Principale / Infertilità

Gravidanza 4 mesi dopo il taglio cesareo

Taglio cesareo. Forum per genitori con molti bambini

  • Argomenti senza risposta
  • Argomenti attivi
  • Versione SearchMobile

Taglio cesareo ⇒ Gravidanza 4 mesi dopo il taglio cesareo

Moderatore: mamma katya

Post by Nefes091417 "31 gennaio 2015 22:27

Messaggio a mamma katya "31 gennaio 2015, 22:40

Postato da Nefes091417 "31 gennaio 2015 22:56

Post by Cantil "31 gennaio 2015, 23:00

Post di Zhuravushka »31 gennaio 2015, 23:06

Post by Nefes091417 "31 gennaio 2015 23:09

grazie mamma katya per la risposta. No, siamo artificiali, forse questo ciclo sta saltando, spero. Solo a giudicare dalla prima nascita, anche le mestruazioni sono arrivate dopo 1,5 mesi e immediatamente il ciclo è andato esattamente dopo 28 giorni e dopo non ci sono stati ritardi per tutti i 5 anni fino alla seconda gravidanza, quindi per me questo è strano. e sull'essere incinta in un breve periodo di tempo dopo il taglio cesareo, ho letto molte cose brutte su Internet, così come non scrivono nulla di buono sull'aborto dopo un breve periodo di taglio cesareo. quindi panico come essere

Aggiunto dopo 1 minuto e 29 secondi:
grazie mille ragazze per il vostro supporto

Come riprendersi rapidamente da un taglio cesareo?

Una donna non può sempre dare alla luce un bambino da sola. Le ragioni possono essere molte: un feto troppo grande, placenta previa piena, un alto grado di miopia, altre malattie e caratteristiche in cui è indicato solo l'intervento chirurgico. Ma nessuno rimuove le responsabilità di prendersi cura del bambino dalle spalle delle donne, quindi la domanda su come tornare rapidamente alla normalità e recuperare dopo l'intervento chirurgico preoccupa tutti i pazienti.

I primi giorni dopo un taglio cesareo:

RIFERIMENTO! Il taglio cesareo è un'importante procedura chirurgica durante la quale i tessuti di una donna incinta vengono asportati per estrarre il feto all'esterno. Viene eseguito sia in anestesia generale che spinale.

- quando alzarsi dopo l'intervento?

Il paziente trascorre il primo giorno dopo l'operazione nel reparto di terapia intensiva. Le prime 12 ore non le è permesso di alzarsi, ma è sconsigliato anche sdraiarsi sul letto. Affinché i coaguli di sangue escano e il processo di adesione non inizi all'interno, una donna deve assolutamente muoversi: girarsi da un lato all'altro, muovere le gambe. Cerca di appoggiare i piedi sul letto e di sollevare leggermente i fianchi, dondolarli avanti e indietro, quindi abbassarli. Quindi gira la gabbia toracica prima a sinistra, poi a destra. Fai tutto in modo fluido e ordinato!

Il tuo medico monitorerà costantemente la tua salute: controlla la pressione e il polso, la quantità di secrezioni, la contrattilità dell'utero. Dipende da questi indicatori: quando ti è permesso di alzarti e sederti.

Ti sarà permesso di alzarti solo la prima volta in presenza di un'infermiera. Se ti senti stordito, non preoccuparti, è normale. Siedi per qualche minuto, respirando profondamente. Non sarai in grado di raddrizzarti subito, quindi non sforzarti. Dovrai camminare nei primi giorni, piegandoti un po 'in avanti, in modo da non disturbare ancora una volta la cucitura.

ATTENZIONE! Non appena la donna e il bambino vengono trasferiti al postpartum e lasciati soli, la madre deve già prendersi cura del bambino da sola. Pertanto, non funzionerà. Dovresti camminare di più lungo il corridoio (almeno per brevi distanze) - in questo modo l'utero si contrarrà più velocemente.

- quanto non puoi spingere dopo il taglio cesareo?

Una donna su due deve affrontare un fastidio come la stitichezza dopo il parto. Spesso si verificano emorroidi (soprattutto nelle ultime fasi, quando il feto preme sul retto con tutta la sua massa). Impossibile spingere in questi casi! Innanzitutto, è possibile provocare la comparsa di crepe nella mucosa, sanguinamento e persino prolasso del retto. E in secondo luogo, a causa della forte tensione dei muscoli del peritoneo e dell'utero, una sutura fresca può iniziare a sanguinare.

IMPORTANTE! I punti dopo il taglio cesareo sono generalmente ben cuciti e non possono disperdersi così facilmente, ma gli sforzi avranno un effetto negativo sulla guarigione.

Quanto segue aiuta a evitare la stitichezza:

  • Rispetto di una dieta speciale con molte verdure fresche e cereali, prodotti a base di latte fermentato, pane di crusca, molto liquido.
  • Assunzione di farmaci: Duphalac, Normase, Portalak (se la madre sta allattando); Guttalax, Bisacodyl, Regulax (se il bambino viene nutrito artificialmente). È consentito l'uso di candele - Calciolax, Ferrolax, Glycelax, candele con olio di olivello spinoso.
  • Ricette popolari: un decotto a base di fichi, tisane e decotti di frutta (ortica, radici di valeriana, finocchio, anice, cumino).

- Quanto tempo ci vuole per rimuovere il catetere?

Un catetere per la deviazione delle urine è un must: c'è un alto rischio di danneggiare la vescica durante l'intervento chirurgico. Pertanto, monitorando il volume e il colore dell'urina e in particolare se il sangue è entrato nelle urine, è possibile ridurre questo rischio.

Dopo la procedura, il catetere rimane nella vescica per un giorno o due e, in generale, non provoca sensazioni spiacevoli. E la rimozione è rapida e indolore: con un respiro profondo.

Regole di recupero dopo il taglio cesareo:

Una donna dovrebbe essere preparata al fatto che il recupero dopo un taglio cesareo durerà più a lungo che dopo un parto naturale..

- normalizzazione del ciclo mestruale dopo taglio cesareo

Il processo inverso di ristrutturazione interna inizia dal giorno stesso in cui il bambino nasce, ma se durante il parto naturale dura circa sei mesi, il completo recupero del corpo dopo il taglio cesareo avverrà entro 3 anni. Le mestruazioni arriveranno molto prima: il ciclo normale viene ripristinato in 3-4 mesi.

Non confondere lo spotting postpartum - lochia - con le mestruazioni. Non sono così abbondanti, ma imbrattanti, giorno dopo giorno cambiano colore da marrone a trasparente, poi scompaiono del tutto. L'aspetto della lochia è un processo naturale, che indica la guarigione del rivestimento uterino.

RIFERIMENTO! L'allattamento al seno accelera il recupero del corpo e dell'utero. È stato scoperto che il latte umano contiene 20 ormoni, uno dei quali è la prolattina. Ha un effetto deprimente sulla produzione di progesterone, responsabile della maturazione dell'uovo e della sua fissazione nell'utero. Più spesso una donna mette il bambino al seno, più prolattina viene prodotta, rispettivamente, più lungo è solitamente il periodo di assenza delle mestruazioni. A volte non vengono per 8-10 mesi.

- normalizzazione dell'allattamento al seno dopo l'intervento chirurgico

Le donne che hanno subito un taglio cesareo hanno inizialmente una serie di difficoltà con l'allattamento al seno. L'attaccamento precoce (immediatamente dopo il parto) non può essere eseguito, poiché la madre è abbastanza spesso in terapia intensiva al giorno. Non portano lì le briciole, ad es. non c'è alimentazione per 24 ore. Pertanto, il latte non arriva immediatamente, ma dopo 4-5 giorni. Al bambino viene data una miscela speciale da una bottiglia in questi giorni. Poiché il meccanismo di suzione del capezzolo e del seno è leggermente diverso, il bambino deve adattarsi alle mutate condizioni. Anche la condizione fisica della madre e i cambiamenti ormonali nel corpo che sono iniziati, influenzano. Inoltre, i contagocce spesso causano gonfiore e anche nel petto: si gonfia, diventa duro e reagisce dolorosamente al tatto..

Pertanto, ricorda alcune regole importanti:

  • Assicurati di massaggiare il seno e di estrarre il latte se arriva. È sufficiente farlo ogni 3-4 ore per 15 minuti per ciascuna ghiandola. Fai tutto in modo ordinato e con attenzione, senza spremere o strappi.
  • Metti il ​​tuo bambino al seno in modo che non solo lui, ma anche tu ti senta a tuo agio. Puoi farlo stando sdraiato su un fianco o posizionando il bambino sullo stomaco e premendo forte.
  • Non dovresti sentire dolore mentre succhi! Se la bocca del bambino è spalancata, il mento viene premuto contro il petto e il labbro inferiore è rivolto verso l'esterno: stai facendo tutto bene.
  • Devi nutrire il bambino su richiesta, ma se dorme più di 4 ore durante la notte, dovresti svegliarlo e nutrirlo.

- restauro della carrozzeria

Ricorda: il periodo di recupero dura per ogni donna in modo diverso. Dipende da diversi fattori:

  • Caratteristiche individuali dell'organismo. Com'è stata l'operazione, se ci sono state complicazioni (suppurazione di suture o resti di placenta nell'utero) - tutto ciò non aggiunge emozioni positive e ritarda il processo di guarigione. Vale anche la pena menzionare la soglia del dolore. Questo indicatore è diverso per ogni persona: qualcuno dimentica il dolore dopo un paio di giorni o non vi presta attenzione, e qualcuno non è in grado di dormire completamente e prendersi cura di se stesso, per non parlare del bambino.
  • Stato psicologico. Dipende non solo dalla natura della donna e dal suo stato morale, ma anche dal clima in famiglia, dai rapporti con il coniuge e altri parenti stretti, dall'atteggiamento nei confronti del neonato.

Più attiva è la madre, più velocemente si riprenderà dall'operazione. Tuttavia, è importante non danneggiare e fare solo ciò che il medico permetterà! La moderazione è la condizione principale. Una grande pancia influisce sulla postura e sull'andatura. I muscoli addominali perdono il tono, l'andatura diventa a forma di anatra. Tutto questo può essere affrontato, ma non immediatamente, ma gradualmente. L'atletica leggera è consentita 10 settimane dopo l'intervento. Sono consentiti lo yoga e il nuoto. Cammina il più possibile, indossa un corsetto e tacchi bassi. Un buon effetto rilassante è dato da un massaggio alla schiena e al collo.

- fare sport dopo il taglio cesareo

Già un paio d'ore dopo l'operazione, puoi fare un automassaggio: accarezza l'addome con movimenti circolari da sinistra a destra e dall'alto verso il basso. Prendi una pallina da tennis: scrivi cerchi con essa, partendo dall'ombelico, in senso orario.

6-8 mesi dopo il taglio cesareo, puoi fare esercizi per rafforzare i muscoli delle cosce, dell'addome e della vita, partendo dal più leggero. Sono ammessi pilates, acquagym, ballo, corsa.

ATTENZIONE! È vietato utilizzare manubri e altri pesi dopo l'intervento chirurgico per un anno! Rimandare per un po 'ciclismo, pallavolo e sollevamento pesi. Se durante l'esercizio senti capogiri, divergenza della cucitura, secrezione da essa o dalla vagina, dolore all'addome, interrompi immediatamente la pratica e scegli un altro metodo in futuro.

- igiene dopo il taglio cesareo

Nella maternità, le infermiere si occuperanno del trattamento delle cuciture. Quando verranno rimossi (dopo 5-8 giorni - dovrai farlo da solo. Il dolore nel sito di incisione per i primi 3-4 giorni è normale. È importante indossare una benda dopo il parto e andare in bagno in tempo. A volte possono essere necessari antidolorifici, anche questo non lo è. deviazione.

Cosa fare a casa:

  1. Lavarsi le mani prima di ogni trattamento.
  2. La cucitura viene lavata durante la doccia con un gel speciale e asciugata con un tovagliolo di carta usa e getta. È meglio non usare la spugna: i microbi possono accumularsi nelle sue pieghe.
  3. Dopo il bagno, l'area danneggiata viene trattata con clorexidina, acido salicilico diluito o un altro disinfettante.
  4. Indossare biancheria intima di cotone di dimensioni adeguate. Non dovrebbe tirare la pelle, premere e strofinare.
  5. 2-3 settimane dopo la sutura cesareo, puoi iniziare a spalmare con un gel rigenerante: aiuterà la pelle a tornare alla normalità più velocemente.

IMPORTANTE! Primo bagno - non prima di una settimana dopo l'operazione!

Cosa non fare la prima volta dopo un taglio cesareo?

  • Trasportare pesi
  • Il massimo che puoi sollevare è un bambino. Niente borse e scatole pesanti, soprattutto dal pavimento.
  • Filtrare la pressa e fare movimenti bruschi (inclinazioni, svolte).
  • Strofina la cucitura con un panno.
  • Mangia cibi grassi, dolci e fritti. Sono vietati legumi, cavoli, cibi in scatola e pane bianco.
  • Fare sesso.
    Il divieto è imposto per 1,5-2 mesi, ma in presenza di complicazioni (infiammazione interna, endometriosi, suppurazione della sutura, ecc.) - Fino al permesso del ginecologo.

RIFERIMENTO! Pianifica il tuo prossimo concepimento non prima di 3 anni dopo il taglio cesareo. Lascia che la cucitura guarisca completamente e il corpo si riprenda.

Conclusione

Preparati per alcune difficoltà dopo un taglio cesareo, ma non tremare di paura, ma affrontale completamente armati. Seguendo tutti i consigli, puoi riprenderti abbastanza rapidamente ed evitare spiacevoli complicazioni. Ci vuole impegno, ma i risultati ne valgono la pena..

gravidanza 4 mesi dopo il taglio cesareo

Domande e risposte su: gravidanza 4 mesi dopo il taglio cesareo

Buon pomeriggio, cari dottori! Per favore, non aggirare la mia domanda. Ho 28 anni, aborto 1, parto 1 - bambino 1 anno 7 m, taglio cesareo a causa della scoliosi. Litas mensile da 15, regolare. Vivo a Kiev.

Dall'età di 18 anni ho osservato l'erosione cervicale. Prima della gravidanza, nel 2011 ho fatto un test HPV per me stesso - è confermato il tipo 16. Vado dal ginecologo:
risultato della colposcopia - Zona di trasformazione incompiuta; (secondo il medico, ho un'erosione curativa che deve essere osservata)
risultato citologico - Tipo 2 - infezione e infiammazione. Raccomandazione: dopo il parto per una consultazione.
Questo è seguito da gravidanza, parto. Il bambino ha 2 mesi, giugno 2012. - Vado da un ginecologo, già da un altro, faccio la microscopia delle secrezioni urogenitali - il medico dice che ho una displasia lieve, quindi in un anno, dopo l'allattamento, sono venuto per la moxibustione. (E questo è tutto senza citologia)
Sono in preda al panico, corro in oncologia, dove prendono di nuovo la citologia - il risultato: displasia cilindrica moderata. epitelio sullo sfondo dell'HPV, c'è ancora la frase "proliferazione di cellule fibrose". Il medico dice che smetti urgentemente di mangiare, tratteremo il virus e la displasia.
Sto cercando un altro ginecologo dai miei conoscenti, vengo da lei, mi guarda sotto un colposcopio, dice che c'è l'erosione, ma non vede niente di terribile. Mi ha prescritto delle candele immunostimolanti, le ho posate, poi di nuovo a lei. Mi ha preso una macchia, non lo so per certo, citologia o no, ma il documento dice "Ricerca citomorfologica". Risultato: tipo 2, infiammazione, infezione. Il dottore mi lascia andare a casa, mi permette di continuare a nutrirmi, torna tra 3 mesi. In generale, sono venuto da lei 3 volte, tutte queste volte mi ha fatto una colposcopia, ha preso una macchia. anche l'ultimo striscio di maggio 2013 è di tipo 2. Il dottore ha detto di venire in autunno, quando avrò finito di allattare, cauterizzeremo l'erosione.
In ottobre vengo da lei, mi dice attraverso il colposcopio che è tutto in ordine, la scarica è chiara, c'è una leggera erosione. Dice che hanno un nuovo laboratorio ed è apparsa una nuova analisi Pap test per oncocitologia, passiamola. Lo passo e il risultato è una displasia grave dell'epitelio squamoso 3B. Il dottore scrollò le spalle e disse: "Ero visivamente soddisfatto di te, non capisco niente. "Mi indirizza ad assottigliare la cervice, ma mi consiglia di ripetere la citologia. Sono in preda al panico andando a riprendere l'analisi a Sinevo. Lì supero il Pap test basato sulla citologia liquida, qualcosa del genere, e passo l'analisi per l'HPV quantitativo. Risultato: HPV 16 - 5,55 Lg HPV / 10 * 5 cellule e il test del padre non ha mostrato affatto displasia. Conclusione: ASC-US - cellule epiteliali squamose con atipia poco chiara. I cambiamenti infiammatori, compresi quelli riparativi, sono pronunciati. Raccomandazioni - Ripetere lo studio 6 mesi dopo il trattamento dell'infezione.
Certo, ho preso un appuntamento con un bravo onco-ginecologo, ma il giorno dell'appuntamento si è scoperto che è andata in congedo per malattia per 2 settimane. Vado in un altro laboratorio per fare un secondo Papp Test, di nuovo per me stesso, perché semplicemente non posso aspettare 2 settimane: il risultato è un'infiammazione di tipo 2 e la proliferazione dell'epitelio ghiandolare. Elementi trovati di infiammazione cronica - istiociti e macrofagi.
Questo è tutto. Come può essere questo? Chiarisco che il laboratorio che ha diagnosticato displasia grave nella nostra città è nuovo, non ho trovato una sola risposta. I secondi due sono molto famosi.
Capisco ancora l'errore tra displasia lieve e grave, ma in modo che non venga mostrato affatto. Eppure, attenzione, in oncologia nel 2012 mi è stata diagnosticata "displasia dell'epitelio CILINDRICO sullo sfondo dell'HPV" e nella penultima analisi displasia grave dell'epitelio piatto.
Vorrei sottolineare che non ho lamentele, niente mi disturba, non ho problemi. Certo, aspetterò che l'oncoginecologo lasci l'ospedale e vada da lei.
Il medico che stavo vedendo prescriveva un trattamento per me e mio marito per HPV Proteflazid, Meratin, Groprinosin, Betodin, Genferon. Quindi devo ripetere il test HPV quantitativo e la citologia. La domanda è: il trattamento è adeguato? Mio marito ha bisogno di essere testato per l'HPV prima e dopo il trattamento??

METEORA

Sono rimasta incinta 4 mesi dopo la mia COP

Voce pubblicata da METEORA il 15 marzo 2010

26.834 visualizzazioni

Ragazze! Io sono incinta! 4,5 mesi fa ho avuto un taglio cesareo e ho dato alla luce mia figlia. Aspettavo da mesi dal 1 marzo, oggi ho deciso di fare un test e ci sono 2 strisce luminose. Non me lo aspettavo nemmeno! Dopotutto, tutto era pulito! Cosa dovrei fare? Non voglio davvero abortire, questo è un rischio ancora maggiore della gravidanza dopo un CS

  • 1

42 commenti

Commenti consigliati

Partecipa alle nostre discussioni!

Devi essere un utente per pubblicare un commento.

Crea un account

Registrati per ottenere un account. È semplice!

Entrare

Già registrato? Accedi qui.

Il migliore sul sito

Nozioni di base sul ciclo: ovulazione, impianto, corpo luteo

Quando posso fare un test di gravidanza?

Supposte di ittiolo in ginecologia

Argomenti popolari

Autore: Enma13Ai
Creato 8 ore fa

Autore: Vredinka87
Creato 4 ore fa

Autore: iriroman
Creato 13 ore fa

Autore: Katarina_SH
Creato 16 ore fa

Autore: iriroman
Creato 12 ore fa

Autore: Nadyushka88
Creato 10 ore fa

Autore: jilia61286
Creato 9 ore fa

Autore: Doppinggirl
Creato 14 ore fa

Recensioni di cliniche

Informazioni sul sito

Link veloci

  • Informazioni sul sito
  • I nostri autori
  • Aiuto del sito
  • Pubblicità

Sezioni popolari

  • Forum di pianificazione della gravidanza
  • Grafici della temperatura basale
  • Biblioteca sulla salute riproduttiva
  • Recensioni di cliniche sui medici
  • Comunicazione nei club per PDR

I materiali pubblicati sul nostro sito sono a scopo informativo e sono destinati a scopi educativi. Si prega di non usarli come consiglio medico. La determinazione della diagnosi e la scelta di un metodo di trattamento rimane una prerogativa esclusiva del medico curante!

Consigli di aiuto, gravidanza 4 mesi dopo il taglio cesareo

Commenti degli utenti

Sai, non lo rischierei, i tuoi due bambini hanno bisogno di una mamma per essere vivi e sani, beh, non sai mai cosa può succedere per rischiare, le persone fanno e fanno aborti e proprio così. Non lo rischierei. Ora le scarpe da ginnastica voleranno verso di me, ma questa è la mia opinione

E ti auguro una gravidanza e un parto facili!!

leggi il sito Web di Zyablikova e capirai che con un tale spessore della cucitura sopporti tutto perfettamente. Gravidanza felice e facile per te!

Sono stato alla sua reception di recente, ho ascoltato un'intera conferenza sulle cuciture))

dice che la sutura si forma nei primi 3-4 mesi e poi non cambia nulla. la cosa principale è il suo spessore, puoi facilmente rimanere incinta con uno spessore di 3 mm

è positivo che abbiano detto circa un anno, e non circa tre, come prima

Partorire. Anch'io a fine maggio avrò 4 mesi dopo Knsarev, anzi, lo voglio già fare. E Dio ti ha mandato un bambino. Tutto andrà bene. È solo che alcuni medici non vogliono assumersi la responsabilità. Quindi sono dissuasi. E la cucitura al peso è buona, anzi ottima. Guardalo più spesso e andrai a trovarlo più spesso! Quando sono arrivato all'LCD dopo un taglio cesareo, ed è stato 2 mesi dopo, la prima cosa che mi hanno chiesto è stata: c'è una gravidanza adesso? Sono scioccato - dico al dottore, no, ovviamente, è troppo presto! E ha alzato un sopracciglio in modo così scherzoso e ha detto: non è raro che le ragazze siano rimaste incinte così presto e tutto andava bene! Andrò al ricevimento il 27 maggio e prego direttamente che mi abbiano già dato il via libera per la pianificazione! La mia situazione è un po 'diversa dalla tua, ecco perché vado di fretta con Lala! E ti auguro una gravidanza facile, così che tutto vada bene per te.

Proverei a salvare B se c'è la possibilità di informare. Ma, probabilmente, non dovrai uscire dagli ospedali e con un bambino in braccio è problematico se non c'è aiuto dai parenti.

E in che modo ti sei protetto?

Non è ancora noto. se l'aborto andrà bene. Dopotutto, possono agganciare uno shovchik dall'interno. quindi prenditi cura di te di più, riposa di più, indossa una benda e tutto sarà ?, buona fortuna a te. e facile gravidanza

Non rischierei la mia vita, hai due figli che hanno bisogno di una mamma.

La mia vicina è rimasta incinta 6 mesi dopo 1 cesareo e tutto è finito con un fallimento.

Vedi i tuoi dottori! Parecchi! Probabilmente impazzirei anche io se fossi in te, concepimento e portamento non sono molto facili per me, ci sarà anche un COP e sono già preoccupato di come proteggermi in modo da poter concepire in seguito, e non rimanere incinta prima del tempo. Consulta diversi medici, vieni a un denominatore comune, se tutto va bene - andrà bene, se più di 3 medici dicono - non puoi - non avvelenare la tua anima... I tuoi figli hanno bisogno di una madre!

Ascolta i dottori. Qui i consulenti non sono responsabili della tua vita..

Cosa aspettarsi dopo un taglio cesareo tra una settimana, un mese e dopo

Quando, per ragioni mediche, il parto naturale è impossibile, i medici devono ricorrere alla chirurgia addominale per estrarre il feto attraverso la cavità addominale della donna. Questo tipo di intervento chirurgico è ampiamente noto come taglio cesareo. L'operazione deve il suo nome al capo dell'Impero Romano, Cesare, che governò nel VII secolo. AC, che emanò una legge per estrarre il frutto dal ventre di una donna morente. Oggi è una delle operazioni più utilizzate in ginecologia. Le donne che lo hanno subito possono trovare utile conoscere le possibili conseguenze di un taglio cesareo..

Prima settimana dopo il taglio cesareo

ESERCIZIO FISICO Nella maggior parte dei casi, è solo la prima settimana dopo un taglio cesareo in ospedale. Sotto la supervisione 24 ore su 24 del personale medico dell'unità di terapia intensiva, la donna trascorre dalle dodici alle ventiquattro ore, dopodiché viene trasferita al reparto postpartum.

Subito dopo l'operazione, la donna sarà limitata nei movimenti, soprattutto il primo giorno, ma presto tutto tornerà alla normalità. Per evitare la comparsa di aderenze, la medicina moderna consiglia di praticare un'attività fisica leggera il prima possibile: prima rotolarsi nel letto e dopo cinque ore provare a sedersi e camminare un po 'per il reparto.

TEMPERATURA La temperatura normale una settimana dopo il taglio cesareo può essere di 37 - 37,5 gradi. Tassi più alti indicano l'inizio del processo infiammatorio e richiedono un intervento medico..

COSTRUZIONE La stitichezza dopo un taglio cesareo è un problema comune. Ci vorranno diversi giorni prima che la donna possa tornare normalmente in bagno. Per aiutare le cose ad andare più velocemente, prova a muoverti e mangia cibi che promuovono il movimento intestinale..

DIETA Dal secondo giorno è consentito l'uso di brodo vegetale, di pollo o di manzo, carne magro e latticini. Il terzo giorno, puoi già mangiare polpette, porridge in acqua, purea di carne e verdure, mele al forno, kefir. Successivamente, vengono aggiunti tutti gli altri prodotti che non sono in conflitto con le regole dell'allattamento.

SCARICA L'assegnazione nella prima settimana dopo il taglio cesareo è abbondante, saturo di colore rosso vivo o scarlatto. Aspettatevi forti emorragie nei primi giorni. La dimissione una settimana dopo il taglio cesareo dovrebbe diventare marrone giallastro, da 10 giorni più leggera, più scarsa.

Mese dopo il taglio cesareo

(Nella foto c'è una cicatrice dopo un mese)

Il primo mese dopo il taglio cesareo richiede cautela e maggiore attenzione per la donna in travaglio. Dopo le operazioni moderne, una donna si riprende abbastanza rapidamente..

ESERCIZIO FISICO Una delle limitazioni importanti dopo un taglio cesareo dopo un mese e oltre è l'incapacità di sollevare pesi superiori al peso del bambino. Questo, ovviamente, causa notevoli disagi per le pulizie e la cura del bambino, ma riduce al minimo il rischio di ernia, divergenza delle cuciture e altre spiacevoli conseguenze..

ISOLAMENTO DOPO SEZIONE CESARIANA Oltre che dopo il parto fisiologico, l'utero dopo il parto chirurgico deve ripristinare il suo strato interno e liberarsi del sangue e dei tessuti in eccesso che erano necessari al bambino, quindi la donna avrà gli stessi succhiatori, solo con alcune differenze.

La dimissione dopo il taglio cesareo è leggermente diversa dalla dimissione dopo il parto fisiologico. Durano dalle 7 alle 9 settimane, contengono più muco.

CUCITURA La cucitura richiede una seria attenzione. Anche in assenza di complicazioni, la cucitura fa male una settimana dopo il taglio cesareo. Poiché una madre che allatta è limitata nell'uso di antidolorifici, la condizione può essere alleviata liberandosi da un ulteriore disagio. Ad esempio, non fare movimenti improvvisi, non permettere la stitichezza.

La sutura un mese dopo il taglio cesareo è ancora vulnerabile e le sensazioni dolorose possono persistere. Non sollevare oggetti pesanti in nessuna circostanza..

COSTRUZIONE Anche un mese dopo la sutura cesareo rimane vulnerabile, ma non puoi spingere. È utile utilizzare prodotti a base di latte fermentato, vale la pena escludere farina, porridge di riso, legumi. Tutti questi sono meglio combinati con un ragionevole esercizio..

DIETA Un corretto recupero dopo il taglio cesareo implica una dieta speciale, che, da un lato, è ricca di calorie e fornisce alla madre che allatta tutte le vitamine e gli oligoelementi necessari e, dall'altro, esclude la comparsa di costipazione..

DOLORE Un mese dopo un parto cesareo, potresti ancora provare dolore e disagio occasionali mentre i muscoli continuano a riparare. Se il tuo stomaco spesso fa male dopo un taglio cesareo un mese dopo, potresti aver violato il regime postoperatorio, ad esempio sollevando pesi. In ogni caso, è necessario consultare un medico.

Cosa aspettarsi 2 mesi dopo il taglio cesareo

(Nella foto c'è una cicatrice dopo 2 mesi)

Il mese dopo il taglio cesareo è finito e la vita della giovane madre sta gradualmente migliorando. Il taglio cesareo complica un po ', ma non rende impossibile l'allattamento al seno. Inoltre, l'effetto anestetico dell'alimentazione si aggiunge ai ben noti benefici dell'allattamento al seno, perché il dolore dopo il taglio cesareo dopo un mese a volte si fa ancora sentire.

ESTRAZIONI 2 mesi dopo il taglio cesareo, si conclude il ripristino della mucosa uterina. Ciò è dimostrato dallo scarico. Proprio come un mese dopo il taglio cesareo, sono ancora sanguinanti e viscidi, ma entro l'ottava settimana il loro volume diminuisce.

In media, 2 mesi dopo la dimissione cesareo dovrebbe interrompersi. Ma questo è un indicatore medio, quindi è abbastanza accettabile che la lochia finisca un po 'prima o un paio di settimane dopo..

Solo lo scarico acquoso e giallo-verde, che ha un odore sgradevole, dovrebbe avvisarti. Molto probabilmente indicano infiammazione o disturbi circolatori. In questo caso, è necessario consultare un ginecologo.

SESSO Dopo la fine della lochia, l'attività sessuale diventa possibile. Ma il sesso dopo il taglio cesareo richiede un'attenzione particolare alla contraccezione per non ottenere una gravidanza non pianificata. È possibile partorire di nuovo senza rischi per la salute dopo un taglio cesareo dopo 2-3 anni.

Possibili conseguenze di un taglio cesareo

Dopo l'operazione, le madri possono allattare il bambino, avere una vita sessuale completa, il ciclo mestruale viene ripristinato così come dopo il parto fisiologico. Ma se è indicato un intervento chirurgico, ci vorrà più tempo per riprendersi da un cesareo che dopo un parto spontaneo..

PER MAMMA:

Una donna può avere sanguinamento dopo un taglio cesareo, può verificarsi un'infezione, un indebolimento della motilità intestinale, una divergenza delle suture.

PER UN BAMBINO:

Il cesareo salva la vita della madre e del bambino, ma, come ogni intervento chirurgico, è stressante per il corpo di entrambi.

Un mese dopo il taglio cesareo, e forse più a lungo, il bambino "cesareo" può essere caratterizzato da inattività, eccessiva dipendenza dalla madre. Non ci sono prove scientifiche che in seguito i "Cesariti" siano in qualche modo inferiori ai bambini nati naturalmente..

Parto naturale dopo cesareo (VIDEO)

Consigli per le donne dopo il taglio cesareo

In generale, un taglio cesareo è uno dei risultati notevoli della medicina moderna, che consente di salvare la vita sia della madre che del bambino. L'intervento chirurgico non viene prescritto senza serie indicazioni ed è spesso la soluzione più sicura al problema.

In molti casi, tali operazioni vengono eseguite senza difficoltà e le conseguenze negative possono essere evitate aderendo rigorosamente al regime e alle raccomandazioni mediche.

  • Il primo mese dopo il taglio cesareo è molto importante per prevenire le conseguenze negative dell'operazione. Prima di tutto, ciò riguarda le misure per evitare la malattia adesiva. Le aderenze non sono per niente innocue, possono provocare ostruzione intestinale, stitichezza, infertilità.

La prevenzione delle aderenze è l'inizio precoce dell'attività fisica entro poche ore dall'intervento. Dopo la dimissione, è necessario eseguire regolarmente esercizi fisici speciali che aiuteranno il corpo a superare le conseguenze dell'intervento e contribuiranno a un recupero più rapido della forma abituale della donna.

  • Il fatto che il bambino sia nato con l'aiuto di un'operazione non esclude la possibilità della successiva nascita indipendente, ma è necessaria una pausa tra le nascite. La possibilità del parto naturale viene discussa caso per caso..
  • Una certa insoddisfazione, principalmente di natura cosmetica, può essere causata dalla sutura dopo la guarigione. In genere è piccolo e pulito, ma se non ti piace la cicatrice, puoi renderlo più invisibile con un laser o un contouring. L'ultima cicatrice si forma entro la fine del primo anno.

Taglio cesareo: recupero dopo l'intervento chirurgico

Dopo il taglio cesareo: conseguenze, allattamento al seno e recupero

Lyudmila Petrova, ostetrica-ginecologa, candidata in scienze mediche, lavora presso l'Istituto di ricerca di ostetricia e ginecologia Ott, San Pietroburgo

Il recupero postpartum non è un processo facile, anche per le donne che hanno partorito attraverso un canale del parto naturale. Cosa possiamo dire del taglio cesareo, quando quelli postoperatori si uniscono a tutti i problemi postpartum! Ti diremo cosa può prendere una giovane madre per riprendersi più velocemente dopo questo intervento..

Possibili conseguenze dell'operazione

Il taglio cesareo è l'operazione di consegna del feto rimuovendo la parete addominale e l'utero attraverso un'incisione. L'utero postpartum ritorna al suo stato originale entro 6-8 settimane. La traumatizzazione dell'utero durante l'intervento chirurgico, l'edema, la presenza di emorragie nell'area della sutura, una grande quantità di materiale di sutura rallenta l'involuzione dell'utero e predispone al verificarsi di complicanze purulento-settiche postoperatorie nella regione pelvica con coinvolgimento dell'utero e delle appendici nel processo. Queste complicazioni dopo un taglio cesareo si verificano 8-10 volte più spesso che dopo un parto vaginale. Complicazioni come endometrite (infiammazione dello strato interno dell'utero), annessite (infiammazione delle appendici), parametrite (infiammazione del tessuto periuterino) influenzano ulteriormente la funzione riproduttiva della donna, perché può portare a irregolarità mestruali, sindrome del dolore pelvico, aborto spontaneo, infertilità.

Lo stato di salute iniziale della donna, la scelta di un metodo e di una tecnica razionali per eseguire l'operazione, la qualità del materiale di sutura e della terapia antibiotica, nonché la gestione razionale del periodo postoperatorio, la prevenzione e il trattamento delle complicanze associate al parto operatorio, determinano i risultati favorevoli dell'operazione..

Un'incisione trasversale nel segmento inferiore dell'utero viene eseguita parallelamente alle fibre muscolari circolari, in un punto in cui non ci sono quasi vasi sanguigni. Pertanto, danneggia meno le strutture anatomiche dell'utero, il che significa che interrompe i processi di guarigione nell'area operativa in misura minore e l'uso di moderni fili sintetici riassorbibili contribuisce alla ritenzione a lungo termine dei bordi della ferita sull'utero, che porta a un processo di guarigione ottimale e alla formazione di una ricca cicatrice sull'utero, che molto importante per le gravidanze successive e il parto.

Prevenzione delle complicanze dopo il taglio cesareo

Attualmente, al fine di prevenire la morbilità materna dopo taglio cesareo, vengono utilizzati antibiotici moderni altamente efficaci con un ampio spettro di azione, poiché il ruolo delle associazioni microbiche, virus, micoplasmi, clamidia, ecc. È importante nello sviluppo dell'infezione. Durante un taglio cesareo, gli antibiotici profilattici vengono somministrati dopo che il cordone ombelicale è stato tagliato a ridurre il loro impatto negativo sul bambino. Nel periodo postoperatorio si prediligono brevi cicli di terapia antibiotica per ridurre l'apporto di farmaci al neonato attraverso il latte materno; con un decorso favorevole del taglio cesareo dopo l'intervento chirurgico, gli antibiotici non vengono affatto somministrati.

Il primo giorno dopo il taglio cesareo, la donna dopo il parto si trova nel reparto di terapia intensiva sotto la stretta supervisione del personale medico, mentre vengono monitorate le attività di tutto il suo corpo. Sono stati sviluppati algoritmi per la gestione post-taglio cesareo: adeguato rifornimento della perdita di sangue, anestesia, mantenimento dei sistemi cardiovascolare, respiratorio e di altri corpi. È molto importante nelle prime ore dopo l'operazione monitorare lo scarico dal tratto genitale, perché c'è un alto rischio di sanguinamento uterino a causa di una violazione della contrattilità dell'utero causata da una lesione operativa e dall'azione dei farmaci Nelle prime 2 ore dopo l'operazione, viene eseguita una flebo endovenosa costante di farmaci che riducono l'utero: ossitocina, metilergometrina, un impacco di ghiaccio viene posto sul basso addome.

Dopo l'anestesia generale, possono verificarsi dolore e mal di gola, nausea e vomito.

Il sollievo dal dolore dopo l'intervento chirurgico è di grande importanza. Dopo 2-3 ore vengono prescritti analgesici non narcotici, 2-3 giorni dopo l'operazione, il sollievo dal dolore viene effettuato secondo le indicazioni.

Il trauma operativo, l'ingresso nella cavità addominale durante l'operazione del contenuto dell'utero (liquido amniotico, sangue) causa una diminuzione della motilità intestinale, si sviluppa la paresi: gonfiore, ritenzione di gas, che può portare a infezioni del peritoneo, suture sull'utero, aderenze. Un aumento della viscosità del sangue durante e dopo l'intervento chirurgico contribuisce alla formazione di coaguli di sangue e al loro possibile blocco di vari vasi.

Al fine di prevenire la paresi intestinale, le complicanze tromboemboliche, migliorare la circolazione sanguigna periferica, eliminare la congestione nei polmoni dopo la ventilazione artificiale, è importante l'attivazione precoce della donna dopo il parto a letto..

Dopo l'operazione, si consiglia di girarsi nel letto da una parte all'altra, entro la fine del primo giorno si consiglia di alzarsi presto: prima bisogna sedersi sul letto, abbassare le gambe, quindi iniziare ad alzarsi e camminare un po '. Devi alzarti solo con l'aiuto o sotto la supervisione di uno staff medico: dopo aver mentito per un tempo abbastanza lungo, sono possibili vertigini, cadute.

Entro i primi giorni dall'operazione, è necessario iniziare la stimolazione farmacologica dello stomaco e dell'intestino. Per questo, viene utilizzata proserina, cerucal o uretide, inoltre viene fatto un clistere. Con un decorso semplice del periodo postoperatorio, la peristalsi intestinale viene attivata il secondo giorno dopo l'operazione, i gas se ne vanno da soli e il terzo giorno, di regola, c'è una sedia indipendente.

Il 1 ° giorno, la puerpera viene data da bere acqua minerale senza gas, tè senza zucchero con limone in piccole porzioni. Il 2 ° giorno viene prescritta una dieta ipocalorica: cereali liquidi, brodo di carne, uova alla coque. Da 3-4 giorni dopo le feci indipendenti, il puerpera viene trasferito a una dieta generale. Si sconsiglia di assumere cibi troppo caldi o troppo freddi; i cibi solidi dovrebbero essere introdotti gradualmente nella dieta.

Il 5-6 ° giorno vengono eseguiti esami ecografici dell'utero per chiarire la sua contrazione tempestiva.

Nel periodo postoperatorio, la medicazione viene cambiata quotidianamente, l'esame e il trattamento delle suture postoperatorie con uno degli antisettici (alcol etilico al 70%, tintura di iodio al 2%, soluzione di permanganato di potassio al 5%). I punti dalla parete addominale anteriore vengono rimossi il 5-7 ° giorno, dopodiché il problema della dimissione a casa viene risolto. Succede che la ferita sulla parete addominale anteriore venga suturata con una sutura "cosmetica" intradermica con materiale di sutura riassorbibile; in questi casi non sono presenti cuciture esterne removibili. La dimissione viene solitamente eseguita il 7-8 ° giorno.

Stabilire l'allattamento al seno dopo il taglio cesareo

L'allattamento al seno è spesso difficile dopo un taglio cesareo. Sono causati da una serie di ragioni, tra cui dolore e debolezza dopo l'intervento chirurgico, sonnolenza del bambino sullo sfondo dell'uso di antidolorifici o adattamento alterato del neonato durante il parto chirurgico, l'uso di miscele per dare alla madre "riposo". Questi fattori rendono difficile stabilire l'allattamento al seno. In connessione con la necessità di una dieta ipocalorica per 4 giorni, la formazione dell'allattamento si verifica sullo sfondo di una carenza nella dieta di una donna che allatta di macro e microelementi, che influisce non solo sulla quantità, ma anche sulla qualità del latte. Quindi, la secrezione giornaliera di latte dopo il taglio cesareo è quasi 2 volte inferiore rispetto al parto spontaneo; il latte contiene un basso contenuto di ingredienti principali.

È importante assicurarsi che il bambino sia attaccato al seno per le prime 2 ore dopo l'intervento. Attualmente, la maggior parte degli istituti ostetrici opera in base al principio del soggiorno congiunto di madre e figlio.

Pertanto, se tutto è andato senza complicazioni, puoi esprimere il desiderio di lasciare il bambino accanto a te e iniziare l'allattamento al seno sotto la supervisione del personale, non appena l'anestesia scompare e hai la forza di prendere il tuo bambino tra le braccia (circa 6 ore dopo l'operazione). Le donne che allattano al seno la cui alimentazione è rimandata per vari motivi (la nascita di bambini che richiedono un trattamento speciale, il verificarsi di complicazioni nella madre) dovrebbero ricorrere all'estrazione del latte durante le ore di alimentazione per stimolare l'allattamento.

Una delle condizioni principali per un allattamento al seno di successo dopo un taglio cesareo è trovare una posizione in cui la donna si senta a proprio agio nel nutrire il suo bambino. Il primo giorno dopo l'operazione, è più facile nutrirsi stando su un fianco. Alcune donne trovano questa posizione scomoda. questo allunga le cuciture, così puoi allattare stando seduto e tenendo il bambino sotto il braccio ("pallone da calcio da sotto il braccio" e "sdraiato sul letto"). In queste posizioni, i cuscini sono posizionati sulle ginocchia, il bambino si sdraia su di essi nella posizione corretta, mentre il carico viene rimosso dalla zona di cucitura. Quando si riprende in seguito, la madre può nutrire il bambino stando sdraiata, seduta e in piedi..

Per stimolare l'allattamento vengono utilizzati metodi fisioterapici di stimolazione della lattazione (UFO delle ghiandole mammarie, UHF, massaggio vibratorio, esposizione ad ultrasuoni, stimolazione sonora "bioacustica"), fitoterapia: un decotto di cumino, aneto, origano, anice, ecc. Per migliorare la composizione qualitativa del latte materno, è necessario introdurre nella dieta di una madre che allatta, additivi alimentari (proteine ​​specializzate e prodotti vitaminici): "Femilak-2", "Via Lattea", "Mama Plus", "Enfimama". Tutte queste attività hanno un effetto benefico sugli indicatori dello sviluppo fisico dei bambini durante la loro permanenza in maternità e la madre viene dimessa con l'allattamento consolidato..

Recupero fisico dopo taglio cesareo

L'irrigazione calda del corpo in alcune parti della doccia è possibile già da 2 giorni dopo l'operazione, ma puoi fare una doccia completamente dopo la dimissione dall'ospedale di maternità. Quando si lava la cucitura, è meglio usare sapone senza profumo per non ferire la crosta. Puoi immergerti nella vasca da bagno non prima di 6-8 settimane dopo l'operazione, perché a questo punto, la superficie interna dell'utero guarisce completamente e l'utero ritorna al suo stato normale. Andare allo stabilimento balneare è possibile solo 2 mesi dopo la visita del medico.

Affinché la cicatrice postoperatoria si dissolva più velocemente, può essere lubrificata con un unguento al prednisolone o un gel contractubex. Nell'area della cicatrice, si può avvertire intorpidimento fino a 3 mesi, fino a quando i nervi sezionati durante l'operazione non vengono ripristinati.

Il ripristino della forma fisica dopo un taglio cesareo non ha poca importanza. Dal primo giorno, si consiglia di indossare una benda dopo il parto. Il bendaggio allevia la lombalgia, aiuta a mantenere una corretta postura, accelera il ripristino dell'elasticità dei muscoli e della pelle, previene la rottura delle suture, aiuta a guarire le ferite postoperatorie. Tuttavia, non è desiderabile indossarlo per molto tempo. i muscoli devono lavorare, contrarsi. Di norma, la benda viene indossata per diverse settimane dopo il parto, concentrandosi sulle condizioni dei muscoli addominali e sul benessere generale. Gli esercizi terapeutici dovrebbero essere iniziati 6 ore dopo l'operazione, aumentando gradualmente la sua intensità. Dopo aver rimosso i punti e aver consultato un medico, puoi iniziare a fare esercizi per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico e dei muscoli della parete addominale anteriore (esercizio di Kegel - compressione e rilassamento del pavimento pelvico con un aumento graduale della durata fino a 20 secondi, retrazione dell'addome, sollevamento del bacino e altri esercizi), che provoca afflusso di sangue agli organi pelvici e accelera il recupero. Quando si eseguono esercizi, non solo viene ripristinata la forma fisica, ma vengono rilasciate anche endorfine - sostanze biologicamente attive che migliorano lo stato psicologico di una donna, riducono la tensione, una sensazione di depressione, bassa autostima.

Il sollevamento di pesi superiori a 3-4 kg non è consigliato per 1,5-2 mesi dopo l'operazione. Puoi iniziare attività più attive 6 settimane dopo il parto, dato il tuo livello di forma fisica pre-gravidanza. Il carico viene aumentato gradualmente, evitando esercizi di forza sulla parte superiore del corpo, perché questo può ridurre l'allattamento. I tipi attivi di aerobica e corsa non sono raccomandati. In futuro, se possibile, è consigliabile impegnarsi in un programma individuale con un allenatore. Dopo allenamenti ad alta intensità, i livelli di acido lattico possono aumentare e, di conseguenza, il sapore del latte si deteriora: diventa acido e il bambino si rifiuta di allattare. Pertanto, praticare qualsiasi tipo di sport per una donna che allatta è possibile solo dopo la fine dell'allattamento al seno e non l'allattamento al seno - dopo il ripristino del ciclo mestruale.

I rapporti sessuali possono essere ripresi 6-8 settimane dopo l'intervento chirurgico visitando un ginecologo e consultando un metodo di contraccezione.

Nascita successiva

Il ripristino graduale del tessuto muscolare nell'area della cicatrice uterina avviene entro 1-2 anni dall'intervento. Circa il 30% delle donne dopo il taglio cesareo prevede di avere più figli in futuro. Si ritiene che il periodo di 2-3 anni dopo il taglio cesareo sia più favorevole per l'inizio della gravidanza e del parto. La tesi "dopo un taglio cesareo, il parto attraverso un canale del parto naturale è impossibile" sta diventando irrilevante. Per una serie di motivi, molte donne tentano un parto vaginale dopo un taglio cesareo. In alcune istituzioni, la percentuale di nascite naturali con una cicatrice sull'utero dopo il taglio cesareo è del 40-60%.

Per questioni mediche, assicurati di consultare un medico in anticipo

Taglio cesareo: cosa aspettarsi dopo l'intervento?

Non importa quanto sia ben sviluppata e comune ai nostri tempi l'operazione di un taglio cesareo, è importante ricordare che questa è ancora un'operazione. E per evitare complicazioni dopo di esso, una giovane madre deve prendere in considerazione molti punti importanti..

Lyudmila Spitsyna
Ostetrico-ginecologo, Mosca

Nella moderna ostetricia, il taglio cesareo è l'operazione di parto più frequentemente eseguita. Viene eseguito in anestesia generale o regionale (anestesia spinale o epidurale - con questi tipi di anestesia, un anestetico viene iniettato nel canale spinale a livello lombare). Con tale anestesia, solo la parte inferiore del corpo viene anestetizzata. Durante l'operazione, la futura mamma è cosciente, può sentire e vedere suo figlio subito dopo la sua nascita. Dopo che il bambino è stato rimosso, alla donna vengono spesso somministrati farmaci per dormire per il resto dell'operazione. In questo caso, la chirurgia è più facile da tollerare. Il risveglio avviene sul tavolo operatorio. Allo stesso tempo, di regola, una donna si sente bene, non avverte un senso di debolezza e svenimento. E quando si utilizza l'anestesia generale, una donna si sveglia entro 30-60 minuti dall'operazione.

Non fa affatto male
Prima dell'operazione, a una donna viene somministrato un catetere nella vescica e un catetere (tubo sottile) in una vena del braccio. Il catetere dalla vescica viene solitamente rimosso alla fine del primo giorno, questa procedura è completamente indolore. Un catetere in una vena del gomito viene mantenuto finché è necessaria la somministrazione del farmaco per via endovenosa.

Primo giorno dopo il taglio cesareo - unità di terapia intensiva

Dopo l'operazione, la donna viene trasferita nel reparto di terapia intensiva, dove si trova sotto la supervisione del personale medico. Il reparto dispone di apparecchiature che consentono di monitorare costantemente le condizioni della giovane madre e, soprattutto, un ostetrico-ginecologo e un anestesista-rianimatore monitorano il suo benessere.

Dopo la fine dell'operazione, un impacco di ghiaccio viene applicato al basso addome per 1,5-2 ore al fine di prevenire il sanguinamento e la formazione di ematomi postoperatori (emorragie), migliorare la contrazione uterina e alleviare l'edema tissutale postoperatorio.

In 2-3 ore dopo l'operazione, la donna dovrebbe iniziare a muovere le braccia e le gambe e girarsi nel letto. È consentito sedersi e camminare per il reparto entro 5-6 ore dall'operazione.

Dopo un taglio cesareo, a una donna viene iniettato un numero di farmaci:

  • vengono somministrati liquidi per via endovenosa per reintegrare la perdita di sangue e ripristinare l'equilibrio idrico ed elettrolitico. Dopo l'intervento chirurgico, di solito rimane un catetere endovenoso (un tubo inserito in una vena ulnare). Attraverso questo catetere, con l'aiuto di un contagocce, viene fornito il fluido. Se il taglio cesareo è stato eseguito senza complicazioni, il contagocce rimane per 2-3 ore;
  • vengono prescritti analgesici narcotici, poiché il dolore nell'area della cucitura è piuttosto grave. Questi farmaci vengono somministrati 1-2 volte al giorno per i primi 2-3 giorni, quindi vengono gradualmente cancellati. Forniscono il grado richiesto di sollievo dal dolore;
  • agenti che riducono l'utero (ossitocina) vengono iniettati per via endovenosa in un contagocce o per via intramuscolare 2 volte al giorno;
  • la prevenzione delle complicanze postoperatorie infettive dopo il taglio cesareo viene eseguita con l'aiuto di farmaci antibatterici. La prima dose di antibiotico viene somministrata per via endovenosa immediatamente dopo la legatura del cordone ombelicale e di nuovo 6-12 ore dopo durante il primo giorno dopo l'operazione. Se una donna appartiene a un gruppo ad alto rischio per lo sviluppo di complicanze infettive e infiammatorie dopo il taglio cesareo (ad esempio, se sono state rilevate infezioni del tratto urinario durante la gravidanza, sono trascorse più di 12 ore dall'uscita dell'acqua prima dell'operazione, ecc.), L'introduzione di farmaci antibatterici continuare per 5-7 giorni. Se l'operazione è stata pianificata, si è svolta senza complicazioni, è possibile una singola somministrazione di antibiotici durante l'operazione. In ogni caso, l'uso di antibiotici durante e dopo l'intervento chirurgico di solito non influisce sull'allattamento al seno. Se è necessario utilizzare farmaci antibatterici incompatibili con l'allattamento al seno, il medico ne parlerà sicuramente alla giovane madre e spiegherà come comportarsi per preservare la possibilità di nutrire il bambino con il latte materno alla fine del trattamento.

Il primo giorno dopo il taglio cesareo, viene eseguita una terapia mirata al ripristino della funzione intestinale. Per questo, alle soluzioni iniettate vengono necessariamente aggiunti stimolanti dell'attività contrattile intestinale (preparati di potassio, ecc.). Alla fine del primo - l'inizio del secondo giorno dopo l'operazione, viene prescritto un clistere purificante per attivare l'intestino.

Il giorno dopo il taglio cesareo è consentito solo bere, non si può mangiare. Questa limitazione è necessaria per ridurre al minimo il carico sul tratto gastrointestinale. Puoi bere acqua con succo di limone o acqua minerale senza gas.

Nel primo periodo postoperatorio, viene eseguita la prevenzione dei coaguli di sangue nei vasi degli arti inferiori: vengono somministrati farmaci per prevenire la formazione di coaguli di sangue, si raccomanda il bendaggio delle gambe prima dell'intervento chirurgico o l'uso di speciali calze a compressione - questa misura migliora il deflusso venoso dalle gambe, aiutando il flusso sanguigno attraverso le vene. Indossare bende o calze elastiche, preferibilmente almeno sette giorni dopo il parto.

Se l'operazione è andata bene, la madre e il bambino non hanno complicazioni, quindi per la prima volta il bambino può essere portato per l'alimentazione già nell'unità di terapia intensiva, tuttavia, nella maggior parte degli ospedali per la maternità questo non è accettato e più spesso il bambino viene portato dalla madre già nel reparto postpartum.

Dopo il taglio cesareo: reparto postpartum

Alla fine del primo - il secondo giorno dopo il taglio cesareo, la donna viene trasferita in un normale reparto postpartum. Le è permesso sedersi e camminare per la stanza. Anche il 2 ° giorno continua la somministrazione delle soluzioni per infusione. In caso di utilizzo di farmaci che possono avere un effetto negativo sul neonato, si consiglia di iniziare l'allattamento al seno più tardi, dopo la fine della loro azione.

Entro 6-7 giorni, il medico curante esamina la sutura postoperatoria e l'infermiera una volta al giorno la fascia e la elabora con soluzioni antisettiche. I punti vengono rimossi, di regola, il 5-7 ° giorno dopo l'operazione.

Per valutare le condizioni di una giovane madre, vengono prescritti vari esami del sangue. Il 5-6 ° giorno dopo l'operazione, viene eseguito un esame ecografico degli organi pelvici, che consente di giudicare le dimensioni dell'utero, lo stato delle suture postoperatorie, la presenza di ematomi, coaguli di sangue, le dimensioni e il contenuto della cavità uterina.

Dopo il parto, l'utero è una ferita estesa. Il processo di guarigione è accompagnato dalla presenza di secrezioni dal tratto genitale - lochia. Dopo il taglio cesareo, così come dopo il parto naturale, la lochia esce prima sanguinante, poi sanguinante (rosa-brunastro) e si distingueranno entro 6-8 settimane dal parto. Si raccomanda a una donna di eseguire un bagno degli organi genitali esterni dopo ogni minzione, defecazione, cambiare l'assorbente ogni 2-4 ore.

Caratteristiche della nutrizione dopo il taglio cesareo

Il carico sul tratto gastrointestinale nel periodo postoperatorio dovrebbe essere aumentato gradualmente. Il secondo giorno, puoi mangiare carne bollita, cereali, brodo magro, bere tè dolce. A partire dal terzo giorno, la madre può già permettersi cibo più nutriente, tenendo conto dell'allattamento al seno.

Supporto addominale dopo taglio cesareo

Immediatamente dopo il trasferimento al reparto postpartum, puoi iniziare a indossare una benda postoperatoria. Viene indossato sopra una medicazione asettica. La benda postoperatoria fissa le suture, i muscoli addominali, riduce il dolore nell'area della sutura, la probabilità di ernie. È necessario indossare una benda entro 2 mesi dall'operazione.

Allattamento al seno dopo un taglio cesareo

L'allattamento al seno è consentito, a seconda delle tradizioni dell'istituto, delle condizioni della madre e del bambino, 1-3 giorni dopo l'operazione. Lo sviluppo della lattazione dopo un taglio cesareo è quasi lo stesso delle donne che hanno partorito naturalmente. Se l'operazione è stata pianificata (eseguita prima dello sviluppo del travaglio spontaneo), il latte potrebbe non arrivare il 3-4 °, ma il 4-5 ° giorno, ma il colostro inizia a essere rilasciato immediatamente dopo l'operazione.

È più conveniente nutrire il bambino sdraiato su un fianco nei primi giorni dopo il taglio cesareo. Questa posizione avrà il minimo effetto sulla sutura postoperatoria. In futuro, è possibile nutrire il bambino in posizione seduta o in piedi.

Nel corso normale del periodo postoperatorio, la madre viene dimessa dall'ospedale di maternità il 6-7 ° giorno.

Dopo il ritorno a casa

10-12 giorni dopo la dimissione dall'ospedale, si consiglia di visitare un ostetrico-ginecologo presso la clinica prenatale per assicurarsi che il recupero dopo l'intervento stia andando bene.

Recupero permanente dopo il taglio cesareo

La guarigione finale della ferita postoperatoria sull'utero e la formazione di una cicatrice avviene entro 8 settimane dal parto. Durante questi periodi, si consiglia di visitare nuovamente l'ostetrico-ginecologo. In questo caso, è imperativo eseguire un esame ecografico di controllo degli organi pelvici al fine di verificare le condizioni della cavità uterina e della cicatrice postoperatoria.

Le mestruazioni dopo un taglio cesareo vengono ripristinate come dopo un parto naturale. Se una donna allatta al seno il suo bambino, le mestruazioni torneranno 6-12 mesi dopo il parto, nei casi in cui il bambino è allattato artificialmente, di solito 8 settimane dopo il parto.

Quando riprendi i rapporti sessuali, è necessario utilizzare contraccettivi, che il medico ti aiuterà a scegliere. Un aborto eseguito entro 1-2 anni dall'intervento chirurgico peggiora significativamente la prognosi delle gravidanze successive. Si ritiene che la cicatrice (ripristino completo dello strato muscolare) sull'utero raggiunga il suo stato ottimale 2-3 anni dopo l'operazione. È dopo questo periodo di tempo che si consiglia di pianificare una gravidanza successiva..

Consigli utili

  1. Dopo il taglio cesareo, il riposo sessuale è consigliato per 2 mesi dopo l'intervento.
  2. Entro 2 mesi dall'operazione, non è consigliabile sollevare pesi superiori a 3-4 kg (peso del bambino).
  3. Assicurati di seguire le regole dell'igiene personale: si consiglia di fare la doccia almeno 2 volte al giorno, mentre l'area della cucitura non deve essere strofinata con un panno. Dopo la doccia, si consiglia di trattare l'area della cicatrice postoperatoria una volta al giorno con soluzioni antisettiche (verde brillante, soluzione di etanolo al 70%). Dopo la lavorazione, una medicazione antisettica usa e getta viene applicata all'area della cucitura per evitare che la cucitura si sfreghi contro gli indumenti. Dopo la completa scomparsa delle croste (in media, 10-14 giorni dopo l'intervento) nell'area della sutura postoperatoria, il bendaggio potrebbe non essere applicato ulteriormente.
  4. Nel menu di una donna che ha subito un taglio cesareo e sta allattando, dovrebbe esserci una quantità sufficiente di proteine, poiché sono i principali mattoni per la sintesi di fattori di immunità ed emoglobina. Le proteine ​​si trovano anche in grandi quantità nel latte materno. Molte proteine ​​si trovano nella carne, nel pesce, nella ricotta, nel latte, nel formaggio. Allo stesso tempo, carne e pesce dovrebbero essere magri, bolliti o al vapore. Il formaggio dovrebbe essere scelto dolce.
  5. Per 2 mesi dopo l'operazione, i muscoli addominali non devono essere pompati, poiché esiste la possibilità di divergenza della sutura. Ma dopo 1 mese puoi iniziare esercizi fisici leggeri volti a ripristinare il tono generale del corpo. Per cominciare, puoi esercitarti per 15-20 minuti con un successivo aumento del tempo delle lezioni fino a 40 minuti al giorno..

Esercizi di respirazione

Già 2 ore dopo l'operazione, è possibile eseguire esercizi di respirazione, volti principalmente a prevenire processi stagnanti e complicazioni infiammatorie ai polmoni, che possono verificarsi a causa del fatto che una donna è stata in posizione supina per un periodo relativamente lungo. Questi esercizi sono particolarmente rilevanti in anestesia generale, quando un tubo viene inserito nelle vie aeree, irrita le vie aeree, si forma una maggiore quantità di muco, che è un terreno fertile per microbi patogeni. La ginnastica respiratoria viene eseguita da un'infermiera. Consiste in una combinazione delle fasi della respirazione (inspirazione ed espirazione) con una certa frequenza. A tale scopo, puoi anche utilizzare il gonfiaggio del palloncino.

E 'Importante Conoscere La Pianificazione

Porridge per l'allattamento al seno

Analisi

Durante il periodo dell'allattamento al seno, molte neomamme si chiedono quali alimenti possono essere consumati nella loro dieta quotidiana e quali è meglio escludere.

Come trasferire un bambino in un'altra miscela

Analisi

I benefici dell'allattamento al seno per il bambino e la madre non sono il minimo dubbio. Tuttavia, molte donne si trovano di fronte alla necessità di organizzare un'alimentazione artificiale per i propri figli.

Test di gravidanza Clearblue: come si usa e recensioni degli utenti

Concezione

Oggi ci sono due modi per diagnosticare precocemente la gravidanza: esami del sangue e test di gravidanza, questi ultimi sono facili da usare a casa..

Va bene mangiare pesce e frutti di mare durante la gravidanza?

Analisi

Posso mangiare pesce e frutti di mare durante la gravidanza? Le risposte sono spesso diametralmente opposte. Alcuni ritengono che i piatti di pesce debbano necessariamente essere presenti nella dieta della futura mamma, mentre altri li classificano come "dubbiosi".