Principale / Infertilità

Perché la piscina, il nuoto per le donne incinte è utile?

Le future mamme durante la gravidanza cercano di monitorare attentamente la loro salute, mangiare cibi sani ed esercitare - in generale, svolgono tutta una serie di attività che hanno un effetto benefico sulla salute del nascituro. Se tutto è chiaro con l'alimentazione, allora sull'attività fisica, molte donne incinte hanno spesso dei dubbi. È possibile fare sport senza danneggiare il bambino e migliorare la propria salute? La nostra risposta è che è possibile e persino necessario! E niente di più che nuotare in piscina ti aiuterà in questo. Bene, perché le lezioni in piscina sono utili e ci sono controindicazioni per le donne incinte a questo tipo di attività fisica - considereremo nell'articolo di oggi.

Benefici del nuoto in piscina per le donne incinte

Sappiamo tutti perfettamente che immerso nell'acqua il corpo acquista leggerezza e leggerezza. Pertanto, per le donne in gravidanza, soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza, l'immersione in acqua aiuta un po 'ad alleviare la colonna vertebrale ei muscoli dal carico, alleviare il mal di schiena e ridurre la pressione sulle articolazioni. Inoltre, con la resistenza del corpo all'acqua, si ha un leggero e piacevole massaggio degli organi esterni ed interni della piccola pelvi, nonché dei muscoli di tutto il corpo della donna incinta. Inoltre, le lezioni in piscina sono consigliate per quelle donne che devono affrontare il problema dell'edema. È importante notare che quelle madri che hanno visitato regolarmente la piscina durante la gravidanza non hanno problemi con l'allattamento dopo il parto, a causa del flusso di sangue al petto e al cuore durante il nuoto. E naturalmente, grazie alla resistenza al movimento in acqua, aumenta il consumo di energia, che aiuta a mantenere un peso ottimale e non aumentare di peso..

L'immersione porta un enorme beneficio al corpo di una donna incinta, poiché trattenendo il respiro, il tuo bambino attiva tutte le sue riserve e si abitua alla mancanza di ossigeno. Questo è molto utile durante il parto e il travaglio, quando l'ossigeno non fluisce al bambino..

Non è un segreto che nuotare in piscina sia un'ottima soluzione per rassodare il corpo. Pertanto, le future mamme che hanno scelto la piscina hanno meno probabilità di ammalarsi e rafforzare con successo la loro immunità..

Per quanto riguarda la salute mentale, nuotare in piscina favorisce anche il rilassamento, alleviando la stanchezza e lo stress. Rimanendo in acqua, una donna incinta riequilibra il suo stato psicologico, si libera dalle paure, in una parola medita. Gli psicologi raccomandano di ricordare quei sentimenti di leggerezza e pace che ti visitano in piscina e ricordare questo stato durante il travaglio e il parto..

È possibile nuotare in piscina durante la gravidanza

Quali sono i vantaggi della piscina per una donna incinta

Non molto tempo fa, i medici proibivano categoricamente alle pazienti incinte di visitare una piscina pubblica. La ragione principale di questa limitazione era l'alto rischio di infezione da acqua non sufficientemente pura. Tuttavia, oggi la situazione è cambiata radicalmente: una piscina durante la gravidanza non è più pericolosa. Ciò è dovuto all'emergere di sistemi di trattamento dell'acqua innovativi di alta qualità che riducono al minimo il rischio di infezione. In molte istituzioni, le donne incinte lavorano in un'area separata e recintata appositamente e non possono entrare in collisione con altri visitatori.

La piscina durante la gravidanza migliora il benessere della futura mamma

I benefici del nuoto superano di gran lunga i rischi. Tali attività hanno un effetto benefico sul benessere del feto nell'utero e nel corso della gravidanza. I principali vantaggi di visitare la piscina:

  • Quando una donna è immersa nell'acqua, la tensione muscolare scompare. La colonna vertebrale, le articolazioni, le ossa pelviche possono riposare un po '. Questo è molto importante, perché durante quasi tutta la gravidanza sono questi organi a essere sottoposti a grande stress. Dopo una breve nuotata, una donna per qualche tempo dimentica il dolore e il disagio che il processo di trasporto di un bambino provoca.
  • Esercizi regolari in piscina rafforzeranno i muscoli del torace, impareranno a respirare correttamente durante l'esercizio. Questo è utile per la futura mamma durante il parto..
  • Il nuoto aumenta la resistenza del corpo, rafforza le difese immunitarie. La gravidanza non è un motivo per sdraiarsi sul divano tutto il tempo. Le donne che conducono uno stile di vita attivo sono molto raramente infettate dal raffreddore..
  • L'acqua calda della piscina ha un effetto benefico sul sistema nervoso e sullo stato psicologico. Durante il nuoto, una donna si rilassa, si calma, si libera dallo stress. Durante l'allenamento, puoi dimenticare tutti i problemi che preoccupano nella vita di tutti i giorni.

Nonostante i numerosi vantaggi, assicurati di consultare il tuo medico prima di visitare la piscina. Il medico ti dirà esattamente se sai nuotare, consiglierà il tempo di allenamento ottimale.

Il nuoto può danneggiare una donna incinta?

Dopo aver studiato tutti gli avvertimenti dei medici, possiamo concludere che nuotare in piscina non è sempre sicuro. A volte nuotare in un luogo pubblico può nuocere alla salute di una donna e di un nascituro. Le situazioni più pericolose:

  • Usare la tecnica sbagliata nuotando per lunghe distanze. In questo caso, subito dopo la fine della seduta, la donna avvertirà un peggioramento del benessere, potrebbero verificarsi dolori acuti o crampi..
  • Reazione allergica ai farmaci contenenti cloro in acqua. Per evitare ciò, dare la preferenza alle piscine in cui l'acqua è disinfettata con ultrasuoni, ultravioletti o ozono..
  • Infezione con un'infezione o un fungo. Questo pericolo è in agguato per le donne che si recano in posti economici dove l'igiene non basta..
  • Raffreddamento eccessivo del corpo dovuto all'acqua troppo fredda nella piscina. Un bagno così "rinfrescante" provoca spesso convulsioni, infiammazioni, raffreddori..

Non sovraccaricare il corpo con l'esercizio in acqua. Ciò può portare ad un aumento del tono dell'utero e, di conseguenza, aborto spontaneo o parto prematuro. I medici sconsigliano di farsi coinvolgere nelle immersioni, poiché trattenere il respiro sott'acqua provoca la fame di ossigeno del feto.

Quando è vietato fare il bagno in piscina

I medici identificano una serie di controindicazioni per visitare la piscina durante il trasporto di un bambino. Queste restrizioni includono:

  • la minaccia di interruzione spontanea della gravidanza o del parto prima della data di scadenza;
  • il rischio di sanguinamento dovuto alla placenta previa;
  • la presenza di malattie infettive degli organi genitali;
  • secrezione mista a sangue dalla vagina;
  • disagio nell'addome inferiore;
  • tossicosi grave, sensazione di malessere;
  • gestosi ed epilessia.

Una donna dovrebbe assumersi la responsabilità della propria salute. Non iniziare mai a nuotare in piscina senza consultare il medico. Questa regola dovrebbe essere osservata in modo particolarmente rigoroso dai pazienti che hanno avuto casi di aborto spontaneo. Nelle fasi successive, è anche necessario trattare l'attività fisica con cautela..

Caratteristiche di visitare la piscina in diversi periodi di gravidanza

Se la gravidanza procede senza patologie e complicazioni e la donna si sente bene, puoi visitare la piscina in qualsiasi fase della gestazione. Si consiglia di iniziare l'allenamento anche durante la pianificazione del concepimento. Quindi il tuo corpo sarà preparato per lo stress e nuove abilità ti permetteranno di sopportare facilmente qualsiasi disagio..

Le piscine possono aiutare ad alleviare il mal di schiena nella tarda gravidanza

Nelle prime fasi, il nuoto aiuta a rafforzare i muscoli, allena il sistema respiratorio e rafforza il sistema immunitario. Se gli esercizi sono regolari, con un carico ammissibile, il paziente tollererà più facilmente la tossicosi, può facilmente abituarsi alla sua nuova posizione.

Il terzo trimestre è il momento in cui nuotare diventa non solo utile, ma anche molto piacevole. Allevia lo stress sulla colonna vertebrale, permette ai muscoli di rilassarsi, allevia il mal di schiena.

Restrizioni durante le lezioni

Il nuoto o l'acquagym per le donne incinte devono essere sotto la stretta supervisione di un allenatore professionista con formazione medica. Se provi dolore o fastidio durante l'esercizio, interrompi immediatamente l'esercizio.

Studia attentamente le raccomandazioni dei medici riguardo alle lezioni in piscina:

  • In nessun caso il corpo dovrebbe essere ipotermico. Per fare questo, immergiti in acqua a una temperatura di almeno 28 ° C.
  • La lezione non dovrebbe durare più di 40 minuti.
  • È severamente vietato saltare dal dissuasore e tuffarsi in piscina con partenza di corsa. Un forte impatto sull'acqua può danneggiare la salute della futura mamma e del feto.
  • Secondo le regole di sicurezza, è impossibile appendere ai galleggianti dei delimitatori.
  • Se non hai le competenze adeguate, non andare in profondità. Ricorda che un crampo può iniziare in qualsiasi momento..
  • Evita i movimenti a scatti in acqua ed è vietato fare allenamenti intensi con ritmo crescente.
  • Si consiglia di mangiare 1-2 ore prima di visitare la piscina. Fare esercizio a stomaco vuoto o subito dopo un pasto può influire negativamente sul tuo benessere.
  • Porta con te scarpe antiscivolo per evitare lesioni accidentali.

L'esatta aderenza a tutte le regole di cui sopra ti permetterà di goderti il ​​nuoto in piscina senza preoccuparti della tua salute e del benessere del feto nel grembo materno.

Anche se non hai mai visitato la piscina prima d'ora, durante la gravidanza devi pensare alla necessità di un allenamento così sano e piacevole. Studi hanno dimostrato che in assenza di controindicazioni, il nuoto ha un effetto benefico non solo sulla salute della madre, ma anche sul benessere del bambino. La circolazione attiva del sangue e della linfa consente di saturare il corpo del bambino con l'ossigeno, prende facilmente la posizione giusta, sente le piacevoli emozioni che la madre sta attraversando.

Piscina durante la gravidanza

La piscina per donne in gravidanza non è solo un piacevole passatempo, ma una vera salvezza per la schiena stanca e le gambe gonfie. Essere in acqua permette alla futura mamma di dimenticare per un po 'la forza di gravità e di dare pieno riposo ai muscoli tesi. Il nuoto regolare aiuta a rafforzare il sistema immunitario, aumenta la resistenza, ti insegna a controllare la respirazione ed è uno dei metodi per prepararti al parto imminente.

Benefici della piscina per le donne incinte

Circa dieci anni fa, la maggior parte dei ginecologi proibiva ai propri pazienti di visitare una piscina pubblica, citando una purezza dell'acqua insufficiente e un alto rischio di contrarre malattie infettive. Oggi la situazione è cambiata e sempre più medici non solo consentono, ma consigliano anche alle donne di nuotare in piscina durante la gravidanza. Qual è la ragione?

  • In primo luogo, le nuove piscine acquisiscono moderni sistemi di purificazione dell'acqua e il rischio di contrarre malattie infettive diminuisce..
  • In secondo luogo, molti centri fitness e impianti sportivi offrono corsi speciali per donne incinte. C'è un'area separata per le future mamme dove le donne possono nuotare senza paura di collisioni accidentali con altri visitatori della piscina.
  • In terzo luogo, la medicina non si ferma e oggi si ritiene che i benefici del nuoto in piscina siano significativamente più alti del possibile danno per madre e bambino. Seguendo determinate misure di sicurezza, i potenziali rischi possono essere ridotti al minimo.

Il nuoto in piscina ha un effetto benefico sul decorso della gravidanza e sulle condizioni del feto:

  • Essere in acqua allevia la tensione dei muscoli della schiena, delle ossa e delle articolazioni del bacino e della colonna vertebrale. Questi organi sono sottoposti a forti sollecitazioni durante la gravidanza. Il nuoto ti consente di alleviare lo stress e alleviare una donna dal dolore e dal disagio.
  • Il nuoto rafforza i muscoli pettorali, ti insegna a controllare la respirazione, che sarà utile durante il parto.
  • Le attività regolari in piscina aumentano la resistenza e stimolano il sistema immunitario. È stato notato che le donne che conducono uno stile di vita attivo hanno meno probabilità di soffrire di raffreddore durante la gravidanza.
  • Il nuoto è un ottimo modo per alleviare lo stress, spegnere la testa, calmarsi e rilassarsi. Per molte donne 45 minuti in piscina diventano un vero e proprio sfogo in una serie di giornate lavorative..

Piscina in preparazione al parto

Nuotare in piscina è una delle fasi di preparazione per il travaglio imminente. Mentre è in acqua, una donna incinta impara tre cose importanti:

  • Controllare la profondità e la forza della respirazione.
  • Resistenza e distribuzione uniforme del carico.
  • Rilassa i muscoli.

Il nuoto è particolarmente curato nei centri perinatali che preparano le donne al parto. Il motivo è noto: è molto più facile per le future mamme fare esercizio in acqua quando il peso corporeo si sente meno. In piscina, una goffa donna incinta trova un agio senza precedenti. L'acqua allevia il dolore, elimina le tensioni muscolari, elimina la fatica e favorisce il rilassamento. Tutti questi fattori aumentano significativamente l'efficacia delle lezioni e aiutano una donna a prepararsi adeguatamente per la nascita di un bambino..

Nuotare in piscina non è solo benefico per il corpo. Gli esercizi in acqua sono oggetto di attenzione nella preparazione psicologica al parto. La futura mamma acquista fiducia nelle sue capacità. Una donna acquisisce potere sul proprio corpo e si rende conto che molti processi sono disponibili per il suo controllo. Durante il parto, questo atteggiamento aiuta a concentrarsi sulle contrazioni, può ridurre il dolore e alleviare le condizioni della donna in travaglio..

Nuotare in piscina è anche un'occasione per immergersi nelle sensazioni di un bambino non ancora nato. Nel grembo materno, il bambino è nell'acqua e, mentre nuota, la futura mamma si ritrova nelle stesse condizioni. Può sentire l'acqua che scorre intorno al suo corpo da tutti i lati, toccando la sua pelle, sostenendola e guidandola. Tutto questo è vissuto dal bambino per 9 mesi e sarà utile per una donna incinta vivere un'esperienza simile.

Un esercizio merita un certo interesse, che viene praticato durante le lezioni di acquagym di gruppo in preparazione al parto. Diverse donne stanno in piedi sul fondo della piscina, le gambe divaricate e formano una specie di corridoio. Una delle donne si tuffa e, trattenendo il respiro, nuota per il corridoio dall'inizio alla fine. Questo esercizio non solo allena la respirazione, ma imita anche il passaggio del bambino attraverso il canale del parto. Molte donne notano che tale addestramento le aiuta a sentire appieno ciò che il bambino sta provando e sintonizzarsi per la nascita imminente..

Aerobica in acqua: allenamento in acqua per donne in gravidanza

La futura mamma può farlo da sola, visitando la piscina più volte alla settimana, tuttavia, allenarsi sotto la guida di un allenatore esperto porterà il massimo beneficio. Le attività di gruppo assumono un significato speciale durante la gravidanza. Supportare altre donne attente alla salute è un passo importante nella preparazione al parto..

Le attività di acquagym includono:

  • Allenamento di tutti i gruppi muscolari, legamenti, articolazioni. Il focus è sulla schiena e sul bacino.
  • Esercizi di respirazione, incluso trattenere il respiro (immersione).
  • Nuoto libero.

È conveniente provare le contrazioni in acqua senza rischi per il feto. Gli esercizi di rilassamento e contrazione muscolare sono fondamentali nella preparazione all'imminente nascita di un bambino. È importante portare le abilità acquisite all'automatismo, combinandole con una corretta respirazione - e poi durante il parto il corpo allenato ricorderà cosa deve essere fatto. È stato notato che le lezioni in piscina facilitano il corso del processo lavorativo e aumentano le possibilità di avere un bambino sano..

Immersioni durante la gravidanza

Le lezioni in gruppi specializzati per future mamme coinvolgono non solo l'acquagym, ma anche le immersioni. Trattenere il respiro per un breve periodo e stare sott'acqua sono vantaggiosi per una donna incinta. L'esercizio prepara il corpo per il parto imminente, quando è necessario regolare la direzione, la profondità e la forza dei movimenti respiratori durante le contrazioni e i tentativi. Si può praticare anche fuori dalla piscina, tuttavia, l'apnea prolungata con attività fisica contemporanea (come nel parto) è possibile solo in acqua.

È interessante che i subacquei giapponesi - cacciatori di perle - abbiano quasi sempre avuto bambini sani, forti e resistenti, il che parla dei benefici di questo esercizio per le future mamme.

Caratteristiche del nuoto in diverse fasi della gravidanza

Il nuoto in piscina è consentito in qualsiasi fase della gravidanza. I ginecologi consigliano ai loro pazienti di iniziare la formazione anche prima di concepire un bambino. Un corpo preparato si adatta meglio alle nuove condizioni e le capacità acquisite aiutano a far fronte più facilmente a tutte le sensazioni spiacevoli che si presentano in nove mesi. Non c'è bisogno di aspettare fino alla gravidanza: nuotare in piscina andrà a beneficio di qualsiasi donna, indipendentemente dai suoi piani riproduttivi.

Gravidanza precoce

Nel primo trimestre di gravidanza, il nuoto mira a rafforzare tutti i gruppi muscolari, allenare la respirazione e stimolare l'immunità. L'esercizio fisico regolare aiuta a preparare il corpo ai cambiamenti futuri. È stato notato che le donne che visitano la piscina da una data precoce tollerano più facilmente la tossicosi, si adattano più rapidamente e continuano a condurre uno stile di vita attivo fino alla nascita..

  • Tossicosi. In caso di vomito frequente, dovresti smettere di visitare la piscina per un po '.
  • Bassa pressione sanguigna. Se soffri di grave debolezza e vertigini, non nuotare.
  • Rischio di aborto spontaneo. Con lo scarico sanguinante dal tratto genitale, l'attività fisica e la visita alla piscina sono vietate. Con un moderato dolore alla trazione nell'addome inferiore (senza sanguinamento), è consentito nuotare calmo (previa consultazione con un ginecologo).

Alla fine della gravidanza

Nuotare in piscina diventa una vera salvezza per le future mamme in questo periodo. Dopo 20 settimane, aumenta il carico sulla colonna vertebrale, sulle ossa e sui legamenti del bacino e sui muscoli della schiena. I dolori compaiono nella regione lombare, il corpo diventa goffo. Più vicino alla data di scadenza, le lunghe passeggiate appartengono al passato e sono sostituite dal nuoto. Esercizi in piscina regolari aiutano ad alleviare la tensione muscolare ed eliminare la necessità di altri metodi di esposizione.

Precauzioni

Non è consigliabile visitare la piscina in tali situazioni:

  • La minaccia di interruzione della gravidanza con la comparsa di una scarica sanguinolenta dal tratto genitale.
  • Grave tossicosi nelle prime fasi.
  • Malattie infettive acute.
  • Processi infiammatori nei genitali.
  • Condizioni della pelle, inclusa un'eruzione allergica.
  • Intolleranza alla candeggina.
  • Passaggio del tappo mucoso prima del parto (aumento del rischio di infezione).

Non dovresti andare a nuotare in caso di malessere e qualsiasi condizione che richieda un intervento medico (aumento della pressione sanguigna, forti mal di testa, ecc.).

Domande frequenti

La pratica mostra che le donne incinte sono preoccupate per questi momenti:

  • Quanto tempo ci vuole per iniziare a nuotare in piscina? Una donna incinta, con una buona salute e l'assenza di controindicazioni, può dedicarsi all'acquagym o visitare autonomamente la piscina a qualsiasi età gestazionale, dal momento del concepimento al parto.
  • È possibile fare acquagym per chi non sa nuotare? Non è solo possibile, ma anche necessario. Le lezioni si svolgono in acqua a una profondità ridotta e la maggior parte degli esercizi non richiede il nuoto. Per motivi di sicurezza, puoi indossare fasce da braccio o un giubbotto.
  • Posso essere infettato da malattie sessualmente trasmissibili, infezioni fungine quando visito la piscina? I moderni sistemi di trattamento delle acque riducono al minimo la probabilità di infezione, ma le precauzioni non saranno superflue. Quando si visita la piscina, è necessario utilizzare solo un asciugamano individuale e prodotti per l'igiene, non camminare a piedi nudi, fare la doccia prima e dopo l'allenamento.
  • Quale piscina scegliere? Qualsiasi piscina è adatta per nuotare durante la gravidanza, dove la futura mamma sarà a suo agio. Vale la pena prestare attenzione ai sistemi di purificazione dell'acqua. È meglio iscriversi a gruppi speciali per donne incinte o visitare la piscina durante le ore minime.

Fatte salve tutte le precauzioni di sicurezza, nuotare in piscina sarà un'ottima preparazione al parto, una fonte di emozioni positive e solo un buon modo per divertirsi..

In piscina nelle prime fasi: è possibile per le donne incinte camminare e quali esercizi scegliere?

Tutte le future mamme dovrebbero prendersi cura della propria salute per presentarla al proprio bambino. Sorgono spesso domande: vale la pena fare sport, è possibile per le donne incinte andare agli allenamenti e visitare, ad esempio, la piscina. È possibile e perfino necessario!

Su quali sono i requisiti per visitare la piscina, è possibile fare esercizi e quando astenersi dall'allenarsi nelle prime fasi della gravidanza, nonché come ottenere molte emozioni positive per te e il tuo bambino - leggi l'articolo.

È possibile nuotare nel primo trimestre?

Oggi, i medici affermano che a causa della mancanza di movimento, la futura mamma ha il rischio di un aumento della probabilità di aborto spontaneo, nonché un aumento del livello di gravità della tossicosi e, in definitiva, può causare un travaglio debole. Il movimento è vita, e questo vale anche per le donne incinte.

E dato che l'acqua ha una certa resistenza a ogni movimento del nuotatore, anche l'allenamento muscolare in acqua sarà efficace.

Come risultato dell'esercizio, nuotando in piscina, il corpo di una donna incinta migliorerà, i muscoli saranno tesi, il che significa che la forma fisica complessiva sarà migliore. Tali esercizi hanno un effetto molto benefico sui sistemi cardiovascolare e respiratorio..

E anche le lezioni in piscina aiuteranno una donna nel processo di preparazione del suo corpo per il parto. Diventeranno meno dolorosi e più leggeri e la possibilità di lacrime perineali o la necessità di una perineotomia potrebbe scomparire.

Beneficio

Il nuoto ha molti vantaggi per una donna incinta, considerali da due lati.

Per la salute della donna

Vantaggi per la futura mamma:

  1. Il nuoto allevia la tensione e il dolore nel corpo di una donna incinta, elimina le vene varicose e rimuove il gonfiore.
  2. Rafforza i muscoli della schiena, allevia il mal di schiena. In acqua la schiena si rilassa e il dolore scompare.
  3. La piscina stabilizza lo stato psicologico della donna incinta. Controllando e controllando il tuo corpo, puoi acquisire fiducia in te stesso. E anche un piacevole bonus sarà che potrai incontrare e fare amicizia con persone che la pensano allo stesso modo, con le stesse future mamme. E ora l'allenamento diventerà uno sbocco tanto atteso.
  4. L'immunità è rafforzata in piscina. Ciò è dovuto alla differenza di temperatura dell'aria e della temperatura dell'acqua e l'esercizio assume la forma di indurimento. D'accordo, l'attività giusta.
  5. L'esercizio in piscina può aiutarti a controllare il tuo peso.

Per il feto

Benefici per il bambino:

  1. A causa del fatto che durante l'allenamento in piscina i polmoni funzionano bene e la linfa e il sangue iniziano a circolare più velocemente, il corpo della futura mamma e il corpo del bambino sono pieni della dose necessaria di ossigeno.
  2. Anche la componente emotiva è molto importante: durante il nuoto, la futura mamma si rilassa e anche il bambino lo sente.
  3. Nuotare in piscina aumenta le probabilità che il bambino assuma la posizione corretta nel corpo della madre.
torna ai contenuti ↑

Molto spesso, le future mamme sono preoccupate per i danni causati dal cloro contenuto nella piscina. Gli esperti notano che, se possibile, è meglio nuotare in piscina, che viene purificata utilizzando l'ozonizzazione o il trattamento ultravioletto..

L'inalazione di vapori di cloro può danneggiare entrambi i polmoni di una donna e influenzare lo sviluppo del feto..

Per la salute della donna

Infatti l'acqua della piscina, disinfettata con cloro, non nuoce né alla bambina né al bambino, a patto che la madre non sia allergica ad essa e le condizioni di lavorazione siano rispettate.

L'influenza negativa del cloro può manifestarsi nei seguenti sintomi:

  1. Intossicazione: nausea, vomito, febbre.
  2. Soffocamento.
  3. Allergia.
  4. Mal di testa.
  5. Aumento della tossicosi.
  6. Pelle secca e irritata.

Per il feto

Varie infezioni che possono essere raccolte in piscina sono pericolose, quindi è necessario essere molto attenti e seguire le regole di igiene. Le infezioni possono danneggiare la salute non solo della donna incinta stessa, ma anche del nascituro..

È meglio iniziare ad andare in piscina dopo che si è formato un tappo mucoso alla base della cervice. Questo proteggerà il feto da batteri e infezioni..

Le marmellate iniziano a formarsi alla 7a settimana di gravidanza e terminano la loro formazione alla fine del 3 ° mese.

In classe in piscina, devi ascoltare il tuo corpo, non sovraccaricarlo. Altrimenti, il nuoto può influire negativamente sul futuro bambino a causa del verificarsi di varie complicazioni della gravidanza nella futura mamma. I medici consigliano di fare attenzione al nuoto nel 1 ° trimestre di gravidanza.

In caso di un decorso sfavorevole della gravidanza, i medici raccomandano di astenersi dal visitare la piscina durante il 1 ° trimestre.

Il nuoto e l'esercizio in piscina devono essere sotto l'attenta guida di un allenatore esperto. Ciò contribuirà a evitare molti errori, infortuni..

Controindicazioni

Come ogni attività fisica, anche il nuoto ha le sue controindicazioni. Esso:

  • allergia alla candeggina;
  • forti perdite vaginali;
  • ipertonicità dell'utero;
  • forme acute di infezioni genitali;
  • patologie ostetriche in cui l'attività fisica è controindicata;
  • sintomi di tossicosi e gestosi precoci;
  • rischio di aborto spontaneo;
  • placenta previa;
  • sanguinamento;
  • mancanza di respiro, debolezza;
  • salute generale negativa dopo aver visitato la piscina;
  • dolore nell'addome inferiore;
  • esacerbazione di malattie croniche;
  • casi passati di aborto spontaneo.
torna ai contenuti ↑

Limitazioni

Esistono diverse regole per ciò che una donna incinta non dovrebbe fare in piscina. Le regole più importanti per una donna incinta:

  • Carica te stesso con un'attività fisica eccessiva.
  • Devi nuotare con calma e per brevi distanze, il nuoto sportivo dovrebbe essere escluso.
  • Hai solo bisogno di camminare sui sentieri per eliminare il rischio di lesioni.
  • Camminare in piscina senza scarpe: puoi essere infettato dal fungo.
torna ai contenuti ↑

Esercizi

Gli esercizi di rilassamento e tensione muscolare sono molto utili in acqua. In futuro, tale formazione aiuterà a preparare il corpo al parto e al travaglio..

Quindi, quali esercizi in piscina può fare una donna incinta??

Respiratorio

  1. Inspira ed espira bruscamente nell'acqua. Quindi, inizia a inspirare sopra l'acqua ed espirare molto a lungo nell'acqua..
  2. Basta respirare sull'acqua per 10 secondi. Deve essere fatto senza intoppi..
  3. Fai un respiro profondo, trattieni il respiro per 15 secondi ed espira lentamente nell'acqua. Ripeti l'esercizio 3 volte.

Allungamento

  1. Riscalda i muscoli nuotando in piscina.
  2. Salta in acqua più volte. Assicurati di tenere il lato.
  3. Cercando di allargare le gambe il più possibile, prova a spaccarti nell'acqua.

Torcendo

  1. Stai a bordo piscina.
  2. Tieniti di lato con entrambe le mani.
  3. Accovacciati con i piedi contro il muro della piscina.
  4. Spingi e raddrizza il busto.
  5. Ripetiamo l'esercizio 5 volte..

Conclusione

Se una donna incinta vuole rilassarsi, farsi carico di energia positiva, rafforzare il sistema immunitario e semplificare e facilitare ulteriormente il processo del parto, allora deve assolutamente pensare di visitare la piscina. La piscina aiuterà a preservare e migliorare le condizioni fisiche sia della futura mamma che del bambino e creerà conforto emotivo e sollievo per la donna incinta..

Piscina durante la gravidanza

Articoli di esperti medici

Per molte donne che si preparano a diventare madre, la questione della possibilità di includere esercizi fisici in acqua, nuotare nel numero di misure speciali per la preparazione prenatale, nuotare e oltre a quanto utile a questo proposito possa essere una piscina durante la gravidanza e ciò che si conosce rischi che possono accompagnare la sua visita.

Oggi si può sostenere con buona ragione che la mancanza di attività motoria della futura mamma è in grado di comportare un aumento della probabilità di aborto spontaneo, può causare un aumento della gravità della tossicosi e causa anche un travaglio debole. Quindi, lo stato speciale di una donna che porta un bambino non dovrebbe in alcun modo servire come motivo per rifiutarsi di seguire il vecchio come il mondo, ma che non ha perso la sua rilevanza nel presente, ben noto principio che il movimento è vita! Ed essere nell'ambiente acquatico è la soluzione migliore per le donne incinte per fare esercizio. In primo luogo, in acqua, il corpo è in uno stato quasi senza peso, quando fa esercizi di aerobica in acqua volti ad allungare i muscoli, che è importante per i legamenti che sono indeboliti durante questo difficile periodo della sua vita per una donna. D'altra parte, l'acqua offre una certa resistenza ad ogni movimento, il che significa che ogni esercizio richiede una tensione muscolare leggermente più intensa rispetto alle normali attività all'aperto. Di conseguenza, il corpo di una donna incinta entra in uno stato di forma fisica generale migliore, diventa più allenato, il che a sua volta contribuisce all'acquisizione di grandi riserve da parte dei sistemi respiratorio e cardiovascolare..

Il nuoto durante la gravidanza, quindi, il nuoto, le immersioni, l'acquagym sono un fattore molto positivo nella preparazione del corpo femminile al parto, in grado di fornire un parto più facile e meno doloroso, in cui la possibilità di rottura perineale o l'emergente necessità di perineotomia è minimizzata.

Piscina quando si pianifica una gravidanza

Per smettere di visitare la piscina quando si pianifica una gravidanza e in futuro, durante il periodo di gestazione, se una donna conduce uno stile di vita attivo e pratica regolarmente sport, in particolare il nuoto, spesso non c'è bisogno urgente. Un'eccezione a questa regola può essere prevalentemente solo quei casi in cui una donna ha controindicazioni categoriche. Per il resto, per quanto riguarda l'attività fisica, si consiglia solo di ridurne l'intensità, di abbandonare gli esercizi di forza e quelli focalizzati sui muscoli addominali. In piscina, dovresti fare ginnastica speciale, che viene praticata in gruppi per donne incinte. Tali esercizi diventano un'ottima preparazione per gli stress a cui sono esposti i muscoli spinali, pelvici e addominali durante la gravidanza. I complessi speciali di acquagym di ginnastica ricreativa sono sviluppati tenendo conto dello stato del corpo femminile nelle diverse fasi della gravidanza.

L'acquagym, il nuoto, le immersioni aiutano a migliorare il benessere generale e portano tutto il corpo ad un maggiore tono. Andare in piscina due o tre volte alla settimana aiuta a raggiungere il peso corporeo ottimale e a controllare, il che è un grande vantaggio quando si pianifica un bambino. Il nuoto attiva anche la crescita dello strato endometriale, che è un altro fattore positivo nell'aumentare la probabilità di un concepimento di successo, dovuto al fatto che c'è un aumento della circolazione sanguigna nella regione pelvica.

Tuttavia, è necessario prestare attenzione al fatto che nella scelta di un luogo per nuotare e altri esercizi fisici in acqua, si dovrebbe comunque dare la preferenza a una piscina coperta. Poiché i corpi idrici aperti sono spesso inaffidabili in termini di pulizia e sicurezza infettiva. Dopotutto, è del tutto inappropriato se devi ancora dedicare tempo ed energie alla guarigione di una malattia inaspettata, rimandando un momento così gradito in cui una donna può sentire la nascita di una nuova vita dentro di sé.

Su questa base, quando si pianifica una gravidanza, una piscina richiede un approccio deliberato e completamente equilibrato e una consultazione preventiva con il proprio medico. Se tutte le condizioni necessarie sono soddisfatte, aumentano le possibilità di un concepimento di successo, un portamento riuscito e la nascita di un bambino sano.

Controindicazioni alla piscina durante la gravidanza

Le controindicazioni al pool durante la gravidanza consistono principalmente nell'esistenza di una minaccia di aborto spontaneo. La questione se sia consigliabile per una determinata donna visitare la piscina "in posizione" dovrebbe essere risolta durante un consulto con uno specialista, sotto il cui controllo medico si trova nel periodo di gestazione.

Questa possibilità è esclusa, in particolare, per la presenza di eventuali secrezioni abbondanti o, ad esempio, con placenta previa.

Una decisione ragionevole sarebbe quella di abbandonare la piscina per quelle donne che hanno un tono uterino aumentato.

Non è desiderabile andare in piscina con forme acute di infezioni a trasmissione sessuale e, inoltre, in presenza di altre malattie nella fase di esacerbazione. Tra questi ultimi, a titolo di esempio, si può nominare, in particolare, l'esacerbazione della tubercolosi.

La malattia da appendicite cronica classifica anche il nuoto, le immersioni e l'acquagym in piscina come inaccettabili durante la gravidanza..

Durante il periodo di gravidanza, le donne che hanno una qualsiasi delle malattie del sangue sistemiche dovrebbero essere escluse dalla visita alla piscina.

La piscina è vietata per sanguinamento uterino, eclampsia, preeclampsia nelle donne in gravidanza.

L'inammissibilità dello sforzo fisico durante il nuoto e l'esercizio in acqua è causata da patologie ostetriche, sintomi inerenti alla gestosi e, inoltre, caratterizzano il fenomeno della tossicosi precoce o estremamente grave, che è accompagnata da vomito incessante.

Un'altra controindicazione sono i casi di aborto spontaneo che si sono verificati in precedenza in ciascuna gravidanza precedente..

E, naturalmente, uno dei principali allarmi che richiedono che la futura mamma abbandoni la piscina è il verificarsi delle sue contrazioni dolorose sistematiche dopo una sessione..

Le controindicazioni alla piscina durante la gravidanza, tenendo conto di tutto quanto sopra, ovviamente, si verificano. Tuttavia, se una donna che si prepara a diventare madre non è malata di nessuna delle malattie elencate e non si osserva il verificarsi di tutti i tipi di fenomeni negativi, possiamo affermare con sicurezza che l'attività fisica in acqua sarà più benefica di quanto non sia in grado di causare danni..

Piscina all'inizio della gravidanza

Il nuoto all'inizio della gravidanza è, secondo molti, un fattore decisamente positivo. Gli esercizi di nuoto e ginnastica in acqua, ovviamente, non sono in grado di influenzare immediatamente il miglior corso della gravidanza in qualche modo miracoloso speciale, ma almeno hanno un effetto benefico sulle condizioni generali e sul tono del corpo di una donna che si prepara a diventare madre. Pertanto, la visita in piscina è spesso consigliata per iniziare già letteralmente nelle prime settimane per iniziare le attività preparatorie al parto il prima possibile..

Quindi, dopo aver stabilito al consulto con il medico curante che non ci sono seri ostacoli a questo, il percorso per la piscina è completamente gratuito..

Spesso, le future mamme possono essere preoccupate per la possibilità di contrarre facilmente qualche malattia spiacevole come risultato di essere in una piscina pubblica. Dopotutto, un volume d'acqua limitato, in cui è immerso un gran numero di persone molto diverse tra loro, sembra essere un ambiente ideale per lo sviluppo e la riproduzione di tutti i tipi di infezioni e batteri patogeni. A tal proposito, va detto subito che tali preoccupazioni sono per lo più infondate. Molte piscine moderne sono dotate di sistemi di depurazione dell'acqua altamente efficienti e potenti, utilizzando mezzi speciali che non contengono cloro.

Per iniziare a praticare in piscina, è assolutamente necessario iscriversi a un gruppo speciale per donne in gravidanza sotto la guida di un istruttore esperto.

Il nuoto nelle prime fasi della gravidanza, da un lato, è un modo meraviglioso per una donna di mantenersi in una forma fisica ottimale e, dall'altro, appare come un fattore psicologico positivo di grande importanza. Nel processo di comunicazione in un gruppo con le stesse future mamme, tutti i problemi e le ansie che una donna ha passato in secondo piano, acquisisce un atteggiamento positivo e la fiducia che tali attività andranno solo a beneficio del suo bambino.

Piscina in tarda gravidanza

Una piscina in tarda gravidanza ha come obiettivo principale non ottenere alcun miglioramento significativo delle condizioni fisiche generali o conferire alla figura delle linee aggraziate speciali. L'essenza stessa della visita in piscina, del nuoto, degli esercizi di ginnastica in acqua - l'acquagym in questo periodo è mantenersi in forma fisica con il minor numero di cambiamenti rispetto a quello che ha preceduto il concepimento e l'inizio dello sviluppo intrauterino del feto.

E, in base a questo, le lezioni per le future mamme non prevedono carichi intensi. Si consiglia di limitarsi a camminare e correre in acqua con un alto sollevamento delle ginocchia e accompagnare questo con oscillazioni di braccia e gambe.

Un aspetto importante è la necessità di esercizi di stretching. Sotto l'influenza dell'acqua calda nella piscina, i legamenti acquisiscono una maggiore elasticità, che è di notevole importanza per il processo del parto. E dopo la nascita di successo del bambino in futuro, ciò contribuisce al ripristino della figura in un tempo più breve..

È importante utilizzare i muscoli dell'interno coscia negli esercizi. A tal fine, puoi fare quanto segue. Afferrando il corrimano nella parete della piscina, mentre poggiano i piedi sul muro, sollevare le gambe, allargandole il più possibile. Non dovresti affrettarti in modo che i tessuti abbiano l'opportunità di sentirsi a proprio agio in questo stato. Successivamente, devi cercare di allargare le gambe ancora di più, come se fossi seduto su uno spago.

La piscina in tarda gravidanza, come possiamo essere sicuri, aiuta a mantenere le condizioni fisiche di una donna che sta per diventare madre, e può anche aiutare a preparare il suo corpo per il processo del parto.

Nuotare durante la gravidanza in piscina

Nuotare durante la gravidanza in piscina può essere definito uno dei metodi più efficaci che possono aiutare a preparare una donna per il processo del parto..

Prima di tutto, tutto in acqua diventa più facile. Ed essendo nell'ambiente acquatico, una donna in uno stato d'animo emotivo positivo dalle imminenti gioie della maternità può ricevere pienamente solo un positivo da questo. Non è gravata dal peso del proprio corpo ingombrante e alterato dalla gravidanza. È in grado di sentirsi più leggera di una piuma per un po '! L'acqua nel modo più meraviglioso aiuta a superare lo stress, sbarazzarsi di ansia e ansia.

Nuotare significa che il corpo della donna incinta durante questo processo assume una posizione orizzontale, che a sua volta riduce il carico sulla colonna vertebrale, sulle ossa e sui sistemi muscolari. È associato ad un buon livello di attività fisica, porta allo sviluppo della resistenza e aiuta a rafforzare i muscoli pettorali. Si presume che l'attivazione del flusso sanguigno nei muscoli del torace provochi successivamente direttamente una migliore produzione di latte materno..

L'immersione, che può accompagnare il nuoto, non è meno importante..

Immergendosi a capofitto sott'acqua, la futura mamma acquisisce una preziosa esperienza di trattenere il respiro, che sarà utile per i dolori del parto. E l'omino dentro di lei imparerà a fare a meno dell'ossigeno per un po '. Dopotutto, con il completamento del parto, non sarà in grado di riceverne di più da sua madre, poiché il cordone ombelicale che li collega verrà tagliato.

Come dimostra la pratica, un bambino che si è adattato al fenomeno di tale ipossia temporanea ha maggiori probabilità di spostarsi verso l'uscita nel canale del parto e mostra una migliore capacità di adattarsi al mondo esterno dopo la nascita..

Il nuoto durante la gravidanza in piscina contribuisce alla buona preparazione di una donna al processo del parto, sia fisico che psicologico, e inoltre svolge un certo ruolo positivo nello sviluppo del bambino.

Piscina durante la gravidanza

Una visita in piscina durante la gravidanza è possibile solo se la futura mamma non ha controindicazioni dirette. Tra questi, i principali sono: un aumento del rischio di aborto spontaneo o risoluzione prematura del parto, la presenza di lesioni cutanee, un alto grado di tossicosi, ecc. Il passo successivo è la scelta di un'istituzione che soddisfi tutti i criteri necessari. La piscina deve essere pulita e avere gradini sicuri e comodi per entrare in acqua. Inoltre, è necessario che il personale di tale piscina includa la posizione di un ginecologo a tempo pieno.

Mentre è in piscina, una donna incinta è tenuta a seguire rigorosamente alcune regole di sicurezza. Prima di tutto, è necessario imparare a distribuire uniformemente l'attività fisica, poiché l'eccessiva stanchezza comporta un deterioramento del benessere generale di una donna.

L'esecuzione di esercizi fisici in acqua deve essere accompagnata da esercizi di respirazione, che in combinazione contribuiscono al miglioramento della salute e funge da meravigliosa preparazione per il processo del parto.

Per quanto riguarda il nuoto in piscina, notiamo che i suoi stili sportivi per una donna che si prepara a diventare madre sono categoricamente inaccettabili. Devi nuotare con calma, senza fare sforzi eccessivi e, naturalmente, non darti una linea guida per il campionato nelle gare di maratona ultra lunghe. Dovresti limitarti a piccole distanze.

Al fine di evitare cadute su tegole bagnate e molto scivolose, e per evitare lesioni per questo motivo, si consiglia di camminare solo su sentieri. E per ridurre al minimo il rischio di contrarre un'infezione fungina ai piedi, camminare a piedi nudi non è desiderabile, è necessario indossare pantofole.

Una visita in piscina durante la gravidanza richiede un monitoraggio costante da parte della futura mamma del suo benessere. La clorazione in piscina è senza dubbio un fattore positivo in termini di disinfezione dell'acqua, tuttavia, d'altra parte, il cloro provoca spesso lo sviluppo di dermatiti e ogni sorta di allergie sulla pelle. L'odore del cloro può anche causare un aumento dei sintomi della tossicosi, che è particolarmente caratteristico della gravidanza precoce. Per questo motivo, tanta importanza è attribuita alla consultazione preliminare obbligatoria con un ginecologo.

Gravidanza e piscina di cloro

I vantaggi di nuotare e di essere fisicamente attivi in ​​acqua durante la gravidanza sono evidenti. Questa è una meravigliosa misura preventiva contro le malattie del sistema cardiovascolare. Non ci sono dubbi anche sul loro effetto benefico sul sistema muscolo-scheletrico. Il complesso di esercizi speciali di acquagym funge da unica ed efficace misura preparatoria per garantire che il parto avvenga in modo naturale, poiché con l'avvicinarsi del parto aiuta il bambino ad acquisire la corretta posizione nell'utero.

Tuttavia, visitare la piscina da una donna incinta è associata a una serie di aspetti negativi. La gravidanza e una piscina con cloro è uno di questi, che spesso diventa motivo di preoccupazione e incertezza per le future mamme..

La candeggina, la cosiddetta candeggina, viene utilizzata per distruggere tutti i tipi di batteri patogeni nell'acqua e prevenire la diffusione di malattie. La clorazione dell'acqua delle piscine è una pratica di disinfezione diffusa da più di un decennio e le conseguenze negative del suo utilizzo non sono mai state così diffuse. Questo, tuttavia, non dovrebbe affatto servire come base per considerare questo rimedio completamente innocuo. Al contrario, l'insidiosità della candeggina sta proprio nel fatto che il suo effetto nocivo inizia a concretizzarsi solo quando si accumula nel corpo umano..

Quando una donna incinta nuota in acqua contenente candeggina, la candeggina viene assorbita dalla pelle e dal corpo della madre viene comunque trasferita al bambino. Nel processo di graduale evaporazione del cloro, il gas di cloro viene rilasciato e quando viene inalato (e se c'è un odore di cloro, allora c'è la sua presenza nell'aria) si verifica l'avvelenamento sia di una donna incinta che di un feto. A piccole dosi, questo gas non rappresenta un pericolo significativo, ma nel tempo il suo effetto cumulativo può avere un effetto negativo..

Ricercatori belgi sostengono che se una donna che trasporta un bambino almeno una volta alla settimana visita una piscina coperta, in cui è presente acqua con candeggina, il danno per il feto può essere paragonato a quello del fumo regolare per il corpo dell'adulto. Inoltre, si ritiene che dall'esposizione alla candeggina il bambino sia maggiormente a rischio di sviluppare allergie e asma. Secondo la convinzione di altri specialisti nel campo delle malattie polmonari, questa connessione non è esplicita.

Comunque sia, una combinazione come la gravidanza e una piscina con candeggina è irta della minaccia di almeno secchezza e irritazione, reazioni allergiche sulla pelle della futura mamma, e per il bambino questo potrebbe essere irto in futuro di una tendenza alle allergie, allo sviluppo di asma e altre malattie del sistema respirazione. Pertanto, è meglio optare ancora per quelle piscine che in esse l'acqua viene depurata in modo diverso, senza l'uso di candeggina. Per fortuna oggi ne trovi a sufficienza per poter scegliere il più adatto.

Recensioni in piscina durante la gravidanza

  • San Valentino

Mi sembra che molte ragazze, a causa del loro stato di gravidanza, diventino semplicemente troppo sospettose. Vorranno fare una nuotata in piscina e cominciare a cercare, scoprire tutto ciò che è necessario e non necessario. Da tutte le parti vedono ogni sorta di brividi su infezioni, infezioni. Recensioni ancora diverse sulla piscina durante la gravidanza non sono le migliori. E carichiamo tutto questo con il tuo lay down. dottore, quello che voglio, dice, ma ho paura. È vero che è impossibile, e meglio di no? Qui il dottore è inutilmente riassicurato, succede. Anche se forse nulla lo impedisce, per così dire.

Sono andato in piscina durante la gravidanza. Sono molto soddisfatto e lo consiglio a tutti! Non ho avuto una sola infezione. Ma lo stato di salute è semplicemente diverso dal bagno, non ho ingrassato troppo grazie al nuoto e anche il parto è stato facile. I benefici di IMHO dalla piscina sono decisamente più che dannosi. E il bambino è generalmente completamente al sicuro, c'è anche un ingorgo e tutto è chiuso in modo sicuro. Né la candeggina né l'infezione possono entrare in alcun modo.

Il corpo di una donna incinta in acqua è quasi senza peso, il carico sul sistema muscolo-scheletrico diminuisce e fa bene alle vene. Mi ha aiutato perfettamente con la mia predisposizione. E

Oltre ai benefici per la mamma, la piscina è utile anche per il bambino prima della nascita. Dicono anche che l'immersione è utile per il bambino, poiché mentre la madre sta trattenendo il respiro, impara a fare a meno dell'ossigeno per qualche tempo. Questo può essere utile per lui durante il parto..

Riguardo al cloro, posso dire che è presente in tutte le piscine, non importa chi dice cosa. Un conoscente ha lavorato in un club d'élite e ha detto che sebbene ci fosse uno speciale sistema di purificazione dell'acqua ozonizzante senza candeggina. Avevano persino un certificato che lo confermava. E il cloro è ovunque, la quantità è solo diversa. Nelle piscine per gruppi di donne incinte e per mamme con bambini l'acqua è solo leggermente meno clorata. Ma è ancora sufficiente per la disinfezione.

Ho solo le migliori recensioni sulla piscina durante la gravidanza! Sono molto felici anche molti amici, che erano impegnati in gruppi per future mamme. E fino a quando non ci sono andato io stesso, ho immaginato qualcosa come una lezione sulla corretta respirazione durante il parto e una sorta di schizzi nell'acqua per le persone in età pre-pensionamento. Si è scoperto che l'aerobica in acqua per le donne incinte può essere un tale carico che non sembrerà abbastanza! Eccellente per la figura: aiuta a rimanere in peso, anche se lo stomaco cresce.

Nuotare in gravidanza: regole di sicurezza che spesso vengono dimenticate

In estate, le procedure idriche non sono solo piacevoli, ma anche utili per la futura mamma. Pertanto, il nuoto rimane una delle attività fisiche più dolci e piacevoli, soprattutto durante la gravidanza. Tuttavia, affinché una donna incinta possa entrare in sicurezza nell'elemento acqua, è necessario tenere conto di alcune regole e sfumature..

Elena Kurbatova
Medico-terapeuta, Voronezh

Perché il nuoto è utile per le donne incinte? Uno dei punti più importanti è che il corpo diventa più leggero in acqua e il peso della futura mamma, che aumenta gradualmente con la crescita e lo sviluppo del bambino, non si fa praticamente sentire. Questo perché la densità dell'acqua è maggiore della densità dell'aria (specialmente l'acqua salata), quindi l'acqua spinge fuori i corpi meno densi e il corpo umano è in uno stato di semi-gravità. Ciò fa sì che segnali non del tutto familiari entrino nella corteccia cerebrale dal sistema muscolo-scheletrico, dal cuore, dai polmoni e da altri organi. Pertanto, anche le risposte del cervello cambiano: aumenta la profondità della respirazione, il lavoro del sistema cardiovascolare, i bioritmi, il sonno migliora, si attiva il metabolismo, ecc. Pertanto, il nuoto durante la gravidanza è considerato la migliore "medicina" sia contro l'insonnia che contro l'eccessiva tensione nervosa..

Tale attività fisica durante la gravidanza non causa commozioni corporee, che possono essere pericolose in una posizione interessante. Puoi, ad esempio, persino correre o saltare in acqua senza danneggiare il bambino. Non vi è alcun effetto pronunciato sulla colonna vertebrale, sulle articolazioni, sull'apparato legamentoso; i muscoli si rilassano, soprattutto i muscoli della schiena, che sono molto stressanti durante la gravidanza.

La resistenza dell'acqua durante l'esecuzione dei movimenti svolge il ruolo del massaggio, aumentando il flusso sanguigno in tutti gli organi e sistemi, attivando i processi metabolici, l'apporto di ossigeno e sostanze nutritive sia alla madre che al bambino, a causa di questo effetto, migliora il lavoro delle valvole venose delle gambe (prevenzione delle vene varicose, emorroidi) e, di conseguenza, il deflusso di sangue è normalizzato. Tutto ciò previene la comparsa di edemi, che sono frequenti compagni di gravidanza..

Durante il nuoto durante la gravidanza, il lavoro dei sistemi respiratorio e cardiovascolare migliora e si allena, perché per inspirare ed espirare è necessario superare la resistenza dell'acqua, quindi i muscoli respiratori si rafforzano gradualmente. Questo effetto si verifica anche sui muscoli della schiena e dell'addome..

Se nuoti regolarmente durante la gravidanza, il sistema nervoso centrale inizia a regolare più completamente l'attività del cuore: la gittata del cuore aumenta, il tono dei vasi arteriosi si normalizza, a causa di ciò, la pressione sanguigna, se è stata abbassata, aumenta e se è aumentata, può normalizzarsi.

Anche il nuoto sulle donne in gravidanza ha un ottimo effetto indurente: aumenta la resistenza del corpo alle condizioni ambientali avverse (principalmente al freddo e ai forti sbalzi di temperatura). Quindi, l'acqua ha una temperatura più bassa del corpo umano, irritando i recettori del freddo, quindi, con un'immersione regolare in acqua, migliorerà la regolazione del calore, la resistenza al freddo, aumenteranno le variazioni di temperatura, riducendo così la suscettibilità al raffreddore, che influenzerà positivamente il benessere e la salute della madre e bambino.

Nuoto in gravidanza: attenzione ai dettagli

Andando a fare una nuotata, una donna incinta dovrebbe prestare attenzione ad alcuni punti:

  • Una donna incinta non dovrebbe nuotare troppo spesso (ogni giorno o più volte al giorno) e più di 30 minuti, questo può portare al superlavoro della futura mamma.
  • Non è desiderabile rimanere a lungo in un costume da bagno bagnato dopo il bagno: un ambiente caldo e umido, che può contenere agenti patogeni, contribuisce all'esacerbazione della candidosi o della cistite.
  • Avendo deciso di nuotare, devi ricordare che devi entrare in acqua gradualmente, questo processo dovrebbe richiedere circa 5-7 minuti, in modo da non causare ipotermia e convulsioni. È inoltre indesiderabile entrare immediatamente in acqua dopo una lunga permanenza al sole, si consiglia di rinfrescarsi all'ombra in modo che non ci siano forti cali di temperatura.
  • Non è auspicabile che una donna incinta nuoti in bacini con acqua stagnante: c'è un alto rischio di infezione dell'uretra con lo sviluppo o l'esacerbazione di cistite, mughetto e l'insorgenza di altre malattie. Inoltre, non è consigliabile visitare la piscina con un numero elevato di persone e una pulizia non di altissima qualità. Può anche portare all'insorgenza o all'esacerbazione di molte malattie urogenitali (mughetto, cistite, clamidia, ecc.) E allergie. Inoltre, con una grande folla di persone, la donna incinta si sentirà a disagio nel nuotare o potrebbe essere spinta accidentalmente. Pertanto, è meglio scegliere piscine dove si tengono lezioni specifiche per le donne incinte o visitare quelle generali al mattino quando l'acqua è più pulita e ci sono meno visitatori. Dovresti prestare attenzione a come l'acqua viene disinfettata. È meglio se questi sono metodi moderni senza l'uso di cloro (ozonizzazione, ionizzazione) con cambi d'acqua regolari.
  • Quando si riposa e si nuota durante la gravidanza in bacini naturali, è consigliabile scegliere un'area familiare (dove non ci sono rilievi di fondo sconosciuti e pericolosi, buche, vortici, pietre, correnti veloci o fredde).
  • Quando si nuota in piscina durante la gravidanza, è necessario prestare attenzione alla presenza di appositi corrimano lungo il lato in modo che sia comodo stare in acqua (quando si fanno esercizi di acquagym o se la futura mamma è stanca). Per non scivolare, è consigliabile che la futura mamma sia in piscina in apposite ciabatte da bagno gommate che tengono bene il piede e non scivolano.
  • Non dovresti nuotare in acqua fredda. La temperatura dell'acqua deve essere di almeno 22 ° С.
  • Prima di fare una nuotata, soprattutto prima di frequentare le lezioni in piscina, dovresti consultare un ostetrico-ginecologo che monitora la gravidanza.
  • Inoltre, le donne incinte non dovrebbero nuotare se non si sentono bene..

Nuotare durante la gravidanza: attenzione, convulsioni!

I crampi in gravidanza sono contrazioni muscolari involontarie e dolorose. Abbastanza spesso, si verificano nelle donne in gravidanza e durante il nuoto. Nella maggior parte dei casi, questo riguarda i muscoli del polpaccio. Le sensazioni dolorose acute in un muscolo contratto da uno spasmo di solito durano diversi minuti, quindi la tensione si attenua, il dolore si attenua, diventa dolorante, ma il disagio può persistere fino a diversi giorni. Tali convulsioni, anche se non molto pronunciate, sono piuttosto pericolose, perché avendo ceduto al panico, la futura mamma potrebbe perdere il controllo del proprio corpo e le conseguenze potrebbero non essere le più favorevoli.

Pronto soccorso per i crampi nelle donne in gravidanza

  • Prima di tutto, devi calmarti, poiché il panico può aumentare ulteriormente lo spasmo muscolare..
  • Cerca di uscire dall'acqua il prima possibile, perché è molto più facile alleviare un crampo a terra. Chiama qualcuno per chiedere aiuto se non puoi uscire da solo.
  • Se uno spasmo muscolare si è verificato, ad esempio, lontano dalla costa (questo vale per i bacini idrici naturali), non tornare indietro febbrilmente. Quindi puoi stancarti rapidamente e il crampo non diminuirà. È necessario cercare di rilassarsi, respirare profondamente e lentamente (poiché la respirazione frequente e nervosa può compromettere l'apporto di ossigeno al bambino o portare a un'eccessiva contrazione dei muscoli dell'utero, oltre a compromettere il flusso sanguigno nel muscolo spasmodico e rendere difficile il rilassamento).
  • Ci sono due modi per sbarazzarsi di un crampo in acqua: sdraiarsi sulla schiena, fare un respiro profondo in modo da poter rimanere in acqua. Quindi, tirando il ginocchio al petto, afferrando il piede, dovresti tirarlo bruscamente verso di te. Si consiglia di tenere la gamba in questa posizione il più a lungo possibile - se possibile fino alla scomparsa dei crampi, fare di nuovo un respiro profondo e cercare di allungare il muscolo il più possibile (tuttavia, questo è più adatto a quelle future mamme la cui pancia non è molto grande e la manipolazione è facile da fare). La seconda opzione è adatta a quasi tutti: devi fare un respiro profondo, immergere la testa nell'acqua, assumendo la posizione di un galleggiante, afferrare l'alluce del piede chiuso con la mano opposta, tirare l'alluce verso di te, allo stesso tempo è desiderabile provare a raddrizzare la gamba al ginocchio.
  • Sulla riva, anche il muscolo contratto deve essere tirato strettamente e quindi allungato. Per fare questo, afferra le dita dei piedi, tirale bruscamente verso di te (mentre allontani il tallone da te) e, nonostante il dolore, cerca di mantenere il piede in questa posizione. Allo stesso tempo, è necessario massaggiare fortemente il muscolo teso. In alternativa, è possibile applicare ghiaccio dopo che lo spasmo è stato rilasciato per alleviare il dolore (10-15 minuti).
  • Se la gamba non è molto tesa o la futura mamma sente che sta per contrarre un muscolo e può raggiungere liberamente il fondo, allora puoi semplicemente stare in piedi su gambe dritte con un piede pieno.
  • Dopo aver affrontato un crampo in acqua, è consigliabile bere acqua: questo normalizza l'equilibrio del sale marino nel corpo e riduce il dolore alla gamba dopo un crampo, e previene anche le convulsioni successive (cioè la probabilità di convulsioni ricorrenti dopo l'eliminazione di una crisi esistente). Per prevenire la comparsa di crampi muscolari improvvisi, si consiglia di assumere integratori di magnesio in combinazione con vitamina B6: questo migliorerà gli impulsi neuromuscolari nei muscoli e, di conseguenza, li normalizzerà. Tuttavia, prima di prenderlo, è imperativo consultare il medico che sta osservando la futura mamma..

Perché le donne incinte hanno convulsioni??

Molto spesso, le convulsioni nelle donne in gravidanza si sviluppano per i seguenti motivi:

  • affaticamento, stress fisico prolungato durante il nuoto, carico prolungato intenso o acuto sui muscoli delle gambe durante il nuoto (questo è particolarmente vero per i muscoli non allenati e scarsamente allenati, ad esempio, dopo una forte spinta delle gambe dal lato della piscina o dal fondo);
  • disidratazione del corpo (ad esempio, con tossicosi precoce, quando il vomito frequente e abbondante porta a una perdita di liquidi nel corpo e, insieme ad esso, potassio, calcio, sali di sodio, uno squilibrio nel loro equilibrio, con conseguente contrazione e rilassamento muscolare alterati);
  • precedenti lesioni a muscoli e legamenti;
  • costrizione dei vasi sanguigni dovuta all'esposizione a basse temperature quando si nuota in acqua fredda o quando si entra in acqua dopo una prolungata esposizione al sole (con un forte raffreddamento, si verifica uno spasmo acuto dei vasi sanguigni). Il flusso sanguigno nei muscoli delle gambe, la loro innervazione è disturbata e si verifica uno spasmo;
  • più spesso in acqua fredda riduce i muscoli in quelle future mamme che hanno malattie croniche della colonna vertebrale, poiché esistono già fattori predisponenti per l'insorgenza di convulsioni (a causa di alterazioni distrofiche nelle vertebre, presenza di ernie, protrusioni e quindi l'innervazione e il flusso sanguigno nei muscoli delle gambe possono essere disturbati, per cui rispondono, e in acqua fredda questo può essere aggravato);
  • mancanza nel corpo di alcuni oligoelementi (in particolare il calcio), che sono coinvolti nel processo delle normali contrazioni muscolari.

Chi non sa nuotare?

Puoi nuotare per le donne incinte in qualsiasi fase della gravidanza, tuttavia, ci sono controindicazioni per un tipo così delicato di attività fisica. Non nuotare:

  1. con grave tossicosi, quando il vomito frequente si preoccupa, poiché questa condizione può portare a uno squilibrio di potassio e sodio nel corpo e provocare crampi nell'acqua o portare a una diminuzione della pressione sanguigna mentre si è in un serbatoio e un deterioramento del benessere generale durante il nuoto;
  2. se la futura mamma ha avuto in precedenza aborti spontanei o parto prematuro, in modo da non provocare cambiamenti nel tono dell'utero, che possono essere pericolosi per il corso della gravidanza;
  3. con esacerbazione o presenza di malattie infiammatorie (ad esempio, cistite, mughetto), sistema muscolo-scheletrico, malattie cardiovascolari (ad esempio, ipertensione con frequenti aumenti della pressione sanguigna superiori a 140/90 mm Hg, che possono provocare pre- o eclampsia ), con esacerbazione di osteocondrosi, artrite, ecc.;
  4. con varie violazioni del corso della gravidanza: sanguinamento, polidramnios, aumento del tono dell'utero (che può manifestarsi con dolori crampi durante o dopo il nuoto, specialmente in acqua relativamente fredda);
  5. se la futura mamma è preoccupata per i frequenti crampi ai muscoli delle gambe, non vale nemmeno la pena entrare in acqua per molto tempo o profondamente, soprattutto se fa freddo.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Valeriana ai bambini: a che età puoi dare?

Parto

La valeriana è un rimedio erboristico sedativo che ha un effetto sedativo e allevia le manifestazioni degli spasmi. Questo farmaco è basato sull'erba valeriana.

Perché il colostro viene secreto da un solo seno durante la gravidanza

Nutrizione

In medicina esiste una malattia chiamata galattorrea. La sua particolarità sta nel rilascio di colostro dalle ghiandole mammarie in assenza di gravidanza e allattamento.

Igiene delle neonate

Concezione

In qualche modo è successo che quando si parla di igiene dei ragazzi, le madri hanno molte domande. Ma con le ragazze tutto sembra essere chiaro e comprensibile. Tuttavia, le cose non sono così semplici.

Articolo utile. feci neonate

Analisi

Quali dovrebbero essere le feci (feci) nei neonati e nei bambini. In che modo le proprietà delle feci dipendono dalla nutrizione del bambino? Quando un cambiamento nella natura delle feci di un bambino indica una malattia?