Principale / Concezione

L'azitromicina per una madre che allatta può

Raccomandazioni fatte
pediatra - Dr. Victоr Аbdоw
Rockville, MD, USA.

L'azitromicina può essere assunta durante l'allattamento?
È sicuro per una madre che allatta e un bambino?

Viene escreto in quantità molto piccole nel latte materno e viene solitamente utilizzato per il trattamento pediatrico. All'inizio dell'esposizione, i macrolidi (più comunemente eritromicina) erano associati a stenosi pilorica ipertrofica. Sarebbe auspicabile evitare l'uso nel primo mese dopo il parto, ma potrebbe essersi verificato durante l'allattamento. Fai attenzione alle colture batteriche false negative nel bambino quando la madre sta assumendo antibiotici. Inoltre, possono verificarsi malattie gastrointestinali dovute allo squilibrio della flora intestinale.

Vorresti chiedere qualcos'altro sull'azitromicina ?
Poni la tua domanda tramite il modulo sottostante.

Tipi di rischio

Rischio molto basso
Consentito per l'allattamento al seno. Non pericoloso per il bambino. più dettagli.

A basso rischio
Moderatamente sicuro. Possibile presenza nel latte materno. Segui le raccomandazioni del tuo medico. più dettagli.

Alto rischio
Farmaco non sicuro, se assunto, è necessario valutare i rischi. Usa alternative più sicure. più dettagli.

Rischio molto alto
Non consigliato. Smetti di allattare o scegli un'alternativa sicura. più dettagli.

Azitromicina per HB.

Chiedo urgentemente una risposta alle madri i cui bambini sono in HB e alle quali potrebbe essere stato prescritto l'antibiotico Azitromicina.

Ha dato alla luce una settimana fa. Le allocazioni (lochia) sono state molto buone. piccola quantità. All'esame è stato prescritto un trattamento: tintura di acqua pepe, ossitocina i / m e azitromicina (ho capito che nel caso non mi fosse successo niente) L'antibiotico è stato prescritto 0,5 g una volta al giorno per 6 giorni. La farmacia ha detto categoricamente di non nutrirsi. Il medico insiste per prendere il farmaco mantenendo l'allattamento al seno.

COSA FARE, AIUTARE A CAPIRE.

Sono molto preso dal panico. Ho paura che il bambino non soffrirà un po ', che non gli farò del male, si sente bene.

Caratteristiche dell'uso di azitoromicina durante l'allattamento

L'azitromicina è un farmaco antibatterico semisintetico che appartiene al gruppo dei macrolidi. Il farmaco è prescritto per il trattamento di malattie infettive di origine batterica: malattie degli organi respiratori, infezioni della pelle, genitali e otorinolaringoiatriche.

La questione della nomina di azitromicina durante l'allattamento è decisa dal medico, avendo precedentemente valutato il potenziale pericolo e i benefici del farmaco per la madre e il neonato.

Informazioni di base

Esistono 3 forme di dosaggio di azitromicina, che hanno la seguente composizione:

  • azitromicina;
  • lattosio;
  • biossido di silicio pirogeno;
  • acido stearico di magnesio;
  • Farina di mais;
  • primellosa;
  • diossido di titanio;
  • idrossido di ferro;
  • macrogol 4000.
  • azitromicina;
  • lattosio con una molecola d'acqua attaccata;
  • sale sodico dell'acido laurilsolfonico;
  • acido stearico di magnesio.

Miscela secca per la preparazione della sospensione:

  • azitromicina;
  • xanthan;
  • acido stearico di calcio;
  • additivo alimentare E551;
  • conservante E211;
  • carbonato di sodio;
  • colorante sintetico E102;
  • additivo alimentare E951;
  • colorante E124;
  • additivi aromatici;
  • zucchero.

Un farmaco antibatterico con un ampio spettro di attività distrugge un gran numero di agenti patogeni. Il principio attivo sopprime la sintesi proteica, arresta la crescita e la riproduzione di microrganismi dannosi.

L'azitromicina è efficace contro streptococchi, clamidia, spirochete, ureplasmi, ecc. I batteri Gram-positivi sono resistenti al farmaco.

Un agente antibatterico è usato per trattare malattie infettive:

  • malattie degli organi ENT;
  • infezioni urogenitali;
  • malattie infettive della pelle e dei tessuti molli;
  • ulcera;
  • Malattia di Lyme (infezione dopo una puntura di zecca).

Prima di usare il farmaco, consultare il medico.

Dosaggio per donne in gravidanza e in allattamento

La concentrazione del principio attivo nel sangue è minima e quindi il rischio di un effetto negativo del farmaco sul feto è ridotto. L'antibiotico è stato testato su animali, a seguito dello studio, è stato rivelato che lo sviluppo dell'embrione non era disturbato. Il farmaco si accumula nel corpo della madre e viene escreto con il latte, quindi, al momento del trattamento, è necessario interrompere l'alimentazione naturale.

L'antibiotico viene assunto 60 minuti prima di un pasto o 120 minuti dopo.

La dose giornaliera del farmaco per il trattamento della clamidia è di 1000 mg una volta. In caso di malattia complicata, vengono presi 3 cicli di trattamento con una pausa di 1 settimana, 1000 mg ciascuno (una volta il 1 °, 7 °, 14 ° giorno).

La porzione giornaliera del medicinale per il trattamento dell'angina è di 500 mg una volta. Il corso terapeutico dura da 3 a 5 giorni. Se il paziente ha saltato l'assunzione del farmaco, è necessario bere immediatamente la porzione richiesta del farmaco, la dose successiva in un giorno.

Il dosaggio giornaliero del farmaco per il trattamento della sinusite è di 500 mg 1 volta. Una porzione del farmaco dal 2 ° al 5 ° giorno è di 250 mg una volta al giorno. La durata del trattamento è di 5 giorni.

Per il trattamento delle infezioni urinarie, l'azitromicina è combinata con farmaci immunomodulatori. La porzione giornaliera del medicinale è di 1000 mg una volta al mattino prima dei pasti. Il farmaco viene assunto 3 volte ogni 5 giorni, ovvero il 1 ° giorno 1000 mg, il 5 ° giorno 1000 mg e il 10 ° giorno nella stessa dose.

Il regime di trattamento finale è determinato dal medico per ogni paziente individualmente..

istruzioni speciali

L'azitromicina, come qualsiasi farmaco, ha le sue controindicazioni:

  • Intolleranza individuale ai componenti principali o ausiliari;
  • Disfunzione del fegato e dei reni;
  • 1 trimestre di gravidanza.
  • diarrea, eccesso di gas nell'intestino, nausea, dolore addominale, feci catramose;
  • palpitazioni cardiache, dolore toracico;
  • vertigini, mal di testa, voglie di sonno;
  • mughetto, infiammazione renale;
  • allergia sotto forma di eruzione cutanea, prurito, ortica, angioedema.

I pazienti spesso lamentano fotosensibilità e stanchezza cronica.

Secondo le istruzioni, l'azitromicina non è raccomandata per essere assunta con l'epatite B e la gravidanza.

Se la dose viene irragionevolmente superata, compaiono nausea, vomito e diarrea. Se noti i sintomi di un sovradosaggio, interrompi l'assunzione del farmaco e consulta un medico. Altrimenti, c'è il rischio di disidratazione e avvelenamento generale del corpo del bambino..

Azitromicina per una donna che allatta

Come dice l'istruzione, l'azitromicina durante l'allattamento è inclusa nell'elenco delle controindicazioni relative. Il farmaco è in grado di entrare nel flusso sanguigno ed essere escreto nel latte materno. Tuttavia, la concentrazione del farmaco nel latte è inferiore alla dose approvata del farmaco per il trattamento dei neonati. Sulla base di ciò, l'azitromicina non provoca gravi effetti collaterali nei bambini. E quindi è consentito assumere il farmaco durante l'allattamento.

Tuttavia, secondo la ricerca medica, un agente antibatterico può causare costrizione pilorica nei neonati sotto i 3 mesi di età. Inoltre, a causa dell'assunzione del farmaco, vi è il rischio di effetti collaterali nei neonati: stomatite da candida, dermatite da pannolino, diarrea, disbiosi intestinale.

La quantità del principio attivo nel latte aumenta costantemente con ogni nuova porzione del farmaco assunto da una donna che allatta. L'azitromicina rimane nel latte per diversi giorni dopo la fine del ciclo di trattamento. Pertanto, è necessario trasferire il bambino all'alimentazione artificiale durante la terapia, che deve essere prolungata per qualche giorno in più in modo che il corpo della madre sia purificato. Solo allora l'allattamento al seno può continuare..

Pertanto, l'azitromicina può essere utilizzata dalle madri che allattano, ma non è raccomandata. Il paziente deve seguire le raccomandazioni del medico per l'assunzione dell'antibiotico.

URGENTEMENTE! azitromicina per hv

  • 18 ottobre 2018
  • Risposte

La nostra scelta

Alla ricerca dell'ovulazione: follicolometria

Consigliato

I primi segni di gravidanza. Sondaggi.

Sofya Sokolova ha pubblicato un articolo su Sintomi della gravidanza, 13 settembre 2019

Consigliato

Wobenzym aumenta la probabilità di concepimento

Consigliato

Massaggio ginecologico: l'effetto è fantastico?

Irina Shirokova ha pubblicato un articolo su Gynecology, 19 settembre 2019

Consigliato

AMG - ormone anti-mulleriano

Sofya Sokolova ha pubblicato un articolo su Analyzes and Surveys, 22 settembre 2019

Consigliato

Argomenti popolari

Autore: // Ira //
Creato 14 ore fa

Autore: Mamma in un cubo)))
Creato 20 ore fa

Autore: Qwerty30
Creato 15 ore fa

Autore: Enma13Ai
Creato 10 ore fa

Autore: Tarakashka
Creato 17 ore fa

Autore: London-london
Creato 8 ore fa

Autore: iriroman
Creato 14 ore fa

Autore: Vredinka87
Creato 6 ore fa

Autore: Riccioli d'oro //
Creato 17 ore fa

Autore: Katarina_SH
Creato 18 ore fa

Informazioni sul sito

Link veloci

  • Informazioni sul sito
  • I nostri autori
  • Aiuto del sito
  • Pubblicità

Sezioni popolari

  • Forum di pianificazione della gravidanza
  • Grafici della temperatura basale
  • Biblioteca sulla salute riproduttiva
  • Recensioni di cliniche sui medici
  • Comunicazione nei club per PDR

I materiali pubblicati sul nostro sito sono a scopo informativo e sono destinati a scopi educativi. Si prega di non usarli come consiglio medico. La determinazione della diagnosi e la scelta di un metodo di trattamento rimane una prerogativa esclusiva del medico curante!

Istruzioni per l'uso dell'azitromicina durante la gravidanza e l'epatite B.

Durante la gravidanza e l'allattamento (HB), ci sono spesso casi in cui è necessario scegliere un farmaco senza danneggiare il feto o il bambino allattato al seno. Se è necessaria una terapia antibiotica, è necessario valutare i rischi e i benefici per la madre e il bambino in Successivamente, il farmaco viene prescritto con l'effetto più adatto e gli effetti collaterali minimi. Con HV l'azitromicina è possibile, ma non è raccomandata.

Proprietà

L'azitromicina è un antibiotico semisintetico con una vasta gamma di effetti, appartenente al gruppo dei macrolidi - azalide. Possiede proprietà batteriostatiche. Interferisce con la biosintesi delle proteine ​​e quindi inibisce la crescita e la riproduzione dei microbi.

Diffonde il suo effetto sui microrganismi gram-positivi e negativi (streptococchi, clamidia, spirochete, ureaplasma, micoplasma, micoparassiti, ecc.). Inattivo contro i microrganismi gram-positivi resistenti alla penicillina.

Indicazioni per l'uso nelle donne in gravidanza e durante la gv

Prescritto in gravidanza e guardie:

  • ORL - malattie (infettive)
  • Malattie non complicate del tratto urogenitale (infettive)
  • Disturbi infettivi della pelle e dei tessuti molli
  • Patologia ulcerosa dello stomaco e del duodeno
  • Le conseguenze di una puntura di zecca - borreliosi.

Moduli di rilascio

Prodotto nelle seguenti forme:

  • Compresse: ci sono dosaggi di 250 mg e 500 mg, 3 o 6 pezzi in un blister in una scatola di cartone insieme alle istruzioni. 1 compressa è costituita dalla sostanza principale azitromicina: 250 mg o 500 mg, rispettivamente. Componenti aggiuntivi: lattosio anidro, biossido di silicio anidro, sterato di magnesio, amido di mais, croscarmellosa sodica, additivi E171 ed E172, macrogol 4000.
  • Capsule - disponibili in dosi da 250 e 500 mg, 3 e 6 pezzi in un blister in una scatola di cartone. 1 contiene azitromicina 250 e 500 mg. Componenti aggiuntivi: lattosio sotto forma di monoidrato, sodio lauril solfato, magnesio stearato.
  • Polvere per preparazione in sospensione - prodotta in dosaggi di 100, 200 e 500 mg / 20 ml. Inserito in una bottiglia di plastica con una tazza. 1 grammo contiene 15, 30 e 75 mg di azitromicina. Componenti aggiuntivi: gomma xanthan, stearato di calcio, biossido di silicio, benzoato di sodio, carbonato di sodio anidro, tartrazina, aspartame, ponceau, aromi di vaniglia e albicocca, zucchero.

Metodo di utilizzo durante la gravidanza e l'allattamento

L'azitromicina in una dose minima appare attraverso la barriera placentare, che riduce il rischio di patologie fetali. Gli esperimenti sono stati effettuati su animali, non c'erano anomalie nel feto. Non sono stati effettuati studi durante l'allattamento. Il farmaco tende ad accumularsi ed è escreto nel latte materno, quindi HV deve essere interrotto durante la terapia antibiotica Azitromicina.

Il farmaco viene applicato 60 minuti prima dei pasti o può essere utilizzato dopo 2 ore..

Con la clamidia: utilizzare una sola volta 1000 mg. In caso di una forma complicata, 3 corsi in una settimana, 1000 mg ciascuno (una volta il 1 °, 7 ° e 14 ° giorno).

Con l'angina nelle donne in gravidanza e in allattamento, l'azitromicina viene bevuta secondo questo piano: è prescritto un corso da 3 a 5 giorni. Si prende una volta al giorno per 500 mg. Quando salti un appuntamento, devi prendere la dose giusta non appena te ne ricordi. Assunzione di farmaci di follow-up dopo 24 ore.

Con sinusite in donne in gravidanza e in allattamento: un corso di 5 giorni. Il primo giorno 500 mg una volta al giorno, dal 2 ° al 5 ° giorno, 250 mg una volta ogni 24 ore.

Con infiammazione delle vie urinarie durante la gravidanza e l'epatite B: utilizzato nella terapia complessa con immunomodulatori. Il corso consiste in 3 dosi ciascuna, dopo 5 giorni, 1000 mg alla volta prima di colazione (il primo giorno 1000 mg, il quinto giorno 1000 mg in più, ecc.)

Controindicazioni

Gravi patologie della funzionalità renale ed epatica.

Reazioni allergiche alla preparazione di gruppi macrolidi.

Precauzioni

Se indicato, l'azitromicina può essere assunta a partire dal secondo trimestre. È necessario monitorare lo stato di sviluppo fetale da parte del medico curante. Non consigliato per l'allattamento al seno. Il sovradosaggio può causare nausea, vomito e diarrea. Vale la pena interrompere il trattamento per evitare la disidratazione e l'intossicazione del nascituro..

Effetti collaterali

Tratto gastrointestinale: diarrea e flatulenza, nausea e vomito, dolore addominale, melena.

Sistema cardiaco: aumento della frequenza cardiaca, dolore al petto.

CNS: vertigini, mal di testa, sonnolenza.

Sistema genito-urinario: candidosi, nefrite.

Reazioni allergiche nella manifestazione di eruzione cutanea, angioedema, prurito, orticaria.

Si nota anche la comparsa di ipersensibilità alla luce intensa e aumento della fatica..

La sonnolenza può essere causata non solo dall'assunzione di farmaci, ma anche da una serie di altri motivi, questo è descritto al link: http://lekhar.ru/simptomy/obshhie-simptomy/slabost/

Conservazione

Il medicinale è conservato in un luogo buio con un livello di umidità relativamente basso e non accessibile ai bambini. Le compresse sono adatte per l'uso per tre anni, capsule e polvere per sospensioni - per due anni. La sospensione diluita può essere conservata per non più di 72 ore..

Analoghi

L'analogo più comune dell'azitromicina è Sumamed, che può essere assunto anche dalle pazienti durante la gravidanza e durante l'allattamento..

Sumamed

Pliva Hrvatska d.o.o. (Croazia), Teva (Israele).
Prezzo: da 350 a 1800 rubli

Il principale ingrediente attivo è l'azitromicina. È un antibiotico semisintetico - un azalide del gruppo dei macrolidi con proprietà batteriostatiche.

Sumamed è prodotto sotto forma di compresse (dosaggi - 125 mg e 500 mg), capsule (dosaggio 250 mg), sospensioni (dosaggi - 100 mg / 5 ml e 200 mg / 5 ml), polvere per la preparazione della sospensione (dosaggi - 100 mg / 5 ml e 200 mg / 5 ml) e polvere per infusione (dosaggio 500 mg).

Vantaggi:

  • Più moduli di rilascio
  • Sumamed può essere utilizzato durante l'allattamento senza preavviso.

Svantaggi:

  • Prezzo più alto
  • Sotto forma di polvere per infusione, la soluzione preparata viene conservata per un tempo più lungo (7 giorni).

Il consiglio di Komarovsky: uso di antibiotici per l'allattamento al seno

Gli antibiotici sono sostanze molto utili che combattono le infezioni batteriche inibendone la crescita o uccidendo i batteri stessi. Possono essere sia di origine sintetica che naturale (animale o vegetale). Letteralmente dal greco antico, il termine è tradotto come "contro la vita", che caratterizza abbastanza chiaramente la missione dei farmaci e allo stesso tempo avverte: tali sostanze, se usate in modo errato, possono danneggiare il corpo umano.

Le donne incinte e le madri che allattano sono una categoria di pazienti particolarmente vulnerabile, poiché l'assunzione di farmaci antibatterici influisce quasi sempre su due vite. Pertanto, sorgono domande ragionevoli:

  • Gli antibiotici sono accettabili per l'allattamento al seno??
  • Quali precauzioni è necessario prendere se è necessario assumere questi farmaci?
  • Come capire se in effetti il ​​trattamento debba includere un agente antibatterico o metodi alternativi di trattamento si può rinunciare?
  • Quali farmaci sono classificati come antibiotici legali per l'allattamento al seno e quali sono severamente vietati?

Certo, una donna che allatta - parleremo di questa categoria - aiuterà un medico qualificato a comprendere questi problemi. È nella sua competenza fare la diagnosi corretta e prescrivere il trattamento. In quali situazioni non puoi fare a meno degli antibiotici??

Indicazioni per l'assunzione di antibiotici per una donna che allatta

Se un'infezione batterica è penetrata nel corpo e si moltiplica, questo è un segnale diretto per la nomina di antibiotici. Le conseguenze del ritardo possono essere molto più gravi rispetto all'assunzione del farmaco stesso. Un esempio lampante di ciò è l'angina, il cui agente eziologico, nella maggior parte dei casi, è un'infezione da streptococco (meno spesso stafilococco). Se il trattamento non viene avviato in tempo, la malattia è irta di complicazioni nei sistemi renale e cardiaco, lo sviluppo di reumatismi.

Gli antibiotici per l'allattamento al seno sono prescritti senza fallo nelle seguenti situazioni:

  • il paziente ha avuto un travaglio difficile, a seguito del quale è stato rotto il canale del parto o è stata eseguita un'episiotomia (il trattamento antibiotico è più spesso di natura preventiva, ma è necessario)
  • malattie infettive e infiammatorie del tratto respiratorio superiore o del tratto respiratorio inferiore (polmonite);
  • infiammazione del seno (mastite);
  • malattie del sistema genito-urinario in presenza di microflora patogena (ad esempio, pielonefrite);
  • alcune infezioni intestinali.


Ci sono situazioni in cui non puoi fare a meno degli antibiotici

Se è stata fatta la diagnosi corretta e il farmaco è stato selezionato correttamente, sarà più facile per una donna che allatta iniziare a prenderlo, il che accelererà la sua guarigione. E un bambino, soprattutto piccolo, ha prima bisogno di una madre sana..

La prima regola per una donna che allatta è di dire sempre al medico che stai allattando quando inizi a parlare. Non sarà superfluo menzionarlo stando al banco in farmacia. L'annotazione ai medicinali può contenere un'indicazione diretta che questo farmaco può essere assunto durante l'allattamento, oppure possono esserci informazioni come: può essere presa se il beneficio supera il rischio.

Precauzioni

In ogni caso, una madre che allatta, prima di iniziare ad assumere azitromicina, dovrebbe insieme a un medico valutare i pro ei contro, nonostante la relativa sicurezza del farmaco durante l'allattamento.

Dovresti prestare particolare attenzione a quanto segue:

  • In caso di ipersensibilità a qualsiasi farmaco in una donna, soprattutto se l'edema di Quincke o lo shock anafilattico sono mai stati registrati.
  • Con la combinazione simultanea di più agenti per il trattamento. Ad esempio, gli antiacidi possono ridurre la quantità di azitromicina assorbita. E l'eparina non può essere affatto combinata con questo antibiotico.
  • Con cambiamenti funzionali nel fegato e nei reni, anche dopo gestosi posticipata ed epatosi di varie eziologie (grasso, ecc.).

L'effetto della droga sul bambino

Come sapete, la stragrande maggioranza dei farmaci viene assorbita nel flusso sanguigno, il che significa che passa nel latte materno. Pertanto, gli antibiotici bevuti dalla madre arriveranno parzialmente al bambino. Tuttavia, esistono i cosiddetti antibiotici compatibili con l'allattamento al seno..

Il grado di sicurezza di un farmaco per un neonato viene valutato principalmente sulla base della ricerca. Ma non è umano condurre esperimenti su donne in gravidanza e in allattamento, quindi non ci sono molti farmaci con una ricca base di prove sulla sicurezza per il feto e il neonato, confermato da studi clinici. Tuttavia, la medicina conosce diversi gruppi di agenti antibatterici che sono relativamente innocui per i bambini con HB.

Inoltre, quando si sceglie un antibiotico da bere durante l'allattamento, è necessario considerare i seguenti fattori:

Ti consigliamo di leggere: Amoxiclav durante l'allattamento

  • Tasso di penetrazione nel latte. La quota del medicinale bevuto dalla madre alla vigilia della poppata e dell'ingresso nel frappè può variare dallo 0,01 al 10%. Alcuni pediatri sostengono che da una tale quantità non può accadere nulla di terribile. Altri prestano attenzione a quale tipo di sostanza è entrata nel latte. Dopotutto, come sai, una goccia di nicotina uccide un cavallo.
  • Età del bambino. Più piccolo è il bambino, più è vulnerabile. Così, i bambini sotto i 6 mesi di età che sono allattati esclusivamente al seno rischiano di "prendere" con la madre un ciclo completo di antibiotici in dosi minime. È più facile per i bambini che ricevono alimenti complementari, perché come puoi ancora una volta nutrire non latte materno, ma kefir o purè di patate.
  • La frequenza di assunzione e il periodo di eliminazione della sostanza dal corpo. Alcuni farmaci vengono assunti ogni 8 ore, altri 2 o anche 1 volta al giorno. Ciò è dovuto all'emivita del principio attivo. Quando la concentrazione nel sangue è al massimo, è meglio non allattare. Cioè, è importante chiarire la domanda su quanto il componente attivo verrà escreto dal corpo.
  • Le condizioni generali del bambino. Il bambino ha problemi di salute, è incline alle allergie, è nato in tempo o prematuramente - tutti questi punti dovrebbero essere considerati.

Gli antibiotici sono compatibili con HB

Gli antibiotici sono sostanze medicinali di varia origine con proprietà batteriostatiche o battericide. Esistono diverse generazioni di farmaci antibatterici, ognuno più forte ed efficace dell'altro. Insieme alla forza dell'antibiotico, aumenta il numero di effetti collaterali e controindicazioni per il suo utilizzo..

Le medicine per le madri spesso ti permettono di sbarazzarti rapidamente non solo dei sintomi della malattia, ma anche di riprenderti completamente da essa. I farmaci aiuteranno a mantenere le donne in buona salute.

Antibiotici approvati per l'allattamento

Cosa puoi bere dagli agenti antimicrobici durante l'allattamento? Considera quali antibiotici possono essere presi durante questo periodo.

Penicilline

Questo gruppo antimicrobico è il farmaco di scelta durante l'allattamento. Le penicilline sono assolutamente compatibili con l'HS, nonostante alcuni libri di riferimento dicano di controindicazioni durante l'allattamento. La serie di penicilline comprende Ampicillina, Amoxicillina, Oxacillina, ecc..

Considera i vantaggi del gruppo sul loro rappresentante più famoso, Amoxicillina:

  • la sua emivita è inferiore a 2 ore, il che significa che dopo 2-3 ore dall'ingestione, ci sarà una quantità minima nel latte materno e il bambino potrà essere nutrito in sicurezza;
  • solo lo 0,1% della dose consumata dalla madre finisce nel latte;
  • bassa tossicità, c'è un'ampia selezione di dosaggi di farmaci;
  • ha un ampio spettro d'azione, quindi è efficace per otite media, mal di gola, polmonite, infezioni del sistema genito-urinario, ecc..

Il più grande svantaggio delle penicilline sono le frequenti reazioni allergiche sotto forma di eruzioni cutanee e gonfiore, oltre a diarrea minore.

Un altro punto negativo è associato al fatto che i batteri hanno imparato ad adattarsi alle sostanze di questo gruppo e persino a distruggerle. Pertanto, la questione dell'utilizzo delle cosiddette penicilline protette in combinazione con acido clavulanico è rilevante. Una tale combinazione è nei preparati Amoxiclav, Augmentin.

Cefalosporine

Esistono 4 generazioni di cefalosporine:

  • I generazione (Cefazolin, Cephalexin);
  • Seconda generazione (Cefuroxime);
  • III generazione (Cefotaxime, Ceftriaxone, Cefixime);
  • IV generazione (Cefepim).

In generale, le cefalosporine di tutte le generazioni sono antibiotici approvati per l'allattamento al seno. Diamo un'occhiata ad alcuni di loro in modo più dettagliato..

Cefazolin è completamente compatibile con l'allattamento al seno, è prescritto sia per adulti che per bambini a partire da 1 mese di età. Il farmaco ha una breve emivita di poco più di 2 ore e solo lo 0,8% della dose assunta dalla madre si trova nel latte materno.

Ceftriaxone è utilizzato con successo nella pratica ORL nel trattamento di sinusite, otite media, polmonite grazie al suo ampio spettro di azione. Può essere prescritto secondo le indicazioni anche per un neonato. Il ceftriaxone viene escreto a lungo - da 12 a 17 ore e la concentrazione massima nel latte è superiore al 4% della dose assunta dalla madre. Tuttavia, è consentito durante l'allattamento secondo i libri di consultazione internazionali, non è stato riscontrato alcun effetto particolarmente negativo sul bambino.


Il gruppo delle cefalosporine è spesso disponibile in polvere per la preparazione di soluzioni per somministrazione intramuscolare o endovenosa

Cefotaxime, nonostante il fatto che le istruzioni contengano avvertenze e persino un divieto di utilizzo durante l'allattamento, è compatibile con HS secondo i libri di riferimento internazionali. Ha una breve emivita (1 ora), la penetrazione nel latte è solo lo 0,3% della dose iniziale.

L'intero gruppo di cefalosporine ha effetti collaterali spiacevoli sotto forma di disturbi gastrointestinali, pertanto, durante il trattamento, è necessario monitorare le feci del bambino. Poiché i farmaci sono scarsamente assorbiti dal tratto gastrointestinale, la maggior parte di essi è disponibile in fiale per iniezione.

istruzioni speciali

L'azitromicina, come qualsiasi farmaco, ha le sue controindicazioni:

  • Intolleranza individuale ai componenti principali o ausiliari;
  • Disfunzione del fegato e dei reni;
  • 1 trimestre di gravidanza.

A volte il farmaco provoca fenomeni negativi:

  • diarrea, eccesso di gas nell'intestino, nausea, dolore addominale, feci catramose;
  • palpitazioni cardiache, dolore toracico;
  • vertigini, mal di testa, voglie di sonno;
  • mughetto, infiammazione renale;
  • allergia sotto forma di eruzione cutanea, prurito, ortica, angioedema.

I pazienti spesso lamentano fotosensibilità e stanchezza cronica.

Secondo le istruzioni, l'azitromicina non è raccomandata per essere assunta con l'epatite B e la gravidanza.

Se la dose viene irragionevolmente superata, compaiono nausea, vomito e diarrea. Se noti i sintomi di un sovradosaggio, interrompi l'assunzione del farmaco e consulta un medico. Altrimenti, c'è il rischio di disidratazione e avvelenamento generale del corpo del bambino..

Farmaci vietati

In alcune situazioni, a una donna possono essere prescritti farmaci proibiti durante l'allattamento. Quindi, quando si tratta di malattie gravi, come l'avvelenamento del sangue settico o la meningite, pensano prima di tutto alla vita della madre e non a come mantenere l'allattamento. Di regola, il bambino viene svezzato in questi casi..

In situazioni di moderata gravità, se necessario, assumere un antibiotico non compatibile con l'allattamento al seno, è possibile lo svezzamento temporaneo. Questi includono farmaci dei seguenti gruppi:

  • Le tetracicline (Doxycycline, Unidox solutab, Tetracycline) sono batteriostatici con un ampio spettro d'azione. C'è una teoria secondo cui l'uso a lungo termine di tali farmaci può inibire la crescita del tessuto osseo nei neonati, così come cambiare il colore dello smalto dei denti (in medicina, c'è persino un'espressione "denti da tetraciclina"). Altamente tossico.
  • Fluorochinoloni (ofloxacina, norfloxacina, levofloxacina, ciprofloxacina). Un gruppo ambiguo di farmaci. Ad esempio, l'ofloxacina negli Stati Uniti è considerata abbastanza compatibile con HB, ma in altri paesi non è utilizzata nel trattamento delle donne in gravidanza e in allattamento. Negli studi sulla levofloxacina su animali giovani, è stato rivelato un effetto negativo sullo sviluppo delle articolazioni, si è sviluppata l'osteocondrosi. La ciprofloxacina, secondo il manuale di Thomas Hale, è consentita, ma ci sono stati casi in cui i bambini, durante l'assunzione, si sono macchiati i denti di verde e hanno sviluppato una colite pseudomembranosa.
  • Aminoglicosidi (gentamicina, streptomicina, amikacina, kanamicina). Effetto tossico sui reni dei neonati, sui nervi ottici e sull'apparecchio acustico. Pertanto, sono severamente vietati..
  • Sulfonamidi (biseptolo, ftalazolo, streptocide). Hanno un effetto tossico sul fegato del bambino fino allo sviluppo di ittero nucleare.
  • Lincosamidi (clindamicina, lincomicina). Influisce negativamente sul lavoro del tratto gastrointestinale, in particolare sull'intestino del bambino.

Durante tale trattamento, la madre può esprimersi per mantenere l'allattamento e, alla fine del corso, è necessario attendere ancora un po 'fino a quando l'antibiotico non viene completamente rimosso dal corpo. Questo può essere da 2 a 7 giorni dopo aver preso l'ultima pillola.


Il medico decide sull'adeguatezza del trattamento con l'uno o l'altro farmaco.

Quando i farmaci antibatterici sono davvero necessari

Per cominciare, vale la pena capire quali disturbi sono difficili o addirittura impossibili da curare senza terapia antibiotica. In generale, questo include malattie causate da batteri, ad esempio:

  • streptococchi;
  • stafilococchi;
  • pneumococchi.

Può essere angina, sinusite, cistite, pielonefrite, mastite e altre infiammazioni di diverse sedi. Inoltre, gli antibiotici possono essere prescritti alle donne nel primo periodo postpartum se si sviluppa un'infiammazione del canale del parto..

Ma le malattie virali, ad esempio l'influenza, non hanno bisogno di cure con farmaci antibatterici, perché i virus sono insensibili a tali farmaci. Un raffreddore non è affatto il risultato di un attacco batterico sul corpo di una madre che allatta. Questo è il risultato dell'ipotermia e può essere affrontato senza farmaci seri..

Regole antibiotiche

  • Consistenza. Se ti viene prescritto di assumere un agente antibatterico per 5 giorni, devi completare il corso del trattamento, anche se diventa più facile per 2-3 giorni. Inoltre, è importante osservare la frequenza di somministrazione: se l'antibiotico viene assunto 3 volte al giorno, dovresti provare a berlo con un intervallo di 8 ore..
  • Dosaggio. Non sottovalutare il dosaggio del farmaco prescritto dal medico, credendo che meno sostanza entrerà nel latte in questo modo. Tale trattamento non sarà utile. Inoltre, c'è il rischio di dipendenza dal farmaco e la prossima volta potrebbe non essere d'aiuto..
  • Protezione. Se bevi un antibiotico, devi prenderti cura dell'assunzione di lattobacilli e bifidobatteri in modo che la microflora intestinale non soffra molto. Su consiglio di un medico, possono anche essere introdotti nella dieta del bambino..

Come puoi vedere, se usi saggiamente gli antibiotici, possono fornire un aiuto inestimabile nel trattamento di alcune malattie. Per fortuna oggi esistono farmaci compatibili con l'allattamento al seno, ma anche la loro nomina a madri che allattano dovrebbe essere pienamente giustificata e provenire da un medico.

Dosaggio per donne in gravidanza e in allattamento

La concentrazione del principio attivo nel sangue è minima e quindi il rischio di un effetto negativo del farmaco sul feto è ridotto. L'antibiotico è stato testato su animali, a seguito dello studio, è stato rivelato che lo sviluppo dell'embrione non era disturbato. Il farmaco si accumula nel corpo della madre e viene escreto con il latte, quindi, al momento del trattamento, è necessario interrompere l'alimentazione naturale.

L'antibiotico viene assunto 60 minuti prima di un pasto o 120 minuti dopo.

La dose giornaliera del farmaco per il trattamento della clamidia è di 1000 mg una volta. In caso di malattia complicata, vengono presi 3 cicli di trattamento con una pausa di 1 settimana, 1000 mg ciascuno (una volta il 1 °, 7 °, 14 ° giorno).

La porzione giornaliera del medicinale per il trattamento dell'angina è di 500 mg una volta. Il corso terapeutico dura da 3 a 5 giorni. Se il paziente ha saltato l'assunzione del farmaco, è necessario bere immediatamente la porzione richiesta del farmaco, la dose successiva in un giorno.

Il dosaggio giornaliero del farmaco per il trattamento della sinusite è di 500 mg 1 volta. Una porzione del farmaco dal 2 ° al 5 ° giorno è di 250 mg una volta al giorno. La durata del trattamento è di 5 giorni.

Per il trattamento delle infezioni urinarie, l'azitromicina è combinata con farmaci immunomodulatori. La porzione giornaliera del medicinale è di 1000 mg una volta al mattino prima dei pasti. Il farmaco viene assunto 3 volte ogni 5 giorni, ovvero il 1 ° giorno 1000 mg, il 5 ° giorno 1000 mg e il 10 ° giorno nella stessa dose.

Il regime di trattamento finale è determinato dal medico per ogni paziente individualmente..

Caratteristiche dell'assunzione di ampicillina durante l'allattamento

La medicina più sicura per le madri in gravidanza e in allattamento è considerata l'ampicillina, una penicillina sintetica utilizzata in ostetricia dagli anni '70 del secolo scorso. Con questo farmaco non sono stati identificati effetti negativi sul corpo del bambino. Ha anche la percentuale più bassa di impatti negativi..

L'effetto collaterale più comune dell'ampicillina è l'effetto relativamente negativo dei composti del farmaco sulla microflora intestinale benefica del corpo di un adulto e di un bambino, che è accompagnato da aumento delle coliche, feci sconvolte e dolore addominale.

L'ampicillina è prescritta da 1000 a 2000 mg al giorno per 5-10 giorni. Combina l'assunzione di un antibiotico con un probiotico. Per le madri che allattano, il farmaco Hilak Forte è adatto. Al bambino viene prescritto un probiotico quando compaiono segni di disturbi gastrointestinali, come prescritto dal medico.

Quanto è sicura l'azitromicina per la madre e il bambino durante l'allattamento

La ridotta immunità di una donna dopo il parto predispone a varie malattie infettive, durante le quali è spesso necessario assumere agenti antibatterici. Ognuno è molto sensibile alla propria scelta, soprattutto durante l'allattamento, perché ogni madre ha prima di tutto a cuore la salute del proprio bambino. L'azitromicina può essere assunta durante l'allattamento, quando e in quale dose??

Come fa

L'azitromicina non è solo il nome, ma anche il principale ingrediente attivo del farmaco. Appartiene al gruppo degli antibatterici, più precisamente, ai macroliti..

Una volta nell'intestino, l'azitromicina raggiunge la sua massima concentrazione nel sangue dopo 3 ore. Il vantaggio del farmaco è il seguente:

  • È in grado di accumularsi all'interno delle cellule, che è estremamente importante per il trattamento delle infezioni, i cui agenti causali si nascondono qui. Ad esempio, clamidia e altri.
  • Per altri 5-7 giorni dopo l'assunzione dell'ultima pillola, le concentrazioni battericide di azitromicina rimangono al centro dell'infiammazione. Ciò consente l'uso di regimi di trattamento molto convenienti, ad esempio una singola dose o con un intervallo di 7-10 giorni.
  • L'azitromicina, interagendo con i microrganismi patogeni, porta alla loro morte e non si limita a fermare la crescita e la riproduzione.
  • Il farmaco ha un ampio spettro di attività. Ciò gli consente di essere utilizzato come rimedio universale per molte malattie. Quindi, l'azitromicina ha un effetto dannoso su strepto- e stafilococchi, legionella, Helicobacter e campylobacter, clamidia, micoplasma, ureaplasma, gardnerella e molti altri.
  • La principale concentrazione del principio attivo si osserva nel tratto gastrointestinale, nei polmoni, nel sistema genito-urinario. È per il trattamento delle malattie di questi organi che viene utilizzato principalmente.
  • L'azitromicina è disponibile in diverse forme di dosaggio, che consente di ottenere il massimo effetto quando la si utilizza.

Ti consigliamo di leggere l'articolo sulla nomina di antibiotici per la lattostasi. Da esso imparerai le cause della malattia in una madre che allatta e il suo trattamento, la possibilità di utilizzare farmaci antibatterici.

Quando nominare

L'azitromicina è un antibiotico abbastanza popolare ed efficace, anche dopo il parto. Le principali indicazioni per la sua nomina sono le seguenti:

  • bronchite batterica atipica e polmonite,
  • sinusite, tonsillite, otite media,
  • scarlattina,
  • erisipela, impetigine,
  • IST - clamidia, mico- e ureaplasma con qualsiasi localizzazione (cervice, cavità, ecc.),
  • Malattia di Lyme e altri.

È possibile con HB

Nonostante tutti gli aspetti positivi del farmaco, le madri sono ancora preoccupate, l'azitromicina è possibile durante l'allattamento, l'antibiotico danneggerà il bambino? Il fatto è che, secondo i principi e le leggi moderne della medicina, è vietata qualsiasi ricerca su donne incinte e bambini. Naturalmente, è improbabile che una madre metta deliberatamente in pericolo la salute di suo figlio..

Sulla base di ciò, non è possibile condurre studi randomizzati affidabili in questo gruppo. Pertanto, le istruzioni per il farmaco indicano che è desiderabile escludere l'uso di azitromicina durante la gravidanza e durante l'allattamento.

Tuttavia, quando prendi questo antibiotico, dovresti monitorare attentamente il bambino. Presta attenzione al suo comportamento, appetito, sonno, ecc. Se la madre nota la comparsa di grave ansia nel bambino o un'eruzione cutanea sulla pelle, è necessario annullare immediatamente il farmaco o interrompere l'allattamento al seno..

Le seguenti conseguenze negative più frequenti nelle briciole non possono essere escluse quando si utilizza il farmaco:

  • manifestazioni allergiche,
  • disbiosi intestinale.

Dosaggio ottimale e corso del trattamento

Il regime di trattamento più ottimale può essere prescritto solo da uno specialista dopo aver chiarito tutte le sfumature della condizione patologica. È anche ottimale prescrivere un antibiotico dopo aver stabilito la sensibilità della microflora, che viene rilevata dopo la semina. Ma non sempre c'è tempo e opportunità per tale ricerca. Molto spesso puoi trovare le seguenti opzioni:

  • Con le infezioni del tratto respiratorio superiore, così come con le malattie ORL, il corso dura circa 8-10 giorni. Il primo giorno, viene presa una dose di carico: 1 g, quindi 0,25 g dal secondo al quinto e per altri tre a 0,5 g. L'importo totale del corso non deve superare 1,5 g.
  • Con le infezioni genitali, di solito è sufficiente assumere 1 g di azitromicina una volta, per affidabilità, è possibile ripetere la ricezione dopo 7-10 giorni.

Per altre condizioni patologiche, sono prescritti regimi di dosaggio individuali..

Controindicazioni ed effetti collaterali

L'azitromicina è un farmaco serio, quindi prima di usarlo, dovresti assicurarti che non ci siano controindicazioni per l'uso. Nei seguenti casi, devi stare attento:

  • con reazioni allergiche di qualsiasi tipo mai registrate a questo farmaco e ai suoi analoghi;
  • in caso di gravi violazioni del fegato e dei reni, anche l'azitromicina deve essere assunta solo sotto la supervisione di un medico e la funzione di questi organi;
  • in caso di violazione del ritmo cardiaco, ad esempio, con extrasistoli.

In caso di reazioni avverse all'uso del farmaco, è necessario posticiparne l'uso fino a consultare un medico. Quindi, molto spesso si verificano le seguenti condizioni:

  • nausea, a volte vomito, specialmente con la dose sbagliata o il mancato rispetto del regime;
  • aumento della produzione di gas e disturbi addominali;
  • eruzione cutanea lieve e di rapido sollievo;
  • con malattie epatiche latenti, i suoi enzimi possono aumentare.

Precauzioni

In ogni caso, una madre che allatta, prima di iniziare ad assumere azitromicina, dovrebbe insieme a un medico valutare i pro ei contro, nonostante la relativa sicurezza del farmaco durante l'allattamento.

Dovresti prestare particolare attenzione a quanto segue:

  • In caso di ipersensibilità a qualsiasi farmaco in una donna, soprattutto se l'edema di Quincke o lo shock anafilattico sono mai stati registrati.
  • Con la combinazione simultanea di più agenti per il trattamento. Ad esempio, gli antiacidi possono ridurre la quantità di azitromicina assorbita. E l'eparina non può essere affatto combinata con questo antibiotico.
  • Con cambiamenti funzionali nel fegato e nei reni, anche dopo gestosi posticipata ed epatosi di varie eziologie (grasso, ecc.).

Analoghi

L'azitromicina è disponibile in vari dosaggi: 150 mg, 250 mg e 500 mg. Esistono molti farmaci analogici. Il più popolare e uno dei primi è sumamed. È prodotto allo stesso modo in varie forme e dosi. Sumamed quando l'allattamento al seno può essere utilizzato senza alcun timore in relazione al bambino.

Esistono anche altri analoghi completi del rimedio:

  • aziendalikar;
  • azitrox;
  • zetamax;
  • zitrolide;
  • sumamecin;
  • chemomicina;
  • ecomed e altri.

Quindi, la josamicina (wilprafen), l'eritromicina, la spiramicina, la claritromicina e altri saranno simili in azione al sumamed durante l'allattamento. La scelta degli analoghi, se necessario, dovrebbe essere effettuata solo da uno specialista, tenendo conto sia della malattia che della salute della donna.

Ti consigliamo di leggere l'articolo sull'uso di amoxiclav per l'allattamento. Da esso imparerai a conoscere il farmaco e le indicazioni per il suo appuntamento, la possibilità di nutrire il bambino durante l'assunzione, nonché le controindicazioni.

L'azitromicina è uno dei farmaci antibatterici più efficaci e sicuri, anche per l'allattamento al seno. Ma dovresti sempre ricordare che anche il rimedio più provato può dare vari tipi di reazioni di ipersensibilità. Pertanto, solo uno specialista dovrebbe impostare la dose del farmaco e il regime.

Il mal di gola durante l'allattamento può causare molti disagi alla madre, oltre a essere trasmesso al bambino.... Nel primo periodo di trattamento, viene data preferenza all'assunzione di amoxiclav o azitromicina.

Caratteristiche del trattamento della sinusite durante l'allattamento. Una donna che allatta è soggetta a vari raffreddori, come in. Prima di tutto, qualsiasi malattia infiammatoria richiede l'assunzione di antibiotici e la sinusite no.

Quali antibiotici vengono prescritti durante l'alimentazione. Quando vengono prescritti antibiotici per la lattostasi.... La lattostasi e la mastite sono due processi patologici del seno in una donna che allatta, che sono strettamente intrecciati in.

Azitromicina per madri che allattano (sumamed)

AZITROMICINA (AZITROMICINA), Sumamed - questo antibiotico ha un'emivita piuttosto lunga (48-68 ore), specialmente nei tessuti.

Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che una dose molto piccola di un bambino passa attraverso il latte materno, quindi, questo farmaco è considerato compatibile con l'allattamento al seno secondo il libro di riferimento internazionale..

La concentrazione massima nel sangue viene raggiunta 3-4 ore dopo la somministrazione, quindi una madre che allatta può pianificare l'allattamento al seno in modo tale da evitare l'allattamento se possibile durante il periodo di massima concentrazione del farmaco nel latte materno.

Sinonimi:
può una madre che allatta bere azitromicina
Il medico mi ha prescritto Sumamed che sto allattando
compatibilità dell'azitromicina con l'allattamento al seno
Sumamed - istruzioni per GV

Gruppo di farmaci:
macrolide antibiotico.

In vacanza o nella stagione estiva, molti vanno con i bambini al mare. Inoltre, se ti prendi cura di questo in anticipo, puoi organizzare tutto in modo molto economico. Per informazioni su come e quando viaggiare con i bambini, leggi gli articoli "Quando iniziare a viaggiare con i bambini all'estero" e "Allattare sempre e ovunque". Inoltre, questo argomento è stato discusso più volte sul forum... Ma riguardo all'alimentazione dei bambini da un anno in poi, devi prenderti cura di esso sul posto, cosa che molti genitori dimenticano. Pertanto, pensa in anticipo a portare con te un kit di pronto soccorso e in esso le medicine necessarie: in vacanza in paesi caldi e prodotti sconosciuti, può sicuramente tornare utile.

URGENTEMENTE! azitromicina per hv

  • 18 ottobre 2018
  • Risposte

La nostra scelta

Alla ricerca dell'ovulazione: follicolometria

Consigliato

I primi segni di gravidanza. Sondaggi.

Sofya Sokolova ha pubblicato un articolo su Sintomi della gravidanza, 13 settembre 2019

Consigliato

Wobenzym aumenta la probabilità di concepimento

Consigliato

Massaggio ginecologico: l'effetto è fantastico?

Irina Shirokova ha pubblicato un articolo su Gynecology, 19 settembre 2019

Consigliato

AMG - ormone anti-mulleriano

Sofya Sokolova ha pubblicato un articolo su Analyzes and Surveys, 22 settembre 2019

Consigliato

Argomenti popolari

Autore: // Ira //
Creato 14 ore fa

Autore: Mamma in un cubo)))
Creato 20 ore fa

Autore: Qwerty30
Creato 15 ore fa

Autore: Enma13Ai
Creato 10 ore fa

Autore: Tarakashka
Creato 17 ore fa

Autore: London-london
Creato 8 ore fa

Autore: iriroman
Creato 14 ore fa

Autore: Vredinka87
Creato 6 ore fa

Autore: Riccioli d'oro //
Creato 17 ore fa

Autore: Katarina_SH
Creato 18 ore fa

Informazioni sul sito

Link veloci

  • Informazioni sul sito
  • I nostri autori
  • Aiuto del sito
  • Pubblicità

Sezioni popolari

  • Forum di pianificazione della gravidanza
  • Grafici della temperatura basale
  • Biblioteca sulla salute riproduttiva
  • Recensioni di cliniche sui medici
  • Comunicazione nei club per PDR

I materiali pubblicati sul nostro sito sono a scopo informativo e sono destinati a scopi educativi. Si prega di non usarli come consiglio medico. La determinazione della diagnosi e la scelta di un metodo di trattamento rimane una prerogativa esclusiva del medico curante!

AZITROMICINA

Ingredienti attivi

Composizione e forma di rilascio del farmaco

Compresse rivestite con film1 scheda.
azitromicina (come diidrato)500 mg

3 pz. - imballaggio cellulare sagomato (1) - pacchi di cartone.

effetto farmacologico

Un antibiotico del gruppo dei macrolidi è un rappresentante delle azalidi. Possiede un ampio spettro di azione antimicrobica. Il meccanismo d'azione dell'azitromicina è associato alla soppressione della sintesi proteica della cellula microbica. Legandosi alla subunità 50S dei ribosomi, inibisce la traslocasi del peptide nella fase di traduzione, inibisce la sintesi proteica e rallenta la crescita e la riproduzione dei batteri. Agisce batteriostaticamente. Ha un effetto battericida in alte concentrazioni.

Ha attività contro numerosi microrganismi gram-positivi, gram-negativi, anaerobici, intracellulari e altri.

I cocchi Gram-positivi sono sensibili all'azitromicina: Streptococcus pneumoniae (ceppi sensibili alla penicillina), Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus (ceppi sensibili alla meticillina); batteri gram-negativi aerobi: Haemophilus influenzae, Haemophilus parainfluenzae, Legionella pneumophila, Moraxella catarrhalis, Pasteurella multocida, Neisseria gonorrhoeae; alcuni microrganismi anaerobici: Clostridium perfringens, Fusobacterium spp., Prevotella spp., Porphyriomonas spp.; oltre a Chlamydia trachomatis, Chlamydia pneumoniae, Chlamydia psittaci, Mycoplasma pneumoniae, Mycoplasma hominis, Borrelia burgdorferi.

Microrganismi con resistenza acquisita all'azitromicina: microrganismi aerobi gram-positivi - Streptococcus pneumoniae (ceppi resistenti alla penicillina e ceppi con sensibilità media alla penicillina).

Microrganismi con resistenza naturale: microrganismi aerobi gram-positivi - Enterococcus faecalis, Staphylococcus aureus, Staphylococcus epidermidis (ceppi resistenti alla meticillina), microrganismi anaerobici - Bacteroides fragilis.

Sono stati segnalati casi di resistenza crociata tra Streptococcus pneumoniae, Streptococcus pyogenes (streptococco beta-emolitico di gruppo A), Enterococcus faecalis e Staphylococcus aureus (ceppi resistenti alla meticillina) a eritromicina, azitromicina, altre macrolamidi e altre macrolamidi e.

L'azitromicina non è stata utilizzata per il trattamento di malattie infettive causate da Salmonella typhi (MIC Dopo somministrazione orale, l'azitromicina è ben assorbita e rapidamente distribuita nell'organismo. Dopo una singola dose di 500 mg, la biodisponibilità è del 37% a causa dell'effetto di "primo passaggio" attraverso il fegato. C max nel plasma il sangue viene raggiunto dopo 2-3 ore ed è di 0,4 mg / l.

Il legame alle proteine ​​è inversamente proporzionale alla concentrazione nel plasma sanguigno ed è del 7-50%. Il Vd apparente è 31,1 l / kg. Penetra attraverso le membrane cellulari (efficace per le infezioni causate da agenti patogeni intracellulari). Viene trasportato dai fagociti al sito di infezione, dove viene rilasciato in presenza di batteri. Penetra facilmente nelle barriere istoematogene ed entra nei tessuti. La concentrazione nei tessuti e nelle cellule è 10-50 volte superiore a quella del plasma e al centro dell'infezione - 24-34% superiore rispetto ai tessuti sani.

Il farmaco viene metabolizzato nel fegato. I metaboliti non hanno attività antimicrobica.

T 1/2 è molto lungo - 35-50 ore T 1/2 di tessuto è molto più grande. La concentrazione terapeutica dell'azitromicina dura fino a 5-7 giorni dopo l'ultima dose. L'azitromicina viene escreta principalmente immodificata - 50% attraverso l'intestino, 6% dai reni.

Dopo l'infusione endovenosa, l'azitromicina penetra rapidamente dal siero del sangue nei tessuti. Concentrandosi nei fagociti e non interrompendo la loro funzione, l'azitromicina migra verso il sito dell'infiammazione, accumulandosi direttamente nei tessuti infetti.

La farmacocinetica dell'azitromicina in volontari sani dopo una singola infusione endovenosa della durata di più di 2 ore alla dose di 1-4 g (concentrazione della soluzione di 1 mg / ml) ha una relazione lineare ed è proporzionale alla dose somministrata.

In volontari sani con infusione endovenosa di azitromicina alla dose di 500 mg (concentrazione della soluzione 1 mg / ml) per 3 ore, la C max nel siero era di 1,14 μg / ml. La C min nel siero (0,18 μg / ml) è stata osservata per 24 ore e l'AUC è stata di 8,03 μg × ml / h. Valori farmacocinetici simili sono stati ottenuti in pazienti con polmonite acquisita in comunità a cui sono state somministrate infusioni EV di 3 ore per 2-5 giorni. V d è 33,3 l / kg.

Dopo la somministrazione giornaliera di azitromicina alla dose di 500 mg (durata dell'infusione 1 ora) per 5 giorni, una media del 14% della dose viene escreta dai reni durante l'intervallo di somministrazione di 24 ore.

T 1/2 è di 65-72 ore. V d grande (33,3 L / kg) e clearance plasmatica elevata (10,2 ml / min / kg) suggeriscono che un T 1/2 prolungato è una conseguenza dell'accumulo di antibiotico nei tessuti, seguito dal suo lento pubblicazione.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Tabella delle norme di altezza e peso per i bambini sotto i 17 anni per anno (OMS)

Infertilità

L'altezza e il peso dei bambini stanno cambiando rapidamente valori che sono un indicatore molto importante dello sviluppo generale di un bambino.

Grembiuli di piombo per schermatura: protezione del paziente o "reliquia del passato"?

Neonato

Potrebbe essere che proteggere i pazienti con un grembiule di piombo durante gli esami radiografici sia una pratica obsoleta che alla fine fa più male che bene?

Il bambino spesso singhiozza allo stomaco: vale la pena preoccuparsi

Infertilità

Ogni donna incinta ascolta attentamente le sensazioni nell'addome, specialmente durante il periodo in cui il bambino inizia a muoversi attivamente.

Come sbarazzarsi della tossicosi all'inizio della gravidanza

Infertilità

La gravidanza è il periodo più eccitante e allo stesso tempo desiderabile nella vita di una donna. Cosa potrebbe esserci di meglio della consapevolezza che una piccola vita si sviluppa in te?