Principale / Parto

Antistaminici per l'allattamento al seno: cosa puoi e cosa non puoi

Data di pubblicazione: 01.09.2019 | Visualizzazioni: 6751

Le allergie, di regola, compaiono inaspettatamente e possono essere innescate da un'ampia varietà di fattori. Il suo verificarsi è spesso dovuto a una diminuzione dell'immunità e il periodo postpartum per una donna è sempre caratterizzato da un corpo indebolito. Il periodo dell'allattamento al seno non consente al corpo femminile di riprendersi, perché tutto il più utile e prezioso passa nel latte materno. Inoltre, le allergie sono aggravate dal fatto che non tutti i farmaci possono essere assunti.

Quali farmaci antiallergici per una madre che allatta e suo figlio possono aiutare e non danneggiare? Di più su questo.

Le principali cause di allergie

Il corpo indebolito di qualsiasi donna durante la gravidanza, il parto e l'allattamento diventa un buon bersaglio per tutti i tipi di malattie. Questo vale anche per le allergie. Cambiamenti totali nella dieta durante l'alimentazione, combinati con stress e sonno inadeguato, causano una maggiore sensibilità del corpo.

Le reazioni allergiche della madre non possono essere trasmesse al bambino attraverso il latte materno, ma spesso tali manifestazioni possono essere ereditarie, stabilite anche durante lo sviluppo intrauterino. Ciò suggerisce che i genitori che soffrono di manifestazioni allergiche hanno maggiori probabilità di avere figli che sono anche inclini a queste manifestazioni..

Le donne che sono inclini alle allergie, durante la gravidanza e l'allattamento, soffrono di attacchi molto più spesso, che, inoltre, diventano più pronunciati e pericolosi. I sintomi primari della malattia si manifestano con l'irritazione della pelle a cibi o sostanze. Tali eruzioni cutanee scompariranno da sole dopo il completamento dell'allattamento al seno e il recupero del corpo..

Durante la gravidanza e l'allattamento, le donne dovrebbero limitare il contatto con le seguenti sostanze [4]:

  • latte, eventuali noci, miele relativi ad allergeni alimentari;
  • peli di animali domestici, polline di piante, polvere domestica - sono allergeni inalati;
  • lattice, farina, polvere di legno - classificati come allergeni professionali;
  • morsi di vari insetti - allergeni di insetti;
  • farmaci antinfiammatori, insulina, anestetici - allergeni dei farmaci.

È improbabile che sia possibile eliminare completamente l'interazione con le sostanze elencate, ma vale la pena provare il più possibile per limitare il contatto con componenti pericolosi. Esiste anche una dieta raccomandata sviluppata per le donne in allattamento e in gravidanza dal PAMH Research Institute of Nutrition [2].

Come si manifestano le allergie nelle donne che allattano: sintomi

Una reazione allergica nelle donne durante il periodo dell'allattamento può essere lieve e può avere sintomi in rapido sviluppo.

Di regola, le allergie sono caratterizzate dalle seguenti manifestazioni:

  • eruzioni cutanee accompagnate da prurito;
  • alcune eruzioni cutanee acquisiscono arrossamento e gonfiore pronunciati;
  • pesantezza nella respirazione, accompagnata da tosse e mancanza di respiro;
  • occhi acquosi e sensibilità alla luce.

I casi più gravi sono accompagnati da shock anafilattico, caratterizzato da spasmo delle vie aeree, forte diminuzione della pressione e compromissione della coscienza.

Elenco degli antistaminici che puoi assumere mentre allatti il ​​tuo bambino

Molte medicine moderne possono essere combinate con l'allattamento al seno. Inoltre, qualsiasi manifestazione allergica deve essere trattata anche durante l'allattamento. Si consiglia di utilizzare preparati sotto forma di spray o soluzioni destinate all'inalazione per questo: in questo modo i principi attivi non penetrano nel flusso sanguigno e non danneggiano il bambino.

Prima di assumere qualsiasi farmaco, è imperativo consultare il proprio medico. L'elenco dei farmaci sicuri include i seguenti farmaci [1]:

  1. La cetrina o la cetirizina non vengono assorbite nel latte. Inoltre, se viene superato il dosaggio prescritto, può avere solo una leggera sedazione..
  2. Dinox o Feksadin passano nel latte materno in piccole quantità, ma non hanno alcun effetto sul bambino.
  3. Alcedin viene utilizzato come soluzione per inalazione, non viene assorbito nel flusso sanguigno, quindi è completamente sicuro durante l'allattamento.
  4. Claritin o Loratadin sono molto richiesti a causa del suo effetto sedativo minimo. Non viene assorbito nel latte e non danneggia il bambino.

Non dovresti usare farmaci prodotti secondo il tipo sovietico a causa del gran numero di effetti collaterali e della scarsa efficacia nel trattamento. È vietato utilizzare mezzi come:

  • Suprastin;
  • Diazolin;
  • Cloropiramina;
  • Clemastine;
  • Tavegil.

Contribuiscono alla comparsa di un forte effetto sedativo non solo nella madre, ma anche nel bambino [1]. Possono anche provocare una diminuzione dell'allattamento o il rifiuto di un bambino dal latte materno.

Rimedi popolari usati per combattere le allergie durante l'allattamento

Le allergie possono spesso essere lievi. In questo caso, per eliminare prurito e gonfiore, vengono utilizzati rimedi popolari. Questi metodi includono:

  • impacchi e bagni alle erbe a base di un decotto di camomilla o corteccia di quercia;
  • lozioni a base di succo di aloe fresco naturale;
  • prendere un decotto infuso con ortica ridurrà l'infiammazione e aumenterà l'allattamento [3].

Inoltre, puoi prendere un decotto di camomilla o viburno grattugiato con il tè, che hanno un effetto iposensibilizzante..

Conclusione

Nonostante tutti i vantaggi elencati dei farmaci, vale la pena ricordare che affinché il latte materno rimanga il più prezioso e utile possibile, qualsiasi trattamento deve essere iniziato con estrema cautela. Il fitoterapista I. Agafonova consiglia di rivolgersi a rimedi popolari e solo se sono inefficaci ricorrere ad azioni più serie [5].

Allergia in una madre che allatta, cosa fare

Le allergie in una madre che allatta possono essere un vero problema per una donna e il suo bambino. L'allattamento al seno è un periodo molto cruciale, la salute di un bambino per il resto della sua vita dipende dal latte materno.

Allergia: come e perché si manifesta

In molte donne, le allergie si verificano durante il periodo postpartum. Per nove lunghi mesi, tutte le forze del corpo sono state subordinate alla nascita di un bambino, l'immunità è stata indebolita ed è più facile per gli allergeni trovarvi un punto vulnerabile. Pertanto, l'allergia di una madre durante l'allattamento può iniziare in modo completamente inaspettato..

Gli allergeni sono convenzionalmente combinati in diversi gruppi:

  1. Nutrizionale. Una reazione allergica può essere per qualsiasi cosa, ma ci sono alimenti che causano allergie più spesso: noci, miele, cioccolato, frutti di mare e frutta esotica.
  2. Medicinali. L'intolleranza individuale può verificarsi a qualsiasi farmaco o ai suoi componenti, un altro argomento contro qualsiasi automedicazione.
  3. Polline delle piante. Questo problema è solitamente stagionale e si verifica durante il periodo di fioritura..
  4. Famiglia: polvere di casa o di libri, profumeria, cosmetici, prodotti chimici domestici.
  5. Biologico - se infettato da virus, funghi, ecc..
  6. Fisico - al freddo o al sole. La luce ultravioletta del sole o il gelo non sono allergeni di per sé, ma possono provocare una reazione a sostanze già presenti nel corpo o sulla pelle.

Le reazioni allergiche sono:

  • respiratorio: starnuti, naso che cola, gonfiore del naso, arrossamento degli occhi, mancanza di respiro, broncospasmo, ecc.;
  • pelle: varie eruzioni cutanee, arrossamenti della pelle, vesciche, prurito, ecc.;
  • gastrointestinale: intolleranza a determinati alimenti.

Se un'allergia si sviluppa in una madre che allatta, prima di tutto dovrebbe consultare un medico che stabilirà definitivamente che si tratta di un'allergia e non di qualche altra malattia di natura diversa. E, soprattutto, identificherà l'allergene a cui si è verificata la reazione.

Le reazioni allergiche si verificano rapidamente, quindi con una conversazione dettagliata, il medico può già determinare dove cercare la fonte del pericolo.

È molto utile per le madri che allattano tenere un "diario nutrizionale", che registrerebbe tutti i cambiamenti nella dieta. In caso di qualsiasi reazione atipica del corpo, questo aiuterà a identificare la causa del problema..

Inoltre, nell'arsenale della medicina moderna ci sono molti modi per diagnosticare le allergie: test cutanei, test provocatori e di eliminazione, test degli anticorpi.

Trattamento allergico per l'allattamento al seno

Prima di tutto, devi cercare di escludere il contatto con l'allergene..

Per questo è importante:

  1. Controlla la tua dieta. Sono vietati molto dolci e molto grassi, uova, miele, frutta e verdura brillante, agrumi, noci, bevande gassate. Diffidare del pesce di mare e del pollo. Molti esperti consigliano di rinunciare al latte intero (sia di mucca che di capra) a favore dei prodotti a base di latte fermentato. L'allergia al latte in una madre che allatta non è un evento così raro. Gli allergeni alimentari possono facilmente entrare nel latte materno e causare problemi non solo alla madre, ma anche al bambino. Cosa è possibile per una madre che allatta con un'allergia: zuppe di verdure e brodi di manzo, cereali, assicurati di bere almeno 2 litri di acqua o tè debole. Una nutrizione equilibrata completa è una garanzia che il bambino con latte materno riceverà tutto il necessario e nulla di dannoso.
  2. Sbarazzarsi degli "aspirapolvere" - peluche, tappeti, ecc. Più spesso si pulisce a umido in casa.
  3. Se possibile, rinunciare ai prodotti chimici domestici per un po ', sciacquare accuratamente il bucato durante il lavaggio, utilizzare cosmetici senza forti fragranze di profumeria. Attenzione: anche i cosmetici con ingredienti naturali (oli di frutta, estratti di erbe) possono essere molto allergenici.
  4. Non prendere gattini, cani, pesci durante questo periodo. Le allergie sono causate da lana, mangimi, cosmetici per animali domestici, ecc..
  5. In caso di raffreddore da fieno durante il periodo di fioritura, cerca di stare meno all'aperto, soprattutto con tempo asciutto e ventoso. Torna a casa, fai la doccia e lavati i capelli - lava via il polline.

Potrebbe non essere possibile fare a meno dei farmaci, ma affidare la loro selezione a uno specialista, solo lui deciderà cosa è possibile dalle allergie durante l'allattamento. Le istruzioni per la maggior parte degli antistaminici moderni indicano che possono essere utilizzati durante l'allattamento. Questo è importante, ma non abbastanza. Solo un medico determinerà il dosaggio e la durata del trattamento di cui hai bisogno. Possono prescrivere tali pillole per le allergie durante l'allattamento:

  • Alerza, Zyrtec, Letizen, Zinset, Zodak, Tsetrin, Cetirizin;
  • "Alcedin" (soluzione per inalazione);
  • Loratadin, Claritin, Clarotadin, Loridin;
  • Elset, Zenaro, Glenzet, Ksizal;
  • Feksadin, Allerfex, Telfast, Dinox, Feksofast;
  • "Erius".

Il medico può prescrivere altri rimedi per le allergie durante l'allattamento al seno come parte di una terapia complessa: spray, soluzioni per inalazione e assorbenti che aiutano a rimuovere gli allergeni dal corpo.

Posso continuare ad allattare con allergie?

Le reazioni allergiche sono particolarmente spaventose per le donne che non hanno riscontrato questo problema prima della gravidanza, ma anche le madri allergiche esperte hanno molte domande. Uno dei principali è se sia possibile continuare l'allattamento al seno con allergie. Gli esperti rispondono che nella maggior parte dei casi è possibile.

Le allergie non sono contagiose e non si trasmettono da sole attraverso il latte materno. Ma un bambino può ereditare una predisposizione alle allergie per via ereditaria, geneticamente.

L'alimentazione viene interrotta se sono necessari farmaci forti o quando non c'è nulla a portata di mano in caso di un grave attacco allergico, ad eccezione dei farmaci di prima generazione, che sono controindicati per le madri che allattano.

In conclusione, ricordiamolo: le allergie non andranno via da sole, devono essere trattate. Consultare uno specialista e seguire rigorosamente le sue istruzioni.

Come trattare le allergie in una madre che allatta

L'allattamento al seno è un periodo meraviglioso, ma allo stesso tempo può essere paragonato a camminare in un campo minato, perché il minimo disturbo nell'alimentazione della madre può provocare allergie al suo bambino. Sì, e la madre stessa in questo momento non è protetta da tali reazioni, anche se non le ha mai incontrate prima. E se compaiono segni, devi scoprire se può prendere pillole per le allergie durante l'allattamento e quali.

Perché le allergie possono peggiorare dopo il parto

Riguardo al fatto che portare un bambino e il processo del parto indebolivano notevolmente il suo corpo, ogni madre, di sicuro, ronzava tutte le orecchie: parenti, dottori e amiche. Ma questo fatto non può essere evitato: con tutta la naturalezza del processo, la gravidanza diventa davvero un carico pesante..

Indebolisce molti processi e funzioni del corpo, in particolare il sistema immunitario. Inoltre, dovrebbe essere chiaro che immediatamente dopo il concepimento, l'immunità di una donna viene soppressa, perché altrimenti rifiuterebbe il feto come qualcosa di estraneo (grazie alle cellule di papà). Di conseguenza, la maggior parte delle madri (a volte abbastanza inaspettatamente per se stesse) sviluppa allergie durante l'allattamento a cibi o cose familiari.

Il terzo fattore è il processo di alimentazione stesso. Anche lui esige dalla madre il pieno impegno di forze e risorse, indebolendo così le difese. Ciò è particolarmente pronunciato se la madre si precipita a prendersi cura del bambino e si dimentica di se stessa: dorme poco, mangia male, è costantemente nervosa.

Gli scienziati non hanno ancora capito perché compare un'allergia durante l'allattamento, perché è una risposta immunitaria eccessiva a un'invasione ed è solo indebolita dalla madre. Tuttavia, le statistiche stanno ostinatamente piegando la loro linea: nella maggior parte dei casi, l'immunodeficienza è accompagnata da un'allergia.

Una delle ipotesi afferma che la causa dello sviluppo di allergie potrebbe essere la mancanza di liquidi nel corpo e l'eccesso di calcio. Questa situazione si osserva abbastanza spesso con l'HS e provoca la produzione di istamina, l'ormone "responsabile" dell'insorgenza di allergie..

L'allergia si forma durante l'allattamento

Le allergie in una madre che allatta assumono molte forme. Esistono tre tipi principali di reazioni:

  • respiratorio;
  • gastrointestinale;
  • cutaneo.

Ci sono sintomi di allergia locali e generali. I primi includono allergici:

  • rinite;
  • dermatite;
  • congiuntivite;
  • otite;
  • spasmo bronchiale;
  • orticaria, eczema.

Un complesso di diversi locali è considerato un sintomo comune. Quando compaiono i primi segni di una di queste reazioni, consultare immediatamente un medico. Se aspetti che l'allergia scompaia da sola, puoi attendere un grave peggioramento, fino al verificarsi dell'edema di Quincke e della morte.

Dermatite, neurodermite

La dermatite e la neurodermite sono uno dei sintomi dell'allergia all'allattamento. Sorgono come reazione alle tossine accumulate nel corpo - a causa di interruzioni del tratto gastrointestinale, allergie alimentari, disbiosi o malnutrizione.

I sintomi della dermatite allergica in una madre che allatta sono arrossamento, secchezza e desquamazione della pelle, a volte accompagnati da prurito. Appare un'eruzione cutanea su viso, collo, braccia, palmi (meno spesso su gambe e glutei).

A volte questa eruzione cutanea sembra brufoli giovanili sul viso. Quindi quando compaiono, dovresti essere cauto - forse questo è un brutto sintomo.

Febbre da fieno

La pollinosi è un naso che cola stagionale, una reazione allergica a fattori ambientali. Si verifica spesso con HB, quando il corpo è indebolito, e di solito è attaccato al periodo primaverile, quando gli alberi e le erbe iniziano a fiorire, riempiendo l'aria di polline..

I sintomi della febbre da fieno sono simili al comune raffreddore: mal di testa, congestione nasale, bruciore alla gola, a volte congiuntivite, tosse secca. Si distinguono per l'assenza di temperatura e l'aumento dei segni dopo una lunga permanenza all'aria aperta o anche all'interno, ma con le finestre aperte.

Rinite allergica

La rinite allergica, secondo la descrizione, è abbastanza simile alla febbre da fieno, ma non è legata alla stagionalità. Un naso che cola può verificarsi in qualsiasi momento dell'anno come reazione a polvere, peli di animali domestici, muffe, ecc..

La rinite stessa può essere accompagnata da ulteriori sintomi:

  • naso e orecchie soffocanti;
  • scarico chiaro, acquoso o mucoso;
  • prurito al naso, starnuti costanti;
  • diminuzione dell'olfatto e della sensibilità delle papille gustative.

Inoltre, la rinite allergica può colpire gli occhi: diventano rossi e acquosi.

Asma bronchiale

L'asma bronchiale, come reazione allergica, può verificarsi con una predisposizione genetica, sovrappeso o cambiamenti ormonali nel corpo. I picchi ormonali sono qualcosa che le madri che allattano devono affrontare e sono quelli che tendono a causare l'asma atopico. E anche - eccessivo stress fisico ed emotivo, che è anche familiare a ogni madre. Inoltre, l'asma può svilupparsi come complicanza dopo ARVI o altre malattie respiratorie..

I sintomi dell'asma sono riconoscibili:

  • mancanza di respiro, difficoltà a respirare;
  • un nodulo nella zona del torace;
  • fischi durante la respirazione;
  • sensazione di mancanza di ossigeno;
  • tosse secca.

Uno qualsiasi di questi sintomi dovrebbe essere un motivo per prestare attenzione alla tua salute. Si sviluppano gradualmente, raggiungendo un picco la sera o la mattina, dopo di che si verifica un attacco. Questa è una malattia molto grave e deve essere trattata da un allergologo..

Edema di Quincke

L'edema di Quincke è una forma grave di allergia molto pericolosa per la vita. Come altre forme, si sviluppa a causa di una maggiore sensibilità agli allergeni nel cibo o nell'aria. È caratterizzato da gonfiore del viso e del collo, che gradualmente passa alla laringe, interrompendo la respirazione. Se l'assistenza necessaria non viene fornita in tempo, la morte è possibile. Ecco perché una madre che allatta ha bisogno di cercare immediatamente aiuto con il gonfiore delle palpebre, delle labbra, del viso in generale..

È possibile allattare al seno con allergie

Molte madri temono che le loro allergie possano essere trasmesse al loro bambino con il latte, ma questa paura è infondata. I sintomi che avvelenano la vita della madre non si trasmettono durante l'allattamento, ma può contrarre l'allergene che ha causato la sua malattia. Ciò non significa al 100% che il bambino svilupperà anche allergie, ma esiste la possibilità che si verifichino. In effetti, molto spesso c'è una predisposizione genetica alle allergie..

C'è anche un'opinione secondo cui l'allattamento al seno con febbre da fieno o qualsiasi altra forma aiuta a rafforzare l'immunità del bambino e riduce le sue possibilità di diventare allergico in futuro..

Se la madre sta assumendo farmaci per l'allergia, dovresti scoprire come agiscono sul bambino e quanto sono compatibili con l'allattamento al seno. La maggior parte dei farmaci moderni sono relativamente sicuri e approvati per l'uso nell'epatite B. Cosa prendere esattamente dalle allergie durante l'allattamento al seno da una madre, solo un medico può dirlo con certezza: prescrivere farmaci da solo è pericoloso per la salute del bambino e della madre stessa.

Come si possono trattare le allergie allattamento?

Il trattamento delle allergie nelle madri che allattano al seno prevede l'uso di antistaminici specializzati. La loro scelta è piuttosto ampia, ma è molto importante scegliere tali pillole allergiche che possono essere combinate con l'alimentazione, altrimenti dovrà essere interrotta. E questo è sempre stressante sia per la mamma che per il bambino..

Purtroppo, le istruzioni ufficiali di quasi tutti gli antistaminici registrati in Russia ne vietano l'uso durante l'allattamento. In ogni caso, dopo aver riletto le istruzioni per decine di compresse, non abbiamo trovato un solo farmaco consentito per l'HS. Tuttavia, i ricercatori spagnoli, i creatori dell'autorevole sito in lingua inglese E-lactation per aiutare le madri, hanno condotto ricerche su larga scala. Hanno anche verificato la compatibilità delle pillole per l'allergia con l'HS. Sono le loro conclusioni che presentiamo qui.

Tutti i rimedi allergici, chiamati anche antistaminici, sono divisi in tre gruppi..

Farmaci di prima generazione

Sono caratterizzati da un effetto a breve termine, hanno un forte effetto sedativo e spesso creano dipendenza. La maggior parte di questi farmaci non è compatibile con l'allattamento al seno. Questi includono: Suprastin. Il farmaco ha alcune controindicazioni. Può ridurre la produzione di latte, causare sonnolenza nella madre, influire negativamente sulle condizioni del bambino;

  • Diazolin. Il farmaco è assente nella classificazione internazionale e nelle istruzioni il periodo di allattamento è indicato come controindicazione all'uso;
  • Tavegil, Clemastine. Provoca anche una grave sonnolenza nella mamma e nel bambino, il che è pericoloso. Può rifiutarsi di allattare, cadere in uno stato di torpore. Se le pillole vengono ancora prese, il bambino non deve essere lasciato incustodito, soprattutto se dorme;
  • Diprazina. Gli effetti collaterali di questo farmaco sono simili ai precedenti. Non è consigliabile prenderlo durante il periodo dell'epatite B, ma è consentito un singolo utilizzo per alleviare i sintomi. È meglio spremere il latte più volte dopo averlo assunto.

Farmaci di seconda generazione

Si distinguono per un'azione più lunga e un minor numero di effetti collaterali. Tali farmaci antiallergici durante l'allattamento al seno sono consentiti con la stretta aderenza al dosaggio e alle regole di ammissione.

  • Alerza, Zyrtec, Letizen, Zinset, Zodak, Tsetrin Cetirizine. Non passa nel latte, non provoca sonnolenza, non sono state identificate conseguenze negative dell'uso.
  • Alcedin: una soluzione per inalazione, non viene assorbita nel sangue e nel latte, è sicura per l'HS;
  • Loratadin, Claritin, Klarotadin, Loridin - rapidamente escreti dal corpo, praticamente non passano nel latte.
  • Elset, Zenaro, Glenzet, Xizal. Secondo la directory internazionale e le conclusioni dei medici britannici, i farmaci sono condizionatamente sicuri. Quando sono stati presi, non ci sono state conseguenze negative per la madre o il bambino..
  • Terfenadina. Il farmaco è vietato per l'uso a lungo termine, può causare nervosismo e malumore in un bambino. In caso di disturbi del ritmo cardiaco, l'appuntamento viene effettuato sotto la supervisione di un medico.
  • Feksadin, Allerfex, Telfast, Dinox, Feksofast. I principi attivi dei farmaci passano nel latte, ma non hanno un effetto negativo sul bambino, quindi possono essere utilizzati durante l'epatite B.
  • Dimetindetna maleate (fenistil) ha un'efficacia inferiore a Zirtek, Citrine e alcuni altri, ma è approvato per l'uso anche per i bambini da 1 mese.

Farmaci di terza generazione

I farmaci più moderni che si trasformano nell'organismo in metaboliti attivi. Questi farmaci non provocano sonnolenza, non disturbano la concentrazione, la memoria, la funzione vascolare e cardiaca. Tali rimedi allergici per le madri che allattano sono relativamente sicuri. Questi includono:

  • Levocytirizina. Consentito durante l'allattamento, ma richiede il monitoraggio della reazione del bambino. In caso di eruzione cutanea, perdita di appetito o irritabilità, il farmaco deve essere scartato e consultare immediatamente un medico.
  • Desloratadina. Il farmaco blocca l'istamina e allevia i sintomi di allergia. La concentrazione di sostanze attive nel sangue e nel latte è molto bassa, quindi gli effetti collaterali sono estremamente rari.
  • Fexofenadina. Il farmaco funziona per 24 ore, la concentrazione nel latte è bassa. È prescritto nei casi in cui i benefici per la madre sono superiori al possibile rischio per il bambino..

Ma non importa quanto siano sicuri o familiari gli antistaminici, possono essere prescritti solo da un medico, dopo aver esaminato il paziente e aver eseguito i test necessari!

Guarda la reazione del bambino! Qualsiasi segnale di avvertimento (sonnolenza, malumore, pelle, manifestazioni intestinali) dovrebbe essere il motivo della sospensione del farmaco.

Prevenzione delle allergie nelle madri che allattano

Per ridurre al minimo i danni causati dai farmaci, è meglio agire in anticipo e prevenire le malattie. Per fare ciò, dovrai implementare diverse regole e restrizioni:

  • Monitora attentamente la tua reazione agli animali domestici (contano anche gli uccelli) durante l'allattamento. L'assenza di allergie a loro in passato non è un motivo per saltare questo punto. Dopo il parto, le cose possono cambiare;
  • igiene. Per evitare l'accumulo di polvere, è necessario ventilare quotidianamente le stanze, pulire i pavimenti, lavare regolarmente biancheria da letto, giocattoli, tende. E inoltre, per abbattere i tappeti, rimuovere le tende pesanti, le pellicce e i copriletti di lana e tutto ciò che può essere sospettato di allergeni;
  • una dieta che eviti gli allergeni alimentari. Tutti gli agrumi, frutti rossi e verdure, miele e prodotti delle api, noci e alcuni tipi di pesce sono prodotti pericolosi;

Le allergie possono ridurre significativamente il comfort della vita e la madre si stanca molto. Pertanto, non è necessario provare a sopportarlo, ma non è nemmeno possibile auto-medicare: dopotutto, è in gioco la salute del bambino. Sarà molto più sicuro ed efficace cercare aiuto medico: questo aiuterà ad alleviare rapidamente la condizione e continuare l'allattamento al seno senza danni al bambino..

Un problema per due: un'allergia in una madre che allatta

L'allattamento al seno è un processo estremamente impegnativo. Dopotutto, la qualità del latte materno, e con esso le condizioni generali e la salute del bambino, dipendono dalla qualità della vita della madre. Pertanto, i minimi cambiamenti e deviazioni, come le allergie, sono spesso percepiti dalle madri che allattano come una tragedia. Dall'articolo imparerai cosa fare per una donna che allatta con allergie e come comporre correttamente un menu dietetico ipoallergenico.

Allergie nelle madri che allattano: vale la pena preoccuparsi?

Quando una donna sviluppa un'allergia durante l'allattamento, sorgono molte domande insieme a lei: "È pericoloso dare latte materno?", "Il bambino è allergico a un'allergia?", "L'allattamento al seno deve essere interrotto?". Se la madre ha una reazione allergica e non una malattia infettiva, non è affatto necessario interrompere l'allattamento al seno.

Le allergie non si trasmettono attraverso il latte. Qualsiasi manifestazione di una reazione in un bambino sarà associata alla sua predisposizione genetica ad essi, così come al contatto diretto con gli allergeni.

Puoi anche guardare il video in cui il pediatra risponde alla domanda se sia possibile allattare al seno con allergie in una madre che allatta

Grave reazione allergica

Se l'allergia ha assunto una forma acuta, è semplicemente necessaria l'assunzione di antistaminici. Gli antistaminici di 2a generazione (Cetirizin, Suprastin) sono prescritti da un medico e l'allattamento viene temporaneamente interrotto. Questo è esattamente il caso quando si tratta di necessità vitale, perché con tali reazioni sono possibili edema laringeo, soffocamento, shock anafilattico, edema di Quincke.

Cause di allergie

L'allergia si verifica quando il sistema immunitario riconosce una sostanza ostile e inizia a combatterla. Qualsiasi cosa può essere identificata come l'agente eziologico delle allergie: coloranti alimentari, polline, peli di animali domestici, polvere, agenti patogeni fungini, prodotti chimici domestici, cosmetici, frutta (soprattutto agrumi).

Gli allergeni sono divisi in gruppi:

  • batterica
  • polline
  • cutaneo
  • cibo
  • domestico
  • chimica
  • fungine

Allergia dopo il parto

L'immunità di una donna, indebolita dalla gravidanza e dal travaglio, è particolarmente soggetta alle allergie.Se un'allergia si verifica immediatamente dopo il parto, è necessario rivedere attentamente la propria dieta, escludere agrumi e cioccolato per un po ', se sono stati mangiati. Introdurre nuovi prodotti nel cibo in più fasi, osservando lungo il percorso la reazione del bambino. È più conveniente conservare le modifiche apportate nel formato di un diario.

Allergia cronica

Se i sintomi dell'allergia non scompaiono, ma sono aggravati, scorre dolcemente in uno cronico. L'allergia cronica è dovuta al continuo contatto con l'allergene.

In questi casi, si consiglia di eliminare immediatamente l'irritante e di essere accuratamente esaminati da specialisti al fine di escludere malattie autoimmuni (lupus eritematoso, artrite reumatoide), eseguire test per gli anticorpi e tamponi nasali per la ricerca (con rinite cronica).

Sono caratterizzati da un malfunzionamento dell'intero sistema immunitario, che inizia ad attaccare i tessuti sani del corpo. Per il trattamento di tali malattie vengono utilizzati farmaci che inibiscono l'attività del sistema immunitario (clorambucile, azatioprina) in combinazione con vitamine e una dieta speciale.

Come si manifesta l'allergia??

L'allergia è una sorta di metodo di difesa del corpo, la sua reazione instabile agli oggetti dannosi. Di conseguenza, compaiono sintomi generali e locali:

  • attacchi di starnuti ripetuti;
  • dermatite (infiammazione della pelle, orticaria, prurito, eczema, vesciche);
  • congiuntivite, arrossamento degli occhi, lacrimazione;
  • rinite, arrossamento, gonfiore e gonfiore del naso;
  • broncospasmo, mancanza di respiro;
  • edema dei padiglioni auricolari, perdita dell'udito, otite media.

Caratteristiche delle allergie nelle madri che allattano

Poiché il benessere del bambino dipende direttamente dalle condizioni della madre durante l'allattamento, è necessario tenere conto degli aspetti dell'innocuità dei farmaci da questo lato. Se l'allergene è presente nel latte materno, il bambino può sviluppare manifestazioni cutanee sotto forma di pelle secca, dermatite da pannolino ingiustificata e croste seborroiche sulla testa..

A volte la madre sviluppa dermatite atopica, caratterizzata da arrossamento della pelle, secchezza e prurito. Nel 60% dei casi diagnosticati, la dermatite nella madre porta allo sviluppo della malattia nel bambino, perché è ereditaria. Viene trattato rigorosamente sotto la supervisione di un medico con antistaminici e una dieta speciale..

Pollinosi e GV

Anche il trattamento della pollinosi (allergia al polline) durante l'allattamento ha le sue caratteristiche. Nel video qui sotto puoi leggere le raccomandazioni dell'allergologo su questo problema. Abbiamo anche preparato un articolo sul raffreddore da fieno durante la gravidanza e dopo il parto..

Diagnostica allergica

Esistono molti modi per diagnosticare le allergie:

  • test cutanei
  • test provocatori
  • prove di eliminazione
  • studi sugli anticorpi

Il medico è interessato ai reclami del paziente e successivamente prescrive alcune procedure. Infiammazione, prurito sulla pelle, secrezione acquosa dal naso, deterioramento delle condizioni generali, debolezza, mancanza di respiro - se almeno alcuni sintomi si riscontrano in una madre che allatta, consultare immediatamente un medico.

La terapia prescritta dal medico deve essere eseguita regolarmente, seguendo tutte le raccomandazioni.

Trattamento delle allergie nelle madri che allattano

Ora scopriamo cosa fare con le allergie in una madre che allatta. Prima di tutto, è necessario stabilire la causa della reazione, che "provocatore" è servito da impulso per una tale reazione del corpo e liberarsene.

  • Rivedi la dieta. I pasti non devono contenere cibi altamente allergenici.
  • Limita la presenza di "aspirapolvere" in casa: peluche, tappeti. Conserva libri e biancheria da letto in armadietti chiusi.
  • Evita il contatto con animali domestici. Gatti, cani e persino pesci (possibilmente allergici al loro cibo) possono causare manifestazioni.
  • Ridurre al minimo l'uso di prodotti chimici domestici. Cerca di usare meno aerosol, detersivi possibile, sostituendoli con ingredienti naturali (soda, senape in polvere, sapone da bucato).
  • Elimina categoricamente il fumo di tabacco. Anche se la madre stessa non è incline a questa cattiva abitudine e qualcuno dall'ambiente fuma, i tentativi di fumare con lei dovrebbero essere fermati.

Raccomandazioni generali per l'uso di droghe

Se possibile, scegli i preparati sotto forma di spray o soluzione per inalazione. Tali farmaci agiscono su alcune aree della pelle, consentendo un assorbimento minimo nel sangue e nel latte e, di conseguenza, la possibile reazione del bambino ad esse è minima..

Farmaci controindicati per le madri che allattano:

  • Pipalfenolo
  • Claritin
  • Klimastin
  • Diazolin
  • Cetizirina
  • Fexofenadina
  • Levocytirizina
  • Piperazina
  • Desloratidina
  • Suprastin

Queste pillole per l'allergia vengono escrete nel latte e hanno un effetto dannoso sul bambino: diventa troppo agitato o, al contrario, letargico e assonnato. Se l'assunzione di tali farmaci è vitale, l'allattamento viene interrotto.

Gli allergeni possono essere rimossi in modo sicuro combinando enterosorbenti (Polysorb, Enterosgel, carbone bianco) e una dieta di eliminazione, in cui i provocatori di allergie sono esclusi dalla dieta.

Cosa si può fare dalle allergie con HB

Poiché non esistono studi clinici sulle reazioni delle madri che allattano a determinati farmaci, è impossibile affermare in modo inequivocabile l'innocuità degli antistaminici. Ecco alcuni dei farmaci più delicati adatti per l'uso durante l'allattamento:

  • Cloratadine
  • Beclometasone

Alcuni di questi medicinali sono disponibili in gocce o gel. Le gocce sono utilizzate per manifestazioni di tali tipi di allergie come rinite, orticaria, allergie alimentari, gonfiore. Eruzioni cutanee, vesciche, punture di insetti, eczemi vengono trattati con un gel applicato sulle zone colpite.

Nutrizione appropriata

Si dice bene che siamo ciò che mangiamo. E la dieta di una madre che allatta con una tendenza alle allergie dovrebbe apparire come un menu chiaro con molte restrizioni. Le pillole allergiche non sono una panacea e solo insieme a una corretta alimentazione puoi ottenere risultati positivi..

Principi di una dieta ipoallergenica

È necessario avvicinarsi selettivamente alla dieta di una donna con allergie durante l'allattamento. Puoi leggere di più sugli alimenti che possono e non devono essere consumati durante l'allattamento al seno nell'articolo corrispondente..

Dieta di una madre che allatta:

  • dieta a basso contenuto di carboidrati con la minor quantità di zucchero
  • zuppe di verdure e brodi di manzo
  • prodotti a base di latte fermentato, yogurt, kefir, ricotta a basso contenuto di grassi
  • le mele sono ammesse
  • 2 litri di acqua ogni giorno (è possibile un tè debole)
  • manzo bollito, pollo, tacchino, a volte pesce al vapore

Gli alimenti che provocano allergie sono vietati:

  • uova
  • agrumi
  • cioccolato
  • brodi grassi
  • noccioline
  • Halva
  • verdure e frutta dai colori vivaci

Si consiglia inoltre di effettuare una disintossicazione generale del corpo per rimuovere da esso gli agenti patogeni nocivi. I preparati assorbenti - Enterosgel, carbone attivo - faranno fronte perfettamente a questo compito.

Il trattamento delle allergie durante l'allattamento, nella maggior parte dei casi, non richiede un ospedale. È necessario contattare il proprio medico locale per prescrivere i farmaci necessari e seguire rigorosamente le raccomandazioni. È importante sapere che le allergie non sono un motivo per farsi prendere dal panico e interrompere l'allattamento al seno. Farmaci, aderenza alla dieta e regole generali, aiuteranno ad alleviare i sintomi e, nel tempo, a liberarsi completamente della malattia.

Allergie in una madre che allatta: cosa fare, quali antistaminici possono essere usati con l'allattamento

Raccomandazioni generali per l'uso di qualsiasi farmaco

Dovremmo dire che l'uso di quasi tutti i farmaci è indesiderabile durante l'allattamento? Ogni inserto della pillola ha una colonna separata sul meccanismo di utilizzo durante la gravidanza e l'allattamento

E questo significa, prima di tutto, che una donna che allatta, prendendo determinate pillole, dovrebbe prestare la massima attenzione a questa particolare informazione. Parallelamente, vale la pena notare che molti farmaci moderni mancano completamente di informazioni sul loro uso durante la gravidanza e l'allattamento.

Ciò è dovuto, prima di tutto, alla conoscenza insufficiente del farmaco e del suo meccanismo di penetrazione nel latte materno..

Tuttavia, il grado di influenza di qualsiasi farmaco sul corpo di un neonato è determinato dai seguenti fattori:

  • Il grado di tossicità del farmaco stesso.
  • La quantità di principio attivo che è entrata nel corpo del bambino insieme al latte materno.
  • Caratteristiche dell'effetto del farmaco sugli organi immaturi di un neonato.
  • Il periodo di completa eliminazione del farmaco dal corpo del bambino (questo fattore dipende dalla formazione del fegato e dei reni del bambino, nonché dal grado di maturità dei sistemi enzimatici).
  • Sensibilità individuale del bambino al farmaco e rischio di sviluppare reazioni allergiche direttamente nel neonato.

In alcuni casi (con un'allergia particolarmente grave in una donna che allatta), è necessario assumere farmaci sufficientemente forti che non sono raccomandati durante la gravidanza e l'allattamento. In questo caso, per il trattamento delle allergie, la madre dovrebbe smettere di nutrire il suo bambino in modo naturale per un po '. Ma allo stesso tempo, è necessario estrarre regolarmente il latte per mantenere la sua produzione..

L'allergia si forma durante l'allattamento

Le allergie in una madre che allatta assumono molte forme. Esistono tre tipi principali di reazioni:

  • respiratorio;
  • gastrointestinale;
  • cutaneo.

Ci sono sintomi di allergia locali e generali. I primi includono allergici:

  • rinite;
  • dermatite;
  • congiuntivite;
  • otite;
  • spasmo bronchiale;
  • orticaria, eczema.

Un complesso di diversi locali è considerato un sintomo comune. Quando compaiono i primi segni di una di queste reazioni, consultare immediatamente un medico. Se aspetti che l'allergia scompaia da sola, puoi attendere un grave peggioramento, fino al verificarsi dell'edema di Quincke e della morte.

Dermatite, neurodermite

La dermatite e la neurodermite sono uno dei sintomi dell'allergia all'allattamento. Sorgono come reazione alle tossine accumulate nel corpo - a causa di interruzioni del tratto gastrointestinale, allergie alimentari, disbiosi o malnutrizione.

I sintomi della dermatite allergica in una madre che allatta sono arrossamento, secchezza e desquamazione della pelle, a volte accompagnati da prurito. Appare un'eruzione cutanea su viso, collo, braccia, palmi (meno spesso su gambe e glutei).

A volte questa eruzione cutanea sembra brufoli giovanili sul viso. Quindi quando compaiono, dovresti essere cauto - forse questo è un brutto sintomo.

Febbre da fieno

La pollinosi è un naso che cola stagionale, una reazione allergica a fattori ambientali. Si verifica spesso con HB, quando il corpo è indebolito, e di solito è attaccato al periodo primaverile, quando gli alberi e le erbe iniziano a fiorire, riempiendo l'aria di polline..

I sintomi della febbre da fieno sono simili al comune raffreddore: congestione nasale, bruciore alla gola, a volte congiuntivite, tosse secca. Si distinguono per l'assenza di temperatura e l'aumento dei segni dopo una lunga permanenza all'aria aperta o anche all'interno, ma con le finestre aperte.

Rinite allergica

La rinite allergica, secondo la descrizione, è abbastanza simile alla febbre da fieno, ma non è legata alla stagionalità. Un naso che cola può verificarsi in qualsiasi momento dell'anno come reazione a polvere, peli di animali domestici, muffe, ecc..

La rinite stessa può essere accompagnata da ulteriori sintomi:

  • naso e orecchie soffocanti;
  • scarico chiaro, acquoso o mucoso;
  • prurito al naso, starnuti costanti;
  • diminuzione dell'olfatto e della sensibilità delle papille gustative.

Inoltre, la rinite allergica può colpire gli occhi: diventano rossi e acquosi.

Asma bronchiale

L'asma bronchiale, come reazione allergica, può verificarsi con una predisposizione genetica, sovrappeso o cambiamenti ormonali nel corpo. I picchi ormonali sono qualcosa che le madri che allattano devono affrontare e sono quelli che tendono a causare l'asma atopico. E anche - eccessivo stress fisico ed emotivo, che è anche familiare a ogni madre. Inoltre, l'asma può svilupparsi come complicanza dopo ARVI o altre malattie respiratorie..

I sintomi dell'asma sono riconoscibili:

  • mancanza di respiro, difficoltà a respirare;
  • un nodulo nella zona del torace;
  • fischi durante la respirazione;
  • sensazione di mancanza di ossigeno;
  • tosse secca.

Uno qualsiasi di questi sintomi dovrebbe essere un motivo per prestare attenzione alla tua salute. Si sviluppano gradualmente, raggiungendo un picco la sera o la mattina, dopodiché si verifica un attacco

Questa è una malattia molto grave e deve essere trattata da un allergologo..

Edema di Quincke

L'edema di Quincke è una forma grave di allergia molto pericolosa per la vita. Come altre forme, si sviluppa a causa di una maggiore sensibilità agli allergeni nel cibo o nell'aria. È caratterizzato da gonfiore del viso e del collo, che gradualmente passa alla laringe, interrompendo la respirazione. Se l'assistenza necessaria non viene fornita in tempo, la morte è possibile. Ecco perché una madre che allatta ha bisogno di cercare immediatamente aiuto con il gonfiore delle palpebre, delle labbra, del viso in generale..

Tipi di antistaminici e compatibilità con l'allattamento

Attualmente esistono 3 generazioni di antistaminici:

1. Preparativi della 1a generazione. Questi includono Cyproheptadine, Hifenadine, Clemastine, Suprastin, Promethazine, Diazolin, Diphenhydramine, Diprazine.

Tutti hanno proprietà sedative e provocano sonnolenza, disturbi del ritmo cardiaco, penetrano nella barriera emato-encefalica e influenzano il sistema nervoso..

Il manuale e-lactancia.org sulla compatibilità dei farmaci e sull'allattamento al seno ha studiato gli effetti dei seguenti antistaminici su un bambino e una madre che allatta:

  • Clemastina - alto rischio (incompatibile con l'allattamento al seno), può inibire il processo di allattamento, il bambino ha avuto letargia, irritabilità e pianto, rifiuto di allattare;
  • Diprazina - alto rischio, è possibile una singola dose (ad esempio, prima dell'intervento chirurgico o in caso di emergenza), l'assunzione per lungo tempo non è compatibile con l'allattamento al seno;
  • Difenidramina - a basso rischio, può essere utilizzata a piccole dosi e per un breve periodo se il bambino ha più di 1 mese ea termine, a causa della sua elevata capacità di legarsi alle proteine ​​plasmatiche, penetra leggermente nel latte materno;
  • Cyproheptadine, Khifenadine, Suprastin, Promethazine, Diazolin - non sono stati condotti studi.

2. Preparativi della 2a generazione. Loratadina, Astemizolo, Cetirizina, Akrivastina, Terfenadina, Ebastina, Azelastina. Vantaggi: una volta al giorno, nessun effetto sul sistema cardiovascolare, non provoca aumento della sonnolenza, può essere assunto per lungo tempo.

Cetirizina (nomi commerciali Alerza, Zyrtec, Letizen, Zinset, Zodak, Tsetrin, ecc.) - Compatibile con l'allattamento, durante il trattamento di una madre che allatta per un mese, non sono stati riscontrati effetti collaterali a breve e lungo termine, a causa dell'elevata capacità di legarsi alle proteine ​​plasmatiche. improbabile che entri nel latte materno;
Loratadina (nomi commerciali Alerpriv, Klallergin, Klargotil, Claritin, Lominal, Loratadin, ecc.) - secondo l'American Academy of Pediatrics e la British Society of Immunology and Allergology, compatibile con l'allattamento al seno, non sono stati osservati effetti collaterali in una madre che allatta e un bambino, escreti nel latte materno in tracce;
Terfenadina - a basso rischio, può essere utilizzata per un breve periodo per il trattamento, con cautela nelle aritmie cardiache, è stata osservata irritabilità nei bambini allattati al seno;
Acrivastine, Ebastine - sono farmaci a basso rischio.

3. Preparativi della 3a generazione. Levocetirizina, fexofenadina, desloratadina, sekhifenadina. Metaboliti di seconda generazione con maggiore potenza. Come i farmaci di 2a generazione, hanno un numero minimo di effetti collaterali, sono privi di effetti cardiotossici.

Levocetirizina - farmaco a basso rischio, condizionatamente compatibile con l'allattamento al seno, può essere assunto con cautela, osservando la reazione del bambino;
Desloratadina, Fexofenadina secondo la guida e-lactancia sono compatibili con l'allattamento al seno: i principi attivi sono escreti nel latte materno in tracce, non ci sono stati effetti collaterali nel trattamento di una madre che allatta e di un bambino.

Cos'altro si può fare per migliorare la condizione?

Per le persone che soffrono di gravi allergie, gli esperti a volte consigliano di cambiare il loro luogo di residenza. Ciò è particolarmente vero per i residenti di megalopoli altamente inquinate. La muffa rappresenta un grande pericolo per lo sviluppo di molte malattie, comprese quelle allergiche. Deve essere eliminato alle prime manifestazioni..

I viaggi al mare rafforzano il sistema immunitario, che è una buona prevenzione dei disturbi

Se, nonostante tutte le precauzioni, una donna soffre di reazioni allergiche, i farmaci non possono essere evitati

Fidati del tuo medico e dei suoi consigli. Non curare la malattia da soli.

23 dicembre, 13:21 • Allergia. Quale farmaco posso assumere almeno una volta?.. Allergia in una madre che allatta. Ragazze, aiuto! Vai a Farmaci allergici per madri che allattano. -. sono molto efficaci e molto sicuri per il bambino e la madre. Come prendere correttamente il farmaco per una madre che allatta, influenzerà. Prima di trattare le allergie con il farmaco "Suprastin", è necessario identificare. Le allergie in una madre che allatta possono diventare un vero disastro. Perché le allergie compaiono dopo il parto e come trattarle - lo diremo in questo articolo. E nelle madri che allattano, naturalmente, l'immunità cade, lo stress, la stanchezza, la mancanza di sonno. Le malattie allergiche delle madri che allattano sono complicate dal fatto che. 14 08 - I farmaci allergici per le madri che allattano possono essere prescritti solo da un medico. In nessun caso dovresti scegliere le tue pillole. Allergia nel trattamento delle madri che allattano. Allergia in una madre che allatta. I sintomi di allergia cronica causano molti disagi e problemi, soprattutto. Come mangiare per una madre che allatta in modo che il bambino non abbia allergie Più di recente. Se sei allergico ai farmaci, la prima cosa da fare è. Le malattie allergiche nelle madri che allattano sono complicate dal fatto che sono lontane. Anche se sono i principali ingredienti attivi di tali farmaci. Vai alla sezione Farmaci antiallergici per donne in posizione e. - Le gestanti hanno malattie allergiche. farmaci e necessari. 3 giorni fa - Cosa fare per una madre che allatta con allergie dopo il parto con HB :. Loratadine, Clarotadine sono anche i migliori farmaci per l'allergia. Quali antistaminici possono essere utilizzati per le allergie durante l'allattamento? Cause di allergie in una madre che allatta dopo il parto. È compatibile. Consulta il tuo medico prima di prendere qualsiasi farmaco. Così. L'aspirina e l'analgin non sono adatti alle madri che allattano. (allergia alimentare, febbre da fieno, asma bronchiale, congiuntivite allergica, rinite. Naturalmente, i farmaci a breve termine sono più preferibili. Come madre con un'esperienza di alimentazione di successo ea lungo termine, posso. L'allergia in una madre che allatta è volubile e temporanea. Qualsiasi farmaco per le allergie lo è di solito agire sul principale colpevole dei sintomi.29 01 2017 - Trattamento delle allergie durante l'allattamento, uso di pillole per allergie e altri farmaci. Aiuterà a scegliere il regime di trattamento necessario e indicherà le dosi sicure di farmaci per le allergie durante l'allattamento. Le madri che allattano non possono. Aiuterà a scegliere il regime di trattamento necessario. e indicare dosi sicure di farmaci per le allergie durante l'allattamento. Le madri che allattano non dovrebbero. Allergia alimentare nelle madri che allattano: sintomi e diagnosi, cause della malattia durante l'allattamento. Trattamento e prevenzione della malattia. Quindi sono schaz e studio Internet per eventuali farmaci e HS. Non raccomandato. prescrivere Fenistil a una madre che allatta durante il periodo di vernice tazioni. Ho un'allergia stagionale: occhi rossi, forte prurito,. allora è meglio farlo o soppesare i benefici per la madre e il danno per il bambino. L'orticaria nelle mamme che allattano può essere un problema minore, ma in alcune. Uno di questi problemi sono le allergie e una forma come l'orticaria. Sono stati sviluppati farmaci che alleviano i sintomi, ma non sono sempre disponibili. Mal di testa in una mamma che allatta: una guida ai farmaci. Ha bisogno di farmaci che supereranno il dolore e allo stesso tempo non danneggino il bambino.. la comparsa di effetti collaterali nel bambino (allergie, feci molli, ecc.);... Allergia in una madre che allatta: cosa può e come trattare un'allergia in una madre, farmaci. 2017 | da admin. Cosa fare in caso di allergia alle madri che allattano. L'allergia in una madre che allatta è un problema piuttosto complesso, che. 26 08 - L'allergia in una madre che allatta comporta il rischio di danneggiare la salute no. Con grande gioia di tutte le madri che allattano, gli scienziati lo hanno stabilito. Questo è necessario per poter consigliare un medicinale. Non aggira i bambini più indifesi e le loro madri. Medico. Come trattare una madre che allatta - Dottor Komarovsky - Inter. Assunzione di farmaci durante la gravidanza, ecc. Secondo le recensioni delle madri che allattano, apilak per l'allattamento davvero. Vale anche la pena scegliere un'altra opzione per migliorare l'allattamento, se lo hai

Quali farmaci sono accettabili per HB?

Il trattamento di un disturbo così comune ai nostri tempi comporta 3 passaggi importanti:

  • eliminazione degli allergeni;
  • soppressione dei sintomi;
  • l'assunzione di farmaci che ridurranno la produzione di anticorpi.

Ma l'allattamento al seno limita il trattamento standard per le manifestazioni allergiche. Alcuni antistaminici sono rigorosamente controindicati. È consentito utilizzare Loratadine o Flonidan. Sebbene sia indesiderabile durante l'allattamento, nelle istruzioni per il farmaco si nota che nello studio sperimentale le dosi medie del farmaco non hanno avuto un effetto negativo. Dosi elevate hanno effetti tossici.

Fenistil è un farmaco per il trattamento delle allergie che può essere utilizzato anche dai bambini. Non ha controindicazioni per l'uso da parte delle donne durante l'epatite B. Disponibile sotto forma di gocce, compresse e gel. Tratta le reazioni allergiche dovute a eczema, punture di insetti. Allevia prurito, lacrimazione, gonfiore. Per l'orticaria, usa un gel. Il farmaco può causare sonnolenza, quindi la dose viene ridotta durante il giorno e aumentata prima di coricarsi..

La feniramina può essere utilizzata anche dalle donne durante l'allattamento. Ma lo fanno secondo indicazioni rigorose, aderendo al dosaggio prescritto da uno specialista. È indicato per edema di Quincke, prurito cutaneo, dermatiti di varia eziologia, orticaria, congiuntivite allergica, neurodermite.

Zyrtec è un medicinale antistaminico utilizzato per il trattamento delle manifestazioni allergiche nei bambini a partire dai 6 mesi di età. Pertanto, durante l'allattamento, è consentito a una madre di usarlo. Il farmaco può essere acquistato senza prescrizione medica. Tuttavia, prima dell'assunzione è necessaria una consultazione con un medico. Gli effetti collaterali possono includere:

  • mal di testa (emicrania);
  • vertigini;
  • diarrea;
  • sonnolenza;
  • violazione del ciclo mestruale.

Alcuni antistaminici vengono utilizzati una volta al giorno, pertanto si consiglia alle madri di estrarre il latte prima di prendere il medicinale e di saltare l'alimentazione quando la concentrazione del farmaco raggiunge il livello massimo nel latte.

2 Medicinali approvati

Tutti i farmaci antiallergici passano nel latte materno e con esso nel corpo del bambino. I fondi consentiti per le donne che allattano differiscono in quanto i loro componenti causano meno effetti collaterali, quindi la probabilità di danni alla salute del bambino è inferiore.

Convenzionalmente, gli antistaminici durante l'allattamento possono essere suddivisi in tre gruppi:

Vietato durante l'allattamento

GruppoStrutture
  • Clemastine (Tavegil, Rivtagil).
  • Loratadin (Claritin).
  • Cloropiramina (Suprastin)
Richiedere la cessazione dell'allattamento al seno
  • Beclometasone (Aldecin).
  • Desloratadina (Erius).
  • Azelastina (Allergodil).
  • Terfenadina.
  • Ketotifen.
  • Dimetinden (Fenistil)
Approvato per l'uso senza la necessità di interrompere l'alimentazione (solo dopo aver consultato un medico)
  • Cetirizina (Cetrin, Zodak, Zyrtec).
  • Levocetirizina (Zodac Express).
  • Fexofenadina (Telfast, Feksadin)

È consentito, se necessario, utilizzare colliri antiallergici: ketotifene, azelastina, olopatadina, ma il loro trattamento dovrebbe essere a breve termine. Non puoi usarli più a lungo del corso prescritto dal medico..

Gli unguenti ormonali e non ormonali più efficaci per dermatiti e altre malattie della pelle

2.1 Levocetirizina

La levocetirizina è un antistaminico di terza generazione che non causa dipendenza, sonnolenza, ridotta attenzione e concentrazione. È usato per trattare dermatiti, orticaria, rinite allergica, allergie alimentari e farmacologiche. Puoi prendere le compresse a stomaco vuoto o durante un pasto con un po 'di liquido.

La dose giornaliera è di 1 compressa (5 mg). Le istruzioni indicano che è consentito l'uso a lungo termine di Levocetirizina, ma questa affermazione non si applica a una madre che allatta: per lei, il corso del trattamento dovrebbe essere minimo.

Il medicinale può causare secchezza delle fauci, emicrania, affaticamento e nausea. Se compaiono sintomi nel bambino, il trattamento deve essere interrotto immediatamente o l'allattamento al seno deve essere interrotto..

  • Ksizal.
  • Zodak Express.
  • Suprastinex.
  • Ceser.

2.2 Desloratadina

La desloratadina è disponibile sotto forma di compresse e sciroppo, viene utilizzata per eliminare i sintomi di allergia: starnuti, rinite, congestione nasale, prurito, tosse, lacrimazione, mal di gola.

Gli adulti assumono il farmaco nella quantità di una compressa al giorno, indipendentemente dall'assunzione di cibo. Gli effetti collaterali sono rari e sono espressi come mal di testa, secchezza delle fauci, affaticamento.

  • Lordestine.
  • Erius.
  • Dissalare.

2.3 Feksadin

Fexadin è un antistaminico a base di fexofenadina, la forma di rilascio è compresse rivestite. Il principio attivo del farmaco non ha proprietà cardiotossiche, gli effetti collaterali si verificano raramente. Dose terapeutica per adulti - 1 compressa (120 mg) al giorno.

  • Telfast.
  • Allegra.
  • Dinox.
  • Fexofast.

2.4 Zodak

Zodak è prodotto sotto forma di sciroppo per bambini, gocce e compresse, il principio attivo è la cetirizina. È usato per trattare la rinite allergica stagionale, congiuntivite, dermatite, edema laringeo. La dose giornaliera per gli adulti è di 1 compressa o 20 gocce al giorno.

  • Zyrtec.
  • Cetrin.
  • Zincet.
  • Parlazin.
  • Letizen.

2.5 Fenistil

Fenistil è un agente antiallergico a base di dimetindene. Prodotto nella forma:

  • gocce;
  • compresse;
  • gel per uso esterno.

Per eliminare i sintomi di allergia negli adulti, vengono utilizzate le pillole (1 pz. Al giorno, in modo ottimale prima di coricarsi). Il farmaco in forma di compresse è vietato per l'asma bronchiale.

Il dimetindene appartiene alle sostanze di prima generazione, pertanto, viene prescritto esclusivamente secondo le indicazioni, se i benefici dell'uso superano il potenziale rischio per il bambino. Fenistilom sotto forma di gel non è raccomandato per lubrificare la pelle nella zona del capezzolo durante l'allattamento.

Tra gli effetti collaterali si notano spesso stanchezza, sonnolenza e nervosismo; raramente - mal di testa e vertigini. Dal tratto gastrointestinale possono esserci indigestione, secchezza delle fauci e laringe, nausea.

Analogico - Fenistil 24.

Puoi ridurre le manifestazioni allergiche con misure preventive:

  • rimuovere gli animali domestici per un po ';
  • sbarazzarsi di peluche;
  • fare la pulizia a umido in casa più spesso;
  • chiudere le finestre durante i forti venti durante il periodo di fioritura di massa delle piante allergeniche;
  • rifiutare cibi che provocano allergie.

Antistaminici di seconda generazione per l'allattamento al seno

Rispetto alle controparti del primo gruppo, si distinguono per un'azione più lunga e una quota minima di effetti collaterali. Questi includono:

  • Loratadin (nelle farmacie si può trovare anche sotto i nomi Claritin, Alerpriv);
  • Cetirizina (aka Zyrtec, Tsetrin, ecc.);
  • Acrivastina;
  • Azelastine.

Tali fondi devono essere applicati una volta al giorno e per un lungo periodo di tempo. Non influenzano la frequenza cardiaca, non compromettono il flusso sanguigno e non provocano sonnolenza. Tuttavia, nonostante la loro minore tossicità, possono comunque avere effetti collaterali.

La loratadina è uno degli antistaminici più comuni. Il farmaco non influisce sul sistema cardiovascolare, non agisce rapidamente: i primi segni di miglioramento saranno evidenti solo 1-3 ore dopo la somministrazione. L'intero farmaco agirà entro 24 ore.

La medicina non crea dipendenza. Può essere preso per molto tempo (sono stati condotti studi in cui il corso di ammissione era di 28 giorni e l'efficacia non è diminuita durante questo periodo)

La loratadina passa nel latte materno, quindi è prescritta con cautela

La cetirizina ha un forte effetto antiallergico. Inibisce il coinvolgimento delle cellule nel processo infiammatorio, soprattutto per gli eosinofili. Il farmaco è indicato per il trattamento di vari tipi di reazioni allergiche, tra cui asma bronchiale, orticaria cronica, ecc. L'effetto del farmaco si verifica 20 minuti dopo l'inizio della somministrazione e dura almeno 24 ore.

La cetirizina può passare nel latte materno in una concentrazione piuttosto elevata, entro il 25-90% del suo accumulo nel plasma sanguigno

Pertanto, alle donne durante l'allattamento viene prescritto questo farmaco con cautela.

Acrivastina e Azelastina durante la gravidanza e l'allattamento sono controindicate.

Gli antistaminici di 2a generazione durante la gravidanza sono prescritti con cautela e possono essere assunti solo su raccomandazione di un medico, nel rispetto del dosaggio indicato.

Cos'è l'allergia?

Una reazione allergica si verifica quando il sistema immunitario di una donna reagisce in modo troppo violento a determinate sostanze (allergeni). In caso di allergie, si verifica un falso segnale e vengono attivati ​​anticorpi speciali. Questo processo non è la norma e indica un malfunzionamento delle funzioni protettive del corpo..

Ci sono linfociti nel sangue, responsabili dell'immunità. Queste cellule producono anticorpi in modo che distruggano le sostanze estranee che entrano nel corpo. Pertanto, quando compaiono virus, batteri, parassiti, gli anticorpi combattono contro di loro. Questa proprietà dell'immunità gioca un ruolo importante nella lotta contro malattie gravi, come il cancro..

Gli allergeni che possono causare malattie sono suddivisi nei seguenti gruppi:

  • cibo;
  • domestico;
  • epidermico;
  • medicinale;
  • polline;
  • chimica;
  • fungine;
  • batterica.

Le allergie alimentari possono verificarsi a un'ampia varietà di alimenti. Ma di solito è provocato da agrumi, miele, noci, pesce, uova, mele rosse, latticini, cioccolato. Additivi alimentari, aromi, conservanti causano orticaria (piccole eruzioni cutanee).

Anche la polvere domestica è un allergene. Le sostanze epidermiche includono peli di animali, piumino o piume di uccelli e capelli umani. Anche i morsi di insetti (api, vespe) possono provocare allergie. Alcune persone sono allergiche ai farmaci, soprattutto agli antibiotici. Pertanto, prima di fare iniezioni, i medici prescrivono un test.

I prodotti chimici, sia domestici che industriali, possono causare una reazione allergica, che si manifesta con eruzione cutanea, lacrimazione, eczema, mancanza di respiro, mal di gola

Pertanto, le donne che allattano al seno dovrebbero fare attenzione a usare o evitare prodotti chimici domestici. Questi possono essere vari candeggianti o disinfettanti.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Come ottenere un certificato generico nella Federazione Russa nel 2019-2020 e cosa farne dopo il parto?

Analisi

Non tutte le future mamme conoscono i propri diritti, che, prima di tutto, si riducono a ricevere servizi gratuiti durante l'osservazione in clinica prenatale e durante il parto.

Vene varicose durante la gravidanza

Concezione

Un grande momento - la gravidanza - può provocare una malattia molto spiacevole: le vene varicose (insufficienza venosa cronica). Secondo le statistiche, il 20-30% delle donne sviluppa vene varicose dopo la prima gravidanza.

Eleuterococco durante la gravidanza

Analisi

L'eleuterococco è un cespuglio basso e spinoso con foglie larghe simili a dita e grappoli di grandi bacche nere. Cresce sulla costa russa del Pacifico, Corea, Cina e Giappone.

Va bene mangiare kiwi durante l'allattamento?

Neonato

Perché il kiwi è utile per l'allattamento al senoQuesto frutto esotico è ricco di sostanze nutritive. Contiene elementi come potassio, acido folico, nonché un gruppo di vitamine C, K, E.