorio monitorare lo stato della funzione del sistema fetoplacentare.

Il compito principale della terapia con BA è selezionare le dosi minime di farmaci richieste per ripristinare e mantenere una pervietà bronchiale ottimale e stabile. Va ricordato che il danno dal decorso instabile della malattia e dall'insufficienza respiratoria che si sviluppa in questo caso per la madre e il feto è incomparabilmente superiore ai possibili effetti collaterali dei farmaci. Un rapido sollievo dall'esacerbazione dell'asma bronchiale, anche con l'uso di glucocorticoidi sistemici, è preferibile al decorso della malattia non controllato o scarsamente controllato a lungo termine. Rifiutare il trattamento attivo aumenta invariabilmente il rischio di complicazioni per la madre e il feto.

La terapia di base per l'esacerbazione dell'asma è la somministrazione di agonisti β2-adrenergici (salbutamolo) o la loro combinazione con un farmaco anticolinergico (ipratropio bromuro + fenoterolo) attraverso un nebulizzatore. L'inalazione di glucocorticosteroidi (budesonide - 1000 mcg) attraverso un nebulizzatore è un componente efficace della terapia combinata. I glucocorticosteroidi sistemici devono essere inclusi nella terapia se, dopo la prima somministrazione di β2-agonisti per nebulizzatore, non vi è alcun miglioramento persistente o si è sviluppata una esacerbazione durante l'assunzione di glucocorticosteroidi orali.

Insieme all'effetto diretto sull'asma, tale trattamento influisce sul corso della gravidanza e sullo sviluppo fetale. L'effetto antispasmodico e antiaggregante ottenuto con l'uso di metilxantine, l'effetto tocolitico sul miometrio con l'uso di agonisti β2-adrenergici, tuttavia, non va dimenticato l'effetto immunosoppressivo e della terapia con glucorticoidi (hanno anche un effetto antinfiammatorio). Se è necessario utilizzare ormoni sistemici, è preferibile prednisolone o metilprednisolone.

L'AD non è un'indicazione per l'aborto. Nel caso di un decorso instabile della malattia sottostante, una grave esacerbazione, l'interruzione della gravidanza è associata ad un alto rischio per la vita della donna incinta e, dopo il sollievo dell'esacerbazione e la stabilizzazione delle condizioni del paziente, non si pone più la questione della necessità di interrompere la gravidanza.

Quando si prescrive la farmacoterapia a donne in gravidanza con asma, si deve tenere presente che per la maggior parte dei farmaci anti-asma non sono stati rilevati effetti avversi sul corso della gravidanza. Allo stesso tempo, non esistono attualmente farmaci con comprovata sicurezza d'uso nelle donne in gravidanza, poiché non vengono effettuati studi clinici su donne in gravidanza. A causa delle peculiarità che si verificano nell'apparato digerente durante la gravidanza (svuotamento gastrico più lungo), la somministrazione parenterale di glucocorticosteroidi è preferibile all'assunzione di farmaci per os.

Parto di donne in gravidanza con asma bronchiale

Il parto di donne in gravidanza con un decorso lieve della malattia con adeguato sollievo dal dolore e terapia farmacologica correttiva non è difficile e non peggiora le condizioni dei pazienti.

La terapia inalatoria deve essere continuata secondo necessità e durante il travaglio. Il prednisone viene somministrato per via parenterale alle donne in travaglio che hanno ricevuto compresse di ormoni durante la gravidanza. Sullo sfondo dell'uso dell'analgesia regionale, vengono create le condizioni per il parto spontaneo, anche con un decorso grave della malattia che disabilita i pazienti.

Esistono prove dell'effetto broncospastico della metilergometrina, per questo motivo la somministrazione endovenosa di ossitocina dovrebbe essere preferita quando si previene il sanguinamento nella seconda fase del travaglio.

Il parto, di regola, non peggiora significativamente le condizioni dei pazienti. Con un trattamento adeguato della malattia sottostante, un'attenta gestione del parto, un'attenta osservazione, sollievo dal dolore e prevenzione delle malattie pioinfiammatorie, questi pazienti non presentano complicazioni nel periodo postpartum. Tuttavia, con un decorso grave della malattia, pazienti invalidanti, un alto rischio di sviluppo o con la presenza di insufficienza respiratoria, il parto può essere un problema serio a causa di violazioni significative della FVD e dell'emodinamica, un alto rischio di sindrome da distress fetale. Questo contingente di pazienti è anche minacciato dallo sviluppo di insufficienza cardiaca e respiratoria acuta durante il parto..

Considerando l'alto grado di rischio infettivo, nonché il rischio di complicanze associate a traumi chirurgici in malattie gravi con segni di insufficienza respiratoria, il metodo di scelta è il parto vaginale elettivo mediante parto programmato. Con l'inizio del lavoro regolare, viene utilizzata l'analgesia regionale. L'introduzione di un anestetico con un'azione prolungata a bassa concentrazione non limita la mobilità della donna, non indebolisce i tentativi nella seconda fase del travaglio, ha un pronunciato effetto broncodilatatore (un aumento della capacità vitale forzata dei polmoni - FVC, FEV1, PIC) e consente di creare una sorta di protezione emodinamica. C'è un aumento degli ictus ventricolari sinistro e destro. In questo contesto, diventa possibile il parto spontaneo, senza escludere tentativi, in pazienti con disturbi ostruttivi. Per abbreviare la seconda fase del travaglio, viene eseguita un'episiotomia.

In assenza di esperienza o capacità tecniche sufficienti per eseguire l'anestesia epidurale a livello toracico, in alcuni casi, un parto programmato dovrebbe essere eseguito con taglio cesareo. A causa del fatto che l'anestesia endotracheale rappresenta il rischio maggiore, l'anestesia epidurale è il metodo di scelta per l'anestesia per taglio cesareo..

Le indicazioni per il parto operatorio nelle donne in gravidanza con asma bronchiale sono:

  • la presenza di segni di insufficienza cardiopolmonare dopo aver interrotto una prolungata esacerbazione grave o uno stato asmatico;
  • una storia di pneumotorace spontaneo;
  • indicazioni ostetriche di emergenza e pianificate (sofferenza fetale acuta, bacino stretto, presenza di gestosi grave, cicatrice incoerente sull'utero dopo un precedente taglio cesareo e altri).

Asma bronchiale in gravidanza - Trattamento

Tutti i contenuti di iLive vengono esaminati da esperti medici per garantire che siano il più accurati e concreti possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione delle fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia inaccurato, obsoleto o altrimenti discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Trattamento dell'asma bronchiale nelle donne durante la gravidanza

I compiti principali del trattamento dell'asma bronchiale nelle donne in gravidanza includono la normalizzazione della FVD, la prevenzione delle esacerbazioni dell'asma bronchiale, l'eliminazione degli effetti collaterali dei farmaci anti-asma, il sollievo degli attacchi di asma bronchiale, che è considerata la chiave per il corretto corso della gravidanza senza complicazioni e la nascita di un bambino sano.

La terapia BA nelle donne in gravidanza viene eseguita secondo le stesse regole delle donne non in gravidanza. I principi di base sono un aumento o una diminuzione dell'intensità della terapia al variare della gravità della malattia, tenendo conto delle peculiarità del decorso della gravidanza, del monitoraggio obbligatorio del decorso della malattia e dell'efficacia del trattamento prescritto con il metodo del peak flowmetry, l'uso preferito della via inalatoria di somministrazione dei farmaci.

I farmaci prescritti per l'asma bronchiale sono suddivisi in:

  • base - controllo del decorso della malattia (glucocorticoidi sistemici e inalatori, cromoni, metilxantine a lunga durata d'azione, β2-agonisti a lunga durata d'azione, farmaci antileucotrieni), vengono assunti quotidianamente, per lungo tempo;
  • farmaci sintomatici o di emergenza (β2-agonisti inalatori ad azione rapida, anticolinergici, metilxantine, glucocorticoidi sistemici) - che eliminano rapidamente il broncospasmo e i sintomi di accompagnamento: respiro sibilante, sensazione di "oppressione" al petto, tosse.

Il trattamento è scelto in base alla gravità del decorso dell'asma bronchiale, alla disponibilità di farmaci anti-asma e alle condizioni di vita individuali del paziente.

Tra gli agonisti β2-adrenergici durante la gravidanza, è possibile utilizzare salbutamolo, terbutalina, fenoterolo. Gli anticolinergici utilizzati nel trattamento dell'asma bronchiale nelle donne in gravidanza includono l'ipratropio bromuro sotto forma di un inalatore o un farmaco combinato "Ipratropio bromuro + fenoterolo". I farmaci di questi gruppi (sia beta2-mimetici che anticolinergici) sono spesso usati nella pratica ostetrica per trattare la minaccia di interruzione della gravidanza. Le metilxantine, che comprendono l'aminofillina, l'aminofillina, sono utilizzate anche nella pratica ostetrica nel trattamento delle donne in gravidanza, in particolare nel trattamento della gestosi. Cromoni - acido cromoglicico, utilizzato nel trattamento dell'asma bronchiale come agente antinfiammatorio di base per l'asma bronchiale lieve, per la loro scarsa efficacia, da un lato, e la necessità di ottenere un rapido effetto terapeutico, dall'altro (data la presenza di gravidanza e il rischio di sviluppare o aumentare i fenomeni di insufficienza placentare in condizioni di un decorso instabile della malattia), hanno un uso limitato durante la gravidanza. Possono essere utilizzati in pazienti che hanno utilizzato questi farmaci con sufficiente efficacia prima della gravidanza, a condizione che durante la gravidanza venga mantenuto un decorso stabile della malattia. Se è necessario prescrivere una terapia antinfiammatoria di base durante la gravidanza, devono essere preferiti i glucocorticoidi inalatori (budesonide).

  • Con l'asma bronchiale intermittente, alla maggior parte dei pazienti non è raccomandato l'uso quotidiano di farmaci. Il trattamento per le riacutizzazioni dipende dalla gravità. Se necessario, viene prescritto un beta2 agonista per inalazione ad azione rapida per eliminare i sintomi dell'asma bronchiale. Se si osservano esacerbazioni gravi con asma bronchiale intermittente, tali pazienti devono essere trattati come pazienti con asma bronchiale persistente di gravità moderata.
  • I pazienti con asma bronchiale lieve e persistente necessitano dell'uso quotidiano di farmaci per mantenere il controllo della malattia. Preferibilmente trattamento con glucocorticoidi inalatori (budesonide 200-400 mcg / giorno o 800 mcg / giorno o> 1000 mcg / giorno beclometasone o equivalente) in combinazione con inalatori (32 agonisti a lunga durata d'azione 2 volte al giorno. Un'alternativa ai β2-agonisti per via inalatoria a lunga durata d'azione è β2-agonista orale o metilxantina a lunga durata d'azione Possibili glucocorticoidi orali.
  • Dopo aver ottenuto il controllo dell'asma bronchiale e averlo mantenuto per almeno 3 mesi, viene eseguita una graduale diminuzione del volume della terapia di mantenimento, quindi viene determinata la concentrazione minima richiesta per controllare la malattia..

Insieme agli effetti diretti sull'asma, tale trattamento influisce anche sul corso della gravidanza e sullo sviluppo fetale. Innanzitutto, questo è l'effetto antispasmodico e antiaggregante ottenuto con l'uso di metilxantine, l'effetto tocolitico (diminuzione del tono, rilassamento dell'utero) con l'uso di β2-agonisti, effetti immunosoppressivi e antinfiammatori durante la terapia con glucorticoidi.

Quando si esegue la terapia con broncodilatatori, i pazienti con minaccia di interruzione della gravidanza dovrebbero essere privilegiati ai β2-mimetici in compresse, che, insieme al broncodilatatore, avranno anche un effetto tocolitico. In presenza di gestosi, è consigliabile utilizzare metilxantine - aminofillina come broncodilatatore. Se è necessario utilizzare ormoni sistemici, è preferibile prednisolone o metilprednisolone.

Quando si prescrive la farmacoterapia a donne in gravidanza con asma bronchiale, si deve tenere presente che per la maggior parte dei farmaci anti-asma non sono stati osservati effetti avversi sul corso della gravidanza. Allo stesso tempo, attualmente non esistono farmaci di comprovata sicurezza nelle donne in gravidanza, poiché non vengono effettuati studi clinici controllati su donne in gravidanza. Il compito principale del trattamento è selezionare le dosi minime richieste di farmaci per ripristinare e mantenere una pervietà bronchiale ottimale e stabile. Va ricordato che il danno dal decorso instabile della malattia e dall'insufficienza respiratoria che si sviluppa in questo caso per la madre e il feto è incomparabilmente superiore ai possibili effetti collaterali dei farmaci. Un rapido sollievo dall'esacerbazione dell'asma bronchiale, anche con l'uso di glucocorticoidi sistemici, è preferibile al decorso della malattia non controllato o scarsamente controllato a lungo termine. Rifiutare il trattamento attivo aumenta invariabilmente il rischio di complicanze sia per la madre che per il feto.

Durante il parto non è necessario interrompere il trattamento dell'asma bronchiale. La terapia inalatoria deve essere continuata. Il prednisone viene somministrato per via parenterale alle donne in travaglio che hanno ricevuto compresse di ormoni durante la gravidanza.

A causa del fatto che l'uso di β-mimetici durante il parto è associato al rischio di indebolimento del travaglio, quando si esegue la terapia con broncodilatatori durante questo periodo, si dovrebbe dare la preferenza all'anestesia epidurale a livello toracico. A tale scopo, la puntura e la cateterizzazione dello spazio epidurale nella regione toracica vengono eseguite a livello ThVII - ThVIII con l'introduzione di 8-10 ml di soluzione di bupivacaina allo 0,125%. L'anestesia epidurale consente di ottenere un effetto broncodilatatore pronunciato, per creare una sorta di protezione emodinamica. Non è stato osservato alcun deterioramento del flusso sanguigno fetale-placentare sullo sfondo della somministrazione di anestetico locale. Allo stesso tempo, vengono create le condizioni per il parto spontaneo, senza eccezioni, i tentativi nella seconda fase del travaglio, anche con un decorso grave della malattia che disabilita i pazienti.

L'esacerbazione dell'asma bronchiale durante la gravidanza è una condizione urgente che minaccia non solo la vita di una donna incinta, ma anche lo sviluppo dell'ipossia intrauterina del feto fino alla sua morte. A questo proposito, il trattamento di tali pazienti dovrebbe essere effettuato in ambiente ospedaliero con monitoraggio obbligatorio dello stato della funzione del complesso fetoplacentare. Il cardine del trattamento delle riacutizzazioni è la somministrazione di β2-agonisti (salbutamolo) o la loro combinazione con un farmaco anticolinergico (ipratropio bromuro + fenoterolo) attraverso un nebulizzatore. L'inalazione di glucocorticosteroidi (budesonide - 1000 mcg) attraverso un nebulizzatore è un componente efficace della terapia combinata. I glucocorticosteroidi sistemici devono essere inclusi nel trattamento se, dopo la prima somministrazione di β2-agonisti per nebulizzatore, non si ottiene un miglioramento persistente o si è sviluppata una esacerbazione durante l'assunzione di glucocorticosteroidi orali. A causa delle peculiarità che si verificano nell'apparato digerente durante la gravidanza (svuotamento gastrico più lungo), la somministrazione parenterale di glucocorticosteroidi è preferibile all'assunzione di farmaci per os.

L'asma bronchiale non è un'indicazione per l'aborto. Nel caso di un decorso instabile della malattia, una grave esacerbazione, l'interruzione della gravidanza è associata ad un alto rischio per la vita del paziente e, dopo il sollievo dall'esacerbazione e dalla stabilizzazione delle condizioni del paziente, la questione della necessità di interrompere la gravidanza scompare del tutto.

Parto di donne in gravidanza con asma bronchiale

Il parto di donne in gravidanza con un decorso lieve della malattia con adeguato sollievo dal dolore e terapia farmacologica correttiva non è difficile e non peggiora le condizioni dei pazienti.

Nella maggior parte dei pazienti, il travaglio termina spontaneamente (83%). Tra le complicanze del parto, le più comuni sono il rapido decorso del travaglio (24%), la rottura prenatale del liquido amniotico (13%). Nella prima fase del lavoro - anomalie del lavoro (9%). Il corso della seconda e terza fase del travaglio è determinato dalla presenza di ulteriori patologie extragenitali, ostetriche, caratteristiche della storia ostetrica e ginecologica. In relazione ai dati disponibili sul possibile effetto broncospastico della metilergometrina, la somministrazione endovenosa di ossitocina dovrebbe essere preferita quando si effettua la prevenzione del sanguinamento nella seconda fase del travaglio. Il parto, di regola, non peggiora le condizioni del paziente. Con un trattamento adeguato della malattia di base, un'attenta gestione del parto, un'attenta osservazione, sollievo dal dolore e prevenzione delle malattie pioinfiammatorie, in questi pazienti non si osservano complicanze nel periodo postpartum.

Tuttavia, in un decorso grave della malattia, in pazienti invalidanti, ad alto rischio di sviluppo o con presenza di insufficienza respiratoria, il parto diventa un problema serio..

Nelle donne in gravidanza con asma bronchiale grave o decorso incontrollato di asma bronchiale moderato, stato asmatico durante questa gravidanza, esacerbazione della malattia alla fine del terzo trimestre, il parto è un problema serio a causa di disturbi significativi nella funzione della respirazione esterna e dell'emodinamica, un alto rischio di sofferenza fetale intrauterina. Questo contingente di pazienti è minacciato dallo sviluppo di una grave esacerbazione della malattia, delle vie respiratorie acute e dell'insufficienza cardiaca durante il parto.

Dato l'alto grado di malattia infettiva, nonché il rischio di complicanze associate a traumi chirurgici in malattie gravi con segni di insufficienza respiratoria, il metodo di scelta è il parto vaginale elettivo.

Durante la consegna attraverso il canale del parto vaginale, la puntura e il cateterismo dello spazio epidurale nella regione toracica a livello ThVIII-ThIX con l'introduzione di una soluzione di marcaina allo 0,125%, che fornisce un effetto broncodilatatore pronunciato, viene eseguita prima dell'induzione del travaglio. Quindi il travaglio è indotto dal metodo dell'amniotomia. Il comportamento della donna in travaglio durante questo periodo è attivo.

Con l'inizio del travaglio regolare, il sollievo dal dolore del travaglio inizia con l'anestesia epidurale a livello L1 - L2.

L'introduzione di un anestetico con un'azione prolungata a bassa concentrazione non limita la mobilità della donna, non indebolisce i tentativi nella seconda fase del travaglio, ha un pronunciato effetto broncodilatatore (un aumento della capacità vitale forzata dei polmoni - FVC, FEV1, PIC) e consente di creare una sorta di protezione emodinamica. C'è un aumento degli ictus ventricolari sinistro e destro. Si notano cambiamenti nel flusso sanguigno fetale: una diminuzione della resistenza al flusso sanguigno nei vasi del cordone ombelicale e dell'aorta del feto.

In questo contesto, diventa possibile il parto spontaneo, senza escludere tentativi, in pazienti con disturbi ostruttivi. Per abbreviare la seconda fase del travaglio, viene eseguita un'episiotomia. In assenza di sufficiente esperienza o capacità tecnica per l'anestesia epidurale a livello toracico, deve essere eseguito il parto con taglio cesareo. A causa del fatto che l'anestesia endotracheale rappresenta il rischio maggiore, l'anestesia epidurale è il metodo di scelta per l'anestesia per taglio cesareo..

Le indicazioni per il parto operatorio nelle donne in gravidanza con asma bronchiale sono:

  • la presenza di segni di insufficienza cardiopolmonare dopo aver interrotto una prolungata esacerbazione grave o uno stato asmatico;
  • una storia di pneumotorace spontaneo;
  • anche un taglio cesareo può essere eseguito secondo indicazioni ostetriche (come la presenza di una cicatrice inconsistente sull'utero dopo un precedente taglio cesareo, bacino stretto, ecc.).

Asma bronchiale nelle donne in gravidanza

* Fattore di impatto per il 2018 secondo RSCI

La rivista è inclusa nell'elenco delle pubblicazioni scientifiche peer-reviewed della Higher Attestation Commission.

Leggi nel nuovo numero

L'incidenza dell'asma bronchiale (BA) nel mondo varia dal 4 al 10% della popolazione [6, 14]; nella Federazione Russa, la prevalenza tra gli adulti varia dal 2,2 al 5-7% [15], nella popolazione infantile questa cifra è di circa il 10% [9]. Nelle donne in gravidanza, BA è la malattia più comune del sistema polmonare, la cui frequenza di diagnosi nel mondo varia dall'1 al 4% [3], in Russia - dallo 0,4 all'1% [8]. Negli ultimi anni sono stati sviluppati criteri diagnostici internazionali standard e metodi di farmacoterapia, che possono aumentare significativamente l'efficacia del trattamento dei pazienti con BA e migliorare la loro qualità di vita (Global Initiative for the Prevention and Treatment of Bronchial Asthma (GINA), 2014) [14]. Tuttavia, la moderna farmacoterapia e il monitoraggio dell'asma nelle donne in gravidanza sono compiti più difficili, poiché mirano non solo a preservare la salute della madre, ma anche a prevenire gli effetti negativi delle complicanze della malattia e gli effetti collaterali del trattamento sul feto..

La gravidanza influisce sul decorso dell'asma in modi diversi. I cambiamenti nel decorso della malattia variano in un intervallo abbastanza ampio: miglioramento - nel 18-69% delle donne, peggioramento - nel 22-44%, l'assenza dell'effetto della gravidanza sul decorso dell'asma è stata riscontrata nel 27-43% dei casi [7, 8]. Ciò è spiegato, da un lato, dalla dinamica multidirezionale nei pazienti con vari gradi di gravità dell'asma (con gravità lieve e moderata, si osserva un peggioramento nel corso dell'asma nel 15-22%, miglioramento nel 12-22%), dall'altro, diagnosi inadeguata e sempre con la giusta terapia. In pratica, l'AD viene spesso diagnosticata solo nelle ultime fasi della malattia. Inoltre, se la sua insorgenza coincide con il periodo gestazionale, la malattia può rimanere non riconosciuta, poiché i disturbi respiratori osservati sono spesso attribuiti a cambiamenti causati dalla gravidanza..

Allo stesso tempo, con un'adeguata terapia BA, il rischio di un esito sfavorevole della gravidanza e del parto non è più alto che nelle donne sane [7, 10]. A questo proposito, la maggior parte degli autori non considera la BA come una controindicazione alla gravidanza [13] e si raccomanda di fornire il controllo sul suo decorso utilizzando i moderni principi di trattamento [14].

La combinazione di gravidanza e asma richiede un'attenzione particolare da parte dei medici in considerazione dei possibili cambiamenti nel corso dell'asma durante la gravidanza, nonché degli effetti della malattia sul feto. A questo proposito, la gestione della gravidanza e del parto in una paziente affetta da asma richiede un attento monitoraggio e impegno congiunto di medici di molte specialità, in particolare terapisti, pneumologi, ostetrici-ginecologi e neonatologi [7].

Cambiamenti nel sistema respiratorio nell'asma durante la gravidanza

Durante la gravidanza, sotto l'influenza di fattori ormonali e meccanici, il sistema respiratorio subisce cambiamenti significativi: c'è una ristrutturazione della meccanica della respirazione, cambiano le relazioni ventilazione-perfusione [2]. Nel primo trimestre di gravidanza, può svilupparsi iperventilazione a causa dell'iperprogesteronemia, dei cambiamenti nella composizione dei gas del sangue - un aumento del contenuto di PaCO2 [1]. La comparsa di mancanza di respiro nella tarda gravidanza è in gran parte dovuta allo sviluppo di un fattore meccanico, che è una conseguenza di un aumento del volume dell'utero. Come risultato di questi cambiamenti, le disfunzioni della respirazione esterna sono aggravate, la capacità vitale dei polmoni, la capacità vitale forzata dei polmoni, il volume di espirazione forzata in 1 secondo (FEV1) diminuiscono [11]. Con l'aumentare dell'età gestazionale, aumenta la resistenza dei vasi della circolazione polmonare, che contribuisce anche allo sviluppo della mancanza di respiro [1]. A questo proposito, la mancanza di respiro causa alcune difficoltà nella diagnosi differenziale tra cambiamenti fisiologici nella funzione della respirazione esterna durante la gravidanza e manifestazioni di ostruzione bronchiale..

Spesso le donne incinte senza patologia somatica sviluppano edema delle mucose del rinofaringe, della trachea e dei grandi bronchi [7]. Queste manifestazioni nelle donne in gravidanza con asma possono anche aggravare i sintomi della malattia..

La scarsa compliance contribuisce al peggioramento del decorso dell'asma: molti pazienti cercano di interrompere l'assunzione di glucocorticosteroidi inalatori (ICS) per paura dei loro possibili effetti collaterali. In questi casi, il medico dovrebbe spiegare alla donna la necessità di una terapia antinfiammatoria di base a causa dell'effetto negativo del BA incontrollato sul feto. I sintomi dell'asma possono comparire per la prima volta durante la gravidanza a causa di una reattività corporea alterata e una maggiore sensibilità alla prostaglandina endogena F2α (PGF2α) [15]. Gli attacchi di asma che sono comparsi per la prima volta durante la gravidanza possono scomparire dopo il parto, ma possono anche trasformarsi in veri BA. Tra i fattori che contribuiscono al miglioramento della BA durante la gravidanza, va notato un aumento fisiologico della concentrazione di progesterone, che ha proprietà broncodilatatorie. Un aumento della concentrazione di cortisolo libero, aminomonofosfato ciclico, un aumento dell'attività dell'istaminasi hanno un effetto benefico sul decorso della malattia. Questi effetti sono confermati da un miglioramento del decorso dell'asma nella seconda metà della gravidanza, quando i glucocorticoidi di origine fetoplacentare entrano in grandi quantità nel flusso sanguigno della madre [7].

Il corso della gravidanza e lo sviluppo fetale nell'AD

Lo studio degli effetti dell'asma sul decorso della gravidanza e la possibilità di dare alla luce una prole sana in pazienti con asma è un tema di attualità..

Le donne incinte con asma hanno un aumentato rischio di sviluppare tossicosi precoce (37%), gestosi (43%), minaccia di aborto (26%), parto prematuro (19%), insufficienza placentare (29%) [1]. Le complicanze ostetriche di solito si verificano nei casi gravi. Un adeguato controllo medicinale dell'asma è di grande importanza. La mancanza di una terapia adeguata per la malattia porta allo sviluppo di insufficienza respiratoria, ipossiemia arteriosa del corpo materno, costrizione dei vasi placentari, con conseguente ipossia fetale. Un'alta frequenza di insufficienza placentare, così come l'aborto spontaneo, si osserva sullo sfondo del danno ai vasi del complesso uteroplacentare da parte di immunocomplessi circolanti, inibizione del sistema di fibrinolisi [1, 7].

Le donne che soffrono di asma hanno maggiori probabilità di avere figli con basso peso corporeo, disturbi neurologici, asfissia e difetti congeniti [12]. Inoltre, l'interazione del feto con gli antigeni della madre attraverso la placenta influisce sulla formazione della reattività allergica del bambino. Il rischio di sviluppare una malattia allergica, inclusa la BA, in un bambino è del 45-58% [12]. Questi bambini hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie virali respiratorie, bronchite, polmonite. Si osserva un basso peso alla nascita nel 35% dei bambini nati da madri con BA. La più alta percentuale di bambini con basso peso alla nascita si osserva nelle donne con asma dipendente da steroidi. Le ragioni del basso peso alla nascita sono un controllo insufficiente del BA, che contribuisce allo sviluppo dell'ipossia cronica, nonché all'assunzione prolungata di glucocorticoidi sistemici. È stato dimostrato che lo sviluppo di gravi esacerbazioni dell'asma durante la gravidanza aumenta significativamente il rischio di avere figli con basso peso corporeo [7, 12].

Gestione e trattamento delle donne in gravidanza con asma

Secondo le disposizioni di GINA-2014 [14], i compiti principali del controllo BA nelle donne in gravidanza sono:

  • valutazione clinica delle condizioni della madre e del feto;
  • eliminazione e controllo dei fattori scatenanti;
  • farmacoterapia dell'asma durante la gravidanza;
  • programmi educativi;
  • supporto psicologico per le donne incinte.

Tenendo conto dell'importanza di ottenere il controllo sui sintomi di BA, si raccomandano esami obbligatori da parte di un pneumologo nel periodo 18-20 settimane. gestazione, 28-30 settimane e prima del parto, in caso di BA instabile - se necessario. Quando si gestiscono donne in gravidanza con asma, si dovrebbe sforzarsi di mantenere la funzione polmonare vicino alla normalità. Si raccomanda la misurazione del picco di flusso per monitorare la funzione respiratoria.

A causa dell'elevato rischio di sviluppare un'insufficienza fetoplacentare, è necessario valutare regolarmente le condizioni del feto e del complesso uteroplacentare utilizzando la fetometria ecografica, la dopplerometria ecografica dei vasi dell'utero, della placenta e del cordone ombelicale. Al fine di aumentare l'efficacia della terapia, si consiglia ai pazienti di adottare misure per limitare il contatto con allergeni, smettere di fumare, incluso il fumo passivo, sforzarsi di prevenire l'ARVI ed eliminare lo sforzo fisico eccessivo. Una parte importante del trattamento BA nelle donne in gravidanza è la creazione di programmi educativi che consentono al paziente di stabilire uno stretto contatto con il medico, aumentare il livello di conoscenza della loro malattia e minimizzare il suo impatto sul decorso della gravidanza e insegnare alla paziente abilità di autocontrollo. Il paziente deve essere addestrato alla misurazione del picco di flusso al fine di monitorare l'efficacia del trattamento e riconoscere i primi sintomi di un'esacerbazione della malattia. Si consiglia ai pazienti con asma moderata e grave di eseguire la misurazione del flusso di picco nelle ore mattutine e serali ogni giorno, calcolare le fluttuazioni giornaliere della velocità di flusso espiratorio di picco e registrare i valori ottenuti nel diario del paziente. Secondo le "Raccomandazioni cliniche federali per la diagnosi e il trattamento dell'asma bronchiale" 2013, è necessario aderire a determinate disposizioni (Tabella 1) [10].

Gli approcci di base alla farmacoterapia dell'asma nelle donne in gravidanza sono gli stessi che nelle donne non gravide (Tabella 2). Per la terapia di base dell'asma lieve è possibile utilizzare montelukast; per l'asma moderata e grave è preferibile utilizzare corticosteroidi per via inalatoria. Tra i farmaci GCS per via inalatoria attualmente disponibili, solo la budesonide alla fine del 2000 è stata assegnata alla categoria B. Se è necessario utilizzare GCS sistemico (in casi estremi) nelle donne in gravidanza, non è consigliabile prescrivere farmaci triamcinolone, così come farmaci GCS a lunga durata d'azione (desametasone). Preferibilmente prednisone.

Tra le forme inalatorie di broncodilatatori, è preferito l'uso del fenoterolo (gruppo B). Va tenuto presente che i β2-agonisti in ostetricia sono usati per prevenire il travaglio pretermine, il loro uso incontrollato può causare il prolungamento del travaglio. La nomina di forme di deposito di preparati GCS è categoricamente esclusa.

Esacerbazione dell'asma nelle donne in gravidanza

Attività principali (tab.3):

Valutazione delle condizioni: esame, misurazione della velocità di flusso espiratorio di picco (PEF), saturazione dell'ossigeno, valutazione della salute fetale.

  • β2-agonisti, preferibilmente fenoterolo, salbutamolo - 2,5 mg tramite un nebulizzatore ogni 60-90 minuti;
  • ossigeno per mantenere la saturazione al 95%. Se saturazione Letteratura

  1. Andreeva O.S. Caratteristiche del corso e trattamento dell'asma bronchiale durante la gravidanza: abstract dell'autore. dis.... Cand. miele. scienze. SPb., 2006.21 s.
  2. Bratchik A.M., Zorin V.N. Malattia polmonare che fa dell'ostruzionismo e gravidanza // Affari medici. 1991. N. 12. P. 10–13.
  3. Babylonian S.A. Ottimizzazione della gestione dell'asma bronchiale nelle donne in gravidanza: abstract dell'autore. dis.... Cand. miele. scienze. M., 2005.
  4. Vaccinazione di adulti con patologia broncopolmonare: una guida per i medici / ed. M.P. Kostinova. M., 2013.
  5. Makhmutkhodzhaev A.Sh., Ogorodova L.M., Tarasenko V.I., Evtushenko I.D. Assistenza ostetrica per donne incinte con asma bronchiale // Problemi reali di ostetricia e ginecologia. 2001. No. 1. P. 14-16.
  6. Ovcharenko S.I. Asma bronchiale: diagnosi e trattamento // BC. 2002. T. 10. No. 17.
  7. T.A. Pertseva, T.V. Chursinova Gravidanza e asma bronchiale: lo stato del problema // Salute dell'Ucraina. 2008. N. 3/1. P. 24-25.
  8. Fassakhov R.S. Trattamento dell'asma bronchiale nelle donne in gravidanza // Allergologia. 1998. N. 1. P. 32–36.
  9. Chernyak B.A., Vorzheva I.I. Agonisti dei recettori beta2-adrenergici nel trattamento dell'asma bronchiale: problemi di efficacia e sicurezza // Consilium medicum. 2006.Vol.8 No.10.
  10. Linee guida cliniche federali per la diagnosi e il trattamento dell'asma bronchiale // http://pulmonology.ru/publications/guide.php (appello 20.01.2015).
  11. Abou-Gamrah A., Refaat M. Bronchial Asthma and Pregnancy // Ain Shams Journal of Obstetrics and Gynecology. 2005. Vol. 2. P. 171–193.
  12. Alexander S., Dodds L., Armson B.A. Risultati perinatali in donne con asma durante gravidanza // Obstet. Ginecol. 1998. Vol. 92. P. 435-440.
  13. Monografia respiratoria europea: malattie respiratorie nelle donne / Ed. di S. Bust, C.E. Mapp. 2003. Vol. 8 (Monografia 25). R. 90-103.
  14. Iniziativa globale per l'asma 3. 2014. (GINA). http://www.ginasthma.org.
  15. Masoli M., Fabian D., Holt S., Beasley R. Global Burden of Asthma. 2003.20 p.
  16. Rey E., Boulet L.P. Asma e gravidanza // BMJ. 2007. Vol. 334. P. 582-585.

Solo per utenti registrati

Asma bronchiale durante la gravidanza: trattamento ed effetti sul feto

Alla fine del secolo scorso, la presenza di asma bronchiale in una donna era considerata un serio ostacolo al trasporto di una gravidanza. Spesso con una diagnosi del genere, se gli attacchi erano frequenti, alle donne era vietato rimanere incinta e partorire. Ma ad oggi, l'atteggiamento nei confronti di questa diagnosi è stato significativamente rivisto ei medici di tutto il mondo non considerano più la presenza di asma bronchiale un motivo per il divieto di portare e persino la nascita naturale di un bambino. Ma è abbastanza ovvio che durante una tale gestazione ci sono peculiarità, sfumature e, da parte dei medici, è necessario un atteggiamento specifico nei confronti di una donna e del feto che porta, che è necessario conoscere in anticipo.

Cos'è l'asma bronchiale?

Oggi l'asma bronchiale è considerata una delle patologie più comuni del sistema broncopolmonare durante la gravidanza. Ciò è particolarmente vero per il tipo di asma atopico (allergico), che è associato ad un aumento del numero totale di donne con allergie.

Secondo allergologi e pneumologi, il numero di casi di asma varia dal 3-4 all'8-9% di tutti i soggetti allergici e il loro numero è in costante aumento di circa il 2-3% ogni decennio..

Se parliamo della natura della patologia, questo è un processo infiammatorio cronicamente corrente nell'area delle mucose dei bronchi con la formazione simultanea del loro restringimento, uno spasmo temporaneo di elementi muscolari lisci, che riduce il lume delle vie aeree e rende difficile la respirazione.

Gli attacchi sono associati ad un aumento della reattività (eccitabilità) delle pareti dei bronchi, alle loro reazioni anormali in risposta a vari tipi di influenze. Non pensare che l'asma bronchiale sia sempre una patologia allergica, una tale condizione delle vie respiratorie è possibile dopo aver subito lesioni cerebrali, gravi malattie infettive, a causa di disturbi endocrini pronunciati e altre influenze. Nella maggior parte dei casi, lo sviluppo dell'asma è provocato dall'influenza di allergeni e, in alcuni casi, si forma inizialmente una forma più lieve di patologia (raffreddore da fieno con rinocongiuntivite), quindi il passaggio al danno al sistema broncopolmonare e attacchi asmatici con formazione di mancanza di respiro, respiro sibilante e soffocamento.

Opzioni per l'asma: allergie e altro

Per loro natura, ci sono due tipi di asma bronchiale: un corso allergico-infettivo e uno allergico, senza la partecipazione di un fattore infettivo. Se parliamo della prima opzione, tale asma bronchiale può formarsi dopo aver sofferto di gravi lesioni infettive dell'apparato respiratorio - si tratta di polmonite, bronchite grave, tonsillite o tracheite. Vari agenti patogeni, spesso di origine microbica o fungina, agiscono come provocatori e componenti allergenici..

La forma infettiva-allergica è una delle più comuni tra tutte le varianti del decorso; episodi del suo sviluppo rappresentano fino a 2/3 di tutte le varianti di attacchi asmatici nelle donne.

Se parliamo di asma bronchiale atopica (puramente allergica, senza microbi), allora varie sostanze di origine sia organica (vegetale, animale, sintesi artificiale) che inorganica (sostanze ambientali) possono agire come allergeni per essa. I più comuni sono provocatori come polline impollinato dal vento, polvere domestica o professionale, polvere esterna, componenti di lana, piume, piumino di animali, uccelli. Anche i componenti alimentari possono diventare aggressori: si tratta di agrumi, bacche luminose con un alto potenziale allergenico, nonché alcuni tipi di medicinali (salicilati, antibiotici, vitamine sintetiche).

Un posto separato è assegnato agli allergeni chimici professionali, che sotto forma di sospensione, polvere, aerosol entrano nell'aria e nel sistema respiratorio. Questi possono essere vari composti di profumeria, prodotti chimici domestici, vernici e pitture, aerosol, ecc..

Per l'asma atopico e il suo sviluppo, la predisposizione ereditaria di una donna a qualsiasi allergia è estremamente importante.

Come si manifestano le convulsioni?

Indipendentemente dalla forma in cui il paziente ha l'asma bronchiale, ci sono tre fasi nel suo sviluppo, che possono successivamente sostituirsi a vicenda. Questo è pre-asma, quindi tipici attacchi asmatici (con mancanza di respiro, fischi o soffocamento), che si trasformano gradualmente nella formazione di uno stato asmatico. È molto probabile che tutte e tre queste opzioni si verifichino durante la gravidanza:

  • Se parli di condizione pre-asmatica, è caratterizzato da attacchi di bronchite ostruttiva, asmatica o polmonite frequente con broncospasmo. Tuttavia, non sono stati ancora osservati episodi di grave soffocamento tipici dell'asma bronchiale..
  • Sul fase iniziale dell'asma di tanto in tanto si verificano attacchi tipici con soffocamento e sullo sfondo di una forma allergica infettiva della condizione, può manifestarsi con un'esacerbazione di eventuali malattie broncopolmonari croniche (bronchite, polmonite). Gli attacchi asmatici sono generalmente facilmente riconoscibili, la loro insorgenza di solito si verifica di notte, possono durare entro pochi minuti, sebbene sia possibile un decorso prolungato - da un'ora o più.

L'attacco stesso di solito inizia come una tosse persistente senza catarro, dopo di che c'è un'espirazione acutamente difficile, una congestione nasale quasi completa e una sensazione di compressione al petto. Per respirare più facilmente, la donna si siede e tende i muscoli ausiliari del torace e del collo, cingolo scapolare, che aiuta a espirare l'aria con sforzo. Respirazione tipicamente rumorosa e rauca con fischi udibili da lontano. Inizialmente, la respirazione diventa più frequente, ma poi a causa dell'ipossia del centro respiratorio, diminuisce a 10-15 respiri al minuto. La pelle del paziente si copre di sudore, il viso può diventare rosso o bluastro, alla fine dell'attacco, quando si tossisce, può staccarsi una massa viscosa, come schegge di vetro, espettorato.

  • occorrenza stato asmatico - una condizione estremamente pericolosa che minaccia la vita di entrambi. Con esso, l'attacco di soffocamento derivante non si ferma a lungo per diverse ore, o addirittura giorni di seguito, ei disturbi respiratori sono espressi nella massima misura. Inoltre, tutti i farmaci che normalmente vengono assunti dal paziente non danno alcun effetto..
  • Asma bronchiale: l'effetto degli attacchi sul feto

    Sullo sfondo della gravidanza, i cambiamenti ormonali si verificano naturalmente nel corpo della futura mamma, così come deviazioni specifiche nel lavoro del sistema immunitario in modo che il feto, che è la metà dei geni del padre, non venga rifiutato. Pertanto, in questo momento, il decorso dell'asma bronchiale può sia peggiorare che migliorare. Naturalmente, la presenza di convulsioni influenzerà negativamente le condizioni della donna incinta stessa, così come il corso della gravidanza..

    Spesso, l'asma bronchiale è presente anche prima dell'inizio della gravidanza, sebbene sia del tutto possibile che si sviluppi già durante la gestazione, specialmente sullo sfondo di manifestazioni allergiche preesistenti, incluso il raffreddore da fieno. C'è anche una predisposizione ereditaria, una tendenza all'asma nei parenti di una donna incinta, inclusa la presenza di asmatici.

    Gli attacchi di asma possono iniziare nelle prime settimane o unirsi nella seconda metà del periodo gestazionale. La presenza di asma nelle prime fasi, simile alle manifestazioni della tossicosi precoce, può scomparire spontaneamente nella seconda metà. Fare previsioni preliminari in questi casi per una donna e suo figlio sarà molto favorevole..

    Il corso delle crisi per trimestre

    Se l'asma era presente prima della gravidanza, durante la gestazione il suo decorso può essere imprevedibile, sebbene i medici rivelino determinati schemi.

    In circa il 20% delle donne incinte, la condizione rimane allo stesso livello di prima della gravidanza, circa il 10% delle madri nota sollievo dagli attacchi e miglioramento significativo e il restante 70% ha una malattia molto più grave di prima.

    In quest'ultimo caso prevalgono attacchi sia moderati che gravi, che si verificano quotidianamente o anche più volte al giorno. Di tanto in tanto, gli attacchi possono essere ritardati, l'effetto del trattamento è piuttosto debole. Spesso, i primi segni di deterioramento si notano già dalle prime settimane del primo trimestre, ma entro la seconda metà della gestazione diventa più facile. Se durante la precedente gravidanza si è verificata una dinamica in senso positivo o negativo, le gestazioni successive di solito ripetono lo scenario.

    Gli attacchi di asma durante il parto sono rari, soprattutto se durante questo periodo vengono utilizzati broncodilatatori o agenti ormonali a scopo profilattico nelle donne. Dopo il parto, circa un quarto delle donne con asma lieve presenta un miglioramento. Un altro 50% non nota cambiamenti nelle proprie condizioni e il restante 25% ha una condizione in peggioramento ed è costretto ad assumere costantemente farmaci ormonali, le cui dosi sono in costante aumento.

    Influenza di asma bronchiale su una donna e un feto

    Sullo sfondo dell'asma bronchiale esistente, le donne più spesso delle donne sane soffrono di tossicosi precoce della gravidanza, hanno una maggiore minaccia di interruzione e disturbi del travaglio. Spesso può esserci un parto rapido o rapido, motivo per cui le percentuali di lesioni alla nascita sono alte sia per la madre che per il bambino. Spesso hanno anche un basso peso alla nascita o bambini prematuri..

    Sullo sfondo di gravi attacchi, la percentuale di aborti spontanei e parti premature, così come i tagli cesarei, è alta. Gravi complicazioni per il feto e la sua morte sono possibili solo in condizioni estremamente gravi e trattamento inadeguato. Ma la presenza della malattia di una madre può influire negativamente sul bambino in futuro. Circa il 5% dei bambini può soffrire di asma, che si sviluppa nei primi tre anni di vita, negli anni successivi le probabilità che raggiunga il 60%. I neonati sono soggetti a frequenti patologie delle vie respiratorie.

    Se una donna soffre di asma bronchiale e la gravidanza è a termine, il parto viene effettuato in modo naturale, poiché è possibile interrompere facilmente eventuali attacchi di soffocamento. Se gli attacchi sono frequenti o lo stato asmatico minaccia, l'efficacia del trattamento è bassa, potrebbero esserci indicazioni per un parto precoce dopo 36-37 settimane.

    Il problema della terapia dell'asma durante la gestazione

    Per molto tempo, gli esperti hanno creduto che la base della malattia fosse uno spasmo di elementi muscolari lisci nei bronchi, che porta ad attacchi di asma. Pertanto, il trattamento era basato su farmaci con effetto broncodilatatore. Solo negli anni '90 del secolo scorso è stato determinato che la base dell'asma è un'infiammazione cronica di natura immunitaria, e i bronchi rimangono infiammati in qualsiasi decorso e gravità della patologia, anche quando non ci sono esacerbazioni. La scoperta di questo fatto ha portato a un cambiamento negli approcci fondamentali alla terapia dell'asma e alla sua prevenzione. I farmaci antinfiammatori negli inalatori sono oggi i farmaci di base per gli asmatici..

    Se parliamo di gravidanza e della sua combinazione con l'asma bronchiale, i problemi sono associati al fatto che durante la gestazione può essere scarsamente controllata dai farmaci. Sullo sfondo delle convulsioni, il rischio maggiore per il feto è la presenza di ipossia - una mancanza di ossigeno nel sangue materno. A causa dell'asma, questo problema diventa molte volte più acuto. Quando si forma un attacco di soffocamento, viene avvertito non solo dalla madre stessa, ma anche dal feto, che è completamente dipendente da lei e soffre bruscamente di mancanza di ossigeno. Sono i frequenti attacchi di ipossia che portano a disturbi nello sviluppo del feto e nei periodi critici di sviluppo possono persino portare a disturbi nella deposizione di tessuti e organi..

    Per la nascita di un bambino relativamente sano è necessario un trattamento completo e adeguato, che corrisponde pienamente alla gravità dell'asma bronchiale. Ciò non consentirà attacchi più frequenti e maggiore ipossia..

    Durante la gravidanza, il trattamento dovrebbe essere obbligatorio e la prognosi per quelle donne la cui asma è completamente sotto controllo per quanto riguarda la salute dei bambini è molto favorevole.

    Pianificare una gravidanza, prepararsi

    È importante affrontare la gravidanza con asma bronchiale con tutte le responsabilità, pianificandola in anticipo sullo sfondo di tutte le misure necessarie per il trattamento e la prevenzione. È importante visitare in anticipo un pneumologo o un allergologo con la selezione del trattamento di base, nonché la formazione sull'autocontrollo sulla condizione e la somministrazione per inalazione di farmaci. È necessario per la natura allergica degli attacchi condurre test e test al fine di determinare completamente la gamma di allergeni pericolosi ed escludere il contatto con essi. Immediatamente dopo il concepimento, una donna ha bisogno di uno stretto controllo medico; è vietato assumere farmaci senza il suo permesso. Se ci sono patologie concomitanti, il trattamento viene effettuato anche tenendo conto della condizione e della presenza di asma.

    Misure per prevenire attacchi ed esacerbazioni

    È severamente vietato fumare durante la gravidanza e persino il contatto con il fumo di tabacco. I suoi componenti portano all'irritazione dei bronchi e alla formazione della loro infiammazione, aumento della reattività del sistema immunitario. È importante trasmettere queste informazioni al futuro padre, se fuma, il rischio di avere un bambino asmatico aumenta di 4 volte.

    È altrettanto importante escludere il possibile contatto con gli allergeni, che molto spesso provocano attacchi di asma, soprattutto nella stagione calda. Esistono anche opzioni per l'asma allergico tutto l'anno, per il quale è necessario creare uno speciale stile di vita ipoallergenico che riduca il carico sul corpo della donna e porti a un miglioramento nel decorso della malattia e una diminuzione del rischio di complicanze. Ciò consente di ridurre (ma non eliminare) i farmaci durante la gestazione..

    Come viene trattata l'asma bronchiale nelle donne in gravidanza?

    Spesso le donne durante la gravidanza cercano di rifiutarsi di assumere farmaci, ma questo non è il caso dell'asma, il suo trattamento è semplicemente necessario. Il danno che può essere causato al feto da attacchi gravi non controllati, così come gli episodi di ipossia, sono molto più pericolosi per il feto rispetto ai possibili effetti collaterali che possono verificarsi durante l'assunzione di farmaci. Se rifiuti di curare l'asma, questo può minacciare una donna con lo stato asmatico, quindi entrambi possono morire..

    Oggi, nella cura, si predilige l'uso di farmaci inalatori topici, che agiscono localmente, hanno la massima attività nella regione bronchiale, creando la più bassa concentrazione possibile di farmaci nel plasma sanguigno. Durante il trattamento, si consiglia di utilizzare inalatori privi di freon, di solito hanno la marcatura "ECO" o "N", c'è una frase "senza freon" sulle confezioni. Se si tratta di un inalatore aerosol a dose misurata, deve essere utilizzato in combinazione con un distanziatore: questa è una camera aggiuntiva in cui l'aerosol viene erogato dal palloncino prima che il paziente inali. A causa del distanziatore, l'effetto dell'inalazione aumenta, i problemi con l'uso dell'inalatore vengono eliminati e il rischio di effetti collaterali che sono possibili a causa dell'aerosol che entra sulle mucose della faringe e della bocca è ridotto.

    Terapia di base: cosa e perché?

    Per controllare le condizioni di una donna durante la gravidanza, è necessario utilizzare la terapia di base che sopprime il processo di infiammazione nei bronchi. Senza di esso, combattere solo i sintomi della malattia porterà alla progressione della patologia. Il volume del trattamento di base viene selezionato dal medico, tenendo conto della gravità dell'asma e delle condizioni della futura mamma. Questi farmaci devono essere assunti costantemente, ogni giorno, indipendentemente da come ti senti e se ci sono convulsioni. Questo trattamento può ridurre significativamente il numero e la gravità delle convulsioni e ridurre la necessità di farmaci aggiuntivi, che aiutano nel normale sviluppo del bambino. La terapia di base viene eseguita durante la gravidanza e durante il parto. Quindi viene eseguito già dopo la nascita del bambino.

    Con un decorso lieve della patologia, vengono utilizzati ormoni (farmaci Tayled o Intal) e se l'asma si è manifestata per la prima volta durante la gravidanza, iniziano con Intal, ma se non si ottiene un controllo adeguato su di esso, vengono sostituiti con farmaci per inalazione ormonale. Durante la gravidanza, Budesonide o beclometasone vengono utilizzati da questo gruppo, se l'asma era anche prima della gestazione, era controllata da qualche altro farmaco ormonale, puoi continuare la terapia con esso. I farmaci vengono selezionati solo da un medico, in base ai dati di stato e alle metriche del flusso di picco (misurazione della velocità di flusso espiratorio di picco).

    Per monitorare le condizioni della casa, oggi usano dispositivi portatili: misuratori di flusso di picco, che misurano gli indicatori della respirazione. I medici sono guidati dai loro dati quando elaborano un piano terapeutico. Le letture vengono misurate due volte al giorno, al mattino e alla sera, prima di assumere i farmaci. I dati vengono registrati in un grafico e quindi mostrati al medico in modo che possa valutare la dinamica della condizione. In presenza di "tuffi mattutini", tassi bassi, è importante correggere la terapia, questo è segno di una possibile esacerbazione dell'asma.

    In presenza di attacchi d'asma, una donna incinta non può tollerarli, questa è l'ipossia per il feto e un rischio per la propria salute, quindi è possibile utilizzare farmaci per inalazione (con Salbutamolo, Ventolin). Si usano solo quando necessario quando si avverte un attacco di soffocamento..

    È vietato utilizzare farmaci con efedrina durante la gravidanza, poiché portano a una diminuzione del flusso sanguigno nell'utero e all'ipossia fetale.

    Sullo sfondo dell'esacerbazione dell'asma bronchiale o dello sviluppo di raffreddori, l'aumento degli attacchi, il ricovero e il trattamento sono indicati solo sotto la supervisione di un medico per fermare l'esacerbazione.

    Alena Paretskaya, pediatra, editorialista medica

    6.858 visualizzazioni totali, 2 visualizzazioni oggi

    E 'Importante Conoscere La Pianificazione

    Singhiozzo nei neonati: come aiutare

    Parto

    Prendersi cura di un neonato è un lavoro duro tutto il giorno. Molte madri si negano tutto, cercando di far sentire le loro briciole a proprio agio e calme. A volte il comfort del bambino è disturbato dal fenomeno del singhiozzo.

    5 ricette di insalata sicure per le mamme che allattano

    Infertilità

    Dopo essere stata dimessa dall'ospedale, una madre che allatta si trova di fronte alla necessità di selezionare correttamente la sua dieta. Dipende da quanto velocemente può ripristinare le proprie forze e da come si svilupperà il suo bambino.

    I bambini possono mangiare le lenticchie

    Nutrizione

    Un bambino sta crescendo in famiglia ed è già necessario pensare a come diversificare la sua dieta, come nutrirlo in modo che sia accessibile, gustoso e nutriente.

    Stai pianificando una gravidanza? Sai quali test per gli ormoni devi prendere?

    Nutrizione

    Gli ormoni prodotti dalle ghiandole endocrine sono responsabili della regolazione della crescita, del metabolismo e della formazione delle caratteristiche sessuali femminili o maschili.