Principale / Infertilità

Malattie pericolose per il feto

Insieme al morbillo e alla rosolia, rappresentano un enorme pericolo, perché non stiamo parlando solo della salute della madre, ma anche della vita del futuro bambino...

Le malattie virali "infantili" hanno molto in comune. Sono tutti aerotrasportati e altamente contagiosi. Per contrarre uno di questi disturbi, è sufficiente inalare le più piccole goccioline di saliva che il paziente secerne quando respira, parla, tossisce e starnutisce. Il pericolo sta nel fatto che non è affatto facile identificare a occhio una persona infetta. Diventa contagioso diversi giorni prima che compaiano i sintomi caratteristici. Pertanto, puramente teoricamente, qualsiasi persona apparentemente sana può rappresentare una minaccia per una futura madre. Soprattutto se è un bambino. Ma questo non significa affatto che una donna incinta debba andare nel panico e non uscire per tutti i 9 mesi. Non è così spaventoso. La cosa principale è ricordare se aveva morbillo, varicella, parotite e rosolia durante l'infanzia. Se la risposta è sì, la giovane donna può essere calma: non è minacciata da una briciola. Dopo aver sofferto di malattie, il corpo ha sviluppato un'immunità stabile nei loro confronti, quindi non sarà possibile essere infettati di nuovo con tutto il desiderio. Devi preoccuparti solo se le piaghe dei "bambini" hanno aggirato la donna e non è stata vaccinata contro di loro.

Tuttavia, anche se ci fosse una vaccinazione, dovresti andare sul sicuro e, per ogni evenienza, fare il test per gli anticorpi contro i patogeni. In effetti, 25 anni dopo la vaccinazione, l'immunità che si forma per loro è significativamente indebolita o addirittura scompare completamente. Ciò significa che la mamma ha tutte le possibilità di contrarre un'infezione pericolosa..

Morbillo: battiti a distanza

Il morbillo è una delle malattie virali più contagiose. Il bambino può ritirarlo visitando la stanza dove si trovava il paziente 2 ore prima. Ed è sufficiente che una donna incinta, ad esempio, sia nello stesso trasporto con un malato, mentre possono persino sedersi a diverse estremità dell'autobus. Il virus del morbillo supera facilmente una distanza di diverse decine di metri e se ha già raggiunto una persona, sicuramente prenderà il sopravvento. Se questo problema è accaduto alla futura mamma, è molto importante stabilire l'età gestazionale in cui si è ammalata. Più è piccolo, più gravi sono le conseguenze. L'infezione da morbillo nel primo trimestre nel 20% dei casi porta ad aborto spontaneo o varie patologie fetali. Un bambino può nascere con un basso livello di sviluppo intellettuale (oligofrenia) o gravi danni al sistema nervoso. Inoltre, sono questi difetti che vengono diagnosticati peggiori all'inizio della gravidanza. Sfortunatamente, né un ginecologo esperto né un ecografista qualificato saranno in grado di dire con certezza se la giovane donna in una posizione interessante aggirerà il problema o cadrà in questo sfortunato 20%. Pertanto, spesso alle donne che hanno avuto il morbillo all'inizio della gravidanza viene offerto di interromperlo artificialmente. Ma, ovviamente, questa è una misura estrema e prima di decidere su questo passaggio, conducono un esame approfondito.

La prognosi della malattia subito dopo la 16a settimana di gravidanza è più incoraggiante. In questo momento, il morbillo, di regola, è più facile e non ha un effetto negativo sul feto. La malattia non consente alla placenta di vagare, che a questo punto si è finalmente formata e protegge in modo affidabile il futuro bambino dagli effetti negativi di fattori dannosi. Tuttavia, nelle ultime settimane di gravidanza, il pericolo ricompare. Se la madre si ammala più vicino alla finale, allora può infettare il suo piccolo quando passa attraverso il canale del parto. A metà del secolo scorso, un tale "dono" avrebbe potuto portare alla morte di un bambino, ma ora, quando i medici hanno forti antibiotici e moderni metodi di rianimazione nel loro arsenale, la mortalità dei bambini per infezione congenita da morbillo è notevolmente diminuita. La possibilità che l'irreparabile accada al bambino è trascurabile.

Varicella: rara ma azzeccata

I medici dicono che la maggior parte delle persone che credono di non aver mai avuto la varicella durante l'infanzia, infatti, ne hanno sofferto in una forma così lieve che non se ne sono nemmeno accorti. Solo il 4% degli adulti non è immune alla malattia. Questo è probabilmente il motivo per cui si trova raramente nelle donne in gravidanza. Secondo le statistiche, su 2.000 donne incinte, il virus della varicella viene raccolto da una sola. Se una donna si ammala per un massimo di 20 settimane, sono possibili aborto spontaneo e morte fetale intrauterina. Se la gravidanza continua, il pericolo rimane ancora. Il bambino può sviluppare la cosiddetta sindrome della varicella congenita. I difetti che provoca includono cicatrici sulla pelle, sottosviluppo dei muscoli e delle ossa delle estremità, cataratta, vari disturbi neurologici (atrofia della corteccia cerebrale, ritardo mentale, incontinenza urinaria e fecale, ecc.). Fortunatamente, questa sindrome non si verifica più spesso della malattia stessa. La probabilità che si formi in una briciola non supera il 2%. Ma è comunque meglio andare sul sicuro e sottoporsi a un'ecografia non programmata, che ti consentirà di stabilire se il virus della varicella ha raggiunto il feto e, in tal caso, qual è il grado della sua sconfitta.

Non meno pericolosa è una malattia trasferita nella tarda gravidanza, soprattutto 4-5 giorni prima del parto. Quando nasce un bambino, un bambino può essere infettato da una madre. La tragedia sta nel fatto che la varicella nei neonati è molto difficile ed è spesso accompagnata da complicazioni: broncopolmonite e danni agli organi interni. Sfortunatamente, non tutti i bambini affrontano questo test. Un terzo di loro muore. Pertanto, se la futura mamma si ammala di varicella pochi giorni prima del parto previsto, i medici spesso cercano di ritardarla artificialmente. E se ciò non è possibile, immediatamente dopo la nascita, viene somministrata un'immunoglobulina al bambino e viene eseguito un trattamento antivirale. Tali misure non proteggono il neonato dall'infezione, ma possono ridurre significativamente il rischio di morte..

Parotite: spaventoso solo all'inizio

La parotite, o, come la chiamano i medici, la parotite, è meno contagiosa della varicella o del morbillo. Anche uno stretto contatto con il corriere non porta sempre allo sviluppo della malattia. Tuttavia, questo disturbo è comune tra le future mamme. La parotite è più pericolosa nel primo trimestre, quando il virus può facilmente raggiungere l'embrione. In questo caso, la gravidanza spesso si blocca o si verifica un aborto spontaneo. Di regola, ciò accade 2 settimane dopo dopo che la donna si è ammalata. Si ipotizza anche che il virus della parotite infetti le ovaie e che sia per questo motivo che si verifica un aborto spontaneo. Se la gravidanza persiste e il futuro bambino continua a svilupparsi, non c'è motivo di preoccuparsi. La futura mamma può scacciare in sicurezza i pensieri di possibili anomalie. La parotite non causa malformazioni, quindi il piccolo nascerà sano.

Se una donna incinta ha contratto l'infezione poco prima del parto, allora può infettare il suo bambino, come nel caso della varicella e del morbillo, quando nasce. O un po 'più tardi, mettendo il bambino al seno, poiché il virus della parotite si trasmette facilmente attraverso il latte materno. Ma in questo caso, la prognosi è favorevole. Di solito la parotite, anche nei bambini piccoli, è relativamente facile e non causa complicazioni..

Rosolia: codice di pericolo - rosso!

La rosolia è l'infezione "infantile" più pericolosa per le donne incinte, perché la malattia nelle prime fasi (!) Porta sempre alla perdita del bambino. Se l'infezione si è verificata nel primo trimestre, l'infezione raggiungerà sicuramente il feto. Di conseguenza, può verificarsi un aborto spontaneo. Nel caso in cui, dopo una malattia, la gravidanza persista, si verificano cambiamenti irreversibili nello sviluppo del bambino. Molto probabilmente, il bambino nascerà con la sindrome da rosolia congenita, la cosiddetta triade patologica: cataratta, malattie cardiache e sordità. Oltre a ciò, si possono aggiungere microcefalia (una diminuzione delle dimensioni del cervello), microftalmia (una diminuzione delle dimensioni dei bulbi oculari), fontanelle dilatate, malattie infiammatorie del cervello, danni all'apparato vestibolare, malformazioni dello scheletro e degli organi urogenitali. E questo non è un elenco completo della "dote" di un bambino che è stato infettato in utero. Questo è il motivo per cui alle donne incinte che hanno avuto una malattia nel primo trimestre si raccomanda di abortire per motivi medici. Altrimenti, il bambino nascerà difettoso..

Se l'infezione con il virus della rosolia si è verificata dopo 16 settimane, il rischio di nascita di un bambino con malformazioni rimane, ma diventa minimo. Si ritiene che al 4 ° mese di gravidanza, il rischio di infezione del feto sia del 5-6%, al 5 ° e successivamente - circa l'1-1,7%. Pertanto, non è necessario interrompere la gravidanza. Ma vale la pena prepararsi al fatto che il bambino può nascere con bassa statura e basso peso corporeo. In futuro, questi bambini sono in ritardo nello sviluppo fisico rispetto ai loro coetanei. Se la madre viene infettata alla vigilia del parto, il bambino svilupperà tipiche eruzioni cutanee, che presto scompariranno. E il bambino stesso rimarrà contagioso per diversi mesi dopo la nascita..

Opinione di un esperto

Anna Mtskhvetaridze, ostetrica-ginecologa, American Medical Center:

- Diversi anni fa in Russia, la maggior parte delle persone soffriva di infezioni "infantili" in tenera età, quindi queste malattie nelle donne in gravidanza non erano un problema così urgente. Attualmente, molti bambini non vanno all'asilo, a causa del quale aumenta il rischio di malattie in futuro. Se da bambino non hai contratto la rosolia, il morbillo, la varicella e la parotite, assicurati di vaccinarti diversi mesi prima del concepimento. Durante la gravidanza, l'immunizzazione non può essere effettuata, poiché il virus vivo, sulla base del quale vengono creati i vaccini, può influire negativamente sul feto. Nel caso in cui la gravidanza sia già iniziata e le analisi dimostrano che non hai l'immunità ai patogeni delle malattie "infantili", tratta la tua salute il più attentamente possibile e cerca di evitare il contatto con i bambini.

Conosci il nemico di vista

Morbillo: febbre e tosse. I primi sintomi del morbillo si confondono facilmente con il comune raffreddore. Ti senti letargico e rotto, la tua temperatura aumenta, i tuoi occhi sono acquosi, la gola fa male, compaiono il naso che cola e una tosse secca che "abbaia". Dopo 2-3 giorni compaiono piccole macchie biancastre all'interno delle guance, simili alla semola. E dopo pochi giorni, le orecchie, il viso, il corpo e gli arti sono ricoperti da piccole macchie rosse, che gradualmente si scuriscono e si fondono in grandi figure, tra le quali è visibile la pelle sana.

Varicella - bolle sulle labbra. La varicella inizia anche con febbre alta e malessere generale. Dopo alcuni giorni, sulle labbra e sul cuoio capelluto appare una vescica che si diffonde gradualmente al tronco. Queste sono pustole sporgenti e piene di liquido che in seguito si seccano e si trasformano in croste. Non pettinare mai le vesciche, altrimenti potrebbero rimanere delle cicatrici sulla pelle..

Parotite - dolore dietro le orecchie. Il primo segno di parotite è un ingrossamento delle ghiandole salivari. Di solito si infiammano sia a sinistra che a destra, ma solo uno di loro può essere colpito. Se premi con il dito dietro l'orecchio, sentirai un forte dolore. Diventa difficile parlare, masticare e deglutire il cibo. La temperatura può rimanere normale..

Rosolia - pelle maculata. Con la rosolia, i linfonodi nella parte posteriore della testa si gonfiano. Quindi un'eruzione cutanea appare dietro le orecchie e sul viso, che si diffonde rapidamente in tutto il corpo. Le lesioni sono piccole, non si collegano tra loro e scompaiono entro 2-3 giorni.

7 infezioni pericolose durante la gravidanza: come evitarle

Una persona è circondata da vicini invisibili per tutta la vita: microrganismi, virus, animali unicellulari. Molti di loro non sono in grado di causare danni a una persona con un'immunità normalmente funzionante, ma sono pericolosi durante la gravidanza..

Toxoplasmosi

La toxoplasmosi è l'unica malattia nella nostra lista che non appartiene alle infezioni. È una malattia parassitaria. È causato da un animale unicellulare chiamato Toxoplasma. Nella maggior parte delle persone, la toxoplasmosi è asintomatica e non rappresenta un pericolo particolare, ma non durante la gravidanza. Il parassita entra nel corpo umano da cibo contaminato, acqua, attraverso le feci di gatto.

Secondo alcuni studi, la toxoplasmosi infetta una donna incinta su 200 e una malattia congenita si verifica in una su 10.000-30.000 neonati. Se una donna viene infettata poco prima della gravidanza, i rischi per il nascituro sono minimi..

Se infettato nel primo trimestre, la probabilità di trasmettere il parassita al bambino è del 15%, nel secondo trimestre - 30%, nel terzo trimestre - 60% e più breve è la gravidanza, più gravi sono le conseguenze. La toxoplasmosi porta ad aborti spontanei, nati morti, morte dei neonati subito dopo la nascita, ritardo nello sviluppo psicomotorio, riduzione della vista e cecità, paralisi cerebrale, epilessia.

Se hai un gatto in casa, puoi essere infettato da esso. Per evitare ciò, la futura mamma non dovrebbe pulire la lettiera. Come ultima risorsa, fallo con guanti e maschera, quindi lavati accuratamente le mani.

I cinque principi per migliorare la sicurezza alimentare, consigliati da esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità, aiuteranno a prevenire la contaminazione attraverso cibo e acqua

  1. Mantieni pulita la tua cucina.
  2. Il cibo crudo non dovrebbe essere trattato termicamente e ancor più a contatto con esso.
  3. Cuoci bene il cibo.
  4. Conserva il cibo alla giusta temperatura.
  5. Usa acqua potabile e cibi crudi e lava accuratamente frutta e verdura.

Herpes genitale

L'herpes genitale è una malattia che appartiene al gruppo delle infezioni a trasmissione sessuale. È causato da virus herpes simplex del primo e del secondo tipo, puoi contrarre l'infezione durante i rapporti sessuali (compresi quelli orali e anali), i baci. La malattia si manifesta sotto forma di arrossamento, gonfiore e vesciche sulla pelle, molte persone sono asintomatiche. Successivamente, l'agente patogeno rimane nel corpo e la persona diventa un portatore.

Se una donna incinta è malata di herpes genitale, può trasmettere l'agente patogeno al bambino attraverso la placenta o durante il parto. Questo non sempre accade: secondo le statistiche americane, il 25-30% delle future mamme e solo lo 0,1% dei neonati soffre di herpes genitale.

Se una donna si ammala per la prima volta durante la gravidanza, il rischio di contrarre il feto o trasmissione durante il parto è del 50-75%. Se l'herpes cronico si ripresenta, la madre ha già gli anticorpi e questi possono proteggere il bambino: il rischio di trasmissione durante il parto è del 5%. Il virus dell'herpes può causare aborto spontaneo, danni al cervello, al fegato del bambino, malformazioni congenite, morte.

Se viene rilevata un'esacerbazione dell'herpes dopo 32 settimane di gravidanza, molto probabilmente il medico consiglierà un taglio cesareo.

Nelle fasi successive, viene utilizzato un farmaco antivirale, ma non proteggerà il bambino del 100%, inoltre, la sua sicurezza durante la gravidanza non è stata completamente studiata.

Se una donna non è infetta e il suo partner ha l'herpes genitale (i test aiuteranno a punteggiare la i), il sesso durante le esacerbazioni è controindicato e quando i sintomi si attenuano, rigorosamente con un preservativo. Se un partner ha l'herpes orale, i baci e il sesso orale sono proibiti.

Infezione da citomegalovirus

Il citomegalovirus appartiene al gruppo dei virus dell'herpes: i suoi cugini stretti causano l'herpes e la varicella. Molte persone sono portatrici del patogeno: una volta hanno avuto un'infezione, e da allora il virus “dorme” nel loro corpo. La trasmissione del citomegalovirus avviene attraverso fluidi biologici: urina, saliva, sperma, latte materno.

Per una persona sana con un sistema immunitario normalmente funzionante, i citomegalovirus non sono pericolosi. L'infezione è molto spesso asintomatica o accompagnata da febbre e gonfiore temporaneo dei linfonodi.

Infezione pericolosa o riattivazione dell'infezione durante la gravidanza. Per un bambino, questo è irto di perdita dell'udito, vista, crisi epilettiche, intelligenza ridotta e capacità di apprendimento, debolezza muscolare e disturbi della coordinazione dei movimenti, microcefalia (diminuzione delle dimensioni del cranio).

Se ti prendi cura dei bambini e allo stesso tempo non sei un portatore del virus (secondo i risultati dei test), ecco cosa ti aiuterà a proteggerti dalle infezioni:

  • Lavati spesso le mani. Cambia i pannolini con i guanti.
  • Non baciare i bambini in faccia.
  • Non condividere utensili e articoli per l'igiene con i bambini.

Listeriosi

Listeria: i batteri che si trovano nel suolo, nell'acqua, possono arrivare sulla superficie di frutta e verdura. Alcuni animali li portano. Questi microrganismi si trovano nella carne cruda, nel latte non pastorizzato e nei latticini. La listeriosi è un'infezione relativamente rara ma pericolosa; il rischio di infezione durante la gravidanza, secondo alcuni rapporti, è 20 volte superiore.

Le prime manifestazioni si verificano 2-30 giorni dopo l'infezione. Disturbato da sintomi simil-influenzali, mal di testa e dolori muscolari, nausea, vomito, febbre, diarrea.

Durante la gravidanza, il rischio di una pericolosa forma invasiva di listeriosi aumenta, quando si sviluppa la sepsi, la meningite. Il tasso di mortalità è del 20-30%. La Listeria porta ad aborti spontanei, parto prematuro, natimortalità (in circa una donna su cinque che si ammala). Può verificarsi infezione del neonato.

Per prevenire la listeriosi e altre infezioni di origine alimentare, aderire ai cinque principi dell'OMS per il miglioramento della sicurezza alimentare, di cui abbiamo discusso sopra..

Varicella

Il virus della varicella è un parente del virus dell'herpes e del citomegalovirus. La maggior parte degli adulti è immune alla varicella perché si è ammalata durante l'infanzia. Ma in rari casi, se l'immunità è notevolmente ridotta, puoi essere infettato una seconda volta..

Nell'ambiente esterno il virus muore rapidamente, ma una volta entrato nel corpo umano non mancherà il proprio: la suscettibilità alle infezioni tra chi non è stato ammalato è del 100%.

Secondo le statistiche britanniche, 3 donne su 1000 contraggono la varicella durante la gravidanza. Questo è irto di gravi complicazioni sia per la madre stessa che per il feto..

I rischi per il bambino dipendono dallo stadio della gravidanza in cui si è verificata l'infezione: se fino a 28 settimane, può svilupparsi la sindrome della varicella fetale, si manifesta sotto forma di sottosviluppo di braccia e gambe, cicatrici cutanee, microcefalia, danni al cervello, vescica, intestino e se infettato per un periodo di 28-36 settimane, il virus entra nel corpo del bambino e in alcuni casi si attiva nei primi anni di vita.

Se una donna incinta viene infettata dopo 36 settimane, il bambino può contrarre l'infezione e nascerà con la varicella, che a volte è molto grave e può portare alla morte..

Esiste un vaccino per la prevenzione della varicella, ma non dovrebbe essere somministrato tre mesi prima e durante la gravidanza, durante l'allattamento. Se non sei stato malato e non sei stato vaccinato, non dovresti contattare persone malate. Particolarmente alto rischio di infezione da bambini che frequentano l'asilo, la scuola.

Rosolia

Grazie alla vaccinazione, la rosolia è diventata una malattia rara, tuttavia, qualsiasi gestante non vaccinata è a rischio di ammalarsi e questo è irto di gravi conseguenze per il feto. Il virus della rosolia è diffuso da goccioline trasportate dall'aria, la fonte dell'infezione è una persona malata.

Una donna che prende la rosolia durante la gravidanza ha un aumentato rischio di natimortalità e parto prematuro. L'infezione è particolarmente pericolosa nel primo trimestre - fino a 12 settimane. Il bambino sviluppa la sindrome da rosolia congenita, che può manifestarsi come sordità, cataratta, difetti cardiaci, ridotta intelligenza, milza e danni al fegato, peso ridotto ed eruzioni cutanee dopo la nascita, glaucoma, polmonite, problemi alla tiroide.

Un modo sicuro per proteggersi dalla rosolia durante la gravidanza è vaccinarsi in anticipo. Puoi rimanere incinta non prima di 4 settimane dopo la somministrazione del vaccino. Non puoi essere vaccinato durante la gravidanza.

Virus Zika

Il virus Zika è diventato una popolare storia dell'orrore dopo che è stato dichiarato una minaccia globale dagli esperti dell'OMS. Questa infezione non può essere contratta in tutti i paesi. Un elenco completo può essere trovato, ad esempio, su gov.uk. Vettori - zanzare.

Il virus Zika è considerato pericoloso per le donne incinte. Ci sono prove che causi microcefalia in un bambino, ritardo dello sviluppo, nanismo o bassa statura, ritardo mentale, iperattività. Non ci sono prove inequivocabili, il grado di rischio è sconosciuto, eppure il rischio non ne vale la pena.

Durante la gravidanza, è meglio non visitare paesi in cui puoi essere infettato. E se, tuttavia, una donna decide di fare un viaggio del genere, è necessario prendere misure per proteggersi dalle zanzare: indossare abiti che coprano tutto il corpo, usare repellenti, zanzariere su finestre e porte.

Infezioni comuni durante la gravidanza

Durante la gravidanza, le persone si preoccupano maggiormente di contrarre l'infezione e di come la malattia potrebbe influenzare il bambino in via di sviluppo. Questo articolo esamina le infezioni comuni durante la gravidanza. Fornisce inoltre informazioni su come possono influenzare il feto e su come prevenirne lo sviluppo..

Tutte le infezioni genitali sono ugualmente pericolose per le donne incinte??

Si ritiene che le infezioni vaginali, comprese le infezioni da lieviti, siano comuni durante la gravidanza. Ciò è dovuto a un sistema immunitario indebolito e a cambiamenti ormonali. Pertanto, di regola, tali problemi spesso non sono motivo di preoccupazione..

Le infezioni uterine provengono dall'esterno e causano gravi complicazioni.

Infezioni vaginali durante la gravidanza

Le donne incinte sono più vulnerabili a determinate infezioni e, se la malattia non viene curata, possono svilupparsi complicazioni più gravi. Chiunque abbia un'infezione anche minore durante la gravidanza dovrebbe consultare un ginecologo.

Infezioni da lieviti vaginali

Questo è un mughetto causato da funghi microscopici simili a lieviti del genere Candida. Il problema di solito si verifica durante la gravidanza a causa di cambiamenti nel sistema immunitario, aumento della produzione di glicogeno e aumento dei livelli di estrogeni. Circa il 20% di tutte le donne ha inizialmente la candidosi. Questa cifra sale al 30 percento durante la gravidanza. La candidosi è più evidente nel secondo e terzo trimestre.

I sintomi più comuni includono:

  • perdite vaginali bianche;
  • prurito e bruciore nella zona genitale;
  • dolore e bruciore durante il rapporto;
  • dolore durante la minzione.

Le donne possono usare farmaci da prescrizione o da banco per trattare le infezioni da lieviti vaginali, ma solo dopo aver consultato prima il medico o l'ostetrica. Prima di iniziare il trattamento, è molto importante fare una diagnosi accurata, poiché altre infezioni, come la vaginosi batterica e la clamidia, possono essere confuse con il mughetto..

Vaginosi batterica

La vaginosi batterica (BV) è un'infezione batterica facilmente curabile nella vagina. Con questa malattia, la microflora nell'organo cambia. I sintomi includono:

  • prurito, bruciore o dolore alla vagina;
  • un odore sgradevole che si intensifica dopo il rapporto;
  • una grande quantità di scarico.

Se non trattata durante la gravidanza, la vaginosi batterica porterà a parto prematuro e perdita di peso alla nascita..

Streptococco di gruppo B.

Lo streptococco di gruppo B è un gruppo di batteri che si trovano comunemente nella vagina e nel retto. Di solito non causano sintomi. Tuttavia, le donne che hanno lo streptococco nel corpo possono trasmetterlo ai loro bambini alla nascita..

Avere lo streptococco in un neonato può essere fatale. Nella tarda gravidanza, lo streptococco può essere rilevato superando i test inclusi nella serie standard di esami prenatali. Il trattamento di una donna incinta con antibiotici per via endovenosa riduce significativamente il rischio di trasmettere lo streptococco al suo bambino.

Infezioni uterine durante la gravidanza

Un'infezione nell'utero può essere pericolosa per una serie di motivi e può colpire la placenta, danneggiare il feto in via di sviluppo, causare un travaglio prematuro o causare anomalie alla nascita.

Le infezioni uterine si sviluppano spesso quando i batteri dalla vagina entrano nell'utero, quindi un'infezione vaginale non trattata è un fattore di rischio per l'infezione nell'utero. Una donna è più suscettibile alle infezioni uterine se le membrane si rompono durante un travaglio prolungato.

Il trattamento include antibiotici e può richiedere il ricovero in ospedale. Se si sviluppa la febbre durante il travaglio, un medico o un'ostetrica monitoreranno il feto. Se i sintomi sono gravi, il medico eseguirà un taglio cesareo.

Altre infezioni durante la gravidanza

La gravidanza provoca molti cambiamenti nel corpo, rendendo una donna più suscettibile alle complicazioni. Ad esempio, i cambiamenti della pelle legati agli ormoni durante la gravidanza possono causare condizioni come eczema o pelle secca grave..

Alcune altre infezioni che possono essere più gravi durante la gravidanza includono:

  • influenza;
  • Epatite E, che di solito è una forma lieve di epatite virale;
  • listeriosi, che può causare intossicazione alimentare;
  • morbillo;
  • HIV.

L'aumento del rischio durante la gravidanza non è del tutto chiaro agli scienziati, ma è già noto che alcune delle patologie sono associate agli ormoni e ad altri cambiamenti che modificano il numero di cellule del sangue nel corpo..

Ad esempio, alla fine della gravidanza, il numero di cellule T che aiutano a combattere le infezioni diminuisce. La gravidanza provoca anche una maggiore circolazione e richieste al cuore. Questi requisiti possono anche esacerbare le complicazioni..

Ad esempio, se una donna incinta sviluppa una polmonite da influenza, potrebbe avere problemi di respirazione a causa delle maggiori richieste poste al cuore e ai polmoni dal feto..

Alcuni medicinali che possono trattare efficacemente le infezioni comuni sono pericolosi durante la gravidanza. Pertanto, è molto importante che le donne incinte che hanno infezioni parlino con il proprio medico per valutare i benefici ei rischi delle diverse opzioni di trattamento..

Come le infezioni materne influenzano il bambino?

Molteplici infezioni possono colpire un bambino in via di sviluppo. Tuttavia, i medici inizialmente trovano difficile dire se il feto sarà colpito e in che misura..

Le infezioni possono colpire il tuo bambino in tre modi:

  • Possono danneggiare la madre rendendo il suo corpo meno capace di trasportare un bambino o richiedendo l'uso di farmaci che possono danneggiare il feto..
  • Possono danneggiare direttamente il bambino provocando cambiamenti che portano ad anomalie alla nascita.
  • Possono causare parto prematuro o aborto spontaneo.

Secondo i medici, le infezioni note per danneggiare il feto in via di sviluppo includono:

  • vaginosi batterica, che può causare un travaglio prematuro;
  • malattie infettive come epatite, sifilide, herpes e HIV che possono infettare il feto;
  • clamidia, che può causare infezioni agli occhi e polmonite;
  • la gonorrea, che inquina il liquido amniotico, provoca un travaglio prematuro e porta a infezioni agli occhi e possibile cecità;
  • streptococco di gruppo B, che causa gravi complicazioni nei neonati e persino la morte;
  • toxoplasmosi, che causa anomalie alla nascita e disabilità intellettive;
  • citomegalovirus, che può anche causare anomalie alla nascita e disabilità intellettive;
  • listeria, che può causare aborto spontaneo, natimortalità e anomalie alla nascita.

Altre infezioni possono anche danneggiare il bambino in via di sviluppo, a seconda della salute generale della donna incinta, dello sviluppo dell'infezione e se ha ricevuto cure.

Prevenzione

I Centers for Disease Control and Prevention forniscono alcuni metodi per ridurre il rischio di infezione durante la gravidanza, tra cui.

  • usa un preservativo e chiedi al tuo partner di eseguire test a trasmissione sessuale (IST);
  • lavarsi accuratamente le mani;
  • evitare le persone che hanno infezioni contagiose;
  • evitare cibi non pastorizzati;
  • ottenere un vaccino antinfluenzale
  • sottoporsi a test per malattie sessualmente trasmissibili e streptococco di gruppo B..

Molte donne durante la gravidanza non hanno complicazioni. Un trattamento tempestivo aumenta la probabilità di avere un bambino sano del 70-80%. Pertanto, se si verificano sintomi insoliti durante la gestazione, è necessario fissare un appuntamento con un ostetrico-ginecologo.

Anche la diagnosi prenatale è fondamentale in quanto rileva alcune infezioni anche prima che causino sintomi e complicazioni.

18 malattie più pericolose per una donna incinta

Queste 18 malattie possono danneggiare la salute e lo sviluppo del nascituro

Di Vladlena Egorova 03/02/2017, 19:04 15.3k visualizzazione

Le malattie della futura mamma possono avere un impatto diretto sulla salute e sullo sviluppo del feto. Pertanto, le donne incinte prestano maggiore attenzione allo stato del loro corpo..

Il periodo più pericoloso è il primo trimestre. Durante questo periodo, il feto è maggiormente a rischio. Pertanto, molti genitori preferiscono mantenere segreta la gravidanza nei primi 3 mesi. Dopo il primo trimestre, il bambino non è più così vulnerabile, ma alcune malattie minacciano ancora il suo sviluppo e persino la vita..

Prevenzione e vaccinazione

Molto spesso, le donne incinte sono preoccupate per infezioni che non hanno mai incontrato prima. La vaccinazione è un modo per prevenire varie malattie e può aiutare a prevenire l'insorgenza di alcune malattie..

L'osservazione regolare da parte di un medico, i test tempestivi e l'aderenza alle sue raccomandazioni sono una garanzia per ridurre il rischio di aborto spontaneo e infezione fetale durante la gravidanza..

18 malattie più pericolose per una donna incinta

1. Infezioni delle vie urinarie

Le infezioni del tratto urinario più comuni durante la gravidanza sono la cistite e il mughetto. Rappresentano il pericolo maggiore nel primo e nell'ultimo trimestre di gravidanza. Nelle ultime settimane queste malattie possono portare a parto prematuro..

2. Diabete gestazionale

Questo è il nome di un aumento dei livelli di glucosio nel sangue in una donna incinta. È causato da una produzione insufficiente di insulina da parte del pancreas. Il diabete gestazionale non è una minaccia per il bambino. Tuttavia, può portare allo sviluppo di altri tipi di diabete nella gestante se non vengono prese misure appropriate..

3. Sifilide

Una delle malattie più facilmente trasmissibili al feto. Può portare a aborto spontaneo e natimortalità. La terapia più comune è la penicillina.

4. Anemia

Un problema comune tra le donne incinte. Fortunatamente, può essere facilmente eliminato con una dieta ricca di ferro. È anche possibile prescrivere vitamine.

5. Morbillo

Il morbillo in gravidanza può provocare parto prematuro, aborto spontaneo o sviluppo di malattie polmonari croniche. Per evitare ciò, è necessario vaccinarsi contro il morbillo..

6. Herpes genitale e varicella

Queste malattie sono pericolose sia per il bambino che per il feto appena nato. Sono possibili la comparsa di cataratta, sviluppo insufficiente di tessuti e organi, microcefalia e difetti ossei. Queste conseguenze sono molto probabili se una donna si ammala nelle prime 20 settimane di gravidanza..

Se l'infezione si verifica un mese prima del parto, viene prescritto un taglio cesareo per ridurre al minimo il rischio di infezione del bambino.

7. Rosolia

Sfortunatamente, non esiste una terapia per questa condizione. È necessaria l'osservazione regolare da parte di un medico per determinare nel tempo possibili malformazioni, tra cui cecità, microcefalia, malattie cardiovascolari e sordità.

8. Infiammazione delle gengive

Anche le comuni malattie gengivali possono danneggiare il feto o portare a un parto prematuro..

9. Vaginite

I sintomi di questa malattia sono secrezione e odore forte, ma non viene trasmessa sessualmente. Stiamo parlando di un disturbo nella flora della vagina, che può essere innescato da uno stress ordinario o da un altro fattore che ha indebolito le funzioni protettive del corpo.

10. Citomegalovirus

Questa infezione infetta il sangue, quindi c'è un'alta probabilità di trasmettere il virus a tuo figlio. Esiste una terapia antivirale, ma è meglio prevenire l'infezione della futura mamma evitando di mangiare carne scarsamente fritta e frutta e verdura non lavate.

11. Toxoplasmosi

Per evitare questa malattia, la carne deve essere trattata termicamente e la frutta e la verdura devono essere lavate accuratamente. Inoltre, se in casa sono presenti animali, soprattutto gatti, il contatto con le loro feci dovrebbe essere ridotto al minimo. Chiedi agli altri membri della famiglia di cambiare il vassoio della sabbia del tuo animale domestico.

12. HIV

In alcuni casi, la madre può scegliere un parto tradizionale senza timore di infezione del bambino. Dopo il parto, il bambino viene lavato per ridurre il rischio di infezioni trasmesse dal sangue e vengono somministrati farmaci per prevenire la trasmissione del virus. L'allattamento al seno è escluso in quanto il virus può essere trasmesso attraverso il latte materno.

13. Epatite B

Circa la metà delle madri infette trasmette il virus dell'epatite B ai propri bambini. Ma l'osservazione regolare da parte di un medico e l'adesione a tutte le sue raccomandazioni aiuteranno a evitarlo. Anche prima della nascita, viene eseguita la terapia immunoglobulinica e, dopo la nascita di un bambino, viene vaccinato il prima possibile per ridurre il rischio di trasmissione del virus.

14. Epatite C

Il problema principale è che questo virus in breve tempo porta a cirrosi epatica ed epatite cronica. Anche l'allattamento al seno non è raccomandato per l'epatite C..

15. Malattie a trasmissione sessuale

Le malattie più comuni nelle donne in gravidanza sono le malattie a trasmissione sessuale. Ci sono antibiotici e agenti antivirali che vengono prescritti in questo caso..

16. Polmonite

Una delle malattie più pericolose sia per la madre che per il bambino. La condizione stessa è difficile da trattare e la gravidanza esacerba la condizione. Una donna incinta, a causa del generale indebolimento del corpo, è più propensa a sviluppare questa complicanza in caso di comune raffreddore o influenza.

17. Chikungunya

Alle nostre latitudini, questa malattia non si è mai diffusa, a differenza dei paesi più caldi. Tuttavia, non dimenticartene se prevedi di viaggiare. La chikungunya è trasportata dalle zanzare, un morso delle quali può infettare una donna incinta. Sebbene gli aborti spontanei siano piuttosto rari nelle donne in gravidanza con chikungunya, sia la futura mamma che il bambino dovrebbero visitare regolarmente il medico dopo la nascita per ridurre al minimo il rischio di infezione.

Fino ad allora, non è noto come funzioni il virus, ma il rischio di sviluppare microcefalia è molto alto. Si trasmette allo stesso modo della chikungunya attraverso le punture di zanzara e negli ultimi anni ha raggiunto proporzioni epidemiche in alcuni paesi meridionali. Quindi, se stai pianificando una visita in terre esotiche, è meglio chiarire la situazione epidemiologica in questo paese..

Guarda il video e scopri di più sulle infezioni durante la gravidanza.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici!

Malattie che possono minacciare la gravidanza

La gravidanza è un processo complesso e sorprendente pianificato dalla natura. Tuttavia, a volte la gravidanza non procede così agevolmente come dovrebbe essere. In questo articolo, esamineremo alcune delle malattie che possono minacciare il corso della gravidanza. Conoscendo e tenendo conto di questi fattori, puoi ridurre significativamente il rischio di interruzione della gravidanza..

Attualmente, sempre più malattie stanno "diventando più giovani", colpendo così giovani donne e ragazze in età fertile. Spesso la malattia non si fa sentire e solo la gravidanza può "indicare" la presenza di malattie nascoste. Pertanto, quando si pianifica una gravidanza, i medici raccomandano di sottoporsi a un esame che può rivelare la malattia. Dopo aver curato la malattia, puoi iniziare tranquillamente a pianificare la tua gravidanza. Se la malattia non può essere curata, è importante essere osservati durante la gravidanza non solo da un ginecologo, ma anche da specialisti ristretti..

Malattie del sistema cardiovascolare:

Ischemia cardiaca

Un'attenzione particolare dei cardiologi oggi è rivolta alla condizione di cardiopatia ischemica (IHD), che può accompagnare la gravidanza. Questa condizione può avere un impatto significativo sul corso della gravidanza e sulle condizioni generali di una donna che potrebbe soffrirne durante il parto e il periodo postpartum. È molto importante che la presenza di malattia coronarica aumenti più volte il rischio di infarto miocardico..

Le cause della malattia ischemica. Quindi, la rapida contrazione del cuore, un aumento del volume di sangue che circola attraverso i vasi e un cambiamento nei parametri del cuore, porta ad un aumento della necessità di tessuto cardiaco (miocardio) in ossigeno. Inoltre, le future mamme sviluppano uno stato di ipercoagulabilità, ciò è dovuto all'influenza degli ormoni della gravidanza. Allo stesso tempo, nel plasma sanguigno si forma un livello aumentato di fattori speciali che coagulano il sangue e il livello di piastrine e fibrinogeno cresce anche sullo sfondo del fatto che non c'è abbastanza proteina speciale e c'è una carenza nel sistema di fibrinolisi. Tali circostanze possono influire negativamente sul decorso della malattia coronarica della futura mamma..

Caratteristiche dell'ischemia durante la gravidanza. La IHD può spesso essere osservata nelle donne in gravidanza di determinati gruppi. Questi includono donne di età superiore ai 40 anni, fumatori a lungo termine, diabete mellito, uno stato di aumento dei livelli di lipidi e uno stato di ipertensione arteriosa. Inoltre, possono soffrire anche le donne che hanno precedentemente assunto contraccettivi orali per un lungo periodo e che hanno una predisposizione ereditaria alla malattia coronarica. Un aumento del rischio di malattia coronarica durante la gravidanza può essere osservato nelle donne in gravidanza con gravidanze multiple, con uno stato di preeclampsia, con emorragia postpartum o precedente infezione, così come in quelle che hanno avuto una storia di trasfusione di sangue.

Sintomi della cardiopatia ischemica durante la gravidanza.
I principali sintomi della cardiopatia ischemica nelle donne in gravidanza includono sintomi quali: dolore nello spazio retrosternale di natura pressante o compressiva. Allo stesso tempo, i dolori si irradiano (si irradiano) a destra oa sinistra, su, giù o sulla proiezione della schiena; emozione e ansia; paura della morte e sensazione di mancanza d'aria; forte sudorazione; dispnea; aritmia; aumenta la pressione sanguigna; nausea. Se compare una sindrome del dolore, questa non dovrebbe essere ignorata dalla donna incinta, poiché tali manifestazioni possono indicare complicazioni potenzialmente letali: infarto miocardico, sviluppo di shock cardiogeno, crisi ipertensive, dissezione aortica, pericardite, miocardite.

Rigurgito mitrale e aortico

Stenosi mitralica

La sindrome di Eisenmenger

Le donne incinte con questa diagnosi sono a rischio di collasso improvviso e morte durante il parto o nel periodo postpartum. Il rischio è così grande che la gravidanza non è raccomandata. Se si verifica, il travaglio dovrebbe avvenire nelle condizioni più favorevoli: sono necessari un adeguato sollievo dal dolore e la preparazione per la RCP, è anche importante prevenire uno shunt destro-sinistro mantenendo la resistenza vascolare periferica e riducendo al minimo la resistenza vascolare polmonare; inoltre è necessario controllare il ritorno venoso.

Sindrome di Marfan

La gravidanza con la sindrome di Marfan è pericolosa per almeno due motivi. In primo luogo, c'è il rischio di eredità, che è del 50% secondo la legge di Mendel. In secondo luogo, durante il terzo trimestre di gravidanza e nel primo periodo postpartum, il rischio di formazione di aneurisma aortico, rottura, dissezione di un aneurisma aortico esistente e insorgenza di endocardite settica aumenta notevolmente.

La stratificazione dell'aneurisma aortico durante la gravidanza è associata ad un aumento del volume sanguigno circolante, compressione aorto-cavale e cambiamenti ormonali. Il rischio di sviluppare questa complicanza aumenta in proporzione all'aumento della gravidanza..

Per diagnosticare un aneurisma aortico durante la gravidanza, l'uso più informativo dell'ecocardiografia (EchoCG), che consente di determinare la dimensione dell'aorta più volte durante la gravidanza, prima del parto e nel periodo postpartum. A tutte le donne in gravidanza con sindrome di Marfan vengono prescritti bloccanti adrenergici a scopo profilattico, che riducono la gittata cardiaca e la progressione della dilatazione aortica con rischio di dissezione. Il parto naturale è possibile nelle donne senza patologia pronunciata del sistema cardiovascolare e con diametro aortico non superiore a 4 cm. La gravidanza e il parto in tali donne, di regola, avvengono senza gravi complicazioni per la madre e il feto.

Prolasso della valvola mitrale

Più comune nelle giovani donne. Questo di solito è un disturbo isolato, ma a volte è associato alla sindrome di Marfan oa un difetto del setto interatriale. Con il prolasso mitralico, la gravidanza è generalmente ben tollerata. Il relativo aumento delle dimensioni del ventricolo neutralizza la discrepanza tra il suo volume e la valvola mitrale eccessivamente grande. I pazienti asintomatici non richiedono alcun altro trattamento, ad eccezione della somministrazione profilattica di antibiotici durante il parto, quando è possibile una complicanza sotto forma di endocardite batterica. Con aritmie ricorrenti, sono indicati i beta-bloccanti e, in quei rari casi in cui si sviluppano embolie sistemiche o polmonari, vengono prescritti anticoagulanti alle donne in gravidanza. Il prolasso della valvola mitrale durante la gravidanza di solito non peggiora.

Pressione sanguigna alta o bassa

La gravidanza cambia in modo significativo il volume del sangue, che spesso porta ad un aumento della pressione sanguigna. Ciò è in parte dovuto al fatto che il muscolo cardiaco si contrae più velocemente e più spesso e in parte a causa dei cambiamenti ormonali nei vasi sanguigni..

Si dice che la pressione alta (ipertensione) sia di 140/90 mm Hg. Arte. e più in alto. Il trattamento dell'ipertensione nelle prime fasi consiste nel seguire le raccomandazioni standard: una dieta equilibrata con un basso contenuto di sale da cucina, un buon riposo notturno, un minimo di attività fisica e un lavoro faticoso fuori casa. Durante questo periodo, la pressione sanguigna deve essere controllata spesso e i farmaci per l'ipertensione sono prescritti da un medico. Se la pressione alta viene rilevata per la prima volta nelle prime fasi della gravidanza, la donna viene indirizzata a un esame in ospedale per scoprire se ci sono altri motivi per questo, ad esempio malattie renali o diabete.

Un leggero aumento della pressione sanguigna all'inizio della gravidanza colpisce raramente il nascituro. Dopo il parto, la pressione sanguigna di solito torna alla normalità entro pochi giorni..

La pressione sanguigna inferiore a 100/60 è considerata bassa pressione sanguigna, gli esperti la chiamano ipotensione. La pressione sanguigna bassa è più spesso osservata all'inizio della gravidanza, nel primo trimestre. Ma anche in un secondo momento nel 2 ° e 3 ° trimestre, anche le donne incinte incontrano questo fenomeno, a volte per la prima volta. Se prima della gravidanza soffrivi di emicrania e pressione sanguigna instabile, con il suo insorgere è quasi garantito che la situazione peggiori. E, molto probabilmente, già nelle prime fasi.

Sintomi di bassa pressione sanguigna. Nonostante il fatto che l'ipotensione sia caratteristica delle donne incinte, non sempre provano disagio a causa di ciò. Una leggera diminuzione della pressione sanguigna potrebbe non essere avvertita in alcun modo dalla futura mamma e potrebbe non rendere necessaria l'adozione di misure speciali. In questi casi, i medici parlano di ipotensione fisiologica nelle donne in gravidanza. Ma molti di loro devono provare un malessere molto reale e andare dai medici con lamentele di cattiva salute:

  • vertigini;
  • mal di testa;
  • palpitante alle tempie o dietro la testa;
  • nausea;
  • svenimento;
  • oscuramento e increspature negli occhi;
  • rumore o ronzio nelle orecchie;
  • debolezza, grave affaticamento;
  • prestazioni ridotte, affaticamento rapido;
  • improvvisi cambiamenti di umore e stato emotivo;
  • tremore agli arti (braccia e gambe "non servono" come estranei);
  • sonnolenza (o insonnia);
  • compromissione della memoria;
  • disagio nella regione del cuore;
  • buttarsi nel sudore;
  • dipendenza dal tempo.

La bassa pressione è pericolosa. L'ipotensione, come l'ipertensione, comporta alcuni rischi. Le sue manifestazioni inespresse sono di solito completamente sicure e talvolta possono anche essere utili se costringono la futura mamma a moderare il suo ardore lavorativo e ad assegnare più tempo per il riposo.

Tuttavia, non si può ignorare un calo netto, frequente e significativo della pressione sanguigna nelle donne in gravidanza. A causa della grave ipotensione, la circolazione sanguigna nel circolo uteroplacentare rallenta, il che può provocare ipossia fetale intrauterina e ritardo della crescita intrauterina. La pressione ridotta a volte interferisce con il normale corso del travaglio, perché la donna non è in grado di spingere e l'utero si contrae male, il che ritarda il processo del travaglio (si nota un travaglio debole) e aumenta la probabilità di sanguinamento da lavoro. Una pressione sanguigna molto bassa può anche essere un'indicazione per un taglio cesareo.

Diabete mellito durante la gravidanza

Dall'uso dell'insulina, le donne con diabete sono diventate capaci di portare gravidanze. Grazie ad un'attenta supervisione medica, la gravidanza non minaccia più la salute e la vita della madre. Tuttavia, il diabete, anche se adeguatamente trattato, è ancora motivo di preoccupazione per il bambino..

  • Tipo I (insulino dipendente);
torna al contenuto ↑

Diabete mellito di tipo I.

È una patologia grave in cui si osserva una disfunzione parziale o completa del pancreas, a seguito della quale il corpo inizia a sperimentare una carenza di insulina e perde la capacità di elaborare lo zucchero che lo entra con il cibo. Ci sono alcune condizioni del diabete in cui la gravidanza non è raccomandata. E questi includono:

  • salute instabile;
  • frequenti esacerbazioni del diabete mellito, che possono influire negativamente sullo sviluppo e sulla formazione del feto;
  • alti rischi di avere un figlio con disabilità;
  • un'alta probabilità di aborto spontaneo all'inizio della gravidanza e l'inizio di un parto prematuro.

Con lo sviluppo del diabete di tipo I, il processo di degradazione del glucosio viene interrotto. La conseguenza di ciò è l'accumulo di una grande quantità di sostanze tossiche nel sangue, che vengono anche trasmesse attraverso il flusso sanguigno al feto, provocando lo sviluppo di varie patologie in esso, incluso il diabete mellito..
Per avere un bambino sano e forte, i medici non consigliano alle donne di assumere farmaci durante la gravidanza. Ma poiché con il diabete di tipo I nel corpo c'è una grave carenza di insulina, non puoi fare a meno dei farmaci.

Molto spesso, il diabete mellito rappresenta una seria minaccia per la salute di una donna incinta e del suo bambino non ancora nato. E per prevenire lo sviluppo di complicazioni, i medici spesso ricoverano in ospedale queste donne per assicurarsi che non ci siano minacce..

Di norma, il primo ricovero in ospedale si verifica nel momento in cui a una donna con diabete viene diagnosticata una gravidanza. In questo caso, le fanno tutti i test necessari, controllano il suo stato di salute generale e valutano se è necessario interrompere la gravidanza o meno..

  • Tipo II (non insulino dipendente);
torna al contenuto ↑

Diabete mellito di tipo II

caratterizzato da una violazione della risposta metabolica all'insulina endogena o esogena. Ciò porta ad un aumento della glicemia. La gravidanza con diabete di tipo II ha i suoi rischi. E prima di tutto, ciò è dovuto all'eccesso di peso e all'uso di farmaci farmacologici. A seconda della forma della malattia, alle donne con diabete di tipo II può essere prescritta una dieta o farmaci ipoglicemici. Ma durante la gravidanza, il medico può raccomandare l'insulina, poiché gli agenti ipoglicemici possono abbassare la concentrazione di glucosio nella linfa fetale e influenzare lo sviluppo e la formazione dei suoi tessuti e organi. Sebbene la teratogenicità dei farmaci ipoglicemizzanti non sia completamente compresa, i medici ritengono più appropriato prescrivere l'insulina.
Con il diabete mellito, è possibile la progressione delle malattie vascolari (il più delle volte renopatia diabetica, danno renale). Nel caso dell'aggiunta di gestosi in una donna incinta, c'è:

  • aumento della pressione sanguigna;
  • rigonfiamento;
  • proteine ​​nelle urine.

Inoltre, l'aborto spontaneo nel secondo trimestre è spesso possibile con il diabete mellito. Le donne con malattia di tipo II tendono a partorire in tempo.

La gravidanza con diabete di tipo II deve essere attentamente monitorata da un medico. Con la compensazione della patologia e la diagnosi tempestiva delle complicanze, la gravidanza andrà bene, nascerà un bambino sano e forte.

Diabete gestazionale

Un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue, che è caratteristico solo della gravidanza, è riconosciuto come un tipo di diabete ed è chiamato gestazionale.

Segni della malattia: aumento dei livelli di zucchero nel sangue aumento del peso corporeo. Il motivo principale è l'ereditarietà. Il diabete nei parenti stretti aumenta significativamente il rischio di svilupparlo. Anche le infezioni virali che colpiscono il pancreas e le malattie autoimmuni che distruggono le cellule del pancreas causano il diabete. Il diabete può essere causato da una cattiva alimentazione e dallo stile di vita.

Sintomi della malattia: disturbi del sonno; sete costante; aumento della minzione; cambiamento di appetito; debolezza; prurito alla pelle; malattie della pelle purulente; sensazione di secchezza in bocca; visione offuscata.

Poiché il rischio per la vita della madre aumenta verso la fine della gravidanza, molte donne partoriscono prima della 40a settimana e la scelta della data dipende da una serie di motivi, tra cui la gravità della malattia, ulteriori complicazioni e la maturità del feto. Il taglio cesareo viene eseguito per quelle categorie di donne che:

  • i livelli di zucchero controllati rimangono molto alti;
  • ci sono ulteriori complicazioni;
  • il feto è troppo grande.

I figli di madri diabetiche necessitano di cure e supervisione attente. Spesso nascono grandi a causa dell'eccesso di grasso sottocutaneo. Proprio come i bambini prematuri, i bambini hanno bisogno di un'alimentazione speciale, una temperatura ottimale e un attento monitoraggio dell'assunzione di zucchero..

Un attento monitoraggio dei livelli di zucchero in una donna incinta con diabete è fondamentale per prevenire complicazioni sia nella madre che nel bambino..

Funzione compromessa dei reni e della vescica

Durante la gravidanza, il carico sui reni aumenta a causa di un aumento del volume di sangue circolante nel corpo, un cambiamento nell'anatomia dell'utero in crescita e il tono delle vie urinarie. Questo stress extra rende il sistema urinario più incline alle infezioni. Le malattie infiammatorie più comuni del sistema urinario includono cistite, batteriuria asintomatica e pielonefrite..

Cistite

Infezione della vescica - cistite, è abbastanza comune ed è accompagnata da una sensazione di bruciore durante la minzione, frequenti impulsi che non danno soddisfazione. Con la cistite acuta, si verifica debolezza e la capacità di lavorare diminuisce. Può essere la prima manifestazione di pilo-nefrite o altre malattie urologiche. La cistite acuta dura da 7 a 10 giorni. Se la malattia dura più a lungo, il medico prescrive un esame per escludere il processo infiammatorio dei reni. Le moderne possibilità di medicina consentono di prescrivere un trattamento parsimonioso durante la gravidanza, sicuro per il feto.

I segnali allarmanti, in presenza dei quali una donna incinta dovrebbe consultare urgentemente un medico, includono quanto segue:

  • sensazione di non svuotare completamente la vescica;
  • desiderio frequente di usare il bagno, mentre alcuni possono essere falsi;
  • tirando dolori nell'addome inferiore;
  • bruciore, dolore acuto durante la minzione;
  • oscuramento delle urine;
  • la comparsa di sangue e secrezione purulenta nelle urine;
  • aumento della temperatura.

Tutto ciò può anche essere indicativo di altre malattie del sistema genito-urinario, pertanto sono necessarie diagnosi cliniche e di laboratorio. Il trattamento inopportuno della cistite può portare a conseguenze spiacevoli, ad esempio, pielonefrite (un processo infiammatorio nei reni) e le donne che lo hanno subito durante la gravidanza sono a rischio di avere figli con peso corporeo insufficiente.

Pielonefrite

La pielonefrite, se si manifesta per la prima volta durante la gravidanza, è chiamata "pielonefrite gestazionale" o "pielonefrite della gravidanza". In particolare, le donne in gravidanza sperimentano cambiamenti specifici nella funzione renale che, insieme ad altri fattori patologici, possono portare allo sviluppo di una o un'altra malattia renale..

La malattia si verifica nel 6-12% delle future mamme. Se una donna soffriva di pielonefrite anche prima della gravidanza, ora può peggiorare. Sebbene ciò non accada sempre, la malattia può procedere in forma latente. Con la pielonefrite gestazionale, una donna può aumentare fino a 19 kg di peso o più entro la fine della gravidanza.

La complicanza più formidabile di questa malattia è l'insufficienza renale acuta, in cui i reni interrompono completamente o parzialmente il loro lavoro. Nel periodo acuto, c'è un improvviso deterioramento della salute, brividi, tra gli attacchi di brividi c'è una grave debolezza, mal di testa, un aumento della temperatura corporea a 38-40 gradi, forte dolore nella regione lombare, minzione frequente e dolorosa.

Va ricordato che un processo infettivo acuto può provocare un aborto spontaneo o l'inizio di un parto prematuro. Pertanto, ai primi sintomi allarmanti, è necessario consultare un medico per prevenire l'ulteriore sviluppo della malattia. Molto spesso, una donna viene ricoverata e monitorata in un ambiente ospedaliero. Il dolore spesso peggiora nel tardo pomeriggio, soprattutto di notte, oltre che in posizione supina, con tosse e starnuti.

Se durante la gravidanza compaiono sintomi dolorosi di malattie del sistema urinario, non dovresti auto-medicare, ad esempio, prendere tisane, ma consultare immediatamente un medico.

Quali misure ci sono per prevenire la pielonefrite?

  • Segui una dieta che faciliti la funzione intestinale (barbabietole, prugne).
  • Evita cibi piccanti, piccanti, salati, cibi in scatola ricchi di sale e acidi. Durante la malattia, si consiglia una dieta a base di piante da latte.
  • Bere liquidi sufficienti: decotti di farina d'avena e orzo, decotti di rosa canina, mirtilli rossi, mirtilli rossi e bevande alla frutta di ribes nero. La restrizione dei liquidi è indicata solo con un processo bilaterale nei reni o l'aggiunta di gestosi e la comparsa di edema.
  • Per prevenire l'irritazione della pelle, indossare biancheria intima di cotone e fare la doccia regolarmente. Dopo l'intimità fisica, dopo aver svuotato la vescica, è necessario lavarsi con acqua e sapone. Ciò ridurrà la possibilità di contrarre un'infezione..
  • Dopo aver usato il bagno, pulire dalla vagina all'ano e lavare.
  • Per non raffreddare la vescica, con tempo freddo o ventoso, indossare sempre biancheria intima calda realizzata con tessuti naturali.

Durante la gravidanza, la malattia può peggiorare più volte e in ogni caso la donna può essere ricoverata in ospedale. Con la pielonefrite gestazionale, il parto viene eseguito più spesso in modo naturale, poiché un taglio cesareo in condizioni di infezione del corpo è indesiderabile. Lo stato di "pielonefrite gestazionale" è temporaneo. Dopo il parto, la funzione renale viene ripristinata e la maggior parte delle donne si sente normale in futuro..

Malattia da urolitiasi

Questa è una malattia in cui si formano pietre negli organi del sistema urinario, più spesso nei reni e nella vescica. La causa principale della malattia è considerata un disturbo metabolico, che porta alla formazione di sali insolubili che formano i calcoli. Il numero di pietre e la loro posizione possono variare..

Le ragioni principali per lo sviluppo della malattia includono:

  • Caratteristiche dell'acqua e del cibo. Ad esempio, l'uso costante di acqua dura con un alto contenuto di sali di calcio, cibi piccanti e acidi che aumentano l'acidità delle urine sono terreno fertile per la formazione di calcoli;
  • malattie croniche dello stomaco e dell'intestino - gastrite, colite, ulcera peptica;
  • grave disidratazione del corpo, anche con una malattia infettiva o avvelenamento;
  • malattie dei reni e degli organi del sistema genito-urinario - pielonefrite, cistite e altri.

Tutti questi fattori che portano allo sviluppo della malattia devono essere presi in considerazione durante la gravidanza e tutte le circostanze provocatorie devono essere minimizzate il più possibile. L'urolitiasi non è una controindicazione per il parto naturale. Ma se alla fine della gravidanza ci sono frequenti attacchi che non rispondono bene al trattamento, viene spesso sollevata la questione del parto precoce. Dopo il parto, le condizioni della donna di solito migliorano in modo significativo..

I cambiamenti che si verificano nel tratto urinario durante la gravidanza facilitano il passaggio dei calcoli. Al primo segno di colica renale, devi consultare un medico.

Uretrite

L'uretrite si riferisce allo sviluppo dell'infiammazione nell'uretra, che accompagna bruciore, dolore o puntura durante la minzione. Questa malattia offre molte sensazioni spiacevoli che interferiscono con un'esistenza confortevole. L'uretrite durante la gravidanza può verificarsi abbastanza improvvisamente e si manifesterà come sintomi caratteristici, in base ai quali il medico può prescrivere un trattamento per la malattia. Esistono 2 tipi di uretrite: infettiva e non infettiva.

Contagioso. L'uretrite infettiva è un processo infiammatorio causato da un'infezione. Lo sviluppo dell'uretrite può essere innescato da clamidia, ureaplasma, gonococco, ecc.

Non infettivo. L'emergere di uretrite non infettiva è possibile come conseguenza del trasferimento di traumi, lo sviluppo di allergie. Il suo aspetto durante la gravidanza è associato alla presenza di un feto in crescita, che esercita pressione sul canale urinario. In genere, i sintomi dell'uretrite durante la gravidanza sono:

  • la comparsa di dolore, prurito, bruciore durante la minzione;
  • la comparsa di secrezione purulenta dall'uretra esterna;
  • il verificarsi di arrossamenti;
  • manifestazione di dolore a riposo in presenza di uretrite cronica.

Il pericolo della malattia si manifesta nel fatto che l'uretrite non infettiva si svilupperà in altre malattie del sistema genito-urinario, che sono più gravi. La più pericolosa è l'uretrite, che si verifica con la clamidia o l'ureaplasmosi, poiché queste infezioni hanno la capacità di penetrare nel liquido amniotico, attraverso il quale il feto può essere infettato. Di conseguenza, possono comparire patologie dello sviluppo. C'è un'alta probabilità che il bambino venga infettato durante il parto mentre si muove attraverso il canale del parto. In caso di tale infezione, il neonato può sviluppare congiuntivite, polmonite, infezione gonococcica.

Malattie del sistema riproduttivo femminile

Mioma

È un tumore benigno che cresce nel tessuto muscolare della parete uterina. Le ragioni del suo verificarsi sono ancora sconosciute. Di norma, l'aspetto dei fibromi è associato a uno squilibrio degli ormoni sessuali e dei processi infiammatori degli organi del sistema riproduttivo della donna, nonché all'aborto.

Se i fibromi vengono trovati prima della gravidanza, parla con il tuo medico di un piano d'azione. Di per sé, la sua presenza non significa che la gravidanza e il parto avvengano necessariamente con complicazioni. Inoltre, se il tumore non cresce e non si preoccupa, spesso i medici non vedono la necessità di un intervento chirurgico. Tuttavia, in presenza di fibromi, è importante seguire tutte le precauzioni e monitorare attentamente le proprie condizioni durante l'intero periodo della gravidanza..

L'esame di una donna incinta con fibromi uterini dovrebbe essere completo. Oltre agli esami generalmente accettati, durante la gravidanza, il medico presta particolare attenzione agli ultrasuoni, valutando le condizioni, le dimensioni e la posizione dei nodi miomatosi, a volte il rapporto tra la posizione dei nodi in relazione alla placenta può causare aborto, peggiorare lo sviluppo del feto a causa dell'insufficiente apporto di ossigeno e sostanze nutritive al feto. A volte ricorrono al trattamento chirurgico dei fibromi durante la gravidanza, ma viene eseguito nei casi più estremi. È meglio risolvere questo problema prima del concepimento..

Se viene rilevato un fibroma durante la gravidanza, è necessario un ulteriore esame per chiarirne le dimensioni e la posizione in relazione alla placenta.

Molto spesso, i piccoli fibromi non interferiscono con il trasporto di una gravidanza e il corretto sviluppo del feto. Molto spesso, si consiglia vivamente a una donna di seguire uno stile di vita calmo, riposarsi tempestivamente e controllare attentamente il proprio peso. La supervisione di uno specialista ridurrà significativamente la minaccia di aborto spontaneo. Se vengono seguite tutte le raccomandazioni, la gravidanza viene eseguita in sicurezza.

Va ricordato che ogni quinta donna all'inizio della gravidanza sviluppa fibromi. Ma questo non dovrebbe essere un motivo per un aborto, perché già a 16-17 settimane di gravidanza, la crescita del nodo si ferma. In presenza di fibromi, la domanda su come una donna partorirà è sempre decisa: naturalmente o con l'aiuto di un taglio cesareo. Quest'ultimo viene utilizzato quando le dimensioni e la posizione dei fibromi interferiscono con il corso naturale del travaglio..

Piega dell'utero

Quando si pianifica una gravidanza quando l'utero è piegato, è necessario stabilirne la causa. Per fare questo, vale la pena visitare un medico, curando tutto il processo infiammatorio nella piccola pelvi. Se ci sono aderenze, è necessario seguire corsi di fisioterapia, fangoterapia e terapia enzimatica. Il massaggio ginecologico viene utilizzato attivamente nel trattamento di questa patologia. Se sei ancora riuscito a rimanere incinta, dovresti monitorare attentamente la tua salute, perché la curva dell'utero è irta di aborti spontanei.

Devi cercare di non sollevare oggetti pesanti, prendere vitamine, non passare molto tempo in piedi e assicurarti di controllare altre malattie associate alla sfera femminile, perché in combinazione con la curva dell'utero, possono migliorare uno sfondo sfavorevole per portare un bambino.

Le giovani madri con questo problema all'inizio della gravidanza sono a rischio di aborto spontaneo. Se l'utero è mobile, non fisso, ad es. non è sotto la pressione delle aderenze, quindi lei stessa prenderà la posizione corretta desiderata. È solo necessario stimolare leggermente l'utero. Per fare ciò, di tanto in tanto, prendi una posizione ginocchio-gomito e mantieni questa posizione per un po ', fino a 5 minuti. Altrimenti, puoi e dovresti fare tutto ciò che viene mostrato per il corretto corso della gravidanza.

Utero doppio o bicornuto

Alcune donne hanno due uteri, due cervici contemporaneamente. Tuttavia, molto spesso stiamo parlando di una violazione simile: le due metà dell'utero si toccano da vicino, motivo per cui una di esse è meno sviluppata dell'altra. Un'altra opzione: la vagina e la cervice sono una cosa e il corpo dell'utero è diviso in due parti: i medici chiamano questa deviazione un utero a due corna.

Utero bicorne durante la gravidanza

Poiché un utero doppio o bicornuto non interferisce con una vita sessuale completa, una donna potrebbe semplicemente non essere consapevole dell'esistenza di un tale problema. Abbastanza spesso, una delle corna uterine risulta essere sottosviluppata (rudimentale). Se l'ovulo fecondato si trova in questa parte rudimentale, la probabilità di interruzione della gravidanza è alta. Dopotutto, un bambino non sarà in grado di svilupparsi in condizioni che non sono adatte a lui. E se l'ovulo è attaccato al corno principale, molto probabilmente la gravidanza si svilupperà abbastanza bene. Tuttavia, una delle condizioni per un buon sviluppo degli eventi è considerata un'attenta osservazione delle condizioni della donna incinta. A causa del fatto che l'utero difettoso è angusto, il nascituro al momento del parto spesso manca del peso prescritto o sperimenta ipossia, mancanza di ossigeno.

Per far fronte a questo, il medico prescriverà un'ecografia dell'utero. Per quanto riguarda il trattamento, se la gravidanza è già stata interrotta, alla paziente viene proposto di sottoporsi ad un intervento per collegare le due cavità uterine in una. A volte viene diagnosticato un setto all'interno dell'utero, che lo divide parzialmente. Se l'ovulo fecondato si attacca al setto, dopo un po 'il feto non riceverà più la quantità richiesta di cibo e ossigeno ed è probabile che la gravidanza finisca. Per evitare che la situazione si ripeta, i medici possono suggerire al paziente di rimuovere il setto endoscopicamente.

Spesso le cause delle patologie nella struttura degli organi genitali di una donna risiedono nella gravidanza di sua madre. Il normale sviluppo degli organi può essere ostacolato da malattie all'inizio della gravidanza (infettive o endocrine), così come da alcol, fumo, esposizione a sostanze chimiche nocive o radiazioni.

L'utero, le tube di Falloppio e la vagina iniziano a svilupparsi dopo 4 settimane di gravidanza da uno strato germinale: due dotti speciali si fondono l'uno con l'altro - di conseguenza, la futura ragazza ha un utero e una vagina e le parti libere non fuse formano le tube di Falloppio. Se la connessione prevista non si verifica in alcune aree, si verifica un guasto nel sistema e i genitali si sviluppano con deviazioni..

È importante saperlo non solo per determinare le cause delle tue possibili complicazioni durante la gravidanza. Questa informazione è necessaria per capire quale ruolo importante per la normale formazione del corpo del bambino è giocato dallo stile di vita che conduce la futura mamma.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Convulsioni epilettiche durante la gravidanza

Concezione

Cos'è questa malattiaL'epilessia è una malattia cronica in cui si formano focolai "extra" di attività elettrica nel cervello. Funzionano in modo incoerente con i principali nodi nervosi.

Perché durante la gravidanza appare una striscia sulla pancia?

Nutrizione

La maggior parte delle donne pone la domanda: perché durante la gravidanza appare una linea scura sull'addome? Cosa significa e può essere evitato?

Come concepire un bambino al 100%

Neonato

Molte donne sognano di avere un figlio da una persona cara. Abbiamo grandi notizie per loro: si scopre che ci sono molti modi per concepire di avere un maschio. Tra loro ci sono metodi sia scientifici che tradizionali.

Organizzazione della procedura e preparazione del bambino.

Parto

Il primo bagno in un grande bagno viene effettuato dopo la guarigione della ferita ombelicale all'età di 10-14 giorni.Il bagno dovrebbe essere fatto tutti i giorni!